Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Il discorso censurato di America’s Frontline Doctors

Pubblicato

il

 

 

 

 Il clamoroso successo della conferenza di un mese fa della America’s Frontline Doctors, che ha esposto la «gigantesca campagna di disinformazione» contro le capacità salvavita dell’idrossiclorochina nella cura del coronavirus cinese, è stato completamento cancellato da internet dai giganti tech.

 

Un rappresentante di Facebook ha addotto una scusa vaga sul fatto che l’evento sia stato rimosso perché sospettato di «condividere false informazioni sulle cure e trattamenti contro il COVID-19». Come al solito, Facebook ha rifiutato di fornire ulteriori spiegazioni. In realtà, le compagnie tecnologiche stesse possono essere colpevoli di un «crimine contro l’umanità» e una criminosa diffusione di false informazioni che possono aver causato numerose morti perché ai pazienti infetti e loro medici sono state negate informazioni fondamentali e salvavita che sono state discusse durante l’evento. 

 

Comprenderete la gravità delle azioni dei giganti tech più avanti quando leggerete alcuni estratti dell’organizzatore della conferenza, la relazione di Simone Gold sull’idrossiclorochina. ,scrive Lifesitenews.

 

««Questo materiale è incredibile e probabilmente sarete irritati dopo aver guardato e compreso in che modo il pubblico è stato deliberatamente fuorviato sugli argomenti trattati durante la conferenza in modo che i giganti farmaceutici potessero guadagnare miliardi dai loro farmaci e vaccini alternativi, costosi e molto meno efficaci»

«Questo materiale è incredibile e probabilmente sarete irritati dopo aver guardato e compreso in che modo il pubblico è stato deliberatamente fuorviato sugli argomenti trattati durante la conferenza in modo che i giganti farmaceutici potessero guadagnare miliardi dai loro farmaci e vaccini alternativi, costosi e molto meno efficaci. Tutto questo non sarebbe stato necessario se l’idrossiclorochina non fosse stata mistificata e negata ai dottori e ai pazienti dall’inizio della pandemia» scrive la testata pro-life canadese.

 

Il sito dell’America’s Frontline Doctors (AFD) è stato ripristinato dopo essere stato chiuso dalla compagnia di hosting, che si è conformata alla censura mediatica. Una parte cruciale del sito e la pagina dei Riferimenti con due documenti eccezionali. Si trovano prove ben documentate che il protocollo sull’idrossiclorochina, praticato al momento giusto e nel dosaggio adeguato, è di gran aiuto per i pazienti malati di COVID per guarire rapidamente da quella che troppi erroneamente pensano, grazie all’isteria generale causata dai media, sia una condanna a morte. 

 

Il sito mostra anche il video della seconda e più breve conferenza stampa tenutasi davanti alla Corte Suprema il 28 luglio. La conferenza stampa originale, intera, tenutasi alla fine del primo giorno, quella visualizzata da 17 milioni di persone in diretta Facebook, è ancora migliore e si può vedere qui, grazie alla rete OANN. 

 

Anche la popstar Madonna è stata censurata da Instagram per aver postato un video di Frontline Doctors. Nel suo post, Madonna ha lodato la Dr. Stella Immanuel, medico di Houston che ha dichiarato di aver curato con successo 350 pazienti affetti da coronavirus con idrossiclorochina. Il discorso della dottoressa Immanuel è stato il grande successo della conferenza stampa, perché ha chiesto conto a tutti quelli che hanno vietato l’uso dell’idrossiclorochina per aver danneggiato le vite dei pazienti.

 

 

In Francia, l’idrossiclorochina è stata venduta come farmaco da banco per molti anni, ma il 15 gennaio 2020 l’allora primo ministro Buzyn l’ha riclassificata come «sostanza velenosa di categoria 2

Estratti del rapporto sull’idrossiclorochina della Dr.ssa Simone Gold 

In Francia, l’idrossiclorochina è stata venduta come farmaco da banco per molti anni, ma il 15 gennaio 2020 l’allora primo ministro Buzyn l’ha riclassificata come «sostanza velenosa di categoria 2». Tre giorni dopo aver ricevuto l’appoggio di Trump, il nuovo Ministro della Salute Veran ha affermato che l’idrossiclorochina doveva essere somministrata solo ai pazienti ricoverati in ospedale in condizioni gravi e non poteva essere usata come profilassi. Due mesi dopo, ha finito per usarla lui stesso. In questo periodo, lo stimato virologo Professor Raoult ha continuato i suoi studi clinici e nei suoi ospedali il tasso di mortalità era dello 0,52%, comparato al resto della Francia, dove si attestava al 19,12%. Data la cattiva gestione che ha comportato così tante morti non necessarie, l’ex primo ministro francese e due ministri della salute sono ora incriminati e indagati

 

L’ex Primo Ministro francese e il Ministro della Salute devono essere indagati per la risposta alla pandemia. Un tribunale francese indagherà l’ex Primo Ministro Edouard Philippe e due Ministri della Sanità dopo le denunce sulla gestione governativa della pandemia di coronavirus, ha dichiarato il Procuratore Generale François Molins. Philippe, l’ex Ministro della Sanità Agnès Buzyn e il Ministro della Sanità uscente Olivier Véran, dovranno rispondere delle accuse di non aver contrastato efficacemente l’emergenza.

 

Nei Paesi Bassi, Dr. R. Elens ha fatto causa per non aver potuto prescrivere l’idrossiclorochina, pratica contraria alla sua lunga esperienza di medico. È stato multato e potrebbe dover pagare fino a 150.000 €

Nei Paesi Bassi, Dr. R. Elens ha fatto causa per non aver potuto prescrivere l’idrossiclorochina, pratica contraria alla sua lunga esperienza di medico. È stato multato e potrebbe dover pagare fino a 150.000 €. Nella sua petizione vuole chiarire lo status dell’idrossiclorochina ed è pronto a rivolgersi al tribunale de L’Aia, se necessario, per crimine contro l’umanità. 

 

***

 

Il capo di The Lancet … ha detto … Le compagnie farmaceutiche sono così finanziariamente potenti oggi e sono capaci di usare metodologie tali da farci accettare ricerche che … In realtà portano alle conclusioni che vogliono loro … Sono vent’anni che faccio ricerche. Non avrei mai pensato che il direttore di The Lancet potesse dire questo punto e nemmeno il direttore del NEJM. Ha anche detto che era «criminale».

 

Nel caso dello studio del JAMA, gli scienziati hanno somministrato il farmaco 2,5 volte oltre il dosaggio letale. Non sorprende che molti pazienti siano morti e lo studio sia stato interrotto. Hanno anche scelto accuratamente i pazienti che non avevano idea dello standard etico a supervisione dello studio. Il JAMA era a conoscenza di questi problemi e ha comunque pubblicato lo studio. Molti scienziati ne hanno chiesto la ritrattazione e anche ora, con indagini civili e penali sui decessi, lo studio non è stato ritrattato. Tutti i titoli che riguardano la ricerca incolpano il farmaco, non il fatto che anziani, malati, pazienti ricoverati e deboli abbiano ricevuto un dosaggio tossico del farmaco.

 

***

L’attentato all’efficacia dell’idrossiclorochina deve essere ribaltato immediatamente. I dottori devono poter prescrivere l’idrossiclorochina come cura e profilassi. È assolutamente inaccettabile che i medici non siano in grado di comunicare responsabilmente e con compassione con i loro pazienti. Bisogna assolutamente rimediare. Punto.

L’attentato all’efficacia dell’idrossiclorochina deve essere ribaltato immediatamente. I dottori devono poter prescrivere l’idrossiclorochina come cura e profilassi. È assolutamente inaccettabile che i medici non siano in grado di comunicare responsabilmente e con compassione con i loro pazienti. Bisogna assolutamente rimediare. Punto.

 

***

 

Ci esprimiamo a sostegno dell’immediata sospensione della massiccia e irresponsabile campagna di disinformazione che sta letteralmente vietando ai medici di prescrivere l’idrossiclorochina, e sosteniamo anche che debba essere disponibile come farmaco da banco in tutti gli Stati Uniti. Logisticamente bisogna fare in modo da assicurare un’appropriata fornitura e distribuzione. 

 

***

 

L’idrossiclorochina è stata approvata dalla FDA oltre 65 anni fa ed è stata usata miliardi di volte in tutto il mondo senza restrizioni. Per decenni è stata somministrata a: donne incinte, donne che allattano, bambini, anziani, pazienti immunodepressi e individui sani. 

 

Negli Stati Uniti viene usata spesso in tre situazioni: lupus eritematoso sistemico, artrite reumatoide e come profilassi contro la malaria per i viaggiatori. 

L’idrossiclorochina è stata approvata dalla FDA oltre 65 anni fa ed è stata usata miliardi di volte in tutto il mondo senza restrizioni. Per decenni è stata somministrata a: donne incinte, donne che allattano, bambini, anziani, pazienti immunodepressi e individui sani. 

 

***

 

I medici che prescrivono idrossiclorochina sono soprattutto reumatologi. I pazienti che hanno bisogno di idrossiclorochina spesso sono in cura da anni o decenni. 

 

***

 

Il noto cardiologo di Los Angeles, Dr. Daniel Wohlgelernter, afferma:

 

«Negli ultimi trent’anni ho visitato pazienti solo per verificare la tossicità dell’idrossiclorochina. In tutto questo tempo, nessun paziente ha sospeso il farmaco per tossicità cardiaca. L’ampia metanalisi pubblicata nel 2018 ha rivelato solo 50 decessi cardiaci attribuiti all’idrossiclorochina in più di 60 anni».

 

«Negli ultimi trent’anni ho visitato pazienti solo per verificare la tossicità dell’idrossiclorochina. In tutto questo tempo, nessun paziente ha sospeso il farmaco per tossicità cardiaca. L’ampia metanalisi pubblicata nel 2018 ha rivelato solo 50 decessi cardiaci attribuiti all’idrossiclorochina in più di 60 anni».

***

In un’intervista con Laura Ingraham, il Dr. Richard Urso, oftalmologo, ha affermato: «Ho visitato pazienti solo per verificare la tossicità del farmaco negli ultimi 30 anni. È un farmaco assolutamente sicuro. Più sicuro della Tachipirina, dell’aspirina, del Brufen».

 

***

È evidente che l’idrossiclorochina è sicura per il fatto che è stata approvata dalla FDA oltre 65 anni fa, è stata usata miliardi di volte in tutto il mondo ed è un farmaco comune in molti paesi, almeno prima del 2020. È il farmaco più usato in India, la seconda nazione più popolosa del pianeta con 1,3 miliardi persone. Se un americano viaggia in un luogo in cui la malaria è endemica, secondo il CDC, deve assumere l’idrossiclorochina prima dell’inizio del viaggio. Non si è mai sospettato che l’idrossiclorochina non fosse sicura prima del 2020. 

 

«Ho visitato pazienti solo per verificare la tossicità del farmaco negli ultimi 30 anni. È un farmaco assolutamente sicuro. Più sicuro della Tachipirina, dell’aspirina, del Brufen».

***

Nel più grande studio mai effettuato fino ad oggi sull’argomento, l’idrossiclorochina ha dimostrato di non aumentare i rischi cardiaci. Lo studio è stato condotto su un campione eterogeneo e internazionale. Ha studiato tutti i dati di vent’anni, 9 gennaio 2000 – 2020, sui pazienti a cui è stata prescritta l’idrossiclorochina. 

 

***

 

Il database della FDA mostra un totale di 640 decessi attribuibili all’idrossiclorochina in 50 anni. Per contestualizzare «Ogni anno la FDA riceve oltre un milione di segnalazioni di eventi avversi associati all’uso dei farmaci», «Questo riguarda l’uso totale dell’idrossiclorochina in oltre 50 anni di dati raccolti, probabilmente milioni di usi e per periodi più lunghi rispetto ai 5 giorni raccomandati per la cura del COVID-19».

 

***

 

Il CDC ha un foglio informativo sull’idrossiclorochina che include le seguenti domande e risposte:

D: Chi può assumere l’idrossiclorochina?

L’idrossiclorochina è il farmaco più sicuro tra quelli prescritti negli Stati Uniti ed è per questo che è considerato un farmaco da banco in tutto il mondo. E in un momento in cui il mondo è in preda al panico a causa di un virus che non ha una cura specifica, la questione sull’efficacia diventa irrilevante. Se un farmaco è sicuro e potrebbe funzionare, e non ci sono altre opzioni, dobbiamo tentare

R: L’idrossiclorochina può essere prescritta agli adulti e ai bambini di tutte le età. Può essere assunta dalle donne in gravidanza e in allattamento.

D: Chi non può assumere l’idrossiclorochina?

R: Le persone con psoriasi non dovrebbero usare l’idrossiclorochina.

D: Come si assume l’idrossiclorochina?

R: Sia gli adulti sia i bambini dovrebbero assumere una dose di idrossiclorochina alla settimana iniziando almeno una settimana prima del viaggio … Dovrebbero assumere una dose alla settimana nel luogo di destinazione e per quattro settimane consecutive dopo il ritorno. Il dosaggio settimanale per gli adulti è 400 mg. 

D: Quali sono i potenziali effetti collaterali dell’idrossiclorochina?

R: Normalmente l’idrossiclorochina è un farmaco ben tollerato. Gli effetti collaterali più comuni sono dolore allo stomaco, nausea, vomito e cefalea. Gli effetti collaterali possono essere alleviati assumendo l’idrossiclorochina a stomaco pieno. L’idrossiclorochina può anche causare prurito in alcune persone. 

D: Per quanto tempo si può usare l’idrossiclorochina?

R: Il CDC non ha messo limiti all’uso dell’idrossiclorochina nella prevenzione della malaria. In caso di uso ad alti dosaggi per molti anni, si è registrata una rara condizione visiva chiamata retinopatia. Chi utilizza idrossiclorochina da più di cinque anni deve effettuare regolari controlli alla vista.

 

***

Corruzione delle riviste scientifiche: «The Lancet ha fatto una delle maggiori ritrattazioni della storia. Come è successo?» Il solo numero e la portata di quello che era sbagliato o mancante sono troppo eclatanti da attribuire alla mera incompetenza

 

Efficacia

Ci sono solo due fattori da considerare su un farmaco: è sicuro? Funziona? L’idrossiclorochina è il farmaco più sicuro tra quelli prescritti negli Stati Uniti ed è per questo che è considerato un farmaco da banco in tutto il mondo. E in un momento in cui il mondo è in preda al panico a causa di un virus che non ha una cura specifica, la questione sull’efficacia diventa irrilevante. Se un farmaco è sicuro e potrebbe funzionare, e non ci sono altre opzioni, dobbiamo tentare.

 

***

Corruzione delle riviste scientifiche

È risaputo che The Lancet e il New England Journal of Medicine (NEJM) hanno ritrattato i loro studi. È ben documentato in una serie pubblicata dal Guardian dal titolo «The Lancet ha fatto una delle maggiori ritrattazioni della storia. Come è successo?» Il solo numero e la portata di quello che era sbagliato o mancante sono troppo eclatanti da attribuire alla mera incompetenza.

 

I dati su cui si basavano gli studi erano così ridicolmente errati che sono bastate alcune settimane prima che un medico attento domandasse pubblicamente delle spiegazioni. Quello che ha dell’incredibile è che gli editori di queste rinomate riviste hanno ancora un lavoro – tanto erano incredibili erano i dati utilizzati per gli studi. La compagnia che aveva raccolto tali dati (Surgisphere) è completamente scomparsa da internet.

 

The Lancet e il NEJM sono stati scoperti, ma la terza testata, ancora nell’ombra, è il Journal of the American Medical Association (JAMA). Mentre i rimi due hanno pubblicato studi fraudolenti, lo studio del JAMA sembra criminale nel suo disprezzo per la vita umana.

 

***

Il Dr. Dousty-Blazy, ex Ministro della Sanità francese, Sottosegretario Generale delle Nazioni Unite e candidato come Direttore dell’OMS ha pubblicamente dichiarato che gli editori di The Lancet e NEJM hanno ammesso di aver subito pressioni dalle case farmaceutiche per pubblicare determinati risultati

 

Il Dr. Dousty-Blazy, ex Ministro della Sanità francese, Sottosegretario Generale delle Nazioni Unite e candidato come Direttore dell’OMS ha pubblicamente dichiarato che gli editori di The Lancet e NEJM hanno ammesso di aver subito pressioni dalle case farmaceutiche per pubblicare determinati risultati.

 

***

 

La censura della «pubblica piazza»

L’esempio più chiaro della censura alla libertà di parola di un medico è quanto avvenuto al Dr. James Todaro. Il dottor Todaro, che prima di questi eventi era semplicemente un privato cittadino, ha twittato i suoi pensieri sull’idrossiclorochina includendo il link a un documento pubblico di Google sei giorni prima che il Presidente appoggiasse l’uso dell’idrossiclorochina.

 

Con tutta la pressione negativa, i governatori hanno ordinato tramite i consigli statali per le licenze che i medici smettano di prescriverla e i farmacisti di venderla. Le espressioni sono spesso più caute, ma ai medici viene detto che saranno accusati di condotta non professionale (una minaccia alla loro abilitazione) o verranno sanzionati se la prescrivono

Il commento apolitico e scientifico del dottor Todaro rappresentava la sua opinione su uno studio scientifico che sembrava essere fabbricato ad arte, nonostante fosse stato pubblicato su un giornale di fama mondiale. Si è scoperto che il dottor Todaro aveva assolutamente ragione, tanto che lo studio, che ha avuto sfortunatamente un’enorme influenza nel mondo, è stato ritrattato, il che è davvero strano. Ma prima che il pubblico potesse leggere le parole premonitrici di Todaro, il presidente ha appoggiato l’uso dell’idrossiclorochina, così Google ha cancellato il documento dopo poche ore.

 

E per cancellato intendiamo che Google non vuole che voi pensiate che sia mancante, vogliono che non sappiate nemmeno che sia esistito. 

 

***

 

Regolamentazioni statali eccessive e punitive & prescrizioni “off-label”

È ovviamente in atto una terribile campagna di disinformazione negli Stati Uniti d’America per far credere che l’idrossiclorochina non è né sicura né efficace. Questo è davvero notevole per un farmaco che è stato approvato dalla FDA per 65 anni ed è già stato distribuito miliardi di volte in tutto il mondo con solo 57 eventi avversi gravi (cardiaci) registrati nel database della FDA negli ultimi 50 anni. In molti paesi è considerato un farmaco da banco, come aspirina e tachipirina. 

 

COVID-19 è una sigla per SARS-CoV-2. È chiamato così perché è esistito un SARS-CoV-1. Leggendo la letteratura scientifica sul primo virus SARS ci accorgiamo che sono talmente simili che gli estratti sono stati copiati e incollati

Ciò nonostante, con tutta la pressione negativa, i governatori hanno ordinato tramite i consigli statali per le licenze che i medici smettano di prescriverla e i farmacisti di venderla. Le espressioni sono spesso più caute, ma ai medici viene detto che saranno accusati di condotta non professionale (una minaccia alla loro abilitazione) o verranno sanzionati se la prescrivono. 

 

***

 

COVID-19 è una sigla per SARS-CoV-2. È chiamato così perché è esistito un SARS-CoV-1. Leggendo la letteratura scientifica sul primo virus SARS ci accorgiamo che sono talmente simili che gli estratti sono stati copiati e incollati. Nel 2002 ci fu un nuovo coronavirus, originatosi in Cina, che si era rapidamente diffuso in dozzine di paesi nel giro di pochi mesi, portando a sforzi mondiali per il suo contenimento. Gli scienziati avevano scoperto che la clorochina aveva una grande efficacia antivirale su questo virus SARS-CoV, che venisse utilizzata prima o dopo l’infezione. Hanno dunque concluso che la clorochina aveva effetti preventivi e terapeutici. 

 

Lo studio intitolato: «La clorochina è un potente inibitore dell’infezione del coronavirus SARS e della sua diffusione» (Chloroquine is a Potent Inhibitor of SARS Coronavirus Infection and Spread ) di Vincent, Bergeron e Benjannet et. al., apparve sulla pubblicazione ufficiale del National Institute of Health quando il Dr. Fauci era Direttore. Dato che la clorochina ha dimostrato essere molto efficace contro il 78% dei coronavirus identici meno di 15 anni fa durante una situazione molto simile, è curioso che da metà gennaio siano iniziate campagne globali per vietarla.

«Il dottor Antony fauci ha affermato che i dati mostrano che l’idrossiclorochina non è un agente efficace contro coronavirus, contestando l’uso di questo farmaco per combattere il virus letale anche se il presidente Donald Trump la pubblicizza come una potenziale cura»

 

***

 

Il 13 gennaio 2020 la Francia ha silenziosamente cambiato lo status della idrossiclorochina da storico farmaco da banco a «sostanza velenosa di categoria 2». Si tratta di una degradazione senza precedenti. E negli Stati Uniti: «Il dottor Antony fauci ha affermato che i dati mostrano che l’idrossiclorochina non è un agente efficace contro coronavirus, contestando l’uso di questo farmaco per combattere il virus letale anche se il presidente Donald Trump la pubblicizza come una potenziale cura».

 

Non è chiaro quando il Dr. Fauci si è arrivato a credere l’opposto di quanto il NIH ha pubblicato quando era il Direttore. Quello che sappiamo e che 70.000-100.000 vite americane sono state perdute a causa della mancanza di accesso all’idrossiclorochina. Quindi, perché un medicinale considerato farmaco da banco per decenni, improvvisamente ma silenziosamente viene rimosso dagli scaffali, nel mezzo di una pandemia dovuta a un virus talmente simile da condividerne il nome? 

 

La richiesta per il Remdisivir della Gilead, utilizzato nel trattamento della malattia, ovviamente crollerebbe se il virus venisse bloccato precocemente dall’idrossiclorochina. Il Remdisivir viene venduto per 3.200-5.700 $ ogni trattamento, e il governo federale ne ha già acquistato la maggioranza. Il costo dell’idrossiclorochina è di 10 $ per trattamento

È ben noto che i nuovi farmaci appena approvati possono portare enormi profitti se c’è la richiesta e nessun’altra fornitura. La richiesta per il Remdisivir della Gilead, utilizzato nel trattamento della malattia, ovviamente crollerebbe se il virus venisse bloccato precocemente dall’idrossiclorochina. Il Remdisivir viene venduto per 3.200-5.700 $ ogni trattamento, e il governo federale ne ha già acquistato la maggioranza. Il costo dell’idrossiclorochina è di 10 $ per trattamento.

 

È interessante notare che molti farmaci da banco, probabilmente la maggior parte, sono meno sicuri dell’idrossiclorochina. La tachipirina, ad esempio, e l’aspirina sono considerate più rischiose. La maggior parte dei dottori confermerebbe i frequenti problemi che le persone presentano con Brufen, ibuprofene e Aleve. La tossicità della Tachipirina è la ragione più comune per i trapianti di fegato negli Stati Uniti, mentre gli antinfiammatori sono responsabili di un enorme numero di emorragie, dolori e disturbi gastrointestinali. 

 

***

 

Come risultato, non solo ci sono pazienti che non vengono curati rapidamente, efficacemente e in sicurezza; alcuni pazienti muoiono. Mentre la paura della pandemia ha superato il virus stesso ed è impossibile cambiare le opinioni del pubblico e dei medici abbastanza in fretta per salvare vite, dobbiamo far sì che il farmaco sia disponibile direttamente al pubblico. 

 

Il Dr. Harvey Risch, Professore di Epidemiologia alla School of Public Health di Yale e pubblicista affiliato alla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health, con 39.779 citazioni su Google Scholar, nota che:

 

«I decessi totali negli Stati Uniti al 15 luglio sono 140.000. Se avessimo permesso di usare liberamente l’idrossiclorochina, ne avremmo salvati la metà, 70.000, ed è molto probabile che ne avremmo potuti salvare i 3/4, 105.000.»

 

Molti farmaci da banco, probabilmente la maggior parte, sono meno sicuri dell’idrossiclorochina. La tachipirina, ad esempio, e l’aspirina sono considerate più rischiose. La maggior parte dei dottori confermerebbe i frequenti problemi che le persone presentano con Brufen, ibuprofene e Aleve. La tossicità della Tachipirina è la ragione più comune per i trapianti di fegato negli Stati Uniti, mentre gli antinfiammatori sono responsabili di un enorme numero di emorragie, dolori e disturbi gastrointestinali

È importante notare che il problema che gli Stati Uniti hanno riguardo l’accesso all’idrossiclorochina è un problema del primo mondo.

 

Curiosamente, le persone che non possono procurarsi l’idrossiclorochina vivono nelle democrazie del primo mondo. Parlando in generale, l’idrossiclorochina o il suo progenitore, la clorochina, erano liberamente acquistabili come farmaci da banco nella maggior parte del mondo, in Africa, Asia, Sudamerica, anche in Canada e in Messico prima del COVID.

 

Molto prima che il presidente Trump sostenesse l’uso del idrossiclorochina il 20 marzo 2020, il farmaco è stato silenziosamente tolto dagli scaffali delle farmacie in Canada ed è stato vietato In Francia. Queste due azioni sono avvenute nel gennaio 2020. È una speculazione e bisogna considerare chi trae i benefici se l’idrossiclorochina non è accessibile. 

 

Non si può ignorare che proprio ora, in tutto il mondo, i pazienti che vogliono acquistare l’idrossiclorochina semplicemente lo fanno. Iran, Costa Rica, Italia, Panama, tanti altri. 

 

***

 

Questo grafico è stato pubblicato nel rapporto della Dr.ssa Gold. SOURCE: Dr. Simone Gold, White Paper on Hydroxycloroquine.

 

A prescindere dalle motivazioni, c’è un’ovvia relazione tra l’accesso all’idrossiclorochina e i tassi di mortalità da COVID-19. È vero che tale relazione non prova un legame di causa/effetto, ma è altrettanto vero che sarebbe folle presumere che non ci sia nessun rapporto. 

«I decessi totali negli Stati Uniti al 15 luglio sono 140.000. Se avessimo permesso di usare liberamente l’idrossiclorochina, ne avremmo salvati la metà, 70.000, ed è molto probabile che ne avremmo potuti salvare i 3/4, 105.000.»

 

Sono disponibili dati di ogni paese e l’accesso all’idrossiclorochina è strettamente legato a una bassa mortalità. Vediamo che nei paesi poveri ci sono molti meno decessi rispetto ai paesi ricchi, il che ovviamente è l’opposto di quello che ci aspetteremmo per una malattia respiratoria che può portare al ricovero in terapia intensiva. Kazakistan, Bangladesh, Senegal, Pakistan, serba, Nigeria, Turchia, Ucraina, Honduras … La lista continua.

 

Le democrazie più ricche o i paesi con protocolli restrittivi sull’idrossiclorochina hanno grossi problemi: Irlanda, Canada, Spagna, Paesi Bassi, Regno Unito, Belgio, Francia… Perché si sappia, Italia e Spagna hanno fatto marcia indietro e ora l’idrossiclorochina è disponibile.

 

Le limitazioni e i divieti sull’idrossiclorochina nel mondo iniziano a sgretolarsi. Presto collasseranno perché l’evidenza della sua sicurezza ed efficacia è incontestabile.

 

Molto prima che il presidente Trump sostenesse l’uso del idrossiclorochina il 20 marzo 2020, il farmaco è stato silenziosamente tolto dagli scaffali delle farmacie in Canada ed è stato vietato In Francia. Queste due azioni sono avvenute nel gennaio 2020. È una speculazione e bisogna considerare chi trae i benefici se l’idrossiclorochina non è accessibile

I paesi meno propensi a tollerare politiche perniciose si sono già ricreduti.

 

Stati Uniti del Sud, Honduras, Panama, Costa Rica hanno o avevano reso l’idrossiclorochina disponibile.

 

Il Brasile ci sta provando ma si trova ad affrontare molti dei problemi politici degli Stati Uniti.

 

Alcuni paesi hanno iniziato a distribuirla porta a porta.

 

In Honduras la politica nazionale ora è: «Per i pazienti che si presentano per la prima volta in strutture sanitarie di primo livello, il trattamento deve iniziare con: paracetamolo, idrossiclorochina 400 ogni 12 ore, Ivermectin, azitromicina, zinco…»

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Il premier irlandese annuncia a sorpresa la fine delle restrizioni pandemiche

Pubblicato

il

Da

Il primo ministro irlandese Micheál Martin ha annunciato che la maggior parte delle restrizioni COVID sarà revocata da oggi sabato 22 marzo. Tuttavia il governo Eire ha deciso di non eliminare passaporti vaccinali e l’obbligo di mascherina  nei negozi e sui trasporti pubblici. Lo riporta Lifesitenews.

 

La decisione di allentare le regole è stata accolta favorevolmente in tutto lo spettro politico, tuttavia alcuni attivisti irlandesi anti-restrizioni  dubitano che questo sia «l’inizio della fine», come si comincia a chiamare questa decisione a sorpresa.

 

Il commentatore irlandese Dave Cullen ha detto ai suoi telespettatori che «chiunque celebri questo ritorno alla libertà è molto sciocco».

 

«Solo uno schiavo prova gratitudine nei confronti del proprio padrone quando gli vengono nuovamente concesse ulteriori libertà e privilegi», ha detto Cullen. «Il governo non ha il diritto di restituirci le nostre libertà perché in primo luogo non aveva il diritto di riprenderle».

 

«Inoltre, tutte le normative e le leggi sanitarie per l’emergenza COVID  rimangono ancora sui libri contabili per essere utilizzate di nuovo ogni volta che lo desiderano».

 

In Irlanda è stata richiesta la prova della vaccinazione o del recupero da COVID per entrare in palestre, caffè, pub, ristoranti e hotel, con persone non vaccinate vietate da tali luoghi, mentre una serie di restrizioni draconiane sono state imposte anche agli incontri al chiuso e all’aperto.

 

Anche pub e ristoranti hanno dovuto mantenere il coprifuoco alle 20:00

 

Il mantenimento delle leggi di emergenza da parte del governo, tuttavia, significa che l’Irlanda deve ancora affrontare la prospettiva di ulteriori blocchi e discriminazioni nei confronti dei viaggiatori internazionali non vaccinati, che devono continuare a pagare per i test PCR in assenza di un certificato di vaccino o di una prova di guarigione dal COVID.

 

Come riportato da Renovatio 21, due mesi fa il Paese, che risultava vaccinato al 93%, era tornato in lockdown, con coprifuoco di mezzanotte incluso.

 

In un altro grottesco episodio di follia pandemica, un uomo l’anno scorso era stato condannato a due mesi di carcere perché trovato privo della mascherina.

 

Leo Varadkar, vice capo del governo, ha detto  in una conferenza stampa del venerdì che gli irlandesi potrebbero aspettarsi «una primavera e un’estate di libertà», ma ha avvertito che ci sarebbero stati «dossi sulla strada».

 

Certo, parlare di una stagione di «libertà» concessa dall’alto, fa tornare alla mente il discorso profetico fatto nell’estate 2020 dal canadese Chris Sky:

 

«… Poi a luglio, agosto e settembre ti tirano fuori dal lockdown, ma solo per rimetterti in lockdown ancora una volta (…) Se voi idioti non lo avete ancora capito è un ciclo perpetuo, dal quale non si esce mai, ed è un modo per prendere i tuoi diritti, le tue libertà, chiudere la tua attività economica, prendersi la tua ricchezza».

 

 

 

 

Immagine di Web Summit via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

Continua a leggere

Epidemie

Dr. Peter McCullough: «La narrativa ufficiale sul COVID è crollata»

Pubblicato

il

Da

Il dottor Peter McCullough, rinomato cardiologo che è probabilmente fra i primatisti per articoli pubblicati in peer-review nel suo campo, in una videointervista dello scorso giovedì ha raccontato al sito WND che la narrativa ufficiale della pandemia – finora ferocemente custodita dai media istituzionali e dalla censura dei social media – è adesso «completamente in rovina».

 

La narrazione pandemica ufficiale, ha detto dichiarato il medico scienziato, includeva «dichiarazioni false sulla diffusione asintomatica, la dipendenza dai lockdown e dalle mascherine – che ovviamente non hanno funzionato –, la soppressione del trattamento precoce, la promozione massiva di vaccini che hanno fallito».

 

«E ora eccoci qui, quasi in completa caduta libera», ha detto McCullough, riferendosi al numero record di casi di COVID-19: ora gli stessi funzionari riconoscono che i vaccini non prevengono l’infezione o la trasmissione.

 

McCullough ha osservato che in California, con la variante omicron più contagiosa ma molto più mite ora dominante, agli operatori sanitari che sono risultati positivi al COVID-19 e avevano sintomi è stato detto di tornare al lavoro.

 

Agli operatori sanitari che sono risultati positivi al COVID-19 e avevano sintomi è stato detto di tornare al lavoro: «con questo, penso che sia tutto. Penso che sia la fine. La narrativa è crollata»

«Con questo, penso che sia tutto. Penso che sia la fine. La narrativa è crollata. Le persone non vogliono questi vaccini», ha osservato detto McCullough.

 

«I vaccini dovrebbero essere ritirati dal mercato. Chiaramente non stanno risolvendo il problema».


Il dottore ha quindi dichiarato che si dovrebbe «trattare i pazienti ad alto rischio che sviluppano sintomi» con alcuni dei primi trattamenti che lui e altri medici in tutto il mondo hanno trovato efficaci, tra cui l’ivermectina e un nuovo farmaco concessa l’autorizzazione all’uso di emergenza dalla FDA, Paxlovid.

 

McCullough ha citato uno studio dalla Danimarca e i dati dell’agenzia sanitaria del Regno Unito che mostrano che i vaccini hanno un’efficacia pari a zero contro la variante Omicron.

 

McCullough ha citato uno studio dalla Danimarca e i dati dell’agenzia sanitaria del Regno Unito che mostrano che i vaccini hanno un’efficacia pari a zero contro l’omicron.

 

McCullough ha sottolineato che il suo lavoro è stato invocato dai tribunali di tutta la nazione, inclusa la Corte Suprema degli Stati Uniti, e ha testimoniato al Senato degli Stati Uniti, dove tornerà alla fine di questo mese.

 

«Penso che l’America sappia chi sta dando loro la storia diretta». «Penso che gli americani capiranno che la loro scelta individuale è davvero ciò che conta alla fine», ha detto in conclusione McCullough nella mezzora di intervista a WND.

 

«Se gli americani decidono che non faranno più richiami o vaccini, non importa quanti mandati o quante decisioni giudiziarie ci saranno. Il programma di vaccinazione crollerà. Si tratta solo di dire di no.»

«Se gli americani decidono che non faranno più richiami o vaccini, non importa quanti mandati o quante decisioni giudiziarie ci saranno. Il programma di vaccinazione crollerà. Si tratta solo di dire di no.».

 

I vaccini COVID, ha sottolineato, sono ancora nella fase di «ricerca».

 

«Nessuno può essere costretto a farlo», ha detto riguardo la vaccinazione. «E non si stanno rivelando sicuri o efficaci. Quindi, se tutti rimangono fermi e rifiutano i vaccini, penso che sarà il modo più rapido per uscirne».

 

McCullough aveva avvisato dei problemi del programma globale vaccinale in corso in una recente intervista con Robert F. Kennedy jr., dove aveva affermato che «i vaccini stanno fallendo».

 

McCullough ha altresì dichiarato, sulla base di un calcolo, che la quantità di disabili che sta creando la campagna di vaccinazione è superiore a al numero dei morti nella guerra d’Iraq. Secondo McCullough, «le morti legate alle vaccinazioni sono dieci volte il numero ufficiale».

 

In un’intervista con l’avvocato tedesco Reiner Fuellmich aveva  invece accennato a «infertilità e cancro come possibili conseguenze del vaccino».  Il medico non si è mai tirato indietro davanti alla necessità di denunciare una «collusione globale» per «causare tutti i danni e le morti possibili», per esempio con la proibizione e la demonizzazione dell’ivermectina.

 

Come riportato da Renovatio 21, McCullough non ha esistato a dire che «siamo nel mezzo della più grande catastrofe biologica della storia». Mesi fa aveva dichiarato che il vaccino COVID è «bioterrorismo per iniezione» e ha causato almeno 50 mila morti negli USA. L‘accusa dei vaccini come «prodotto del bioterrorismo» è stata ripetuta proprio da una presentazione pubblica che ha avuto luogo a Phoenix.

 

McCulloug sostiene che la vaccinazione COVID «dovrebbe essere interrotta immediatamente», e che alla base del siero genico c’è il un processo che «inganna» i nostri corpi a produrre una pericolosa proteina estranea.

 

Il medico ritiene inoltre che le persone guarite dal COVID non dovrebbero «in nessun caso» essere vaccinate.

 

In un recentissima intervista nel podcast più popolare del mondo, The Joe Rogan Experience, il dottor McCullough ha ipotizzato che le cure precoci del COVID sono state attivamente soppresse dalla collusione tra governi e Big Pharma per ottenere una maggiore accettazione globale del programma di vaccinazione.

 

Di recente, McCullough ha sostenuto che Omicron buca ogni immunizzazione, anche quella naturale, non solo quella dei vaccini, e che quindi può dare luogo a fenomeni di re-infezione anche da persone previamente guarite dal COVID.

 

 

 

 

Immagine screenshot elaborato da Rumble

Continua a leggere

Epidemie

Il dottor Fauci ha mentito. Il COVID-19 sarebbe stato prodotto dall’uomo

Pubblicato

il

Da

Due rappresentanti jacksoniani, James Comer (Kentucky, capo della minoranza della Commissione sorveglianza dell’esecutivo), e Jim Jordan (Ohio, capo della minoranza della Commissione giustizia), hanno rivelato alcune mail che dimostrano come gli scienziati istituzionali USA abbiano deliberatamente mentito sull’origine del COVID-19.

 

In una riunione segreta del 1° febbraio 2020, esperti quali Robert Garry e Mike Farzan (il più grande specialista delle malattie da coronavirus) spiegarono che la configurazione del Covid-19 non corrispondeva a quella degli altri coronavirus perché specificamente concepita per infettare l’uomo.

 

Un fatto che, secondo loro, è impossibile si produca in natura. Il COVID-19 è stato perciò fabbricato in laboratorio.

 

La riunione era presieduta dal dottor Anthony Fauci – direttore del NIAD (National Institute of Allergy and Infectious Diseases), nonché consigliere speciale per il Covid-19 dei presidenti Trump e Biden – che però ha deciso d’insabbiare le affermazioni degli scienziati.

 

Il 3 febbraio 2020, su richiesta della Casa Bianca, il dottor Fauci si pronunciò davanti alle Accademie Nazionali delle Scienze, dell’Ingegneria e della Medicina, difendendo con veemenza e piena cognizione di causa l’origine naturale del COVID-19.

 

Tutti i partecipanti alla riunione del 1° febbraio 2020 hanno mantenuto il segreto.

 

Il dottor Fauci ha stornato denaro pubblico del servizio che dirige per finanziare ricerche, illegali negli USA, nel laboratorio di livello 2 di Wuhan.

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

Fonte: «Il dottor Fauci ha mentito. Il Covid-19 sarebbe stato prodotto dall’uomo», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 14 gennaio 2022.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari