Connettiti con Renovato 21

Economia

Le banche svizzere e i futuri blackout: dai pagamenti offline alla moneta digitale stile green pass

Pubblicato

il

Se arrivassero blackout, come faremmo a pagare? Dovremmo stare ore o magari giorni senza la possibilità di comprare prodotti o servizi?

 

Ebbene, il cavallo di troia della moneta digitale potrebbe entrare proprio per risolvere questi scenari.

 

Il problema se lo sono posti in Svizzera alla Fondation Genève place financière (FGPF); certo, gli svizzeri sono un popolo lungimirante e ponderato, ma si vede che ritengono l’eventualità di blackout non del tutto remota. La differenza della classe dirigente svizzera, rispetto a quella di molte altre Nazioni, sta nel fatto che non vivono di frottole alla giornata e Pulcinella non è di certo eroe nazionale.

 

Le soluzioni tecnicamente possibili sono poche. Ma quella più sicura da frodi sarebbe una specie di moneta digitale. Questo ve lo diciamo noi, perché la regia sta ancora facendo finta di non averci pensato.

 

La soluzione più antiquata per permettere pagamenti senza contanti sarebbe un ritorno alle vecchie carte di credito. Un tempo però le carte di credito avevano i dati scritti in sovraimpressione su su supporto cartaceo: quando si voleva pagare con la carta di credito il negoziante passava la carta in un apparecchio che copiava i dati della carta su della carta carbone. A quel punto il credito veniva stornato periodicamente presso l’istituto bancario del venditore, che doveva portare fisicamente all’istituto bancario le copie-carbone delle carte di credito.  Di certo, tuttavia, in quegli anni non tutti i negozianti accettavano carte di credito da qualsiasi pagatore perché di fatto funzionavano esattamente come degli assegni e il credito poteva risultare scoperto.

 

Anzi, addirittura la carta di credito poteva risultare falsa e inesistente. Infatti, eredità di quegli anni, ancora oggi può capitare che per poter pagare con carta si richieda di esibire  un documento di identità.

 

Con l’attuale sistema di credito elettronico invece la verifica del credito disponibile e dell’identità del pagatore sono effettuate in tempo reale, collegandosi ai circuiti centralizzati di banche e carte di credito e leggendo il chip che c’è sulla carta.

 

Ma se non ci fosse la corrente elettrica come si farebbe? Non si pagherebbe più? Si tornerebbe ai sistemi insicuri degli anni ‘60

 


Certo, si potrebbero riesumare questi sistemi antiquati per importi bassi; giusto per permettere ai consumatori di comprare da mangiare durante un blackout. Con basso rischio di frodi per i venditori.

 

«Per esempio nei caselli autostradali in Francia si può pagare con la carta di credito senza che la transazione sia verificata dalla banca» ha detto direttore di FGPF Edouard Cuendet. «L’approccio funziona molto bene per i piccoli importi. Si potrebbe ampliare questo sistema ai commerci, ma non a transazioni di grande ampiezza, perché c’è il rischio di malversazioni. Bisogna essere prudenti», riporta un articolo di Tutti.ch, che introduce il tema dei «possibili pagamenti offline».

 

In realtà oggi esisterebbe una tecnologia per verificare che un pagamento a credito non sia scoperto senza dover usare un circuito bancario centralizzato: si tratta della tecnologia blockchain, su cui si basano tutte le criptovalute.

 

Come funziona? Semplicemente prevede che tutta la catena di transazioni ( di tutti gli utenti) sia registrata su un registro distribuito, che può – e anzi deve – essere scaricato periodicamente da tutti gli utenti del circuito. Più o meno come funzionava il green pass: se vi ricordate per verificare la validità di un green pass il controllore doveva avere una app e doveva collegarsi a internet almeno una volta ogni 48 ore. Poi per 48 ore era autonomo. Questo perché – stiamo semplificando – almeno ogni 48 ore doveva essere scaricato il registro aggiornato coi certificati dei nuovi green pass rilasciati e ritirati. La cosa funzionerebbe così anche coi pagamenti.

 

E le criptovalute funzionano esattamente in questo modo: esiste un grande registro delle transazioni condiviso e redistribuito che viene aggiornato da tutti gli utenti del circuito. Senza alcuna possibilità di frode, perché è matematicamente impossibile falsificare alcunché, dato che viene usato un sistema di firme digitali ineludibile – in teoria.

 

In tal modo, se venisse usato un sistema blockchain e doveste pagare 100 euro, il venditore potrebbe stare certo che fino all’ultimo aggiornamento della app predisposta (magari 5 ore prima) il compratore disponeva davvero di 100 euro.

 

Certo, nell’arco di quelle 5 ore di blackout un pagatore truffaldino potrebbe avere speso quei 100 euro altre volte con altri venditori. E questi se ne accorgerebbero solo al prossimo aggiornamento dei registri distribuiti delle transazioni. Con le normali criptovalute – non per nulla – i registri distribuiti vengono aggiornati al massimo nell’arco di pochi minuti.

 

Ad ogni modo, una soluzione tecnologica del genere resterebbe comunque l’opzione migliore, anche se vi fossero tempi da latenza elevati tra un aggiornamento e l’altro dei registri. Sicuramente più efficiente che non tornare alla carta carbone degli anni ’60.

 

Si aggiunga che, dopotutto, questi applicativi possono girare su smartphone, che sono veri e propri computer portatili con autonomia lunga. E per ricaricarli basta una quantità modesta di corrente elettrica, ottenibile magari da piccoli pannelli solari.

 

Per evitare l’inconveniente sopra visto, sarebbe sufficiente la permanenza della rete 4G, che permetterebbe di mantenere costantemente aggiornati i registri distribuiti di un’eventuale moneta digitale su tutti gli smartphone degli utenti e, specialmente, dei venditori. In base a quanto vi abbiamo accennato, è chiaro infatti che il problema della connettività per aggiornare il registro distribuito ce l’avrebbe chi incassa, non chi paga.

 

Peraltro – chi ha mai provato a pagare in criptovalute nei posti che le accettano lo sa – la transazione avviene esattamente come l’esibizione del green pass: si deve esibire un QR code sullo smartphone e premere un bottone verde  sul display per autorizzare la transazione.



Di fatto avete già pagato con una siffatta moneta digitale, solo che in quel caso il prodotto acquistato era la vostra libertà di movimento e l’importo pagato era una puntura o un tampone.

 

Ecco, fare la spesa in un Paese trafitto dai blackout funzionerebbe nello stesso identico modo. Esibendo un QR code vi direbbero «sì, può uscire con la spesa» e vi trovereste qualche soldo in meno sul portafoglio digitale dello smartphone.

 

Il green pass palesemente non serviva per risolvere l’emergenza sanitaria e sarebbe buffo scoprire che ora serve per risolvere l’emergenza dei blackout.

 

Fa sempre bene citare questa massima pokeristica: «se ti siedi ad un tavolo da poker e dopo 20 minuti non hai ancora capito chi è il pollo, beh il pollo sei tu».

Che tradotta nel contesto suonerebbe come: «se dopo 3 anni non hai capito che il tuo ministero della Salute non è un pollo, allora il pollo sei tu».

 

 

Gian Battista Airaghi

 

 

Continua a leggere

Economia

La Bundesbank: la Germania è probabilmente in recessione

Pubblicato

il

Da

L’economia tedesca potrebbe contrarsi ulteriormente nel primo trimestre del 2024, ha avvertito la Banca Centrale del Paese in un rapporto mensile pubblicato lunedì scorso.

 

Secondo le previsioni della Bundesbank, la domanda industriale esterna della Germania rimarrà debole, mentre i consumatori continueranno ad essere cauti con la spesa e gli investimenti interni soffriranno ulteriormente a causa degli alti tassi di interesse.

 

«Non c’è ancora alcuna ripresa per l’economia tedesca (…) Alcuni fattori di stress probabilmente permarranno nel primo trimestre del 2024 (…) la produzione economica mostrerà quindi nuovamente un leggero calo. Con il secondo calo consecutivo della produzione economica, l’economia tedesca si troverebbe in una recessione tecnica», ha affermato la Bundesbank, riferendosi all’ultimo trimestre del 2023, quando il PIL del Paese si è contratto dello 0,3% in termini annuali.

Sostieni Renovatio 21

Gli analisti collegano la debole performance economica della Germania con le conseguenze della crisi energetica che ha colpito il paese dopo l’inizio del conflitto in Ucraina. Gli Stati occidentali hanno imposto numerose restrizioni economiche alla Russia, il che ha portato il blocco a perdere in gran parte l’accesso all’energia russa a basso costo.

 

Ciò ha inferto un colpo particolarmente forte all’economia tedesca, fortemente industriale, che è ora nel suo quarto trimestre consecutivo di crescita zero o negativa.

 

La Germania è stata l’unica economia del G7 a subire una contrazione lo scorso anno. Le analisi economiche, compresi i due maggiori istituti di credito del Paese, Deutsche Bank e Commerzbank, hanno recentemente previsto un’altra contrazione nel 2024.

 

Come riportato da Renovatio 21, gli analisti due settimane fa avevano parlato di un’economia tedesca «nei guai» dopo la contrazione dell’ultimo trimestre 2023 nonostante l’inflazione scesa a gennaio al 3,1% e rimasta costantemente superiore al tasso obiettivo del 2%.

 

Il Fondo Monetario Internazionale ha previsto l’anno passato che la Germania sarà l’unica economia del G7 a subire una contrazione quest’anno, mentre lotta con le ricadute della crisi energetica. Solo pochi mesi fa la Germania ancora parlava di razionamento dell’energia, mentre si spengono gli ultimi reattori nucleari. L’industria chimica tedesca è letteralmente in caduta libera. Lo stesso dicasi per il settore automotive, un tempo fiore all’occhiello dell’industria del continente.

 

Come riportato da Renovatio 21, in Germania si sarebbe registrato anche un forte aumento degli euro falsi.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di dontworry via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 3.0 Unported

Continua a leggere

Economia

I costi di spedizione dall’Asia all’Europa sono aumentati del 400%

Pubblicato

il

Da

Le interruzioni della navigazione causate dagli attacchi dei ribelli Houthi alle navi nel Mar Rosso hanno aumentato il costo del trasporto di merci su alcune rotte dalla Cina all’Europa di circa il 400%, secondo il commissario europeo all’Economia Paolo Gentiloni, che ha anche menzionato che i tempi di spedizione su tali tratte erano aumentate di 10-15 giorni.   Il commissario ha espresso la speranza che la crisi su una delle rotte commerciali più importanti del mondo non porti ad un aumento significativo dell’inflazione nell’UE, ma ha aggiunto che «ulteriori interruzioni dell’offerta potrebbero portare a prezzi più alti».   I ribelli Houthi con sede nello Yemen hanno effettuato dozzine di attacchi con droni e missili contro navi commerciali che attraversavano il Mar Rosso dall’inizio della guerra tra Israele e Hamas in ottobre.   Gli Houthi hanno attaccayo navi commerciali e financo militari che transitano per il Mar Rosso, divenuto, come dice il capo dei Pasdaran iraniani, una «trappola».

Sostieni Renovatio 21

Di conseguenza, molte delle principali compagnie di navigazione hanno smesso di utilizzare il Canale di Suez e stanno invece reindirizzando le navi attorno al Capo di Buona Speranza nell’Africa meridionale.   Secondo quanto riferito, gli attacchi hanno anche causato il raddoppio dei prezzi medi dei container a livello globale nell’ultimo mese, mentre le tariffe delle navi cisterna per carburante per alcune destinazioni sono aumentate al livello più alto degli ultimi anni.   Nonostante gli Stati Uniti e i loro alleati abbiano dispiegato una task force navale nell’area per salvaguardare la navigazione, molte compagnie di trasporto merci hanno interrotto il viaggio attraverso il corso d’acqua e hanno invece intrapreso il viaggio molto più lungo e costoso attorno al Capo di Buona Speranza in Africa. Il capo del colosso marittimo AP Møller-Maersk ha dichiarato che la riapertura della cruciale via d’acqua potrebbe richiedere mesi anziché settimane.   Il mese scorso, i ministri degli Esteri dell’UE hanno raggiunto un accordo provvisorio per lanciare una missione navale nel Mar Rosso per difendere le navi mercantili. Germania, Francia e Italia hanno proposto l’iniziativa in risposta alle richieste dei Paesi Bassi, il cui settore della navigazione mercantile è stato particolarmente colpito dagli attacchi.   Il massimo diplomatico del blocco, Josep Borrell, ha affermato che la missione dovrebbe essere lanciata il 19 febbraio.   Come riportato da Renovatio 21, secondo Goldman Sachs i costi del petrolio potrebbero raddoppiare.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di International Labour Organization (ILO) Department of Communications from Switzerland (Photo cred: Crozet M.) via Wikimedia pubblicata su licenza  Creative Commons Attribution 2.0 Generic
Continua a leggere

Economia

Il Giappone perde il titolo di terza economia mondiale

Pubblicato

il

Da

Secondo i dati ufficiali diffusi giovedì, il Giappone non è più la terza economia mondiale dopo essere inaspettatamente scivolato nella recessione alla fine dello scorso anno. La Germania è ora passata al terzo posto in termini di PIL nominale.

 

Il PIL si è contratto dello 0,4% annualizzato nel quarto trimestre dello scorso anno, dopo un crollo del 3,3% nel trimestre precedente. Ciò ha confuso le previsioni del mercato di un aumento dell’1,4% negli ultimi tre mesi dell’anno. Una recessione tecnica è generalmente definita come due trimestri consecutivi di contrazione.

 

Durante il quarto trimestre, i consumi privati ​​sono diminuiti dello 0,9% su base annua e gli investimenti aziendali sono diminuiti dello 0,3%. Le esportazioni sono aumentate dell’11%, mentre le importazioni sono aumentate del 7,0%.

 

«Il consumo di servizi ha subito una battuta d’arresto, i prezzi dei beni continuano ad aumentare e, a causa del caldo inverno, il consumo di abbigliamento è stato fiacco da ottobre in poi», ha detto un funzionario governativo.

Sostieni Renovatio 21

Le famiglie giapponesi sono alle prese con l’aumento del costo della vita e il calo dei salari reali che hanno portato a un calo dello 0,2% nei consumi privati, che rappresentano oltre la metà dell’attività economica del Paese.

 

In termini di dollari, il PIL del Giappone alla fine del 2023 ammontava a 4,2 trilioni di dollari, contro i 4,5 trilioni di dollari della Germania.

 

«Due cali consecutivi del PIL e tre cali consecutivi della domanda interna sono una cattiva notizia, anche se le revisioni potrebbero modificare marginalmente i numeri finali», ha detto a Reuters Stefan Angrick, economista senior di Moody’s Analytics, commentando la notizia.

 

«Ciò rende più difficile per la banca centrale giustificare un rialzo dei tassi, per non parlare di una serie di rialzi».

 

Il Giappone è stato per anni la seconda potenza economica mondiale prima che il gigante cinese si affacciasse sulla scena grazie alla globalizzazione stipulata tra la fine degli anni Novanta e i primi Duemila.

 

Negli anni Ottanta si era ipotizzato che Tokyo, forte della sua industria di precisione e di risparmi molto consistenti da parte delle famiglie, potesse scalzare gli USA dal trono di prima economia globale. Tuttavia i dirigenti nipponici furono portati ai cosiddetti Plaza Accord nel 1985, accordi economici con gli USA che secondo alcuni costarono al Giappone lo scoppio della baboru (bolla) nei primi anni Novanta e il conseguente «decennio perduto» dell’economia del Sol Levante.

 

Come riportato da Renovatio 21, alcuni giapponesi speculano su come il Plaza Accord seguisse di poche settimane il tragico schianto del volo JAL 123 nel quale persero la vita 520 persone, tra cui il celeberrimo cantante Kyu Sakamoto, e soprattutto il banchiere Akihisa Yukawa.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Abubakr Saeed via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic

Continua a leggere

Più popolari