Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Africano in carcere per presunta mutilazione genitale delle figlie. E invece per la circoncisione?

Pubblicato

il

 

A Piacenza è finito in carcere un africano accusato di aver sottoposto ad infibulazione le due figlie mentre le aveva portate nel suo Paese di origine durante le vacanze.

 

L’uomo, un religioso – che presumiamo musulmano senza averne certezza, visto i giornali sono tenuti per dovere deontologico imposto a essere criptici sugli immigrati, lo sappiamo – è stato arrestato al rientro dall’Africa. A denunciarlo, scrive il Corriere della Sera, sarebbe stata la moglie: «Mio marito ha fatto una cosa orribile».

 

Segue la giusta condanna del segretario nazionale dell’Unione delle Comunità islamiche d’Italia: «Pratica barbara e tribale»

 

L’infibulazione è un atto mostruoso. Il clitoride viene asportato assieme alle piccole labbra e a porzioni delle grandi labbra della vagina tramite cauterizzazione, per poi cucire la vulva lasciando però un piccolo buco per l’orina e il flusso mestruale.

 

Come è possibile stracciarsi le vesti per l’orrore dell’infibulazione senza mai poter discutere, neanche per un secondo, sul tema della circoncisione?

Si ritiene che lo scopo di questa pratica aberrante sia l’impedimento dei rapporti sessuali, che potranno avvenire solo dopo una «defibulazione» che può essere praticata dallo sposo dopo il matrimonio.

 

Gli effetti dell’infibulazione vanno al di là della pura violenza sul corpo della donna. Nei decenni scorsi qualcuno è arrivato a ipotizzare una correlazione tra la pratica dell’infibulazione e l’altissimo tasso dell’AIDS in Africa: rendendo in rapporti sessuali più difficili – con minor lubrificazione degli organi genitali delle donne cui di fatto è stato tolto il piacere sessuale – si creano più facilmente ferite e quindi scambio di sangue nella coppia.  Altri più concretamente dicono che la trasmissione dell’HIV avviene anche perché si usano spesso gli stessi strumenti chirurgici per molte operazioni di infibulazione.

 

Purtroppo essa non è rara. Secondo l’UNICEF in Egitto, dove pure sarebbe proibita, tra l’85% e il 95% delle donne sono state infibulate, mentre la Somalia raggiunge percentuali del 98%, guadagnandosi l’appellativo di pays des femmes cousues, «Paese delle donne cucite».

 

Si tratta di una piaga che va combattuta con tutta la forza di cui disponiamo, almeno nel nostro Paese, dove essa è vietata dalla legge 7/2006 (dai 4 ai 12 anni di carcere). Le bambine vanno protette da questa maledizione sanguinaria ed assurda.

 

E i bambini? I maschietti. Ad un certo punto bisognerà pur chiederselo

 

Che differenza c’è tra infibulazione e circoncisione?

 

Ambedue sono mutilazioni genitali. Ambedue hanno origini tribali, religiose. Ambedue non prevedono il consenso. Ambedue amputano irreversibilmente dei bambini, che cresceranno segnati nelle parti anatomiche deputate alla sessualità.

Che differenza c’è tra infibulazione e circoncisione?

 

A differenza dell’infibulazione, la circoncisione, fondamentale rito per i bambini ebrei (Brit Milah: «patto del taglio»), gode di uno fortunato status in molti Paesi del mondo. In Italia nessuna legge la proibisce, anzi, vi sono progetti affinché se ne possa usufruire presso la sanità pubblica. Come riportato in passato da Renovatio 21, grazie alla legge 101 del 1989 che ratifica l’intesa tra l’Italia e le comunità ebraiche italiane, i maschi di religione ebraica e musulmana possono usufruire di alcuni progetti «clinico-culturali» ed essere circoncisi per 400 euro da un medico in regime di attività libero professionale. La prestazione è da considerarsi al di fuori dei LEA (Livelli essenziali assistenziali). Tra i sottoscrittori il Policlinico Umberto I di Roma, l’Associazione internazionale Karol Wojtyla, la Comunità ebraica di Roma e il Centro islamico culturale d’Italia.

 

Della circoncisione come mutilazione genitale, quindi, nessuno vuole discutere. Anzi, nessuno ne sa nulla, nemmeno i soloni di Bioetica e Religione.

 

Tempo addietro ci siamo resi conto che l’ignoranza sull’argomento è totale perfino presso gli addetti ai lavori. Abbiamo visto organizzare conferenze sull’infibulazione da persone che si dicono «esperte» ma che ignoravano che con la circoncisione un numero enorme di terminazioni nervose vengono recise, rendendo le future esperienze sessuali del nascituro diverse da coloro che invece il prepuzio lo hanno conservato: in una trasmissione volgare presso la radio di Confindustria è capito di sentire un cittadino israeliano ammettere che il piacere forse può essere minore, ma ciò, diceva tutto soddisfatto, permette di guadagnare in longevità del rapporto sessuale. (Si tratta di temi e valori altissimi che gli organi di informazione dei padroni del vapore italiano si sentono di diffondere, anche prima di proporre la siringa obbligatoria per tutti i loro dipendenti)

 

Davanti ad una comparazione tra le due pratiche, gli «esperti» di bioetica dell’infibulazione spesso si inalberano perché davvero – incredibile – mai è venuto loro in mente di mettere sullo stesso piano infibulazione e circoncisione. Che motivi può avere una tale cecità?

 

Innanzitutto, l’ignavia. Mica possiamo pretendere che gli operai del discorso si rendano conto di cosa succede nel mondo, anche perché se lo facessero alcuni di loro potrebbero rischiare lo stipendio. Mica possiamo pretendere che siano coraggiosi, o anche solo intelligenti.

Ambedue sono mutilazioni genitali. Ambedue hanno origini tribali, religiose. Ambedue non prevedono il consenso. Ambedue amputano irreversibilmente dei bambini, che cresceranno segnati nelle parti anatomiche deputate alla sessualità

 

Poi deve esserci la paura di essere etichettati come antisemiti. Esporre dubbi etici sulla circoncisione, pensano alcuni, rischia di attirarci addosso le ire delle comunità ebraiche, che piuttosto lestamente ti possono appioppare addosso la «stella gialla» dell’antisemitismo, un marchio infamantissimo di cui è praticamente impossibile liberarsi. Non rileva che il problema della circoncisione non riguarda solo gli ebrei, ma anche i musulmani e, più vicini ancora, gli americani, che circoncidono infanti come non ci fosse un domani; il 90% dei maschi statunitensi ha subito la mutilazione del prepuzio, una cifra «somala».

 

In terzo luogo, alla base della spirale del silenzio sulla circoncisione c’è la vera e propria ignoranza. Abbiamo visto con mano che, per esempio, quando a questi esperti di infibulazione si chiede se sanno perché in USA la circoncisione sia così popolare, non rispondono.

 

Non sanno che alla base vi è l’inerzia di un allucinante pensiero medico ottocentesco, quello per cui tramite il taglio del prepuzio il ragazzo sarebbe divenuto più casto, non più incline alla masturbazione. Di fatto, tagliando una delle parti del corpo umano più innervate, e quindi più sensibili, un effetto di alterazione della sessualità forse pure lo ottenevano, anche giammai quello che desideravano.

 

A portare avanti ossessivamente questo pensiero, e con grandi mezzi, vi era il dottore nutrizionista, nonché businessman e cultore dell’eugenetica, John Harvey Kellogg (1852-1943).

 

Alla base della circoncisione in USA vi è l’inerzia di un allucinante pensiero medico ottocentesco, quello per cui tramite il taglio del prepuzio il ragazzo sarebbe divenuto più casto, non più incline alla masturbazione

Kellogg è l’inventore dei deliziosi cereali che una grande parte della popolazione mondiale consuma ogni giorno. Egli ingegnò questo alimento per gli stessi motivi per cui raccomandò e diffuse la circoncisione: per combattere la masturbazione. Per Kellogg il consumo matutino dei corn flakes aveva un effetto «anafrodisiaco» che scoraggiava la sessualità impura.

 

Era inoltre un grande fan del vestirsi solo di bianco (da capo a piedi, non aveva coloro indosso) e dei clisteri, con i quali diceva bisognava pulire la flora intestinale, un nemico di veleni come il tè, il caffè e il cioccolato e un «razzista scientifico» che scoraggiava il mescolamento tra le razze.

 

Kellogg dedicò gli ultimi tre decenni della sua esistenza alla promozione dell’eugenetica, fondando la Race Betterment Foundation, («Fondazione per il miglioramento della razza»), e organizzando diverse conferenze nazionali sul miglioramento della razza.

 

Tentò quindi di creare un vero e proprio «registro eugenetico», dicendosi favorevole alla sterilizzazione delle «persone mentalmente difettose», promuovendo un’agenda eugenetica mentre lavorava al Consiglio della sanità del Michigan e aiutando a emanare l’autorizzazione a sterilizzare quelle persone ritenute «mentalmente difettose» nelle leggi statali durante il suo mandato.

 

Ora, per quanto vogliamo andare avanti con questo stupido strabismo?

Fuori dalle religioni monoteiste non-cristiane, queste sono le basi sanitarie e culturali della circoncisione, questi sono i personaggi che l’hanno spacciata per «scienza», e imposta, grazie all’inerzia della massa, a centinaia di milioni di poveri bambini. Vi ricorda qualcosa, questa situazione?

 

Ora, per quanto vogliamo andare avanti con questo stupido strabismo?

 

Come è possibile stracciarsi le vesti per l’orrore dell’infibulazione senza mai poter discutere, neanche per un secondo, sul tema della circoncisione?

 

 

 

Bioetica

«Se possono obbligarti a fare un vaccino di cui non hai bisogno, che cosa non possono fare?»

Pubblicato

il

Da

 

 

Gli obblighi vaccinali riguardano «il potere», ha dichiarato Tucker Carlson in una trasmissione TV di Fox News della scorsa settimana.

 

«Queste richieste sono così ovviamente irrazionali, che costringerti ad accettarle senza lamentarti è il punto centrale dell’esercizio».

 

«Queste richieste sono così ovviamente irrazionali, che costringerti ad accettarle senza lamentarti è il punto centrale dell’esercizio»

In un appassionato monologo mandato in onda lo scorso lunedì, l’editorialista TV americano ha notato «è una forma di sadomasochismo, è dominio e sottomissione. Si tratta di potere. Se riescono a farti prendere medicine che non vuoi o di cui non hai bisogno, hanno vinto. Tu sei loro. Tu appartieni a loro. Vogliono questo».

 

«I vaccini – che sono molto meno efficaci di quanto ci era stato detto inizialmente, potenzialmente pericolosi per alcuni e completamente inutili per decine di milioni di altri – sono ora, tuttavia, obbligatori praticamente per tutti in America» ha detto Carlson.

 

«È una forma di sadomasochismo, è dominio e sottomissione. Si tratta di potere. Se riescono a farti prendere medicine che non vuoi o di cui non hai bisogno, hanno vinto. Tu sei loro. Tu appartieni a loro. Vogliono questo»

«Allora perché? Perché esattamente questa è la politica? Nel suo discorso al Paese della scorsa settimana, Joe Biden non si è preso la briga di spiegare perché. A questo punto non sono necessarie spiegazioni. Il tuo consenso non è più necessario».

 

Etichettando il discorso di Biden sull’0bbligo vaccinale come «il discorso più controverso e divisivo mai pronunciato da un moderno presidente americano», Carlson ha osservato che il punto centrale su cui Biden ha martellato è che «i tuoi concittadini americani sono pericolosi per te. Potrebbero ucciderti. E questo include la tua famiglia».

 

«Se possono obbligarti a prendere un vaccino di cui non hai bisogno, che cosa non possono fare?» si è chiesto.

 

«A questo punto non sono necessarie spiegazioni. Il tuo consenso non è più necessario»

«Perché non ti faranno assumere psicofarmaci se sei persistentemente disobbediente? Esprimi la visione sbagliata, fatti un’iniezione di torazina. Perché non potrebbero farlo? Qual è il loro principio limitante?»

 

Non è una domanda retorica. Uno Stato senza basi morali, dove può fermarsi? Se lo Stato moderno arriva a calpestare non solo la dignità dell’uomo e la legge naturale, ma perfino la sua stessa Carta Costituzionale (cioè, la sua ragione di essere), dove può limitarsi?

 

«Si può immaginare un gruppo di medici della CNN che spiega che saremmo tutti molto più al sicuro se i propagandisti malati di mente della destra radicale ricevessero le cure di cui hanno bisogno e smettessero di diffondere le loro pericolose teorie del complotto. Quindi dare loro farmaci psicotropi è una questione urgente di salute pubblica. Ti sembra inverosimile?»

 

«Perché non ti faranno assumere psicofarmaci se sei persistentemente disobbediente? Esprimi la visione sbagliata, fatti un’iniezione di torazina. Perché non potrebbero farlo? Qual è il loro principio limitante?»

A noi qui non sembra inverosimile. Di fatto Renovatio 21 si occupa da anni di un tema fondamentale per la saluta pubblica, quello delle droghe sintetiche legali chiamate «psicofarmaci». Una loro somministrazione obbligata non ci sembra, a questo punto, fantascienza: l’intera Nazione, l’intero mondo è sottoposto oggi ad un TSO ben peggiore.

 

Quanto alla spaccatura dalla società, noi abbiamo un modo di chiamarla: guerra biotica. Una popolazione divisa artatamente, in cui una parte viene aizzata contro l’altra, forte del mandato dell’establishment.

 

È la meccanica da incubo, oramai presente più o meno inconsciamente nel discorso di molti, che sta dietro alle guerre civili, ma qui si tratta di un conflitto nuovo, non più etnico o ideologico, ma biologico, biomolecolare, biotico – legato al bios, alla vita stessa.

 

 

Carlson Warns: “If The Powers That Be Can Force You To Get A Shot, What Can’t They Make You Take”

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Ricerche sui feti: università americana assume un investigatore indipendente

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Per mesi l’Università di Pittsburgh è stata messa sotto pressione da gruppi pro-vita per i suoi programmi di ricerca sui tessuti fetali. Ci sono state accuse secondo cui gli scienziati di UPitt hanno prelevato i reni di bambini non ancora nati mentre i loro cuori stavano ancora battendo.

 

L’Università ha negato con fermezza ogni addebito.

 

Ci sono state accuse secondo cui gli scienziati di UPitt hanno prelevato i reni di bambini non ancora nati mentre i loro cuori stavano ancora battendo

«Come abbiamo ripetutamente notato, l’Università di Pittsburgh non esegue procedure mediche e non fa parte del processo di raccolta dei tessuti», ha detto a Fox News ad agosto David Seldin, vice cancelliere di Pitt per la stampa.

 

«Tutta la ricerca dell’Università è strettamente controllata per garantire il rispetto di leggi e regolamenti federali e statali rigorosi e rigorosi».

 

All’inizio di questo mese l’Università ha compiuto l’insolita iniziativa di assumere un investigatore esterno per dimostrare che le sue pratiche di ricerca rientrano nei limiti della legge. Ha assunto  uno studio legale rispettato di Washington DC, Hyman Phelps & McNamara.

 

«La ricerca sui tessuti fetali è soggetta a solidi controlli interni a Pitt e altamente regolamentata a livello statale e federale», ha affermato una dichiarazione dell’UPitt.

 

«L’Università conduce regolarmente revisioni per garantire che le sue attività di ricerca – in tutte le aree di ricerca — siano conformi alle politiche interne e a tutte le leggi federali e statali pertinenti».

Un deputato statale repubblicano ha dichiarato di non voler spendere i soldi dei contribuenti per un’università che commette atrocità «deplorevoli, grottesche e moralmente offensive» in nome della ricerca sui bambini abortiti

 

La ricerca sui tessuti fetali è diventata un parafulmine per le controversie politiche.

 

Secondo il Pittsburgh Post-Gazette, un deputato statale repubblicano ha dichiarato di non voler spendere i soldi dei contribuenti per un’università che commette atrocità «deplorevoli, grottesche e moralmente offensive» in nome della ricerca sui bambini abortiti. La sua reazione ha ricalcato le accuse mosse contro l’Università.

 

«Di fronte a un’implacabile raffica di attacchi senza fondamento, l’Università di Pittsburgh sta combattendo le bugie in malafede con apertura e onestà», ha affermato Dan Frankel, rappresentante del governatore dello stato nel consiglio di amministrazione di UPitt.

 

«Ho piena fiducia che la scuola si dimostrerà ciò che è sempre stata: un campione per la scienza e la ricerca».

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Bioetica

Cosa trasforma cittadini comuni in torturatori?

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

L’articolo 5 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo delle Nazioni Unite afferma:

 

«Nessuno può essere sottoposto a tortura o a trattamenti o punizioni crudeli, disumani o degradanti».

 

Tuttavia, i governi continuano a torturare le persone nelle stazioni di polizia e nelle carceri. Cosa ne pensano i torturatori?

 

Dal momento che la tortura ha una tale cattiva pubblicità, i torturatori sono normalmente riluttanti a parlare della loro professione. Ma i ricercatori della De Paul University, a Chicago, che stanno creando una storia orale dell’Iraq, hanno intervistato 14 uomini che erano impiegati come torturatori sotto il dittatore iracheno Saddam Hussein.

 

Altre ricerche hanno suggerito che i torturatori fossero costretti a fare il loro macabro lavoro. Ma gli accademici De Paul hanno scoperto che i loro soggetti si offrivano volontari e talvolta pagavano anche tangenti per ottenere un lavoro sicuro come agente di sicurezza. Erano psicologicamente normali. Quando hanno scoperto che sarebbero stati impiegati come torturatori, sono rimasti scioccati, ma avevano bisogno del lavoro.

 

Si offrivano volontari e talvolta pagavano anche tangenti per ottenere un lavoro sicuro come agente di sicurezza. Erano psicologicamente normali

Sono stati addestrati da torturatori esperti su come infliggere dolore ed estorcere confessioni. Gli è stato detto di reprimere i sentimenti di compassione. Uno ha detto che gli è stato detto di «non mostrare mai pietà a coloro che vorrebbero danneggiare il paese o il presidente Saddam Hussein, che era come il padre della nostra famiglia».

 

Ai prigionieri è stato detto che «i loro peccati sono enormi e non possono essere perdonati! I loro peccati sono che vogliono rovesciare il regime, disturbando il nostro governo e disperdendo caos, terrorismo, saccheggi e uccisioni. Non credere mai che qualcuno di loro sia una vittima! Noi ne siamo le vittime».

 

Due degli uomini si sono rifiutati e sono stati essi stessi torturati fino a quando non hanno accettato di tornare al lavoro.

 

Sono state fatte relativamente poche ricerche in quest’area oscura dell’esperienza umana.

 

I ricercatori De Paul si sono confrontati con le informazioni dei soldati americani che hanno torturato i filippini nella guerra dal 1899 al 1902, i soldati greci sotto la giunta militare dal 1967 al 1974, i soldati cileni sotto Pinochet, i brasiliani durante il periodo di governo militare in Brasile 1964-1985 e soldati americani ad Abu Ghraib.

 

I ricercatori di De Paul hanno sostanzialmente scoperto che i torturatori si diventa, non si nasce.

 

Molti degli uomini iracheni si sono pentiti del loro coinvolgimento. Confidavano nel fatto che Dio avrebbe perdonato i loro peccati, ma uno aveva rinunciato a quella speranza, dicendo: «So che Dio non mi perdonerà mai per tutti i brutti crimini che ho commesso nei confronti di tutte quelle persone innocenti, e quindi merito davvero tutto quello che ho ora sto soffrendo».

 

Come nota in calce, il museo Amna Suraya nella città irachena di Sulaymaniyah, nella regione del Kurdistan, è diventato una grande attrazione turistica. Un tempo era il quartier generale settentrionale del Mukhabarat, l’agenzia di intelligence irachena, e un luogo per le torture. È, secondo un articolo della rivista Vice, «il museo più deprimente del mondo», con manichini a grandezza naturale di torturatori al lavoro.

 

 

Michael Cook

Direttore di Bioedge

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari