Connettiti con Renovato 21

Transumanismo

Transumanismo, Transgenderismo e no-vax

Pubblicato

il

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Nel 2004 l’eminente politologo Francis Fukuyama ha descritto il transumanesimo come «l’idea più pericolosa del mondo».

 

Nel 2011 il transumanesimo è apparso sulla copertina della rivista Time, sotto il titolo: «2045, l’anno dell’uomo diventa immortale».

 

Nel 2022, quando è stata l’ultima volta che hai letto di transumanesimo? «Quello che una volta era un ruggito penetrante si è ritirato in un rumore di sottofondo appena distinguibile», scrive George Dvorsky, uno scrittore transumanista che è il presidente dell’Istituto per l’etica e le tecnologie emergenti, in un affascinante articolo su Gizmodo.

 

Non è tanto che il transumanesimo sia diminuito. Invece è stato normalizzato, riflette Dvorsky. Cita Anders Sandberg, un don di Oxford che è uno dei principali teorici del movimento transumanista:

 

«Viviamo vite online utilizzando dispositivi indossabili (smartphone), aiutati dall’intelligenza artificiale e dall’aumento dell’intelligence, la realtà virtuale è tornata di nuovo, la terapia genica e i vaccini a RNA sono una cosa, stanno accadendo enormi costellazioni di satelliti, i droni stanno diventando importanti nella guerra, trans[gender ] i diritti sono un grosso problema, e così via», ha detto, aggiungendo: «Viviamo in un mondo parzialmente transumano».

 

Allo stesso tempo, tuttavia, l’idea transumanista di «abbracciare deliberatamente il cambiamento e cercare di mirare a un tale futuro non è diventata mainstream», ha affermato Sandberg.

 

Il legame tra transumanesimo e transgenderismo è forte, almeno sul piano teorico. Il transgenderismo vede il corpo come uno strumento malleabile, la sessualità come un limite da trascendere.

 

Come osserva Dvorsky:

 

«Martine Rothblatt, la miliardaria transumanista e sostenitrice dei diritti dei transgender, ha fatto un ulteriore passo avanti quando ha detto:” non possiamo sorprenderci che il transumanesimo nasca dall’inguine del transgenderismo” e che “dobbiamo accogliere questa ulteriore trascendenza della biologia arbitraria”».

 

Ma ci sono altre spiegazioni del perché il transumanesimo non è più nel radar dei media.

 

Uno è lo scetticismo e persino l’ostilità nei confronti della tecnologia. La sorveglianza dei cittadini, il furto di dati, i droni da guerra, la manipolazione da parte dei social media, i deepfake e così via hanno dimostrato che la tecnologia avanzata ha un lato oscuro.

 

Temi transumanisti emergono nei film, ma quasi sempre come caratteristica di un futuro distopico.

 

Inoltre, le persone sono distratte da altre cause: cambiamenti climatici, guerra in Ucraina, conflitto con la Cina, crisi finanziarie…

 

«Oggi abbiamo un serio problema con il cinismo e il pessimismo che paralizzano le persone dal cercare di riparare e costruire le cose», ha detto Sandberg a Dvorsky. «Serve ottimismo!»

 

Infine, la politica, dal punto di vista di Dvorsky, ha preso una brutta piega. Il potere dei no-vax nella pandemia COVID ha mostrato quanto siano ostili molte persone alla manipolazione genetica di qualsiasi tipo.

 

E la sentenza Dobbs [la sentenza della Corte Suprema USA che ha decretato che l’aborto non è un diritto federale, ndr] ha limitato i diritti riproduttivi, che è una questione chiave per i transumanisti.

 

«Fino a quando questi diritti non saranno stabiliti, sembra un po’ prematuro lodare i benefici di ricordi migliorati o di una durata della vita radicalmente estesa, per quanto sia triste doverlo ammettere», scrive Dvorsky.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Grande Reset

Il Necronomicon di Klaus Schwab: la Quarta Rivoluzione industriale creerà l’inferno sulla Terra

Pubblicato

il

Da

C’è una frase che mi tocca ripetere spesso, quando vengo interpellato su quando finirà l’emergenza pandemica e quando si potrà tornare a vivere «come prima».

 

La risposta che purtroppo devo dare è questa: «nulla sarà più come prima».

 

Se qualcuno pensasse che questa opinione è esageratamente pessimista, posso dire di avere trovato una autorevole conferma a questa mia tesi che peraltro sostengo già dall’inizio della pandemia in un libro la cui lettura non è assolutamente consigliabile, perché ci vuole uno stomaco davvero forte per affrontarla. È una sorta di Necronomicon, una finestra aperta sull’abisso.

 

Si tratta del volume La Quarta rivoluzione industriale, il cui autore è Klaus Schwab, ingegnere, economista e accademico tedesco, fondatore e presidente del World Economic Forum (WEF).

 

Il Forum è famoso per il suo incontro annuale a Davos, in Svizzera, che attira imprenditori, capi di Stato e politici di tutto il mondo, oltre a intellettuali e giornalisti, per discutere le questioni più importanti e urgenti del pianeta, anche nei settori della salute e dell’ambiente.

 

L’anno scorso l’ottuagenario Schwab pubblicò un volume sull’epidemia da COVID e gli scenari che esso apriva, intitolato Il Grande Reset.

 

Schwab, in questo libro illustra come l’epidemia possa costituire una grande occasione di cambiamento. Altro che un castigo inviato da Dio per colpire la pravità degli uomini, come dicevano alcuni fondamentalisti cristiani nel 2020; altro che un castigo inviato da Madre Natura, umiliata e offesa, come dicevano importanti esponenti della neochiesa cattolica, a partire dall’Arcivescovo di Vienna.

 

L’epidemia è un fattore importante di accelerazione di processi avviati da qualche tempo.

 

E non è complottismo, si badi, perché questi scenari sono illustrati da un esponente del pensiero dominante.

 

Un piano preciso, ufficiale e ben documentato, sul quale istituzioni internazionali, filantropi, organizzazioni non governative e mega-aziende private collaborano apertamente già da tempo.

 

Le nuove abitudini acquisite dalle popolazioni durante la pandemia hanno apportato quell’impulso alla digitalizzazione e all’automazione decisivo per implementare la Quarta Rivoluzione Industriale, che finora stentava a realizzarsi. È l’inizio di una nuova era.

 

E così, sono andato a leggermi questo testo del 2016 di Schwab, in cui si annunciava ad un pubblico ristretto, quasi di addetti ai lavori, cosa si stava annunciando. E se la prefazione all’edizione italiana è di John Elkan, il cui nonno, Gianni Agnelli, il Signore della FIAT, designò prima di morire a suo successore dinastico, e che oggi è amministratore delegato della Exor N.V., una holding di investimento controllata dalla famiglia Agnelli,e a capo di una serie di imprese di innovazione tecnologica, la prima edizione inglese aveva nientemeno che una prefazione di Sua Altezza Reale il Principe (allora) Carlo d’Inghilterra.

 

Il successore della Regina Elisabetta ha una lunga frequentazione con Schwab, il che fa pensare che il nuovo inquilino di Buckingham Palace non abbia passato i suoi primi 74 anni nell’estenuante attesa di succedere alla madre, dedicandosi agli sport ippici e alla frequentazione di Camilla, e ciò significa che la sua ascesa al trono della più inquietante tra le superpotenze possa segnare un altro punto a favore del Grande Reset.

 

Ma di cosa parla questo libro fondamentale per comprendere ciò che sta accadendo e quale sia il futuro che ci attende? La Quarta rivoluzione industriale è una rivoluzione ipertecnologica, che comporterà- negli auspici di Schwab, una profonda trasformazione per l’umanità. Il termine «rivoluzione», secondo l’economista germanico, denota un cambiamento repentino. Tutto si dovrà svolgere in modo veloce, deciso, irreversibile.

 

Nella storia abbiamo avuto diverse rivoluzioni: la prima, migliaia di anni fa, fu quella agricola, con il passaggio dalla caccia come principale attività per sopravvivere all’agricoltura. Poi, dopo molti secoli, nell’800 abbiamo avuto la prima Rivoluzione industriale, quella del vapore per muovere le macchine, per ingrandire le industrie, per fare ricchezza.

 

La seconda Rivoluzione avvenne agli albori del ‘900, e fu quella dell’elettricità.

 

La terza l’abbiamo conosciuta negli ultimi anni del XX –secolo: quella digitale o informatica.

 

La quarta, infine, sta iniziando ora, ed è quella – dice Schwab – dell’IA, Intelligenza Artificiale, delle nanotecnologie, dell’automazione, del mito dello «sviluppo sostenibile». «La Quarta Rivoluzione Industriale conferirà alla tecnologia un carattere pervasivo» (p. 129).

 

Un aggettivo piuttosto curioso, mai usato per indicare una realtà traumatica come una rivoluzione. Che significa pervasivo? Qualcosa che è capace di diffondersi in campi e aspetti un tempo estranei. La Treccani definisce il termine «pervasivo» come «tendente a pervadere, a diffondersi in modo penetrante, così da prevalere o dominare».

 

E quale e come sarà questo nuovo potere pervasivo? Sarà «The Second Machine Age», dice Schwab. La Seconda Era delle macchine, quella della Robotica avanzata, della manifattura additiva, chiamata Stampa 3D, che fabbricherà qualunque cosa, utilizzando anche nuovi materiali (la Chimica dei materiali sta avendo uno sviluppo vertiginoso) come Grafene, come conduttori di calore e elettricità.

 

Con la stampante 3D si potranno anche fabbricare organi umani; già oggi si possono realizzare padiglioni auricolari, ad esempio, ma nel futuro prossimo si potrà produrre ogni tipo di organi, realizzando così il sogno del professor Frankenstein di costruire un uomo in laboratorio.

 

Ci sarà una biologia di sintesi, si svilupperà l’Epigenetica, ovvero quelle tecnologie per cui, come dice l’autore del libro, «il contesto potrà contribuire a modificare l’espressione genica».

 

Quale contesto? Schwab cita uno scienziato italoamericano, James Giordano, che ha dichiarato che «il genoma è il campo di battaglia del futuro». Questo Giordano è professore presso il Dipartimento di Neurologia e responsabile del Programma di Studi di Neuroetica presso il Centro di Bioetica Clinica della Georgetown University, una università cattolica, diretta e amministrata dalla Compagnia di Gesù. È altresì membro del Comitato consultivo per la neuroetica, la legalità e le questioni sociali della Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA), un’agenzia governativa del Dipartimento della Difesa degli Stati Uniti incaricata dello sviluppo di nuove tecnologie per uso militare.

 

Le sue ricerche si concentrano sull’uso di neurotecnologie avanzate per esplorare la neurobiologia del dolore e altri disturbi dello spettro neuropsichiatrico; la neuroscienza del processo decisionale morale e le questioni neuroetiche derivanti dall’uso delle neuroscienze e delle neurotecnologie nella ricerca, nella medicina clinica, nella vita pubblica, nelle relazioni e politiche internazionali e nella sicurezza e difesa nazionale

 

Giordano quindi lavora per i Gesuiti e per l’apparato militare statunitense, e ha conquistato Schwab con questa affermazione sul genoma come campo di battaglia, che non può non suscitare viva preoccupazione.

 

Modificare il genoma umano è il sogno dei transumanisti, per i quali l’uomo come è uscito dalle mani del Creatore non va affatto bene, perché è difettoso, perché si ammala, perché è debole, fragile, e infine muore.

 

I transumanisti, nel loro delirio gnostico e luciferino, ambiscono all’uomo come macchina perfetta, e possibilmente immortale.

 

La strada per arrivare a questo passa attraverso diverse tappe, che hanno come obiettivo la modifica del DNA, possibile attraverso i processi definiti eufemisticamente come «editing», ovvero creare organismi con determinate caratteristiche la manipolazione genetica.

 

Si parla anche di «bioprinting», ed è singolare l’uso di un linguaggio mutuato dall’editoria per definire il rimaneggiamento e le modificazioni apportate alle creature viventi e all’uomo stesso.

 

In effetti, Schwab, a un certo punto (p. 55), si lascia andare a una strana previsione:  «Prima di quanto si possa prevedere, le principali attività di diverse occupazioni (tra cui medici e giornalisti) potrebbero essere parzialmente o completamente automatizzate».

 

Una frase che fa pensare al ruolo avuto da medici e giornalisti nell’ambito della gestione della pandemia, ruolo che in effetti avrebbe potuto essere tranquillamente rivestito da automi: quasi tutti i giornalisti scrivevano le stesse cose, e quasi tutti i medici avrebbero potuto essere sostituiti da un ripetitore telefonico automatico per dire di prendere il Paracetamolo e andare a vaccinarsi.

 

Medici e giornalisti hanno avuto un ruolo fondamentale nella narrazione pandemica, ma il cantore del Grande Reset ne annuncia la fine.

 

E per finire Schwab annuncia anche altri grandi cambiamenti nella società e nell’uomo. Annuncia una «economia on demand», che caratterizzerà una società sempre più liquida, dove si passerà dalla cultura della proprietà a quella dell’uso comune.

 

Nessuno possiederà nulla, dalla casa all’auto, al lavoro stesso, e dovrà essere felice così. Schwab annuncia la fine di quella istituzione obsoleta – retaggio del vecchio Stato sociale – che è il pensionamento: si dovrà lavorare tutta la vita. Lo Stato sarà molto occupato a mantenere «la sicurezza»: avrà a disposizione nuovi strumenti tecnologici potentissimi di controllo, evoluzione degli attuali green pass.

 

Già, perché l’economista tedesco dice (p. 114) che «il pericolo maggiore per la stabilità globale potrebbe arrivare da gruppi radicali, la cui lotta contro il progresso si traduca in atti di violenza».

 

Per garantire la sicurezza ci saranno Blockchain e sensori identificativi radio frequency. Dovremo indossare apparecchi che monitoreranno la salute, secondo gli intenti del Potere, ma che in realtà serviranno a controllare ed eteroguidare le persone.

 

E non è finita: se non saranno sufficienti gli organismi di polizia, si potrà ricorrere alla guerra. E qui Schwab ci descrive uno scenario che ha già avuto inizio in Ucraina: la guerra – secondo lui – sarà di tipo non convenzionale, senza distinzione tra e civili e soldati. Tutti dovranno prendere le armi per distruggere quanti più nemici possibile. Le guerre, per il tedesco, saranno tecnologiche e biologiche, e prevederanno . «epidemie prodotte da organismi geneticamente modificati».

 

Ci sarà l’uso militare di neurotecnologie (quelle studiate da Giordano), ovvero nanotecnologie che producono «metamateriali», ovvero materiali «intelligenti» che sono in possesso di proprietà create artificialmente.

 

E tutto questo sarà sostenuto, promosso, propagandato come il migliore dei mondi possibili dai media di ogni tipo. Benvenuti all’inferno.

 

 

Paolo Gulisano

 

 

Articolo previamente apparso su Ricognizioni

 

 

 

Immagine Skellator di via Deviantart pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

 

Continua a leggere

Pensiero

Terrore e «strategia transumanista». Cosa accadrà dopo le elezioni? Intervista con il professor Marini

Pubblicato

il

Da

Cosa accadrà dopo le elezioni? Cosa cambierà con l’avvento di un nuovo governo? Sono le domande che ci poniamo tutti, ora più che mai. Dopo il biennio di follia pandemica, nessuno di noi ha certezza di cosa potrà divenire ora lo Stato.

 

Renovatio 21 ne ha discusso con il professor Luca Marini, docente di diritto internazionale alla Sapienza di Roma e già vice presidente del Comitato Nazionale per la Bioetica e fondatore del Comitato Internazionale per l’Etica della Biomedicina (CIEB), i cui pareri sono spesso rilanciati da Renovatio 21.

 

 

Professor Marini, CIEB, nel suo parere dello scorso 19 agosto, ricorda la «diffusa tendenza in atto nel mondo occidentale a consolidare, anziché a eliminare», i sistemi premiali introdotti durante la pandemia, quali il green pass. Il CIEB, quindi, non sembra avere fiducia nel fatto che l’eventuale arrivo del centro-destra al governo potrebbe portare alla definitiva abolizione del Green Pass. 

Direi proprio di no. Mi sembra che il centrodestra si sia già espresso in favore dell’identità digitale, espressione che costituisce un mero artificio semantico per nascondere, tra l’altro, le nuove mirabolanti applicazioni del «vecchio» green pass.

 

Del resto c’è già chi sostiene, e potrebbe essere non lontano dal vero, che l’affermazione del centrodestra rischia di mascherare forme di governo più repressive delle nuove, eventuali proteste nei confronti della attuale situazione economica post-pandemica.

 

 

Secondo lei, il nuovo Parlamento dovrebbe fare chiarezza sui troppi morti da COVID e sugli effetti avversi dei vaccini, magari nominando una commissione d’inchiesta sulla pandemia? 

Non ho la sfera di cristallo e non so cosa farà il nuovo Parlamento. Certo è che, a meno di una schiacciante vittoria dei partiti antisistema, permane il rischio di un completo, assoluto, totale asservimento del Parlamento al governo, esattamente come è accaduto in questi due anni e mezzo.

 

Come del resto è forte il rischio che, in nome della «governabilità», venga riproposto un governo tecnico, indipendentemente dai risultati elettorali.

 

 

Eppure in Gran Bretagna alcune inchieste giornalistiche, nonché le rivelazioni di alcuni politici di spicco, hanno fatto scoppiare il caso degli effetti collaterali del lockdown. Perché in Italia non si apre questo dibattito? 

Perché l’Italia è il Paese più corrotto del mondo occidentale.

 

 

È una grave accusa. E poi come c’entra la corruzione con la mancanza di trasparenza nel dibattito pubblico?

Che l’Italia sia un Paese corrotto non lo dico io, ma le classifiche internazionali degli anni passati, periodo COVID a parte.

 

E per avere un’idea di quanto possa essere addomesticato il dibattito su problematiche di rilevanza scientifica, basti pensare alla caduta verticale dell’onestà intellettuale di gran parte dei docenti universitari, che preferisce coltivare meschine ambizioni accademiche e una vera e propria vocazione per l’allineamento funzionale al potentato di turno, più che lo spirito critico e la ricerca della verità.

 

In questa prospettiva appare evidente non solo che l’attendibilità delle evidenze pubblicate sulle riviste scientifiche è quanto meno controversa, ma anche che la mera contrapposizione tra evidenze scientifiche tra loro confliggenti – che non a caso comincia ora a essere alimentata anche da convegni accademici – ha il solo scopo di gettare fumo negli occhi del pubblico per mascherare la progressiva trasformazione dei diritti e delle libertà fondamentali in graziose concessioni governative, esattamente come è avvenuto con la grande truffa del COVID.

 

 

Eppure la giurisprudenza più recente sembra orientarsi in direzione di riconoscere la responsabilità civile per i decessi provocati dalla vaccinazione. Siamo a un punto di svolta? 

Che il cosiddetto vaccino sia un medicinale sperimentale, per il quale non esistono dati clinici completi in ordine alla sicurezza e all’efficacia, non lo dico io, ma il regolamento europeo che ne ha autorizzato l’immissione in commercio, peraltro solo in via condizionata e provvisoria.

 

Semmai, c’è da stupirsi che tante persone, tra cui molti magistrati, abbiano atteso così a lungo per prenderne atto.

 

 

Per quanto riguarda lo stanziamento in favore di GAVI Alliance contenuto nel Decreto Aiuti Bis, quali sono le principali criticità?

Anzitutto non è chiaro perché disposizioni espressamente finalizzate a favorire la partecipazione dell’Italia a «iniziative multilaterali in materia di salute, con specifico riferimento alla prevenzione, preparazione e risposta alle pandemie» siano contenute in un provvedimento recante misure urgenti in materia di «energia, emergenza idrica, politiche sociali e industriali».

 

Inoltre è singolare che un Governo incaricato del solo disbrigo degli affari correnti decida di regalare 100 milioni per l’acquisto di vaccini destinati ai Paesi a reddito medio-basso non direttamente in favore di questi ultimi, ma in favore di GAVI Alliance, ossia dell’ente privato straniero maggiormente coinvolto nel propagandistico sostegno politico-mediatico alla campagna vaccinale, nonché nella progettazione, produzione, distribuzione e commercializzazione dei cosiddetti vaccini anti-COVID, la cui insicurezza e inefficacia erano già note in sede di autorizzazione condizionata all’immissione in commercio.

 

 

Ma quale motivo, secondo Lei, ha indotto il Governo a finanziare GAVI Alliance piuttosto che donare direttamente i vaccini ai Paesi in ritardo di sviluppo, tenuto anche conto del fatto che, secondo una recente inchiesta di Report, nell’hub di Pratica di Mare sono stipati circa 15 milioni di dosi di vaccini che rischiano di scadere?

Veramente la domanda andrebbe rivolta al presidente del Consiglio. 

 

 

Forse il Governo lo ha fatto davvero per rafforzare la cooperazione internazionale in materia di salute, come afferma il Decreto Aiuti Bis. Lei cosa ne pensa?

Temo che qualsiasi motivazione diversa da questa che lei ricorda sarebbe etichettata come complottista, come ad esempio fare riferimento alla strategia transumanista.

 

 

E in cosa consisterebbe questa «strategia transumanista»?

Una rivoluzione antropologica condotta all’insegna del liberismo mercantilista e di un malinteso senso del progresso tecno-scientifico, che fa leva sull’applicazione di tecnologie rischiose ed eticamente discutibili quali le converging technologies su cui si basa il tanto celebrato potenziamento del corpo e della mente umani: dalle nanotecnologie alla biologia sintetica passando per le applicazioni delle neuroscienze e l’intelligenza artificiale.

 

Va ricordato che il COVID ha dischiuso scenari eugenetici ed eutanasici impensabili fino a poco tempo fa.

 

Lo scopo complessivo di questa strategia, al di là delle dichiarazioni di facciata sul miglioramento della condizione umana, consiste nello smantellamento sistematico delle garanzie poste a tutela della dignità e dei diritti fondamentali dell’uomo, come riconosciute dalle fonti del diritto interno e internazionale che sanciscono espressamente, tra l’altro, il primato dell’essere umano sulla scienza e sulla società.

 

 

Certo è molto significativo che GAVI sia finanziata principalmente dalla Gates Foundation. Tenuto conto che quest’ultima è anche tra i principali finanziatori dell’OMS, non c’è il rischio, secondo lei, che un soggetto privato finisca per indirizzare le policy sanitarie di Stati deboli nella direzione da esso voluta?

«L’affaire COVID ha evidenziato che quei soggetti privati cui lei allude controllano i circuiti scientifici, accademici, culturali, tecnologici, produttivi, mediatici e politici di qualsiasi Stato, sia esso debole sul piano economico, sul piano politico o sul piano culturale e morale, come ad esempio l’Italia. E ciò va ben al di là della governance delle policy sanitarie e degli interventi più o meno filantropici nelle aree in ritardo di sviluppo.

 

 

Lei parla spesso di «biopandemismo» per indicare la situazione attuale. Può spiegare meglio questo punto?

Terrorizzare e soggiogare le popolazioni mediante crisi di natura diversa: sanitaria, ecologica, climatica, idrica, militare e altre ancora.

 

È il dispositivo strategico di cui si servono le corporazioni finanziarie multinazionali che sostengono i governi globalisti e che agiscono all’ombra degli stessi: presentare problemi in forma globale e offrire soluzioni anch’esse globali, privando l’individuo di ogni possibilità di discussione critica e di partecipazione responsabile, rassicurandolo paternalisticamente circa la bontà e l’efficacia delle misure da adottare – in linea con lo scellerato slogan Whatever it takes – e finendo per scardinare il patto di alleanza tra cittadini e governi.

 

L’impotenza è la parola d’ordine del biopandemismo, che così giustifica e legittima l’attribuzione di poteri forti a uomini unti dal Signore e a entità giuridiche inviate dalla Provvidenza.

 

E chi pensa che l’emergenza sia finita e con essa la stagione dei governi tecnici, si sbaglia, purtroppo: lo vedremo dopo le elezioni. 

 

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

Davos, «ragioni solide e razionali» per impiantare microchip nei bambini

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Affermando che la tecnologia della «realtà aumentata» «ha la capacità di trasformare la società e le vite individuali», il World Economic Forum ha recentemente suggerito che ci sono ragioni «solide», «razionali» ed «etiche» per considerare l’impianto di microchip nei bambini.

 

 

 

Affermando che la tecnologia della «realtà aumentata» «ha la capacità di trasformare la società e le vite individuali», il World Economic Forum (WEF) ha recentemente suggerito che ci sono ragioni «solide», «razionali» ed «etiche» per considerare l’impianto di bambini con microchip.

 

Secondo un articolo pubblicato questo mese sul sito web del WEF, «le tecnologie implantari potrebbero diventare la norma in futuro» e «fanno parte di una naturale evoluzione subita dai dispositivi wearable [indossabili, ndt]».

 

L’autrice dell’articolo, Kathleen Philips, ha affermato che ci sono argomenti «avvincenti» a favore del microchippaggio degli esseri umani.

 

Ad esempio, le tecnologie implantari potrebbero soppiantare il ruolo attualmente svolto dai prodotti farmaceutici ingeribili, potrebbero aiutare i bambini dislessici o potrebbero «annusare» allergeni alimentari o malattie come il COVID-19, ha affermato la Philips.

 

I potenziali vantaggi di queste «tecnologie straordinarie», ha affermato Philips, sono infiniti, limitati solo da «argomenti etici» piuttosto che da «capacità scientifiche».

 

La Philips è vicepresidente della ricerca e sviluppo di IMEC, una società belga che si definisce «l’hub di ricerca e sviluppo e innovazione leader a livello mondiale nella nanoelettronica e nell’elettronica digitale».

 

Secondo il WEF, l’articolo di Philips è stato «intenzionalmente travisato su siti che diffondono informazioni false», aggiungendo che «il travisamento dei contenuti riduce le conversazioni aperte».

 

 

Le tecnologie impiantabili forniscono «superpoteri» ai bambini

Secondo Philips, mentre «i supereroi hanno dominato i grandi e piccoli schermi per un po’», al giorno d’oggi, «molti bambini si aspettano di sviluppare loro stessi i superpoteri».

 

Suggerendo che la tecnologia implantare ha il potenziale per fornire tali «superpoteri», ha affermato, «la tecnologia ha sempre avuto il potenziale per trasformare la società e migliorare la nostra vita quotidiana e professionale» – e la tecnologia di aumento non fa eccezione.

 

Respingendo le argomentazioni secondo cui tali aspettative sono «irraggiungibili», la Philips ha affermato: «stiamo già facendo i primi passi verso una “società aumentata”», citando le app di monitoraggio del fitness sugli smartphone come parte di un’evoluzione «dall’assistenza sanitaria alla cura del bene [in originale «from health care to “well care”», ndt]».

 

Tale «cura del bene», secondo Philips, «non riguarda più solo la risoluzione di un danno», ma «riguarda la tecnologia che ti supporta e migliora la qualità generale della tua vita».

 

L’argomentazione di Philips rispecchia da vicino le affermazioni fatte di recente da società Big Tech come Apple nel descrivere i presunti vantaggi dei propri prodotti e app sanitari, come riportato di recente da The Defender.

 

In che modo la Philips definisce questo «aumento»?

 

Secondo Philips:

 

«L’aumento può essere definito come l’estensione della riabilitazione dove ausili tecnologici come occhiali, impianti cocleari o protesi sono progettati per ripristinare una funzione persa o compromessa».

 

«Aggiungilo a individui completamente sani e tale tecnologia può dare un aumento. Occhiali da notte, esoscheletri e interfacce cervello-computer fanno il quadro».

 

La tecnologia «aumentata» «aiuterà in tutte le fasi della vita: bambini in un ambiente di apprendimento, professionisti al lavoro e anziani ambiziosi», ha affermato la Philips. «Ci sono molte possibilità».

 

Non solo la tecnologia «diventerà più intrecciata con il corpo sotto forma di impianti», ha affermato Philips. «Si integrerà anche perfettamente con l’ambiente», ha affermato, citando esempi come «sensori su una sedia».

 

La tecnologia fa semplicemente parte di una «naturale evoluzione che i dispositivi indossabili hanno già subito», ha affermato la Philips, sostenendo che «gli apparecchi acustici o gli occhiali non portano più uno stigma» ma sono «accessori e sono persino considerati un articolo di moda».

 

«Allo stesso modo», afferma Philips, «gli impianti si evolveranno in una merce».

 

Ottenere un impianto è più invasivo che prendere un paio di occhiali, ha ammesso Philips, aggiungendo: «In genere, gli impianti saranno collegati a condizioni mediche» – suggerendo che gli impianti diventeranno inizialmente comuni negli esseri umani che soffrono di particolari disturbi.

 

In seguito, Philips ha affermato: «La misura in cui un particolare dispositivo diventa comune dipenderà dalla funzionalità della tecnologia e da quanto è integrata nel tuo corpo e nella vita quotidiana».

 

Ad esempio, le tecnologie implantari possono includere collane che «annusano COVID-19 o allergeni alimentari», per le quali «non c’è motivo immediato per impiantare questo senso in più nel tuo corpo», mentre «un’allergia mortale alle arachidi può giustificare una soluzione più permanente».

 

Ha anche suggerito che «gli impianti cerebrali ci portano un passo avanti» consentendoci di «attingere direttamente al “sistema operativo” del corpo», sostenendo che tale tecnologia è già utilizzata per «attenuare i sintomi dell’epilessia, del morbo di Parkinson o della depressione».

 

«La maggior parte [sebbene in particolare non tutte] le applicazioni rimarranno basate su necessità mediche piuttosto che su uno strumento di lettura del pensiero», ha affermato, e «gli impianti cerebrali potrebbero [enfasi aggiunta] non essere la prima scelta nella nostra società aumentata».

 

Come esempio di «necessità medica», la Philips ha osservato che «si dice che la stimolazione elettrica del nervo vago, la superstrada che ha origine nel cervello, sia una terapia miracolosa per la depressione resistente al trattamento».

 

 

«Ragioni solide e razionali» per «impiantare un chip di tracciamento nel tuo bambino»

Per la Philips, solo «argomenti etici» possono limitare l’invasione delle tecnologie impiantabili nella nostra vita quotidiana e nel nostro corpo.

 

Ponendo la domanda: «vuoi andare in giro con un chip in testa?» la Philips ha affermato che i chip non sono diversi da «apparecchi acustici o cardiofrequenzimetri» o «occhiali intelligenti, telefoni, braccialetti e simili».

 

È «plausibile», ha detto, che gli impianti seguiranno una «evoluzione simile» nel regno della salute e che questo «potenzialmente» potrebbe essere il caso anche nel mondo dell’istruzione e del lavoro.

 

Ponendo un’altra domanda ipotetica, ha chiesto: «Dovresti impiantare un chip di tracciamento nel tuo bambino?» «Ci sono ragioni solide e razionali per questo, come la sicurezza», ha detto.

 

Rispondendo alle preoccupazioni che questo potrebbe essere «un ponte troppo lontano», Philips ha sollevato la questione della sicurezza, citando l’esempio del pacemaker indossato dall’ex vicepresidente Dick Cheney, che è stato apparentemente modificato per prevenire l’hacking.

 

Philips ha anche chiesto ai lettori del suo articolo di «considerare tutti i prodotti farmaceutici che assumi senza fare domande», sostenendo: «Spesso dimentichiamo che questi farmaci sono correlati alle anfetamine» che già «hanno un impatto sul nostro cervello».

 

Riferendosi specificamente ai bambini, Philips ha affermato che ai bambini dislessici potrebbero essere fornite «nuove opportunità attraverso impianti che si traducono in tempo reale», pur riconoscendo che «la dislessia è un tratto personale» che noi, come società, dobbiamo determinare se desideriamo cambiare o no.

 

L’esempio di Philips di utilizzare potenzialmente i chip per curare la dislessia nei bambini ha una certa somiglianza con le affermazioni fatte in un video prodotto nel 2018 dal WEF, che promuoveva la tecnologia di riconoscimento facciale utilizzata in alcune classi cinesi per «controllare che gli studenti [sic] stiano prestando attenzione».


Questa tecnologia è stata anche oggetto di un articolo di Mashable del 2018 , che la descriveva come in grado di «misurare le espressioni degli studenti, inclusi rabbia, fastidio, sorpresa e, naturalmente, felicità», aggiungendo che può avvisare gli insegnanti «quando un il comportamento disattento dello studente raggiunge un certo valore».

 

Un funzionario dell’istruzione cinese è stato citato nella storia di Mashable affermando che «il sistema è abbastanza avanzato da catturare le sottili espressioni facciali in classe», aggiungendo che «questo è un modo molto efficiente per controllare la frequenza delle lezioni».

 

I commenti sulla pagina Facebook del WEF , dove è stato pubblicato il video, sono stati estremamente negativi.

 

Ad esempio, un commento diceva: «sembra più una prigione per me… Il Grande Fratello ti guarda sempre in ogni dettaglio, sembra più come avere prove per punizione o rimprovero».

 

È stato segnalato nel 2019 come l’uso della tecnologia di riconoscimento facciale nelle aule sia stato «frenato» dalle autorità cinesi. Tuttavia, sembra essere ancora in uso a un certo livello, come l’ esecuzione di pagamenti, provocando recentemente una reazione da parte di alcuni genitori per problemi di privacy.

 

La Philips ha riconosciuto che la tecnologia solleva alcune preoccupazioni etiche. Tuttavia, ha affermato, il ruolo di guardia etica può e deve essere svolto da «istituzioni globali o indipendenti», che possono «guidare i responsabili politici e i ricercatori nella società aumentata sulle cose da fare e da non fare e aiutare a costruire il quadro etico sugli aspetti sociali della tecnologia della realtà aumentata».

 

Le recenti iniziative del Consiglio d’Europa e del Rathenau Institute del governo olandese sono state citate come esempi di tali «istituzioni globali o indipendenti».

 

 

Le tecnologie impiantabili fanno parte della più ampia promozione del WEF delle tecnologie artificiali

L’articolo della Philips è un altro di una recente serie di articoli apparsi sul sito Web del WEF che promuovono l’uso della realtà aumentata, della realtà virtuale (VR) e dell’intelligenza artificiale (AI) in molti aspetti della società, inclusa l’istruzione dei bambini.

 

Come riportato da The Defender a maggio, il WEF, dopo il suo vertice annuale a Davos, in Svizzera, quel mese, ha propagandato i vantaggi della realtà virtuale e dell’intelligenza artificiale in classe, arrivando a suggerire con entusiasmo che alla fine potrebbe soppiantare i mattoni e i scuole di mortaio del tutto.

 

Altri articoli recenti presenti sul sito web del WEF hanno promosso il metaverso come una sorta di fusione tra il proprio corpo fisico e «digitale», e il ruolo che l’IA potrebbe svolgere nell’arginare la diffusione della cosiddetta «disinformazione» e «teorie del complotto» sul Internet.

 

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

 

© 25 agosto 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari