La radici del Deep State mondiale

 

 

 

Il 23 febbraio 2021, la testata cinese Global Times della Cina ha pubblicato un editoriale intitolato «I Five Eyes sono l’odierno asse della supremazia bianca» dove si condannavano i nuovi attacchi anti-cinesi da parte dei membri dell’apparato di intelligence, attacchi che hanno subito un’accelerazione nelle ultime settimane.

 

L’editoriale iniziava criticando la recente decisione del governo canadese di condannare all’unanimità la Cina come sponsor del genocidio durante l’imbarazzante – voto il 21 febbraio, e poi ha detto:

 

«Canada, Regno Unito e Australia, tre membri dell’alleanza Five Eyes, si sono recentemente attivati ​​per fare pressione sulla Cina. Hanno formato una comunità centrata negli Stati Uniti, razzista e in stile mafioso, provocando volontariamente e arrogantemente la Cina e cercando di consolidare la loro egemonia come fanno tutti i gangster».

 

Mentre la stampa mainstream che ha denunciato le accuse del Global Times come sciocche e complottiste, vale la pena chiedersi se c’è della verità nella condanna.

 

Five Eyes è il nome dato alla struttura di sorveglianza che coinvolge i quattro principali paesi del Commonwealth anglosassone (Gran Bretagna, Canada, Australia e Nuova Zelanda) insieme agli Stati Uniti creata per spiare sui propri cittadini aggirando le costituzioni

Per coloro che potrebbero non essere a conoscenza, Five Eyes è il nome dato alla struttura di sorveglianza britannica controllata dal GCHQ [Government Communications Headquarters s: l’agenzia governativa britannica che si occupa della sicurezza, nonché dello spionaggio e controspionaggio, nell’ambito delle comunicazioni, ndr] che coinvolge i quattro principali paesi del Commonwealth anglosassone (Gran Bretagna, Canada, Australia e Nuova Zelanda) insieme agli Stati Uniti.

 

Come molti informatori patriottici come Bill Binney, Ray McGovern ed Edward Snowden  hanno smascherato negli ultimi anni , il sistema Five Eyes che si è formato nell’«ordine mondiale post-9/11» come mezzo per prevalere sulla protezione costituzionale di ciascuna nazione sui propri cittadini capitalizzando su un importante buco del circuito legale (vale a dire: poiché è tecnicamente illegale per le agenzie di intelligence americane spiare gli americani senza mandato, e per il CSIS fare lo stesso con i canadesi, si afferma che va bene per i britannici / Le agenzie di intelligence canadesi per spiare le Americhe e viceversa).

 

Quando guardiamo alle origini dei «Cinque Occhi», che sono più risalenti rispetto all’11 settembre 2001, possiamo vedere chiaramente che si sta toccando un nervo molto profondo e sincero.

 

 

Informatori patriottici come  Edward Snowden  hanno smascherato negli ultimi anni come il sistema Five Eyes che si è formato nell’«ordine mondiale post-9/11» come mezzo per prevalere sulla protezione costituzionale di ciascuna nazione sui propri cittadini

Cecil Rhodes e le radici razziste dello Stato profondo

Il portavoce dell’Impero britannico del XIX secolo, Cecil Rhodes scrisse la sua famigerata  Settima volontà  nel 1877 dove, parlando a nome di un impero morente nel mezzo della diffusione globale delle istituzioni repubblicane, invocò la formazione di un nuovo piano di ri-organizzare l’Impero e la riconquista tutti i possedimenti coloniali che erano stati contaminati dalle idee repubblicane di libertà, progresso, uguaglianza e autodeterminazione (1).

 

Rhodes dichiarava:

 

«Io sostengo che siamo la razza più bella del mondo e che più il mondo in cui viviamo meglio è per la razza umana. Immaginate solo quelle parti che sono attualmente abitate dai più spregevoli esemplari di esseri umani quale alterazione ci sarebbe se fossero portati sotto l’influenza anglosassone, guardate ancora l’occupazione che dà un nuovo Paese aggiunto ai nostri domini. Io sostengo che ogni acro aggiunto al nostro territorio significhi in futuro la nascita di un po’ di più della razza inglese che altrimenti non sarebbe stata portata all’esistenza…»

 

«Immaginate solo quelle parti che sono attualmente abitate dai più spregevoli esemplari di esseri umani quale alterazione ci sarebbe se fossero portati sotto l’influenza anglosassone» Cecil Rhodes

«Perché non dovremmo formare una società segreta con un solo obiettivo di promuovere l’Impero britannico e portare l’intero mondo incivile sotto il dominio britannico per il recupero degli Stati Uniti per la creazione della razza anglosassone in un solo un impero… » ( 2)

 

Il Rhodes Trust fu istituito alla sua morte nel 1902 per amministrare le vaste ricchezze accumulate durante lo sfruttamento delle miniere di diamanti in Africa da parte di Rhodes. Guidato da Lord Alfred Milner, è stato questo Trust che ha dato vita al Round Table Movement e al Rhodes Scholarship Fund che a loro volta sono dietro alla creazione di un secolo di tecnocrati indottrinati che hanno permeato tutti i rami del governo, della finanza, dell’esercito, dei media, aziendale e accademico, sia in America che a livello internazionale  (3) .

 

Il Round Table Movement, (lavorando in tandem con la Fabian Society di Londra) non ha sostituito le strutture di potere del vecchio impero britannico, ma ha ridefinito il loro comportamento basato sul riassorbimento dell’America nell’alveare anglosassone.

 

Ciò ha comportato la centralizzazione del controllo dell’istruzione della loro élite manageriale «con borse di studio speciali a Oxford e la London School of Economics, quindi l’invio delle vittime indottrinate a frotte nelle rispettive nazioni per essere assorbite nelle strutture di governo dell’Impero britannico in tutti i domini di influenza pubblica e privata. In termini della Fabian Society, questo concetto è noto come «teoria della permeazione» (4)

«Perché non dovremmo formare una società segreta con un solo obiettivo di promuovere l’Impero britannico e portare l’intero mondo incivile sotto il dominio britannico per il recupero degli Stati Uniti per la creazione della razza anglosassone in un solo un impero… » Cecil Rhodes

 

Anche se a volte è stata necessaria la rimozione anticipata dei leader politici nazionalisti dal potere, tramite intrighi, colpi di stato o assassinio, il XX secolo è stato modellato in larga misura dalla crescita cancerosa di questa rete diretta dai britannici che ha cercato di annullare il concetto repubblicano di progresso e cooperazione erano la base sia della sovranità che del diritto internazionale, come stabilito nel  Trattato di Westfalia del 1648 [5]

 

Questo è lo il Deep State, lo Stato Profondo, di cui aveva avvertito il presidente Roosevelt quando nel 1936 disse:

 

«I realisti economici si lamentano del fatto che cerchiamo di rovesciare le istituzioni d’America. Quello di cui si lamentano davvero è che cerchiamo di togliere loro il potere ».

 

Questo è lo Stato Profondo di cui ha avvertito il presidente uscente Eisenhower  quando ha parlato  dell’«acquisizione di un’influenza ingiustificata, cercata o meno, da parte del complesso industriale militare»  nel 1961 e contro cui John Kennedy ha combattuto quando ha licenziato il direttore della CIA Allen Dulles e ha  minacciato di «frantumare la CIA in mille pezzi e disperderla nel vento» .

Il Round Table Movement e il Rhodes Scholarship Fund sono dietro alla creazione di un secolo di tecnocrati indottrinati che hanno permeato tutti i rami del governo, della finanza, dell’esercito, dei media, aziendale e accademico, sia in America che a livello internazionale

 

È ciò con cui Ronald Reagan ha lottato quando ha tentato di far uscire il mondo dalla Guerra Fredda lavorando con la Russia e altre nazioni sulla difesa a raggi nel 1983. È questa struttura che ha posseduto l’intera carriera del procuratore speciale Robert Mueller, dal mettere in prigione negli anni ’80 Lyndon LaRouche   alla sua copertura del ruolo anglo-saudita nel 9/11 come direttore della CIA, ai i suoi sforzi per mettere sotto accusa il presidente Donald Trump dal 2017-2020 (6).

 

È questo stesso complesso che è la conseguenza diretta delle razziste Guerre dell’Oppio guidate dagli inglesi contro la Cina e della repressione dell’India e dell’Africa durante il 19° e il 20° secolo.

 

In Canada, questa è stata la rete che ha distrutto i piani del primo ministro nazionalista John Diefenbaker dopo aver licenziato il governatore studente Rhodes della Banca del Canada nel 1959 durante una lotta disperata per prendere il controllo della banca nazionale al fine di finanziare la sua Northern Vision (7). [una audace strategia per estendere la nazionalità canadese all’Artico e sviluppare le sue risorse naturali a beneficio di tutti i canadesi pensata durante la campagna elettorale 1958 del John G. Diefenbaker come sua piattaforma politica, ndr]

 

Questo è lo Stato Profondo di cui ha avvertito il presidente uscente Eisenhower  quando ha parlato  dell’«acquisizione di un’influenza ingiustificata, cercata o meno, da parte del complesso industriale militare»  nel 1961 e contro cui John Kennedy ha combattuto quando ha licenziato il direttore della CIA Allen Dulles e ha  minacciato di «frantumare la CIA in mille pezzi e disperderla nel vento»

In precedenza, era questoil  gruppo di cui il primo ministro Wilfred Laurier, ammiratore di Lincoln, aveva avvertito dopo la sua sconfitta nel 1911 quando disse che  «il Canada è ora governato da una giunta seduta a Londra, nota come” The Round Table “, con ramificazioni a Toronto, in Winnipeg, a Victoria, con Tories e Grits che ricevevano le loro idee da Londra e le costringevano insidiosamente nelle rispettive parti “».(8)

 

La lezione da imparare è che il Deep State non è «americano» come molti commentatori hanno ipotizzato. È lo stesso vecchio impero britannico da cui l’America si è liberata brillantemente nel 1776 e che Cecil Rhodes e Milner guidarono nel riorganizzare per conto della monarchia all’inizio del XX secolo. Era razzista quando i signori Palmerston e Russell lo gestirono nel diciannovesimo secolo e continua ad essere razzista oggi.

 

 

Matthew Ehret

 

 

Articolo pubblicato su gentile concessione dell’autore. 

 

 

NOTE

1)  Nel 1876, l’American Centennial Exhibition di Filadelfia mostrò a un pubblico mondiale il successo del «Sistema americano di economia politica» che affermava che il valore e il comportamento del denaro era subordinato alla crescita produttiva fisica della nazione piuttosto che ai «mercati liberi del sistema britannico». Il sistema di Lincoln era stato adottato in tutte le nazioni sudamericane, Giappone, Cina, India e anche molte potenze europee (inclusa la Russia) che si erano stancate di essere manipolate dagli intrighi imperiali britannici.

2)  Cecil Rhodes, 1877 Confessions of Faith,  University of Oregon.

3)  Vedi l’articolo dell’autore «American System or British Dictatorship part 1», Canadian Patriot # 7, giugno 2013.

4)  Chiunque in Canada desideri approfondire questo argomento, potrebbe chiedere al Ministro degli Esteri tecnocratico canadese Chrystia Freeland in che modo la sua esperienza come Rhodes Scholar ha plasmato la sua carriera.

5) «The Peace of Westfalia: France’s Defense of the Sovereign Nation»  di Pierre Beaudry, EIR, 29 novembre 2002.

6)  Barbara Boyd, «Robert Mueller Is an Amoral Legal Assassin: He Will Do His Job If You Let Him by Barbara Boyd», 1 ottobre 2017 larouchepac.com. Un denominatore comune tra tutti i leader americani citati non è solo che hanno intrapreso la guerra contro le strutture dello Stato Profondo, ma hanno fatto continui tentativi di lavorare in modo costruttivo con Russia, Cina, India e altre nazioni per lo sviluppo industriale e scientifico. Questa politica di «cooperazione vantaggiosa per tutti» è antagonista a tutti i sistemi dell’impero ed è il motivo per cui l’Impero odia la Cina e il potenziale creato con l’intenzione di Trump di lavorare sia con la Cina che con la Russia.

7)  Vedi l’articolo dell’autore «John Diefenbaker and the Sabotage of the Northern Vision», Canadian Patriot # 4, gennaio 2013

8) O.D. Skelton, The Life of Sir Wilfrid Laurier, p. 510.

 

 

 

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.