Peter Thiel avverte che Bitcoin «potrebbe essere un’arma finanziaria cinese contro gli Stati Uniti»

 

 

Peter Thiel è probabilmente il più acuto venture capitalist del pianeta. Già socio di Elon Musk in PayPal, già primo investitore in Facebook (mise 500 mila dollari, ne uscirono un miliardo), già fondatore della misteriosa azienda software di Intelligence Palantir, già supporter contro ogni pronostico di Donald Trump alle elezioni 2016 (ma non alle 2020… ci azzecca davvero sempre), vogliamo ricordare Thiel anche per essere stato allievo del filosofo del sacrificio Réné Girard.

 

Tre anni fa Thiel mise in guardo nei confronti della Cina e del suo uso dell’Intelligenza Artificiale:

 

«Dal punto di vista della Cina, a loro non piace che abbiamo questa valuta di riserva in quanto ci dà molta leva… come sulle catene di approvvigionamento del petrolio…»

«Storicamente, i regimi comunisti come l’Unione Sovietica e la Cina maoista hanno cercato di creare economie di comando altamente centralizzate, ha osservato Thiel. Un’intelligenza artificiale sufficientemente potente potrebbe realizzare il sogno del burocrate di prevedere con precisione la resa delle patate dei contadini con mesi di anticipo da migliaia di chilometri di distanza»

 

L’IA, spiegava Thiel, segue una tendenza di centralizzazione, mentre le criptovalute sono l’esatto opposto: rappresentano la decentralizzazione del processo.

 

Quindi, riassunse il giovane miliardario, «il Partito Comunista Cinese odia le criptovalute e ama l’IA».

 

«L’euro potrebbe forse essere visto come una potenziale arma cinese contro il dollaro… anche se l’ultimo decennio non ha funzionato in questo modo»

Ora pare aver cambiato idea.

 

«Dal punto di vista della Cina, a loro non piace che abbiamo questa valuta di riserva in quanto ci dà molta leva… come sulle catene di approvvigionamento del petrolio…» ha dichiarato Thiel  in un incontro alla Nixon Foundation a cui partecipava anche l’ex Segretario di Stato Mike Pompeo.

 

«Non vogliono che i Reminbi diventino la valuta di riserva perché allora dovrebbero aprire il loro conto capitale» e quindi perderebbero l’importantissimo controllo centralizzato che hanno a cuore.

 

«L’euro potrebbe forse essere visto come una potenziale arma cinese contro il dollaro… anche se l’ultimo decennio non ha funzionato in questo modo… ma alla Cina potrebbe essere piaciuto vedere due valute di riserva e sfruttare l’euro».

Mi chiedo se a questo punto, Bitcoin dovrebbe anche essere considerato in parte come un’arma finanziaria cinese contro gli Stati Uniti»

 

 

Quindi Thiel ha virato improvvisamente sul discorso criptovalute: «Mi chiedo se a questo punto, Bitcoin dovrebbe anche essere considerato in parte come un’arma finanziaria cinese contro gli Stati Uniti».

 

«Se il Bitcoin è un investimento a lungo termine della Cina, forse da una prospettiva geopolitica, gli Stati Uniti dovrebbero porre alcune domande più difficili su come funziona esattamente».

 

Thiel ha quindi dato il suo pensiero anche sulla moenta elettronica di Stato che starebbe preparando la Cina: «… non è una vera criptovaluta, è solo una sorta di dispositivo di misurazione totalitario».

 

«Se il Bitcoin è un investimento a lungo termine della Cina, forse da una prospettiva geopolitica, gli Stati Uniti dovrebbero porre alcune domande più difficili su come funziona esattamente».

Nel gennaio 2018 emerse che un fondo di Peter Thiel fece un investimento in criptovalute di proporzioni massive.

 

È notizia di questo mese che il suo ex socio Elon Musk abbia con Tesla investito 1,5 miliardi di dollari in Bitcoin e procedere a istituire un pagamento in criptovaluta per le automobili elettriche che produce.

 

Consigliamo ai lettori di Renovatio 21 il libro di Peter Thiel Da Zero a uno, che è denso di illuminazioni uniche sull’economia digitale, sulla Cina, e su tanti altri temi.

 

 

 

 

PER APPROFONDIRE

Abbiamo parlato di

In affiliazione Amazon

 

 

 

 

Immagine di Heisenberg Media via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)