Connettiti con Renovato 21

Economia

I Rothschild triplicano i loro Bitcoin e attaccano l’inchiesta dei trumpiani sull’integrità delle elezioni 2020

Pubblicato

il

 

 

 

Il gruppo di investimento della famiglia bancaria Rothschild a Chicago ha recentemente aumentato la sua posizione indiretta in Bitcoin di quasi quattro volte nel secondo trimestre, secondo il documenti dell’ente di regolazione del mercato azionario USA SEC del secondo trimestre riguardo la Rothschild Investment Corp del 19 luglio.

 

La società dei Rothschild, ancora gestita dalla famigerata famiglia che l’ha fondata nel 1908, ora possiede 141.405 azioni di Grayscale Bitcoin Trust, dopo aver aggiunto 103.059 azioni dall’ultimo trimestre.

 

La società dei Rothschild, ancora gestita dalla famigerata famiglia che l’ha fondata nel 1908, ora possiede 141.405 azioni di Grayscale Bitcoin Trust, dopo aver aggiunto 103.059 azioni dall’ultimo trimestre

Negli ultimi anni Bitcoin si è affermato come una forte valuta alternativa in mezzo all’instabilità finanziaria mondiale caratterizzata da inflazione valutaria, carenza di gas, interruzioni della catena di approvvigionamento ispirate al coronavirus e potenziali carenze di cibo. Come riportato da Renovatio 21, strani misteri si assiepano sul Bitcoin, con la morte sospetta di alcuni suoi grandi detentori e sostenitori.

 

«Va ricordato che un membro della famiglia Rothschild, Lynn Forester de Rothschild, si oppone febbrilmente al movimento patriottico dell’integrità elettorale negli Stati Uniti d’America» ricorda il sito americano National File.

 

Lady Lynn Forester de Rothschild è la moglie di Sir Evelyn de Rothschild, mega miliardario in pensione di 90 anni, capo della NM Rothschilds Bank di Londra

 

Gli sforzi dei Rothschild sarebbero diretti alla riforma elettorale degli USA – dove in alcuni Stati si può votare senza esibire documenti! – per negare che i trumpiani, scottati dalle controversie elettorali del 2020 (dove brogli stanno emergendo ancora oggi).

 

«Fermare la legislazione sull’integrità elettorale sembra essere l’ultima ossessione dei Rothschild. Secondo quanto riferito, i Rothschild prepararono Napoleone Bonaparte per il disastro nella battaglia di Waterloo, tentarono senza successo di influenzare la valuta americana durante la presidenza di Abraham Lincoln (ma ebbero più successo dopo l’assassinio di Lincoln) e inventarono lo stato-nazione sionista di Israele attraverso la Dichiarazione Balfour. Ora, almeno uno dei maggiori Rothschild vuole impedire agli americani di avere elezioni sicure con l’ID elettorale» scrive il sito americano.

 

«Va ricordato che un membro della famiglia Rothschild, Lynn Forester de Rothschild, si oppone febbrilmente al movimento patriottico dell’integrità elettorale negli Stati Uniti d’America»

I Rothschild avrebbero fatto parte di un incontro su Zoom con «oltre 100 leader aziendali» lo scorso, sabato «cme meglio attaccare la legislazione cruciale sull’integrità elettorale che viene approvata a livello statale», discutendo «della legislazione sull’integrità elettorale che è stata approvata in alcuni stati come la Georgia, con più legislazione che passa attraverso le legislature di vari altri Stati».

 

L’incontro non è stato decisamente segreto: si tratta di una mossa che CBS News ha descritto come «un segnale che il le principali aziende della nazione stanno preparando una risposta molto più solida e organizzata al dibattito in corso».

 

Tra le aziende  che hanno attaccato la legislazione sull’integrità elettorale, Delta Airlines e Coca-Cola particolare hanno seguito la legislazione approvata in Georgia. Ma vi sarebbero stati anche il CEO di Walmart, il CEO di American Airlines, il CEO di Linkedin, il CEO di ViacomCBS e pure James Murdoch, figlio di quel Rupert Murdoch che detiene il canale conservatore Fox News.

Il CEO Capitalism, l’oligarcato delle multinazionali, contro Trump e i suoi milioni di elettori: ma dove sta la novità?

 

Il CEO Capitalism, l’oligarcato delle multinazionali, contro Trump e i suoi milioni di elettori: ma dove sta la novità?

 

Come riportato da Renovatio 21, Lynn Forester de Rothschild è altresì a capo del grande accordo tra il Vaticano di Bergoglio ed altri oligarchi finanziari globalisti noto come «Consiglio per il capitalismo inclusivo», sedicente «movimento delle imprese mondiali e dei leader del settore pubblico che stanno lavorando per costruire un sistema economico più inclusivo, sostenibile e affidabile che soddisfi le esigenze della nostra gente e il pianeta».

 

Lynn Forester de Rothschild è altresì a capo del grande accordo tra il Vaticano di Bergoglio ed altri oligarchi finanziari globalisti noto come «Consiglio per il capitalismo inclusivo»

«Questo Consiglio seguirà l’avvertimento di Papa Francesco di ascoltare “il grido della terra e il grido dei poveri” e rispondere alle richieste della società per un più equo e sostenibile modello di crescita» disse al varo dell’iniziativa dell’oligarcato nel Santo Uffizio la Rothschild.

 

Secondo Il Corriere della Sera, fu la signora Lynn a presentare a Bill Clinton l’oscuro miliardario pedofilo Jeffrey Epstein, trovato misteriosamente impiccato in carcere due estati fa.

 

È stato riportato che il nome della signora compaia nella lista delle persone che hanno volato con il jet privato di Epstein, il famoso «Lolita Express».

 

Ghislaine Maxwell, la «madame» associata ad pedofilo Epstein e alle sue enigmatiche operazioni, secondo la testata americana Business Insider avrebbe comprato la sua casa a New York nel 2000 da Lynn Forester, che a quel tempo non aveva ancora sposato il vecchio Rothschild.

Secondo Il Corriere della Sera, fu Lady Lynn de Rothschild a presentare a Bill Clinton l’oscuro miliardario pedofilo Jeffrey Epstein, trovato misteriosamente impiccato in carcere due estati fa

 

La futura signora Rothschild «ha venduto l’immobile per circa 8,5 milioni di dollari in meno rispetto al suo valore di mercato stimato, che era di oltre 13,4 milioni di dollari. Forester ha acquistato la casa nel 1997 per 4,475 milioni di dollari, secondo i documenti fiscali» scrive Business Insider.

 

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Prezzi alla produzione in Germania a +34%

Pubblicato

il

Da

 

I prezzi alla produzione in Germania sono a +34% su base annua, tre punti in più rispetto al già record storico del mese scorso. Lo ha riferito l’Ufficio di statistica tedesco

 

Ciò si ripercuoterà automaticamente sui prezzi al consumo, dove i prezzi dei generi alimentari sono già superiori del 17% rispetto allo scorso anno.

 

Nel frattempo, il Regno Unito sta assistendo al tasso di inflazione più alto tra i membri del G7, con il 9%. Il governatore della Banca d’Inghilterra Andrew Bailey ha affermato di temere presto un tasso di inflazione a due cifre e si è scusato per i suoi toni «apocalittici», secondo l’emittente pubblica tedesca Deutsche Welle.

 

Sarebbe  da confrontare l’inerzia dei governi di oggi con la reazione dei governi dopo lo shock petrolifero del 1973-74. A quel tempo, i governi videro arrivare l’inflazione e introdussero misure protettive per i redditi delle famiglie, come le scale mobili del costo della vita. Questi sistemi sono stati revocati durante la liberalizzazione degli anni 1980-90.

 

Ora, i governi occidentali hanno visto arrivare l’ondata di inflazione, ma non hanno fatto nulla per proteggere la popolazione.

 

La Germania, già locomotiva d’Europa, è con l’Italia il Paese più colpito dalla congiuntura presente, a cui si sono assommate le folli sanzioni alla Russia primo fornitore di energia del Paese, che ha appena preso in prestito altri 40 miliardi di euro per cercare di parare il colpo.

 

Le politiche energetiche «verdi» dei governi Merkel sono stati un ridicolo fallimento: la Germania non ha vento per far funzionare i mulini a vento. Aumenta il carbone.

 

I prezzi al supermercato sono già aumentati fino al 50%; i giornali spiegano ai cittadini tedeschi che devono lavarsi di meno per risparmiare energia.

 

I blackout totali sono dietro l’angolo. Le rivolte della popolazione, pure – e Berlino lo sa.

 

Si avvicina la realizzazione dell’incubo delle sinistre tedesche: il Tag X, il giorno del crollo dello Stato federale con conseguente inizio del piano di un network di estrema destra diffuso in tutto il Paese, ma mai trovato da indagini giornalistiche, poliziesche e giudiziarie.

 

 

Continua a leggere

Economia

Putin: l’Europa sta realizzando un «autodafé economico»

Pubblicato

il

Da

Il presidente della Federazione russa Vladimir Putin ha presieduto il 17 maggio una riunione dei membri chiave del suo gabinetto di economia ed energia.

 

Oltre a rivedere le politiche occidentali di guerra economica anti-Russia, che stanno prima di tutto distruggendo l’Europa, l’incontro ha anche affrontato la questione di una politica energetica lungimirante per la Russia nelle nuove circostanze.

 

Putin ha iniziato sottolineando che, «per la Russia, con le sue enormi riserve di idrocarburi, questa industria, così come il complesso di combustibili ed energia nel suo insieme, è stata e rimane una delle componenti principali dell’economia nazionale».

 

Putin ha quindi accusato l’Occidente di utilizzare il cambiamento climatico come scusa per prendere di mira questa capacità.

 

«In effetti, la cosiddetta classe politica in Occidente ha iniziato a sfruttare la preoccupazione del tutto naturale di molte persone nel mondo per i problemi del clima e dei cambiamenti climatici (…) La cosiddetta classe politica in Occidente ha iniziato a sopravvalutare le potenzialità dell’alternativa energia e sottovalutando l’importanza di tutte le fonti energetiche tradizionali, compresi gli idrocarburi».

 

Putin si è poi rivolto alla politica delle sanzioni: «Sotto la pressione del loro padrone, gli Stati Uniti, i Paesi europei stanno imponendo più sanzioni sui mercati del petrolio e del gas che porteranno a una maggiore inflazione».

 

I Paese europei stanno progettando di fare a meno dell’energia russa del tutto, ma «si sono posti questo obiettivo ignari del danno che stanno facendo alle rispettive economie. Si ha l’impressione che i politici e gli economisti occidentali semplicemente dimentichino le leggi economiche di base o semplicemente scelgano di ignorarle».

 

Di conseguenza, i prezzi dell’energia sono in aumento, come i prezzi spot del petrolio e del carburante diesel, per i quali cercano di incolpare la Russia.

 

«Dire no all’energia russa significa che l’Europa diventerà sistematicamente e a lungo termine la regione più costosa del mondo per le risorse energetiche (…) Alcuni analisti affermano che minerà gravemente o addirittura irrevocabilmente la competitività di una parte significativa dell’industria europea, che sta già perdendo terreno rispetto ad aziende di altre parti del mondo».

 

«Questo autodafé economico (…) è ovviamente un suicidio, un affare interno ai Paesi europei. Ma intanto bisogna agire in modo pragmatico, partendo anzitutto dai nostri stessi interessi economici».

 

Quindi il presidente russo è rivolto alla politica russa in questo settore. «Ora le azioni irregolari dei nostri partner – questo è quello che sono – hanno portato de facto a una crescita dei ricavi nel settore petrolifero e del gas russo oltre al danno per l’economia europea»

 

«I cambiamenti nel mercato petrolifero sono tettonici (…) In queste nuove condizioni, è importante non solo produrre petrolio, ma anche costruire un’intera catena verticale, fino al consumatore finale».

 

Tra le modifiche richieste ci sono «migliorare le opportunità logistiche e garantire transazioni in valute nazionali (…) e incoraggiare progetti sulla lavorazione avanzata delle materie prime e sul potenziamento della tecnologia dei servizi petroliferi nazionali, compreso lo sviluppo di giacimenti e l’estrazione».

 

«Capendo quali passi farà l’Occidente nel prossimo futuro, dobbiamo trarre conclusioni in anticipo ed essere proattivi, trasformando i passi caotici sconsiderati di alcuni dei nostri partner a nostro vantaggio a beneficio del nostro Paese».

 

«Naturalmente, non dobbiamo sperare nei loro infiniti errori. Dovremmo semplicemente, praticamente procedere dalle realtà attuali, come ho detto. A questo proposito, vorrei discutere un piano per misure aggiuntive che ci consentano di proteggere il più possibile i nostri interessi nazionali e rafforzare la nostra sovranità economica, in questo caso nel settore dei combustibili e dell’energia, in primo luogo l’industria petrolifera».

 

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0), immagine tagliata.

 

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Sanzioni, oltre la metà dei tedeschi ammette di essere più povera rispetto al 2021

Pubblicato

il

Da

Il 53% dei tedeschi ha affermato che la propria situazione finanziaria è peggiorata rispetto allo scorso anno a causa delle sanzioni imposte dai paesi occidentali alla Russia, ma il sostegno rispetto alle sanzioni rimane allo stesso livello. Lo dimostrerebbe un recentissimo sondaggio di Morning Consult.

 

Il 53% dei tedeschi intervistati tra il 27 aprile e il 3 maggio ha riconosciuto che la propria situazione finanziaria è peggiorata rispetto a un anno fa, mentre in un sondaggio condotto dal 23 al 26 febbraio, quando sono state imposte le prime sanzioni, solo il 36% degli intervistati affermava la stessa cosa.

 

Secondo il sondaggio, solo il 13% degli intervistati si aspetta «periodi positivi continui» per l’economia.

 

Il numero di tedeschi che sostengono le sanzioni contro il petrolio e il gas russi è rimasto quasi lo stesso rispetto a un sondaggio del 16-18 marzo, con il 40% degli intervistati che sostiene le sanzioni anche se provoca inflazione e il 32% delle persone sostiene la decisione solo se non porta a prezzi più alti, afferma un sondaggio condotto dal 5 al 10 maggio.

 

Il 45% dei tedeschi afferma di sostenere l’invio di più armamenti in Ucraina, mentre il 38% si è espresso contro questa misura.

 

I sondaggi sono stati condotti dal 27 aprile al 3 maggio e dal 5 al 10 maggio su campioni rappresentativi di circa 1.000 adulti tedeschi ciascuno, con margini di errore non ponderati di più o meno 3 punti percentuali.

 

La Germania è il Paese più colpito, assieme all’Italia, dallo sconquasso economico, finanziario, energetico e industriale delle sanzioni verso Mosca.

 

Paese ritenuto solitamente avverso al debito, la Germania tre settimana fa ha preso in prestito altri 40 miliardi di euro per contenere le conseguenze della guerra ucraina.

 

Come riportato da Renovatio 21, i supermercati tedeschi hanno già ufficialmente applicato un aumento dal 20% al 50% sui prodotti, mentre i prezzi alla produzione nel Paese sono in aumento del 31%.

 

La popolazione tedesca è per soprammercato costretta allo spettacolo osceno dei giornali che consigliano di lavarsi meno e del loro nuovo cancelliere che incassa fantozzianamente gli insulti dell’ambasciatore ucraino, che, in questo mondo rovesciato fino all’incomprensibile, come rappresentante del Paese più povero d’Europa e forse prossimo alla disfatta militare lancia ordini e sputi contro il vertice della fu locomotiva d’Europa.

 

La Germania sarà il primo Paese d’Europa ad andare verso il collasso, o meglio, quello che un presunto network di estrema destra locale chiama il Tag X, il giorno X?

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari