Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

Golpe della Wagner in Russia?

Pubblicato

il

I generali russi nella tarda serata di venerdì hanno accusato Evgenij Prigozhin, magnate a capo del gruppo Wagner, di aver tentato di organizzare un colpo di Stato contro il presidente Vladimir Putin, mentre le autorità russe hanno aperto un’indagine su Prigozhin per «aver organizzato una ribellione armata».

 

Prigozhin venerdì ha accusato l’esercito russo di aver attaccato le sue forze della Wagner e, in una serie di registrazioni pubblicate sui social media, ha promesso che i suoi combattenti avrebbero reagito.

 

Le autorità russe, a loro volta, hanno accusato Prigozhin – le cui bordate contro il ministero della Difesa russo erano state tollerate per mesi – di star fomentando una rivolta.

 

«Il male sopportato dalla leadership militare del Paese deve essere fermato», ha detto Prigozhin in una delle serie di registrazioni vocali pubblicate sul social network Telegram dopo le 21:00 ora di Mosca.

 

Pochi minuti dopo, ha suggerito che la sua forza mercenaria Wagner era pronta a passare all’offensiva contro il ministero della Difesa russo, dicendo: «siamo in 25.000 e scopriremo perché il caos sta accadendo nel Paese».

 

Mentre scriviamo quantità di video non verificati girano su Internet, che mostrerebbero che la Wagner sulle strade di Rostov sul Don.

 

Una clip pubblicata stamane presto sembra mostrare due carri armati parcheggiati in un incrocio mentre sono fiancheggiati da diversi fanti. In lontananza si vedono un camion militare e un veicolo da combattimento corazzato. Il video è stato presumibilmente girato vicino al quartier generale del distretto militare meridionale della Russia.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per mesi Prigozhin aveva attaccato i massimi leader militari, che ha accusato in termini aspri di incompetenza nella conduzione della guerra, affermando che i vertici militari russi si rifiutavano di fornire alle forze di Wagner le munizioni necessarie anche se combattevano a fianco dell’esercito russo per il controllo della città ucraina di Bakhmut.

 

Tuttavia mai prima d’ora Prigozhin aveva accusato i capi militari russi di attaccare le sue forze, né aveva affermato in termini così crudi che la giustificazione dichiarata dal Cremlino per la guerra fosse una copertura per un oligarcato corrotto di profittatori.

 

In un video di 30 minuti pubblicato venerdì, Prigozhin aveva descritto l’invasione dell’Ucraina da parte del suo paese come un «racket» perpetrato da un’élite corrotta che insegue denaro e gloria senza preoccuparsi delle vite dei russi.

 

«La nostra guerra santa con coloro che offendono il popolo russo, con coloro che cercano di umiliarlo, si è trasformata in un racket», ha detto.

 

«La guerra non era necessaria per riportare i cittadini russi nel nostro seno, né per smilitarizzare o denazificare l’Ucraina», ha detto Prigozhin, riferendosi alle giustificazioni iniziali di Putin per la guerra. «La guerra era necessaria affinché un branco di animali potesse semplicemente esultare di gloria».

 

Il capo della Wagner ha proseguito dicendo che non c’era «nulla di straordinario» nell’atteggiamento militare dell’Ucraina alla vigilia dell’invasione del febbraio 2022, sfidando la giustificazione del Cremlino secondo cui l’Ucraina era sul punto di attaccare il territorio separatista sostenuto dalla Russia nell’est dell’Ucraina.

 

Quindi accusato il ministro della difesa russo, Sergej Shoigu, di aver orchestrato un attacco mortale con missili ed elicotteri contro i campi alle spalle delle linee russe in Ucraina, dove erano bivaccati i combattenti della Wagner, accusando il signor Shoigu di aver supervisionato lui stesso gli attacchi dalla città di Rostov sul Don, nella Russia meridionale, vicino all’Ucraina.

 

I timori per un possibile golpe sarebbero confermati da video che circolano ampiamente sui social media che mostrano che i veicoli corazzati militari e della guardia nazionale sono stati dispiegati a Mosca e nella città meridionale di Rostov sul Don, vicino alla linea del fronte in Ucraina, dove avevano operato i combattenti di Prigozhin.

 

In un precedente discorso videoregistrato, Prigozhin non ha contestato esplicitamente il signor Putin, definendolo invece un leader fuorviato dai suoi funzionari. Ma respingendo la narrativa del Cremlino secondo cui l’invasione era una necessità per la nazione russa, Prigozhin è andato oltre chiunque nell’establishment della sicurezza russa sfidando pubblicamente la saggezza della guerra.

 

«Questa è una marcia per la giustizia» ha detto in un altro messaggio audio su Telegram. «Le nostre azioni non interferiscono in alcun modo con le truppe».

 

Prigozhin ha negato che le sue azioni costituissero un golpe.

 

Lo Stato russo sta iniziando la reazione in queste ore. «Il presidente russo Vladimir Putin viene regolarmente informato sul tentativo di colpo di stato armato del boss Wagner da parte del Ministero della Difesa, dell’FSB, del Ministero degli affari interni e della Guardia nazionale» scrive il sito governativo russo Sputnik.

 

Il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov, ha affermato che Putin era «a conoscenza di tutti gli eventi intorno a Prigozhin», secondo Interfax, un’agenzia di stampa russa.

 

La Commissione Nazionale antiterrorismo russa ha affermato che l’FSB (il servizio di sicurezza interno della Federazione Russa) ha aperto un procedimento penale per «incitamento a una ribellione armata» e che le accuse diffuse a nome del capo Wagner Prigozhin erano «infondate».

 

«In relazione a queste dichiarazioni, l’FSB ha aperto un procedimento penale per richieste di ribellione armata. Chiediamo che queste azioni illegali vengano immediatamente fermate», ha affermato la Commissione.

 

L’ufficio del procuratore generale ha confermato che il caso contro Prigozhin era stato avviato, affrontandolo in una dichiarazione ufficiale:

 

«Il 23 giugno 2023, il dipartimento investigativo dell’FSB della Russia ha avviato un procedimento penale contro Prigozhin ai sensi dell’articolo 279 del codice penale della Federazione Russa sul fatto di aver organizzato una ribellione armata. Le sue azioni riceveranno un’adeguata valutazione giuridica Tale reato è punito con la reclusione da 12 a 20 anni»

 

Il generale dell’esercito russo Sergej Surovikin ha invitato le truppe Wagner a tornare alle loro basi e mantenere le loro posizioni.

 

«Sono appena arrivato dalla linea del fronte, dove le nostre truppe, i nostri comandanti, i nostri soldati, i nostri combattenti, i volontari stanno svolgendo il compito, combattendo il nemico fino alla morte, con le forze superiori del nemico, subendo perdite, ma resistendo le loro posizioni. Faccio appello alla leadership, ai comandanti e ai combattenti del Wagner PMC. Insieme a voi abbiamo attraversato un percorso difficile, difficile, abbiamo combattuto insieme, preso dei rischi, subito delle perdite, abbiamo vinto insieme. Siamo dello stesso sangue, siamo guerrieri. ️Vi invito a fermarvi. Il nemico sta solo aspettando che la nostra situazione politica interna si deteriori. Non dobbiamo fare il gioco del nemico in questo momento difficile per il Paese. Prima che sia troppo tardi, dobbiamo fare qualcosa: dobbiamo obbedire alla volontà e all’ordine del Presidente della Federazione Russa, eletto dal popolo, dobbiamo fermare le colonne, riportarle alle loro basi permanenti e aree di concentrazione, e risolvere tutti i problemi solo pacificamente, sotto la guida del Comandante in Capo Supremo delle Forze Armate della Federazione Russa».

 

Nel frattempo, il ministero della Difesa russo ha riportato l’attività delle forze ucraine, che, dopo le dichiarazioni del capo della Wagner si sarebbero lanciate nella riconquista di Bakhmut.

 

«Approfittando della provocazione di Prigozhin per sconvolgere la situazione, il regime di Kiev sta concentrando unità della 35a brigata marina e della 36a brigata meccanizzata delle Forze Armate ucraine nella direzione tattica di Bakhmut sulla linea iniziale per azioni offensive. I militari del gruppo Yug stanno sconfiggendo il nemico con attacchi aerei e di artiglieria», ha affermato il ministero della Difesa di Mosca.

 

All’inizio della giornata, filmati e audio attribuiti alle truppe Wagner e Prigozhin sono emersi online affermando che un «attacco missilistico» era stato lanciato in un campo Wagner e che l’attacco era stato «lanciato dalle retrovie, cioè dalle forze della Difesa russa».

 

Il ministero della Difesa russo ha risposto alle affermazioni, definendole false:

 

«Tutti i messaggi e i video distribuiti sui social network per conto di Prigozhin sul presunto ‘attacco del Ministero della Difesa russo ai campi di retroguardia della Wagner non corrispondono alla realtà e sono una provocazione informativa», ha affermato il ministero in una dichiarazione pubblicata sulla sua pagina Telegram venerdì.

 

«Le forze armate della Federazione Russa continuano a svolgere missioni di combattimento sulla linea di contatto con le forze armate dell’Ucraina nell’area dell’operazione militare speciale», ha aggiunto.

Le autorità regionali russe hanno affermato che le forze dell’ordine stanno facendo tutto il necessario per proteggere il pubblico in generale. Allo stesso tempo, hanno notato che l’Ucraina stava cercando di diffondere disinformazione sull’introduzione del coprifuoco.

 

Le unità Wagner e le forze dell’esercito russo hanno preso parte congiuntamente alla battaglia di Artemovsk (Bakhumut), liberando la città del Donbass alla fine di maggio dopo otto mesi di pesanti combattimenti che hanno bloccato grandi concentrazioni di truppe ucraine, hanno permesso alla Russia di addestrare le sue riserve mobilitate e ha provocato una grave sconfitta per Kiev in vista della sua controffensiva ormai in stallo.

 

Nel frattempo, in queste ore il governo regionale di Voronezh ha dichiarato che un convoglio di equipaggiamento militare si stava muovendo lungo l’autostrada M-4 Don e ha chiesto ai residenti della regione di Voronezh di astenersi temporaneamente dall’utilizzare l’autostrada federale M- 4 Don o i loro veicoli personali e ha aggiunto che sono state prese tutte le misure necessarie per garantire la sicurezza dei residenti locali.

 

Il governatore regionale di Rostov Vasily Golubev ha invitato i residenti locali a evitare di recarsi nel centro di Rostov sul Don ea rimanere a casa se possibile. Le misure di sicurezza sono state rafforzate anche nella regione russa di Lipetsk e ai residenti locali è stato chiesto di astenersi dal viaggiare in direzione Sud.

 

Nella capitale russa di Mosca sono state prese misure antiterrorismo volte a rafforzare la sicurezza e sono stati introdotti ulteriori controlli sulle strade cittadine, ha affermato il sindaco Sergey Sobyanin.

 

«In relazione alle informazioni ricevute, a Mosca vengono prese misure antiterrorismo volte a rafforzare la sicurezza. È stato introdotto un controllo aggiuntivo sulle strade. Lo svolgimento di eventi pubblici di massa potrebbe essere limitato. Si prega di tenere conto delle misure adottate», ha detto il primo cittadino moscovita su Telegram sabato mattina.

 

Prigozhin, un ristoratore di San Pietroburgo che ha sfruttato i suoi legami personali con Putin (è chiamato anche «il cuoco di Putin») in contratti governativi, ha guadagnato importanza internazionale dopo che il suo nome era stato fatto in relazione dell’Internet Research Agency, che la narrativa del Partito Democratico americano descrive come una «fabbrica di troll» che avrebbe interferito nelle elezioni 2020 facendo vincere Donald Trump a discapito di Hillary Clinton.

 

I combattenti Wagner, presi da esercito, forze speciali e ora anche dalle prigioni russe, sono stati schierati in Siria e in tutto il mondo – soprattutto in Africa, dove la Russia in vari Paesi sta scalzando l’influenza di altri Paesi come la Francia.

 

L’enigma del suo comportamento di questi mesi rimane più aperto che mai. Nonostante gli attacchi a Shoigu e ai vertici dell’esercito regolare, Putin sembra non aver mai reagito dinanzi alle intemperanze del suo conoscente: anzi, alla presa di Bakhmut, ha ringraziato direttamente la Wagner, citandola, per la prima volta, per nome.

 

Alcuni ritengono che Putin veda ancora Prigozhin come un fedele servitore che esercita la pressione necessaria su un apparato militare tentacolare, agendo, in pratica, come strumento di ordine del Cremlino dentro l’esercito e la sua burocrazia.

 

Altri avevano teorizzato che il Cremlino abbia orchestrato le invettive di Prigozhin contro Shoigu, il ministro della Difesa, per deviare la pressione dallo stesso Putin.

 

Ora, non è chiaro se si tratta di una messa in scena – come dicono in Russia, una Maskirovka, una pokasuka – per confondere gli avversari, tuttavia il livello di tensione, con i veicoli corazzati che presidiano Mosca, è altissimo.

 

A marzo Prigozhin aveva dichiarato, in un videomessaggio diretto al presidente ucraino Zelens’kyj, che la Wagner aveva completamente circondato la città chiave di Bakhmut. Il video chiedeva di far cessare i combattimenti per salvare i combattenti ucraini: due ragazzi molto giovani e un vecchio venivano fatti parlare nel filmato per chiedere di poter tornare a casa.

 

Pochi giorni fa aveva lanciato un ulteriore video di sfida a Zelens’kyj all’interno di un caccia da combattimento Su-24 in volo sopra Bakhmut.

 

«Vladimir Sanych [Zelens’kyj]. Siamo atterrati. Abbiamo bombardato Bakhmut. Domani siederò su un MiG-29. Se ne hai il desiderio, ci incontreremo nel cielo. Se vinci, prendi Artemovsk. In caso contrario, andiamo al Dnepr».

 

 

Nei social russi era apparso mesi fa un video di Prigozhin che visita alcuni prigionieri di guerra ucraini per la fine dell’anno, portando loro dei mandarini. «Sono slavi come noi», dice il capo della Wagner, che poi stringe le mani ai soldati di Kiev (che si alzano tutti in piedi pur senza sapere chi sia) e fa loro gli auguri, ricevendo in cambio ringraziamenti.

 

 

La libertà con cui il Prigozhin si esprime non è nuova. Interpellato dal New York Times, che aveva fatto un enorme reportage sulle attività minerarie russe in Sudan, aveva mandato una lettera a suo modo gustosissima.

 

«In una vistosa offerta per il sostegno dei sudanesi, il signor Prigozhin ha donato 198 tonnellate di cibo ai sudanesi poveri l’anno scorso durante il mese festivo del Ramadan. “Un regalo da Evgenij Prigozhin”, si leggeva sui pacchetti di riso, zucchero e lenticchie, sotto uno slogan che ricordava gli abissi della Guerra Fredda: “Dalla Russia con amore”» scriveva il New York Times, cercando di descrivere come le società russe di Prigozhin si stessero comprando il favore dei locali.

 

Nella sua risposta scritta al NYT, che confermava la donazione, il Prigozhin diceva che lo aveva fatto per volere di una donna sudanese con la quale aveva «rapporti amichevoli, camerateschi, di lavoro e sessuali».

 

Recentemente il capo di Wagner ha dichiarato che nel futuro prossimo «YouTube sarà chiusa e quelli che continuano ad usarla saranno puniti».

 

Nelle scorse settimane Prigozhin era stato accusato, forse in una campagna di disinformazione di Kiev, di aver trattato con gli ucraini, rivelando perfino le posizioni dell’esercito russo.

 

 

 

 

 

 

Immagine da Telegram

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Maduro: Israele ha lo stesso sostegno occidentale di Hitler

Pubblicato

il

Da

L’Israele moderno gode dello «stesso incoraggiamento, degli stessi finanziamenti e dello stesso sostegno» dell’Occidente che ebbe la Germania nazista di Adolfo Hitler prima della Seconda Guerra Mondiale, ha affermato il presidente venezuelano Nicolas Maduro.

 

Lo ha affermato il presidente nel corso del programma televisivo Con Maduro Plus, appoggiando la valutazione della situazione in Medio Oriente fornita recentemente dal suo omologo brasiliano Ignazio Lula da Silva.

 

«Cognomi potenti negli Stati Uniti, in Europa e a Londra hanno sostenuto e celebrato l’arrivo di Hitler al potere nel 1933. Lo hanno incoraggiato e gli hanno permesso di perseguitare i miei antenati ebrei», ha affermato il Maduro. Il presidente venezuelano aveva reso pubbliche le sue origini ebraiche all’inizio degli anni 2010, rivelando che i suoi nonni erano ebrei sefarditi convertiti al cattolicesimo.

 

Le élite occidentali «sono rimaste in silenzio perché stavano preparando Hitler affinché lanciasse la sua potenza militare contro l’Unione Sovietica», ha spiegato Maduro, sottolineando che, in definitiva, Hitler era «un costrutto, un mostro» creato dall’Occidente collettivo.

 

Sostieni Renovatio 21

Il moderno Israele si è trasformato nella stessa cosa, ha affermato il presidente, esortando gli ebrei, ancora fedeli alle proprie radici, a porre fine al «massacro» in corso dei palestinesi.

 

«Anche l’apparato militare criminale dello Stato di Israele riceve lo stesso incoraggiamento, gli stessi finanziamenti e lo stesso sostegno» dell’Occidente, ha sottolineato Maduro. «Come ha affermato il presidente Lula da Silva, il governo israeliano sta facendo» ai palestinesi «la stessa cosa che Hitler fece al popolo ebraico”.

 

Il presidente brasiliano da Silva ha pronunciato commenti esplosivi durante il fine settimana, descrivendo l’azione militare di Israele contro i militanti di Hamas a Gaza come «genocidio» e «massacro».

 

«Ciò che sta accadendo nella Striscia di Gaza e al popolo palestinese non esisteva in nessun altro momento storico. In effetti esisteva: quando Hitler decise di uccidere gli ebrei», ha affermato.

 

Le osservazioni hanno avuto un’accoglienza estremamente scarsa in Israele, con diversi alti funzionari che hanno espresso la loro indignazione per i suoi commenti sull’Olocausto. Il primo ministro israeliano Beniamino Netanyahu ha criticato le parole del presidente brasiliano come «vergognose e serie», avvertendo che stavano «oltrepassando una linea rossa».

 

Alla fine, il presidente brasiliano è stato dichiarato persona non grata in Israele, con il ministro degli Esteri Israel Katz che ha avvertito che lo Stato Ebraico «non dimenticherà né perdonerà» il presunto «grave attacco antisemita» del Lula, esortando il leader a prendere la sua posizione. parole indietro.

 

Brasilia, tuttavia, ha apparentemente respinto le critiche, con il consigliere capo di Lula, Celso Amorim, che ha descritto la mossa di dichiarare il presidente persona non grata come «assurda».

Aiuta Renovatio 21

Quella del Maduro costituisce l’ennesima «reductio ad Hitlerum» a cui sta andando incontro lo Stato di Israele.

 

Come riportato da Renovatio 21, negli scorsi mesi il leader turco Erdogan ha paragonato più volte il primo ministro Beniamino Netanyahu ad Adolfo Hitler e ha condannato l’operazione militare a Gaza, per ricordare appena due settime fa come guerra israeliana a Gaza «ricorda i nazisti».

 

La reductio ad Hitlerum costituisce un tentativo di discreditare l’argomentazione di qualcuno basandosi sul fatto che l’idea in questione sia stata promossa o praticata dallo Hitler, attraverso il confronto delle azioni di qualcuno con quelle del partito nazista. Questo termine fu coniato nel 1953 da Leo Strauss, fondatore dei neocon, controverso filosofo di discendenza ebraico-tedesca.

 

Secondo lo Strauss, la reductio ad Hitlerum rappresenta una forma di accusa ad hominem, il cui ragionamento si basa sulla colpa per associazione ideale. È una strategia comunemente impiegata per deviare le discussioni, poiché tali paragoni tendono a distrarre e irritare l’interlocutore.

 

Strauss non aveva contezza della «legge di Godwin», la quale sarebbe emersa nel 1990 durante i primi anni delle discussioni su Internet. La legge di Godwin, nota anche come legge delle analogie naziste, afferma che «man mano che una discussione online si protrae, la probabilità di un confronto che coinvolga nazisti o Hitler si avvicina a 1».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Cancilleria del Ecuador via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 2.0 Generic

 

Continua a leggere

Geopolitica

Di nuovo tensioni tra Azerbaigian e Armenia: si teme la ripresa del conflitto

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.   A pochi giorni dalla rielezione plebiscitaria di Aliev i soldati azeri hanno aperto il fuoco accusando gli armeni di «provocazione». Pašinyan replica agli ultimatum, mentre si allontanano le prospettive di un accordo di pace. Le nuove rivendicazioni di Baku sull’enclave del Nakhičevan.   Le trattative di pace tra Armenia e Azerbaigian sembrano rimanere ferme a un punto morto, nonostante promesse e annunci da entrambe le parti, e nuove tensioni creano la preoccupazione circa una possibile ripresa del conflitto, dopo la conquista del Nagorno Karabakh da parte di Baku lo scorso settembre.   Il politologo russo Arkadij Dubnov, a lungo consulente dei servizi di intelligence di diversi Paesi, ha commentato la situazione per Novosti Armenia, cercando di individuare i punti nevralgici del contesto caucasico.   Egli osserva che «non è passata una settimana dalla rielezione plebiscitaria di Ilham Aliev a presidente dell’Azerbaigian, che si sono subito delineati i contorni della politica del nuovo-vecchio leader», con la «operazione di risposta» dei soldati azeri di confine nei confronti di quella che è stata definita una «provocazione» degli armeni, iniziando una sparatoria che ha ucciso quattro armeni e ferito gravemente un azerbaigiano.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

A Erevan hanno cercato di prendere tempo per comprendere che cosa fosse effettivamente accaduto, ma da Baku «non hanno voluto aspettare, dando l’ordine di aprire il fuoco». Secondo Dubnov non si tratta di un incidente isolato e casuale, ma di una «recrudescenza assolutamente seria del conflitto», sullo sfondo dell’irrigidimento di Aliev circa le condizioni necessarie per la firma dell’accordo di pace.   Ora il presidente azero insiste sulla riscrittura della costituzione dell’Armenia, tema molto divisivo e molto dibattuto tra gli stessi armeni, pretendendo di escludere qualunque formula o accenno che possa essere riferito al Nagorno Karabakh. Nonostante da Erevan siano arrivati segnali di disponibilità al riguardo, tanto da eliminare il settore che si occupava dell’Artsakh al ministero degli esteri, da Baku continuano a giungere severi moniti e minacce di «usare la forza in caso di mancata esecuzione» delle richieste.   Nella tanto citata intervista di Nikol Pašinyan a The Telegraph di qualche giorno fa, il premier armeno ha ricordato gli ultimatum di Aliev, affermando che «egli ha detto che se vede un riarmo dell’Armenia inizierà un’operazione militare contro di noi, ha ripetuto le sue pretese di aprire un corridoio tra il territorio armeno e l’enclave azera del Nakhičevan, escludendo anche di ritirare le sue truppe dal nostro territorio, dislocate sulle alture strategiche, poiché a suo parere queste zone occupate sono necessarie per tenere sotto controllo le intenzioni degli armeni».   Pašinyan ritiene dunque che «l’Azerbaigian stia compiendo diversi passi indietro rispetto a quanto già accordato precedentemente», mentre l’Armenia intende rivendicare il «diritto sovrano di ogni Paese indipendente» ad avere un esercito forte ed efficiente. Aliev definisce questa aspirazione di Erevan come una «espressione di revanscismo», e Dubnov è convinto che la pretesa di Baku per un disarmo totale armeno sia «semplicemente assurda: l’Armenia del dopoguerra non è la Germania hitleriana del dopoguerra, o il Giappone imperiale dopo la sconfitta, con le inevitabili limitazioni alla forza militare».   Per questo «la possibilità di una nuova guerra nel Caucaso meridionale di nuovo appare ben di più che una possibilità teorica», conclude l’esperto, «e diventa sempre più chiaro perché Aliev abbia voluto affrettarsi così tanto nel tenere le elezioni anticipate».   Secondo il ministero della difesa armeno, la sparatoria iniziata dagli azeri il 13 febbraio contro le postazioni armene del distretto di Nerkin Khanda nella regione di Siunyk è da considerare soltanto «l’inizio di una nuova campagna militare di Baku», che non si sa fin dove potrebbe spingersi nei prossimi giorni.   Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne. Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine screenshot da YouTube
Continua a leggere

Geopolitica

I leader di Mali, Burkina Faso e Niger si incontrano per formare una Confederazione. Niamey si accorda con il Marocco per l’accesso all’Atlantico

Pubblicato

il

Da

I leader degli Stati del Sahel del Mali e del Burkina Faso si sono incontrati nella capitale burkinabé Ouagadougou, il 15 febbraio, per preparare un trattato di confederazione.

 

L’incontro fa seguito all’annuncio di gennaio che tutti e tre i Paesi avrebbero rinunciato alla loro adesione alla Comunità Economica degli Stati dell’Africa occidentale (ECOWAS), accusando l’ECOWAS, che aveva imposto sanzioni a tutti e tre i Paesi, di essere diventata uno strumento degli imperialisti.

 

«L’incontro che ha riunito una ventina di ministri dei tre paesi, tra cui il ministro degli Esteri del Burkinabe Karamoko Jean-Marie Traore, vuole diventare un quadro che mira a rivisitare la carta dell’Alleanza degli Stati del Sahel ed elaborare un trattato che istituisca un confederazione che unisce i tre paesi Burkina Faso, Mali e Niger», ha dichiarato il ministero degli Esteri burkinabé in un comunicato sui social media, riferisce Sputnik.

Sostieni Renovatio 21

Il ministro della Difesa del Niger, generale Salifou Modi, ha inoltre affermato che l’incontro «creerà una struttura istituzionale» per l’Alleanza degli Stati del Sahel, aggiungendo che questo meccanismo consentirà all’alleanza e alla confederazione di «funzionare efficacemente con grande gioia delle popolazioni» dei tre Paesi.

 

L’Alleanza degli Stati del Sahel è stata firmata nel settembre 2023 come «architettura di difesa collettiva». Una confederazione di questi tre stati avrebbe una popolazione complessiva di oltre 70 milioni di abitanti. L’ECOWAS sta ancora soffrendo per il ritiro dei tre Paesi.

 

Parlando a nome dell’organizzazione regionale all’incontro dei ministri degli Esteri dell’Unione africana di questa settimana, il ministro degli Esteri delle Comore e presidente del Consiglio esecutivo dell’UA, Dhoihir Dhoulkamal, ha invitato i tre paesi a rientrare nell’ECOWAS e ha chiesto di ripristinare regimi «democratici».

 

Nel frattempo il capo del Consiglio nazionale per la difesa della patria al potere in Niger, generale Abdourahamane Tiani, ha annunciato che il Niger chiederà un risarcimento alla Francia per più di 100 anni di saccheggio coloniale e neocoloniale delle risorse naturali del Niger.

 

Parallelamente, il primo ministro del Niger Ali Mahamane Lamine Zeine ha effettuato una visita di lavoro in Marocco, alla ricerca di un partenariato strategico con il regno nordafricano. Il 15 febbraio Zeine è stato ricevuto a Rabat dal primo ministro marocchino Aziz Akhannouch, al quale ha consegnato un messaggio del generale Tiani, al re Mohammed VI.

Aiuta Renovatio 21

In cima alle discussioni Zeine c’era l’iniziativa reale del re marocchino per consentire ai Paesi del Sahel di accedere all’Atlantico, che secondo il re trasformerà le economie dei Paesi africani senza sbocco sul mare e rafforzerà l’integrazione regionale per la pace e la prosperità condivise.

 

Parte del progetto è un nuovo importante porto all’avanguardia a Dakhla, nella regione del Sahara occidentale. Nonostante le rivendicazioni del Marocco sull’ex colonia spagnola del Sahara Occidentale siano state contestate, il Marocco ha presentato un piano di autonomia che è in fase di approvazione presso le Nazioni Unite.

 

L’iniziativa atlantica del Re è stata applaudita dai Paesi del Sahel, Niger, Burkina Faso, Ciad e Mali, scrive EIRN.

 

Zeine, che è anche ministro dell’Economia e delle Finanze, era accompagnato da una delegazione di alto livello comprendente i ministri degli affari esteri, della difesa e altri alti funzionari.

 

Molti degli alti ufficiali che ora ricoprono ruoli di primo piano nei paesi del Sahel avevano frequentato l’Accademia militare reale marocchina.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Più popolari