Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

Delegazione militare russa in Libia su invito del generale Haftar. L’Italia nel frattempo ricorda Gheddafi…

Pubblicato

il

Una delegazione russa guidata dal viceministro della Difesa, colonnello generale Yunus-Bek Yevkurov, è arrivata martedì in Libia su invito del comandante dell’Esercito nazionale libico (LNA), generale Khalifa Haftar, ha riferito il ministero della Difesa di Mosca.

 

«Il 22 agosto 2023, su invito del comandante dell’Esercito nazionale libico, maresciallo Khalifa Haftar, una delegazione del ministero della Difesa russo guidata dal viceministro della difesa russo, colonnello generale Yunus-Bek Yevkurov, è arrivata a Libia», ha precisato il ministero militare russo, precisando che si tratta della «prima visita ufficiale» di una delegazione militare russa nel Paese nordafricano, riporta Sputnik.

 

«Questa è la prima visita ufficiale della delegazione militare russa in Libia», ha osservato il ministero. Il viaggio è stato organizzato in seguito ai risultati dei negoziati Russia-Libia all’undicesima Conferenza sulla sicurezza internazionale di Mosca e al forum tecnico-militare Esercito-2023.

 

«Durante la visita si discuterà delle prospettive di cooperazione nella lotta contro il terrorismo internazionale, così come di altre questioni relative ad azioni congiunte», ha aggiunto il ministero della Difesa russo.

 

La presenza della Russia in Libia a sostegno di Haftar – precedentemente un asset americano che ha vissuto vicino a Langley, sede della CIA – è partita subito con la defenestrazione di Gheddafi, che peraltro all’epoca fu criticata in modo veemente da Putin.

 

L’uccisione di Gheddafi è stato un duro colpo non solo per la Libia, che una dozzina di anni dopo vive ancora nella divisione e del caos, ma anche per l’Italia, che come noto aveva enormi interessi in Libia, che era riuscita, dopo anni di incomprensioni, a gestire con Gheddafi.

 

La catastrofe dell’operazione che ha posto fine al governo di Gheddafi viene ammessa apertamente anche da figure politiche italiane pure moderate.

 

È stato un «errore gravissimo» da parte dell’Occidente lasciare che il colonnello libico Muammar Gheddafi venisse ucciso nel 2011, perché la sua morte aveva scatenato l’instabilità nella nazione nordafricana, ha detto il 16 agosto il vice premier italiano e ministro degli Esteri Antonio Tajani, uomo forte di Forza Italia ed ex Commissario Europeo e presidente dell’Europarlamento.

 

«È stato un errore gravissimo lasciare ammazzare Gheddafi, non sarà stato il campione della democrazia, ma finito lui, è arrivata in Libia e in Africa l’instabilità», ha detto Tajani, intervistato dal giornalista Alessandro Sallusti al Festival della cultura della Versiliana in Toscana, riferisce all’ANSA.

 

 

È noto che il governo italiano, allora guidato da Silvio Berlusconi, fece ogni sforzo per impedire un intervento della NATO in Libia.

 

Berlusconi aveva firmato un trattato di cooperazione e difesa reciproca con Gheddafi appena tre anni prima. Alla fine, anche lui si unì all’intervento della NATO. Il 20 ottobre, proprio mentre Gheddafi veniva ucciso, il segretario di Stato americano Hillary Clinton esultò disgustosamente con CBS News: «Siamo venuti, abbiamo visto, è morto!» disse citando Cesare e attaccando con una risata isterica e diabolica.

 

Aveva visto giusto, riguardo quel momento tragico, il politico e pensatore americano Lyndon LaRouche, che pubblicò una delle sue previsioni preveggenti l’11 ottobre 2011 in un testo chiamato «La morte di Gheddafi: la minaccia della terza guerra mondiale»: «Secondo l’opinione di alcuni ambienti importanti e di alto livello nella regione transatlantica, la straordinaria esecuzione di massa dell’ex preside libico Muammar al-Gheddafi e dei suoi compagni, nel loro tentativo di fuga dalla Libia, segnala la possibilità di uno scoppio precoce di una guerra più generale in Europa, nella regione del Mediterraneo e oltre: potenzialmente un nuovo stato di guerra generale in gran parte di questo pianeta».

 

Il caos nella regione, e quindi il tutto il mondo, effettivamente arrivò, e non ancora è stato spento. Decine di morti e centinaia di feriti negli scontri di Tripoli della settimana scorsa.

 

Come riportato da Renovatio 21, Gheddafi stesso nei suoi scritti sembrava prefigurare la sua morte per via di linciaggio. Egli scrive al principio di un suo libro di novelle pubblicato anche in Italia, Fuga all’Inferno:

 

«Nonostante io ami la comunità come io amo mio padre, la temo come temo lui (…) Così io amo le masse e le temo proprio come amo e temo il mio stesso padre. Nel momento della gioia, di quanta devozione esse sono capaci! E come abbracciano alcuni dei loro figli! (…) e quanta crudeltà hanno poi dimostrato nel momento dell’ira!»

 

Il figlio di Gheddafi, Saif, ora sembrerebbe sufficientemente popolare da prendere le redini del Paese, ma le sue corse per la presidenza libica sono ostacolate da sentenze di tribunale ed altro ancora.

 

 

 

 

Immagine di pubblico dominio CCo via Wikimedia

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Scholz denunciato per aver «aiutato e favorito» il genocidio a Gaza

Pubblicato

il

Da

Gli avvocati tedeschi, che rappresentano le famiglie di due cittadini di Gaza, hanno presentato una denuncia penale «contro funzionari del governo tedesco, per il reato di favoreggiamento e favoreggiamento del genocidio contro il popolo palestinese a Gaza fornendo armi a Israele e rilasciando i relativi permessi di esportazione».

 

La causa è stata intentata presso l’ufficio del procuratore federale tedesco. Sono accusati il ​​cancelliere Olaf Scholz, il suo ministro degli Esteri Annalena Baerbock, il ministro dell’Economia Robert Habeck e il ministro delle Finanze Christian Lindner, nonché membri dell’agenzia governativa tedesca per le licenze per l’esportazione di armi.

 

Il deposito è stato annunciato il 22 febbraio dalla «Justice and Accountability for Palestine Initiative», una rete globale di esperti legali palestinesi e internazionali e difensori dei diritti umani formata congiuntamente nel gennaio 2024 dal Centro Europeo di Supporto Legale (ELSC), dall’Istituto Palestinese per la Diplomazia pubblica (PIPD) e Law for Palestine, per coordinare indagini e azioni legali contro individui ed entità implicate in crimini in Palestina.

Sostieni Renovatio 21

Il comunicato stampa della Justice and Accountability Initiative chiarisce le accuse contro Scholz e gli altri si basa sulla sentenza della Corte Internazionale di Giustizia del 26 gennaio sul caso sudafricano secondo cui Israele starebbe compiendo un genocidio a Gaza: «il diritto penale tedesco richiede un motivo di sospetto iniziale per avviare le indagini su un potenziale reato commesso. La sentenza della Corte Internazionale di Giustizia ha mostrato chiaramente che esiste un motivo di sospetto iniziale quando si tratta del crimine di genocidio contro il popolo palestinese a Gaza», si legge nel comunicato stampa.

 

«Quando si tratta di favoreggiamento, questo può essere fatto attraverso il supporto logistico, finanziario o materiale, ma anche creando condizioni favorevoli per il reato principale. In particolare, il favoreggiamento comprende l’autorizzazione all’esportazione di armi e il sostegno politico» precisa la press release.

 

Come prova di questa accusa viene citato l’aumento di dieci volte delle esportazioni di armi tedesche verso Israele nel 2023 rispetto al 2022, la maggior parte delle esportazioni è stata approvata dopo il 7 ottobre.

 

Il comunicato cita Nora Ragab, una delle querelanti nel caso che ha parenti a Gaza: «noi, palestinesi della diaspora, non resteremo a guardare un genocidio commesso contro le nostre famiglie e il nostro popolo. Utilizzeremo tutti i mezzi a nostra disposizione, dalle proteste nelle strade alle azioni legali nei tribunali penali. Oggi miriamo a ritenere il governo tedesco responsabile della sua complicità nel genocidio di Gaza».

 

Lanciata ad Amsterdam il 22 gennaio, la Justice and Accountability Initiative ha messo in guardia i funzionari pubblici di Austria, Francia, Germania e Paesi Bassi «che potrebbero essere individualmente responsabili per il loro ruolo nell’aiutare e nel favorire i crimini di guerra israeliani e i crimini contro l’umanità e il crimine di genocidio attraverso il loro coinvolgimento nel fornire sostegno militare, economico e politico a Israele».

 

Questa nuova causa «invia un messaggio chiaro ai funzionari tedeschi: non si può continuare a rimanere complici di tale crimine senza conseguenze. Vogliamo responsabilità», ha detto Nadija Samour, l’avvocato dell’ELSC che ha presentato le accuse.

 

Come riportato da Renovatio 21, ad una conferenza stampa congiunta dello scorso novembre, Scholz stette in silenzio quando Erdogan, al suo fianco, disse pubblicamente che la Germania non può parlare liberamente di Israele a causa dell’Olocausto.

Sostieni Renovatio 21

«Parlo liberamente perché non dobbiamo nulla a Israele. Se fossimo in debito, non potremmo parlare così liberamente», dichiarò il presidente turco. «Chi è indebitato non può parlare liberamente. Non abbiamo vissuto l’Olocausto e non ci troviamo in una situazione del genere».

 

 

Mentre gli USA negano vi siano segni di genocidio tra le 29 mila persone ammazzate a Gaza negli ultimi mesi, anche i riferimenti a genocidi biblici – Amalek – fatti dal governo israeliano sono stati ritirati come «fraintendimenti».

 

La complicità europea è stata sottolineata dall’eurodeputata irlandese Clare Daly che ha apostrofato la presidente della Commissione Europea Ursula Von der Leyen come «frau genocidio».

 

In precedenza, il ministro spagnuolo per i diritti sociali Ione Belarra aveva accusato Bruxelles di inerzia di fronte a quello che lei chiamava «genocidio» in atto a Gaza.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di Deutsche Bundesbank via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic

Continua a leggere

Geopolitica

Secondo un sondaggio solo il 10% dei cittadini UE ritiene che l’Ucraina possa vincere

Pubblicato

il

Da

Secondo i risultati del sondaggio pubblicato mercoledì dal Consiglio europeo per le relazioni estere (ECFR), solo il 10% dei cittadini dell’Unione europea intervistati in 12 paesi ritiene che l’Ucraina trionferà sulla Russia sul campo di battaglia.   Mentre il doppio (20%) si aspetta che la Russia esca vittoriosa, l’opinione prevalente – condivisa dal 37% degli intervistati – è che il conflitto si concluderà con una qualche forma di soluzione di compromesso.   Gli intervistati di soli due paesi, Polonia e Portogallo, ritengono che una vittoria ucraina sia più probabile di quella russa, ma i risultati di ciascuna nazione indicano anche che la maggior parte ritiene più probabile un compromesso. Oltre un terzo (35%) degli intervistati portoghesi e il 27% dei polacchi prevedevano una soluzione, rispetto al 17% di ciascuno che prevedeva una Kiev vittoriosa – o rispettivamente all’11% e al 14% di coloro che prevedevano la vittoria di Mosca.   L’Ungheria, da tempo la voce più forte dell’opposizione al finanziamento continuo da parte di Bruxelles delle forze armate ucraine, ha registrato le opinioni più pessimistiche riguardo al potenziale trionfo di Kiev, con solo il 5% che prevede una vittoria per le truppe sostenute dall’UE rispetto al 31% per Mosca.

Sostieni Renovatio 21

Nonostante queste prospettive cupe, quasi un terzo (31%) degli intervistati ritiene che l’Europa dovrebbe continuare a spingere l’Ucraina a riconquistare i territori incorporati nella Russia in seguito ai referendum di fine 2022.   Mentre una pluralità (41%) degli intervistati ha suggerito che l’Europa spinga l’Ucraina a negoziare un accordo di pace con la Russia, questa opinione è stata meno della metà popolare in Portogallo e Polonia rispetto a quella di esortare Kiev a continuare a combattere. Gli ungheresi sono di gran lunga i più favorevoli a incoraggiare un accordo di pace (64%), mentre il 16% consiglierebbe ai propri vicini di continuare a combattere.   Gli autori dell’indagine hanno interpretato i risultati come un’indicazione che «la ricerca per definire la pace sarà quindi un campo di battaglia fondamentale in questa guerra» con le elezioni incombenti nell’UE e negli Stati Uniti.   Il sondaggio ha intervistato 17.023 intervistati in 12 Paesi europei a gennaio, diverse settimane prima che la Russia prendesse il controllo di Avdeevka sabato scorso, in quella che è stata descritta come la vittoria più importante dalla battaglia di Bakhmut dello scorso anno.   All’Ucraina è stato concesso lo status di candidato all’UE nel 2022 in seguito all’inizio dell’operazione militare russa nel Paese. Il finanziamento del conflitto inizialmente ha goduto di un ampio sostegno in tutto il blocco, al punto che Bruxelles ha abbandonato il divieto di acquisto di armi che faceva parte dei suoi trattati istitutivi per finanziare l’esercito di Kiev.   Sebbene il fallimento ampiamente riconosciuto della controffensiva ucraina della scorsa estate, così come la crisi economica interna, abbiano indebolito l’entusiasmo di molti europei per il conflitto, all’inizio di quest’anno Bruxelles ha stanziato 50 miliardi di euro in aiuti per l’Ucraina come parte del bilancio dell’UE, riporta RT.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di EU Civil Protection and Humanitarian Aid via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-NoDerivs 2.0 Generic
Continua a leggere

Geopolitica

Si complicano i rapporti tra Israele e la Santa Sede

Pubblicato

il

Da

Le recenti dichiarazioni del cardinale segretario di Stato Pietro Parolin che denuncia la «carneficina» perpetrata dallo Stato ebraico nella Striscia di Gaza sono “deplorevoli” secondo l’ambasciata israeliana presso la Santa Sede. Allo stesso tempo, il Vaticano ha giustificato le parole del suo numero due, con la motivazione che cercano solo di prevenire una nuova «spirale di violenza».

 

«Penso che siamo tutti indignati per ciò che sta accadendo, per questa carneficina. (…) Chiedo che il diritto alla difesa di Israele invocato per giustificare questa operazione sia proporzionato, il che non è certo il caso con trentamila morti».

 

Le parole pronunciate il 13 febbraio 2024 dal numero due del Vaticano hanno rapidamente provocato tensioni nei rapporti diplomatici – già spesso difficili – tra Israele e Santa Sede. Parole attentamente soppesate, perché è vero che l’alto diplomatico cardinale Pietro Parolin ha l’abitudine di misurare tutte le sue parole, cosa che non sempre avviene dalla parte di Sainte-Marthe.

 

È bastato questo per scatenare le ire dello Stato Ebraico: «giudicare la legittimità di una guerra senza tenere conto di tutte le circostanze e i dati rilevanti porta inevitabilmente a conclusioni errate», afferma l’ambasciatore Raphael Schutz, accusando il cardinale Parolin di basarsi su «Fonti di Hamas».

 

Fino ad ora, la posizione della Santa Sede in Terra Santa non è cambiata: il micro-Stato chiede – affinché la pace possa finalmente avere una possibilità di affermarsi nella regione – per una soluzione che consenta la coesistenza di due Stati, uno Israeliano, l’altro palestinese, con uno status speciale per la città di Gerusalemme che dovrebbe rientrare nel diritto internazionale. Una soluzione che il primo ministro Benjamin Netanyahu rifiuta.

Sostieni Renovatio 21

Ma il Segretario di Stato della Santa Sede non è il primo ad aver condannato il modus operandi dell’esercito israeliano nell’enclave della Striscia di Gaza: a fine novembre 2023, il sovrano pontefice – ha addirittura dichiarato che l’offensiva delle forze dello Stato Ebraico somigliava per certi aspetti al «terrorismo», suscitando proteste sulle rive del Giordano.

 

Quattrocento rabbini avevano inoltre cofirmato una lettera aperta in cui denunciavano le «acrobazie diplomatiche» dell’attuale successore di Pietro. Il 3 febbraio papa Francesco ha risposto ribadendo la sua condanna di «ogni forma di antisemitismo e antigiudaismo».

 

Una risposta apprezzata dalle autorità religiose ebraiche che hanno scritto parole gentili nei confronti del sovrano pontefice, che la Santa Sede ha pubblicato su L’Osservatore Romano due giorni dopo la dichiarazione più offensiva del cardinale Parolin, innescando un nuovo imbroglio diplomatico.

 

È difficile che la Santa Sede faccia sentire la propria voce nel contesto particolare della Chiesa in Terra Santa. La Chiesa è stretta nella morsa tra, da un lato, il governo israeliano che negli ultimi anni ha intensificato i tentativi di derubare i cristiani o le istituzioni religiose delle loro proprietà immobiliari nella Città Vecchia di Gerusalemme, e, dall’altro, l’atteggiamento aggressivo degli islamisti di Hamas.

 

Questi ultimi considerano i cristiani arabi come cittadini di seconda classe, in un certo senso come dhimmi, senza osare dirlo ad alta voce.

 

Nel frattempo il Vaticano cercava, come meglio poteva, di salvare la presenza cattolica nella regione. Una linea di cresta che spesso rasenta l’equilibrismo.

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagini di pubblico dominio CC0 via Flickr

Continua a leggere

Più popolari