Connettiti con Renovato 21

Nucleare

Cosa fare in caso di attacco nucleare: imbarazzante pubblicità progresso a Nuova York

Pubblicato

il

Il dipartimento di gestione della città di Nuova  York City ha pubblicato un utile annuncio di servizio pubblico (PSA) per spiegare come rispondere in caso di attacco nucleare alla Grande Mela.

 

«Sebbene la probabilità che un incidente di armi nucleari si verifichi a New York City o nelle vicinanze sia molto bassa, è importante che i newyorkesi conoscano i passaggi per rimanere al sicuro», afferma la pubblicità progresso dell’ente pubblico.

 

Sono quindi enunciati i tre fondamentali  passaggi:

 

1) Stare in casa

 

2) Rimanere in casa con le finestre chiuse

 

3) Rimanere sintonizzati per notizie e aggiornamenti.

 

 

Hai osservato tutti quei passaggi? «Tutto ok? lo hai fatto», conclude la narratrice, ovviamente una donna di colore con i capelli corti, dimostrando una saggia sicurezza.

 

SCB. Sono cose belle.

 

Sfugge a chi ha realizzato lo spot che già dai primi nanosecondi di un’esplosione nucleare, ovviamente, non c’è più alcuna «casa» in cui entrare. Si più: con il bagliore atomico, spariscono anche quelle stesse persone cui la pubblicità dice di entrare in casa, dal momento che saranno stati tutti vaporizzati dal fuoco termonucleare.

 

«Questo video è uno scherzo? O le persone che pubblicano queste sciocchezze ci credono davvero?». Scrive EIRN. «Il miglior consiglio per stare al sicuro è prevenire la guerra nucleare! È improbabile che New York City realizzi una pubblicità progresso su questo argomento».

 

Si rimane basiti anche dalla caratura estetica del video, dove ogni segno di realistica distruzione atomica è censurato: il filmato sembra quasi una televendita di un mobilificio, che riesce comunque ad allarmare il pubblico, che non può finire a chiedersi: se dopo tanti anni riprendono annunci del genere, c’è un qualche motivo?

 

C’è qualcosa che non ci stanno dicendo?

 

 

 

 

Continua a leggere

Nucleare

Israele pronto ad attaccare i siti nucleari iraniani

Pubblicato

il

Da

Se Teheran rispondesse all’attacco all’ambasciata di Damasco bombardando Israele, Gerusalemme Ovest lancerà attacchi contro il programma nucleare iraniano. Lo riporta Elaph News, il canale online in lingua araba che opera dal Regno Unito, che cita un anonimo funzionario della sicurezza occidentale.

 

Due generali della Forza Quds del Corpo delle Guardie della Rivoluzione Islamica (IRGC) e diversi altri ufficiali sono stati uccisi nell’attacco aereo israeliano sul consolato iraniano a Damasco la scorsa settimana. Il leader supremo dell’Iran, l’ayatollah Ali Khamenei, ha promesso che «il regime usurpatore sionista» riceverà in cambio uno «schiaffo in faccia».

 

Secondo il canale arabo londinese Israele ha addestrato i piloti a colpire «siti sensibili» in Iran, che potrebbero essere quelli coinvolti nel programma nucleare di Teheran.

 

Il rapporto di Elaph è stato ripreso dal tabloid Sun, che ha pubblicato un elenco di possibili obiettivi israeliani, che vanno dal reattore ad acqua pesante di Arak e la centrale nucleare di Bushehr alla miniera di uranio di Gachin e all’impianto di arricchimento dell’uranio di Natanz. Il Sun ha osservato che un attacco israeliano contro uno qualsiasi di essi segnerebbe una «escalation senza precedenti» nel conflitto in Medio Oriente.

Sostieni Renovatio 21

Gli Stati Uniti «rimarranno a sostegno di Israele» e gli forniranno tutto il supporto, le armi e le attrezzature necessarie per questa missione, ha detto la fonte a Elaph.

 

Il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha assicurato al primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu che Washington sarà al fianco di Gerusalemme ovest «in ogni circostanza», ha aggiunto la fonte.

 

Le forze di difesa israeliane (IDF) hanno già annullato tutti i congedi e iniziato a falsificare i segnali GPS, in preparazione a una possibile rappresaglia iraniana. Diversi media statunitensi, citando fonti di Intelligence americane, hanno riferito che Teheran intendeva utilizzare missili balistici e droni kamikaze per colpire le infrastrutture israeliane – una volta terminato il mese sacro islamico del Ramadan.

 

«Siate certi, siate certi, che la risposta iraniana all’attacco al consolato di Damasco sarà sicuramente diretta contro Israele», ha detto il leader di Hezbollah Hassan Nasrallah in un discorso venerdì scorso.

 

La CNN, d’altra parte, ha citato fonti anonime nello spionaggio USA che avrebbero affermato che è «improbabile» che l’Iran colpisca direttamente per paura di ritorsioni statunitensi e israeliane, e che si affiderebbe invece a vari proxy nella regione – ipoteticamente, Hezbollah e gli Houthi.

 

Un mese fa Teheran ha accusato lo Stato Ebraico di aver fatto saltare i suoi gasdotti, mentre poco prima Netanyahu aveva pubblicamente dichiarato «stiamo attaccando l’Iran».

 

Teheran si è impegnata a continuare a sostenere Hamas e altri gruppi palestinesi, ma ha insistito sul fatto che Hamas ha deciso di invadere il territorio israeliano da solo. Nel corso di questi mesi Teheran ha arrestato e giustiziato tre presunte spie del Mossad.

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di Hamed Saber via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generi

 

 

Continua a leggere

Nucleare

Atomiche e «Opzione Sansone», politico israeliano minaccia: se l’America non fornirà aiuti armati «dovremo usare tutto quello che abbiamo»

Pubblicato

il

Da

Il politico israeliano Nissim Vaturi ha lanciato una sorta di minaccia, affermando che se gli americani non invieranno armi per combattere una guerra con l’Iran, Israele «dovrà usare tutto ciò che ha».   Come noto, dopo che Israele ha assassinato un generale di brigata iraniano di alto rango e altre 15 persone in un attacco aereo contro l’edificio dell’ambasciata iraniana in Siria il 1° aprile, l’Iran ha minacciato azioni di ritorsione, suscitando timori di una guerra regionale.   Il Vaturi, un rappresentante del partito Likud al governo del primo ministro Benjamin Netanyahu, ha suggerito che Israele dovrebbe essere pronto a usare il suo arsenale nucleare nel caso in cui l’America non fornisse munizioni.

Sostieni Renovatio 21

«In caso di conflitto con l’Iran, se non riceviamo munizioni americane, dovremo usare tutto ciò che abbiamo», ha scritto il deputato della Knesset su X. In precedenza aveva suscitato polemiche quando aveva affermato che Gaza dovrebbe essere «bruciata adesso» e che non ci sono «innocenti» nella regione.   L’espressione «tutto ciò che abbiamo» potrebbe includerebbe le centinaia testate nucleari che si ritiene possieda lo Stato Ebraico.   Il riferimento alla cosiddetta «Opzione Sansone», secondo la quale Israele lancerebbe tutte le sue armi nucleari, dando potenzialmente inizio ad un Armageddone globale, come «ultima risorsa» per preservare la propria esistenza.   Il conduttore di Fox News Mark Levin e il commentatore Ben Shapiro hanno rilasciato dichiarazioni simili in risposta all’attacco di Hamas del 7 ottobre.     Gli israeliani «hanno il loro arsenale, che non ammettono mai», ha detto il Levin, riferendosi alle testate atomiche. «Se Israele si trova ad affrontare l’annientamento, pensi che abbiano quelle armi nucleari lì dentro per raccogliere la polvere?»   Il Ben Shapiro, kippah sempre in testa, ha affermato che «Israele non permetterà che abbia luogo un secondo olocausto senza utilizzare tutto il suo arsenale» nel caso in cui Hezbollah e l’Iran attaccassero mentre Israele sta combattendo Hamas.     Come riportato da Renovatio 21, a novembre scorso il ministro del Patrimonio Amichai Eliyahu ha suscitato indignazione nel mondo musulmano quando ha lanciato l’idea di sganciare una «bomba nucleare» su Gaza. Il primo ministro Benjamin Netahyau ha sospeso il ministro dalle riunioni del gabinetto in seguito ai suoi commenti, che hanno fatto dire al portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova che potevano lasciar pensare ad un’ammissione riguardo al possesso di testate atomiche da parte dello Stato Ebraico. Il presidente turco Receps Erdogano approfittò per dire che era ora di fare chiarezza sullo status nucleare di Israele.   L’«Opzione Sansone» è il tema in un libro dei primi anni Novanta del giornalista investigativo premio Pulitzer Seymour Hersh, che documentava gli sforzi atomici di Israele, parlando del ruolo che avrebbe avuto il magnate inglese di origine transcarpatico-ebraica Robert Maxwell (vero nome Ján Ludvík Hyman Binyamin Hoch) come spia atomica dello Stato degli ebrei. Maxwell era il padre di Ghislaine, la madame di Jeffrey Epstein, arrestata dopo una enigmatica latitanza (si era fatta fotografare in un bar a Los Angeles mentre leggeva in libro sugli agenti segreti morti) e ora detenuta in carcere dove avrebbe ritrovato la fede ebraica di suo padre.

Aiuta Renovatio 21

Maxwell citò in giudizio Hersh, e nel 1994, il Mirror Group pagò «danni sostanziali» a Hersh e si scusò per attacchi stampa che mettevano in dubbio il suo lavoro, il quale sosteneva legami tra Maxwell e il Mossad.   Misteriosamente annegato di notte mentre si trovava sul suo panfilo in mezzo all’Atlantico (mentre uno scandalo finanziario travolgeva il suo impero a Londra), il Maxwell ricevette un funerale da eroe da parte dello stato israeliano, con sepoltura sul Monte degli Ulivi alla presenza di vari capi dell’Intelligence. Alcuni sostengono che questo onore eccezionale sia stato concesso in cambio dell’aiuto di Maxwell nella cattura (avvenuta in Italia) dell’attivista ed ex tecnico nucleare israeliano Mordecai Vanunu, il quale aveva rivelato al mondo il programma segreto di armamento nucleare dello Stato Ebraico.   Un’altra sospetta spia atomica israeliana sarebbe stato il produttore Arnon Milchan, fondatore della casa di produzione Regency a cui si devono film come C’era una volta in AmericaBrazilPretty WomanNatural Born KillersL.A. ConfidentialThe Revenant12 Years a SlaveHeatFight Club.   Secondo articoli usciti nel 2013, Milchan fu reclutato nel Lekem, un’organizzazione segreta dell’intelligence israeliana responsabile dell’ottenimento di tecnologia e materiale per il programma nucleare israeliano e altri programmi altamente segreti.   Milchan aveva prodotto JFK, importante film di Oliver Stone sull’assassinio del presidente Kennedy, in grado di rianimare il dibattito sul caso mostrando le incongruenze delle indagini e si indicavano le probabili piste, da cui tuttavia era completamente assente quella israeliana: alcuni ritengono che Tel Aviv avesse rapporti assai difficili con i Kennedy per l’opposizione di essi al programma nucleare militare israeliano. SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine generata artificialmente              
Continua a leggere

Nucleare

La Russia esorta l’AIEA a rivelare pubblicamente gli attacchi ucraini alla centrale nucleare

Pubblicato

il

Da

Mosca ha lanciato un appello all’Agenzia internazionale per l’energia atomica (AIEA), esortandola a registrare pubblicamente gli attacchi ricorrenti dell’esercito ucraino alla centrale nucleare di Zaporiggia. Lo riporta il sito governativo russo RT.

 

L’impianto è la più grande centrale atomica d’Europa, con sei nuclei di reattori in grado di generare un gigawatt di elettricità ciascuno. L’impianto è passato sotto il controllo di Mosca nel 2022, all’inizio del conflitto in Ucraina, ed è stato formalmente trasferito alla gestione di Rosatom dopo che la regione di Zaporiggia è stata incorporata nella Russia a seguito di un referendum. Kiev ha affermato che era occupato illegalmente e ha insistito sul fatto che la Russia teneva armi pesanti nell’impianto e da lì stava attaccando le forze ucraine.

 

Da allora Kiev ha preso di mira la struttura con attacchi di artiglieria, missili e droni e ha inviato gruppi armati per cercare di impossessarsene. All’inizio di questa settimana, la centrale nucleare ha perso la connessione con la sua unica linea elettrica di riserva rimasta, una fonte chiave dell’elettricità di cui ha bisogno per raffreddare i suoi reattori, con la squadra dell’AIEA sul campo che ha riferito di aver sentito «numerosi colpi di artiglieria» in prossimità dello stabilimento. Venerdì la centrale nucleare ha scritto su Telegram di essere stata recentemente attaccata ripetutamente dai droni ucraini.

 

La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova venerdì ha messo in guardia Kiev da ulteriori attacchi all’impianto, sottolineando che potrebbero danneggiare le infrastrutture critiche e destabilizzare l’impianto. Ha inoltre rivolto un appello all’AIEA affinché renda noti al pubblico i recenti attacchi e i loro autori.

Sostieni Renovatio 21

«Esortiamo fortemente l’AIEA e la sua leadership a utilizzare attivamente gli esperti presenti nella stazione per registrare pubblicamente tutti i casi di attacchi da parte ucraina e indicare chiaramente da dove proviene realmente la minaccia al funzionamento sicuro di questa struttura», ha affermato in una dichiarazione.

 

In una dichiarazione rilasciata alla TASS venerdì scorso, l’AIEA ha affermato di essere a conoscenza degli attacchi segnalati e di starli studiando, ma si è rifiutata di fornire ulteriori dettagli.

 

L’AIEA ha inviato una missione permanente di monitoraggio in loco presso l’impianto nel settembre 2022, ma ha ripetutamente rifiutato di valutare pubblicamente gli incidenti che hanno coinvolto l’impianto o di nominare l’Ucraina come responsabile.

 

Gli esperti dell’agenzia hanno affermato che l’impianto dipende ora interamente dall’unica linea rimanente da 750 kilowatt per l’energia fuori sede. La centrale nucleare ha riferito che si stanno indagando sulla perdita di collegamento alla linea elettrica di riserva e ha osservato che il fondo di radiazione presso la stazione e l’area circostante finora rimane invariato.

 

La centrale di Zaporiggia è stata al centro di tensioni internazionali per mesi. Nove mesi fa, secondo fonti russe le forze ucraine avrebbero tentato di ricatturare la centrale, fallendo. Ad un certo punto, il presidente ucraino Volodymyr Zelens’kyj se ne uscì dicendo che la Russia avrebbe minato il tetto della centrale atomica di Zaporiggia.

 

Come riportato da Renovatio 21, in precedenza l’AIEA aveva trovato mine antiuomo nell’impianto atomico zaporiggese. Bombe a grappolo nella zona hanno ucciso lo scorso anno il corrispondente dell’agenzia stampa RIA Novosti e della testata Sputnik Rostislav Zhuravlev.

 

Oltre agli attacchi multipli alla centrale di Zaporiggia, si era parlato negli scorsi mesi della prospettiva di una «bomba sporca».

 

Vi fu poi la bizzarra comunicazione del Dipartimento dell’Energia di Washington all’ente atomico russo Rosatom era emerso il mese scorso. Nella missiva gli americani avvertivano la Russia del fatto che nell’impianto di Zaporiggia vi sarebbe «tecnologia nucleare sensibile» statunitense, e quindi i russi non dovevano toccarla.

 

Non è dato sapere di quale tipo di tecnologia si trattasse, con alcuni a chiedersi se non sia per caso tecnologia militare nucleare. Tucker Carlson, il più seguito giornalista TV americano, ha commentato aprendo alcuni scenari: «in Ucraina, tecnologia nucleare americana sensibile? Probabilmente non per la generazione di energia». Pochi giorni dopo il Carlson è stato licenziato da Fox News.

 

Kiev ha attaccato varie volte la centrale nucleare dell’oblast’ russo di Belgorod, arrivando a colpire con droni anche la «città atomica» di Kurchatov. Il Servizio di Sicurezza Federale russo (FSB) ha intercettato e neutralizzato piani di attacco terroristici ad impianti nucleari.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’allarme per i sabotaggi ucraini contro le centrali nucleari in territorio russo è stato lanciato da Mosca ancora l’anno scorso.

 

La confusione internazionale aumentò quando vi furono avvistamenti di droni misteriosi sopra centrali atomiche svedesi.

 

L’ex presidente russo Dmitrij Medvedev, trattando il tema della delicata situazione di Zaporiggia, aveva parlato di possibili «incidenti» nei siti nucleari UE come forma di destabilizzazione ulteriore del quadro internazionale.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di IAEA Imagebank via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic

 

Continua a leggere

Più popolari