Connettiti con Renovato 21

Politica

Zemmour aggredito al suo primo comizio

Pubblicato

il

Il candidato presidenziale francese Eric Zemmour è stato aggredito al suo primo comizio.

 

Mentre, come un divo, entrava nell’auditorium strapieno di sostenitori festanti (si parla di 15 mila presenze) stringendo le mani alle persone sporte sulle transenne, un uomo ha cercato di afferrarlo.

 

 


 

L’evento è stato infiltrato da elementi della sinistra «antirazzista» – dicono i giornali: ma potrebbero essere anche semplici bande di balordi immigrati della banlieue, di cui però non si puòparlare –  che hanno creato tafferugli, anche piuttosto spettacolari, con sedie che volavano e gente che si picchiava selvaggiamente. Il comizio è iniziato con un’ora e mezzo di ritardo.

 


Zemmour è comunque arrivato sul palco illeso e, come si vede dalle immagini, ha gioiosamente arringato al pubblico.

 

«I miei avversari vogliono la mia morte politica, i giornalisti la mia morte sociale e i jihadisti la mia morte» ha detto il candidato.

 

Come riportato da Renovatio 21, il giornalista di origine ebrea tunisina si è candidato ufficialmente la settimana scorsa.

 

La sua piattaforma è essenzialmente anti-immigrazionista: da qui il nome del suo partito, Reconquête, «Riconquista», un riferimento alla Reconquista, cioè al processo storico di cacciata dei «mori» islamici nella penisola iberica durante il Medio Evo.

 

Come abbiamo notato, curiosamente il candidato, considerato dirompente, senza peli sulla lingua, non ha detto una parola che sia una riguardo dittatura sanitaria, vaccini, Grande Reset, etc. Un tema che interesserebbe, in Francia, milioni e milioni di elettori che, come in Italia, sono ora senza rappresentazione politica.

 

Come riportato da Renovatio 21, lo spauracchio Zemmour veniva agitato da mesi sui giornali, con sondaggi che lo davano vicino a Macron, e sempre e comunque nocivo alle ambizioni dell’eterna candidata della destra francese Marine Le Pen.

 

Secondo molte voci, che provengono sia dai giornali che da politici come l’ex presidente Hollande, dietro a Zemmour vi sarebbe il finanziere Bolloré, già socio di Berlusconi in Mediaset e grande socio di TIM – posizione ora in bilico a causa dell’interesse del mega-fondo americano KKR e forse dal rimescolamento di carte conseguente al Trattato del Quirinale.

 

La situazione della società in Francia pare sempre più prossima al collasso: gli stessi militari, in uno strano pronunciamento, annunciarono l’imminenza della guerra civile – idea ribadita da altri candidati presidenziali.

 

Le strade di Francia sono diventate insicure per chiunque, sia per Miss Francia che per un soldato paracadutista che per i commercianti asiatici di Lione: chiunque può essere vittima di violenza delle bande.

 

La Guadalupa, territorio d’oltre mare francese, è stata data alle fiamme nella protesta contro l’obbligo vaccinale.

 

 

 

Continua a leggere

Politica

Deputati USA: i bombardamenti in Siria e Iraq violano la Costituzione

Pubblicato

il

Da

Il 18 novembre 2021 tre membri della Camera dei Rappresentanti, Peter A. DeFazio (Repubblicano, Oregon), Nancy Mace (Repubblicana, Carolina del Sud) e Jamaal Bowman (Democratico, New York) hanno scritto al presidente Joe Biden chiedendogli di precisare quali basi costituzionali legittimino i bombardamenti di Siria e Iraq.

 

Dopo due mesi (termine regolamentare) la Casa Bianca non ha ancora risposto.

 

Quindi le azioni militari degli Stati Uniti non solo violano la sovranità in questi due Paesi, ma anche la Costituzione USA.

 

Nessuno sembra preoccuparsene.

 

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

Fonte: «I bombardamenti in Siria e Iraq violano la Costituzione USA», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 25 gennaio 2022

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Bizzarria

Biden dice a un giornalista «stupido figlio di puttana»

Pubblicato

il

Da

 

Il presidente americano Joe Biden ha definito «stupido figlio di puttana» un giornalista al termine di una conferenza stampa.

 

In coda all’incontro del presidente con la Stampa registrata come «Osservazioni del presidente Biden prima dell’incontro con il Consiglio per la concorrenza della Casa Bianca», il corrispondente di Fox News Peter Doocy, mentre veniva fatto sgombrare con gli altri dalla stanza, aveva osato porre al presidente una domanda di politica interna, visto che Biden sorrideva e non rispondeva ai colleghi giornalisti che gli chiedevano se avrebbe mandato o meno «8.500 soldati in Ucraina»

«Risponderà  quindi a domande sull’inflazione?» ha chiesto Doocy. «Crede che l’inflazione sia un ostacolo politico in vista delle elezioni di metà mandato»

 

«No, è una grande risorsa. Più inflazione. Che stupido figlio di puttana».

 

 

L’insulto è trascritto per i posteri nel sito ufficiale della Casa Bianca. Potete trovarlo ben in evidenza in fondo alla trascrizione. (A meno che non lo cancellino, cosa non improbabilissima in questo momento storico dove a causa del potere censorio dell’elettronica scripta non manent)

 

 

Il giornalista, inviato di quella Fox News odiata dal Partito Democratico (ma che ha audience molto maggiori rispetto ai canali TV pro-Biden come CNN e CNBC) ha poi scherzato con i colleghi in TV dicendo che nessuno ha fatto fact-checking sull’affermazione del presidente.

 

La popolarità di Biden in queste settimane ha raggiunto un punto talmente negativo (33%) da aver superato il presidente Carter nella classifica dello sfavore del popolo americano verso il presidente in carica.

 

Si tratta certamente, come ci hanno ripetuto, del più grande presidente della storia americana, un uomo la cui popolarità non deve provocare alcun dubbio. Uno che ha preso 80 milioni di voti, 10 più del rivale Trump e di Obama nel momento più alto del suo gradimento politico: ripetiamo, 80 milioni di voti.

 

Non sappiamo se a questo punto è ancora concesso avere dubbi.

 

 

 

 

Continua a leggere

Politica

Europarlamentare croato attacca frontalmente Macron: «le vaccinazioni obbligatorie rappresentano la pena di morte e la sua esecuzione per molti cittadini»

Pubblicato

il

Da

L’eurodeputato croato Mislav Kolakusic ha affrontato direttamente il presidente francese Emmanuel Macron durante un vertice del Parlamento europeo, paragonando il suo obbligo vaccinale alla pena di morte.

 

«Il presidente Macron, considerando le molte restrizioni ai diritti e alle libertà dei cittadini in Francia durante la pandemia, le chiedo solo una cosa», ha detto Kolakusic lo scorso mercoledì nel suo discorso di fronte ad un Macron munito di mascherina apparentemente non-FFP2.

 

«Mentre presiede l’UE, faccia tutto esattamente il contrario di quello che stava facendo in Francia».

 

«Decine di migliaia di cittadini sono morti a causa degli effetti collaterali del vaccino. Le vaccinazioni obbligatorie rappresentano la pena di morte e la sua esecuzione per molti cittadini»

 


L’europarlamentare di Zagabria ha poi affermato che l’obbligo vaccinale di Macron non è diverso dalla «pena di morte», citando le «decine di migliaia» di persone morte dopo l’iniezione.

 

«D’altra parte, oggi lei ha detto di essere orgoglioso che non ci sia la pena di morte in Europa», ha detto Kolakusic in faccia al presidente francese.

 

«Decine di migliaia di cittadini sono morti a causa degli effetti collaterali del vaccino. Le vaccinazioni obbligatorie rappresentano la pena di morte e la sua esecuzione per molti cittadini».

 

«Questa deve rimanere una scelta per ogni cittadino! L’omicidio è un omicidio», ha aggiunto, esortando i suoi colleghi a guardare i dati della Commissione Europea per la salute.

 

Come riportato da Renovatio 21, era stato lo stesso presidente croato Zoran Milanovic, pochi mesi fa, ad esprimere estremo scetticismo sull’isteria politica e mediatica sul COVID.

 

In Polonia lo stesso premier si è scagliato contro Facebook che aveva cancellato la pagina di un partito politico presente in Parlamento per «violazione delle regole informative relative al COVID-19».

 

Abbiamo visto che, a seguito di ampie proteste, pochi giorni fa il governo della Repubblica Ceca ha abbandonato il piano per l’obbligo vaccinale.

 

Insomma: per chi battaglia per la libertà e lo stato di diritto, dall’Europa dell’est sono oramai sempre e solo soddisfazioni.

 

 

 

 

Immagine screenshot da Youtube

Continua a leggere

Più popolari