Connettiti con Renovato 21

Politica

«C’è oggi un rischio reale di guerra civile»: dice il candidato alle presidenziali francesi

Pubblicato

il

 

 

 

Xavier Bertrand, candidato alle prossime presidenziali francesi, ha dichiarato che la Francia sta ora rischiando una «guerra civile» a causa dei suoi problemi con la violenza delle bande e l’immigrazione di massa incontrollata. Lo riporta il quotidiano francese Le Figaro.

 

Bertrand, che si candida sotto l’insegna della divers droite (etichetta che raccoglie i politici di destra ma non appartenenti, anche solo temporaneamente, a partiti esistente)  è presidente del Consiglio regionale dell’Alta Francia ed è attualmente terzo nei sondaggi alle spalle di Emmanuel Macron e di Marine Le Pen.

 

«C’è oggi un rischio reale di guerra civile», ha detto il candidato Bertrand all’interno del programma  Gran Jury del gruppo RTL-LCI-Le Figaro.

 

Il tono di Bertrand era estremamente serio.

 

«Ci sono bande, bande che combattono con i Kalashnikov… e questa non sarebbe una guerra civile?»

«Il presidente della Repubblica deve fare di tutto per evitarlo, e questo richiede soprattutto la fine dei crimini non puniti. Qualsiasi sanzione deve sfociare alla fine  in una sentenza».

 

Bertrand ha specificato al problema delle gang che impestano le banlieue dei grandi centri urbani francesi come Parigi e Lione, oramai veri e propri ghetti di masse di immigrati radicalizzati che di fatto rifiutano l’integrazione con la Nazione ospitante.

 

«Ci sono bande, bande che combattono con i Kalashnikov… e questa non sarebbe una guerra civile?»

 

«Ci sono ora persone che tornano a casa con le spalle al muro, con la testa bassa, sperando di poter tornare a casa tranquillamente o che mogli e figli non siano disturbati».

 

Dal ghetto islamico di Moleenbek, appena oltre il confine belga, si era nascosto per ben quattro mesi Salah Abdeslam, uno degli attentatori della notte del Bataclan, il cui processo è iniziato in questi giorni.

«Ci sono ora persone che tornano a casa con le spalle al muro, con la testa bassa, sperando di poter tornare a casa tranquillamente o che mogli e figli non siano disturbati»

 

Un sondaggio effettuato ad aprile ha rilevato che la maggior parte dei cittadini francesi pensava che una qualche forma di «guerra civile» fosse probabilmente il risultato di un multiculturalismo fallito e di attacchi all’identità francese.

 

Il sondaggio era stato stimolato da una lettera firmata da 1.000 membri del servizio militare, tra cui 20 generali in pensione, che avvertiva il presidente Macron di «diversi pericoli mortali» che minacciavano la Francia, tra cui «l’islamismo e le orde delle banlieue».

 

Come riportato da Renovatio 21, il pronunciamento dei militari di quattro mesi fa fu nettissimo: «Vediamo la violenza nelle nostre città e nei nostri villaggi. Vediamo l’odio per la Francia e la sua storia diventare la norma… Questa decadenza, la abbiamo vista in molti Paesi in crisi. Precede il crollo. Annuncia caos e violenza e, contrariamente a quanto voi affermate qua e là, questo caos e questa violenza non verranno da un “pronunciamento militare” ma da un’insurrezione civile… La guerra civile si sta preparando in Francia e lo sapete perfettamente».

«Abbiamo un presidente che non ha mai misurato l’insicurezza nel nostro Paese e le violenze»

 

La lettera ebbe pesanti conseguenze per i militari che la firmarono. Come notato su Renovatio 21, era possibile scorgervi, forse, alcuni riferimenti massonici precisi.  Bertrand risulta essere un massone iniziato alla loggia Les Fils d’Isis del Grande Oriente di Francia. Tuttavia, dal 2012, dopo 17 anni, avrebbe dato le dimissione dall’obbedienza massonica – sempre che la cosa sia tecnicamente possibile.

 

Nella recente trasmissione il Bertrand, già ministro della Salute e ministro del Lavoro,  ha infine attaccato frontalmente Macron: «abbiamo un presidente che non ha mai misurato l’insicurezza nel nostro Paese e le violenze».

 

Una sensazione, quella dello scollamento tra i prìncipi e il popolo, che conosciamo anche qui…

 

 

 

 

 

Immagine di Bora S. Kamel via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

Politica

«Draghi ha ricevuto dall’Europa una licenza di uccidere?» Intervento dell’on. Donato all’europarlamento?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica l’intervento dell’europarlamentare Francesca Donato al Parlamento Europeo sulle violazioni dei diritti umani in Europa. Renovatio 21 ha pubblicato pochi giorni fa il discorso dell’onorevole sull’Italia «sede prescelta per un esperimento sociale vero e proprio, che punta al controllo spasmodico dell’individuo ed alla schedatura di tutti i cittadini con sistemi digitalizzati ed intercomunicanti, al fine di coartarne la volontà e le scelte tramite un sistema di libertà condizionata ad una serie di adempimenti».

 

 

È davvero frustrante assistere, per una cittadina europea italiana, a questa inedita prova di forza dell’Unione contro lo stato polacco per mancato rispetto della Rule of Law in tema di ideologia LGBT e nomine dei giudici, mentre in Italia i diritti fondamentali sanciti nella carta europea dei diritti dell’uomo vengono calpestati dal governo del non eletto presidente Draghi con l’introduzione di misure gravemente discriminatorie e vessatorie contro la minoranza dei lavoratori e studenti non vaccinati contro il COVID e la repressione violenta delle proteste pacifiche in corso.

 

Forse il Premier Draghi ha ricevuto dalle istituzioni europee una licenza di uccidere?

La violazione della Rule of Law è ben più grave di quella contestata alla Polonia ma la commissione non se ne occupa.

 

Forse il Premier Draghi ha ricevuto dalle istituzioni europee una licenza di uccidere?

 

Se non è così, commissario intervenga subito in difesa dei cittadini italiani che chiedono aiuto, come hanno fatto ieri a Trieste.

 

 

 

Continua a leggere

Politica

Prodi se lo lascia scappare: il green pass resterà

Pubblicato

il

Da

 

Romano Prodi se lo lascia scappare: il green pass durerà a lungo. Finché ce ne sarà bisogno. Forse, si potrebbe pensare, per sempre.

 

«L’obbligo dovrà essere cancellato solo il giorno in cui non ce ne sarà più bisogno». Il tono del mite ex democristiano parrebbe qui perfino un po’ imperativo.

 

È ormai nota l’obiezione nell’ambito della Filosofia del  Diritto che Massimo Cacciari ripropone in tutte le occasioni senza che ne venga colta la gravità: uno stato di emergenza deve dichiarare i  parametri da raggiungere per uscire dall’emergenza stessa; in caso contrario non è  «stato di emergenza»,  bensì  «stato di eccezione», uno stato che in genere viene anche chiamato «dittatura», «autoritarismo», «tirannia», «dispotismo» etc.

 

«L’obbligo dovrà essere cancellato solo il giorno in cui non ce ne sarà più bisogno». Il tono del mite ex democristiano parrebbe qui perfino un po’ imperativo.

«Stato di emergenza» e «stato di eccezione» sono cose ben diverse.

 

Evidentemente non lo sono per  Prodi, uomo che con probabilità sta cercando di presentarsi come possibile successore di Mattarella.

 

Sul Messaggero del 17 ottobre l’ex presidente della Commissione Europea afferma:

 

«L’obbligo del green pass ha quindi già accelerato l’arrivo della cosiddetta immunità di gregge, cioè del momento in cui l’epidemia sarà, almeno in Italia, definitivamente sotto controllo. Porsi quindi una data di scadenza dell’obbligo del green pass, come è la tesi recentemente espressa da Salvini, non si fonda su alcun dato oggettivo: l’obbligo dovrà essere cancellato solo il giorno in cui non ce ne sarà più bisogno».

 

Traduciamo noi la filosofia del diritto del professor Prodi: lo stato di emergenza si manterrà finché ce ne sarà bisogno. Concetto quest’ultimo, non esattamente definito.

 

«Gli italiani, almeno nella prima applicazione delle nuove misure, hanno capito tutto questo e hanno dato, nella stragrande maggioranza, il loro contributo per anticipare l’arrivo di quel giorno».

 

La conclusione del docente emiliano – da lunghi anni molto amico della Cina – è ancora più serena, quasi serafica:

 

«Anche se non voglio procedere a giudizi affrettati su eventi che ancora sono in corso, mi sembra quindi che i comportamenti di questi ultimi due giorni dimostrino che, nella loro maggioranza, gli italiani non si accontentano che il governo si limiti a proteggere i diritti individuali, ma debba ugualmente tenere conto degli interessi collettivi della società in cui viviamo. Con il green pass il governo ha semplicemente imposto che questi diversi interessi vengano tra loro armonizzati».

 

Non sappiamo se con questa espressione voglia riferirsi all’ideale della hexié shèhuì, la «società armoniosa» lanciata dall’ex presidente della Repubblica Popolare Cinese Hu Jintao, ma purtroppo, riguardo le inclinazioni degli italiani, potrebbe avere torto.

 

Infatti il giorno successivo agli «armoniosi» sgomberi del porto di Trieste, su La Verità del 20 ottobre Maurizio Belpietro pubblica un sondaggio dell’Università Cattolica dove si dimostra che il 50 % degli italiani è ostile al green pass. La metà della popolazione è contraria alla passaporto vaccinale totale.

 

«EngageMinds Hub ha intervistato 6.ooo persone, senza badare alle simpatie politiche di destra o di sinistra. Oggetto del sondaggio è l’opinione degli italiani a proposito del certificato verde» scrive il quotidiano milanese.

 

«Beh, a leggere lo studio si capisce che i cosiddetti no pass sono tutt’altro che quattro gatti e quattro estremisti. Solo poco più della metà degli italiani, il 56%, ritiene che il green pass sia una misura efficace a ridurre il rischio di contagi. E soltanto il 52% pensa sia giusto vietare l’accesso ai luoghi di lavoro a chi non ne sia in possesso».

 

Ma all’ex premier dell’era dell’«Ulivo mondiale» va ancora peggio quando a contraddirlo è lo stesso Silvio Brusaferro, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità e portavoce del CTS, il quale su La Stampa del 20 ottobre afferma che l’immunità di gregge non esisterà mai.

 

«Scordiamoci l’immunità di gregge, la terza dose potrebbe servire a tutti». Chiediamo noi: e poi allora la quarta, la quinta etc… ?

 

Ha ragione Cacciari: chiamatelo «stato di eccezione». Ci siamo già dentro da 21 mesi. Ci siamo dentro per sempre

«L’immunità di gregge, intesa come livello di immunizzazione che azzera la circolazione di un virus, non è obiettivo che ci possiamo porre con il SarsCov-2. Gli obiettivi sono altri: ridurre il più possibile la circolazione del virus ed i contagi e contenere al minino ricoveri e morti. Questo implica avere una massiccia copertura vaccinale della popolazione e garantirne la durata nel tempo».



Già, e come si garantirebbe questa “durata nel tempo” se i vaccini non permettono di raggiungere la leggendaria immunità di gregge come sostiene Brusaferro?

 

Ma è semplice: i parametri non esistono, si devono solo prolungare indefinitamente  le limitazione previste dallo stato di emergenza, cioè  quello che nella neo-lingua orwelliana si chiama «limitare i contagi».

 

Quindi ha ragione Cacciari: chiamatelo «stato di eccezione». Ci siamo già dentro da 21 mesi. Ci siamo dentro per sempre.

 

 

Gian Battista Airaghi

Continua a leggere

Politica

«Tienanmen vaccinale»: cosa succederà sabato a Trieste?

Pubblicato

il

Da

 

Il governo ieri ha accettato di mettere in piedi un tavolo con la protesta triestina. Come reso noto dal leader della sigla sindacale portuale CLPT Stefano «Ciccio» Puzzer, l’autorità esecutiva ha accettato l’incontro, secondo alcune condizioni.

 

I portuali hanno ottenuto che l’incontro si tenesse a Trieste e non a Roma – come invece avevano accettato prima, rimediando  un bizzarro, superfluo «incontro» al Senato (come se il Parlamento avesse ancora qualche voce in capitolo).

 

Secondariamente, il potere ha deciso di mandare a Trieste il grillino Stefano Patuanelli, oggi ministro delle politiche agricole alimentari e forestali. (Se non sapete chi è, non vi preoccupate: non siete i soli)

 

In terzo luogo, il governo ha fatto sapere che l’incontro avverrà sabato.

 

Analizziamo la questione punto per punto. Dove, chi, quando.

La scelta di mandare Patuanelli è al limite dell’insulto. Che i portuali parlino con il ministro delle politiche agricole e forestali potrebbe sottendere, ironizzano in rete, che il potere consideri i manifestanti come bestiame

 

Sicuramente, il luogo del tavolo, Trieste, è l’unica concessione fatta alla protesta. Al contempo, però, permette al governo plausible deniability («negabilità plausibile»: il poter fornire scuse adatte a discolparsi) riguardo la presenza di altri ministri, magari quelli più interessati alla questione (Trasporti, Sanità, Interni) e financo del Presidente del Consiglio dei Ministri Mario Draghi, che è il vero grande artefice di tutta l’accelerazione impressa al marchio bio-digitale su tutti i lavoratori italiani.

 

Fare l’incontro  lontano da Roma permette a Speranza, Lamorgese, Draghi di starsene lontanissimi dalla polveriera triestina, mandando così un ministro di seconda (o terza) fila.

 

La scelta di mandare Patuanelli, infatti, è al limite dell’insulto. Che i portuali parlino con il ministro delle politiche agricole e forestali potrebbe sottendere, ironizzano in rete, che il potere consideri i manifestanti come bestiame. Animali da macello, magari da portare al pascolo un po’ prima di venderli o abbatterli per farci lo spezzatino.

 

Patuanelli ha oggi perfino meno importanza di quanta ne avesse nel governo Conte bis – il governo che attuò, primo in Occidente, i lockdown più mostruosi – dove ricopriva la non piccola carica di Ministro dello Sviluppo Economico. Molte delle regole pandemiche che hanno distrutto la nostra economia dovrebbero essere passate anche sul suo tavolo.

 

Draghi, Lamorgese, Speranza sanno che devono stare a migliaia di chilometri di distanza da Trieste, dove la situazione potrebbe generare immagini spiacevoli, che finirebbero quindi per sempre associate a loro, come in un G8 genovese qualsiasi

Tuttavia, il ministro Patuanelli, ora scivolato al Ministero agricolo, ha oggi ancora meno importanza, e davvero non si capisce perché mai dovrebbe lui incontrare la massa in rivolta a Trieste e non i ministri degli Interni, del Lavoro, dei Trasporti, della Salute – e, ribadiamo, la cosa dovrebbe interessare anche al Primo Ministro.

 

Il quale Primo Ministro si tiene alla larga dalla criptonite triestina anche perché (lo abbiamo capito sin dal primo momento, quando lo abbiamo visto parlare per la prima volta in Parlamento per il suo insediamento) crediamo che davvero non sia abituato, diciamo così, a trattare con il popolo, non ne ha mai visto uno (del resto, come in una favola principesca, egli regnava su una alta torre, l’Eurotower della BCE a Francoforte), e qualcuno può interrogarsi sul quando il Draghi può aver avuto contatto con un portuale o anche con una semplice partita IVA.

 

Draghi, Lamorgese, Speranza sanno che devono stare a migliaia di chilometri di distanza da Trieste, dove la situazione potrebbe generare immagini spiacevoli, che finirebbero quindi per sempre associate a loro, come in un G8 genovese qualsiasi. E questo nonostante il Corriere della Sera riporti la notizia della repressione al porto («idranti», scrive il primo quotidiano nazionale) a pagina 18. Prima, giustamente, c’erano i risultati delle elezioni disertate da un elettore su due.

 

Qui entra in giuoco il terzo punto: il giorno di sabato. Anche qui, siamo ai limiti dell’insulto: facciamo sabato, pare dire il governo, che in settimana ci abbiamo da fare, siamo impegnati in cose serie. La vostra non lo è. Quindi, accontentatevi.

Anche qui, siamo ai limiti dell’insulto: facciamo sabato, pare dire il governo, che in settimana ci abbiamo da fare, siamo impegnati in cose serie. La vostra non lo è. Quindi, accontentatevi

 

Insomma: sabato con Patuanelli – a questo punto magari il potere poteva anche sputare per terra o mostrare il dito medio, o sghignazzarsela per la combo inflitta all’insurrezione populista.

 

C’è di sicuro un elemento tattico che hanno considerato. Sabato è tra cinque giorni. Un’enormità rispetto alle forze che servono per tenere in piedi una protesta, specie ora che la sede primigenia – il porto – è stata sgombrata con la forza e sigillata con ruspe e new jersey.

 

Gli strateghi del governo devono aver pensato: tempo cinque giorni la protesta sarà fiaccata. Sfinita.

 

Tuttavia è possibile pensare invece ad un altro scenario. Non è improbabile che sabato – giornata usualmente utilizzata per la protesta pacifica di centinaia di migliaia di persone in tutta Italia da quattordici settimane – una massa enorme di persone converga su Trieste divenuta epicentro della lotta contro il green pass.

Non è improbabile che sabato – giornata usualmente utilizzata per la protesta pacifica di centinaia di migliaia di persone in tutta Italia da quattordici settimane – una massa enorme di persone converga su Trieste divenuta epicentro della lotta contro il green pass

 

Fermare una simile quantità di persone diventerebbe difficile, arduo – a meno di istituire un blocco delle autostrade. Un’operazione di magnitudine militare della quale, forse, oggi il governo non avrebbe più di tanto timore.

 

La convergenza della protesta nazionale a Trieste potrebbe riempire l’enorme Piazza Unità d’Italia creando una situazione davvero instabile. Per soprammercato, ogni cosa potesse accadere a Trieste (come l’eventualità di altre cariche della polizia contro i manifestanti inermi come quelle viste lunedì) risuonerebbe in tutte le altre piazze d’Italia che il sabato protestano e che ieri sera già hanno fatto sapere di essere in contatto profondo con il capoluogo giuliano: Trieste chiama...

 

La scelta del sabato come giorno del faccia a faccia può rivelarsi insomma come un incredibile autogol del governo. A meno che esso non programmi di portare le azioni di sgombro viste al porto anche su Piazza Unità d’Italia: saremmo, in questo caso, dalle parti di Pechino 1989 – Trieste come la prima Tienanmen vaccinale del mondo

La scelta del sabato come giorno del faccia a faccia può rivelarsi insomma come un incredibile autogol del governo. A meno che esso non programmi di portare le azioni di sgombro viste al porto anche su Piazza Unità d’Italia: saremmo, in questo caso, dalle parti di Pechino 1989 – Trieste come la prima Tienanmen vaccinale del mondo.

 

A meno che, quindi, non si scelga di fare di Trieste un esempio nazionale ed internazionale della repressione più sfrontata. Colpire una Trieste per educare cento Milano, Roma, Parigi, Berna, Berlino, Melbourne, New York

 

Ma rifiutiamo questo pensiero: il governo pandemico non può desiderare uno scenario del genere. No?

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari