Connettiti con Renovato 21

Militaria

Zelens’kyj rivela la consegna segreta di missili a lungo raggio da parte degli USA

Pubblicato

il

Il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha rivelato martedì che l’Ucraina ha utilizzato missili ATACMS a lungo raggio forniti dagli Stati Uniti nel conflitto con la Russia.

 

All’inizio della giornata il Wall Street Journal (WSJ) aveva riferito che Washington aveva «segretamente» fornito le armi a Kiev. «Oggi sono particolarmente grato agli Stati Uniti. I nostri accordi con il presidente Biden vengono implementati. E vengono implementati in modo molto accurato – gli ATACMS hanno dato prova del loro valore», ha detto lo Zelens’kyj in un videomessaggio.

 

Nel frattempo, l’esercito ucraino ha rilasciato una dichiarazione in cui afferma di aver «effettuato attacchi ben mirati su aeroporti ed elicotteri nemici» nelle regioni di Lugansk e Zaporiggia.

 

Secondo il Wall Street Journal, è stata la prima volta che l’Ucraina ha utilizzato il sistema missilistico tattico dell’esercito (ATACMS) fornito dagli Stati Uniti. Un «piccolo numero» di missili è stato «inviato segretamente» in Ucraina negli ultimi giorni, ha riferito il quotidiano, citando persone a conoscenza della questione.

 

I proiettili ATACMS hanno una gittata fino a 305 km, ma i modelli forniti a Kiev hanno una gittata di circa 1160 km, ha riferito il WSJ. Alla fine di settembre nei media statunitensi c’era una diffusa speculazione secondo cui l’amministrazione del presidente Joe Biden avrebbe inviato a Kiev alcuni ATACMS armati di testate a grappolo, ma ciò non è mai stato annunciato ufficialmente.

 

I missili vengono lanciati dai lanciatori High Mobility Artillery Rocket System (HIMARS), che gli Stati Uniti hanno fornito a Kiev l’anno scorso.

Sostieni Renovatio 21

Lo scorso dicembre, il Journal ha riferito che gli Stati Uniti avevano «modificato segretamente» i lanciatori HIMARS per disabilitare l’uso dell’ATACMS, scrive RT. Washington ha già esitato a fornire a Kiev armi che potrebbero colpire il territorio russo, secondo fonti anonime ai media occidentali.

 

Il Ministero della Difesa russo non ha né confermato né smentito il dispiegamento dell’ATACMS da parte dell’Ucraina. Alti funzionari della regione di Zaporiggia, tuttavia, hanno affermato che gli ucraini hanno utilizzato sia munizioni ATACMS con armi a grappolo che bombe a piccolo diametro lanciate da terra (GLSDB) per attaccare Berdyansk.

 

Dmitrij Rogozin, ex capo dell’agenzia spaziale russa Roscosmos e attuale senatore di Zaporiggia, ha persino identificato il modello esatto dell’ATACMS, che utilizzava le submunizioni a grappolo M74.

 

Mosca ha ripetutamente avvertito l’Occidente che l’invio di armi all’Ucraina aumenta il rischio di uno scontro diretto. Il portavoce presidenziale Dmitrij Peskov ha dichiarato il mese scorso che «non esiste alcuna arma che possa cambiare gli equilibri di potere sul campo di battaglia».

 

L’altra notte le forze ucraine hanno sferrato un attacco missilistico contro le basi aeree di elicotteri russi a Berdjansk e Lugansk. Non vi è un bilancio ufficiale russo delle perdite, che potrebbero essere state significative (le fonti ucraine ipotizzano 9/10 elicotteri danneggiati). I canali russi ipotizzano l’uso di missili ATACMS, ufficialmente non ancora consegnati dagli USA a Kiev.

 

Come noto, Kiev è stata dotata di missili a lunga gittata anche dalla Gran Bretagna. L’Ucraina ha ricevuto dalla Gran Bretagna i missili Storm Shadow, che hanno una portata di oltre 250 chilometri, all’inizio di quest’anno e li ha utilizzati per attaccare obiettivi civili e infrastrutture nella penisola russa di Crimea e nel Donbass. Con essi sarebbe stato colpito a giugno un rifugio per sfollati dell’alluvione causata dal crollo della diga di Kakhovka.

 

Come riportato da Renovatio 21, la richiesta alla Germania dei missili Taurus ha prodotto un siparietto umiliante per il ministro tedesco Annalena Baerbock, con l’omologo ucraino Dmytro Kuleba a dirle che la consegna di missili a lungo raggio da parte di Berlino «è solo una questione di tempo. Lo farete comunque».

 

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia

Continua a leggere

Militaria

Mercenari occidentali in Ucraina accusati di crimini di guerra contro i prigionieri russi

Pubblicato

il

Da

Un corrispondente militare del New York Times ha pubblicato questo fine settimana un reportage-bomba che punta i riflettori non solo sulle truppe ucraine, ma anche sui combattenti americani e stranieri che si sono offerti volontari con le forze pro-Kiev e hanno commesso potenziali crimini di guerra.   Il servizio del grande quotidiano neoeboraceno, intitolato «Killings of Surrendering Russians Divide an American-Led Unit» («Le uccisioni dei russi arresi dividono un’unità guidata dagli americani»), rivela come le truppe statunitensi stiano partecipando a unità che conducono esecuzioni extragiudiziali di russi che si sono legittimamente arresi.   Molti dei resoconti dei testimoni oculari provengono da un volontario tedesco identificato come Caspar Grosse, un medico di un’unità composta interamente da stranieri e guidata da un americano, il quale afferma di aver assistito a chiari crimini di guerra e che la sua coscienza lo ha costretto a parlare.

Iscriviti al canale Telegram

L’uomo descritto come lo scorso agosto un soldato russo ferito e disarmato stava cercando una resa pacifica strisciando e chiamando le linee del fronte ucraino.   Grosse racconta al NYT di aver «visto il soldato implorare cure mediche in un mix di inglese stentato e russo. Era il tramonto. Un membro della squadra è andato a cercare delle bende». E poi è rimasto scioccato nell’osservare la seguente svolta degli eventi.   Fu allora, ha detto il Grosse, che un commilitone zoppicò verso di lui e gli ha sparato nel torace. Questi è crollato, ancora respirando. Un altro soldato quindi «gli ha sparato semplicemente alla testa», ha ricordato Grosse in un’intervista.   Grosse ha detto di essere rimasto così sconvolto dall’episodio che ha affrontato il suo comandante. Ha detto di aver parlato con il New York Times dopo che quelle che considerava uccisioni ingiustificate erano continuate.   L’unità in questione è nota come «Chosen Company», ampiamente considerata il gruppo di volontari più rispettabile e noto di truppe internazionali. Grosse ha ulteriormente verificato questo e altri incidenti simili nel suo diario, che ha fornito al Times.   Tuttavia la testata disporrebbe anche di prove video su cui basarsi che hanno verificato separatamente tali uccisioni. «In un secondo episodio, un membro scelto ha lanciato una granata contro e ucciso un soldato russo che si arrendeva e che aveva le mani alzate, come mostrano le riprese video esaminate dal Times», documenta.   «L’esercito ucraino ha diffuso il video dell’episodio per mostrare la sua abilità sul campo di battaglia, ma ha tagliato la resa». Ciò significa che i censori militari ucraini e queste unità di volontari stanno letteralmente tagliando fuori chiari crimini di guerra prima di rilasciare al mondo ciò che equivale a propaganda ufficiale.   E poiché è stato un «membro scelto» a lanciare la granata, questo significa che il giornale ha individuato un combattente straniero come responsabile dell’esecuzione extragiudiziale che viola le Convenzioni di Ginevra.   Il Times ha ulteriormente esaminato i messaggi di testo di una chat di gruppo che ha esaminato. «In un terzo episodio, i membri della Chosen si sono vantati in una chat di gruppo di aver ucciso prigionieri di guerra russi durante una missione in ottobre, come mostrano i messaggi di testo», scrive la pubblicazione. «Un soldato che era stato brevemente al comando quel giorno ha accennato alle uccisioni usando una parola gergale per sparare». Ha detto che si sarebbe assunto la responsabilità.   «Se dovesse emergere qualcosa su presunte accuse di prigioniero di guerra, l’ho ordinato io», ha scritto il soldato, che usa il nominativo di chiamata Andok. Ha aggiunto un’immagine di un criminale di guerra croato morto nel 2017 dopo aver bevuto del veleno durante un tribunale all’Aja.   «All’Aja “Non mi pento di nulla!”» ha scritto. Era uno dei numerosi messaggi di testo esaminati dal Times che fanno riferimento, direttamente o indirettamente, all’uccisione di prigionieri. Andok ha detto in un’intervista che stava scherzando.   L’articolo afferma che un soldato greco noto come Zeus fu al centro di numerosi episodi che comportarono l’uccisione di prigionieri russi o di persone in procinto di arrendersi.   «Oggi un caro amico ha giustiziato volontariamente un prigioniero legato», inizia una pagina di diario di Grosse, che racconta uno degli incidenti in cui Zeus sarebbe coinvolto. «Mentre il prigioniero era seduto in una trincea con la giacca drappeggiata sulle spalle, Zeus gli è arrivato alle spalle e gli ha sparato alla testa più volte. Vado a letto».   Il NYT è stato effettivamente in grado di rintracciare i membri della Chosen Company che erano coinvolti o che avevano assistito alle presunte uccisioni. In un messaggio di chat di gruppo, un combattente straniero ha messo in guardia gli altri dal «fare la spia sui fratelli». La persona ha affermato che «chiunque avesse parlato con i giornalisti avrebbe rischiato anni di prigione per aver rilasciato informazioni riservate».   «Preferirei fermare qualsiasi indagine prima che inizi e dire semplicemente che è stato un malinteso», ha avvertito il combattente straniero, cercando di imporre il silenzio nella sua unità. «Alla fine, siamo fratelli».   Probabilmente, questa è sola la punta dell’iceberg e arriva dopo due anni e mezzo di guerra estenuante con la Russia, scrive Zerohedge. Quanti altri crimini di guerra come questo stanno avvenendo in queste unità straniere? Finora, i media mainstream sembravano ignorare tali abusi che si verificavano tra le forze ucraine, concentrandosi invece solo sui crimini degli invasori. Probabilmente ci sono molti altri resoconti tragici e scandalosi come questo.   In queste ore è arrivata anche la reazione di Mosca.   Il comitato investigativo russo ha affermato che indagherà sui crimini di guerra presumibilmente commessi da un’unità mercenaria che combatte per l’Ucraina.   «Gli investigatori del Comitato investigativo russo esamineranno altri crimini commessi dalle formazioni armate ucraine», ha dichiarato sabato il comitato sul suo canale Telegram, osservando che «sui media circolano informazioni su un crimine commesso contro un prigioniero di guerra russo ferito, ucciso con un colpo alla testa».

Sostieni Renovatio 21

L’ambasciatore russo per i crimini dell’Ucraina, Rodion Miroshnik, ha affermato che «tutti i dati citati dalla pubblicazione saranno verificati e analizzati» dalle forze dell’ordine. Mosca richiederà inoltre alle organizzazioni internazionali con rappresentanti in Ucraina di verificare le informazioni, che, se confermate, si qualificherebbero «come una violazione delle norme e dei principi fondamentali del diritto umanitario, pari a crimini di guerra».   Commentando il rapporto del NYT, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha osservato che in precedenza i media statunitensi avevano scelto di ignorare i numerosi resoconti di violazioni dei diritti umani presentati dal suo ministero, che erano stati fatti circolare anche nel Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite.   «È divertente osservare come i giornalisti e le piattaforme mediatiche americane fingano di non sapere nulla degli abusi subiti dalla popolazione pacifica del Donbass, ora nuove regioni russe, da parte del regime di Kiev. Si comportano come se non fossero a conoscenza delle torture inflitte alle persone dall’esercito ucraino e dalle forze di sicurezza. Ridicolo», ha affermato Zakharova in un’intervista all’edizione domenicale del quotidiano russo Izvestia.   L’anno scorso, Mosca aveva avviato un’indagine sui presunti crimini di guerra commessi da mercenari francesi, dopo che è emersa una foto che mostrava tre prigionieri di guerra russi uccisi a bruciapelo.   Secondo il Comitato Investigativo, più di 3.100 mercenari stranieri stanno attualmente combattendo in Ucraina, la maggior parte dei quali sono cittadini statunitensi, canadesi e britannici. Mosca ha ripetutamente avvertito che i mercenari non sono considerati combattenti secondo il diritto internazionale e «la cosa migliore» a cui possono sperare se catturati vivi è «un processo e pene detentive massime».   Secondo le disposizioni delle Convenzioni di Ginevra del 1949, «i membri delle forze armate che hanno deposto le armi e coloro che sono messi fuori combattimento a causa di malattie, ferite o detenzione» dovrebbero essere trattati umanamente. L’omicidio di ogni tipo, la mutilazione e la tortura dei prigionieri costituiscono un crimine di guerra.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
     
Continua a leggere

Militaria

L’acquisto di armi della giunta militare birmana passa per le banche thailandesi

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Fino all’anno scorso le transazioni finanziarie erano agevolate soprattutto dagli istituti finanziari di Cina e Singapore. Da aprile 2023 a marzo 2024 i generali birmani hanno speso in armamenti 253 milioni di dollari, registrando un calo di un terzo, ma molto ancora resta da fare a livello di sanzioni, ha sottolineato il relatore speciale delle Nazioni unite per i diritti umani in Myanmar, Tom Andrews. Nel frattempo l’ex presidente Thein Sein è volato in Cina.

 

Le banche straniere continuano a facilitare gli acquisti di armi da parte della giunta militare birmana, e quelle più attive sono le banche thailandesi. Ad affermarlo è l’ultimo rapporto redatto da Tom Andrews, il relatore speciale delle Nazioni unite per i diritti umani in Myanmar.

 

«Affidandosi a istituzioni finanziarie disposte a fare affari con le banche statali del Myanmar, sotto il controllo dei militari, la giunta ha accesso ai servizi finanziari necessari per compiere sistematiche violazioni dei diritti umani, compresi gli attacchi aerei contro i civili», che negli ultimi sei mesi sono «quintuplicati», ha precisato il funzionario ONU.

Iscriviti al canale Telegram

Da oltre tre anni il Myanmar è devastato dal conflitto civile: l’esercito, che ha tentato di prendere il potere con un colpo di Stato a febbraio 2021, combatte contro i gruppi della resistenza, ma ha da sempre preso di mira anche la popolazione civile tramite i bombardamenti dell’aviazione.

 

In base al documento, intitolato «Banking on the Death Trade: How Banks and Governments Enable the Military Junta in Myanmar», 16 banche in sette Paesi hanno elaborato transazioni a favore della giunta tra aprile 2023 e marzo 2024.

 

In questo periodo i militari hanno speso 253 milioni di dollari per gli armamenti. Non sembra, ma si tratta di un dato positivo, perché, rispetto all’anno scorso, il volume di equipaggiamenti militari acquistati dalla giunta tramite banche straniere è diminuito di un terzo (prima valeva 377 milioni di dollari).

 

Un miglioramento ottenuto grazie soprattutto a un calo delle esportazioni da parte degli enti registrati a Singapore, a sua volta risultato di un’ampia e importante indagine governativa. Le banche della città-stato erano, fino a non molti mesi fa, «i più importanti facilitatori finanziari per gli acquisti militari del Myanmar», con 110 milioni di dollari di transazioni, insieme alla Cina e a Hong Kong, che nell’anno fiscale 2022 hanno registrato vendite per 140 milioni di dollari, contro gli 80 milioni dell’anno successivo. Gli acquisti dalla Russia sono passati da 25 a 10 milioni di dollari, mentre quelli dall’India sono rimasti stabili a 15 milioni di dollari.

 

Il primato è passato ora alla Thailandia, le cui banche avevano agevolato acquisti militari per 60 milioni di dollari nel 2022, una cifra poi raddoppiata nell’anno successivo.

 

«La buona notizia è che la giunta è sempre più isolata», si legge nel resoconto di Andrews. «La cattiva notizia è che la giunta sta eludendo le sanzioni e altre misure sfruttando le lacune nei regimi sanzionatori, spostando le istituzioni finanziarie e approfittando dell’incapacità degli Stati membri di coordinare e applicare pienamente le azioni», prosegue il rapporto.

 

Solo la thailandese Siam Commercial Bank (SCB) ha elaborato transazioni per oltre 100 milioni di dollari nell’anno finanziario 2023, contro i poco più di 5 milioni dell’anno precedente.

 

Il ministero degli Affari Esteri thailandese (che pure si era speso per una risoluzione del conflitto nei mesi scorsi proponendo l’invio di aiuti al Myanmar) ieri, tramite una nota, ha dichiarato di aver preso visione del rapporto.

 

«I nostri istituti bancari e finanziari seguono i protocolli bancari come qualsiasi altro importante hub finanziario. Quindi dovremo stabilire i fatti, prima di considerare ulteriori misure», ha aggiunto un portavoce del ministero. La SCB ha negato le accuse, affermando che un’indagine interna ha stabilito che le sue transazioni con il Myanmar non sono collegate al commercio di armi.

 

Tuttavia, secondo Andrews, le banche internazionali devono sapere che esiste una «elevata probabilità» che le transazioni che coinvolgono realtà statali birmane – come la Myanma Foreign Trade Bank – possano essere utilizzate per acquistare armi o materiali per uso bellico. E altre lacune nelle sanzioni (imposte singolarmente da alcuni Paesi e non dall’ONU) fanno sì che il Paese rimanga in grado di acquistare carburante per l’aviazione, continua ancora il rapporto.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

L’analista David Scott Mathieson sostiene, però, che nuove sanzioni solo sul carburante potrebbero non essere sufficienti «per avere un impatto reale», perché i militari «hanno accesso alle materie prime e sono in grado di fabbricare proiettili, armi, mine» e in questo modo possono «continuare a combattere per un bel po’ di tempo».

 

Ancora una volta, la risoluzione della guerra sembra lontana.

 

Ieri l’ex presidente riformista Thein Sein, che ha guidato il Paese dal 2011 al 2016 prima del governo della leader democratica Aung San Suu Kyi, è volato in Cina, ha scritto l’ambasciata cinese a Yangon.

 

Thein Sein ha incontrato l’ambasciatore cinese, con cui ha discusso «della situazione in Myanmar e della cooperazione tra i due Paesi».

 

Sebbene la Cina, abbia rifornito di armi il regime birmano, i legami con la giunta si sono deteriorati l’anno scorso dopo il fallimento dei militari di smantellare i centri per le truffe online al confine, in cui sono coinvolti migliaia di cittadini cinesi.

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Immagine di Government of Thailand via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic

Continua a leggere

Militaria

Imminente il trasferimento degli F-16 olandesi all’Ucraina

Pubblicato

il

Da

Secondo quanto riferito ai legislatori, il governo olandese aveva ultimato i preparativi per il previsto trasferimento dei caccia F-16 all’Ucraina poco prima di lasciare l’incarico.   I Paesi Bassi fanno parte di un gruppo di paesi europei che si sono impegnati a donare aerei militari di fabbricazione statunitense dalle loro flotte a Kiev.   Il primo dei 24 F-16 promessi dal governo olandese sarà trasferito «presto», secondo una lettera inviata al parlamento dal ministro della Difesa uscente Kajsa Ollongren.

Iscriviti al canale Telegram

Nella lettera, pubblicata lunedì, ai legislatori è stato comunicato che sono stati rilasciati tutti i permessi necessari per la donazione e che i parlamentari saranno informati in via confidenziale sullo stato di avanzamento del trasferimento.   Il mandato di Ollongren come ministro della difesa è terminato, con il primo ministro Dick Schoof e il suo gabinetto che hanno assunto il potere martedì. Il nuovo governo è stato formato dopo mesi di colloqui di coalizione a seguito di un’elezione lo scorso novembre.   Secondo i media nazionali, non si prevede che la transizione influirà in modo significativo sulla politica dei Paesi Bassi nei confronti dell’Ucraina, poiché l’accordo di coalizione tra quattro partiti olandesi centristi e di destra include l’impegno a continuare a sostenere Kiev.   L’Ucraina sostiene di aver bisogno degli F-16 per difendersi dai bombardamenti missilistici a lungo raggio russi e per sfidare la superiorità aerea di Mosca sulla linea del fronte. Mosca ha insistito sul fatto che le donazioni attese da tempo trascineranno solo le nazioni occidentali ulteriormente nel conflitto ucraino e aumenteranno il rischio di uno scontro diretto con la Russia.   I funzionari ucraini hanno affermato che le missioni F-16 saranno condotte da aeroporti all’interno dell’Ucraina, ma gli aerei di riserva saranno tenuti in basi appartenenti agli stati membri della NATO dell’Europa orientale. Mosca ha promesso di distruggere gli F-16 donati a Kiev e ha avvertito che qualsiasi luogo da cui i jet da combattimento decollano per attaccare obiettivi russi sarà un bersaglio leale per rappresaglie.   Il piano di usare l’aereo di fabbricazione statunitense contro la Russia è stato indebolito dalla limitata capacità occidentale di addestrare le forze ucraine a utilizzarli, secondo diversi resoconti dei media. A Kiev erano stati promessi fino a 60 jet, ma quest’anno avrà solo 20 piloti pronti a pilotarli, ha rivelato Politico il mese scorso.   Martedì mattina, il Ministero della Difesa russo ha diffuso un filmato che mostra un attacco missilistico all’aeroporto ucraino di Mirgorod nella regione di Poltava.   L’esercito russo ha affermato che l’attacco, che si dice abbia avuto luogo lunedì, ha distrutto cinque jet da combattimento ucraini Su-27 e ne ha danneggiati altri due.

Sostieni Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, la scorsa estate il ministro della Difesa danese Jakob Ellemann-Jensen aveva posto una condizione secondo cui i caccia F-16 destinati a essere donati a Kiev dalla Danimarca e dai Paesi Bassi devono essere utilizzati solo sul territorio ucraino.   Nel frattempo, il controverso ex premier neerlandese Mark Rutte è divenuto nuovo segretario NATO. Il suo predecessore Jens Stoltenberg, in una delle sue ultime uscite, ha dichiarato che la fornitura di F-16 agli ucraini non costituirebbe un’escalation.   Come riportato da Renovatio 21, di diverso avviso è il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, che mesi fa aveva ricordato che gli F-16 possono trasportare testate atomiche già un anno fa.   L’anno passato il candidato presidenziale USA Robert F. Kennedy jr. ha definito gli F-16 all’ucraina «un disastro per l’umanità».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia
Continua a leggere

Più popolari