Connettiti con Renovato 21

Cina

Wuhano ancora in lockdown: bloccati 1 milione di abitanti

Pubblicato

il

Wuhan, capitale dell’apocalisse pandemica, ha ordinato a un intero distretto con quasi un milione di residenti di chiudere mercoledì per almeno tre giorni per contenere presumibilmente solo quattro nuovi casi di malattia rilevati nell’area martedì. Lo riporta l’agenzia Reuters .

 

Il governo municipale di Wuhano ha annunciato alla fine del 26 luglio che tutti i 900.000 residenti del distretto di Jiangxia avrebbero dovuto osservare un ordine di blocco di 72 ore a partire dal 27 luglio.

 

L’editto lockdownista includeva il divieto di grandi assembramenti, eventi di gruppo e pasti nei ristoranti.

 

L’avviso della città ha anche ordinato la chiusura di tutti i luoghi di intrattenimento pubblico, i mercati degli agricoltori e le piccole cliniche mediche di Jiangxia durante l’arco di tre giorni, insieme alle linee di autobus e circa un milione di residenti di Jiangxia sono stati confinati nelle loro case mercoledì mattina poiché l’editto di blocco prevedeva che tutti i locali «non devono uscire se non necessario», ha riferito Bloomberg. «Ha anche esortato i residenti a non lasciare l’area durante i tre giorni e incoraggiato i viaggiatori a evitare l’ingresso», scrive la Reuters in merito all’avviso di limitazione di movimento di Jiangxia.

 

Il governo di Wuhano aveva iniziato a lavorare per isolare il distretto Jiangxia dal resto della città nella tarda notte di martedì dopo che i funzionari sanitari del distretto avrebbero rilevato due nuovi casi di coronavirus cinese «durante regolari test di controllo» e scoperto altre due infezioni durante il tracciamento dei contatti.

 

Bloomberg descrive i quattro casi di coronavirus cinesi nello Jiangxia il 26 luglio come «asintomatici». Un milione di persone sono quindi rinchiuse in casa per colpa di 4 asintomatici.

 

Non possiamo non realizzare la differenza totale con la politica sanitaria (e la comunicazione) di due anni fa. Ricordate? I cinesi mandarono in rete immagini di un mega-festone in piscina in un parti acquatico a Wuhano. Foto e video, per chi ancora viveva nell’incubo del confinamento pandemico, erano scioccanti, ma assolvevano ad uno specifico compito impartito dalla Cina comunista: dire a tutti che il virus, solo pochi mesi dopo, era già alle spalle.

 

La Reuters poco dopo se ne uscì con un servizio fotografico portentoso sulla nightlife wuhaniana, tra party e vita nottura sfrenata senza l’ombra della mascherina: era, anche quello, un messaggio per gli occidentali – noi ce l’abbiamo fatta, voi no… È il nostro modello di Stato la prossima importazione cinese a cui dovete pensare: controllo e sottomissione dei cittadini, per renderli liberi e felici, e infatti guardate come ballano in disco…

 

Qualcosa di questo processo si è guastato. Sappiamo come si chiama il morbo che ha assalito ora Pechino: si chiama strategia «zero-COVID». Così, a due anni dal primo caso e a poco meno dai megaparty senza mascherina, la Cina comunista ha lanciato la campagna di repressione pandemica più dura mai vista, battendo perfino l’Australia: decine di milioni di persone chiuse in casa a Shanghai come in altre città, campi di quarantena che separano genitori e figli, animali domestici uccisi in strada, botte della polizia, gente che dorme in fabbrica, accenni di rivolta, droni e robocani che pattugliano le strade per scovare i disobbedienti.

 

Non è chiaro cosa abbia spinto Xi Jinping ad adottare la politica «zero-COVID», che gli viene pubblicamente rimproverata anche dal suo nuovo nemico George Soros.

 

Sappiamo, tuttavia, che Xi non ha un potere monolitico, e che deve trattare con la cosiddetta «fazione di Shanghai», che è la fronde del potere pechinese.

 

Ora, rivedere Wuhano in lockdown fa pensare.

 

Soprattutto, dobbiamo sforzarci di ricordare quanto erano diverse le immagini che uscivano a inizio 2020 durante la prima clausura di Wuhano. Rammentate? Gente che stramazzava improvvisamente, strade cosparse di corpi…

 

La giornalista australiana Sharri Markson ha mandato in onda un documentario sull’origine artificiale del coronavirus chiamato «What really happened in Wuhan», cosa è davvero successo a Wuhan.

 

Ebbene, non sappiamo cosa sia successo al laboratorio di Wuhan. Ma non sappiamo nemmeno cosa sia successo nella città di Wuhan in quel gennaio e febbraio 2020. E non sappiamo nemmeno cosa stia succedendo ora.

 

Wuhano città del mistero persistente.

 

 

 

 

Immagine di Doris Antony via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Cina

Il Partito Comunista Cinese fa sparire di nuovo il vescovo Shao Zhumin

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Trattenuto anche il suo segretario. L’obiettivo è impedire loro di partecipare al funerale di un religioso della Chiesa «sotterranea», padre Chen Nailiang. Monsignor Shao vittima di continue persecuzioni governative. Divieto di spostamento per il Capodanno lunare al vescovo di Xuanhua.

 

 

 

Le autorità cinesi di sicurezza fanno sparire ancora mons. Shao Zhumin, vescovo di Wenzhou (Zhejiang). AsiaNews lo ha appreso da fonti locali, secondo cui il religioso è stato portato via insieme al suo segretario (e cancelliere della diocesi), padre Jiang Sunian. L’obiettivo è di impedire loro di partecipare al funerale di padre Chen Nailiang, morto il 29 gennaio all’età di 90 anni.

 

Preso di mira come mons. Lin Xili, primo vescovo di Wenzhou, mons. Shao è spesso sottoposto al lavaggio del cervello per spingerlo ad aderire alla chiesa «ufficiale», controllata dal Partito comunista cinese (PCC). Monsignor Shao è riconosciuto dal papa, ma non dal Partito, che pretende di esercitare il proprio controllo su tutte le attività religiose.

 

Nel Zhejiang la percentuale di cristiani supera il 10%. Come mons. Shao, padre Chen apparteneva alla comunità «sotterranea»: di conseguenza, le autorità hanno comunicato a tutti i religiosi sotterranei il divieto di presenziare al funerale o di celebrare messa, affidata poi a tre sacerdoti della parrocchia di Rui’an.

 

Già sacerdote della parrocchia di Pingyang, padre Chen era molto amato dai fedeli. Il PCC lo ha perseguitato sin dai suoi primi passi nella Chiesa cattolica, tra fine anni Quaranta e inizio Cinquanta del secolo scorso: egli ha passato diversi anni in prigione o in campi di «rieducazione» attraverso il lavoro.

 

Monsignor Shao è da tempo vittima delle stesse persecuzioni di Stato. Non è la prima volta che le Forze dell’ordine lo arrestano o lo trattengono per diverso tempo. L’ultimo caso si era avuto il 7 aprile, quando le autorità lo avevano portato via a bordo di un aereo, con ogni probabilità per impedirgli di celebrare le funzioni della Settimana Santa, soprattutto la Messa del Crisma. Pochi mesi prima, il 25 ottobre 2021, la polizia lo aveva sequestrato, in via ufficiale per «turismo»; il suo rilascio era avvenuto circa due settimane dopo.

 

In una situazione simile a quella di questi giorni, tra il 23 agosto e l’8 ottobre 2016 poliziotti avevano fermato mons. Shao e padre Jiang per «un viaggio». Così non hanno potuto partecipare alle esequie di mons. Zhu Weifang, predecessore di mons. Shao alla diocesi di Wenzhou.

 

La firma nel 2018, e il duplice rinnovo nell’ottobre 2020 e 2022, dell’Accordo sino-vaticano sulla nomina dei vescovi non ha fermato la repressione governativa dei cattolici cinesi, soprattutto di quelli non ufficiali. Oltre al caso di mons. Shao, vi è quello di monsignor Jia Zhiguo, messo agli arresti domiciliari. Ci sono poi vescovi colpiti da varie vessazioni, come monsignor Guo Xijin, e quelli obbligati a seguire sessioni politiche come mons. Zhang Weizhu.

 

Un altro religioso sotto controllo del regime comunista è mons. Agostino Cui Tai, vescovo di Xuanhua (Hebei), più volte costretto agli arresti domiciliari. Il governo gli ha vietato di spostarsi per il Capodanno lunare, permettendo solo alla sua famiglia di andarlo a visitare.

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazioneAsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni

 

 

Immagine da AsiaNews

 

 

 

 

Continua a leggere

Cina

Il ministero cinese incolpa gli USA della guerra in Ucraina

Pubblicato

il

Da

I commenti della nuova portavoce del ministero degli Esteri cinese Mao Ning oggi sono stati una dichiarazione ufficiale più definitiva della Cina, affermando la responsabilità degli Stati Uniti e della NATO per la guerra in Ucraina.

 

Si tratta del primo commento della Cina sull’invio di carri armati pesanti da parte dei Paesi della NATO in Ucraina, spinto dall’annuncio del presidente Joe Biden in merito ai carri armati Abrams M1, sebbene non sia stato esplicitamente sollevato.

 

Rispondendo a una domanda della TV nazionale CCTV sull’avvertimento degli Stati Uniti contro alcune società statali cinesi che «potrebbero fornire assistenza di natura economica oltre che militare non letale per lo sforzo bellico della Russia in Ucraina», la portavoce Mao ha risposto che «gli Stati Uniti sono quelli che hanno dato inizio alla crisi ucraina e il principale fattore che l’ha alimentata, e hanno continuato a inviare armi pesanti e d’assalto all’Ucraina, il che ha solo prolungato e intensificato il conflitto. Piuttosto che riflettere sulle proprie azioni, gli Stati Uniti hanno seminato paranoia e puntato il dito contro la Cina. Rifiutiamo tale ricatto infondato e non staremo seduti a guardare gli Stati Uniti danneggiare i diritti e gli interessi legittimi delle società cinesi».

 

«Se gli Stati Uniti vogliono davvero una fine anticipata della crisi e si prendono cura della vita del popolo ucraino, allora devono smettere di inviare armi e trarre profitto dai combattimenti. Gli Stati Uniti devono agire in modo responsabile aiutando la situazione a diminuire il prima possibile e creando l’ambiente e le condizioni necessarie per i colloqui di pace tra le parti interessate», ha concluso.

 

Il portavoce ha anche affermato che «la posizione della Cina sull’Ucraina è stata obiettiva e giusta. Siamo sempre dalla parte della pace e abbiamo svolto un ruolo costruttivo nel promuovere la soluzione politica della crisi ucraina. Non siamo mai uno spettatore e non aggiungeremmo mai benzina sul fuoco, tanto meno sfrutteremmo la crisi», riferendosi alle dichiarazioni dei funzionari del Tesoro degli Stati Uniti secondo cui le società statali cinesi stanno «indirettamente» fornendo assistenza militare e finanziaria alla Russia.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Cina sta pubblicamente incolpando la NATO anche per la crisi in Kosovo, e non nasconde il fastidio per l’attività dell’Alleanza Atlantica in Estremo Oriente, ad esempio il coinvolgimento del Giappone nei programmi di guerra cibernetica NATO.

 

Mao Ning ha da poco sostituto il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian, considerato il capo della fazione della diplomazia cinese più aggressiva (i cosiddetti «wolf warriors»). Di certo chi pensava che il cambio fosse dovuto alla volontà di Pechino di abbassare i toni, ora può iniziare a ricredersi.

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

Continua a leggere

Cina

Xi prepara addio alla formula «un Paese, due sistemi» per Taiwan

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il suo braccio destro Wang Huning incaricato di elaborare una nuova politica per la riunificazione. Decisione presa alla luce di quanto accaduto a Hong Kong. Il leader cinese vuole anche prendere le distanze da un principio enunciato da Deng Xiaoping. Un nuovo orientamento, se più aggressivo, rischia di favorire le forze taiwanesi contrarie a Pechino.

 

 

 

Xi Jinping vuole una nuova politica per Taiwan. Dovrà sostituire la formula «un Paese, due sistemi», che i leader cinesi invocano dai tempi di Deng Xiaoping per realizzare l’unificazione tra la Cina comunista e l’isola.

 

Secondo una fonte interna al Partito comunista cinese sentita da Nikkei Asia, il presidente cinese ha incaricato Wang Huning di tracciare un nuovo corso «teorico» per le relazioni tra i due lati dello Stretto di Taiwan.

 

Wang è un alleato di Xi, numero quattro del Comitato permanente del Politburo uscito dal 20­° Congresso del Partito a ottobre. Con ogni probabilità a marzo diventerà il nuovo capo della Conferenza politica consultiva del popolo cinese (CPCPC), organo che fissa le strategie di fondo del regime.

 

Il fallimento del principio «un Paese, due sistemi» a Hong Kong avrebbe spinto Xi a pensare al cambio di direzione: un modo anche per liberarsi dell’eredità di Deng e avere una propria linea politica su Taiwan.

 

Non è chiaro ancora se il lavoro di Wang si orienterà verso una maggiore cooperazione con Taipei o un’intensificazione della pressione politica e militare. La nuova base teorica per la riunificazione dovrebbe funzionare da parametro per valutare eventuali progressi e stabilire se sarà necessario il ricorso all’opzione militare.

 

Tsai Ing-wen e il suo Partito democratico progressista (DPP) hanno detto sempre di essere pronti al dialogo con la Cina, ma non sulla base del principio «un Paese, due sistemi». La presidente taiwanese è vista come una filo-indipendentista da Pechino, secondo cui Taipei è «una provincia ribelle» da riconquistare.

 

Osservatori fanno notare che Xi dovrà considerare con attenzione la tempistica per annunciare il cambio di paradigma per Taiwan. A gennaio 2024 l’isola voterà per le presidenziali: se Wang elaborerà una linea troppo dura, un annuncio preventivo potrebbe favorire alle urne il DPP a scapito dei nazionalisti del Kuomintang, più disposti a collaborare con la Cina.

 

A prescindere da ogni elaborazione teorica o approccio politico, i piani di Xi si dovranno scontrare con la volontà dei taiwanesi, che si sentono sempre meno legati alla Cina.

 

Secondo un sondaggio pubblicato nel maggio 2020 dal Pew Research Center, il 66% degli abitanti di Taiwan si considera taiwanese, il 28% sia taiwanese sia cinese e solo il 4% si riconosce cinese.

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni

 

 

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari