Connettiti con Renovato 21

Cina

Perché Soros vuole detronizzare Xi Jinping?

Pubblicato

il

 

 

 

Il signor «Open Society», George Soros, il simbolo del cambio di regime globalista delle rivoluzioni colorate dagli anni ’80, ha appena segnalato che lui e i suoi circoli globalisti hanno preso di mira il presidente cinese Xi Jinping per quello che assomiglia molto ad un cambio di regime. In superficie, l’ultima aspra critica di Soros a Xi e alla sua gestione dell’economia cinese sembra bizzarra. Nonostante tutte le sue belle parole sulla promozione delle società aperte e della democrazia, la «filantropia» di Soros ha sostenuto alcuni dei leader più chiusi e corrotti, come Boris Eltsin in Russia negli anni ’90 o Petro Poroshenko in Ucraina dopo il colpo di stato statunitense del 2014. Potrebbe essere che Soros stia ora segnalando la decisione di una delle principali fazioni delle potenze globaliste esistenti, di porre fine al loro sostegno a Xi a favore di altre fazioni rivali?

 

 

 

Nelle osservazioni alla conferenza dell’Hoover Institution della Stanford University, «La Cina alla vigilia delle Olimpiadi invernali: scelte difficili per le democrazie mondiali», il 91enne Soros ha espresso osservazioni estremamente dure su Xi. Ha passato in rassegna la storia dei leader comunisti cinesi da Mao, che lui chiama una catastrofe per la Cina, fino al rivale di Mao, Deng Xiao Peng, che ha aperto la Cina agli investimenti occidentali negli anni ’80.

 

Soros descrive Deng in termini entusiastici: «… Deng Xiaoping, che ha riconosciuto che la Cina era tristemente in ritardo rispetto al mondo capitalista … Ha invitato gli stranieri a investire in Cina, e ciò ha portato a un periodo di crescita miracolosa che è continuato anche dopo che Xi Jinping è salito al potere nel 2013».

 

 

Dura critica di Xi

I successori di Deng, Jiang Zemin e Hu Jintao, sono stati attenti a non violare il successo economico di apertura del mercato avviato da Deng.

 

Tuttavia, dopo che Xi Jinping ha preso il potere nel 2012, Soros osserva: «da allora, Xi Jinping ha fatto del suo meglio per smantellare i risultati di Deng Xiaoping. Ha portato le compagnie private fondate sotto Deng sotto il controllo del PCC e minato il dinamismo che le caratterizzava. Invece di far sbocciare l’impresa privata, Xi Jinping ha introdotto il suo “Sogno cinese” che può essere riassunto in due parole: controllo totale. Ciò ha avuto conseguenze disastrose».

Soros descrive Deng in termini entusiastici: «… Deng Xiaoping, che ha riconosciuto che la Cina era tristemente in ritardo rispetto al mondo capitalista … Ha invitato gli stranieri a investire in Cina, e ciò ha portato a un periodo di crescita miracolosa

 

Soros identifica quella che chiama una dura lotta tra fazioni interne all’interno del PCC:

 

«Xi Jinping ha molti nemici. Sebbene nessuno possa opporsi pubblicamente a lui perché controlla tutte le leve del potere, all’interno del PCC si sta preparando una lotta così aspra che ha trovato espressione in varie pubblicazioni di partito. Xi è sotto attacco da parte di coloro che sono ispirati dalle idee di Deng Xiaoping e vogliono vedere un ruolo più importante per l’impresa privata».

 

La data chiave che nota è il Congresso del Partito del PCC di ottobre, dove Xi prevede di rompere il limite di due mandati per i presidenti cinesi fissato dal defunto leader cinese Deng Xiaoping.

 

 

Guerre tra fazioni interne?

Secondo SinoInsider, una società di consulenza sul rischio politico cinese con sede a New York, specializzata nell’analisi delle fazioni interne all’élite del PCC cinese, da quando è salito al potere nel 2012, Xi si è mosso per consolidare un potere senza rivali sulle fazioni opposte, l’opposizione più formidabile è quello di Jiang Zemin e del cosiddetto Gruppo di Shanghai, così come molti cosiddetti principini – figli e figlie di ex alti ufficiali e funzionari del Partito Comunista Cinese (PCC) dell’era della rivoluzione del 1949.

Questa guerra di fazioni, dicono, è alla base della repressione di Xi Jinping su alcune società giganti private cinesi come il gruppo Alibaba di Jack Ma

 

Questa guerra di fazioni, dicono, è alla base della repressione di Xi Jinping su alcune società giganti private cinesi come il gruppo Alibaba di Jack Ma.

 

Secondo il giornalista senior giapponese, Katsuji Nakazawa, corrispondente capo della Cina per Nikkei, «una fonte che ha familiarità con la politica cinese ha affermato che i gruppi di interesse presi di mira da Xi includono giganti della tecnologia come Ant Group, Alibaba Group e Didi, importanti sviluppatori immobiliari come China Evergrande Group e Fantasia Holdings Group, nonché il settore delle scuole di tutoraggio.  e dal suo stretto collaboratore, l’ex vicepresidente Zeng Qinghong. Mantengono una forte influenza nei circoli politici e burocratici che muovono l’economia».

 

Se ciò fosse vero, suggerirebbe che per decapitare i suoi rivali interni, Xi ha rischiato di far precipitare l’economia cinese, in particolare il suo settore immobiliare gonfio con i suoi enormi debiti, in quello che sembra essere in un crollo incontrollato che potrebbe portare la Cina in una crisi vera depressione economica appena prima del suo critico Congresso del Partito del 20 ottobre, dove cerca chiaramente un terzo mandato senza precedenti.

 

 

Nuovo tono minaccioso

Apparentemente questo è lo sfondo a cui Soros fa chiaramente riferimento nelle sue osservazioni alla Hoover Institution.

 

Afferma: «la Cina sta affrontando una crisi economica incentrata sul mercato immobiliare, che è stato il principale motore di crescita da quando Xi Jinping è salito al potere nel 2013. Il modello su cui si basa il boom immobiliare è insostenibile. Le persone che acquistano appartamenti devono iniziare a pagarli ancor prima che vengano costruiti. Quindi, il sistema è costruito sul credito. I governi locali traggono la maggior parte delle loro entrate dalla vendita di terreni a prezzi sempre crescenti».

Questo gruppo di società private tende ad essere vicino ai politici che fingono di obbedire a Xi ma che segretamente nutrono rancore; le società spesso sostengono finanziariamente tali forze politiche. Tra queste forze c’è il clan di Shanghai, guidato dall’ex presidente Jiang Zemin

 

Nelle sue osservazioni su Hoover, Soros si riferisce anche alla grave questione del continuo collasso demografico in Cina, che sta ponendo fine al precedente bacino di lavoro a basso salario che ha stimolato la drammatica crescita degli ultimi trent’anni. Afferma che «la popolazione effettiva è di circa 130 milioni inferiore alla cifra ufficiale di 1,4 miliardi. Questo non è ampiamente noto, ma aggraverà la crisi immobiliare, produrrà carenza di manodopera, tensioni fiscali e un rallentamento dell’economia».

 

E rendendo la situazione di Xi più precaria, Soros osserva che lontano dal brillante successo elogiato due anni fa dall’OMS e da altri della XI strategia COVID, c’è l’impatto debilitante sull’economia della preannunciata strategia di Xi del lockdown COVID a «tolleranza zero» che sta chiudendo intere città come Xi’an e l’enorme città portuale dei container, Tianjin.

 

Le parole conclusive di Soros sono inquietanti e premonitrici sulle prospettive di Xi Jinping:

 

«Data la forte opposizione all’interno del PCC, l’elevazione accuratamente coreografata di Xi Jinping al livello di Mao Zedong e Deng Xiaoping potrebbe non verificarsi mai. C’è da sperare che Xi Jinping possa essere sostituito da qualcuno meno repressivo in patria e più pacifico all’estero. Ciò eliminerebbe la più grande minaccia che le società aperte devono affrontare oggi e dovrebbero fare tutto ciò che è in loro potere per incoraggiare la Cina a muoversi nella direzione desiderata».

…Se ciò fosse vero, suggerirebbe che per decapitare i suoi rivali interni, Xi ha rischiato di far precipitare l’economia cinese, in particolare il suo settore immobiliare gonfio con i suoi enormi debiti

 

Può essere che i potenti circoli dell’élite globalista abbiano concluso che Xi non è più utile alla loro agenda?

 

Il discorso della Hoover Institution non è la prima volta che Soros ha criticato la Cina negli ultimi tempi, sebbene sia di gran lunga il più esplicito nel sostenere la fine del governo Xi.

 

In un editoriale del Wall Street Journal del 6 settembre 2021, Soros ha scritto un forte rimprovero al collega investitore di Wall Street BlackRock per la sua recente decisione di aprire un fondo comune cinese: «è un triste errore versare miliardi di dollari in Cina ora. È probabile che ciò provochi una perdita di denaro per i clienti di BlackRock e, soprattutto, danneggi gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e di altre democrazie».

 

Soros continuava dicendo: «l’iniziativa BlackRock minaccia gli interessi di sicurezza nazionale degli Stati Uniti e di altre democrazie perché il denaro investito in Cina aiuterà a far avanzare il regime del presidente Xi, che è repressivo in patria e aggressivo all’estero… È intensamente nazionalista e vuole che la Cina diventi la potenza dominante nel mondo».

Può essere che i potenti circoli dell’élite globalista abbiano concluso che Xi non è più utile alla loro agenda?

 

Il fatto che un globalista così influente come George Soros richieda apertamente la fine dell’era Xi suggerisce che una delle principali fazioni all’interno dei globalisti occidentali ha deciso di fare tutto il possibile per portare una leadership più «flessibile» a Pechino.

 

I globalisti a livello di Soros o Schwab non fanno grandi interventi impulsivi. Il fatto che Soros stia raddoppiando i suoi attacchi direttamente a Xi suggerisce che un gruppo molto potente dell’agenda verde di Davos Great Reset ha deciso che Xi è diventato un ostacolo alla loro agenda distopica per eliminare lo stato nazione ovunque, inclusi Cina e Stati Uniti.

 

Potrebbe essere che un nazionalista Xi Jinping, che negli ultimi mesi ha dichiarato l’intenzione di annettere Taiwan con la forza, se necessario, dopo aver posto fine con la forza al trattato sino-anglo di Hong Kong nel 2020, stia mettendo in pericolo l’intera agenda globalista del Grande Reset di Davos?

 

Soros è un Agenda Contributor del World Economic Forum di Schwab e ospite frequente di Davos. Suo figlio, Alexander Soros, è il vicepresidente delle Open Society Foundations e uno dei Young Global Leaders del World Economic Forum del 2018.

Potrebbe essere che i circoli di Davos attorno a Soros abbiano deciso di unirsi attivamente ai rivali di partito del PCC per aiutare a rovesciare Xi?

 

Inoltre, i decenni di finanziamento alle rivoluzioni colorate di Soros dagli anni ’80 hanno probabilmente portato alla fine dello Stato-nazione attraverso regimi al collasso ovunque, dall’Unione Sovietica nel 1991 alla Primavera Araba nel 2011 e in Ucraina nel 2014.

 

Potrebbe essere che i circoli di Davos attorno a Soros abbiano deciso di unirsi attivamente ai rivali di partito del PCC per aiutare a rovesciare Xi?

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl


 

 

Immagini di George Soros via Flickr (CC0) ottenuta da World Economic Forum via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0); immagine modificata. Immagini di Xi Jinping via Openclipart (CC0)

 

 

 

Continua a leggere

Cina

Cina, continua la repressione contro i cattolici sotterranei

Pubblicato

il

Da

Un articolo molto interessante tratto dal sito Bitter Winter, «Una rivista sulla libertà religiosa e i diritti umani», fa il punto sulla persecuzione e la repressione dei cattolici che rifiutano di cedere alle richieste del governo cinese riguardo all’adesione all’Associazione patriottica cattolica cinese (CPA). L’articolo è scritto da He Yuyan, ma è uno pseudonimo.

 

L’autore studia una diocesi rappresentativa di questa persecuzione religiosa dei cattolici cinesi: la diocesi di Baoding. È guidata da mons. Francis An Shuxin, che è stato prima Vescovo ausiliare nel 1993, poi Vescovo coadiutore nel 2007, e infine nominato Vescovo residenziale nel 2010.

 

Bitter Winter (BW) osserva che il vescovo «un tempo faceva parte della Chiesa cattolica sotterranea, ma in seguito si è unito all’Associazione patriottica» e la sua autorità «è contestata dagli obiettori di coscienza». Per «Chiesa cattolica sotterranea» si intende la Chiesa cattolica fedele al Vaticano e i cattolici che rifiutano di aderire alla CPA, che dipende dal governo.

Iscriviti al canale Telegram

BW ricorda che «i suoi vescovi, sacerdoti e laici sono stati perseguitati per decenni». Secondo il sito, «l’accordo Vaticano-Cina del 2018 prevedeva la graduale fusione della Chiesa cattolica sotterranea nell’Associazione patriottica cattolica, creando un’unica Chiesa cinese i cui vescovi saranno selezionati congiuntamente dal PCC e dal Vaticano e nominati dal Papa».

 

«Dopo l’accordo, il Vaticano ha affermato che la Chiesa clandestina in quanto tale non esisteva più, sebbene le Linee Guida vaticane del 2019 consentano agli obiettori di coscienza cattolici di rimanere fuori dall’Associazione Patriottica per motivi di coscienza».

 

Gli «obiettori di coscienza»

BW spiega che si tratta di «cattolici, in particolare sacerdoti e vescovi, che rifiutano di aderire all’Associazione patriottica cattolica cinese». È importante ricordare che l’adesione al CPA è «consentita e regolata dalle Linee guida vaticane del 2019». La Santa Sede quindi «ha incoraggiato i cattolici ad unirsi alla Chiesa cattolica patriottica, un tempo scomunicata, controllata dal governo», riferisce BW.

 

Roma ha inoltre «chiarito che coloro che rifiutano di farlo per motivi di coscienza, sebbene non incoraggiati né approvati dal Vaticano, non sono scomunicati, fanno ancora parte della Chiesa cattolica e devono essere trattati con “rispetto”».

 

«La diocesi di Baoding, (…) nella provincia di Hebei, a circa 150 chilometri da Pechino, è emersa come centro dell’obiezione di coscienza cattolica». Ma il PCC «esprime il suo ‘rispetto’ agli obiettori di coscienza cattolici (…) arrestandoli», commenta He Yuyan.

 

«La comunità cattolica sotterranea di Baoding è una delle più colpite dalla repressione cinese della libertà religiosa», nota AsiaNews. E aggiunge: «diversi sacerdoti sono stati sottoposti al guanzhi, una restrizione di movimento e di attività che può durare fino a tre anni, durante i quali sono sottoposti a sessioni politiche [di rieducazione] e alla coercizione per aderire agli organismi ufficiali “cattolici” controllati dal Partito Comunista Cinese».

Sostieni Renovatio 21

Recentemente, riferisce BW, «organizzazioni per i diritti umani hanno appreso che due leader dell’obiezione di coscienza cattolica a Baoding, padre Chi Huitian e il professor Chen Hekun, «scomparsi» in aprile, non sono ancora riapparsi. Altri obiettori di coscienza cattolici incarcerati a Baoding sono stati sottoposti a pesante indottrinamento in carcere».

 

«Nonostante la dura persecuzione, il movimento degli obiettori di coscienza cattolici continua a prosperare». E, sottolinea BW, «non si tratta di un gruppo di vecchi preti e laici incapaci di comprendere i nuovi tempi», perché «l’obiezione di coscienza sembra essere popolare tra i giovani cattolici».

 

AsiaNews sottolinea: «va notato che la diocesi di Baoding è anche il luogo dove, come riportato da AsiaNews, lo scorso Natale le autorità locali hanno adottato misure di sicurezza eccezionali, come barriere stradali e deviazioni sulle linee degli autobus per evitare la zona della cattedrale, oltre a impedire che i bambini dalla partecipazione alla Veglia di Natale e dal divieto di esposizione di oggetti a tema natalizio nei dormitori universitari».

 

Questi richiami spiegano la forte resistenza opposta dai veri cattolici in Cina e da coloro che hanno vissuto sotto questa persecuzione, che conoscono la realtà perversa del CPA e che, secondo le parole del cardinale Joseph Zen Ze-kiun, «hanno fede nella Gesù Cristo, mentre il cardinale Pietro Parolin – principale promotore dell’accordo – ha fiducia nella diplomazia».

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di Cangminzho via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-Share Alike 4.0 International

Continua a leggere

Cina

Meteo favorevole tra il Vaticano e Pechino

Pubblicato

il

Da

La notizia è stata pubblicata con discrezione nel Bollettino della Sala Stampa della Santa Sede il 14 maggio 2024, annunciando un convegno sulla storia dei rapporti tra il Vaticano e Pechino previsto per il successivo 21 maggio.   La conferenza arrivò con un pretesto già pronto, poiché doveva celebrare il centenario del primo sinodo della Chiesa cattolica in Cina, tenutosi a Shanghai il 15 maggio 1924. Era la prima in un mondo instabile che aveva appena proclamato la caduta dell’ultimo imperatore della dinastia Qing.   Diversi vescovi, vicari generali e religiosi, la maggior parte nati in Paesi lontani e arrivati ​​in terra cinese come missionari, si sono incontrati sotto la presidenza di Celso Costantini, delegato apostolico in Cina, con il mandato di rilanciare la missione della Chiesa in terra cinese.   In questa Lettera apostolica del 1919, Benedetto XV riaffermava che la fede in Cristo «(non era) estranea a nessun Paese» e che, in qualunque parte del mondo, farsi cristiano non significava «mettersi sotto la protezione e il potere di di un altro Paese e sfuggire alla legge del proprio Paese». Un secolo dopo, la conferenza romana è un modo per assicurare alle autorità cinesi che lo Stato comunista non ha nulla da temere dalla Chiesa, mentre la Santa Sede vuole allacciare legami più stretti con Pechino.   Tra i relatori c’erano il vescovo di Shanghai, Joseph Shen Bin, il cardinale segretario di Stato Pietro Parolin, e il cardinale Luis Antonio Tagle, pro-prefetto del Dicastero per l’Evangelizzazione. Ma sono intervenuti anche accademici e ricercatori della Repubblica popolare cinese, come i professori Zheng Xiaojun e Liu Guopeng dell’Accademia cinese delle scienze sociali.

Sostieni Renovatio 21

Questi viaggi non potevano essere effettuati senza l’approvazione dell’esecutivo cinese. Per la cronaca, mons. Shen Bin era stato oggetto di particolari tensioni tra Vaticano e Cina, da quando le autorità cinesi avevano deciso unilateralmente, nell’aprile 2023, la sua nomina. In segno di buona volontà, la Roma aveva ceduto.   Da notare che mons. Shen Bin è vicepresidente dell’Associazione Patriottica dei Cattolici Cinesi, dipendente dal Partito comunista cinese (PCC). Negli ultimi mesi il prelato ha più volte menzionato l’adesione richiesta ai cattolici cinesi ai principi della Cina, sostenendo il programma di sinicizzazione del governo.   La signora Zheng Xiaojun è vicedirettrice dell’Istituto delle religioni mondiali dell’Accademia cinese delle scienze sociali e dell’Associazione cinese per gli studi religiosi, due organizzazioni che svolgono un ruolo importante nella politica religiosa della sinicizzazione. delle religioni deciso dal presidente Xi Jinping, e una delle cui ambizioni è promuovere le «prospettive religiose del marxismo». Un ossimoro di altissimo livello.   «La partecipazione a Roma di una personalità cinese di questo livello a un evento pubblico organizzato dal Vaticano non ha precedenti e non è un dettaglio», afferma il quotidiano La Croix, specialista dei rapporti tra Pechino e Vaticano.   Secondo l’articolo, il cardinale Parolin, a margine del congresso, ha spiegato quanto segue: «speriamo di poter avere una presenza stabile in Cina. Anche se questa inizialmente non avrà la forma di una nunziatura apostolica». Si tratterebbe della prima volta da quando i comunisti sono saliti al potere nel 1949.   Xi Jinping dal canto suo ha tutto l’interesse ad intensificare i rapporti con il Vaticano nell’ambito di una politica internazionale che tenta di creare alleati in Europa, con l’obiettivo di minare l’egemonia americana.   I rapporti tra Vaticano e Pechino sono comunque molto asimmetrici, poiché le concessioni del PCC ai cattolici cinesi sembrano pari a zero o quasi.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
 
Continua a leggere

Cina

La Cina conclude le manovre militari per conquistare Taiwan

Pubblicato

il

Da

L’ultima esercitazione militare cinese, Joint Sword 2024A, si è conclusa il 24 maggio.

 

Le manovre hanno dimostrato un livello significativo di gravità per quanto riguarda le minacce all’indipendenza di Taiwan e hanno avuto luogo tre giorni dopo l’insediamento del nuovo presidente Lai Ching-te.

 

Nell’ambito della reazione cinese, anche la guardia costiera cinese nella provincia del Fujian, di fronte a Taiwan, ha mobilitato navi per «operazioni di applicazione della legge» a lungo raggio.

Sostieni Renovatio 21

Le attuali operazioni, che sono state ampiamente coperte dai media cinesi, sono state molto più estese di quelle condotte in risposta alla visita dell’allora presidente della Camera Nancy Pelosi del 2 agosto 2022 a Taiwan, o alla successiva visita del 30 marzo – 6 aprile 2023 dell’allora presidente di Taiwano Tsai Ing-wen negli Stati Uniti, durante il quale ha incontrato funzionari statunitensi.

 

In una dichiarazione esplicita da riguardo, l’Esercito di Liberazione del Popolo (ELP) ha affermato venerdì che le esercitazioni sono progettate per testare la capacità della Cina di «prendere il potere» su Taiwan. Inoltre, il nome dell’esercitazione, Joint Sword 2024A, indica che se le provocazioni da parte di Taiwan continuano, ci sono anche una B, C e D in atto.

 

La questione di Taiwan riguarda l’intero sistemo economico internazionale a causa della centralità del Paese nella produzione globale di microprocessori.

 

Sinora, lo status quo nella questione tra Pechino e Taipei è stato assicurato dal cosiddetto «scudo dei microchip» di cui gode Taiwano, ossia la deterrenza di questa produzione industriale rispetto agli appetiti cinesi, che ancora non hanno capito come replicare le capacità tecnologiche di Taipei.

 

La Cina, tuttavia, sta da tempo accelerando per arrivare all’autonomia tecnologica sui semiconduttori, così da dissolvere una volta per tutte lo scudo dei microchip taiwanese. La collaborazione tra Taiwan e UE riguardo ai microchip, nonostante la volontà espressa da Bruxelles, non è mai davvero decollata.

 

Come riportato da Renovatio 21, il colosso del microchip TSMC ha dichiarato l’anno scorso che la produzione dei microchip si arresterebbe in caso di invasione cinese di Formosa.

 

In uno sviluppo recente, l’azienda olandese ASML, che vende a TSMC immense macchine di ultra-precisione a tecnologia ultravioletta per la produzione di chip, ha affermato di essere in grado di fermarle in caso di invasione da parte della Cina comunista.

 

I microchip taiwanesi sono un argomento centrale nella attuale tensione tra Washington e Pechino, che qualcuno sta definendo come una vera guerra economica mossa dall’amministrazione Biden contro il Dragone, che riprendono politiche della precedente amministrazione Trump.

Aiuta Renovatio 21

Come riportato da Renovatio 21, durante il suo discorso per la celebrazione del centenario del Partito Comunista Cinese nel 2021 lo Xi, mostrandosi in un’inconfondibile camicia à la Mao, parlò della riunificazione con Taipei come fase di un «rinnovamento nazionale» e della prontezza della Cina a «schiacciare la testa» di chi proverà ad intimidirla.

 

Alcuni mesi fa il presidente cinese Xi Jinping ha dichiarato che la riunificazione di Taiwan e della Cina continentale è una «inevitabilità storica», mentre a novembre il Chen Binhua, appena nominato nuovo portavoce dell’Ufficio per gli affari di Taiwano del Consiglio di Stato cinese, aveva avvertito che «l’indipendenza di Taiwan significa guerra».

 

Oggi come allora, il Paese è un punto di tensione internazionale, tra le aperte minacce di invasione da parte della Repubblica Popolare Cinese e le manovre della flotta militare americana nell’area.

 

Come riportato da Renovatio 21, la tensione nella regione era salita quando a inizio anno il cacciatorpediniere lanciamissili USS John Finn della 7ª flotta USA ha annunciato il transito da sud a nord dello Stretto di Taiwano.

 

Taipei aveva vissuto una enigmatica falsa emergenza invasione, propalato dai media, pochi mesi fa.

 

Nel frattempo, come visto in settimana a seguito dell’insediamento del nuovo governo di Taipei, nel Parlamento taiwanese sono botte ed episodi di rugby legislativo.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia

Continua a leggere

Più popolari