Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Vaccini COVID, bene comune e liceità morale: una risposta a De Mattei – Parte III

Pubblicato

il

 

 

 

Vedi qui per la Parte I e qui per la Parte II di questa serie, previamente apparsa su Catholic Family News e Lifesitenews. Renovatio 21 ripubblica questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Un’ammissione sorprendente

Come hanno mostrato i primi due articoli di questa serie, l’argomento del prof. De Mattei per la «Liceità morale della vaccinazione» (LMV), che significa vaccini COVID derivati ​​dall’aborto, fallisce su tutti i fronti:

 

l’argomento del prof. De Mattei per la «Liceità morale della vaccinazione» (LMV), che significa vaccini COVID derivati ​​dall’aborto, fallisce su tutti i fronti

In primo luogo, la cooperazione materiale con l’aborto non è remota e «passiva», ma costituisce piuttosto la partecipazione diretta a una «struttura di peccato»: una malvagia impresa commerciale la cui esistenza dipende dal continuo sfruttamento dei corpi dei bambini assassinati.

 

A questo proposito, dobbiamo tenere a mente il fatto scientifico che ogni cellula delle linee cellulari sfruttate commercialmente dei bambini assassinati è un memoriale vivente della loro esistenza, poiché ciascuna di quelle cellule contiene il DNA che avrebbe determinato tutte le loro caratteristiche fisiche, espressi variamente in cellule somatiche differenziate secondo il codice genetico nel DNA attuato dal miracolo divino della rete di regolazione genica. (1)

 

Va inoltre notato che, nonostante le affermazioni sull’assidua purificazione dei prodotti vaccinali generati dalle cellule fetali, frammenti del DNA in quelle cellule trovano ancora la loro strada in alcuni vaccini derivati ​​dall’aborto, causando contaminazione con coppie di basi potenzialmente mutagene. (2)Questo fatto si aggiunge alla totale ripugnanza morale di questi vaccini.

 

In primo luogo, la cooperazione materiale con l’aborto non è remota e «passiva», ma costituisce piuttosto la partecipazione diretta a una «struttura di peccato»: una malvagia impresa commerciale la cui esistenza dipende dal continuo sfruttamento dei corpi dei bambini assassinati.

In secondo luogo, la cooperazione materiale è intesa direttamente dai destinatari di vaccini derivati ​​dall’aborto che sono consapevoli della loro inestricabile connessione con l’omicidio e lo sfruttamento in corso dei resti delle vittime, che LMV liquida piuttosto imperiosamente come «un problema del tutto periferico». (LMV, pag. 52).

 

In terzo luogo , anche se la cooperazione al male fosse solo remota e «passiva», non vi è alcun motivo grave o proporzionato per giustificare il ricorso in particolare ai vaccini COVID derivati ​​dall’aborto, né per il bene comune (cfr. Parte I ) né per il bene dell’individuo. (cfr. Parte II ), perché la loro incapacità di inibire la diffusione virale è ufficialmente ammessa e i loro effetti dannosi, sia noti che sconosciuti, superano qualsiasi presunto beneficio per la stragrande maggioranza degli individui.

 

Quanto al terzo punto, abbiamo anche mostrato (cfr. parti I e II) che, anche ammettendo, a titolo di discussione, la posizione contraria di LMV sul primo e sul secondo punto, l’assenza di qualsiasi motivo grave o proporzionato per il ricorso all’aborto I vaccini derivativi rendono l’argomento di LMV nel suo complesso uno sgabello a due gambe che crolla per mancanza della terza gamba. Bisogna infatti ricordare che, senza una ragione grave o proporzionata, non è ammessa neppure la presunta cooperazione «a distanza» al male.

 

Ma ora, con nostra grande sorpresa, scopriamo che fuori dai quattro angoli della LMV il prof. De Mattei ha ammesso di rifiutare lui stesso di prendere qualcuno dei vaccini COVID derivati ​​dall’aborto proprio perché non li ritiene gravemente necessari per la protezione della sua salute, ma anzi dubita della loro efficacia e teme che possano addirittura essere dannosi!

 

Ecco la sorprendente ammissione nel suo contesto completo (corsivo aggiunto):

 

Dobbiamo tenere a mente il fatto scientifico che ogni cellula delle linee cellulari sfruttate commercialmente dei bambini assassinati è un memoriale vivente della loro esistenza, poiché ciascuna di quelle cellule contiene il DNA che avrebbe determinato tutte le loro caratteristiche fisiche, espressi variamente in cellule somatiche differenziate secondo il codice genetico nel DNA attuato dal miracolo divino della rete di regolazione genica

«Ma questa vaccinazione è davvero utile e non potrebbe invece essere dannosa? Questa è un’altra questione. La verità è che siamo di fronte a vaccini non ancora sufficientemente testati, di cui non si conosce la capacità di far fronte efficacemente alle molteplici varianti del COVID . Quali saranno allora le conseguenze di questi vaccini sul corpo umano, ad esempio per quanto riguarda la fertilità? A queste domande non è la morale, ma la scienza che deve rispondere. E per dare una risposta sicura bisognerà aspettare mesi o forse anni . Si comprende quindi la prudenza di chi, pur ritenendolo lecito, non ritiene utile farsi vaccinare. E io sono tra questi». (3)

 

Questa ammissione ovviamente spegne l’intera argomentazione del prof. de Mattei a favore della «liceità morale della vaccinazione» perché nega ogni pretesa di grave necessità per il ricorso a vaccini derivati ​​dall’aborto e suggerisce addirittura una grave necessità di evitarli prudentemente.

 

Quanto alla sua affermazione che «non è la morale, ma la scienza che deve rispondere» alla domanda sull’utilità e la sicurezza dei vaccini, vediamo qui l’ennesimo caso di confusione polemica. Perché se la scienza non può dare una risposta affidabile a questa domanda, e se la prudenza consiglia un atteggiamento attendista verso i vaccini, allora la questione morale è già stata risolta: non è dimostrabile una grave necessità di farsi iniettare un aborto-vaccino derivato.

 

Lo stesso prof. De Mattei, quindi, evidentemente non vede la necessità del vaccino, e quindi si astiene per prudenza. E con una buona ragione: le segnalazioni di gravi eventi avversi a seguito della vaccinazione indiscriminata di tutti si stanno accumulando nel sistema di segnalazione VAERS, in particolare tra coloro che, in modo del tutto insensato, sono stati vaccinati dopo essersi ripresi dal virus anche se hanno acquisito l’immunità.

 

In secondo luogo, la cooperazione materiale è intesa direttamente dai destinatari di vaccini derivati ​​dall’aborto che sono consapevoli della loro inestricabile connessione con l’omicidio e lo sfruttamento in corso dei resti delle vittime

Infatti, come ha notato il rinomato medico ed esperto di sicurezza dei vaccini Dr. Peter McCullough (4) – in una video intervista prevedibilmente rimossa da YouTube (5)— gli studi clinici abbreviati per il vaccino che hanno preceduto la sua «autorizzazione all’uso di emergenza» (EUA) hanno escluso le persone guarite da COVID, le persone con anticorpi anti-cellule T (che offrono protezione permanente), le donne in gravidanza, le donne in età fertile che non assumono contraccettivi e bambini piccoli. Per quanto riguarda tutte queste coorti, che rappresentano decine di milioni di americani, non ci sono dati, tanto meno dati affidabili, sulla sicurezza o sull’efficacia.

 

Tuttavia, come ha osservato il dottor McCullough nella stessa intervista, c’è un misterioso sforzo mondiale da parte di «esperti di salute pubblica», l’establishment medico, i media e i politici (cfr. Parte II) per sopprimere e persino criminalizzare tutte le modalità di cura tranne la vaccinazione per tutti, resa obbligatoria da varie forme di coercizione come la perdita del lavoro e i «passaporti vaccinali».

 

Anthony Fauci consiglia follemente di vaccinare anche i bambini fino ai 4 anni con sostanze derivate dall’aborto ancora in fase sperimentale.

 

In risposta, il dottor Harvey Risch della Yale School of Public Health ha messo in guardia contro questo consiglio «irrazionale», osservando che il vaccino non è di alcun beneficio per i bambini ma presenta solo rischi. Lo si vede dai dati VAERS, che ora mostrano, oltre a tutti gli eventi avversi tra gli adulti, «bambini di quindici anni che si ammalano di infarto, bambini di due anni che muoiono il giorno dopo la vaccinazione e un bambino di un mese che muore per la vaccinazione della madre del bambino… attraverso il latte materno». (6)

In terzo luogo , anche se la cooperazione al male fosse solo remota e «passiva», non vi è alcun motivo grave o proporzionato per giustificare il ricorso in particolare ai vaccini COVID derivati ​​dall’aborto, né per il bene comune  né per il bene dell’individuo, perché la loro incapacità di inibire la diffusione virale è ufficialmente ammessa e i loro effetti dannosi, sia noti che sconosciuti, superano qualsiasi presunto beneficio per la stragrande maggioranza degli individui

 

Pertanto, il prof. De Mattei si è avventurato ben oltre le sue competenze e si è invischiato nello scandalo dichiarando pubblicamente in LMV, contrariamente alla sua stessa condotta in privato, che «un numero incalcolabile di medici… riconosce tutti gli aspetti problematici dei vaccini, ma afferma che, da un punto di vista sanitario, non vaccinare sarebbe molto peggio della vaccinazione» e che «centinaia di migliaia di immunologi, virologi, specialisti in malattie infettive ed epidemiologi… raccomandano la vaccinazione» contro «una piccola minoranza [che] non è d’accordo con loro».  (MLV, pag. 50).

 

Il prof. De Mattei ha il dovere morale di ritrattare queste spericolate assicurazioni sulla sicurezza dei vaccini, date nel contesto di consigli morali pubblicati in modo preminente a tutto il mondo cattolico – consigli, inoltre, pieni di altero disprezzo per i cattolici che non sono d’accordo con lui.

 

Egli deve inoltre ritrattare, con scuse alla «piccola minoranza» (incluse eminenti autorità del tipo del dottor Risch di Yale) la calunnia per la quale «questa minoranza è, generalmente parlando, fatta di dottori con poca autorità, che cercano esposizione mediatica» (ibid.)

 

Sappiamo infatti ora che il prof. De Mattei è d’ accordo con quella stessa minoranza. La sua polemica contro di essa, quindi, è imperdonabile.

 

Ma supponiamo, a scopo di argomentazione, che il prof. De Mattei non abbia screditato il proprio argomento con questa stupefacente dimostrazione di contraddizione. Procediamo ad affrontare i restanti punti di MLV come conclusione di questa serie.

 

 

Analogie speciose, distinzioni arbitrarie

LMV propone diverse analogie per sostenere la sua tesi secondo cui la cooperazione con l’aborto qui è solo «remota» e quindi moralmente accettabile per una grave ragione (che lui stesso ha ammesso non esiste realmente):

 

In primo luogo , LMV  suggerisce che mentre un’infermiera non può consegnare all’abortista un bisturi per assistere in un aborto, l’infermiera deve dargli lo stesso bisturi per salvare la vita della donna se sta morendo durante la procedura. (LMV , pp. 24-25). Questa non è in alcun modo cooperazione nell’aborto, ma piuttosto cooperazione diretta nel salvare la vita di una vittima dell’aborto.

 

Il prof. De Mattei ha il dovere morale di ritrattare queste spericolate assicurazioni sulla sicurezza dei vaccini, date nel contesto di consigli morali pubblicati in modo preminente a tutto il mondo cattolico – consigli, inoltre, pieni di altero disprezzo per i cattolici che non sono d’accordo con lui

In secondo luogo , LMV propone che «nel caso di una donna delle pulizie che è tenuta a spazzare la stanza in cui si svolge l’operazione, la cooperazione sarebbe ugualmente lecita”» (MLV, pag. 25). No, non lo sarebbe.

 

È moralmente inammissibile tout court essere alle dipendenze di un’impresa che uccide i bambini. Il prof. De Mattei farebbe lo stesso argomento a favore di una donna delle pulizie che spazza la stanza in cui gli ebrei sono stati appena gasati dalle SS? Lì, almeno, si avrebbe un argomento per cooperare sotto costrizione: spazzare la stanza o morire. Ma qual è la scusa della donna delle pulizie per fornire i suoi servizi a un macellaio di esseri umani in un aborto di Planned Parenthood?

 

Terzo, LMV sostiene che «[il] proprietario di un appezzamento di terreno che trova un tesoro sepolto da un ladro duecento anni fa non è obbligato a rintracciare i discendenti dei proprietari originali e restituire il tesoro». (LMV, pag. 52).

 

Prima di tutto, questa proposizione è eminentemente discutibile a seconda delle circostanze. (Ad esempio, i discendenti sono facilmente individuabili?) Ma un furto di duecento anni fa è difficilmente paragonabile all’omicidio di bambini i cui resti vengono ancora sfruttati commercialmente da una replica infinita di cellule il cui DNA contiene il codice genetico ereditato per le loro identità corporee. Non sorprende che l’autorità di MLV per questa falsa analogia sia letteralmente un sito web di casistica.

 

Egli deve inoltre ritrattare, con scuse alla «piccola minoranza» (incluse eminenti autorità del tipo del dottor Risch di Yale) la calunnia per la quale «questa minoranza è, generalmente parlando, fatta di dottori con poca autorità, che cercano esposizione mediatica»

Quarto , in un grossolano abuso del Vangelo, LMV  invoca nientemeno che San Paolo per l’affermazione che farsi iniettare un vaccino derivato dall’aborto equivale moralmente all’acquisto di carne che era stata sacrificata agli idoli. (LMV , p. 67; citando 1 Cor 8:4). Ma lo stesso san Paolo confuta questa fallacia nella stessa citazione su cui LMV  replica: «Ma quanto alle carni che si sacrificano agli idoli, sappiamo che un idolo non è nulla al mondo, e che non c’è altro Dio che uno» ( 1 Cor 8,4). Cioè, l’idolo al quale veniva sacrificata la carne non esisteva, e quindi la carne (da cui le parti bruciate erano state asportate prima della vendita) non era contaminata da quell’atto senza senso. Ma il bambino che è stato sacrificato per fare un vaccino esisteva «nel mondo» e l’omicidio di quel bambino è la condizione sine qua non perché il vaccino venga  iniettato nel proprio corpo, mentre il sacrificio agli idoli non aveva nulla a che fare con l’esistenza della carne come merce commerciabile.

 

In quinto luogo, ancor più abusivamente, LMV cita Nostro Signore stesso, parlando delle leggi dietetiche mosaiche, per la proposizione che: «Non c’è nulla di esterno che un uomo, entrando in lui, possa contaminarlo», ma piuttosto ciò che lo contamina sono «il cose che escono dalla bocca» sotto forma di parole e azioni peccaminose. (LMV, p. 71; citando Marco 7 e Matteo 15).

 

Secondo questa logica, si potrebbe bere un preparato contenente cellule di un bambino abortito per motivi di «salute» perché nulla che entra in bocca può contaminare un uomo.

 

Crede sinceramente il prof. De Mattei che San Paolo e anche Nostro Signore approverebbero l’inoculazione con vaccini derivati ​​dall’aborto come cooperazione «a distanza» al male, quando lui stesso si astiene da essi perché li ritiene inutili e potenzialmente dannosi? O non è proprio questo il tipo di casistica farisaica condannata da Nostro Signore?

 

Le restanti analogie di LMV non devono trattenerci: pagare le tasse, usare Internet, aprire un conto in banca o acquistare beni che potrebbero essere stati prodotti dal lavoro forzato (LMV , pp. 61-62) difficilmente può essere paragonato al tutto volontario ed evitabile scelta di farsi iniettare un vaccino derivato dall’aborto per il quale, peraltro, non vi è alcuna provata necessità ma piuttosto evidenza di un grave potenziale danno, come ammette lo stesso prof. De Mattei.

 

È moralmente inammissibile tout court essere alle dipendenze di un’impresa che uccide i bambini

Questo è un altro esempio dell’errore del carrozzone: ci sono così tanti mali con cui veniamo inevitabilmente a contatto nella nostra vita quotidiana, quindi perché non aggiungere alla lista i vaccini derivati ​​dall’aborto?

 

Ma come ha osservato il vescovo Athanasius Schneider riguardo a questo sofisma: «Questa catena concreta di crimini orribili – uccisione, raccolta di tessuti e parti del corpo da bambini non ancora nati che vengono assassinati e commercio dei loro resti attraverso la produzione e la sperimentazione di vaccini e medicinali – è sproporzionato rispetto ad altri crimini, ad esempio, beneficiare del lavoro forzato, pagare le tasse, etc. Anche gli esempi storici più apparentemente impressionanti, che a volte vengono addotti per giustificare la liceità morale dell’uso di vaccini contaminati dall’aborto, sono incomparabili al problema davanti a noi» (7)

«Questa catena concreta di crimini orribili – uccisione, raccolta di tessuti e parti del corpo da bambini non ancora nati che vengono assassinati e commercio dei loro resti attraverso la produzione e la sperimentazione di vaccini e medicinali – è sproporzionato rispetto ad altri crimini, ad esempio, beneficiare del lavoro forzato, pagare le tasse, etc» Mons. Schneider

 

Ma consideriamo un’analogia appropriata che mette in netto rilievo l’infermità della falsa distinzione di LMV tra concatenazione storica e morale.

 

Supponiamo che alcuni vaccini derivati ​​dall’aborto siano stati sviluppati, prodotti o testati con cellule ottenute da vittime dell’Olocausto nazista. Il prof. De Mattei sarebbe così veloce nell’asserire una concatenazione meramente «storica» tra l’omicidio di ebrei e i vaccini risultanti da quegli omicidi? Sicuramente no. Ma perché? La risposta, sembrerebbe, è che il prof. De Mattei, come la popolazione in generale, è stato inconsapevolmente desensibilizzato all’orrore dello sterminio di massa mediante aborto, mentre l’orrore dello sterminio di massa degli ebrei, giustamente, rimane vivo in menti delle persone.

 

Forse, tuttavia, il prof. De Mattei difenderebbe davvero i vaccini derivati ​​dall’Olocausto sulla base del fatto che implicherebbero solo una connessione «storica» ​​con l’Olocausto che «non esiste a livello morale». Abbastanza curiosamente, cita l’opinione di un certo rabbino Polak e di un gruppo di studiosi a Yad Vashem, il museo dell’Olocausto, per l’affermazione che era moralmente lecito per i medici consultare un libro di disegni anatomici basati sui corpi delle vittime dell’Olocausto, a condizione che l’origine del libro è stata condannata. (LMV, pp. 41-44).

 

Qui, MLV introduce un’altra distinzione arbitraria: una «appropriazione del male piuttosto che cooperazione con il male, dato che l’azione in questione non facilita, ma sfrutta l’atto di un altro». (LMV, pag. 44). Ma non stiamo forse cooperando formalmente con il male appropriandoci dei suoi frutti e quindi esprimendo almeno implicitamente l’approvazione dei mezzi malvagi con cui sono stati prodotti?

 

«Anche gli esempi storici più apparentemente impressionanti, che a volte vengono addotti per giustificare la liceità morale dell’uso di vaccini contaminati dall’aborto, sono incomparabili al problema davanti a noi» Mons. Schneider

Secondo LMV , citando l’opinione di un teologo morale: «Non tutte le volte che stiamo beneficiando dell’azione malvagia di qualcun altro, il nostro beneficio segnala una cooperazione formale con quel male». (LMV , pag. 45).

 

Ma questa è solo una casistica più indegna (non tutta la casistica è invalida): la consultazione di disegni anatomici basati sul corpo di una vittima dell’Olocausto difficilmente può essere paragonata a farsi iniettare un vaccino sviluppato dalle cellule della stessa vittima

 

Pagando e facendosi iniettare nel proprio corpo vaccini che non sarebbero stati prodotti senza l’omicidio di un innocente, e che possono anche essere contaminati da resti di DNA della vittima dell’omicidio, si sta necessariamente approvando, almeno tacitamente con le proprie azioni, la condizione sine qua nondi quell’omicidio.

 

Le proteste verbali di opposizione all’omicidio, forse anche al momento dell’iniezione, sarebbero un esercizio di ipocrisia appena velata. Evitare proprio tale ipocrisia è il motivo per cui anche i governi laici consentono l’astensione religiosa dalle vaccinazioni contaminate dall’aborto (cfr. Parte II ).

L’errore del carrozzone: ci sono così tanti mali con cui veniamo inevitabilmente a contatto nella nostra vita quotidiana, quindi perché non aggiungere alla lista i vaccini derivati ​​dall’aborto?

 

L’affermazione di LMV per cui l’inoculazione con vaccini che non esisterebbero se non per l’omicidio «non riguarda un atto compiuto nel presente» (MLV, p. 44) dipende interamente dalla sua distinzione arbitraria tra concatenazione storica e morale con il male, e la sua mera restrizione dell’«atto» coinvolto a un caso isolato di omicidio in passato (cfr. Parte II), opportunamente separato dallo sfruttamento in corso delle linee cellulari risultanti e dall’acquisto e dall’uso personale da parte del cliente dei «prodotti» risultanti.

 

Inoltre, sulla base della tesi di LMV secondo cui «ogni atto deve essere giudicato sulle sue conseguenze dirette e immediate, non sui suoi legami storici, anche se vicini», il prof. de Mattei dovrebbe anche difendere in linea di principio la liceità morale del ricorso a qualsiasi prodotto o procedura medica «salvavita» o «salvaguardia» in cui l’aborto ha avuto un ruolo, compresi quelli risultanti da esperimenti in corso sulle parti del corpo di bambini assassinati vendute e acquistate come beni di consumo per le industrie mediche e farmaceutiche.

 

Secondo lui, non ci sarebbe alcun nesso morale anche tra gli aborti odierni o le sperimentazioni sui resti delle vittime e le azioni dei clienti che si limitano ad «appropriarsi» dei «prodotti» risultanti piuttosto che cooperare al male. Il cliente deve solo avere qualche pretesa colorabile di «grave necessità». Ma qui, come abbiamo visto, il prof. De Mattei ha smentito ogni pretesa del genere.

Supponiamo che alcuni vaccini derivati ​​dall’aborto siano stati sviluppati, prodotti o testati con cellule ottenute da vittime dell’Olocausto nazista. Il prof. De Mattei sarebbe così veloce nell’asserire una concatenazione meramente «storica» tra l’omicidio di ebrei e i vaccini risultanti da quegli omicidi?

 

Insomma, accettando nel proprio corpo il vaccino derivato dall’aborto, pur essendo consapevoli della sua origine nell’aborto, si coopera consapevolmente e direttamente, non a distanza, a un sistema di vaccinazione che non potrebbe esistere senza l’omicidio di innocenti.

 

Quel sistema è una struttura di peccato

 

Quindi, anche se gli «argomenti della ragione» di LMV fossero intrinsecamente plausibili, fallirebbero a causa del rifiuto di LMV di riconoscere che questa struttura del peccato è una totalità immorale dalla quale l’atto dell’aborto non può essere nettamente separato da un taglio di capelli casualistico.

 

 

Un errore nel problema

Ci rivolgiamo poi alla risposta del Prof. De Mattei a quella che ritiene «la contesa utilitaristica» degli oppositori cattolici del vaccino: cioè che a causa dei potenziali effetti collaterali gravi, alcuni dei quali ancora sconosciuti – ricordano gli avvertimenti della FDA al riguardo – i rischi dei vaccini derivati ​​dall’aborto superano i loro presunti benefici e pertanto dovrebbero essere evitati (MLV 48-53).

 

Il prof. De Mattei sostiene che qui «la discussione si sposta dal livello morale al livello scientifico», che non riguarda la teologia morale.

 

Al contrario, come già notato, una valutazione dei rischi rispetto ai benefici non è un mero calcolo utilitaristico, ma piuttosto — secondo le esigenze della stessa argomentazione del prof. De Mattei — è essenziale per determinare se una grave necessità giustifichi la cooperazione «a distanza» con il male.

Accettando nel proprio corpo il vaccino derivato dall’aborto, pur essendo consapevoli della sua origine nell’aborto, si coopera consapevolmente e direttamente, non a distanza, a un sistema di vaccinazione che non potrebbe esistere senza l’omicidio di innocenti. Quel sistema è una struttura di peccato

 

Difficilmente si può sostenere una grave necessità di ricorrere a vaccini derivati ​​dall’aborto che potrebbero fare più male che bene, soprattutto quando chi presenta l’argomento non vuole avere niente a che fare con gli stessi vaccini!

 

Si tratta, in ogni caso, di una questione puramente fattuale che né il Magistero né il prof. De Mattei hanno alcun diritto di pronunciarsi. È una questione di opinione, e l’onere della prova spetta a chi sostiene la liceità morale di questi vaccini, argomento dal quale il prof. De Mattei si è squalificato.

 

In ogni caso, l’onere non è coperto da vaghe allusioni a «numeri incalcolabili di medici» o liquidando le voci di dissenso come vani cercatori di pubblicità, «anti-vaccinisti», teorici della cospirazione, rigoristi e fanatici religiosi.

 

LMV non tocca mai l’obiezione decisiva che per i giovani e sani, o quelli che sono già stati esposti al virus e guariti, o quelli che non sono mai stati sintomatici – coorti che comprendono la maggior parte della popolazione – i vaccini COVID derivati ​​​​dall’aborto non sarebbero di nessuna beneficio dimostrabile, anche se efficaci.

 

Per la stragrande maggioranza, quindi, i vaccini derivati ​​dall’aborto rappresentano un rischio senza beneficio e quindi difficilmente possono essere gravemente necessari.

 

In effetti, l’idea stessa di iniettare a ogni uomo, donna e bambino vaccini sperimentali che anche la FDA avverte pone gravi rischi la cui portata è ancora da determinare, per un virus con un tasso di sopravvivenza del 99,7%, è l’apice della follia istituzionale, un fanatismo quasi religioso mascherato da scienza, come Parte II La discussione sulla bizzarra campagna per «riunire» il mondo attraverso la vaccinazione dovrebbe chiarire.

Per la stragrande maggioranza, quindi, i vaccini derivati ​​dall’aborto rappresentano un rischio senza beneficio e quindi difficilmente possono essere gravemente necessari

 

Ignorando tutto questo, LMV pontifica sulla «pesante responsabilità morale” di »chi scrive nei blog, facendo circolare argomentazioni utilitaristiche senza prove sufficienti…” (MLV, p. 51).

 

Ma è il prof. De Mattei che, evidentemente senza rendersene conto, sta facendo un argomento utilitaristico senza prove sufficienti, argomento di cui lui stesso evidentemente non è convinto: cioè che i vaccini derivati ​​dall’aborto salvano vite, il che significa che hanno utilità, il che significa che il loro uso può essere giustificato nonostante il loro legame con l’omicidio nell’utero.

 

Che cos’è questo argomento se non il classico principio utilitaristico di Bentham e Mill: «il massimo bene per il maggior numero di persone»?

In maniera ancora peggiore, ma inconsapevolmente, il prof. De Mattei ha fatto il calcolo utilitaristico che, per il bene superiore, si deve accettare che alcuni dei vaccinati, anche se non hanno mai avuto bisogno di vaccinazione in primo luogo, dovranno subire gravi lesioni o morire per un esperimento medico assurdo di vaccino universale riguardante un virus che si è dimostrato fatale solo per i 2/10 dell’1% della popolazione, anche assumendo che il bilancio delle vittime dimostrabilmente gonfiato (cfr. Parte I ) sia accurato.

L’idea stessa di iniettare a ogni uomo, donna e bambino vaccini sperimentali che anche la FDA avverte pone gravi rischi la cui portata è ancora da determinare, per un virus con un tasso di sopravvivenza del 99,7%, è l’apice della follia istituzionale, un fanatismo quasi religioso mascherato da scienza

 

Ovviamente il prof. De Mattei non corre il rischio di essere tra quelle vittime, non volendo avere niente a che fare con gli stessi vaccini che difende per «grave necessità».

 

Suggerirei rispettosamente che l’autore di LMV rifletta sulla propria pesante responsabilità morale per la divisione che il suo libretto ha contribuito a provocare tra i fedeli cattolici, in particolare dato il suo tono perentorio e altezzoso verso i cattolici che non vogliono avere niente a che fare con l’aborto e quindi niente a che fare con i vaccini derivati ​​dall’aborto, una convinzione che respinge piuttosto arrogantemente come «sentimentalismo» (LMV, p. 63).

 

 

Una regola del Magistero?

Passiamo accanto ai documenti vaticani enumerati nella Parte Idi questa serie.

 

La parte I rileva che LMV inizia evitando l’argomentazione dell’autorità facendo affidamento su quei documenti, dato che ciò che ammette il prof De Mattei è il dubbio o addirittura l’errore assoluto dei recenti pronunciamenti morali di Roma, in particolare durante l’attuale pontificato.

 

Eppure, nelle sue pagine conclusive il prof. De Mattei cambia bruscamente modalità proprio a un argomento dell’autorità. Citando gli stessi documenti, il prof De Mattei ora inveisce contro «chi diffonde una censura in contrasto con il Magistero Ordinario» e «suggerisce provvedimenti più rigidi di quelli previsti dalla legge». (LMV pp. 63, 70).

 

Dichiara poi apertamente che la posizione che difende «non è un’opinione, è una norma dettata dalla Congregazione per la Dottrina della Fede, secondo i principi della filosofia e della teologia morale tradizionali». (LMV, pp. 70, 73).

 

Mettendo da parte l’autocontraddizione polemica di LMV (una delle tante), possiamo vedere che a un attento esame i documenti citati non impongono tale «regola», ma piuttosto sono provvisori, ambigui e dipendenti da valutazioni contingenti di fatti medico-scientifici non più all’interno la competenza del Magistero rispetto alle opinioni di papa Bergoglio sui cambiamenti climatici.

 

Inoltre, i documenti citati tendono sotto diversi aspetti a minare gli «argomenti della ragione» di LMV. Li consideriamo brevemente in ordine cronologico:

 

La Nota 2005 della Pontificia Accademia per la Vita mina radicalmente l’argomento di LMV per la liceità morale dei vaccini derivati ​​dall’aborto

Come già ricordato, la Nota 2005 della Pontificia Accademia per la Vita mina radicalmente l’argomento di LMV per la liceità morale dei vaccini derivati ​​dall’aborto.

 

Il documento non solo rileva la disponibilità di vaccini alternativi eticamente accettabili non menzionati da LMV, ma dichiara anche che «i medici e i padri di famiglia hanno il dovere di ricorrere a vaccini alternativi (se esistono)» e che «c’è un grave responsabilità di usare vaccini alternativi…»

 

Inoltre, anche dove non è disponibile un vaccino alternativo, solo un «serio rischio» per la salute dei propri figli o «la salute della popolazione nel suo insieme» – non mostrato qui, in alcun modo – potrebbe anche discutibilmente giustificare il ricorso a un vaccino illecitamente inventato. Anche allora, però, tale cooperazione al male sarebbe il risultato di «coercizione morale della coscienza dei genitori, che sono costretti ad agire contro la loro coscienza…»

 

Questa non è certo un’istruzione per la «liceità morale della vaccinazione» in quanto tale. Ma, secondo il prof. De Mattei, la coscienza sarebbe in errore se considerasse malvagi i vaccini derivati ​​dall’aborto: «un atto materialmente buono, come farsi vaccinare, può costituire una colpa se compiuto contro il giudizio di una coscienza erronea, che lo considera malvagio». (LMV, pag. 70).

Il prof. De Mattei è «più rigido» della CDF, che riconosce il diritto all’astensione religiosa e non ammette certo la sua opinione che solo una coscienza errata potrebbe considerare un male un «atto materialmente buono» di farsi vaccinare con un vaccino derivato dall’aborto

 

Qui, ironia della sorte, il prof. De Mattei è «più rigido» della CDF, che riconosce il diritto all’astensione religiosa e non ammette certo la sua opinione che solo una coscienza errata potrebbe considerare un male un «atto materialmente buono» di farsi vaccinare con un vaccino derivato dall’aborto.

 

Anche l’ Istruzione CDF Dignitatis Personae del 2008 non riesce a sostenere le opinioni di LMV.

 

La sua intera trattazione della questione del ricorso ai vaccini derivati ​​dall’aborto consiste nella seguente osservazione provvisoria (il corsivo è mio):

 

«Gravi motivi possono essere moralmente proporzionati per giustificare l’uso di tale “materiale biologico”. Così, ad esempio, il pericolo per la salute dei bambini potrebbe consentire ai genitori di utilizzare un vaccino sviluppato utilizzando linee cellulari di origine illecita, tenendo presente che ognuno ha il dovere di manifestare il proprio dissenso e di chiedere al proprio sistema sanitario di altri tipi di vaccini disponibili…» (8)

 

Come già dimostrato, non c’è praticamente alcun pericolo per la salute dei bambini da COVID-19 in primo luogo, tanto meno un pericolo che potrebbe essere evitato solo ricorrendo a vaccini derivati ​​dall’aborto, la cui iniezione nei bambini non presenta alcun rischio reale di virus non è solo assurdo dal punto di vista medico, ma comporta rischi, sia noti che sconosciuti, senza benefici corrispondenti.

 

Non c’è praticamente alcun pericolo per la salute dei bambini da COVID-19 in primo luogo, tanto meno un pericolo che potrebbe essere evitato solo ricorrendo a vaccini derivati ​​dall’aborto, la cui iniezione nei bambini non presenta alcun rischio reale di virus non è solo assurdo dal punto di vista medico, ma comporta rischi, sia noti che sconosciuti, senza benefici corrispondent

Ancora una volta, lo stesso vale per la stragrande maggioranza delle persone, il cui rischio di morte per virus, con un tasso di sopravvivenza complessivo del 99,7%, è trascurabile.

 

Per quanto riguarda gli anziani vulnerabili, sono già note le numerose misure profilattiche e terapeutiche, insieme a precauzioni sensate non diverse da quelle applicabili all’influenza, che viziano qualsiasi pretesa di grave necessità, tanto più che i vaccini hanno manifestamente fallito nel prevenire la diffusione del virus e non è mai stato dimostrato che facciano la differenza tra la vita e la morte per nessuno (cfr. Parte I ).

 

Questi fatti spiegano l’aumento del tutto giustificato dell’«esitazione vaccinale» e la corrispondente campagna di coercizione illecita dei non vaccinati poiché un numero crescente di persone si rende conto che i vaccini semplicemente non sono necessari per sopravvivere al COVID-19 e che le politiche di controllo sociale, non necessità medica, sta guidando il fanatismo dei vaccini.

 

Chiunque sia così convinto ipso facto non può avere una pretesa di grave necessità che giustifichi il ricorso ai vaccini. Né, in assenza di un grave rischio dimostrabile per la salute, potrebbe essere moralmente lecito assumere un vaccino derivato dall’aborto «per ogni evenienza» potrebbe fornire qualche beneficio limitato come la riduzione dei sintomi. Se fosse diversamente, si potrebbe anche giustificare l’assunzione di integratori alimentari derivati ​​dall’aborto per promuovere la salute generale, come fanno alcune persone. (9)

 

In realtà, la Dignitatis Personae recita il principio stesso che dovrebbe precludere qualsiasi ricorso ai vaccini aborto-derivati: «Quando l’azione illecita è approvato dalle leggi che regolano l’assistenza sanitaria e la ricerca scientifica, è necessario prendere le distanze dagli aspetti iniqui di tale sistema per non dare l’impressione di una certa tolleranza o tacita accettazione di azioni gravemente ingiuste. Qualsiasi apparenza di accettazione contribuirebbe infatti alla crescente indifferenza, se non all’approvazione, di tali azioni in certi ambienti medici e politici». (10)

 

Come si fa a «prendere le distanze» dagli aspetti malvagi dell’industria dei vaccini ed evitare «qualsiasi apparenza di accettazione» facendo iniettare nel proprio corpo vaccini derivati ​​dall’aborto e persino difendendoli come moralmente leciti, se non moralmente obbligatori, nonostante la loro origine in omicidio?

 

Dignitatis Personae mina ulteriormente la posizione di LMV rifiutando il cosiddetto «criterio di indipendenza», secondo il quale coloro che fanno uso di «materiale biologico» illecito per la ricerca e lo sviluppo scientifico sono eticamente irreprensibili perché separati da coloro che hanno fornito il materiale a loro uso:

 

«Il criterio dell’indipendenza non è sufficiente per evitare una contraddizione nell’atteggiamento di chi dice di non approvare l’ingiustizia perpetrata da altri, ma al tempo stesso accetta per il proprio lavoro il “materiale biologico” che gli altri hanno ottenuto per mezzo di quella ingiustizia». (11)

 

Come può, quindi, l’utente finale evitare la stessa contraddizione di atteggiamento dello scienziato che ha sviluppato il vaccino che l’utente finale acquista per l’iniezione nel suo corpo proclamando invano di «non approvare l’ingiustizia perpetrata da altri»?

 

Come può  l’utente finale evitare la stessa contraddizione di atteggiamento dello scienziato che ha sviluppato il vaccino che l’utente finale acquista per l’iniezione nel suo corpo proclamando invano di «non approvare l’ingiustizia perpetrata da altri»?

Quanto alla Nota 2017 della Pontificia Accademia per la Vita, questo documento non ha nemmeno pretesa di autorità.

 

Scritto in collaborazione con l’associazione medica italiana e l’ufficio pastorale sanitaria della Conferenza Episcopale Italiana, esprime la mera opinione che «noi crediamo che tutte le vaccinazioni clinicamente consigliate possono essere utilizzati con la coscienza pulita e che l’uso di tali vaccini non lo fa significare una sorta di cooperazione con l’aborto volontario».

 

Premesso che il prof. De Mattei dichiara pubblicamente – e giustamente – nello stesso anno di emanazione della Nota che Papa Bergoglio «promuove, incoraggia e favorisce gli errori e le eresie all’interno della Chiesa» (12) difficilmente può affermare che un cattolico che non è d’accordo con la visione di questo documento dello stesso pontificato sta «diffondendo una tesi che è in conflitto con il Magistero ordinario della Chiesa» o è «più rigido» della Chiesa.

 

Bisogna ricordare che su altre questioni morali il prof. De Mattei è stato costantemente «più rigido» del Papa. E giustamente, di fronte a un pontefice ribelle che sconsideratamente intacca il Magistero perenne con le sue opinioni personali, compresa la possibilità della Comunione per i pubblici adulteri (contro la quale il prof. De Mattei ha condotto una opposizione di principio), la presunta immoralità della pena di morte e, qui più pertinente, il catastrofico errore morale – confermato dal Vaticano come opinione di Bergoglio – che si possa impiegare la contraccezione come «il minore di due mali» in «casi di emergenza o gravità» come evitare di contrarre il virus Zika durante la gravidanza. (13)

 

Veniamo, infine, al CDF Note del 2020.

 

Vi è il dovere morale di evitare anche la più remota e passiva cooperazione materiale al male, a meno che non vi sia «un grave pericolo, quale la diffusione, altrimenti incontenibile, di un grave agente patologico». Non c’è grave pericolo in  un virus la cui letalità, nonostante tutta l’isteria mediatica, è stata confinata ad un minuscolo segmento della popolazione molto anziana

A un’attenta lettura, non impone alcun obbligo di accettare la tesi difesa da LMV. Il documento afferma che «quando non sono disponibili vaccini COVID-19 eticamente irreprensibili… è moralmente accettabile ricevere vaccini COVID-19 che hanno utilizzato linee cellulari di feti abortiti nel loro processo di ricerca e produzione».

 

Ma questa affermazione si qualifica decisamente contro gli argomenti di LMV nel paragrafo seguente, che affronta il concetto di cooperazione materiale apparentemente remota e passiva al male (il corsivo è mio): «Il dovere morale di evitare tale cooperazione materiale passiva non è obbligatorio se c’è un grave pericolo, come la diffusione altrimenti incontenibile di un grave agente patologico».

 

In altre parole, come rilevato all’inizio di questa Parte III, vi è il dovere morale di evitare anche la più remota e passiva cooperazione materiale al male, a meno che non vi sia «un grave pericolo, quale la diffusione, altrimenti incontenibile, di un grave agente patologico». Ma per tutte le ragioni già mostrate, non c’è grave pericolo di un incontenibile «agente patologico grave» contrapposto a un virus la cui letalità, nonostante tutta l’isteria mediatica, è stata confinata ad un minuscolo segmento della popolazione molto anziana il cui tasso di la mortalità per tutte le cause è stata difficilmente influenzata dal COVID-19 (cfr. Parte I ).

 

In ogni caso, come ammette con la propria condotta anche il prof. De Mattei, i vaccini derivati ​​dall’aborto non sono necessari per tutelare la salute, sono potenzialmente dannosi e possono essere prudentemente evitati.

 

Inoltre, la Nota del 2020 è afflitta da ambiguità: cos’è esattamente «un grave agente patologico»?

 

Se il concetto di «grave pericolo» non deve essere annacquato fino all’insensatezza, deve significare il pericolo di morte diffusa o di danno permanente. Diversamente, il ricorso a vaccini derivati ​​dall’aborto potrebbe essere giustificato da qualsiasi malattia che provochi mero disagio.

 

La Nota del 2020 presenta anche un’analisi piuttosto confusa dei«”diversi gradi di responsabilità» nella catena di eventi che portano alla vendita e all’uso di vaccini derivati ​​dall’aborto, inclusa questa osservazione poco utile, citata da Dignitatis Personae:

 

Se il concetto di «grave pericolo» non deve essere annacquato fino all’insensatezza, deve significare il pericolo di morte diffusa o di danno permanente. Diversamente, il ricorso a vaccini derivati ​​dall’aborto potrebbe essere giustificato da qualsiasi malattia che provochi mero disagio

«In organizzazioni in cui vengono utilizzate linee cellulari di origine illecita, la responsabilità di coloro che prendono la decisione di utilizzarle non è la stessa di coloro che non hanno voce in capitolo in tale decisione».

 

Qual è il significato di questa affermazione? I dipendenti che conducono l’effettiva produzione di vaccini derivati ​​dall’aborto sono moralmente irreprensibili perché «non hanno voce» nelle decisioni del management?

 

Secondo quella logica, gli operai della fabbrica sarebbero stati moralmente irreprensibili per la decisione della direzione di produrre Zyklon B per l’uso nelle camere a gas naziste. Come con la nostra ipotetica donna che spazza il pavimento di una camera a gas, questi lavoratori avrebbero almeno un argomento di coercizione: fabbricare il gas o essere fucilati. Ma cosa scusa gli scienziati che usano le cellule delle vittime di omicidio per creare «prodotti» dei vaccini, i lavoratori che li fabbricano, il management che li commercializza a scopo di lucro ei clienti che li acquistano?

 

In definitiva, però, la Nota del 2020 quasi estingue la posizione di MLV sulla grave necessità con la seguente dichiarazione:

 

«Coloro che però, per motivi di coscienza, rifiutano i vaccini prodotti con linee cellulari di feti abortiti, devono adoperarsi per evitare, altri mezzi profilattici e comportamenti adeguati, diventando veicoli di trasmissione dell’agente infettivo. In particolare, devono evitare qualsiasi rischio per la salute di coloro che non possono essere vaccinati per motivi medici o di altro tipo e che sono i più vulnerabili».

 

Poiché chiunque ha il diritto in coscienza di rifiutare il vaccino – nonostante l’affermazione del prof. De Mattei che una tale coscienza sarebbe in errore – l’unico obbligo che la Nota riconosce è fare il possibile per evitare di infettare gli altri, il che è vero durante ogni epidemia di malattie infettive patologia.

 

E se quell’esercizio di semplice prudenza basta alla tutela del bene comune, cosa che in effetti fa, non c’è nessuna grave necessità del bene comune per il ricorso ai vaccini derivati ​​dall’aborto.

 

Negli stessi argomenti che LMV presenta, vediamo le conseguenze ultime di quella struttura di peccato: che abitua la società all’omicidio nel grembo materno, riducendo i cattolici a combattere a parole contro di esso mentre partecipano ai suoi frutti, persino difendendoli come moralmente accettabili e pubblicamente umiliare i compagni cattolici per pensare diversamente!

Tanto meno si può giustificare, come fa il prof. De Mattei, il diritto dello Stato di imporre l’inoculazione obbligatoria con un vaccino che non si è nemmeno dimostrato in primo luogo una barriera alla diffusione virale (cfr. Parte I).

 

In sintesi, l’argomento di LMV a favore di una «regola dettata dalla Congregazione per la Dottrina della Fede» non se la cava meglio dei suoi «argomenti della ragione», che mancano di fondamento fattuale nella grave necessità e dipendono da inadatte analogie e distinzioni arbitrarie tra e la connessione morale al male, o «appropriarsi» dei risultati di un atto malvagio contro la sua cooperazione, ignorando nel contempo l’odierna totalità malvagia di un’industria dei vaccini che costituisce una struttura del peccato il cui fondamento è l’omicidio di innocenti.

 

 

Difendere una struttura di peccato mentre si umiliano i suoi avversari

Negli stessi argomenti che LMV presenta, vediamo le conseguenze ultime di quella struttura di peccato: che abitua la società all’omicidio nel grembo materno, riducendo i cattolici a combattere a parole contro di esso mentre partecipano ai suoi frutti, persino difendendoli come moralmente accettabili e pubblicamente umiliare i compagni cattolici per pensare diversamente!

 

Il prof. De Mattei si spinge fino a dichiarare (LMV p. 60) che sarebbe «minare la nostra credibilità» condannare i vaccini derivati ​​dall’aborto o fare una «crociata» contro di essi – anche se la legge di 44 stati americani, in accordo con giustizia naturale, riconosce il diritto dei cittadini di vedere i vaccini derivati ​​dall’aborto per quello che sono: un male intollerabile al quale non si può partecipare (cfr. Parte II ).

 

Peggio ancora, come notato nella Parte I , il prof. De Mattei suggerisce che c’è il dovere di sottoporsi alla vaccinazione obbligatoria con vaccini derivati ​​dall’aborto per il «bene comune», respingendo le obiezioni alla vaccinazione di massa obbligatoria come «un argomento liberale». (LMV, pag. 54). Lo propone anche se (come si nota nella Parte I) la Nota CDF del dicembre 2020 dichiara che «la vaccinazione non è, di regola, un obbligo morale e che, quindi, deve essere volontaria». (14)

 

Peggio ancora il prof. De Mattei suggerisce che c’è il dovere di sottoporsi alla vaccinazione obbligatoria con vaccini derivati ​​dall’aborto per il «bene comune», respingendo le obiezioni alla vaccinazione di massa obbligatoria come «un argomento liberale»

Mentre il prof. De Mattei ammette che «il cittadino ha il diritto di cercare di evitare questa vaccinazione se ritiene infondata la posizione dell’autorità» (LMV, p. 54), cosparge la sua argomentazione di demagogico sminuimento coloro che esercitano proprio quel diritto per motivi morali: sono i«no-vax» (15) che negano l’esistenza di una pandemia (p. 49); sostengono «una macro-cospirazione per danneggiare l’umanità» (p. 50); sono colpevoli di «sentimentalismo» (p. 64) e di «rigorismo» (p. 71); hanno coscienze deboli, malformate ed erranti emancipate da ogni riferimento all’autorità” (pp. 64, 69, 70); i medici scienziati tra loro sono «medici con poca autorità, che cercano l’esposizione mediatica» (p. 50); i medici che rifiutano di vaccinarsi «si assumono una grave responsabilità» (p. 63); gli oppositori del vaccino stanno «minando la nostra credibilità» partecipando alle «crociate anti-vaccino» (p. 65). Tutto questo, dalla penna di chi rifiuta di partecipare agli stessi vaccini che difende come gravemente necessari e quindi leciti come cooperazione «a distanza» con il male.

 

Ad aggravare l’offesa, il prof. De Mattei ha appena lanciato una suggestione di fanatismo religioso in coloro che si oppongono al regime di vaccino contro il COVID, compreso l’autore di questo testo.

 

In una e-mail di massa inviata il 16 maggio e indirizzata ai membri dell’Accademia Giovanni Paolo II per la vita umana e la famiglia (JAHLF), che prende atto di questa risposta a LMV, il prof. De Mattei scrive:

 

«Riguardo all’attacco al mio studio sulla liceità morale della vaccinazione da parte del mio amico Cristoforo Ferrara, noto solo che è un avvocato brillante e molto impegnato e forse ha letto frettolosamente il mio studio. Se l’avesse letto più attentamente, si sarebbe accorto che ho già risposto a tutte le obiezioni che solleva. Anch’io sono molto occupato in questo momento e non ho il tempo di sviluppare questo dibattito. In ogni caso, non seguo la religione “no-vax” e mi sforzo di applicare la retta ragione nel seguire l’autentico insegnamento della Chiesa».

 

Ma come può il prof. De Mattei non aver notato le note specificamente religiose della crociata lunatica per vaccinare il mondo con gli stessi vaccini che lui stesso evita?

Quindi, la risposta del Prof. De Mattei a questa critica è che è stato «attaccato» da un avvocato che non ha letto attentamente MLV. (Ricorda sempre che il tuo avversario in un dibattito è un avvocato in modo da insinuare che i suoi argomenti devono essere in qualche modo subdoli.) Questo avvocato, inoltre, è solo un portavoce della «religione no-vax», mentre il prof. De Mattei difende la retta ragione — che non ha il tempo di spiegare ulteriormente nello stesso dibattito che lui stesso ha provocato.

 

Ma come può il prof. De Mattei non aver notato le note specificamente religiose della crociata lunatica per vaccinare il mondo con gli stessi vaccini che lui stesso evita?

 

Ad esempio, l’immagine stessa di Nostro Signore nella statua del «Cristo Redentore» del Brasile è stata utilizzata come schermo su cui è stato proiettato in varie lingue il motto «Il vaccino salva ” attraverso le braccia tese del Redentore, sotto il quale è stato proiettato anche “Uniti per i vaccini». (16)

 

L’organizzazione promotrice è letteralmente chiamata «Uniti per il vaccino» [Unidos Pela Vacina] – non dal Corpo Mistico di Cristo, la cui immagine è stata sfruttata in un blasfemo abuso della Sua Divina Persona per la propaganda secolare.

 

Un video di questo spaventoso spettacolo mostra una fila di giovani, che non hanno assolutamente bisogno di vaccini COVID, in piedi di fronte alla statua famosa in tutto il mondo mentre indossano magliette abbinate «Uniti per il vaccino» e grandi mascherine bianche, di di cui pure non hanno bisogno.

 

 

«Qualsiasi collegamento con il processo dell’aborto, anche il più remoto e implicito, getterà un’ombra sul dovere della Chiesa di testimoniare in modo incrollabile la verità che l’aborto deve essere assolutamente rifiutato. I fini non possono giustificare i mezzi. Stiamo vivendo uno dei peggiori genocidi conosciuti dall’uomo» Monsignori Schneider, Pujats, Peta, Lenga, Strickland

Come parte di questa piccola Liturgia del Vaccino, compresi i paramenti facciali, alzano le braccia insieme in uno strano saluto – a cosa? – e poi applaudire deliziati come partecipanti vertiginosi in un campo di rieducazione maoista.

 

 

Conclusione

Alla fine, l’argomento di LMV per la «liceità morale della vaccinazione» è un esercizio di argomentazione aridamente astratta che manca della carne e delle ossa del contesto fattuale in cui è sorta questa controversia. Quel contesto deve essere visto con gli occhi della fede, che non può ignorare l’incombente struttura del peccato che è l’industria dei vaccini.

 

Su questo, il punto decisivo, il sensus fidei – l’istinto spirituale del cattolico – è davvero evidente nella dichiarazione del dicembre 2020 contro i vaccini COVID-19 del vescovo Schneider, del cardinale Janis Pujats, dell’arcivescovo Tomash Peta, dell’arcivescovo Jan Pawel Lenga e del certamente eroico (data la sua situazione americana politicamente pericolosa come ordinario locale) il vescovo Joseph E. Strickland.

 

Prescindendo dagli inconcludenti documenti vaticani appena discussi, e rigettando la distinzione casistica del prof. De Mattei tra concatenazione storica e morale con il male, questi prelati mettono a nudo l’essenza immorale della questione, cioè una manifestazione della «cultura della morte» in cui i cattolici non dovrebbe in alcun modo partecipare:

 

«Qualsiasi collegamento con il processo dell’aborto, anche il più remoto e implicito, getterà un’ombra sul dovere della Chiesa di testimoniare in modo incrollabile la verità che l’aborto deve essere assolutamente rifiutato. I fini non possono giustificare i mezzi. Stiamo vivendo uno dei peggiori genocidi conosciuti dall’uomo. Milioni e milioni di bambini in tutto il mondo sono stati massacrati nel grembo materno e giorno dopo giorno questo genocidio nascosto continua attraverso l’industria dell’aborto, la ricerca biomedica e la tecnologia fetale, e una spinta da parte di governi e organismi internazionali a promuovere tali vaccini come uno dei i loro obiettivi. Ora non è il momento per i cattolici di cedere; farlo sarebbe gravemente irresponsabile. L’accettazione di questi vaccini da parte dei cattolici, in quanto implicano solo una “collaborazione remota, passiva e materiale” con il male, farebbe il gioco dei nemici della Chiesa e la indebolirebbe come ultima roccaforte contro il male dell’aborto….

 

«L’accettazione di questi vaccini da parte dei cattolici, in quanto implicano solo una “collaborazione remota, passiva e materiale” con il male, farebbe il gioco dei nemici della Chiesa e la indebolirebbe come ultima roccaforte contro il male dell’aborto….» Monsignori Schneider, Pujats, Peta, Lenga, Strickland

«La nostra società ha creato una religione sostitutiva: la salute è diventata il bene supremo, un dio sostitutivo al quale si devono offrire sacrifici; in questo caso, attraverso un vaccino basato sulla morte di un’altra vita umana…. Il Signore ha detto che negli ultimi tempi anche gli eletti saranno sedotti (cfr. Mc 13,22). Oggi tutta la Chiesa e tutti i fedeli cattolici devono cercare con urgenza di rafforzarsi nella dottrina e nella pratica della fede. Di fronte al male dell’aborto, più che mai i cattolici devono ‘astenersi da ogni apparenza di male’ (1 Tessalonicesi 5:22). La salute del corpo non è un valore assoluto. Occorre dare il primato all’obbedienza alla legge di Dio e alla salvezza eterna delle anime. I vaccini derivati ​​dalle cellule di bambini non ancora nati uccisi crudelmente sono chiaramente di carattere apocalittico e possono forse prefigurare il marchio della bestia (vedi Ap 13:16)». (17)

 

Nella sua dichiarazione individuale (pubblicata il 1 aprile 2021), il vescovo Schneider fornisce forse la migliore illustrazione in tutta la letteratura del male sistemico che LMV lavora per difendere:

 

«Ivan Karamazov nel famoso romanzo di Dostoevskij I fratelli Karamazov pone la domanda fatale: “Dimmi chiaramente, ti chiamo – rispondimi: immagina che tu stesso stia costruendo l’edificio del destino umano con l’obiettivo di rendere finalmente felici le persone, di dare loro finalmente pace e riposo, ma per questo devi inevitabilmente e inevitabilmente torturare solo una piccola creatura, quella stessa bambina che si batteva il petto con il suo piccolo pugno, e innalzare il tuo edificio sul fondamento delle sue lacrime non corrisposte — accetteresti di essere l’architetto a tali condizioni?”»  (18)

 

È deplorevole che il prof. De Mattei, altrimenti formidabile oppositore degli errori della modernità, si sia impegnato a difendere l’inoculazione di vaccini che sono il «finale» di un edificio la cui costruzione inizia con la tortura non di uno ma di tanti piccoli, le cui cellule vengono poi replicate all’infinito a scopo di lucro

Ovviamente è deplorevole che il prof. De Mattei, altrimenti formidabile oppositore degli errori della modernità, si sia impegnato a difendere l’inoculazione di vaccini che sono il «finale» di un edificio la cui costruzione inizia con la tortura non di uno ma di tanti piccoli, le cui cellule vengono poi replicate all’infinito a scopo di lucro.

 

Il fatto che l’abbia fatto ricorrendo alla demagogica denigrazione della posizione contraria – non certo indice di fiducia nelle sue stesse argomentazioni – aggrava la sua offesa nei confronti di coloro che sono stati amici e alleati nel movimento per la restaurazione della Chiesa e dello Stato in mezzo a una civiltà morente.

 

La difesa di De Mattei della partecipazione «a distanza» di un elemento chiave e in continua crescita della civiltà terminale della cultura  è tanto inspiegabile quanto ferente al movimento stesso a cui partecipa.

 

Farebbe bene a considerare di ritrattare La liceità morale della vaccinazione.

 

 

Christopher Ferrara

 

 

Articolo tradotto e pubblicato da Renovatio 21 per gentile concessione dell’autore.

 

 

Vedi qui per la Parte I e qui per la Parte II di questa serie.

 

NOTE

1) È biologia elementare che «quasi ogni cellula del corpo di una persona ha lo stesso DNA».

2) «I vaccini prodotti in linee cellulari fetali umane contengono livelli inaccettabilmente elevati di contaminanti di frammenti di DNA fetale. Il genoma umano contiene naturalmente regioni che sono suscettibili alla formazione di rotture del doppio filamento e alla mutagenesi inserzionale del DNA». Theresa Deisher, Ph.D., et al., «Epidemiologic and Molecular Relationship Between Vaccine Manufacture and Autism», Spectrum Disorder Prevalence, Issues in Law & Medicine, Volume 30, numero 1, 2015.

3) La mia traduzione dall’originale italiano: «Ma questa vaccinazione è veramente utile e non potrebbe essere invece dannosa? Questo è un altro discorso. La verità è che ci troviamo di fronte a vaccini non ancora sufficientemente testati, di cui non si conosce la capacità di far fronte con efficacia alle molteplici varianti del COVID. Quali saranno poi le conseguenze di questi vaccini sull’organismo umano, ad esempio riguardo alla fertilità? A queste domande non è la morale, ma la scienza che deve rispondere. E per dare una risposta sicura bisognerà attendere mesi o forse anni. Si può comprendere dunque la prudenza di chi, pur ritenendolo lecito, non ritiene utile vaccinarsi. E io sono tra questi».

4) Intervista con il dottor Peter McCullough, Tucker Carlson Today, 7 maggio 2007.

5) Vedi https://www.youtube.com/watch?v=eK74zhBlQSk.

6) «Fauci Says He Would Recommend Children as Young as Four Get Vaccinated», Fox News, intervista di Laura Ingraham, 20 maggio  2021.

7) Monsignor Athanasius Schneider, «Resisting Abortion-tainted Vaccines and the Culture of Death», Crisis Magazine, 1 aprile 2021.

8) Congregazione per la Dottrina della Fede (CDF), Istruzione Dignitatis Personae (8 settembre 2008), n. 35.

9) Ad esempio, esiste un integratore alimentare che utilizza resti fetali in polvere. Vedi Susan Donaldson James, Susan Donaldson James, «Chinese-Made Infant Flesh Capsules Seized in S. Korea», ABC News, May 7, 2012.

10) CDF, Dignitatis Personae, n. 34.

11) Ibid., n. 35.

12) Roberto De Mattei, «A Response to Edward Peters on the Buenos Aires Letter & Authentic Magisterium» OnePeterFive,  19 dicembre 2017.

13) John-Henry Westen, “Vatican affirms Pope was speaking about contraceptives for Zika», LifeSiteNews, 19 febbraio 2016.

14) CDF, «Note on the morality of using some anti-COVID-19 vaccines», 21 dicembre 2020.

15) Roberto De Mattei, «10 Questions to All Those Holding the ‘Anti-Vax’ Position», Rorate Caeli, 9 aprile 2021.

[16] Vedi https://twitter.com/Reuters/status/1393979558769143808.

[17] «One Cardinal, Four Bishops Clearly Teach: Catholics Must Refuse Vaccines Tainted by Abortion», Catholic Family News, 12 dicembre 2020.

[18] Schneider, op. cit.

 

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

I virgolettati sono traduzioni dell’articolo originale e non riproduzioni dei testi editi in lingua italiana.

 

 

Vaccini COVID, bene comune e liceità morale: una risposta a De Mattei – Parte I

 

Vaccini COVID, bene comune e liceità morale: una risposta a De Mattei – Parte II

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Balle sui tamponi? Quanti lavoratori sono senza green pass?

Pubblicato

il

Da

 

Si potrebbe avere l’idea che stiano prendendo in giro. Si potrebbe pensare che, sul serio, non abbiano nulla sotto controllo. 

 

Secondo i dati della (piuttosto filogovernativa) Fondazione Gimbe ci sono in Italia 3,8 milioni di lavoratori senza vaccino.

 

Ma secondo i report del  Ministero della Salute pubblicati da Il Sole 24 Ore e da La Repubblica, da mercoledì 13 ottobre  a oggi ci sono stati circa 800.000 tamponi. Tra ieri e oggi 500.000.

 

Secondo i dati della (piuttosto filogovernativa) Fondazione Gimbe ci sono in Italia 3,8 milioni di lavoratori senza vaccino. Da mercoledì 13 ottobre  a oggi ci sono stati circa 800.000 tamponi. Tra ieri e oggi 500.000

Quindi – se la matematica non è un’opinione – oggi 15 ottobre, circa  3 milioni di lavoratori non vaccinati sono andati al lavoro senza green pass  o non sono andati: perché non si sono nemmeno tamponati.

 

Questo nella migliore delle ipotesi: assumendo cioè che in Italia da mercoledì 13 abbiano fatto tamponi solo i lavoratori. Altrimenti i numeri scendono ulteriormente.



Sappiamo inoltre dai giornali che il 23% dei lavoratori in più della norma oggi si è messo in malattia. Non è certo una sfortunata coincidenza, si potrebbe pensare.

 

A meno che non ci sbagliamo (nel caso, diteci dove sbagliamo) oggi l’80% dei lavoratori non vaccinati era senza green pass. Circa 3 milioni di persone.

Ricordatevelo quando al TG – inevitabilmente – vi diranno che fila tutto liscio.

 

Vi stanno prendendo in giro.

 

Si contraddicono con gli stessi numeri che pubblicano sulle prime pagine.

 

A meno che non ci sbagliamo (nel caso, diteci dove sbagliamo) oggi l’80% dei lavoratori non vaccinati era senza green pass. Circa 3 milioni di persone.





Continua a leggere

Epidemie

COVID-19: la morsa si stringe attorno al dottor Fauci

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Il 23 settembre 2021 The Intercept ha pubblicato una richiesta di sovvenzione, presentata nel 2018 da EcoHealth Alliance alla DARPA (Defence Advanced Research Projects Agency) (1), ove si legge che l’intento della società è creare in laboratorio un virus artificiale partendo dai coronavirus dei pipistrelli. (2)

 

L’ex consigliere economico del presidente Donald Trump, Peter Navarro, ha peraltro rivelato che EcoHealth Alliance è servita al dottor Anthony Fauci per dirottare denaro pubblico sul finanziamento di ricerche da svolgere nel laboratorio P4 di Wuhan perché illegali negli Stati Uniti.

 

Il direttore di EcoHealth Alliance, Peter Daszak, è il principale promotore della petizione, pubblicata da The Lancet (3), a sostegno del personale sanitario di Wuhan, ingiustamente accusato di essere responsabile dell’epidemia di COVID-19. Daszak è stato altresì membro della missione d’indagine dell’OMS a Wuhan.

 

Il 4 settembre 2021 Alex Jones (InfoWars) ha divulgato due estratti del video, diffuso a ottobre 2019 dalla rete pubblica statunitense CSPAN, di una tavola rotonda sulla creazione di un vaccino universale contro l’influenza (4).

 

Gli esperti vi discutono la necessità:

 

  • di modificare la procedura di autorizzazione dei vaccini contro l’influenza;
  • di cambiare modalità di produzione dei vaccini anti-inflluenzali, sostituendoli con sistemi a RNA messaggero


I partecipanti convengono sul fatto che l’industria farmaceutica non potrà fare il gran passo perché l’influenza non è malattia che faccia paura.

 

Durante la riunione il dottor Anthony Fauci dichiara, in sostanza, che per fare avanzare l’industria farmaceutica e l’umanità occorrerebbe uno choc, un’epidemia influenzale molto più mortale.

 

Anthony Fauci è dal 1984 direttore dell’Istituto Nazionale statunitense per le allergie e le malattie infettive (National Institute of Allergy and Infectious Diseases). È stato collaboratore del segretario alla Difesa Donald Rumsfeld, di cui nel 2004 ha appoggiato il progetto d’isolamento di persone sane.

 

È altresì membro di Alba Rossa (5), il gruppo che nel 2020, durante l’epidemia COVID, si è speso per l’applicazione del piano d’isolamento Rumsfeld.

 

È stato chiamato dal presidente Trump a dirigere la cellula di crisi COVID-19. Il presidente Joe Biden l’ha confermato nell’incarico.

 

 

NOTE

1) «Leaked Grant Proposal Details High-Risk Coronavirus Research», Sharon Lerner & Maia Hibbett, The Intercept, 23 settembre 2021.

5) «Il COVID-19 e l’Alba Rossa», di Thierry Meyssan, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 28 aprile 2020.

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

Fonte: «COVID-19: la morsa si stringe attorno al dottor Anthony Fauci», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 8 ottobre 2021.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Epidemie

Ospedali negheranno i trapianti ai non vaccinati in «quasi tutte le situazioni»

Pubblicato

il

Da

 

 

Un sistema sanitario con sede in Colorado afferma che sta negando i trapianti di organi ai pazienti non vaccinati contro il coronavirus in «quasi tutte le situazioni», citando studi che mostrano che questi pazienti hanno molte più probabilità di morire se contraggono il COVID-19.  Lo riporta il Washington Post

Il deputato repubblicano dello stato del Colorado Tim Geitner ha dichiarato che sarebbe stato negato un trapianto di rene a una donna di Colorado Springs perché non vaccinata. Definendo la decisione «disgustosa» e discriminatoria, Geitner ha condiviso una lettera che  il paziente avrebbe ricevuto la scorsa settimana dal centro trapianti.

La lettera diceva che la donna sarebbe stata «inattivata» da una lista d’attesa per il trapianto di rene e aveva 30 giorni per iniziare la vaccinazione contro il coronavirus. Se si fosse rifiutata di essere vaccinata, diceva, sarebbe stata rimossa dalla lista d’attesa.

 

La lettera diceva che la donna sarebbe stata «inattivata» da una lista d’attesa per il trapianto di rene e aveva 30 giorni per iniziare la vaccinazione contro il coronavirus

La paziente in attesa di trapianto ha dichiarato a 9News che «è stata costretta a prendere una decisione che non mi sento a mio agio a prendere in questo momento per poter vivere». L’obbligo vaccinale, quindi, ha trovato un nuovo strumento di coercizione

 

«La politica illustra i costi crescenti di non essere vaccinati e si addentra in un territorio profondamente controverso: l’uso dello stato di immunizzazione per decidere chi riceve cure mediche limitate» scrive il WaPo. Bello l’aggettivo: controverso. Traduciamolo: non ancora completamente passato per la Finestra di Overton.

 

Renovatio 21 si oppone alla trapianto di organi, specie da persone ritenute «clinicamente morte» ma il cui cuore batte ancora, altrimenti non sarebbe possibile espiantarne gli organi: la «donazione», cioè la predazione, avviene solo a cuor battente, basandosi sulla artificiosa nozione di «morte cerebrale» i cui criteri cambiano da Paese a Paese e da un anno all’altro. Come abbiamo scritto, è il concetto di «morte cerebrale» a rendere possibile l’industria dei trapianti, un grande business per medici, ospedali e farmaceutiche che guadagnano clienti a vita di  farmaci come gli antirigetto.

 

Pare che si tratti in questo caso, di una donazione di rene da vivente, volontaria. È stato riportato infatti che la paziente e il suo donatore di reni stanno cercando altre opzioni fuori dallo Stato, poiché non hanno trovato un ospedale del Colorado che eseguirà la procedura prima di essere immunizzati.

 

La filiera della Necrocultura squarta e contamina, segrega e ricatta, in Europa oramai con la stessa mancanza di pudore che regna in Cina. Com’è possibile che il personale medico accetti questa mostruosità?

Non ci stupiamo di questa storia di ordinaria follia biomedica. Essa mette in luce diverse questioni:

 

1) L’instaurazione dell’utilitarismo – cioè il calcolo del piacere individuale – come filosofia che guida lo Stato e la Sanità, e quindi decide la vita e la morte delle persone. La qualità della vita ha perfino una formula, si tende a prediligere nelle cure quindi chi avrà più anni di piacere dinanzi rispetto a chi invece potrà vivere meno.

 

2) Il sistema di allocazione delle risorse mediche – il problema del triage che abbiamo visto in azioni con gli intubati durante la prima ondata pandemica – ora è utilizzabile come ricatto vaccinale.

 

3) il sistema grottesco della predazione degli organi, come riportato da Renovatio 21, non si è fatto scrupolo di espiantare e trapiantare organi di positivi al COVID: per quanto vi possa sembrare allucinante è così. Anzi, si parlava, qualche mese fa, di un boom di disponibilità di organi umani grazie ai morti di COVID. Ora però la faccenda si complica: a quanto è dato di capire potrebbe essere obbligato al vaccino anche il «donatore».

 

Ci rendiamo conto che stanno davvero rendendo accettabile l’idea che un non vaccinato merita di morire?

Qui subentra il paradosso ulteriore che abbiamo visto con il plasma iperimmune: colui che ha contratto il coronavirus ed è guarito può donare il sangue per la plasmaferesi, mentre chi è vaccinato ha dei limiti: egli, secondo le linee guida pubblicate dall’ECDC, deve attendere 48 ore dal vaccino, mentre se «ha sviluppato sintomi dopo la somministrazione del vaccino anti-SARS-CoV-2 può essere accettato alla donazione dopo almeno 7 giorni dalla completa risoluzione dei sintomi».

 

Non abbiamo dubbi che l’idea di escludere dalle cure i non vaccinati trova il favore in una larga parte della popolazione – gli stessi che paragonano i resistenti alla siringa come animali parassiti, subumani da gettare in campi da concentramento o da prendere a cannonate. Tutte cose che sono state davvero dette nel discorso pubblico.

 

La filiera della Necrocultura squarta e contamina, segrega e ricatta, in Europa oramai con la stessa mancanza di pudore che regna in Cina. Com’è possibile che il personale medico accetti questa mostruosità?

 

Ci rendiamo conto che stanno davvero rendendo accettabile l’idea che un non vaccinato merita di morire?

 

 

Continua a leggere

Più popolari