Connettiti con Renovato 21

Riprogenetica

Trapianti di utero il prossimo anno in Australia

Pubblicato

il

Dodici donne australiane diventeranno le prime riceventi nel loro paese di trapianti di utero il prossimo anno, incluso un trapianto da madre a figlia. Lo riporta BioNews.

 

Un progetto di ricerca quinquennale ha ricevuto l’approvazione etica per essere effettuato presso il Royal Prince Alfred Hospital e il Royal Women’s Hospital di Sydney.

 

«Parte di una sperimentazione clinica per fornire dati sulla fattibilità di questi trapianti, la procedura può offrire speranza per le donne nate senza utero, così come per le donne a cui è stato rimosso l’utero per motivi medici» scrive BioNews.

 

«Ci sono altre opzioni per loro come la maternità surrogata o l’adozione, ma per molte donne questo non è sufficiente per soddisfare il loro profondo desiderio di essere effettivamente in grado di portare un bambino da sole», ha spiegato la dottoressa Rebecca Deans, la ginecologa che guida il processo.

 

Viene fatto l’esempio di Kirsty Bryant, 29 anni, che ha subito un’isterectomia d’urgenza nel 2021 dopo aver subito una grave emorragia dando alla luce il suo primo figlio. Sua madre Michelle Hayton, 53 anni, è la sua donatrice.

 

«Farò crescere mio figlio nello stesso grembo materno in cui sono cresciuta io, il che è piuttosto difficile da capire», ha detto la Bryant.

 

Il progetto utilizzerà gli uteri di sei trapianti di donatori vivi e sei donatori deceduti. Sono preferite le donatrici che non hanno raggiunto la menopausa.

 

Per garantire che le donne che ricevono gli uteri non rifiutino il trapianto, è necessario assumere forti farmaci immunosoppressori durante il processo e gli uteri verranno rimossi alla fine di cinque anni. Questo dà alle donne la possibilità di avere due figli nati vivi.

 

Gli interventi chirurgici dei donatori durano dalle quattro alle dieci ore, mentre gli interventi chirurgici dei riceventi richiedono dalle due alle quattro ore.

 

Il primo intervento chirurgico australiano sarà supervisionato dal professor Mats Brännström, un chirurgo svedese che ha eseguito con successo la procedura per la prima volta nel 2012.

 

Successivamente, il primo parto vivo da una donna che ha ricevuto un trapianto di utero è stato nel 2014. I risultati di oltre 70 procedure in tutto il mondo da allora hanno portato a più di 40 nascite riuscite.

 

Tuttavia, sono stati registrati tassi leggermente superiori alla media di preeclampsia (una patologia della gravidanza con ipertensione e eccesso di proteine nelle urine) e nascite premature da bambini nati da uteri trapiantati.

 

Quattro anni fa Renovatio 21 riportava del progetto di primo trapianto di utero nel Regno Unito: la scienza e la pratica nel frattempo si sono molto portate avanti.

 

Dopo i trapianti riusciti in Svezia e Brasile, alcuni hanno cominciato a chiedersi se anche gli uteri finiranno al mercato nero come i reni. Nessun dibattito etico è stato fatto sulla procedura: ovviamente, nemmeno sull’impatto biologico e psicologico sui nascituri, di cui non si ha alcuna idea, ma come per tante altre cose, si va avanti e basta.

 

Due anni fa il Journal of the American Medical Association (JAMA), prestigiosa rivista dell’Ordine dei medici USA, pubblicava un saggio intitolato «Percezioni e motivazioni per il trapianto di utero nelle donne transgender».

 

In breve, lo studio indicava come i transessuali hanno il «desiderio di avere esperienze fisiologiche uniche per le donne cisgender [termine della cultura LGBT per definire gli eterosessuali, NdR], come le mestruazioni e la gestazione, oltre ad avere potenzialmente una vagina trapiantata fisiologicamente funzionante».

 

Il trapianto di utero transessuale, moralmente giustificato dalla nuova classe medica, è dietro l’angolo…

 

 

 

 

Immagine di Scientific American via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Riprogenetica

Cellule umane che imitano l’embriogenesi precoce generate in laboratorio

Pubblicato

il

Da

Per la prima volta è stato generato un tipo di cellula embrionale da cellule staminali umane, fornendo un metodo per studiare lo sviluppo post-impianto. Lo riporta BioNews.

 

Pubblicato in Cell Stem Cell , i ricercatori della KU Leuven, in Belgio, hanno creato cellule mesoderma extraembrionali (EXMC) da cellule staminali pluripotenti indotte dall’uomo (iPSC)  Le cellule assomigliano molto a quelle che si formano naturalmente negli embrioni umani.

 

Gli scienziati ritengono che così stanno fornendo un modello per studiare in vitro lo sviluppo precoce: «a lungo termine, si spera che il nostro modello faccia più luce anche sulle sfide mediche come problemi di fertilità, aborti e disturbi dello sviluppo» afferma l’autore principale, il professor Vincent Pasque.

 

Si ritiene che i modelli di cellule staminali umane forniscono un modo accessibile per studiare cellule specifiche e i loro processi, saltando tutta la questione etica legata alla sperimentazione embrionale.

 

Le iPSC umane hanno la capacità di generare tutti i tipi di cellule del corpo, ci viene detto.

 

«Negli esseri umani, questo tipo di cellula appare in una fase di sviluppo precedente rispetto agli embrioni di topo e potrebbero esserci altre importanti differenze tra le specie. Ciò rende il nostro modello particolarmente importante: la ricerca sui topi potrebbe non darci risposte valide anche per gli esseri umani» sostiene il professor Pasque.

 

«Questo nuovo modello cellulare è un passo avanti nella comprensione dello sviluppo delle cellule umane e può fornire un modo per studiare una varietà di disturbi dello sviluppo» scrive BioNews.

 

Quello che può vedere Renovatio 21 invece è un nuovo passo verso una riproduzione totalmente artificializzata e asessualizzata, che non richiede più nemmeno gameti.

 

La produzione di esseri viventi – ed esseri umani – in maniera indipendente addirittura dalle cellule sessuali ha già una sua letteratura basata su studi ed esperimenti.

 

Chiamano queste creature SHEEFS, acronimo che sta per Synthetic Human Entities with Embryo-like Features («entità umane sintetiche con caratteristiche simil-embrionali»).

 

Si tratta di cellule staminali assemblate per diventare un organismo.

 

«Presto, prevedono gli esperti, impareranno come ingegnerizzare queste cellule in nuovi tipi di tessuti e organi. Alla fine, possono assumere le caratteristiche di un essere umano maturo» scriveva il New York Times nel 2017.

 

Si tratta, insomma della creazione di esseri umani senza più legami con la riproduzione umana, come nell’homunculus dell’Alchimia.

 

È un cambio di paradigma totale per l’intera umanità, attaccata nella sua stessa definizione.

 

 

 

 

Immagine di Nicolasrivron via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Riprogenetica

Creato il primo mammifero con cariotipo artificiale

Pubblicato

il

Da

Utilizzando una nuova tecnica per l’ingegneria genetica a livello cromosomico, scienziati cinesi hanno prodotti topi con cambiamenti genetici evolutivi in ​​laboratorio. Lo riporta BioNews.

 

I ricercatori dell’Accademia Cinese delle Scienze (CAS) affermano di aver creato con successo in laboratorio un topo con un cariotipo nuovo.

 

Un cariotipo è una preparazione dell’insieme completo di cromosomi nelle cellule di una specie o in un singolo organismo, ordinati per lunghezza e altre caratteristiche come la conta del numero di cromosomi. Il cariotipo è, in pratica, o l’immagine completa dei cromosomi di un organismo.

 

Il topo geneticamente modificato, che i ricercatori hanno chiamato Xiao Zhu, o «Piccolo bambù», contiene 19 coppie cromosomiche, una coppia in meno rispetto al numero standard di cromosomi nei topi.

 

«Il topo domestico da laboratorio ha mantenuto un cariotipo standard di 40 cromosomi  dopo oltre 100 anni di riproduzione artificiale. ha affermato il co-primo autore, il dottor Li Zhikun, accademico delle scienze del laboratorio di Cellule staminali e biologia riproduttiva dell’Istituto Zoologico di Stato.

 

«Su scale temporali più lunghe, tuttavia, i cambiamenti del cariotipo causati da riarrangiamenti cromosomici sono comuni. I roditori hanno da 3,2 a 3,5 riarrangiamenti per milione di anni, mentre i primati ne hanno 1,6».

 

Il dottore cinese sembra quindi dire che, grazie all’ingegneria genetica, sono stati in grado di «accelerare» l’evoluzione.

 

Pubblicando i loro risultati su Science , i ricercatori hanno modificato il genoma delle cellule staminali embrionali aploidi. Hanno fuso i due cromosomi murini più grandi, i cromosomi 1 e 2 e due cromosomi di medie dimensioni, i cromosomi 4 e 5. I cariotipi che trasportano i cromosomi 1 e 2 fusi non si sono sviluppati oltre lo stadio embrionale, tuttavia, i cariotipi che trasportano i cromosomi 4 e 5 fusi potevano essere trasmessi alla loro progenie.

 

Le cellule diploidi contengono due serie di cromosomi che si allineano in un certo modo per formare la genetica dell’organismo risultante. Questo è noto come «imprinting genomico» e consente ai geni di essere espressi o meno, a seconda che siano ereditati dalla madre o dal padre. Questo processo può essere manipolato in laboratorio, ma i precedenti tentativi in ​​cellule di mammifero non avevano mai  avuto successo.

 

«L’imprinting genomico viene spesso perso, il che significa che le informazioni su quali geni dovrebbero essere attivi scompaiono, nelle cellule staminali embrionali aploidi, limitando la loro pluripotenza e l’ingegneria genetica», ha affermato il co-primo autore il dottor Wang Libin, altro accademico delle Scienze che fa parte dell’Istituto per le cellule staminali di Pechino e Medicina Rigenerativa.

 

«Recentemente abbiamo scoperto che eliminando tre regioni impresse, potremmo stabilire un modello di imprinting stabile simile allo sperma nelle cellule».

 

«La modifica del numero di cromosomi di un animale richiede solitamente milioni di anni dall’evoluzione» riassume BioNews. «Tuttavia, questa ricerca suggerisce che l’ingegneria a livello cromosomico nei mammiferi potrebbe essere fattibile, il che potrebbe fornire informazioni su come i riarrangiamenti cromosomici possono influenzare l’evoluzione».

 

Non si tratta del solo grande avanzamento riprogenetico fatto sui topolini laboratoriali di recente.

 

Cinque mesi fa era emerso che sempre scienziati cinesi avevano creato topo via partenogenesi., cioè hanno ottenuto un essere fertile partendo da un singolo ovulo non fecondato. La partenogenesi artificiale, possiamo notare, non renderà più necessario il padre, e l’esistenza dei maschi in generale.

 

Come riportato da Renovatio 21, il mese scorso è stato reso noto che scienziati israeliani avevano creato un embrione di topo a partire da cellule staminali, facendolo crescere in un ectogenesi, cioè utero artificiale.

 

La combinazione di ectogenesi e partenogenesi possono sconvolgere completamente la riproduzione umana.

 

Tuttavia, come ripete questo sito, il prossimo passo che è sperimentalmente già avanzato è la gametogenesi, ossia la produzione di cellule sessuali a partire da qualsiasi cellula del corpo: una cella della pelle può divenire uno spermatozoo o un ovulo, così che gli uomini possono produrre ovule e le donne spermatozoi, rendendo possibile per le coppie omosessuali di avere figli geneticamente corrispondenti.

 

La gametogenesi rende obsolescente quindi non solo il padre, ma anche la madre, e la donna in generale, specie pensando ai progressi che sta facendo, anche grazie a fondi dell’Unione Europeal’utero artificiale.

 

Con la gametogenesi potrebbe rendere inutile anche la madre, e la donna in generale, specie pensando ai progressi che sta facendo, anche grazie a fondi dell’Unione Europeal’utero artificiale.

 

Conosciamo in materia il piano che hanno i signori della teoria gender.

 

Come scrive Elisabetta Frezza nel libro Malascuola, per Shulamith Firestone, femminista lesbica suicida nel 2012, il sessismo, così come l’intero sistema di oppressione che vi fa capo, si radica nel modo in cui si configura in natura la riproduzione umana: la schiavitù della donna passa per i suoi «specifici legami con la riproduzione biologica e l’allevamento dei bambini».

 

Per liberarsi del sistema dei sessi, scrive la femminista suicida, bisgona operare non solo sul piano simbolico, ma anche su quello biologico approfittando del progresso tecnologico.

 

«Il fine ultimo della rivoluzione femminista deve essere […] non solo l’eliminazione dei privilegi maschili, ma la stessa distinzione in sessi», e la chiave per raggiungere questo risultato è il controllo della riproduzione, capace di liberare le donne dal peso di far nascere i figli» scrive la Firestone.

 

«Se la riproduzione della specie venisse rimpiazzata dalla riproduzione artificiale, i bambini nascerebbero uguali di entrambi i sessi, o indipendenti da questo fattore» e «la tirannia della famiglia biologica sarebbe finalmente spezzata».

 

E di lì, si va ben oltre.

 

«Il tabù dell’incesto – continua la Firestone – attualmente serve solo a preservare la famiglia: se ci sbarazzassimo della famiglia ci sbarazzeremmo anche delle repressioni che vedono la sessualità posta in formazioni specifiche».

 

Forse così il lettore riesce a capire perché Renovatio 21 dà così tanto peso all’avanzamento forsennato della tecnologia riproduttiva, oramai accettato persino dalla Chiesa cattolica.

 

La riprotecnologia apre alla depravazione terminale dell’essere umano, la distruzione materiale della dignità dell’uomo.

 

 

 

 

 

Immagine di Melissa C. Keinath, Vladimir A. Timoshevskiy, Nataliya Y. Timoshevskaya, Panagiotis A. Tsonis, S. Randal Voss & Jeramiah J. Smith via Wikimedia pubblicato su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

IVF

Fecondazione in vitro, genitore denuncia il governo polacco per le critiche nei libri di scuola

Pubblicato

il

Da

Un uomo polacco la cui figlia è stata concepita tramite la fecondazione in vitro ha intenzione di citare in giudizio il ministro dell’Istruzione e un autore di testi scolastici per l’introduzione di un nuovo libro di scuola. Lo riporta BioNews.

 

Il ministero dell’Istruzione e della Scienza di Varsavia ha annunciato che a settembre verrà aggiunta una nuova materia al curriculum: «Storia e presente», per la quale il nuovo libro di testo è stato scritto dallo storico del Novecento professor Wojciech Roszkowski, già politico dai tempi di Solidarnosc e membro del Parlamento Europeo dal 2004 al 2009.

 

ll problema sembra risiedere nell’introduzione al libro di testo, che non menziona esplicitamente la fecondazione in vitro, ma scrive che «metodi sempre più sofisticati per separare il sesso dall’amore e dalla fertilità portano a trattare la sfera del sesso come intrattenimento e la sfera della fertilità come produzione umana, si potrebbe dire allevamento. Questo fa sorgere la domanda fondamentale: chi amerà i bambini prodotti in questo modo?».

 

Il governo polacco è attualmente guidato dal partito socialmente conservatore Prawo i Sprawiedliwość («Lege e giustizia), che ha perseguito negli anni legami con la Chiesa cattolica; tuttavia la componente cattolico-nazionalista di PiS si è scissa nel 2012 per formare il partito Solidarna Polska («Polonia Unita»).

 

All’inizio di quest’anno, il governo ha approvato un disegno di legge per «proteggere i bambini dalla corruzione morale» nelle scuole e ha posto fine a un programma di fecondazione in vitro finanziato dallo stato che era stato istituito dalla precedente amministrazione.

 

Il passaggio nel libro di testo ha suscitato notevoli polemiche. Uno scienziato si è dimesso da un consiglio presieduto dal professor Roszkowski dopo che il testo è stato reso pubblico e la politica dell’opposizione Katarzyna Lubnauer ha espresso preoccupazione per il fatto che i libri di testo «dovrebbero educare e non essere oggetto di indottrinamento ideologico dei giovani».

 

Kamil Mieszczankowski ha annunciato su Twitter la sua intenzione di citare in giudizio:

 

«Non permetterò a mia figlia di avere il dito puntato contro di lei nella scuola pubblica come oggetto di sperimentazione e un bambino non amato dai suoi genitori, quindi farò di tutto per assicurarmi che entro il tempo lei va a scuola, questo libro di testo sarà un ricordo di un lontano passato».

 

In modo indipendente, l’Associazione polacca per il trattamento dell’infertilità e il sostegno all’adozione – Nasz Bocian – ha presentato domanda per avviare la procedura di annullamento della decisione del Ministero di consentire l’uso del libro di testo e si prepara anche a citare in giudizio il professor Roszkowski.

 

Il ministro dell’Istruzione e della scienza, Przemysław Czarnek, inizialmente affermò che il passaggio non riguardava la fecondazione in vitro, «ma gli uteri artificiali in fase di sviluppo in Cina». Non è chiaro se il ministro polacco sappia che uteri artificiali (processo chiamato anche ectogenesi) sono in preparazione anche in Occidente, perfino con sostegno finanziario della UE.

 

Dopo queste confuse parole, il ministro PiS ha battuto in ritirata, affermando che il frammento di libro di testo in questione dovrebbe essere rimosso, ma aggiungendo che ciò sarà a discrezione dell’editore.

 

In pratica, anche la Polonia in mano a catto-conservatori, che tanto scalda gli animi di alcuni omologhi nostrani, issa bandiera bianca sull’avanzata della riprogenetica, pronta a piegarsi al primo genitore di bimbo in provetta che alza la voce.

 

Colpisce il fatto che l’imputato principale, l’autore Wojciech Roszkowski, non è un signore qualsiasi.

 

Il Roszkowski è un intellettuale molto noto e titolato in Polonia, dove è considerato uno dei massimi autori nazionali viventi, insignito dell’Ordine dell’Aquila Bianca, massimo riconoscimento dello Stato polacco assegnato sia ai civili che ai militari per i loro meriti ufficialmente istituito nel 1705 dal re Augusto II di Polonia detto il Forte.

 

Roszkowski è stato membro del sindacato Solidarnosc, il mitico ente a cui si far risalire la fine del comunismo nel Paese. Dal 1990 al 1993 è stato vicerettore della SGH, la Scuola di Economia di Varsavia.

 

Sotto lo pseudonimo di Andrzej Albert,  ha pubblicato libri sulla storia polacca del XX secolo, dedicando inoltre un lavoro di sintesi alla storia politica mondiale del Dopoguerra.

 

I libri di Roszkowski in polacco e inglese.

 

Di interesse anche il volume del 2019 Roztrzaskane Lustro – Upadek cywilizacji zachodniej («Lo specchio infranto – La caduta della civiltà occidentale»)

 

Il suo libro Świat Chrystusa («Il mondo di Cristo»), una storia completa del mondo raffigurato durante la vita di Gesù Cristo, è stato pubblicato nel 2016 dopo oltre cinquant’anni di lavoro.

 

Tuttavia, nessun merito, nessuna storia, sembra essere più forte, ribadiamo, del politicamente corretto della provetta imperante – anche nelle nazioni sedicenti conservatrici e cattoliche.

 

 

 

 

 

 

Immagine di Archiwum Kancelarii Prezydenta RP via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons GNU Free Documentation License.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari