Connettiti con Renovato 21

Animali

Ecco l’embrione di topo cresciuto in un utero artificiale: gli umani sono i prossimi

Pubblicato

il

 

 

 

Un embrione di topo, completo di cellule cardiache che pulsano, una testa e l’inizio degli arti, vivo e in crescita in un barattolo di vetro. Questa è l’immagine fornita dal Technology Review, la rivista di divulgazione scientifica del MIT di Boston.

 

Secondo un gruppo scientifico in Israele i ricercatori hanno coltivato topi in un grembo artificiale per 11 o 12 giorni, circa la metà del periodo di gestazione naturale dell’animale.

 

I ricercatori hanno coltivato topi in un grembo artificiale per 11 o 12 giorni, circa la metà del periodo di gestazione naturale dell’animale

È un record per lo sviluppo di un mammifero al di fuori dell’utero e, secondo il team di ricerca, gli embrioni umani potrebbero essere i prossimi.

 

«Questo pone le basi per altre specie», afferma Jacob Hanna, biologo dello sviluppo presso il Weizmann Institute of Science, che ha guidato il team di ricerca. «Spero che permetterà agli scienziati di far crescere embrioni umani fino alla quinta settimana».

 

«La crescita di embrioni umani in laboratorio per così tanto tempo, fino al primo trimestre, metterebbe la scienza in rotta di collisione con il dibattito sull’aborto» scrive Technology Review.

«Gli embrioni cresciuti in laboratorio potrebbero essere un sostituto della ricerca per i tessuti derivati ​​dagli aborti e forse anche una fonte di tessuti per trattamenti medici»

 

Tuttavia, la motivazione bioetica è presto servita: «Hanna crede che gli embrioni cresciuti in laboratorio potrebbero essere un sostituto della ricerca per i tessuti derivati ​​dagli aborti e forse anche una fonte di tessuti per trattamenti medici».

 

In pratica, le prossime linee cellulari di feto abortito da usare nei vaccini (solo per fare un esempio: gli utilizzi sono molteplici) potrebbero venire da un essere umano fatto crescere non in un grembo materno ma in una macchina.

L’esperimento già prevede di fatto l’uso di materia biologica umana: il team di Hanna ha allungato gli embrioni di topo aggiungendo siero di sangue da cordoni ombelicali umani, mischiandoli in barattoli di vetro e pompando una miscela di ossigeno pressurizzata.

Per esempio, le prossime linee cellulari di feto abortito da usare nei vaccini potrebbero venire da un essere umano fatto crescere non in un grembo materno ma in una macchina

 

Hanna paragona il processo a mettere un paziente COVID-19 su una macchina di ventilazione.

 

«Questo forza l’ossigeno nelle cellule», dice. «Allora il paziente è molto più felice. Puoi vedere che ha un sistema sanguigno e tutti i principali sistemi di organi funzionano».

 

Gli embrioni di topo sono morti solo dopo essere diventati troppo grandi perché l’ossigeno si diffondesse attraverso di loro, poiché non hanno l’apporto di sangue naturale che una placenta potrebbe fornire.

L’esperimento già prevede di fatto l’uso di materia biologica umana: il team di Hanna ha allungato gli embrioni di topo aggiungendo siero di sangue da cordoni ombelicali umani

 

Il lavoro crea una finestra scientifica sull’embrione precoce, che normalmente è nascosto all’interno dell’utero. In una pubblicazione odierna sulla rivista Nature, «il team israeliano descrive una serie di esperimenti in cui hanno aggiunto tossine, coloranti, virus e cellule umane negli embrioni di topo in via di sviluppo, il tutto per studiare cosa sarebbe accaduto».

 

Sottolineiamo: hanno inserito «negli embrioni di topo in via di sviluppo». Non è una novità, tuttavia colpisce come i giornalisti scientifici non facciano più nemmeno mezzo plissé davanti all’idea.

 

Il dottor Hanna dice che gli scienziati vorranno sviluppare anche embrioni umani in questo modo. Riconosce che le immagini di embrioni umani cresciuti in laboratorio con una forma approssimativamente riconoscibile – testa e boccioli degli arti – potrebbero essere scioccanti. L’equivalente umano dei topi di 12 giorni di Hanna sarebbe un embrione del primo trimestre.

Il team israeliano ha inserito «negli embrioni di topo in via di sviluppo»

 

«Capisco le difficoltà. Capisco. Stai entrando nel campo degli aborti», dice Hanna. Tuttavia, afferma di poter razionalizzare tali esperimenti perché i ricercatori studiano già embrioni umani di cinque giorni provenienti da cliniche di fecondazione in vitro, anch’essi distrutti in quel processo.

 

«Quindi io raccomanderei di coltivarlo fino al giorno 40 e poi di smaltirlo», dice Hanna. «Invece di ottenere tessuti dagli aborti, prendiamo una blastocisti e coltiviamola». Ecco una soluzione che farà felici tante femministe e tantissimi cattolici e persino cattolici tradizionalisti: l’aborto non c’è nemmeno più, e comunque la cooperazione morale con gli israeliani che squartano feti e lontana ore di volo. No?

«Invece di ottenere tessuti dagli aborti, prendiamo una blastocisti e coltiviamola»

 

La ricerca fa parte di un’esplosione di nuove tecniche e idee per studiare lo sviluppo iniziale delle creature viventi – incluso l’uomo. Oggi, nello stesso numero di Nature, altri due gruppi di ricerca riferiscono di un balzo in avanti nella creazione di embrioni umani «artificiali».

 

Il dottor Hanna sostiene che un ovvio passo successivo sarebbe aggiungere questi modelli di embrioni al suo sistema di vasi rotanti e vedere quanto possono svilupparsi ulteriormente. «Ci sono voluti sei anni di lavoro molto intenso per portare questo sistema dove si trova», dice Hanna.

Ecco una soluzione che farà felici tante femministe e tantissimi cattolici e persino cattolici tradizionalisti: l’aborto non c’è nemmeno più, e comunque la cooperazione morale con gli israeliani che squartano feti e lontana ore di volo. No?

 

«Abbiamo l’obiettivo di farlo anche con embrioni sintetici».

 

La tecnologia del topo in barattolo necessita anche di altri miglioramenti, dice Hanna. Non è stato in grado di far crescere i topi partendo da un ovulo fecondato fino al giorno 12. Invece, ha raccolto embrioni di 5 giorni da topi gravidi e li ha spostati nell’incubatrice, dove hanno vissuto un’altra settimana.

 

Il problema è che attualmente gli embrioni di topo si sviluppano correttamente solo se possono essere attaccati a un vero utero di topo, almeno per un breve periodo. Il team di Hanna sta lavorando all’adattamento della procedura in modo che possano sviluppare i topi interamente in vitro.

Gli studi a lungo termine su embrioni umani vivi che si sviluppano in laboratorio sono attualmente vietati in base alla cosiddetta regola dei 14 giorni, una linea guida (e una legge in alcuni paesi) secondo la quale agli embriologi è stato vietato di coltivare embrioni umani per più di due settimane .

«Abbiamo bisogno di vedere embrioni umani per formare organi e iniziare a perturbarli. Il vantaggio di far crescere embrioni umani fino alla terza, quarta e quinta settimana è inestimabile»

 

Tuttavia, un’organizzazione scientifica chiave, la Società internazionale per la ricerca sulle cellule staminali, o ISSCR, ha in programma di raccomandare l’annullamento del divieto e consentire ad alcuni embrioni di crescere più a lungo.

 

Hanna dice che questo significa che potrebbe far crescere embrioni umani nella sua incubatrice, a patto che i consigli di etica israeliani siano d’accordo, qualcosa che pensa che farebbero.

 

«Una volta aggiornate le linee guida, posso fare domanda e sarà approvato. È un esperimento molto importante», afferma Hanna.

 

Gli embrioni umani potrebbero essere modificati per limitare il loro potenziale di sviluppo completo. Una possibilità sarebbe quella di installare mutazioni genetiche i in modo da impedire al cuore di battere

«Abbiamo bisogno di vedere embrioni umani per formare organi e iniziare a perturbarli. Il vantaggio di far crescere embrioni umani fino alla terza, quarta e quinta settimana è inestimabile. Penso che questi esperimenti dovrebbero almeno essere considerati. Se riusciamo ad arrivare a un embrione umano avanzato, possiamo imparare così tanto».

 

Hanna dice che per rendere tali esperimenti più accettabili, gli embrioni umani potrebbero essere modificati per limitare il loro potenziale di sviluppo completo. Una possibilità sarebbe quella di installare mutazioni genetiche i in modo da impedire al cuore di battere.

 

Il MIT infine gioca l’immortale carta per clonazioni e esperimenti di riprogenetica vari: i trapianti

 

Chi vi parla della «tragedia dell’utero in affitto», di «fecondazione eterologa», di «un bambino ha diritto ad avere una mamma e un papà» vi sta prendendo per i fondelli

«Potrebbero esserci applicazioni pratiche inaspettate della crescita di embrioni umani in barattoli. William Hurlbut, medico e bioetico della Stanford University, afferma che il sistema gli suggerisce un modo per ottenere organi primitivi, come cellule di fegato o pancreas, da embrioni umani del primo trimestre, che potrebbero essere ulteriormente coltivati ​​e utilizzati nella medicina dei trapianti. Hanna concorda che questa sia una potenziale direzione per la tecnologia».

 

«La frontiera scientifica si sta spostando dalle molecole e dalle provette agli organismi viventi – afferma Hurlbut. –Non credo che l’espianto di organi sia così inverosimile. Alla fine potrebbe arrivarci. Ma è molto difficile, perché i limiti di una persona non sono i limiti di un’altra persona».

 

Le stupide battaglie contro «l’utero in affitto» sono create per farvi perdere tempo e neutralizzarvi, mentre si prepara la rivoluzione definitiva del bambino integralmente sintetico: geneticamente ingegnerizzato con il CRISPR, sviluppato e fatto nascere dal ventre di una macchina

Davanti a questa svolta biotecnologica, covata da tempo (quantomeno dagli esperimenti negli anni Ottanta di Carlo Flamigni, il primo a fare crescere, in Italia, un embrione al di fuori di un corpo umano), il lettore, specie quello «cattolico», lo deve comprendere definitivamente: chi vi parla della «tragedia dell’utero in affitto», di «fecondazione eterologa», di «un bambino ha diritto ad avere una mamma e un papà» vi sta prendendo per i fondelli.

 

Le stupide battaglie contro «l’utero in affitto» sono create per farvi perdere tempo e neutralizzarvi, mentre si prepara la rivoluzione definitiva del bambino integralmente sintetico: geneticamente ingegnerizzato con il CRISPR, sviluppato e fatto nascere dal ventre di una macchina.

 

Svegliatevi: un’infernale umanità sintetica bussa alle nostre porte. Movimenti pro-vita e pretini vari servono solo a distrarvi mentre la sua venuta diviene inevitabile.

 

Chi servirà, questo mondo di umanoidi, forse lo sapete:

 

Svegliatevi: un’infernale umanità sintetica bussa alle nostre porte. Movimenti pro-vita e pretini vari servono solo a distrarvi mentre la sua venuta diviene inevitabile

«L’adorarono tutti gli abitanti della terra, il cui nome non è scritto fin dalla fondazione del mondo nel libro della vita dell’Agnello immolato» (Apocalisse 13, 8)

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Immagine di NIH Image Gallery via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial 2.0 Generic (CC BY-NC 2.0)

Continua a leggere

Animali

COVID, studio israeliano assolve il pipistrello

Pubblicato

il

Da

Un team di ricercatori dello Stato ebraico assolve il pipistrello.

 

Non ci sono prove convincenti che colleghino i chirotteri allo scoppio della pandemia di COVID-19, hanno scoperto scienziati israeliani dell’Università di Tel Aviv dopo aver esaminato numerosi articoli scientifici sulle malattie infettive. Lo riporta RT.

 

«Due anni dopo lo scoppio della pandemia, non sappiamo ancora con certezza quale sia l’origine esatta della variante COVID-19»,  ha dichiarato la dottoressa Maya Weinberg, autrice principale dello studio, che è stato pubblicato nel numero di agosto di iScience.

 

Secondo la Weinberg, incolpare i pipistrelli della pandemia costituisce una «teoria erronea» che «non era basata su prove scientifiche sufficienti e convincenti e ha causato stress e confusione inutili in tutto il mondo».

 

Il possesso di anticorpi per il nuovo coronavirus da parte dei pipistrelli non significa necessariamente che la malattia sia stata trasmessa all’uomo da loro; ciò dimostra solo che gli animali sono stati in grado di sopravvivere alla malattia e sono diventati resistenti ad essa, ha detto la dottoressa israeliana.

 

«I pipistrelli hanno un sistema immunitario altamente efficace che consente loro di affrontare relativamente facilmente virus considerati letali per altri mammiferi».

 

La ricercatrice ha affermato che il suo team ha studiato documenti sull’origine di circa 100 virus, tra cui COVID-19, SARS ed Ebola, scoprendo che quasi la metà delle affermazioni riguardanti i pipistrelli al loro interno erano «basate sull’incidenza di anticorpi o test PCR, piuttosto che isolamento effettivo di virus identici. Inoltre, molti dei risultati riportati non sono convincenti».

 

L’assoluzione, insomma, andrebbe ben oltre il solo COVID. Un’assoluzione totale, per non aver commesso il fatto.

 

Anzi, potremmo avere qui un caso di odiosa discriminazione: «in generale, i pipistrelli sono erroneamente concepiti come serbatoi di molte malattie contagiose», ha detto la Weinberga, che ha sottolineato come, al contrario, gli scienziati «devono studiare in modo approfondito le capacità immunologiche antivirali dei pipistrelli e quindi ottenere mezzi nuovi ed efficaci per far fronte alla lotta dell’umanità contro le malattie contagiose, l’invecchiamento e il cancro».

 

Noi capiamo bene se lo studio voglia significare una semplice negazione della teoria dello spillover uomo-animale o più largamente voglia negare che il virus possa derivare dai pipistrelli di laboratorio, cioè dall’Istituto di Virologia di Wuhano, luogo di lavoro della mitica Shi Zhengli, anche detta «batwoman».

 

Come riportato da Renovatio 21, dopo aver a lungo negato la presenza di pipistrelli nel laboratorio wuhaniano, sono emerse prove incontrovertibile della loro presenza, così come di «incidenti» di ricercatori morsi dalle bestie violanti, che in un caso orinarono addosso al povero scienziato cinese.

 

Al Pentagono i ricercatori di Wuhan, finanziati in vari modi dal contribuente USA, avevano chiesto milioni di dollari per inserire nei pipistrelli «proteine chimeriche spike COVID con nanoparticelle ipodermiche».

 

Mezzo anno fa il ministero della Difesa russo ha rivelato che il Pentagono eseguiva esperimenti sui coronavirus da pipistrelli nei laboratori che finanziava in Ucraina.

 

Nel frattempo, gli scienziati di Wuhano non hanno aspettato e a inizio anno hanno segnalato di aver trovato un nuovo coronavirus di babbastriglio, stavolta in Africa – mica in Cina, no.

Continua a leggere

Animali

Città giapponese terrorizzata da scimmie violente

Pubblicato

il

Da

La città giapponese di Yamaguchi negli ultimi giorni è stata assediata da violente bande di macachi.

 

L’Associated Press riferisce che finora le prepotenti scimmie hanno attaccato almeno 58 persone. I borioso primati non sembrano fare distinzioni: giovani o anziani, i macachi aggrediscono tutti.

 

Il particolare più agghiacciante, che ci fa chiedere un immediato intervento della NATO, è che le orride scimmie hanno anche tentato di rapire i bambini.

 

«Sono così intelligenti e tendono ad avvicinarsi di soppiatto e ad attaccare da dietro, spesso afferrandoti le gambe», ha detto all’AP Masato Saito, funzionario della città di Yamaguchi. «Non ho mai visto niente di simile in tutta la mia vita».

 

È comprensibile che per i genitori della zona questi siano giorni di grande apprensione. Parlando con il quotidiano nipponico Mainichi Shimbun, un padre racconta dello straziante episodio capitato al figlio piccolo, aggredito dalla violenta creatura scimmiesca.

 

«Ho sentito un pianto provenire dal piano terra, quindi sono corso giù», ha detto l’uomo. «Poi ho visto una scimmia china su mio figlio».

 

Si tratta solo un incontro tra tanti: un altro rapporto ci dice che una bambina di quattro anni è stata graffiata dopo che la scimmia ha fatto irruzione nell’appartamento della sua famiglia.

 

Gli attacchi delle scimmie agli esseri umani non sono rari in quella zona, «ma è raro vedere così tanti attacchi in un breve periodo di tempo», ha detto un altro funzionario della città all’AFP.

 

Sono stati compiuti sforzi per catturare le scimmie con delle trappole, ma senza successo, perché le scimmie non sembrano interessate al cibo. Da allora la polizia ha iniziato a pattugliare la città equipaggiata con pistole tranquillanti.

 

Non è chiaro quante scimmie siano responsabili degli attacchi, ma almeno uno dei macachi predoni è stato catturato e abbattuto.

 

Una volta in pericolo di estinzione in Giappone, la popolazione di macachi si è ripresa grazie agli sforzi da parte delle autorità ambientali.

 

La catastrofe di questi giorni è, insomma, un effetto collaterale di iniziative ecologiche governative.

 

Non è certamente il primo caso dove branchi di scimmie si mescolano alla popolazione causando pericoli e disagi.

 

Come riportato da Renovatio 21, In India, per esempio, una banda di scimmie ha aggredito un assistente di laboratorio ed è fuggita con campioni di test di coronavirus di tre pazienti; una di esse è stata poi avvistata su un albero che masticava uno dei kit di raccolta dei campioni di COVID.

 

Come se non bastasse però, l’uomo, a volte, fa la sua parte per «creare» scimmie più «intelligenti e umanizzate»: un team di genetisti cinesi ha annunciato di aver creato delle scimmie transgeniche.

 

I ricercatori hanno iniettato in alcuni embrioni di scimmie rhesus (Macaca mulatta) un virus che trasportava il gene umano MCPH1, responsabile dello sviluppo del cervello, dando così vita a undici esemplari di scimmia geneticamente modificati. Solo cinque sono riusciti a sopravvivere.

 

Queste scimmie OGM hanno riportato risultati superiori alla media nei test cognitivi di memoria e dimostrato di avere tempi di reazione più brevi rispetto alle loro compagne normali.

 

Nel frattempo, un’altra emergenza scimmiesca sconvolge l’umanità: il vajuolo delle scimmie.

 

Questi esseri, dispettosi fino ad essere pericolosi, non smettono mai di tormentare l’uomo.

 

Del resto, conosciamo l’antica definizione del demonio come simia Dei, la scimmia di Dio.

 

Qualche genio vuole convincerci che l’umanità deriverebbe da esse.

 

Il lettore può immaginare perché lo voglia fare.

 

 

Continua a leggere

Animali

Bambino di quattro mesi muore dopo essere stato gettato dal tetto da una scimmia in India

Pubblicato

il

Da

Un bambino di quattro mesi è stato ucciso da una scimmia che lo ha gettato dal tetto di un edificio di tre piani in un villaggio situato nello Stato indiano dell’Uttar Pradesh.

 

L’incidente è avvenuto nel villaggio di Dunka, situato vicino al distretto di Bareilly .

 

È successo mentre Nirdesh Upadhyay, sua moglie e il bambino stavano camminando sul terrazzo della loro casa. Il padre portava in braccio il bambino.

 

Improvvisamente, una torma di orrende scimmie sono arrivate dal nulla e hanno attaccato la famiglia.

 

Quando Nirdesh ha cercato di correre verso le scale, il bambino gli è caduto dalle mani. Una scimmia afferrò immediatamente il piccolo e lo ha gettato giù dal tetto.

 

Il neonato è morto sul colpo.

 

I macachi rhesus vivono in branco e sono noti per le loro scorrerie: rubano cibo, telefonini, oggetti brillanti, entrano nelle case e nei templi e terrorizzano le persone, consci dell’uso strumentale della violenza scimmiesca nei loro racket malefici. Incidenti con protagoniste gli infami primati sono all’ordine del giorno in India, dove sono forse tollerate anche per la presenza nel pantheon induista di un dio-Scimmia, Hanuman, che tuttavia è sottomesso al dio Vishnu, che nelle sue 10 incarnazioni (in sanscrito, avatara) si è talvolta incarnato in un essere umano – come Krishna e Rama.

 

Fatto sta che le tragedie a base di queste orribili bestie si susseguono nel subcontinente.

A febbraio una bambina di cinque anni è stata uccisa da scimmie nel villaggio di Bichpuri, nel distretto di Bareilly, ha riportato il Daily Mail.

 

A gennaio, un bambino di tre mesi di nome Prince è morto quando è stato trascinato via da una scimmia e gettato in una vasca d’acqua. L’incidente è avvenuto a Gadhi Kalanjari, nel distretto di Baghpat, ancora una volta nello Stato nell’Uttar Pradesh.

 

Molti stati indiani, hanno introdotto la sterilizzazione chirurgica per le scimmie rhesus, con l’obiettivo di frenare la loro popolazione in continua crescita e trovare una possibile soluzione alle crescenti segnalazioni di violenza delle scimmie. Tuttavia, il provvedimento si è rivelato inutile. Una beffa scimmiesca se pensiamo che dai tempi di Indira Gandhi sono strisciati fino ad oggi programmi di sterilizzazione degli esseri umani.

 

Nel 2019, il governo indiano ha anche considerato mezzi alternativi di controllo della popolazione per i macachi: i vaccini.

 

L’immunocontraccezione è la  tecnica che prevede la somministrazione di un vaccino che crea una risposta immunitaria temporanea contro una proteina o un ormone cruciale per la riproduzione, rendendo così sterili gli organismi

 

Dobbiamo ricordare che degli studi per la sterilizzazione umana via vaccino erano stati pionieri scienziati come l’indiano G.P. Talwar. Di questi vaccini anti-fertilità, poi sperimentati segretamente nelle Filippine e in Kenya dall’OMS, tratta il documentario più recente di Andrew Wakefield, Infertility: A Diabolical Agenda, di cui abbiamo trattato più volte su queste colonne.

 

Bisogna dire che, nel caso delle scimmie indiane, i vaccini non hanno funzionato, con le bestie che hanno continuato a riprodursi allegramente, rimpolpando le bande di primati assassini che rubano e uccidono i bambini.

 

Questo a differenza delle donne kenyote, sterilizzate per sempre dal programma vaccinale antitetano che educava il loro corpo ad attaccare la gonadotropina corionica umana (hCG), sostanza biochimicamente necessaria alla gravidanza.

 

Se leggete questo sito lo avete capito. Alle bestie, come sempre nel mondo della Necrocultura, va meglio che agli esseri umani. Perché è l’uomo il vero nemico del potere costituito nel XXI secolo.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari