Perché l’estetica deve governare una società degna di libertà politica?

 

 

 

 

 

A metà degli anni ’90, una serie di rivelazioni pubblicate sul London Independent e altrove hanno portato alla luce un oscuro segreto.

 

Molti sono rimasti sorpresi dalla rivelazione che l’intera evoluzione dell’arte moderna del XX secolo è stata diretta in larga misura dalla CIA!

 

Molti sono rimasti sorpresi dalla rivelazione che l’intera evoluzione dell’arte moderna del XX secolo è stata diretta in larga misura dalla CIA!

Ciò non includeva solo il finanziamento diretto di pittori astratti come Jackson Pollock e Mark Rothko, le cui opere ora vengono regolarmente vendute per oltre 100 milioni di dollari l’una, ma anche potenti riviste letterarie come Salon e Encounter, scuole di danza interpretativa e la musica atonale straordinariamente brutta di Arnold Schoenberg.

 

Lo strumento scelto per ridisegnare i gusti culturali occidentali sulla scia della seconda guerra mondiale divenne noto come il Congresso per la Libertà Culturale (CCF). Fondato nel 1950 con il finanziamento delle Fondazioni Rockefeller e Ford, il CCF è stato progettato per 1) promuovere la de-nazificazione della Germania e 2) combattere la guerra culturale contro il mondo comunista che era stata organizzata di recente da Sir Winston Churchill.

 

La logica della Guerra Fredda Culturale affermava che poiché il comunismo e il fascismo facevano affidamento su «iconografia rigida e realista» per avanzare, il «mondo libero» dall’altra parte della cortina di ferro avrebbe fatto affidamento su una «libertà» astratta ed emotiva.

 

La logica della Guerra Fredda Culturale affermava che poiché il comunismo e il fascismo facevano affidamento su «iconografia rigida e realista» per avanzare, il «mondo libero» dall’altra parte della cortina di ferro avrebbe fatto affidamento su una «libertà» astratta ed emotiva

Dove il comunismo era basato sul sacrificio dell’individuo per il «bene» del tutto, questa democrazia della Guerra Fredda affermava che i bisogni del tutto erano separati dalla libertà arbitraria dell’individuo di «fare tutto ciò che ti fa sentire bene».

 

Il grado in cui il nuovo modernismo ha offeso l’ordine e la logica era proporzionale al grado in cui ha difeso «la democrazia e il capitalismo liberale».

 

È interessante notare che il CCF era gestito in gran parte sotto la direzione dello stesso Lord Bertrand Russell che solo pochi anni prima aveva chiesto il  bombardamento preventivo dell’Unione Sovietica al fine di ottenere un governo mondiale . Il lavoro attivo di Russell che sovverte le arti non dovrebbe essere visto separatamente dalle sue opinioni politiche imperiali, o dai suoi sforzi per imporre un sistema di catene alle menti degli scienziati che sarebbero per sempre resi creativamente sterili a causa della convinzione che la matematica fissa governasse l’universo come delineato nei suoi Principia Mathematica  (1).

 

Dopo tutto Zeus non può tollerare la conoscenza del fuoco (scienza), la libertà di usarlo (politica) o l’istinto di usarlo bene (cultura). È solo pensando in termini di questi tre aspetti interconnessi della condizione umana, che si può comprendere il XX secolo o la storia più in generale.

 

Il grado in cui il nuovo modernismo ha offeso l’ordine e la logica era proporzionale al grado in cui ha difeso «la democrazia e il capitalismo liberale».

Descrivendo la sua visione della cultura Russell scrisse nel 1951 ne L’impatto della scienza sulla società :

 

«Penso che l’argomento che sarà politicamente più importante sia la psicologia di massa… La sua importanza è stata enormemente accresciuta dalla crescita dei moderni metodi di propaganda. Di questi, il più influente è quello che viene chiamato “educazione”. La religione gioca un ruolo, anche se in diminuzione; la stampa, il cinema e la radio giocano un ruolo sempre più importante…. Si può sperare che col tempo chiunque sarà in grado di persuadere qualcuno di qualcosa se riesce a catturare il paziente giovane e viene fornito dallo Stato con denaro e attrezzature».

 

Adorno, le cui teorie sulla musica sono ancora considerate un gold standard nel mondo accademico moderno e che ha anche ironicamente creato le basi per la «top 40 hit» come parte della creazione di una cultura per le masse distaccata da una «cultura d’élite» per l’oligarchia ei suoi gestori, aveva descritto il suo ideale di «nuova musica» nei seguenti termini:

 

«La musica moderna vede nell’oblio assoluto il suo obiettivo. È il messaggio di disperazione sopravvissuto dei naufraghi» Theodor Adorno

«Ciò che la musica radicale percepisce è la sofferenza non trasfigurata dell’uomo… La registrazione sismografica dello shock traumatico diventa, allo stesso tempo, la legge strutturale tecnica della musica. Vieta la continuità e lo sviluppo. Il linguaggio musicale è polarizzato secondo il suo estremo; verso gesti di shock da una parte simili a convulsioni corporee, e dall’altra verso un fermo cristallino di un essere umano che l’ansia le fa congelare sulle tracce… La musica moderna vede nell’oblio assoluto il suo obiettivo. È il messaggio di disperazione sopravvissuto dei naufraghi».

 

Poiché Adorno esemplificava la credenza oligarchica nell’inevitabile decadimento (entropia) di tutta l’esistenza e la convinzione associata che le arti dovessero riflettere quella realtà, Adorno scrisse nella sua Filosofia della musica moderna  che alla fine «la necrofilia è l’ultima perversità dello stile».

 

Non c’è da meravigliarsi se il nemico finale di un’oligarchia si trova nella convinzione ottimistica che la ragione morale esiste nell’essenza di tutta la natura umana come una specie unica creata a immagine di un Creatore buono e amorevole.

Non c’è da meravigliarsi se il nemico finale di un’oligarchia si trova nella convinzione ottimistica che la ragione morale esiste nell’essenza di tutta la natura umana come una specie unica creata a immagine di un Creatore buono e amorevole

 

Quali tipi di arte riflettono quel senso divino dell’umanità? Quali tipi di sistemi di filosofia politica lo esprimono?

 

Un sistema di potere ereditario è uguale a un sistema che postula che «tutti gli uomini sono creati uguali e dotati di diritti inalienabili»?

 

È vero che il Jesu Meine Freud di Bach o il Requiem di Mozart dovrebbero essere trattati in qualche modo alla stregua della musica atonale «sofisticata»  del XX secolo?

 

Un dipinto di Rembrandt o di Da Vinci dovrebbe essere considerato uguale agli schizzi di inchiostro di Pollock o agli sfocati quadrati di Rothko?

Cosa succede al potere di giudicare il bene dal male e la verità dalle bugie in una società che abbraccia un’arte animata dall’amore e dalla bellezza contro un’arte animata dalla bruttezza pessimistica? Quale tipo di società sarebbe più facile da manipolare?

 

Cosa succede al potere di giudicare il bene dal male e la verità dalle bugie in una società che abbraccia un’arte animata dall’amore e dalla bellezza contro un’arte animata dalla bruttezza pessimistica? Quale tipo di società sarebbe più facile da manipolare?

 

 

Un ritorno all’universale nell’arte: Schiller come antidoto al CCF

Il poeta tedesco Friedrich Schiller, che fu plasmato dal movimento repubblicano globale che si diffuse sulla scia della Rivoluzione americana, chiese nelle sue Lettere estetiche  (1794)  «come fa l’artista a proteggersi dalla corruzione dell’età che lo assilla su tutti lati? Disdegnando la sua opinione».

 

Se le masse sono degradate a credere che il veleno sia la loro droga, allora come potrebbe un vero artista soddisfare i loro desideri, non importa quanto popolare? Per fare questo è necessaria una disposizione morale estremamente avanzata poiché sia ​​il denaro che la fama devono essere sacrificati per sfidare una società a diventare migliore.

 

Se le masse sono degradate a credere che il veleno sia la loro droga, allora come potrebbe un vero artista soddisfare i loro desideri, non importa quanto popolare?

Schiller diceva che per essere impegnati nella verità e nel suo corollario Libertà nella più alta ricerca della Bellezza, un artista doveva trovare un modo per bilanciare l’esistenza nello spazio e nel tempo, ma sforzarsi sempre di trascendere i limiti della propria società temporale in una costante ricerca di l’eterno.

 

Nella sua sesta lettera Schiller scriveva:

 

«Senza dubbio l’artista è il figlio del suo tempo, ma infelice per lui se è il suo discepolo o anche il suo prediletto! Riceverà davvero la sua materia dal tempo presente, ma prenderà in prestito la forma da un tempo più nobile e anche oltre ogni tempo, dall’unità essenziale, assoluta, immutabile. Là, uscendo dal puro etere della sua natura celeste, scorre la sorgente di tutta la bellezza, che non è mai stata contaminata dalla corruzione di generazioni o di ere, che scorre molto al di sotto di essa in vortici oscuri».

«Senza dubbio l’artista è il figlio del suo tempo, ma infelice per lui se è il suo discepolo o anche il suo prediletto! Riceverà davvero la sua materia dal tempo presente, ma prenderà in prestito la forma da un tempo più nobile e anche oltre ogni tempo, dall’unità essenziale, assoluta, immutabile. Là, uscendo dal puro etere della sua natura celeste, scorre la sorgente di tutta la bellezza, che non è mai stata contaminata dalla corruzione di generazioni o di ere, che scorre molto al di sotto di essa in vortici oscuri».

 

I pensieri di Schiller non erano scritti in una torre d’avorio, ma erano guidati dai suoi sforzi principali come drammaturgo, poeta e fondatore di un campo di ricerca noto come la Scienza della Storia Universale. Sebbene la sua vita sia stata breve, non solo ha lasciato un’opera incredibile che ha ispirato alcune delle opere musicali più nobili come la Nona Sinfonia di Beethoven e le opere di Verdi, ma ha anche plasmato direttamente una rete di altri artisti, scienziati e statisti attraverso il Rinascimento di Weimar come entrambi i fratelli Humboldt e Wolfgang Goethe, per citarne alcuni.

 

La necessità di curare la società dalla sua tendenza a cadere sotto l’influenza di entrambi gli estremi delle questioni intellettuali astratte prive di crescita emotiva da un lato e del caos emotivo distaccato disinformato dalla ragione dall’altro era alla base dell’autosviluppo di Schiller e della sua luce guida nella creazione di una cultura capace di raggiungere la vera libertà politica (2).

 

È questo spirito che gli zombi perversi della «fine della storia» del CCF volevano distruggere attraverso la loro manipolazione degli affari globali che portarono alla prima guerra mondiale, la loro umiliazione della Germania sotto il Trattato di Versailles e il loro finanziamento di Adolph Hitler attraverso Wall Street e la Banca dei regolamenti internazionali della città di Londra.

 

Il fatto che a queste stesse forze che hanno creato le guerre mondiali e i mostri fascisti del XX secolo sia stata data anche l’autorità di offrire la «cura» sotto forma della de-nazificazione della Germania dal CCF e della nuova cultura «democratica» dell’arte astratta, la musica modernista e la filosofia esistenzialista, è simile al permettere all’assassino di fare l’elogio funebre al funerale delle sue vittime.

 

La scelta è ancora una volta posta di fronte a tutti i cittadini: vogliamo continuare a nuotare nel porcile della decadenza culturale e del pessimismo, o vogliamo abbracciare un futuro più divenire di una specie fatta ad immagine del Creatore?

(…)

 

La scelta è ancora una volta posta di fronte a tutti i cittadini: vogliamo continuare a nuotare nel porcile della decadenza culturale e del pessimismo scatenato dal CCF, o vogliamo abbracciare un futuro più divenire di una specie fatta ad immagine del Creatore?

 

 

Matthew Ehret

 

 

NOTE

1)  Fortunatamente per il mondo, l’amico intimo di Einstein Kurt Gödel, ispirato dai suoi studi su Gottfried Leibniz, mise fine a questo sforzo nel 1931 dimostrando che la fede di Russell in un sistema matematico chiuso era impossibile poiché tutti i sistemi sono intrinsecamente aperti e quindi suscettibili alla costante perfettibilità. Sfortunatamente per Gödel, Russell non lo perdonò mai e si assicurò che gli anni rimanenti della sua vita fossero un inferno, con Gödel che alla fine incontrò una tragica fine nel 1977 convinto che Bertrand Russell e le società segrete internazionali stessero cercando di distruggere Leibniz e stessero anche cercando di avvelenarlo.

 

 

 

Articolo pubblicato su gentile concessione dell’autore. 

 

 

.

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.