Connettiti con Renovato 21

Persecuzioni

Pakistan, otto anni nel braccio della morte per «blasfemia»

Pubblicato

il

Shagufta e Shafqat Emmanuel, una coppia cattolica che viveva a Mian Channu, una cittadina a 250 km a sud di Lahore, in Pakistan, sono stati arrestati con false accuse di blasfemia nel luglio 2013. Dopo otto anni nel braccio della morte, separati l’una dall’altro e i loro quattro figli, sono stati finalmente rilasciati il ​​3 giugno 2021 dall’Alta Corte di Lahore. Finalmente libero, Shagufta testimonia davanti all’ACN.

 

 

«Sono nata in una famiglia cristiana molto forte. Frequentavo regolarmente la messa e ricevevo la comunione, e ho sempre voluto andare al catechismo e recitare il rosario. Mio padre e mia madre hanno insegnato a me e ai miei sei fratelli ad essere forti nella nostra fede e ad essere pronti per qualsiasi tipo di sacrificio o persecuzione».

 

«La maggior parte delle famiglie nel nostro villaggio erano musulmane, ma c’era anche un buon numero di cristiani. I rapporti con i musulmani erano molto cordiali. Ricordo di aver giocato con ragazze musulmane e di esserci fatte visita, scambiando saluti e dolcetti a Natale e alla fine della celebrazione del Ramadan. Anche i miei fratelli avevano ottimi amici musulmani. Non ricordo risse o liti in nome della religione»”

 

«Pochi anni dopo aver sposato Shafqat Emmanuel, ci siamo trasferiti a Gojra dove mio marito aveva trovato lavoro. Tragicamente, è stato paralizzato da un proiettile vagante mentre cercava di sedare una rissa circa 12 anni fa. La vita è stata dura dopo, ma siamo stati fortunati a trovare lavoro alla St John’s High School, Gojra. Dopo l’orario di scuola, mio ​​marito riparava i cellulari per guadagnare qualche soldo in più per le spese familiari».

 

 

Un SMS sconvolge le loro vite

«Poi, un giorno di luglio 2013, siamo stati presi dal terrore quando diversi furgoni della polizia con dozzine di agenti di polizia si sono fermati a casa nostra. Hanno fatto irruzione e hanno arrestato me e mio marito con l’accusa di blasfemia per un messaggio offensivo su Maometto inviato tramite la scheda SIM del nostro cellulare».

 

«Il telefono, che era stato registrato a mio nome, è stato utilizzato anche da mio marito. Il messaggio incriminante era scritto in inglese, una lingua che né io né mio marito parliamo o leggiamo. Siamo stati presi in custodia per una notte e il giorno dopo siamo stati trasferiti in prigione. In prigione siamo stati torturati. La polizia ha detto a mio marito che se non avesse confessato mi avrebbero violentata davanti a lui, quindi ha confessato, anche se eravamo entrambi innocenti».

 

«Siamo rimasti in prigione per otto mesi prima che un giudice ci giudicasse colpevoli e ci condannasse a morte. Al nostro avvocato non è stato permesso di finire la sua difesa e nessuno di noi è stato ascoltato. Sono svenuta quando ho sentito la sentenza di morte. La sentenza è stata un duro colpo per noi e per la nostra famiglia e ha sconvolto l’intera comunità cristiana in Pakistan e altrove».

 

I loro figli minacciati

«Shafqat è stato trasferito nella prigione di Faisalabad, mentre io sono stata rinchiusa nel braccio della morte a Multan. Siamo stati nel braccio della morte per otto lunghi anni. Potete immaginare quanto sia stato difficile per i miei figli; a quel tempo i miei figli avevano 13, 10 e 7 anni e mia figlia aveva solo 5 anni».

 

«Dovevano spostarsi costantemente trascorrendo il loro tempo a nascondersi dai fondamentalisti musulmani che minacciavano di attaccarli. Potevano visitarmi solo ogni cinque o sei mesi, per 20-30 minuti. Piangevo ogni giorno per non essere con i miei figli. La mia vita era terribile e continuavo a pensare che un giorno io e mio marito saremmo impiccati».

 

«Nonostante questo terribile incubo, non ho mai perso la speranza o la fede. Ho pregato ogni giorno, senza fermarmi. Ho letto la Bibbia e cantato salmi e inni in urdu e punjabi, e questo mi ha confortato. Poiché mio marito ed io eravamo innocenti, non ho mai perso la fede o la speranza che il mio Signore Gesù Cristo, che ha vinto la morte ed è risorto il terzo giorno, ci avrebbe liberato e mi avrebbe preservato dalla morte».

 

Ingiunzione alla conversione

«Più volte mi è stato detto che se mi fossi convertita all’Islam, la mia condanna a morte sarebbe stata commutata in ergastolo e alla fine sarei stata rilasciata. Ho sempre detto di no. Il Signore, Gesù Cristo risorto, è la mia vita e il mio Salvatore. Gesù Cristo ha sacrificato la sua vita per me nonostante i miei peccati. Non cambierò mai la mia religione e non mi convertirò mai all’Islam. Preferirei essere impiccata che rinnegare Gesù Cristo».

 

«Poi venne l’intervento divino e si levarono voci molto forti contro il nostro processo iniquo e la nostra condanna, al Parlamento Europeo, nelle organizzazioni per i diritti umani nel mondo, nonché nella Chiesa cattolica e Aiuto alla Chiesa che soffre».

 

«Abbiamo pregato per la nostra liberazione e ci è stato offerto supporto morale e spirituale. Mio marito ed io saremo sempre grati a tutti coloro che ci hanno supportato. Grazie! Dio vi benedica tutti!»

 

«Per un certo periodo Asia Bibi, anch’essa condannata a morte con false accuse di blasfemia, è stata la mia vicina nel braccio della morte a Multan. Ogni volta che ci incontravamo, pregavamo insieme, ci confortavamo a vicenda e rinnovavamo la nostra fede incrollabile in Gesù Cristo. A Natale abbiamo condiviso un dolce con altri prigionieri, musulmani e cristiani».

 

Asia Bibi liberata

«Quando ho saputo che Asia era stata liberata, il mio cuore si è riempito di gioia ed ero convinta che un giorno sarei stata liberata anche io. Alla fine è successo e io e mio marito siamo stati rilasciati. Sfortunatamente, come Asia Bibi, Shafqat ed io, non potevamo rimanere in Pakistan con la nostra famiglia».

 

«Siamo stati costretti a cercare asilo altrove e a trasferirci in un altro Paese perché fanatici ed estremisti musulmani erano determinati ad ucciderci se fossimo rimasti in Pakistan. Detto questo, siamo molto felici che un paese europeo ci abbia concesso asilo e che ora la nostra famiglia sia riunita. Siamo al sicuro qui e siamo liberi di praticare la nostra religione».

 

«Spero e prego che queste false accuse di blasfemia, che spesso vengono fatte per regolare i conti personali, finiscano in Pakistan e che coloro che sono riconosciuti colpevoli di false accuse siano puniti».

 

«Gloria e lode al mio Signore vivente Gesù Cristo, e al mio Dio misericordioso, che è un Dio di giustizia».

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

Continua a leggere

Persecuzioni

Adolescente armato entra in chiesa durante le prime comunioni: fermato dai fedeli

Pubblicato

il

Da

Un adolescente armato di fucile si è presentato in una chiesa della Louisiana piena di bambini durante una cerimonia di prima comunione trasmessa in live, ma è stato bloccato dal pronto intervento dei fedeli della parrocchia. Lo riporta NBC News.

 

La polizia è stata chiamata alla chiesa di Santa Maria Maddalena ad Abbeville, 20 miglia a sud di Lafayette, alle 10:35 quando il sospettato di 16 anni ha cercato di entrare dalla porta sul retro.

 

In quel momento all’interno della chiesa cattolica si trovavano circa 60 bambini in attesa di ricevere la prima Comunione, ha detto la chiesa. La chiesa ha affermato in un comunicato che i parrocchiani hanno affrontato il sospetto e lo hanno portato fuori prima di chiamare la polizia.

 


Sostieni Renovatio 21

Una registrazione dello streaming, trasmessa da diverse stazioni di notizie locali, mostra un uomo che si avvicinava al sacerdote, padre, Nicholas DuPré dopo 48 minuti per sussurrare qualcosa. Don DuPré quindi interrompe la funzione e chiede ai fedeli di unirsi a lui in preghiera, mentre si odono alcune urla di panico.

 

Si possono quindi vedere gli agenti di polizia che camminano per la chiesa, mentre i ragazzi corrono attraverso l’altare e i religiosi si rifugiano sotto l’altare conciliare. Si sente qualcuno dire dall’altoparlante: «ragazzi, prendete i vostri figli, andate piano. Abbiamo arrestato un ragazzo, è in custodia».

 

Il capo della polizia di Abbeville, Mike Hardy, ha dichiarato in una dichiarazione su Facebook che il sospettato è stato «affrontato dai parrocchiani e scortato fuori».

 

Poi è arrivata la polizia e lo ha messo in custodia, prima di spazzare la chiesa per assicurarsi che non ci fossero ulteriori minacce e che non ci fossero stati feriti.

 

Il sospettato è stato arrestato e successivamente accusato di aver terrorizzato la chiesa e di due capi d’accusa di possesso di armi da fuoco da parte di un minorenne. Testimoni hanno detto a KADN di Lafayette che era vestito tutto di nero ed era armato di fucile.

 

È stato interrogato al dipartimento di polizia di Abbeville, insieme a un genitore, prima di essere portato all’unità comportamentale dell’Abbeville General Hospital per una valutazione, ha detto la polizia.

 

In un’intervista con l’Acadiana Advocate, il capo della polizia di Abbeville, Mike Hardy, ha attribuito ai parrocchiani il merito di aver disarmato il sospettato e di averlo già inchiodato a terra all’arrivo della polizia.

 

L’evento della comunione è continuato nonostante l’interruzione. «La gioia che hanno provato oggi questi ragazzi dopo aver ricevuto la Prima Comunione è indescrivibile. Congratulazioni!» ha detto la parrocchia su Facebook.

 

Un comunicato rilasciato dalla diocesi cattolica di Lafayette ha ringraziato la polizia e i parrocchiani per la loro rapida risposta.

Aiuta Renovatio 21

«Anche se ci rendiamo conto che è stata un’esperienza spaventosa per i presenti, siamo incredibilmente grati sia ai parrocchiani che agli agenti di polizia per aver agito rapidamente per garantire la sicurezza di tutti», ha affermato.

 

Monsignor J. Douglas Deshotel, vescovo di Lafayette ha detto: «siamo grati a Dio che una tragedia sia stata evitata». «Preghiamo per la fine di tutte le minacce di violenza contro vite umane innocenti», ha aggiunto.

 

La chiesa ora prevede di avere agenti delle forze dell’ordine in uniforme fuori dalle sue messe d’ora in poi, «per estrema cautela».

 

Non sono chiare le motivazioni del giovane, anche se in rete fioccano affermazioni secondo cui sarebbe stato un «terrorista anticattolico».

 

Come sempre, Renovatio 21 sarebbe più interessata a sapere se il sospetto fosse in cura con psicofarmaci o altre droghe psichiatriche.

 

Come riportato da Renovatio 21, all’inizio di questo mese, un uomo ha puntato una pistola– che pare essersi incredibilmente inceppata – contro un pastore in un altro luogo di culto in Pennsylvania; pure quell’ incidente è stato ripreso in un video streaming.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine screenshot da Twitter

Continua a leggere

Persecuzioni

Arcivescovo prega nelle chiese distrutte in Manipur

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.   Un anno fa iniziavano le violenze tra Meitei e i Kuki che hanno dilaniato la Stato nord-orientale provocando almeno 220 morti. In una situazione che resta tesa e piena di ferite mons. Linus Neli ha indetto tre giornate di digiuno e preghiera: «conosciamo bene l’attuale scenario di segregazione etnica. Ma noi invochiamo il giorno in cui sapremo vivere di nuovo insieme e chiediamo gesti concreti alle autorità».   Da solo, in ginocchio con le braccia rivolte al cielo, tra le macerie della chiesa di San Giuseppe a Sugnu, una delle centinaia di chiese distrutte nel Manipur.   Con questa immagine risalente al febbraio scorso l’arcivescovo di Imphal, mons. Linus Neli, ha voluto aprire sui social network le tre giornate consecutive di digiuno e preghiera per la pace e la riconciliazione a cui ha chiamato a partire da oggi tutta la comunità diocesana nell’anniversario dell’inizio delle gravi violenze etniche che da un anno ormai insanguinano lo Stato nord-orientale indiano del Manipur.   «Ho detto al mio popolo: pregate per la pace e la riconciliazione, non rinunciate alla speranza» commenta mons. Neli ad AsiaNews. «Ma gli strumenti della pace sono molto deboli. Abbiamo bisogno di azioni concrete del governo statale e delle altre autorità. Che Dio ci doni forza e sapienza».   Tre giorni di digiuno e preghiera, come quelli terribili tra il 3 e il 5 maggio 2023, quando la violenza dilagò nella città di Imphal, abitata in prevalenza dei Meitei, e nell’area delle colline, dove vivono i Kuki. Un conflitto scatenato da conflitti sulle terre alimentati dai politici locali in quest’area molto povera dell’India. Ma è anche uno scontro che finisce per ammantarsi anche di motivazioni religiose, essendo la grande maggioranza dei Kuki popolazioni cristiane in uno Stato governato dai nazionalisti indù del VJP, sostenuti dalla maggioranza dei Meitei.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Il bilancio ufficiale parla di almeno 220 morti, ma molte fonti ritengono questo numero ampiamente sottostimato. Oggi ci sono 60mila soldati federali a cercare di tenere separate tra loro le due comunità, con fiammate di violenza che avvengono ancora sporadicamente a livello locale. E soprattutto con migliaia di persone che hanno perso tutto e restano tuttora sfollate. Il disagio per una situazione tutt’altro che pacificata è emerso in maniera chiara anche qualche giorno fa, quando in Manipur hanno fatto tappa i seggi per le elezioni del parlamento federale a New Delhi, in corso in questo mese tutta l’India.   È dunque in questo contesto che l’arcivescovo Neli ha invitato tutti i fedeli cattolici dello Stato a vivere nel digiuno e nella preghiera questo triste anniversario. Nonostante infatti la situazione appaia relativamente più calma, «conosciamo fin troppo bene – ha scritto mons. Neli in un messaggio ai fedeli – l’attuale scenario di segregazione etnica e il fatto che diverse centinaia di nostri cittadini ancora languono in grande sofferenza, dolore e incertezza nei campi di soccorso e in condizioni indesiderate. Preghiamo costantemente per il giorno in cui le persone di tutte le etnie e comunità religiose possano vivere insieme pacificamente in questa bellissima terra del Manipur».   Ricordando le giornate terribile vissute dal 3 al 5 maggio 2023, l’arcivescovo invita a «inginocchiarci per intensificare le nostre preghiere per una genuina riconciliazione e per una pace nella giustizia tra tutti gli esseri umani».   Come altre comunità e organizzazioni, la Chiesa cattolica del Manipur in questi mesi è stata in prima linea negli interventi umanitari, nel dialogo di pace e nella costante preghiera per una rapida soluzione. Citando una pagina biblica del profeta Isaia (Is 57:18-19) mons. Neli spiega che «crediamo fermamente che Dio ascolterà le nostre preghiere e guarirà la nostra terra, guiderà e consolerà il nostro popolo, darà pace a quanti sono lontani e pace a quanti sono vicini».   Facendo umilmente appello a tutte le persone di buona volontà del Manipur affinché diano una possibilità alla pace, il presule conclude esortando i cattolici dell’arcidiocesi di Imphal a «vivere con intensità» il digiuno e la preghiera nelle loro rispettive parrocchie. Lui stesso oggi ha diffuso attraverso i social network alcune immagini che lo vedono solo in preghiera in alcune delle chiese bruciate e devastate nelle violenze e che tuttora restano inagibili. Secondo il censimento più aggiornato sono ben 369 le chiese che hanno subito devastazioni, come pure centinaia di templi indù.   Anche l’All Manipur Christian Organization – l’organismo che riunisce tutte le confessioni cristiane – ha fatto proprio l’invito a vivere in preghiera in questo anniversario convocando un incontro che si è tenuto questa mattina presso la Tangkhul Baptist Church nel quartiere di Dewlahland a Imphal.   Gesti importanti perché il ricordo di quanto avvenuto dodici mesi fa non si trasformi nuovamente in una miccia capace di riaccendere l’incendio nel Manipur.   Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne. Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine da AsiaNews  
Continua a leggere

Persecuzioni

Due chiese francesi profanate in poche ore

Pubblicato

il

Da

Nella notte tra domenica 5 e lunedì 6 maggio, il tabernacolo della chiesa di Notre-Dame, a Livry-Gargan (Seine-Saint-Denis) è stato divelto e ritrovato a pochi metri dall’edificio. Il Santissimo Sacramento non è stato rubato, a differenza di quanto accaduto nella chiesa Sainte-Trinité a Louvroil (Nord) dove sono scomparse le ostie consacrate.

 

Furto del tabernacolo a Livry-Gargan

Secondo il comunicato stampa del vescovado di Seine-Saint-Denis, è stato nella notte tra domenica 5 maggio e lunedì 6 maggio che il tabernacolo della chiesa Notre-Dame de Livry-Gargan è stato strappato dalla sua sede.

 

L’osservazione è stata fatta dal parroco, padre Joseph Zhao, lunedì mattina intorno alle 8:00. Contattata, la polizia municipale è accorsa sul posto e ha trovato il tabernacolo abbandonato su un marciapiede cittadino.

 

Apparentemente il tabernacolo era troppo pesante per essere trasportato. «Realizzato in marmo e ferro, il tabernacolo, installato nella chiesa solo un anno e mezzo fa, pesa più di 250 kg», spiega il comunicato. «Due agenti di polizia hanno cercato di sollevarlo e non sono riusciti a trasportarlo», precisa il sacerdote per il quale è impossibile che all’origine del furto ci sia una sola persona.

 

Stranamente, però, non è stata notata alcuna traccia di effrazione. Le porte della chiesa non erano rotte. Padre Zhao ha sporto denuncia contro ignoti e sta cercando di trovare una soluzione con il municipio per migliorare la sicurezza dell’edificio, che è al quarto atto di vandalismo in un anno.

 

Come precisa ancora il comunicato: «questa profanazione fa seguito a danni avvenuti in precedenza in questa stessa chiesa, come la distruzione dell’impianto audio qualche settimana prima e un tentativo di effrazione la sera del Giovedì Santo». Questa mattina, martedì 7 maggio, nella chiesa è stata celebrata una messa di riparazione.

 

«Sono scandalizzato da questo atto», reagisce il sindaco di Livry-Gargan, Pierre-Yves Martin (Horizons). «Spero che le indagini chiariscano le circostanze di questo crimine e trovino i responsabili. Cambieremo le serrature della chiesa per rendere l’edificio più sicuro». Una telecamera è già posizionata all’ingresso della chiesa.

Sostieni Renovatio 21

A Louvroil, rubato il Santissimo Sacramento

Poche ore prima, la chiesa della Sainte-Trinité a Louvroil (Nord) era stata presa di mira da una profanazione. Domenica 5 maggio, al mattino, un parrocchiano ha scoperto il tabernacolo vuoto. Il Santissimo Sacramento è stato rubato e da allora non è più stato ritrovato.

 

«Abbiamo notato un tentativo di scasso nella sagrestia. Furono attaccati i tre tabernacoli, quello degli altari laterali e quello dell’altare centrale che contenevano un ciborio e la lunula [contenitore rotondo e trasparente contenente l’ostia per l’adorazione del Santissimo Sacramento, ndr]», racconta padre Pascal Romefort, decano di Val de Sambre, molto addolorato per questa profanazione.

 

«È stupore totale, incomprensione. È molto preoccupante perché non sappiamo cosa ne faranno», lamenta il sacerdote. La parrocchia ha sporto denuncia e padre Romefort celebrerà mercoledì 8 maggio una messa di riparazione alla presenza del sindaco e del consiglio comunale.

 

Tra tutte le profanazioni, quella che colpisce le ostie consacrate è la più grave, perché attacca direttamente Nostro Signore Gesù Cristo realmente presente nel Santissimo Sacramento. Viene punita anche con la scomunica.

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine diocesi di Saint Denis

Continua a leggere

Più popolari