Connettiti con Renovato 21

Cina

Santa Sede: Pechino ha violato l’Accordo con la nomina di mons. Peng

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Comunicato ufficiale vaticano sull’ «installazione» raccontata da AsiaNews: «Evento non in conformità con quanto stipulato e preceduto da pesanti pressioni delle autorità locali». Roma non riconosce la diocesi di Jiangxi. Il nodo della giurisdizione sul clero della diocesi di Yujiang.

 

 

La «cerimonia di installazione» di mons. Giovanni Peng Weizhao come vescovo ausiliare della «diocesi di Jiangxi» non è avvenuta in conformità a quanto previsto dall’Accordo provvisorio sulla nomina dei vescovi tra il Vaticano e la Repubblica Popolare Cinese, rinnovato appena un mese fa.

 

A intervenire ufficialmente sulla vicenda resa nota da AsiaNews due giorni fa è stata la Sala stampa della Santa Sede con un duro comunicato diffuso oggi, che chiarisce che il presule – ordinato clandestinamente con il mandato di papa Francesco nel 2014 come vescovo di Yujiang – «ufficializzando» la propria posizione in una diocesi diversa da quella per la quale era stato nominato ha compiuto una scelta che non è stata concordata con Roma ed è «frutto di lunghe e pesanti pressioni».

 

“La Santa Sede – si legge nella nota – ha preso atto con sorpresa e rammarico della notizia della “cerimonia di installazione”, avvenuta il 24 novembre a Nanchang, di mons. Giovanni Peng Weizhao, vescovo di Yujiang (provincia di Jiangxi), come “vescovo ausiliare di Jiangxi”, diocesi non riconosciuta dalla Santa Sede. Tale evento, infatti, non è avvenuto in conformità allo spirito di dialogo esistente tra la parte vaticana e la parte cinese e a quanto stipulato nell’Accordo provvisorio sulla nomina dei vescovi, il 22 settembre 2018. Per di più – aggiunge ancora il comunicato vaticano– il riconoscimento civile di mons. Peng è stato preceduto, secondo le notizie giunte, da lunghe e pesanti pressioni delle autorità locali».

 

«La Santa Sede – conclude la nota – auspica che non si ripetano simili episodi, resta in attesa di opportune comunicazioni in merito da parte delle autorità e riafferma la sua piena disponibilità a continuare il dialogo rispettoso, concernente tutte le questioni di comune interesse».

 

Come raccontavamo due giorni fa nel nostro articolo, il 22 settembre scorso – cioè pochi giorni dopo la visita a Tianjin della delegazione vaticana in forza della quale è stato stipulato il rinnovo dell’Accordo provvisorio -–mons. Peng aveva annunciato al clero di Yujiang le sue dimissioni dalla guida della diocesi, premessa per la sua «ufficializzazione». Che un passo del genere sia avvenuto in questo modo conferma ancora una volta quanto poco peso attribuisca Pechino all’Accordo sulla nomina dei vescovi.

 

Inoltre il fatto che nella notizia sull’«installazione» di mons. Peng su chinacatholic.cn – il sito degli organismi cattolici legati al Partito comunista cinese» si riportasse espressamente il testo di un giuramento imbarazzante per un vescovo proveniente dalle comunità cattoliche «sotterranee» – con riferimenti all’autonomia della Chiesa cinese e all’obiettivo di adattare il cattolicesimo alla società socialista – lasciava chiaramente intendere che si trattava di una forzatura.

 

Va ricordato inoltre che – nonostante il rinnovo dell’Accordo – è dall’8 settembre 2021 che non avviene alcuna nomina di un vescovo in Cina, nonostante il gran numero di diocesi vacanti. E che l’Accordo non è stato nemmeno nominato nei testi ufficiali dell’Assemblea dei cattolici cinesi tenuta a Wuhan nella scorsa estate sotto il rigido controllo del Partito.

 

Va infine sottolineato che il comunicato vaticano di oggi dice espressamente che la diocesi di Jiangxi – che nei disegni di Pechino dovrebbe riunire sotto il governo del vescovo (ufficiale) di Nanchang mons.

 

Li Suguang tutte e cinque le circoscrizioni ecclesiastiche della provincia – non è riconosciuta dalla Santa Sede.

 

Questo significa che da un punto di vista canonico la diocesi di Yujiang almeno per il momento resta. Dunque il suo clero che continua a opporsi alle pressioni per registrarsi negli organismi ufficiali e in queste settimane aveva espresso il proprio disappunto per la scelta di mons. Peng, non è tenuto a sottomettersi alla giurisdizione della diocesi «ufficiale» che ha sede a Nanchang.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine da AsiaNews

 

 

 

Continua a leggere

Cina

«Rivoluzione dei fogli bianchi»: decine di manifestanti cinesi in prigione

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Solo 40 sarebbero a Pechino. A fine novembre proteste anti-lockdown si sono avute però anche a Shanghai, Guangzhou, Chengdu e Wuhan. Nella maggior parte dei casi è sconosciuto il luogo di detenzione. La Generazione Z cinese si dimostra meno «nazionalista» o «apatica» di quello che si pensava.

 

 

Decine di giovani cinesi, soprattutto donne e giornalisti, sono in prigione per aver preso parte alla «Rivoluzione dei fogli bianchi», le manifestazioni di massa che a fine novembre hanno spinto il governo cinese a revocare la draconiana politica zero-COVID di Xi Jinping.

 

Nei giorni dei tumulti, gli studenti hanno lanciato la forma di dissenso, in cui ogni manifestante rimane fermo sventolando un pezzo di carta senza scritte. In diverse città del Paese la gente è scesa in strada per protestare contro le restrizioni sanitarie, che avrebbero anche provocato la morte di molte persone in un incendio a Urumqi (Xinjiang), e quelle alla libertà di espressione.

 

Video online circolati nei giorni dei tumulti mostrano poliziotti in divisa e in borghese che a Shanghai afferrano i manifestanti, scaraventandoli in bus e portandoli via tra urla e pianti.

 

Secondo informazioni raccolte da Radio Free Asia, a Pechino ci sono 40 dimostranti ancora in carcere. Nella capitale le proteste più intense si sono avute il 27 novembre nel distretto di Liangmahe. La polizia ha proceduto a diversi arresti nei giorni successivi (anche a metà dicembre). In alcuni casi senza fornire indicazioni sul luogo di reclusione, in altri si è saputo che i fermati si trovano nel centro di detenzione di Chaoyang.

 

Persone legate agli arrestati sottolineano che i familiari spesso mantengono il silenzio sull’accaduto dopo aver ricevuto intimidazioni da parte delle autorità. I numeri dei manifestanti incarcerati potrebbero essere maggiori, dato che dimostrazioni si sono avute con certezza anche a Guangzhou (Guangdong), Chengdu (Sichuan) e Wuhan (Hubei).

 

La Generazione Z cinese – 280 milioni di nati tra il 1995 e il 2010 – ha lanciato una sfida diretta al potere di Xi: con i loro fogli bianchi, i giovani cinesi hanno dato un duro colpo alla sua immagine di leader supremo.

 

Per il presidente cinese si tratta della minaccia interna più delicata. Analisti osservano che tra le nuove leve del Paese non vi sono solo «netizen nazionalisti» o «apatici» che non si interessano di politica. Ma anche persone che vogliono più diritti e più libertà. Xi dovrà mostrare una grande abilità nel placare l’insoddisfazione di una fascia della popolazione che affronta crescenti problemi di occupazione.

 

Quella in corso in Cina è una evoluzione rispetto al «movimento degli sdraiati»: giovani che fanno il minimo indispensabile nei loro impieghi o nello studio, stanchi delle estenuanti ore di attività, i crescenti costi dei consumi e i prezzi proibitivi delle abitazioni. Un atteggiamento passivo, visto dalle autorità come una minaccia ai grandi piani di «rinnovamento nazionale» voluti da Xi.

 

Il patto sociale tra il Partito comunista cinese e il popolo, con la promessa di arricchimento personale in cambio del disimpegno politico, sembra non poter più reggere con i giovani, che hanno sempre meno fiducia verso la leadership.

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni

 

 

 

 

Immagine screenshot da YouTube

 

 

 

 

Continua a leggere

Cina

Tre boss dell’hi-tech escono dalla Conferenza Politica Consultiva del Popolo Cinese

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Sono i fondatori dei colossi Baidu, NetEase e Sogou. L’organo è chiamato a formalizzare decisioni già prese dal Partito Comunista Cinese. Entrano due esperti contro il COVID-19 nel mirino delle critiche online. Hu Chunhua, prima in lizza per la premiership, potrebbe diventare uno dei vice capi della Conferenza.

 

Tre pesi massimi dell’industria hi-tech cinese escono dalla Conferenza Politica Consultiva del Popolo Cinese (CPCPC), organo che insieme alla ben più importante Assemblea nazionale del popolo è chiamato a formalizzare decisioni già prese dal presidente Xi Jinping e dalla leadership del Partito Comunista Cinese (PCC).

 

Nella nuova lista di membri, uscita il 18 gennaio, mancano i nomi di Robin Li Yanhong, William Ding Lei e Wang Xiaochuan. Il primo è fondatore e amministratore delegato di Baidu (il Google cinese), compagnia che si occupa anche di intelligenza artificiale. Ding è invece fondatore e guida di NetEase, la seconda industria di videogame più grande di Cina, mentre Wang è l’ideatore del motore di ricerca internet Sogou, il più importante dopo Baidu.

 

Formata da 2.172 delegati, la nuova CPCPC si riunirà per la prima volta a marzo in concomitanza con l’ANP in occasione delle «due sessioni» (Lianghui), quando verranno ufficializzate le nomine alla guida del Paese per il terzo mandato al potere di Xi.

 

In pratica i membri della Conferenza sono scelti dal Partito tra esponenti di vari ambiti, compreso quello religioso. Il criterio base di selezione è quello della fedeltà e della competenza.

 

L’uscita dei tre importanti imprenditori del comparto tecnologico potrebbe spiegarsi con la mancata fiducia di Xi nei loro confronti. Per più di due anni il leader cinese ha condotto una campagna per contenere il potere monopolistico dei grandi gruppi hi-tech, che sulla carta potrebbero rappresentare un contropotere al Partito.

 

Nella rinnovata CPCPC hanno trovato invece posto due esperti della lotta al COVID-19: l’infettivologo Zhang Wenhong e l’epidemiologo Wu Zunyou. La nomina colpisce perché i due scienziati sono spesso il bersaglio di critiche online per la gestione dell’emergenza pandemica, ma spiega anche quanto contino nelle dinamiche del potere cinese la lealtà e l’affidabilità politica.

 

Con ogni probabilità il nuovo capo della CPCPC sarà Wang Huning, alleato di Xi e numero quattro del Comitato permanente del Politburo, l’organo decisionale del Partito.

 

Uno dei vice di Wang dovrebbe essere il vice premier uscente Hu Chunhua, esponente della Gioventù comunista, fazione avversa a Xi. Un contendente alla premiership alla vigilia del 20° Congresso del Partito in ottobre, Hu non è stato inserito nemmeno tra i 24 componenti del Politburo, il secondo organo per importanza del PCC.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni

 

 

 

Immagine di Thomas.fanghaenel via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Cina

Sempre più cinesi vedono con sfavore gli USA

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il 43% degli intervistati in un sondaggio online percepisce in modo «molto sfavorevole» Washington. Critici soprattutto quelli nati dopo il 1990. L’Europa considerata con più favore: punte del 69% per la Germania. L’eccezione europea è la Gran Bretagna, apprezzata solo dal 46% dei cinesi.

 

La maggioranza dei cinesi vede con sfavore gli Stati Uniti. È il risultato di un sondaggio online diffuso insieme dall’Università nazionale di Singapore, da quella della British Columbia in Canada e dalla Rice University negli USA.

 

Condotto su un campione di 2.083 cittadini cinesi tra il 2020 e il 2021, lo studio rivela che il 43% degli intervistati percepisce in modo «molto sfavorevole» Washington; solo il 23% ha espresso una visione «molto o in qualche maniera» positiva. I più critici appartengono alla generazione nata dopo il 1990.

 

In un’indagine pubblicata a giugno, il Pew Research Center aveva trovato che nella maggior parte dei 19 Paesi studiati – soprattutto negli Usa – il sentimento negativo nei confronti della Cina era arrivato ai massimi, con una particolare preoccupazione per il rispetto dei diritti umani.

 

In apparenza gli umori della popolazione cinese sono in controtendenza con i timidi tentativi del governo cinese di migliorare i rapporti con Washington: secondo diversi osservatori, la nomina a ministro degli Esteri di Qin Gang, ex ambasciatore negli USA, e il siluramento del «wolf warrior» Zhao Lijian dall’ufficio stampa della diplomazia cinese vanno letti in questa direzione.

 

Una svolta vera non sembra però in arrivo. L’amministrazione Biden non dà segni di voler mettere fine alla guerra commerciale e a quella tecnologia lanciata contro Pechino da Donald Trump.

 

Il disappunto dei cinesi verso gli USA non coincide però con la percezione del mondo occidentale nel suo complesso. Dallo studio degli atenei di Singapore, Canada e Stati Uniti emerge che in Cina si ha una considerazione positiva dell’Europa, con punte del 69% per la Germania. I Paesi europei sono percepiti come meno aggressivi rispetto a Washington, senza contare che governo cinese e media di Stato riservano di solito loro un trattamento più amichevole.

 

L’eccezione europea è la Gran Bretagna, vista con favore solo dal 46% degli intervistati. In Cina la politica di Londra è associata spesso a quella di Washington su temi come l’origine della pandemia da COVID-19, le critiche alle politiche di Pechino a Hong Kong, in Tibet e nello Xinjiang, la contesa su Taiwan e il Mar Cinese meridionale.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine di Ray_from_LA via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

Continua a leggere

Più popolari