L’Uganda sta utilizzando la tecnologia di riconoscimento facciale di Huawei per reprimere il dissenso dopo le proteste antigovernative

 

 

 

Funzionari di polizia ugandesi hanno confermato di utilizzare le telecamere fornite da Huawei per aiutare le forze dell’ordine a rintracciare alcuni degli oltre 836 sospetti arrestati.

 

In assenza di qualsiasi controllo giudiziario, vi sono anche preoccupazioni per l’accesso backdoor al sistema per la sorveglianza illegale del riconoscimento facciale su potenziali bersagli e per la possibilità di impiegare il sistema per soffocare i commenti anti-regime e qualsiasi azione civile pacifica, riporta Quartz.

Il sistema nazionale di telecamere a circuito chiuso installato da Huawei conta 83 centri di monitoraggio, 522 operatori e 50 comandi

 

Il gruppo locale per i diritti, Unwanted Witness, ha precedentemente chiesto il rispetto del diritto internazionale sui diritti umani nell’attuazione del progetto per salvaguardare i diritti umani, le libertà e la democrazia nel paese.

 

Il sistema nazionale di telecamere a circuito chiuso installato da Huawei conta 83 centri di monitoraggio, 522 operatori e 50 comandi. Lo sostiene il presidente Museveni che in una serie di tweet ha elogiato l’efficacia della tecnologia.

 

Le autorità prevedono inoltre di integrare il sistema Huawei con altre agenzie ugandesi tra cui l’ente fiscale e il dipartimento dell’immigrazione. Nel gennaio 2020, le autorità hanno avviato la seconda fase in 2.319 comuni rurali mappati e grandi città.

 

Le autorità prevedono inoltre di integrare il sistema Huawei con altre agenzie ugandesi tra cui l’ente fiscale e il dipartimento dell’immigrazione

Nel 2019, i funzionari di polizia dell’Uganda hanno confermato che il governo aveva pagato almeno 126 milioni di dollari come parte dell’accordo, che è più del budget 2020 combinato (108 milioni di dollari) del Ministero delle Telecomunicazioni e del Ministero della Scienza e della tecnologia.

 

Gruppi per i diritti locali e internazionali affermano che i filmati delle telecamere di sorveglianza Huawei sono stati utilizzati dal 2019 per monitorare le manifestazioni politiche e altri eventi degli oppositori del presidente Museveni.

 

La sorveglianza non regolamentata è caratterizzata da pratiche di monitoraggio della posizione pervasive, con riconoscimento facciale, biometria e conservazione dei dati generali, tra gli altri.

 

Gruppi per i diritti locali e internazionali affermano che i filmati delle telecamere di sorveglianza Huawei sono stati utilizzati dal 2019 per monitorare le manifestazioni politiche e altri eventi degli oppositori del presidente Museveni

A differenza che in Occidente, dove ci sono problemi di sicurezza per un’azienda cinese che domina la tecnologia 5G, Huawei è stata ampiamente accolta dai governi africani.

 

Qui ha svolto un ruolo chiave nel contribuire a costruire l’infrastruttura di telecomunicazioni necessaria per un’economia del 21 ° secolo in diversi paesi. Più recentemente i suoi ruoli si sono estesi ad altri progetti come la sicurezza per i governi clienti.

 

Un’indagine del Wall Street Journal lo scorso anno ha suggerito che il governo di Kampala ha utilizzato l’assistenza di Huawei per hackerare i messaggi per il candidato alla presidenza Robert Kyagulanyi, meglio noto come Bobi Wine, provocandone l’arresto e la detenzione.

 

A differenza che in Occidente, dove ci sono problemi di sicurezza per un’azienda cinese che domina la tecnologia 5G, Huawei è stata ampiamente accolta dai governi africani

Bobi Wine, un musicista popolare eletto in parlamento nel 2017, è estremamente popolare tra i giovani ugandesi ed è stato una spina nel fianco dell’establishment Museveni.