Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

Libia, Al-Sisi parla di possibile intervento militare egiziano. L’Italia è muta

Pubblicato

il

 

 

La situazione in Libia potrebbe andare verso una pericolosa escalation con un possibile intervento militare da parte dell’Egitto.

 

Parlando in una base militare egiziana vicino al confine libico-egiziano, il presidente Abdel Fattah Al-Sisi ha detto lo scorso sabato che l’Egitto potrebbe intervenire militarmente in Libia qualora vi fosse una minaccia diretta alla sicurezza dell’Egitto.

 

Come atto di autodifesa, ha affermato, un tale intervento sarebbe legittimo ai sensi della Carta delle Nazioni Unite e sarebbe approvato dalla Camera dei rappresentanti libica a Tobruk.

Il presidente Abdel Fattah Al-Sisi ha detto che l’Egitto potrebbe intervenire militarmente in Libia qualora vi fosse una minaccia diretta alla sicurezza dell’Egitto

 

Al-Sisi ha messo in guardia le forze fedeli al governo di accordo nazionale di Tripoli (detto in acronimo GNA) ora appoggiato militarmente dalla Turchia, chiedendo di non andare oltre l’attuale linea di frontiera con l’Esercito Nazionale Libico (LNA), che è sotto il comando del feldmaresciallo Khalifa Haftar.

 

Questa è la prima volta che al-Sisi parla pubblicamente dell’intervento militare in Libia come una possibilità.

Questa è la prima volta che al-Sisi parla pubblicamente dell’intervento militare in Libia come una possibilità

 

«Coloro che hanno interpretato la nostra pazienza come debolezza si sbagliano», ha detto Al-Sisi il 20 giugno. Ha inoltre affermato che se l’Egitto intervenisse militarmente, ritirerebbe le sue forze dalla Libia quando i suoi obiettivi fossero raggiunti.

 

In precedenza A-Sisi aveva affermato che l’Egitto non voleva intervenire in Libia, favorendo una soluzione politica, ma «ma la situazione ora è diversa». In un ovvio riferimento alla Turchia, Al-Sisi ha dichiarato: «Se alcune persone pensano di poter attraversare il fronte Sirte-Jufra, questa è una linea rossa per noi». «Se il popolo libico si fosse mosso attraverso di voi [leader tribali presenti] e ci avesse chiesto di intervenire, questo sarebbe un segnale per il mondo che l’Egitto e la Libia sono un paese, un interesse».

 

Al-Sisi ha affermato che l’Egitto potrebbe fornire alle tribù addestramento e armi per combattere le «milizie terroristiche» fedeli al GNA.

Al-Sisi ha affermato che l’Egitto potrebbe fornire alle tribù addestramento e armi per combattere le «milizie terroristiche» fedeli al GNA

 

Secondo il Il quotidiano turco Yeni Safak lunedì 22 giugno, il Primo Ministro libico del GNA di Tripoli, Fayez al-Sarraj, ha tenuto una riunione a porte chiuse con l’ambasciatore degli Stati Uniti a Tripoli, Richard Norland e il comandante del Comandante americano Africa, Stephen Townsend. All’incontro erano presenti anche il ministro degli interni Fathi Bashaga e il comandante militare della regione occidentale Osama al-Juweili.

 

Sempre il 21 giugno l’esercito nazionale libico (LNA) ha annunciato una zona di non-volo intorno a Sirte, ha detto il portavoce dell’LNA il maggiore generale Ahmed Mismari, che ha anche accolto con favore l’annuncio di Al-Sisi di essere pronto a inviare forze egiziane.

 

«L’area dall’insediamento di As Sultan ad est di Sirte fino al villaggio di al-Heesa ad ovest viene dichiarata zona di non-volo in cui i voli di qualsiasi aviazione, ad eccezione degli aerei LNA, sono vietati», ha detto Mismari in una dichiarazione ottenuta dalla testata russa Sputnik. Questa è una distanza di 200 km.

In tutta questa storia manca un Paese che da sempre aveva giocato un ruolo in questa scacchiera: l’Italia

 

La Turchia, le cui decisioni rivestono un’importanza enorme per Tripoli, ha dichiarato il 20 giugno che le forze orientali guidate dal feldmaresciallo Haftar devono ritirarsi da Sirte affinché un cessate il fuoco durevole entri in vigore. Inoltre il GNA ha dichiarato che boicotterà la riunione dei ministri degli esteri della Lega araba della prossima settimana, durante la quale verrà discussa la questione della Libia.

 

L’Italia, guidata da imbelli e incapaci, non è nemmeno più un pedone in questa scacchiera dalla quale passa grande parte del nostro approvigionamento energetico e della nostra sicurezza nazionale

In tutta questa storia manca un Paese che da sempre aveva giocato un ruolo in questa scacchiera. Si tratta del Paese che è tra i primi partner commerciali e politici del Cairo, un Paese che da sempre ha interessi enormi e capacità di penetrazione politica profonda in Libia, un Paese che alla Turchia ottomana – laicizzata da quella rivoluzione di giovani turchi ingegnerizzati e finanziati dalla massoneria nostrana – più di cento anni fa portò via, appunto la Libia: l’Italia.

 

L’Italia, guidata da imbelli e incapaci, non è nemmeno più un pedone in questa scacchiera dalla quale passa grande parte del nostro approvigionamento energetico e della nostra sicurezza nazionale, visto che ricordiamo tutti i proclami dell’ISIS sull’attacco all’Italia partendo dalle flotte di immigrati che da qui partono alle volte delle nostre coste.

L’Italia ha un governo geopoliticamente idiota; il resto del mondo lo ha capito e si sta leccando i baff

 

L’Italia ha un governo geopoliticamente idiota; il resto del mondo lo ha capito e si sta leccando i baffi.

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Il Mali annulla gli accordi militari con la Francia

Pubblicato

il

Da

Il 10 gennaio 2022 la Comunità Economica degli Stati dell’Africa Occidentale (CEDEAO) ha deciso di chiudere le frontiere con il Mali, nonché di congelarne i fondi presso la Banca Centrale degli Stati dell’Africa Occidentale (BCEAO).

 

Motivo: sanzionare il governo di transizione che ha annunciato di non voler organizzare le elezioni nei prossimi quattro anni.

 

Il Mali ha reagito chiudendo le frontiere a tutti gli Stati che sostengono le sanzioni della CEDEAO, fatta eccezione per la Guinea.

 

Il Mali ha inoltre annullato gli accordi militari relativi all’Operazione Barkhane perché la Francia ha preso posizione a favore delle sanzioni della CEDEAO.

 

L’11 gennaio 2022 il Mali ha quindi denunciato un volo militare francese non autorizzato, proveniente dalla Costa d’Avorio (1). Il generale di divisione Laurent Michon, comandante della forza Barkhane, che non era stato avvisato delle conseguenze politiche delle deliberazioni del proprio governo, ha espresso la propria incapacità di comprendere la decisione. (2)

 

L’Operazione Barkhane doveva combattere lo jihadismo. Tuttavia, nonostante le importanti azioni francesi, gli jihadisti hanno continuato a rafforzarsi. Il bilancio, catastrofico rispetto agli obiettivi annunciati, corrisponde alla strategia degli Stati Uniti, che hanno deciso di raddoppiare il sovvenzionamento dell’operazione francese.

 

L’8 ottobre scorso il primo ministro del Mali, Choguel Kokalla Maïga, aveva accusato la Francia di formare i terroristi che dice di combattere, nell’enclave di Kidal, che ha vietato ai militari del Mali (3).

 

Ora il governo di transizione intende appoggiarsi al gruppo Wagner, società militare privata russa.

 

 

 

NOTE

1) «Le Mali dénonce une violation de son espace aérien par la France», Réseau Voltaire, 14 gennaio 2022.

2) «Lettre de la force Barkhane au chef d’état-major malien», del generale Laurent Michon, Réseau Voltaire, 12 gennaio 2022.

3) «Il Mali accusa la Francia di addestrare i terroristi che dice di combattere», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 20 ottobre 2021

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

Fonte: «Il Mali annulla gli accordi militari con la Francia», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 15 gennaio 2022.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine di TM1972 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0)

Continua a leggere

Geopolitica

Lo strano nuovo governo kazako: un ministro ha fatto dichiarazioni contro i russi

Pubblicato

il

Da

Il presidente Kassim-Jomart Tokaev ha designato un nuovo primo ministro e un nuovo governo: 11 ministri restano al proprio posto, 9 sono di nuova nomina.

 

La sorpresa è stata la promozione a ministro a pieno titolo dell’ex viceministro all’Informazione, il filo-turco Askar Umarov, noto per le sue dichiarazioni contro i russi, che ha definito «alcolizzati» e «colonizzatori».

 

La stampa russa s’è indignata per la nomina, soprattutto dopo l’intervento dell’Organizzazione del Trattato per la Sicurezza Collettiva (CSTO) per salvare il Kazakistan.

 

Yevgenij Primakov junior (nipote dell’ex primo ministro e attuale direttore dell’Agenzia federale per il Commonwealth  degli Stati Indipendenti, i compatrioti che vivono all’estero e la Cooperazione umanitaria internazionale «Rossotrudnichevsto»), ha immediatamente dichiarato che non lavorerà con un «fetente russofobo».

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

Fonte: «Lo strano nuovo governo kazako», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 15 gennaio 2022.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine screenshot da Youtube; elaborazione

Continua a leggere

Geopolitica

Ucraina, gli Stati Uniti accusano la Russia di aver pianificato un’operazione false flag per giustificare un’invasione

Pubblicato

il

Da

Appena un giorno dopo la conclusione dei colloqui cruciali di questa settimana tra Russia e Stati Uniti, NATO e OSCE, oggi l’amministrazione Biden, nella forma di un «funzionario anonimo», ha accusato la Russia di pianificare l’invio di sabotatori nell’Ucraina orientale per inscenare un operazione sotto falsa bandiera – tipo di tattica comunemente nota come false flag – che sarebbe poi servita da pretesto per un’invasione russa.

 

«I media mainstream come il New York Times, il Washington Post, la CNN, il britannico Guardian tra gli altri, hanno riempito le loro pagine con i dettagli macabri e le speculazioni sulla presunta operazione, ciascuno con dettagli variabili ma con scarse prove poiché il funzionario anonimo aveva poco da offrire» scrive EIR.

 

«Solo il New York Times ha menzionato altri due funzionari, uno dei quali ha affermato che la valutazione statunitense era il risultato di una combinazione di intercettazioni e “movimenti sul terreno di particolari individui” e ha riferito che alcune delle informazioni sottostanti “sono state fornite per alleati e mostrato a un membro chiave del Congresso”».

 

L’anonima fonte riferisce che non fornendo alcuna prova, il racconto americano«si apre alle accuse russe di fabbricare prove».

 

Il Times cita graziosamente uno dei funzionari affermando che «questa è una pagina del manuale russo. Siamo molto consapevoli che la Russia cercherà di inventare un pretesto per compiere un tentativo di colpo di stato».

 

24 ore prima, durante un briefing alla Casa Bianca, il consigliere per la sicurezza nazionale Jake Sullivan ha detto di voler sottolineare qualcosa che il segretario di Stato Tony Blinken aveva detto alla fine della scorsa settimana, ovvero che «la nostra comunità di Intelligence ha sviluppato informazioni (…) per cui la Russia sta gettando le basi per avere la possibilità di fabbricare un pretesto per un’invasione, anche attraverso attività di sabotaggio e operazioni di informazione, accusando l’Ucraina di preparare un imminente attacco contro le forze russe nell’Ucraina orientale».

 

«Abbiamo visto questo manuale nel 2014. Stanno preparando di nuovo questo manuale. E succederà che l’amministrazione avrà ulteriori dettagli su quella che vediamo come questa potenziale pretesto da condividere con la stampa nel corso delle prossime 24 ore».

 

Secondo RT, l’accusa è partita per la prima volta dal ministero della Difesa ucraino. L’intelligence militare ucraina ha abbellito la storia, dicendo di aver intercettato informazioni su un complotto di spie russe per avviare un’operazione di sabotaggio dal territorio conteso in Moldavia,, dove sono di stanza le truppe russe.

 

Quando oggi un grave attacco informatico ha colpito i principali siti web del governo ucraino, il governo di Kiev ha indicato la Russia come colpevole.

 

Ieri, il segretario stampa della Casa Bianca Jen Psaki e il portavoce del Pentagono John Kirby, facendo eco a vicenda, hanno entrambi affermato di avere informazioni secondo cui i russi avevano preposizionato «operativi» nell’Ucraina orientale per inscenare l’operazione false flag per poi giustificare un’invasione.

 

Psaki ha affermato che questo era lo stesso modus operandi utilizzato dai russi nel 2014 prima di reintegrare la Crimea in Russia e che il piano della Russia è ora di avviare queste operazioni in Ucraina diverse settimane prima di un’effettiva invasione.

 

Il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov ha risposto oggi a una domanda sul rapporto affermando che «finora tutte queste affermazioni sono state prive di fondamento e non sono state supportate da nulla».

 

Va ricordato che lo scorso 20 dicembre, il ministro della Difesa russo Sergej Shoigu ha avvertito che contractor USA (cioè le PMC, le compagnie militari private americane) stavano lavorando con le forze speciali ucraine e avevano consegnato componenti chimici a due città della regione del Donbass al fine di organizzare operazioni false flag che potrebbe essere attribuite alla Russia.

 

 

 

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0) 

Continua a leggere

Più popolari