Connettiti con Renovato 21

Ambiente

Egitto e Etiopia si faranno la guerra. Per l’acqua

Pubblicato

il

 

 

Il quotidiano online russo Vzglyad ha pubblicato un articolo che descrive l’inevitabilità della guerra tra Egitto ed Etiopia nel prossimo futuro.

 

Secondo la testata russa, i negoziati tra Egitto, Sudan ed Etiopia sono ripresi domenica su una serie di questioni relative alla costruzione di un’enorme centrale idroelettrica sul Nilo chiamata Blue Nile.

 

Gli etiopi stanno costruendo Blue Nile, la più grande centrale idroelettrica dell’Africa

«Gli etiopi stanno costruendo Blue Nile, la più grande centrale idroelettrica dell’Africa, superando la centrale idroelettrica di Sayano Shushenskaya», scrive il giornalista Yevgeny Krotikov, sottolineando che l’Etiopia diventerebbe il secondo più grande generatore di elettricità in Africa.

 

La testata finanziaria americana Bloomberg conferma che i colloqui, che erano sponsorizzati dalla Russia (che già aveva messo i due contendenti ad un tavolo a Sochi, in Russia, durante una durissima crisi), sono falliti.

I colloqui sembrano aver vacillato per un problema ricorrente: il rifiuto dell’Etiopia di accettare un volume minimo permanente di acqua che la Grande diga etiope dovrebbe rilasciare a valle in caso di grave siccità

 

«Un ultimo disperato tentativo di risolvere una disputa decennale tra Egitto ed Etiopia su un’enorme nuova diga idroelettrica sul Nilo è fallito, alzando la posta in quello che – nonostante tutta l’attenzione pubblica su questioni tecniche – è una lotta per il controllo della regione fonte d’acqua più importante» scrive Bloomberg.

 

I colloqui sembrano aver vacillato per un problema ricorrente: il rifiuto dell’Etiopia di accettare un volume minimo permanente di acqua che la Grande diga etiope dovrebbe rilasciare a valle in caso di grave siccità.

 

La costruzione di una diga potrebbe portare il decadimento delle condizioni di vita della valle dove vive il 90% della popolazione egiziana. Un rischio sistemico che Il Cairo non sembra voler correre.

La costruzione di una diga potrebbe portare il decadimento delle condizioni di vita della valle dove vive il 90% della popolazione egiziana

 

La situazione ora sembra precipitare perché gli etiopi hanno iniziato a riempire il bacino idrico, e possono farlo a tempo di record, cioè in circa tre anni.

 

«Il prossimo ciclo di negoziati probabilmente non si concluderà con nulla – afferma il giornale russo – Non è più possibile fermare l’Etiopia dal percorso prescelto, con qualsiasi pressione internazionale».

«Le cose si stanno muovendo verso la guerra e ciò che può essere rinviato solo di diversi anni fino a quando il progetto non funzionerà a pieno regime e le sue reali conseguenze appariranno sulla vita pubblica in Egitto»

 

«Le cose si stanno muovendo verso la guerra e ciò che può essere rinviato solo di diversi anni fino a quando il progetto non funzionerà a pieno regime e le sue reali conseguenze appariranno sulla vita pubblica in Egitto».

 

«Dopo di che, il Cairo non avrà altra scelta che cercare di risolvere il problema in modo semplice e grave».

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Stati Uniti, Gran Bretagna e UE cercano di costringere l’Indonesia a rinunciare all’uso del carbone

Pubblicato

il

Da

La scorsa settimana, durante la Settimana della diplomazia climatica dell’UE 2022, si è svolto a Giacarta, in Indonesia, un evento, incluso un evento a margine del 30 settembre, in cui diplomatici statunitensi e giapponesi, con il sostegno della Gran Bretagna (come ospite della COP26 dello scorso anno), hanno spinto L’Indonesia sta pianificando di uscire dal carbone. Lo riporta EIRN.

 

La loro spinta fa parte del partenariato Just Energy Transition (JETP) del G7 che ha reso l’Indonesia un obiettivo al vertice del G7 di giugno in Germania quest’anno.

 

Il G7 ha preso di mira il Sud Africa e l’Indonesia per infliggere il piano di «transizione ecologica» che, abbiamo capito, in realtà è pura demolizione dell’economia nazionale.

 

L’incontro a margine del 30 settembre è stato commentato dall’ambasciatore tedesco Ina Lepel che ha detto al Jakarta Globe che il JETP «è attualmente in fase di negoziazione. Non siamo noi [la Germania, ndr] a negoziarlo. Stati Uniti e Giappone sono in testa ai negoziati. Ci tengono informati che stanno negoziando con il governo indonesiano».

 

La Germania è attualmente presidente del G7. Il Jakarta Globe riporta che al vertice COP26 del novembre 2021 a Glasgow, Stati Uniti, Regno Unito, Francia, Germania e l’UE si sono impegnati a mobilitare 8,5 miliardi di dollari affinché il Sudafrica diventi «verde» e abbandoni il carbone nell’ambito del JETP.

 

Gli obiettivi prioritari del JETP, oltre all’Indonesia, sono l’India, il Vietnam e il Senegal.

 

La Germania è in gioco con la sua «Green Infrastructure Initiative» in Indonesia, descritta da Lepel come in fase iniziale, con studi di prefattibilità in sei aree prioritarie.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’anno passato l’Indonesia aveva deciso per il blocco delle esportazione di carbone temendo di finire le gorgo dei Blackout che stanno interessando i Paesi di tutto il mondo.

 

Pechino ha appena inaugurato un treno sulla via Mongola per potervi trasportare gas e carbone russi. Pechino ha inoltre ordinato un aumento dell’uso di carbone per evitare blackout che l’hanno già colpita lo scorso anno. La Cina starebbe inoltre fornendo carbone alla Corea del Nord aggirando le sanzioni ONU.

 

Anche l’India si starebbe accaparrando carbone da Mosca. Le esportazione verso l’Oriente sarebbero per il Cremlino una exit strategy di valore dopo la fine degli scambi con l’Europa.

 

Il prezzo del carbone è stato alzato perfino dai talebani, che hanno quindi messo in difficoltà il vicino pakistano.

 

La Germania, che al governo ha proprio  il grottesco partito dei Verdi, ha riaperto le centrali a carbone, ma manca il flusso stabile che arrivava dalle importazioni russe. A fine 2021, con le pale eoliche ferme per mancanza di vento, l’utilizzo del carbone era già aumentato.

 

Nel frattempo, in Europa i polacchi fanno file chilometriche per comprare carbone per il prossimo inverno: c’è da capirli, il loro governo li invita ad andare nei boschi a raccogliere legna per la stufa, come i loro antenati.

 

Il bello di vivere in Europa nell’A.D. MMXXII.

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Agenda climatica e culto delle pale eoliche

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo testo dell’ Osservatorio contro la Transizione Ecologica (OCTE).

 

 

Parere (n. 2) sull’agenda climatica e il culto delle pale eoliche

Nel momento in cui parte della comunità scientifica – diligentemente attesa la conclusione della tornata elettorale – consegna al Capo dello Stato un appello affinché i problemi legati al clima entrino nell’agenda politica del nuovo governo (1), l’OCTE ritiene più che mai necessario denunciare il rischio che l’allarmismo climatico, alimentato da narrazioni erronee o faziose o comunque fuorvianti, finisca non solo per favorire controverse strategie di natura tecnologica ed economico-finanziaria, ma anche per legittimare l’adozione di nuovi strumenti restrittivi di diritti e libertà fondamentali.

 

La strumentalizzazione a fini di politici di evidenze scientifiche incerte non costituisce una novità, come l’affaire COVID ha posto sotto gli occhi di tutti e come ora traspare dalle ulteriori emergenze pianificate e messe in atto da organizzazioni e governi liberisti, globalisti e transumanisti. 

 

Un esempio in tal senso è offerto dalle ordinanze sindacali adottate in alcune città italiane e finalizzate alla riduzione del consumo di acqua potabile motivata da una emergenza idrica che, peraltro, è prontamente rientrata con le prime piogge autunnali; ordinanze che, in qualche caso, sono state apertamente sconfessate e delegittimate dalle dichiarazioni di organismi tecnico-gestionali secondo cui la disponibilità complessiva di acqua potabile, anziché essersi ridotta, è addirittura aumentata in quelle zone a causa dell’innalzamento delle falde acquifere verificatosi negli ultimi anni. (2)

 

Nella stessa prospettiva deve ricordarsi uno tra i feticci più rappresentativi, e dibattuti, della green economy, ossia le pale eoliche.

 

Cresciute come funghi sull’intero territorio nazionale, e salutate con entusiasmo dai fautori della sostenibilità e della cosiddetta transizione ecologica, le pale eoliche stuprano il paesaggio tutelato dalla Costituzione, alterano la morfologia del territorio, producono infrasuoni in grado di arrecare danni alla salute umana anche a distanze considerevoli (3), sottraggono risorse allo Stato e quindi ai cittadini e minacciano direttamente la sopravvivenza della fauna selvatica.

 

Più brutte di un ecomostro, le pale eoliche sono però intoccabili: perché se gli ecomostri di tanto in tanto vengono abbattuti, le pale eoliche sono circondate da un’aura di santità benedetta dalle varie Agende ONU e dall’Unione europea, oltreché dagli interessi della criminalità organizzata. (4)

 

Qualcuno potrebbe obiettare che i cosiddetti parchi eolici costituiscono il prezzo da pagare per sostenere uno stile di vita modellato dal progresso tecnologico, cui molti non sanno o non vogliono rinunciare; ma resta il fatto che quanti vivono felicemente senza l’auto elettrica, solo per fare un esempio, vedono in questa obiezione la foglia di fico dietro cui si nascondono strategie tecnologiche e finanziarie in rotta di collisione con la salvaguardia dell’ambiente e del territorio e la tutela della salute, dei diritti e delle libertà fondamentali.

 

Ed è difficile negare che queste strategie siano alimentate ad arte dagli stakeholder, che hanno buon gioco nel tirare le fila della politica normativa – delle organizzazioni internazionali, dell’Unione europea, dei governi globalisti – e nel manipolare l’informazione pubblica tramite i circuiti scientifico-accademici e mediatici da essi controllati, allo scopo di avallare «spinte gentili» e altri strumenti di governance ispirati ai principi dell’economia comportamentale. 

 

L’OCTE è consapevole della difficoltà di promuovere una efficace riflessione critica sulle pale eoliche, in considerazione del movimento trasversale di opinione che da anni auspica la riduzione delle fonti energetiche d’origine fossile in favore dello sviluppo di fonti energetiche rinnovabili.

 

Ma non per questo l’OCTE intende rinunciare a evidenziare i rischi, i limiti e le contraddizioni di un approccio che, oltre a quanto evidenziato, esclude a priori l’esistenza di tecnologie in grado di produrre energia pulita con un impatto ambientale minore rispetto a quello prodotto dalle pale eoliche. 

 

In questa prospettiva l’OCTE ritiene necessario stimolare la riflessione in merito ad alcuni aspetti di natura socio-politica e tecnica. Dal punto di vista socio-politico può essere utile chiedersi:

 

I) Se il vento, come l’acqua, è una risorsa naturale, e quindi un bene comune, il suo eventuale sfruttamento non dovrebbe essere condotto nell’interesse della collettività, invece che essere demandato alla gestione di poche società private che gestiscono giri di affari multimiliardari?

 

II) L’installazione di questi moderni mostri di 25, 70 e 100 metri di altezza non dovrebbe scontare un reale e trasparente confronto preliminare tra le amministrazioni locali, i gestori e – soprattutto – le comunità territoriali interessate?

 

III) perché, pur in assenza di qualsivoglia consultazione pubblica, e in presenza di ritorni economici a beneficio quasi esclusivo di soggetti privati, i cittadini italiani sono chiamati a contribuire economicamente – mediante «incentivi» di varia natura – allo sviluppo di questa fonte energetica?

 

IV) i terreni dove le pale eoliche sono installate manterranno eventuali vincoli rurali e paesaggistici o li perderanno definitivamente per diventare tout court edificabili?

 

Dal punto di vista tecnico, occorre ricordare che il ricorso all’energia eolica implica preliminarmente la soluzione di due problemi:

 

A) poiché l’energia eolica viene normalmente generata in luoghi lontani dai centri industriali e dai principali agglomerati urbani, si rende necessaria la costruzione non solo dei parchi eolici, ma anche di nuove reti infrastrutturali per il trasporto dell’energia così prodotta;

 

B) considerata la natura discontinua dei venti e la loro limitata efficienza energetica, si rende necessaria la disponibilità di sistemi di stoccaggio efficienti, costituiti essenzialmente da batterie di ultima generazione.

 

Per quanto riguarda il punto A), è utile ricordare che il Paese che ha puntato di più sull’energia eolica, ossia la Germania, nonostante investimenti massicci e ingenti sussidi statali, riesce a produrre, grazie a essa, non più del 5% del suo fabbisogno elettrico.

 

Proiezioni disponibili per l’Italia indicano che la sostituzione con l’eolico del 50% della produzione elettrica nazionale imporrebbe l’installazione di circa 80.000 turbine, con una media di 1 turbina ogni 4 kmq (2), Alpi comprese.

 

Va appena rilevato che, se tali impianti fossero realmente costruiti, le tariffe a carico del consumatore italiano schizzerebbero a circa 30 € per kW, come già accade in Germania (dati Eurostat 2015) (3). Ovviamente, costi molto maggiori sono da ipotizzarsi per le famiglie e le imprese nell’attuale situazione di crisi energetica, le cui prospettive, a breve e medio termine, sembrano destinate a peggiorare.

 

Per quanto riguarda il punto B), è utile ricordare che la difficoltà di stoccare in modo efficiente l’energia eolica (come accade anche per gli impianti solari fotovoltaici) costituisce il limite principale al suo utilizzo su vasta scala: d’altra parte, se tale problema non esistesse, la Cina, che è il maggiore fornitore mondiale di Terre Rare – ossia dei materiali necessari per la costruzione delle batterie elettriche di ultima generazione – probabilmente non costruirebbe centinaia di nuove centrali a carbone. (5)

 

In ogni caso, come già rilevato dall’OCTE nel suo Parere (n. 1) sul piano «Fit for 55» dell’Unione Europea, far dipendere le capacità nazionali di stoccaggio esclusivamente dalle forniture di materiali provenienti da un Paese straniero significa sottovalutare considerazioni di ordine politico e strategico e, di fatto, abdicare in prospettiva alla propria indipendenza e alla propria sovranità. (6)

 

Sulla base di queste considerazioni, l’OCTE:

 

  • Chiede alla comunità scientifica e accademica italiana di recuperare il ruolo tradizionale della scienza, inteso come contributo al progresso delle conoscenze scientifiche scevro da sollecitazioni e da condizionamenti di natura finanziaria, mercantilistica e politica, oltreché funzionale al benessere di una società democratica;

 

  • Sollecita i cittadini a riconsiderare i toni apocalittici della narrazione dominante in merito al presunto riscaldamento globale di origine antropica, esaminando criticamente i costi derivanti dai diktat imposti, sotto forma di pretesa transizione ecologica, dai soggetti che sono i veri responsabili dei disastri ambientali e climatici del passato e di contraddittorie politiche energetiche, ossia corporazioni finanziarie multinazionali, governi e organizzazioni internazionali liberisti e globalisti, quali l’Unione europea;

 

  • Invita il Parlamento e il Governo a disciplinare questa materia sulla base di solide analisi scientifiche, assicurando in ogni caso il primato delle esigenze di interesse generale – quali la tutela del paesaggio, dell’ambiente, del territorio, della salute, dei diritti e della libertà fondamentali – sugli interessi privati e particolari.

 

 

OCTE

29 settembre 2022

 

 

NOTE

1) Cfr. https://www.adnkronos.com/clima-nobel-parisi-oggi-da-mattarella-consegnamo-appello-al-presidente-raggiunte-250mila-firme_6OUNi1Dl9kAcGSgIab31Qj.

2)  Cfr. sul punto il Parere congiunto CIEB-OCTE sulla pretesa emergenza idrica del 30 giugno 2022: https://www.ecsel.org/wp-content/uploads/2022/06/Parere-sulla-pretesa-emergenza-idrica.pdf.

3)  Cfr. https://www.arpa.fvg.it/temi/temi/rumore/le-misure-di-inquinamento-acustico-in-presenza-di-disturbo-da-infrasuoni/.

4) Cfr. https://ilgiornaledellambiente.it/leolico-calabrese-affare-milionario/.

5) Ciò nonostante, la Cina ha singolarmente annunciato, al Climate Ambition Summit 2020, la riduzione del 65% delle proprie emissioni di CO2 entro il 2030.

5) Cfr. https://www.ecsel.org/wp-content/uploads/2022/06/Parere-OCTE-n%C2%B01.pdf.

 

 

 

Il testo originale del Parere è pubblicato sul sito: www.ecsel.org/octe

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Scienziati dimostrano che le auto elettriche olandesi vanno in realtà a combustibile fossile

Pubblicato

il

Da

Il prof. Guus Berkhout, fondatore e presidente di CLINTEL, un gruppo di 1.200 scienziati e professionisti del clima, ha scritto un editoriale nell’agosto 2020 su De Telegraaf, il principale quotidiano olandese, che dimostrava come la tanto decantata auto elettrica, che quindi va ad energia «pulita», va avanti in realtà grazie ai fossili combustibili.

 

Perché la domanda che non si vuol porre è: da dove viene l’elettricità per le batterie?

 

Il 77% è prodotto da carbone e gas naturale, il 13% da eolico e solare, il 5% dal legno e il 5% dal nucleare.

 

Pertanto, ha dimostrato il professore CLINTEL, l’82% dell’elettricità per l’auto elettrica proviene dagli idrocarburi nemici dell’Agenda verde.

 

Il professore ha quindi sottolineato che la produzione delle batterie è estremamente ostile all’ambiente, e ha ribadito come non si sia pensato allo smaltimento delle batterie delle auto elettriche, che sono pesanti e inquinanti.

 

Berkhout ha aggiunto che le auto elettriche, a causa della grande batteria, pesano più dell’auto tradizionale e quindi consumano più energia.

 

Il professore ha infine puntualizzato che quando è stato scritto il suo editoriale, il gestore della rete elettrica europea TenneT aveva avvertito che le sue risorse erano già al limite.

 

Si tratta del fenomeno paradossale – cioè, idiota – che vive la California, dove lo Stato vuole bandire le auto a benzina ma al contempo è sotto il peso dei blackout e della carenza di elettricità cagionata anche dagli Electric Vehicles (EV).

 

Di fatto, siamo arrivati alla situazione ridicola con il governo dello Stato americano che celebra al mattino la fine delle auto a combustione interna per poi chiedere al pomeriggio di non ricaricare l’auto, perché la rete elettrica potrebbe non reggere.

 

Il grottesco fu toccato nel giugno 2022 quando ad un evento di presentazione di una nuova auto elettrica della General Motors giornalisti TV chiesero ad un dirigente della compagnia elettrica della zona invitato all’evento da dove venisse la corrente delle colonnine di ricarica lì davanti a loro: «circa il 95% viene dal carbone».

 

In pratica, quasi l’intera ricarica dell’auto elettrica viene dalle inquinantissime centrali al carbone.

 

 

Le quali vi sono ancora, anche in Italia, grazie allo stupido antinuclearismo innestatosi nel Paese 40 anni fa.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari