Connettiti con Renovato 21

Essere genitori

Sorveglianza digitale: il vero motivo dietro la spinta a vaccinare i bambini

Pubblicato

il

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

«Il vero scopo dietro la storica e senza precedenti spinta a vaccinare i giovanissimi anche contro malattie come il COVID, che non rappresentano una minaccia per loro, è quello di introdurre l’attuale generazione di bambini nel fiorente sistema di identità digitale globale».

 

 

 

Il COVID-19 potrebbe aver colto di sorpresa gran parte del pianeta tra la fine del 2019 e l’inizio del 2020, ma gran parte delle basi per la tecnologia ora ampiamente utilizzata come «risposta» alla pandemia è stata concettualizzata e sviluppata anni prima.

 

Negli Stati Uniti e in tutto il mondo, c’è stata recentemente una forte spinta per implementare una varietà di regimi di «passaporto vaccinale», molti dei quali basati su tecnologie digitali come le applicazioni mobili per registrare – almeno finora – il proprio registro di vaccinazione COVID -19.

 

Gran parte delle basi per la tecnologia ora ampiamente utilizzata come «risposta» alla pandemia è stata concettualizzata e sviluppata anni prima

Questi «strumenti» vengono presentati da funzionari pubblici e sezioni significative dei media nelle ultime settimane e mesi come qualcosa di ineluttabile, una progressione tecnologica naturale come respirare.

 

Si presentano anche come «nuova» risposta a una crisi senza precedenti.

 

Queste applicazioni tecnologiche sono propagandate come un mezzo per mantenere aperte le attività commerciali e garantire la «tranquillità» per le persone ancora diffidenti a entrare negli spazi pubblici.

 

Ma quanto è nuova questa «nuova» tecnologia? E l’uso della tecnologia sarà limitato alle vaccinazioni COVID o alla «salute»?

 

 

«Alleanze» internazionali a sostegno della fusione di «Big Tech» e «Big Health»

Era l’inizio del decennio precedente, gennaio 2010, quando Bill Gates, tramite la Bill & Melinda Gates Foundation, dichiarò: «[dobbiamo] far sì che questo sia il decennio dei vaccini», aggiungendo che «l’innovazione consentirà di salvare tanti bambini come mai prima d’ora».

 

Nel lanciare questo cosiddetto «Decennio dei vaccini», la Fondazione Gates ha promesso un finanziamento di 10 miliardi di dollari. Ma Gates non era l’unico attore dietro questa iniziativa.

 

Ad esempio, il programma «Decennio dei vaccini» ha utilizzato un modello proveniente dalla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health per prevedere il potenziale impatto dei vaccini sulle morti infantili nel decennio a venire.

 

L’annuncio dell’iniziativa «Decennio dei vaccini» è stato dato all’incontro di quell’anno del World Economic Forum (WEF)

E l’annuncio dell’iniziativa «Decennio dei vaccini» è stato dato all’incontro di quell’anno del World Economic Forum (WEF).

 

Questi stessi attori – la Bill & Melinda Gates Foundation, la Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health e il WEF – hanno organizzato l’ormai famigerata simulazione della pandemia Event 201, nell’ottobre 2019, poco prima che il COVID entrasse nelle nostre vite.

 

Inoltre, nel 2010 è stato annunciato un «Piano d’azione globale sui vaccini» come parte di questa iniziativa. Si trattava di una collaborazione con l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS), l’UNICEF e l’Istituto nazionale per le allergie e le malattie infettive (NIAID), con il dott. Anthony Fauci nel consiglio direttivo.

 

Come ha dichiarato la Fondazione Gates all’epoca:

 

«Il Global Vaccine Action Plan consentirà un maggiore coordinamento tra tutti i gruppi di parti interessate – governi nazionali, organizzazioni multilaterali, società civile, settore privato e organizzazioni filantropiche – e identificherà politiche, risorse e altri divari critici che devono essere affrontati per realizzare la vita- potenziale di risparmio dei vaccini».

 

Il comitato direttivo per il «Piano d’azione globale sui vaccini» includeva un membro della GAVI Alliance. In particolare, l’annuncio iniziale del «Decennio dei vaccini» è stato fatto alla presenza di Julian Lob-Levyt, allora CEO di GAVI Alliance.

 

Cosa, o chi, è GAVI Alliance? Conosciuta anche come l’«Alleanza Vaccinale»», conduce una missione per «salvare vite e proteggere la salute delle persone» e afferma di «aiutare a vaccinare quasi la metà dei bambini del mondo contro malattie infettive mortali e debilitanti».

 

GAVI continua descrivendo la sua partnership principale con varie organizzazioni internazionali, inclusi nomi ormai familiari: l’OMS, l’UNICEF, la Fondazione Bill & Melinda Gates e la Banca Mondiale. (Lungi dall’aiutare i poveri del mondo, la Banca Mondiale è stata definita da un ex membro, John Perkins, come un’organizzazione che usa «sicari economici» per soggiogare paesi finanziariamente in difficoltà).

 

Nel 2018, GAVI, attraverso la sua iniziativa INFUSE (Innovation for Uupdate, Scale and Equity in Immunization), ha proposto i seguenti «spunti di riflessione»:

 

«Immaginate un futuro in cui tutti i bambini abbiano accesso a vaccini salvavita, indipendentemente da dove vivono, un futuro in cui i genitori e gli operatori sanitari assicurino la loro vaccinazione tempestiva, un futuro in cui abbiano il proprio libretto sanitario archiviato digitalmente che non può essere perso o rubato, un futuro in cui, indipendentemente dal genere, dalla posizione economica o sociale, questo record consente a ciascun bambino (e ai genitori) di avere accesso a un conto bancario, andare a scuola, accedere ai servizi e, infine, costruire una vita prospera».

 

«Con gli ultimi progressi nelle tecnologie digitali che mettono a disposizione sistemi più efficaci di registrare, identificare le nascite e rilasciare prove di identità e autenticazione per l’accesso ai servizi, siamo sul punto di costruire un futuro più sano e prospero per i bambini vulnerabili del mondo» GAVI, progetto INFUSE

«Questo futuro è possibile oggi. Con gli ultimi progressi nelle tecnologie digitali che mettono a disposizione sistemi più efficaci di registrare, identificare le nascite e rilasciare prove di identità e autenticazione per l’accesso ai servizi, siamo sul punto di costruire un futuro più sano e prospero per i bambini vulnerabili del mondo».

 

Questo si realizzerebbe, secondo GAVI, attraverso l’iniziativa INFUSE, in particolare «richiedendo innovazioni che sfruttino le nuove tecnologie per modernizzare il processo di identificazione e registrazione dei bambini che hanno più necessità di vaccini salvavita».

 

Come scrive il giornalista investigativo Leo Hohmann:

 

«Non lasciatevi confondere dal “costruire un futuro più sano e più prospero”. È solo una facciata. Si tratta di raccolta dati e non ha nulla a che fare con la salute».

 

«Il vero scopo dietro la storica e senza precedenti spinta a vaccinare i giovanissimi anche contro malattie come il COVID, che non rappresentano una minaccia per loro, è quello di inserire l’attuale generazione di bambini nel fiorente sistema di identità digitale globale».

 

La stessa GAVI ha confermato la dichiarazione di cui sopra, poiché ha descritto i potenziali usi di queste «nuove tecnologie» che vanno oltre il rilascio di una «tessera sanitaria digitale per bambini» verso l’«accesso ad altri servizi», compresi i «servizi finanziari» nel senso più ampio del termine.

 

«Il vero scopo dietro la storica e senza precedenti spinta a vaccinare i giovanissimi anche contro malattie come il COVID, che non rappresentano una minaccia per loro, è quello di inserire l’attuale generazione di bambini nel fiorente sistema di identità digitale globale»

Le limitazioni all’«accesso» a tali «altri servizi» sono già evidenti nelle giurisdizioni in cui i passaporti COVID limitano l’accesso ad aziende, banche e altri spazi privati per i non vaccinati

 

La GAVI Alliance collabora strettamente anche con l’Alleanza ID2020, fondata nel 2016, che dichiara di sostenere «approcci etici e di protezione della privacy all’ID digitale», aggiungendo che «elaborare correttamente l’ID digitale significa proteggere le libertà civili».

 

Non sorprende che non vengano forniti chiarimenti in merito alla potenziale perdita delle libertà civili per gli individui che scelgono, per qualsiasi motivo, di non essere vaccinati e che sono quindi esclusi da ampie fasce della società nelle aree in cui sono stati implementati e imposti i passaporti COVID.

 

Tale retorica da parte di ID2020 ricorda le dichiarazioni pubbliche rilasciate dall’Unione Europea (UE) mentre si preparava a lanciare il suo cosiddetto «Green Pass» all’inizio di quest’anno.

 

Funzionari dell’UE, come il presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen – che ha recentemente chiesto una «discussione» sulle vaccinazioni obbligatorie nell’UE – hanno fatto di tutto per sottolineare che la privacy delle persone sarebbe stata protetta.

 

In un modo che alcuni potrebbero considerare fuori tono, hanno ulteriormente sottolineato che un tale pass digitale consentirebbe alle persone di «muoversi in sicurezza» per «lavoro o turismo», come se la libera circolazione fosse un nuovo concetto che solo un pass digitale potrebbe rendere possibile.

 

Ancora una volta, le restrizioni sui non vaccinati, comprese quelle relative a «lavoro o turismo», erano del tutto assenti dalla retorica pubblica che circondava questa nuova misura.

 

Evidenziando le opportunità che la collaborazione GAVI-ID2020 potrebbe aprire, il bando INFUSE per l’innovazione afferma:

 

«Secondo l’Alleanza ID2020 – una partnership pubblico-privata che include GAVI – l’uso delle tessere sanitarie digitali per i bambini potrebbe migliorare direttamente i tassi di copertura garantendo una registrazione verificabile e accurata e spingendo i genitori a portare i propri figli per la dose successiva.

 

«Dal punto di vista dei genitori, i documenti digitali possono essere pratici per tenere traccia dei vaccini di un bambino ed eliminare scartoffie inutili».

 

«E man mano che i bambini crescono, la loro tessera sanitaria digitale può essere utilizzata per accedere a servizi secondari, come la scuola primaria, o facilitare il processo di ottenimento di credenziali alternative. In effetti, la tessera sanitaria digitale potrebbe, a seconda delle esigenze e della disponibilità del Paese, diventare potenzialmente il primo passo per stabilire un’identità legale ampiamente riconosciuta»

«E man mano che i bambini crescono, la loro tessera sanitaria digitale può essere utilizzata per accedere a servizi secondari, come la scuola primaria, o facilitare il processo di ottenimento di credenziali alternative. In effetti, la tessera sanitaria digitale potrebbe, a seconda delle esigenze e della disponibilità del Paese, diventare potenzialmente il primo passo per stabilire un’identità legale ampiamente riconosciuta».

 

Tutte queste proposte e iniziative sembrano, a loro volta, essere strettamente allineate con gli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite, e in particolare con l’obiettivo 16.9, che prevede la fornitura di un’identità giuridica digitale per tutti, compresi i neonati, entro il 2030.

 

A tal fine, nel 2018 le Nazioni Unite hanno istituito la task force dell’agenda sull’identità giuridica delle Nazioni Unite. Nel maggio 2021, questa task force, insieme al Programma di sviluppo delle Nazioni Unite e a una varietà di attori del settore privato, ha organizzato sessioni della tavola rotonda «Future of Technology and Institutional Governance in Identity Management».

 

Il rapporto ONU: espansione dei partenariati pubblico-privato per l’ulteriore sviluppo e attuazione dei regimi di identificazione digitale in tutto il mondo, incluso il Sud del mondo.

Il rapporto finale di queste sessioni indica, tra le altre cose, il desiderio delle parti interessate per l’espansione dei partenariati pubblico-privato per l’ulteriore sviluppo e attuazione dei regimi di identificazione digitale in tutto il mondo, incluso il Sud del mondo.

 

Una delle parti interessate presenti, la Secure Identity Alliance, senza scopo di lucro, ribadisce il suo sostegno «per fornire un’identità legale e affidabile per tutti e guidare lo sviluppo di servizi digitali inclusivi necessari per la crescita e prosperità economica sostenibile e mondiale».

 

Un documento pubblicato a luglio dalla Security Identity Alliance parla di «rendere i certificati sanitari una realtà attuabile».

 

Uno dei cinque principi che il documento propone per tali passaporti sanitari è che sono «a prova di futuro», offrendo «funzionalità multiuso» al fine di «assicurare un valore continuo oltre l’attuale crisi».

 

La Secure Identity Alliance annovera tra i suoi osservatori autorità governative di paesi come Germania, Paesi Bassi, Estonia, Slovenia, Emirati Arabi Uniti, Nigeria e Guinea.

 

Inoltre, uno dei fondatori e attuali membri del consiglio è il Thales Group, una società privata coinvolta nell’aerospazio, nella difesa e nella sicurezza, in breve, appaltatore della Difesa.

 

I documenti disponibili in questo Digital ID Wallet vanno oltre le «credenziali sanitarie» e includono carte d’identità nazionali, patenti di guida e qualsiasi altro documento ufficiale

Sul suo sito web, il Thales Group promuove con orgoglio la sua «Tessera sanitaria intelligente» e la tecnologia Digital ID Wallet. Tra un linguaggio utopico che afferma «siamo pronti per il cambiamento» e «mettere sotto controllo i cittadini», il Digital ID Wallet promette al pubblico la possibilità di «accedere ai diritti e ai servizi a cui abbiamo diritto».

 

In effetti, i documenti disponibili in questo Digital ID Wallet vanno oltre le «credenziali sanitarie» e includono carte d’identità nazionali, patenti di guida e qualsiasi altro documento ufficiale.

 

Numerosi Paesi del mondo, compresi gli Stati Uniti, si trovano attualmente in diverse fasi di implementazione proprio di questo tipo di «portafoglio digitale».

 

 

Fare un passo (o più) avanti con i «passaporti sanitari»: i regimi dei portafogli digitali prendono forma

Il 30 novembre la Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato l’HR 550, l’Immunization Infrastructure Modernization Act del 2021.

 

Se approvata dal Congresso, questa legge fornirebbe finanziamenti per 400 milioni di dollari allo scopo di espandere i sistemi di tracciamento dei vaccini a livello statale e locale, consentendo ai funzionari sanitari statali di monitorare lo stato di vaccinazione dei cittadini americani e di fornire queste informazioni al governo federale.

 

I passaporti vaccinali e le liste nere per i non vaccinati – un concetto per il quale Fauci ha espresso il suo sostegno – potrebbero essere creati secondo la legge.

 

Il disegno di legge, presentato dalla deputata Annie Kuster (NH-02), è passato alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti con 294 voti, tutti i democratici e 80 repubblicani. Ora è all’esame del Senato, dove è al vaglio della commissione per la salute, l’istruzione, il lavoro e le pensioni.

 

Da quando è stato approvato dalla Camera, il disegno di legge ha riscosso una discreta attenzione: altri recenti sviluppi dell’identificazione digitale negli Stati Uniti, tuttavia, sembrano essere rimasti relativamente sotto il radar.

 

Apple ha annunciato una partnership con otto Stati – Arizona, Connecticut, Georgia, Iowa, Kentucky, Maryland, Oklahoma e Utah – per rendere disponibili le patenti di guida dei rispettivi stati in formato digitale tramite la piattaforma Apple Wallet

A settembre, ad esempio, Apple ha annunciato una partnership con otto Stati – Arizona, Connecticut, Georgia, Iowa, Kentucky, Maryland, Oklahoma e Utah – per rendere disponibili le patenti di guida dei rispettivi stati in formato digitale tramite la piattaforma Apple Wallet.

 

Nel frattempo, altri Stati, tra cui New York (tramite il suo «Excelsior Pass») e il Connecticut, hanno introdotto il proprio certificato di vaccinazione COVID digitale.

 

In modo simile a quello con cui l’UE ha promosso i passaporti vaccinali, queste iniziative a livello statale negli Stati Uniti sono propagandate come un mezzo per riaprire «in sicurezza» l’economia e incoraggiare i viaggi e gli spostamenti.

 

In effetti, New York è arrivata al punto da rendere disponibile un «progetto» della sua piattaforma di pass per i vaccini, «come guida per assistere altri stati, territori ed entità nell’espansione dei sistemi di credenziali del vaccino COVID-19 compatibili per far progredire gli sforzi di sviluppo economico a livello nazionale».

 

Guardando all’UE, una delle priorità del blocco nell’ambito del suo piano quinquennale 2019-2024 è creare una «identità digitale per tutti i cittadini europei». Vale a dire, ogni cittadino e residente dell’UE avrebbe accesso a un «portafoglio digitale personale» nell’ambito di questa iniziativa.

 

Questo «portafoglio digitale personale» potrebbe includere documenti come carte d’identità nazionali, certificati di nascita, certificati medici e patenti di guida.

 

L’UE ha successivamente presentato i suoi piani per il «Decennio digitale europeo», in cui sotto il «Digital Compass» dell’UE, il 100% dei servizi pubblici chiave sarà disponibile in formato digitale, con un obiettivo di utilizzo dei documenti di identificazione digitale dell’80%.

 

Già diversi Stati membri dell’UE stanno entrando in azione.

 

La Germania, che dispone di carte d’identità nazionali elettroniche (tramite chip biometrici) dal 2010, ha introdotto le versioni digitali di queste carte d’identità lo scorso autunno, tramite l’AusweisApp2. Nella stessa app sono disponibili digitalmente le patenti di guida tedesche.

 

Germania e Spagna hanno recentemente firmato un accordo per avviare un programma transfrontaliero per l’identificazione digitale

Inoltre, Germania e Spagna hanno recentemente firmato un accordo per avviare un programma transfrontaliero per l’identificazione digitale, che comporterebbe il riconoscimento reciproco dei rispettivi documenti digitali ufficiali

 

Anche la Francia ha recentemente annunciato l’ intenzione di integrare la propria carta d’identità nazionale con gli smartphone.

 

La Grecia ha ricevuto elogi dalla stampa globale quando ha introdotto strumenti digitali particolarmente draconiani durante i due lockdown per il COVID, come una piattaforma SMS del governo a cui i residenti avrebbero dovuto inviare un messaggio di testo per poter circolare in pubblico per una serie limitata di «ragioni».

 

Più di recente, la Grecia ha annunciato l’imminente creazione di un portafoglio digitale che conterrà documenti come la carta d’identità nazionale, la patente di guida e la documentazione sanitaria.

 

L’Estonia, considerata leader mondiale nell’introduzione dell’e-governance digitale e che dispone di carte d’identità digitali dal 2002, sta preparando il proprio sistema di portafoglio digitale mentre esprime sostegno al «Digital Compass» dell’UE.

 

La Grecia ha annunciato l’imminente creazione di un portafoglio digitale che conterrà documenti come la carta d’identità nazionale, la patente di guida e la documentazione sanitaria

Al di fuori dell’Europa, anche molti altri paesi hanno ampliato i loro regimi di identificazione digitale in vari modi.

 

In Australia, ad esempio, stati come il New South Wales, il South Australia e il Queensland hanno introdotto o testato le patenti di guida digitali.

 

È in India, tuttavia, che tali documenti digitali sembrano aver generato finora il maggior grado di controversia.

 

La Ayushman Bharat Digital Mission è stata annunciata nel 2020 e lanciata come programma pilota in sei regioni dell’India nel 2021. È un’app che fornisce un ID sanitario digitale univoco a ciascun cittadino ed è collegata alla sua cartella sanitaria personale.

 

In Australia, ad esempio, stati come il New South Wales, il South Australia e il Queensland hanno introdotto o testato le patenti di guida digitali

La sua istituzione segue le orme dello sviluppo di Aadhaar, il sistema di carte d’identità digitale nazionale dell’India.

 

Aadhaar ha generato polemiche sui piani del governo di collegarlo al database nazionale degli elettori, mentre è stato anche bersaglio di hacker.

 

 

Le domande sorgono man mano che vengono lanciate più piattaforme digitali per «scopi ufficiali»

Il lancio delle piattaforme digitali solleva interrogativi sulla sicurezza dei dati delle persone su queste piattaforme digitali, nonostante le rassicurazioni del governo in merito alla privacy.

 

Inoltre, non è chiaro per quanto tempo i «passaporti COVID», in formato digitale o cartaceo, rimarranno in vigore o se i governi intendano rendere permanente tale regime.

 

In un recente articolo su The Atlantic, «Perché non stiamo nemmeno parlando di allentare le restrizioni COVID?» ci si chiede perché gli obblighi dei passaporti vaccinali negli Stati Uniti non abbiano una data di scadenza.

 

La gamma di modi in cui i portafogli digitali possono essere potenzialmente utilizzati è sbalorditiva, incluso, ad esempio, il tracciamento delle «quote di carbonio personali»

In effetti, se la proclamazione della Secure Identity Alliance sulla necessità «a prova di futuro» di tali documenti digitali è un’indicazione, potrebbe essere il caso che i governi non abbiano intenzione di eliminare i passaporti vaccinali.

 

Anche se tali usi specifici dei «passaporti» digitali alla fine scompariranno, la gamma di modi in cui i portafogli digitali possono essere potenzialmente utilizzati è sbalorditiva, incluso, ad esempio, il tracciamento delle «quote di carbonio personali», come riportato in precedenza da The Defender.

 

 

Michael Nevradakis, Ph.D.

 

 

Traduzione di Alessandra Buoni

 

© 15 dicembre 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Essere genitori

La Norvegia indaga su adozioni illegali dallo Sri Lanka: coinvolti 11mila bambini

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Colombo aveva rivelato i dati nel 2017, ma dopo una serie di vicende Oslo ha deciso di istituire una commissione per un’indagine indipendente. Negli anni ’70 erano diffuse le baby farm, dove bambini srilankesi venivano venduti con documenti falsi alle coppie europee. Alcuni ricordano che in questo modo sono scomparsi fratelli e sorelle più piccoli.

 

 

 

Il governo della Norvegia ha deciso di indagare sulle adozioni dallo Sri Lanka avvenute a partire dagli anni ‘80 del secolo scorso dopo la scoperta di alcune pratiche illegali che avrebbero coinvolto – secondo dati srilankesi – almeno 11mila bambini.

 

In una dichiarazione rilasciata al giornale Verdens Gang (Vg), la ministra norvegese per l’Infanzia e la Famiglia, Kjersti Toppe, ha spiegato che l’esecutivo ha deciso di condurre un’indagine indipendente a riguardo istituendo una commissione che passerà al vaglio lo storico delle adozioni.

 

Negli anni ‘70 in Sri Lanka esistevano diverse «baby farm» (fattorie di bambini) che vendevano minori alle coppie europee dando loro documenti falsi. Secondo quanto ammesso dalle autorità del Paese nel 2017, circa 11 mila bambini sono stati venduti in modo fraudolento per essere adottati all’estero, mentre fonti del ministero delle Donne e dell’Infanzia dello Sri Lanka hanno rivelato ad AsiaNews che già nel 2021 l’organizzazione «Romanticized Immigration», guidata dalla direttrice Priyangika Samanthie (una norvegese adottata da piccola dallo Sri Lanka), aveva chiesto di condurre un’indagine sulle adozioni internazionali.

 

Sanuth Nakalanda, attivista di una ong che ha partecipato a un’indagine sul campo, ha spiegato che «la questione sulle adozioni è venuta alla luce quando una donna olandese adottata dallo Sri Lanka ha cercato i suoi genitori biologici. Durante le ricerche è emerso che tutti i documenti erano stati falsificati. Questo racket delle adozioni faceva parte della mafia delle baby farm: la cittadina olandese ha intentato una causa in tribunale e per questo business corrotto l’adozione da Paesi non europei è stata vietata per un certo periodo nei Paesi Bassi».

 

Chathura Semage, residente ad Ampara, nella Provincia Orientale, ricorda ancora il giorno in cui un’auto bianca si è allontanata con all’interno la madre Karunawathie Semage e la sorella di due anni, Damayanthi, mentre lei e il fratello minore Dilan erano rimasti a casa. Tornata a casa la sera, la madre era sola. Quando i figli le hanno chiesto informazioni sulla sorella, la donna ha risposto che era stata data in adozione.

 

«Questa vicenda è avvenuta nel 1986 o nel 1987. Ricordo che avevo circa 10 anni. Era un periodo in cui mia madre lottava per sopravvivere. Ricordo che una persona venne a trovarci più volte e ci consegnò dei soldi a rate. Quando ci salutammo, non pensai mai che mia sorella Damyanthi stesse per andare all’estero e che sarebbe stata l’ultima volta che l’avrei vista. Mi è dispiaciuto che mia sorella sia stata data in adozione, anche se capisco che mia madre non aveva altra scelta dopo che nostro padre ci aveva lasciati».

 

Karunawathie era stata pagata 1.800 rupie srilankesi (circa 55 dollari all’epoca) per la figlia: «Non biasimo mia madre, anche se non ho mai più rivisto mia sorella. Mia madre non era in grado di sfamare tre di noi».

 

In seguito Chathura ha saputo che la persona che era andata a trovarli era il «broker di una baby farm» di Kochchikade, un sobborgo di Colombo, gestito da una funzionaria di un tribunale e da suo marito, che facevano da intermediari organizzando adozioni per coppie straniere, per lo più norvegesi e olandesi.

 

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni

 

 

 

 

Immagine di Aidan Jones via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0); immagine modificata.

 

 

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

Disegni disturbanti: ecco gli effetti dei lockdown sui bambini

Pubblicato

il

Da

Un professore associato di psicologia ha rivelato inquietanti disegni di bambini in lockdown COVID che mostrano temi di morte, perdita, solitudine e restrizione. Lo riporta il quotidiano britannico Daily Mail.

 

In uno studio del dott. Richard Jolley e dei co-ricercatori dott.ssa Sarah Rose, dott.ssa Richard Jolley e dott.ssa Claire Barlowe della Staffordshire University, a 68 bambini tra i 4 e i 14 anni è stato chiesto di riflettere riguardo la loro esperienza con il COVID disegnando cosa sentono e cosa pensano.

 

Un bambino ha disegnato una figura angosciata con tutti e quattro gli arti legati a quello che sembra un letto d’ospedale e ha scritto «legato».

 

 

Un altro ha disegnato una cellula COVID personificata accanto a un’immagine sconvolta di se stesso intitolando l’opera «penso che il COVID sia felice e mi ha rubato il sorriso».

 

Altri temi comuni dei disegni infantili includevano mobili ed edifici mentre sette bambini presentavano la morte e la perdita nel loro lavoro.

 

«Lo studio ha evidenziato che gli impatti dei lockdown sui bambini includevano una maggiore solitudine, una ridotta attività fisica e una diminuzione del benessere mentale» scrive il Daily Mail.

 

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

Bambini con gravi problemi di salute mentale, aumento del 39% in Inghilterra

Pubblicato

il

Da

I dati mostrano che più di un milione di bambini ha bisogno di cure per gravi problemi di salute mentale, compresi i disturbi alimentari, da quando sono stati imposti i blocchi in Inghilterra.

 

Dati del NHS – il Servizio Sanitario nazionale britannico – analizzati dall’agenzia stampa PA mostrano un aumento del 39% in un anno di visite prescritte per il trattamento della salute mentale del NHS per i minori di 18 anni, arrivati a 1.169.515 nel 2021-2022, riporta Epoch Times.

 

Nell’anno precedente dal 2020 al 2021, la cifra era stata di 839.570. Dal 2019 al 2020 ci sono stati 850.741 visite prescritte.

 

I dati a livello inglese includono bambini con tendenze suicide, autolesionisti, che soffrono di grave depressione o ansia e quelli con disturbi alimentari.

 

Anche i ricoveri ospedalieri per disturbi alimentari sono in aumento tra i minori di 18 anni.

 

Ci sono stati 7.719 ricoveri nel 2021/22, rispetto ai 6.079 dell’anno precedente e 4.232 nel 2019/20, con un aumento dell’82% in due anni.

 

«Quando i lockdown e la pandemia hanno colpito, ciò ha avuto davvero un effetto così negativo su molti bambini», ha dichiarato Elaine Lockhart, presidente della facoltà di psichiatria infantile e adolescenziale del Royal College of Psychiatrists, parlando di una «intera gamma» di malattie tra cui psicosi, pensieri suicidi e grave disturbo d’ansia.

«Coloro che stavano bene sono diventati vulnerabili e quelli che erano vulnerabili si sono ammalati (…) E parte di ciò riguardava i bambini stessi che si sentivano molto svincolati dalla vita quotidiana che li sostiene, ma vedevano anche i propri genitori avere difficoltà, e poi quell’accresciuto senso collettivo di ansia e perdita di controllo che tutti noi avevamo davvero colpito i bambini».

 

I dati mostrano che l’anoressia è il disturbo alimentare più comune che porta al ricovero in ospedale tra tutte le età, con 10.808 ricoveri nel 2021/22.

 

La bulimia è la seconda più comune, con 5.563, mentre altri disturbi alimentari hanno rappresentato 12.893 ricoveri.

 

Come riportato da Renovatio 21, negli ultimi mesi anche alcuni dati italiani sembrano confermare il fenomeno, a partire dal forte aumento del consumo pediatrico di psicofarmaci durante la pandemia.

 

L’Italia è stata teatro  di multipli casi di suicidio riusciti, lo stesso giorno, e senza correlazione tra le persone, con un +75% di casi di tentato suicidio di bambini rilevati dall’ospedale Bambin Gesù.

 

Per quanto riguarda l’anoressia, essa non solo è aumentata in lockdown, ma pare addirittura essere scesa di anni: ora i primi segni del disturbo comparirebbero nelle bambine di 8 anni.

 

Come scritto da Renovatio 21, ancora due anni fa, è indiscutibile che le restrizioni pandemiche abbiano trasformato i nostri figli in senso negativo, rendendoli più malati (è l’ipotesi recente dell’inspiegabile apparizione delle epatiti infantili), ma anche più violenti (con il grande incremento di atrocità, sempre più belluine e spudorate, commesse anche da adolescenti anche fuori dalle baby gang) e infine suicidi, come testimoniato del resto in tutto il mondo – nel Regno Unito è stato calcolato nel 2020 che, stando ai numeri, un bambino ha 10 volte più probabilità di morire per suicidio che non per COVID. Un anno fa emerse che forse 25 erano morti di COVID, centinaia erano morti invece per suicidio e traumi.

 

Anche nel lontano Vietnam, si è registrato un inaspettato aumento di suicidi nelle scuole riaperte dopo le chiusure pandemiche. Suicidi giovanili in aumento perfino in un Paese specializzato sul tema, il Giappone.

 

Il Nevada nel 2020 fu il primo Stato a porsi seriamente il problema di riaprire le scuole il prima possibile dopo che si verificò un’ondata di suicidi tra i ragazzini, che di fatto raddoppiò il tasso usuale.

 

Secondo la Royal Society Open Science, in Gran Bretagna i lockdown hanno portato alla depressione almeno 60 mila bambini.

 

Non mancano gli studi per cui la pandemia abbia prodotto bambini con turbe psichichequoziente intellettivo inferiore e con ritardi dello sviluppo psicologico, in ispecie riguardo l’apprendimento della lingua e il riconoscimento dei volti umani – qualcosa per il quale secondo gli esperti dobbiamo ringraziare l’uso della mascherina.

 

 

Continua a leggere

Più popolari