L’Egitto apre una centrale nucleare

 

 

Nell’ultima settimana è stato ampiamente riportato dalla stampa araba che l’Autorità egiziana per la centrale nucleare (NPPA) ha confermato il rilascio del permesso per la prima centrale nucleare dell’Egitto.

 

La costruzione inizierà nella seconda metà del 2021.  Situato sul Mar Mediterraneo, a ovest di Alessandria, l’impianto conterrà  quattro reattori, completamente costruiti dalla russa Rosatom. Ogni reattore sarà un reattore ad acqua pressurizzata di terza generazione, in grado di produrre 1,2 gigawatt, insieme a caratteristiche di sicurezza migliorate (antisismica e antiterrorismo), riporta EIRN.

 

L’Autorità egiziana per la centrale nucleare (NPPA) ha confermato il rilascio del permesso per la prima centrale nucleare dell’Egitto

Il primo reattore è previsto online nel 2026 e la messa in servizio degli altri tre entro il 2028. Una volta completato, il complesso di quattro reattori aggiungerà 4,8 GW (circa il 15%) alla rete egiziana.

 

L’Egitto è uno dei pochi paesi in Africa in cui il 99% dei cittadini ha accesso all’elettricità, secondo la Banca mondiale. Non sorprende che ci sia una grande attesa intorno a questo impianto, la cui discussione risale al 2006.

 

L’agenzia nucleare russa Rosatom ha formato personale tecnico dal 2014 e nel 2015 ha approvato il piano di finanziamento, in cui l’appaltatore russo fornirà 25 miliardi di dollari prestito, previsto per coprire l’85% della costruzione Secondo quanto riferito, il prestito ha un periodo di rimborso di 22 anni, con un tasso di interesse del 3%.

L’impianto conterrà  quattro reattori, completamente costruiti dalla russa Rosatom

 

La Russia gode di ottimi rapporti con l’attuale uomo forte del Cairo, Abdel Fattah al-Sisi, con il quale è materialmente impegnata nel sostegno nella limitrofa Libia del generale Haftar e delle sue truppe. Gli interessi energetici italiani sono doppiamente incrociati con il Cairo, visto che l’ENI, oltre che in Libia, sta lavorando su un giacimento nelle acque territoriali egiziane.

 

Tutto l’estenuante caso di Giulio Regeni, ossessione di partiti e forze progressiste varie in Italia, va inserita in questo contesto; da parte nostra vorremmo comunque sapere qualcosa di più sui professori britannici che hanno mandato il ragazzo friulano in Egitto.

 

La Russia gode di ottimi rapporti con l’attuale uomo forte del Cairo, Abdel Fattah al-Sisi, con il quale è materialemente impegnata nel sostegno nella limitrofa Libia del generale Haftar

L’Egitto si trova ora in una corsa per costruire la seconda centrale nucleare dell’Africa, in competizione con il Kenya, che sta lavorando con la Corea per costruire un impianto nell’Oceano Indiano.

 

I piani del Kenya sono in fase di revisione da parte della sua National Environment Authority. L’impianto egiziano di El Dabaa ha già ottenuto l’approvazione ambientale ed è stato certificato dall’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (AIEA).

 

Come riportato da Renovatio 21, Kenya e Egitto sono ora in conflitto per la costruzione da parte dei kenyoti di una diga sul Nilo.

L’Italia denuclearizzata dal referendum del 1986 si trova ora circondata da centrali nucleari anche sulla sponda meridionale:  ora ne avremo una anche affacciata sul Mare Nostrum

 

È interessante comprendere che l’Italia denuclearizzata dal referendum del 1986 si trova ora circondata da centrali nucleari anche sulla sponda meridionale: dopo Svizzera, Francia, e tutte le altri centrali europee praticamente ai nostri confini, ora ne avremo una anche affacciata sul Mare Nostrum. Magari, come facciamo con tutte le altri centrali atomiche, compreremo energia pure da loro.

 

Un nuovo giro del gran ballo dell’ipocrisia atomica italiana.