Le donne scelgono di non avere figli a causa dei cambiamenti climatici

 

 

Poiché l’ambiente globale diventa sempre più precario e la minaccia del cambiamento climatico cresce con la quantità dell’onnipresente propaganda a riguardo, un numero crescente di persone sceglie di non avere figli a causa delle preoccupazioni per il futuro.

 

Diverse donne hanno detto Yahoo che vedono il non avere figli come un modo per ridurre il loro impatto complessivo sull’ambiente e anche come atto di compassione verso le generazioni future. Non vogliono portare i bambini in un mondo devastato dal cambiamento climatico e, non avendo figli, le risorse non saranno così tese per coloro che lo fanno.

 

Vedono il non avere figli come un modo per ridurre il loro impatto complessivo sull’ambiente e anche come atto di compassione verso le generazioni future

«La crisi climatica in particolare mi porta molta ansia, soprattutto perché abbiamo iniziato a vedere più degli impatti di incendi, temperature estreme e sfollamento di comunità», ha detto a Yahoo una donna di nome Madrid .

 

«La mancanza di urgenza da parte dei politici per affrontare adeguatamente questi problemi mentre c’è un’inevitabile minaccia di disastro ambientale e una carenza di risorse è piuttosto spaventosa».

 

«Quindi, se ci fosse mai un reale desiderio di diventare genitori, sarebbe ampiamente controbilanciato dal fatto che riteniamo di non essere attualmente in grado di fornire un ambiente e un futuro sicuri per i nostri figli», ha aggiunto Madrid.

Non vogliono portare i bambini in un mondo devastato dal cambiamento climatico e, non avendo figli, le risorse non saranno così tese per coloro che lo fanno

 

Quasi tutti gli americani che hanno risposto a un piccolo sondaggio pubblicato sulla rivista Climatic Change lo scorso novembre hanno affermato di essere «molto» o «estremamente» preoccupati per il benessere dei bambini nelle generazioni future che devono affrontare impatti dei cambiamenti climatici anche peggiori di quelli che noi abbiamo stai affrontando oggi.

 

«Parlare più apertamente della mia decisione potrebbe almeno indurre più persone a pensare a cosa si può fare di più per proteggere i propri figli», ha detto Madrid a Yahoo .

 

Per alcune delle donne che hanno parlato con Yahoo, l’atto di non avere figli rappresentava un modo per esercitare il controllo personale su una crisi globale che è, in gran parte, fuori dalle loro mani.

L’atto di non avere figli rappresentava un modo per esercitare il controllo personale su una crisi globale che è, in gran parte, fuori dalle loro mani

 

«Siamo stati addestrati per vedere che si riduce a questa decisione individuale”, ha detto a Yahoo Josephine Ferorelli, cofondatrice dell’organizzazione Conceivable Future, incentrata sul cambiamento climatico e sulla «giustizia riproduttiva». «Siamo stati addestrati per considerarlo l’unico posto in cui abbiamo potere».

 

Il lettore lo può capire senza tanto sforzo: l’ambientalismo apocalittico, con la favola nera del Cambiamento Climatico che oramai aleggia su tutto, altro non è che una maschera della Necrocultura.

 

Il vero fine dell’ambientalismo, del mondo dei «diritti riproduttivi», e di una porzione via via più enorme della medicina moderna è solo e semplicemente questo: diminuire la popolazione, cioè far decrescere sul pianeta l’essere umano. Che, ricordiamolo, per alcuni di noi è Imago Dei, a immagine di Dio: quindi, chi può quindi desiderare la sparizione dell’uomo?

L’ambientalismo apocalittico, con la favola nera del Cambiamento Climatico che oramai aleggia su tutto, altro non è che una maschera della Necrocultura

 

Alle povere ragazze intervistate su Yahoo, che quasi certamente vanno incontro ad una vita, se non infelice, assai incompleta, sarebbe da ricordare come storicamente la loro idea vada rovesciata: non sono le teorie di controllo delle nascite che nascono dall’ambientalismo; al contrario, furono soggetti dell’oligarcato transnazionale mondiale come il Club di Roma di Aurelio Peccei a creare i presupposti dell’ecologismo, per esempio finanziando seminali studi come quello del MIT chiamato I limiti dello sviluppo (1972).

 

L’ambientalismo contemporaneo è uno strumento anti-umano: chi non l’ha ancora capito, apra gli occhi. Altrimenti, chiedetevi perché in pratica nessun ente ufficiale di difesa ecologica ha preso posizione contro fattori di inquinamento biologico massivo come i vaccini, i farmaci sterilizzanti, gli psicofarmaci.