L’assassinio del fisico nucleare iraniano: una trappola per Trump?

 

 

 

Quanto accaduto in Persia poche ore fa potrebbe essere legato a strategie per cacciare definitivamente dalla Casa Bianca il presidente Donald J. Trump.

 

«Il brutale assassinio del principale scienziato nucleare iraniano Mohsen Fakhrizadeh deve essere visto per quello che è stato: un atto di terrorismo» scrive l’attivista tedesco-americana Helga Zepp-Larouche.

 

È giusto chiamare le cose con il proprio nome: siamo incontrovertibilmente alle prese con una forma di terrorismo di Stato sempre più sanguinario e tracotante.

 

«Questo terribile sviluppo ha il potenziale per funzionare come una trappola per il presidente Donald Trump, che ora sta combattendo per dimostrare la massiccia frode elettorale che è stata usata nel tentativo di rubare la sua rielezione a un secondo mandato».

«Questo terribile sviluppo, che i leader iraniani attribuiscono a Israele (che ha assassinato altri scienziati iraniani), ha il potenziale per funzionare come una trappola per il presidente Donald Trump, che ora sta combattendo per dimostrare la massiccia frode elettorale che è stata usata nel tentativo di rubare la sua rielezione a un secondo mandato».

 

Anche qui, si rivela corretta l’idea che il vero nemico di Trump – e, ora, della pace – siano i media, i quali imbeccati da chi di dovere stanno propalando a piene mani la narrativa tossica dello scontro imminente con Teheran.

 

Si tratta di un diversivo? Di un modo per distrarre le forze di Trump dalla battaglia per la Casa Bianca? Un progetto per delegittimare la sua leadership per liquidarlo approfittando del momentum?

 

«Il presidente Trump ha chiesto di porre fine alle malvagie guerre di “cambio di regime” lanciate dai presidenti Bush e Obama e ha recentemente rimosso i comandanti militari che si sono rifiutati di eseguire i suoi ordini per rimuovere le forze statunitensi da queste guerre»

«Sebbene la pianificazione e l’approvazione dell’assassinio non siano ancora chiare – continua la Larouche – alcuni iraniani e media di fake news come il New York Times negli Stati Uniti, suggeriscono che gli Stati Uniti abbiano approvato l’omicidio, poiché sono stati gli Stati Uniti a eseguire a gennaio l’omicidio via drone di Qassem Soleimani, il capo del Corpo delle guardie rivoluzionarie iraniane».

 

Fino ad oggi, Trump ha mantenuto la promessa di «portare a casa i ragazzi», cioè di far cessare le guerre statunitensi in giro per il globo che tanta morte e devastazione hanno causato.

 

«Il presidente Trump ha chiesto di porre fine alle malvagie guerre di “cambio di regime” lanciate dai presidenti Bush e Obama e ha recentemente rimosso i comandanti militari che si sono rifiutati di eseguire i suoi ordini per rimuovere le forze statunitensi da queste guerre».

 

«Il più grande pericolo derivante dal recente assassinio è che gli Stati Uniti potrebbero essere trascinati in una guerra con l’Iran, che potrebbe trasformarsi rapidamente in una nuova guerra mondiale con Russia e Cina».

La posta in gioco nello scacchiere geopolitico è, quindi, a dir poco esiziale.

 

«Il più grande pericolo derivante dal recente assassinio è che gli Stati Uniti potrebbero essere trascinati in una guerra con l’Iran, che potrebbe trasformarsi rapidamente in una nuova guerra mondiale con Russia e Cina».

 

Aggiungiamo noi di Renovatio 21: la realtà è che forse l’unica strada in cui è evitata una guerra mondiale – idea tanto amata dai democratici e dallo Stato Profondo e dal Complesso Militare-Industriale – potrebbe essere, per l’America, la strada della guerra civile…

 

La realtà è che forse l’unica strada in cui è evitata una guerra mondiale – idea tanto amata dai democratici e dallo Stato Profondo e dal Complesso Militare-Industriale – potrebbe essere, per l’America, la strada della guerra civile…

Mentre i media continuano a raccontare la favola di Biden Presidente – senza peraltro mostrarlo mai – la situazione USA è al parossismo, con cittadini che invocano (!) la legge marziale per riportare l’ordine nella democrazia umiliata e ora priva di ogni legittimità percepita dalla popolazione.