Connettiti con Renovato 21

Economia

Le tensioni in Ucraina potrebbero bloccare la produzione di chip a Taiwan

Pubblicato

il

 

La guerra in Ucraina potrebbe avere ripercussioni sulla già piagata industria dei microchip.

 

Fonti informata hanno detto all’agenzia Reuters che il governo USA avrebbe chiesto all’industria nazionale di semiconduttori di diversificare la catena di fornitura in quanto la Russia potrebbe per rappresaglia bloccare l’accesso a materiali chiave per la produzione di chip.

 

La possibile ritorsione di Mosca ha attirato maggiore attenzione negli ultimi giorni dopo che il gruppo di ricerche di mercato Techcet, ha pubblicato un rapporto  che evidenzia la dipendenza di molti produttori di semiconduttori da materiali di origine russa e ucraina come neon, palladio e altri.

 

Secondo le stime di Techcet, oltre il 90% delle forniture statunitensi di neon per semiconduttori proviene dall’Ucraina, mentre il 35% del palladio statunitense proviene dalla Russia.

 

Il neon, fondamentale per i laser utilizzati per produrre trucioli, è un sottoprodotto della produzione siderurgica russa, secondo Techcet. Viene poi purificato in Ucraina. Il palladio è utilizzato nei sensori e nella memoria, tra le altre applicazioni.

 

Secondo la US International Trade Commission, i prezzi del neon sono aumentati del 600% prima dell’annessione della penisola di Crimea all’Ucraina da parte della Russia nel 2014, poiché le aziende di chip facevano affidamento su alcune società ucraine.

 

Il portavoce di Intel  ha affermato che il produttore di chip non prevede alcun impatto sulla fornitura di neon.

 

Come riportato da Renovatio 21, è il più grande produttore mondiale dei preziosi componenti usati per le principali tecnologie civili e militari. Cina e USA entrambi dipendenti dalla produzione taiwanese, che ha fabbriche sia nella Cina continentale che in territorio USA.

 

Se è vero che un’invasione cinese di Formosa metterebbe a rischio la filiera tecnologica globale, è vero anche che un’improvvisa carenze di materie prime dalla Russia potrebbe fermare la produzione, di modo da far perdere all’isola lo «scudo del microchip» e indurre Pechino a tentare l’annessione di Taipei, come dichiarato apertis verbis da Xi Jinping, con camicia alla Mao, nella solenne cerimonia del centinario del Partito Comunista Cinese.

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Goldman Sachs prevede un imminente aumento del prezzo del petrolio

Pubblicato

il

Da

Il petrolio tornerà a superare i 100 dollari al barile quest’anno, mentre la diminuzione della produzione globale e il calo della produzione in Russia a causa delle sanzioni occidentali potrebbero portare a problemi di approvvigionamento nel 2024. Lo sostiene la celebre banca d’investimento americana Goldman Sachs.

 

Secondo il principale analista di materie prime della banca di Wall Street Jeffrey Currie, che ha parlato domenica a margine di una conferenza in Arabia Saudita, le sanzioni occidentali dovrebbero innescare un crollo delle forniture di petrolio russo nello stesso momento in cui la ripresa della domanda in Cina spinge i prezzi del petrolio sopra i 100 dolllari. Il livello attuale è di circa 80 dollari, scrive il sito governativo russo RT.

 

«In questo momento, siamo ancora in equilibrio su un surplus perché la Cina deve ancora riprendersi completamente», ha detto Currie a Bloomberg. «Esauriremo la capacità produttiva inutilizzata? Potenzialmente entro il 2024 inizi ad avere un problema serio».

 

Secondo l’analista, la mancanza di investimenti nel settore, necessari per garantire la futura produzione di petrolio per soddisfare la crescente domanda, sarebbe un altro fattore che contribuisce all’aumento dei prezzi. Currie ha previsto che i produttori avrebbero sfruttato la loro capacità inutilizzata, lasciandola inferiore a quella precedente. Alla fine, ciò porterebbe a un grave squilibrio tra domanda e offerta.

 

«Il super ciclo delle materie prime è una sequenza di picchi di prezzo con ogni massimo più alto e ogni minimo più alto», ha detto Currie, sostenendo quindi i mercati petroliferi dovrebbero passare a un deficit di offerta rispetto alla domanda già entro maggio di quest’anno.

 

Facendo eco alle osservazioni di Currie, anche il ministro dell’Energia dell’Arabia Saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, ha avvertito dell’impatto negativo delle sanzioni occidentali contro la Russia sul mercato globale, ribadendo che l’OPEC+ rimarrà cauta nel decidere quando aumentare la produzione.

 

«Tutte quelle cosiddette sanzioni, embarghi, mancanza di investimenti, si trasformeranno in una cosa e una cosa sola, una mancanza di forniture energetiche di ogni tipo quando sono più necessarie», ha dichiarato  il principe dell’Energia saudita.

 

L’anno scorso, l’OPEC ha previsto che la domanda globale di petrolio continuerà a crescere nel medio e lungo termine, anche se il mondo si sposta verso le energie rinnovabili, e che l’industria richiederà migliaia di miliardi di dollari di investimenti per soddisfare la domanda.

 

Come riportato da Renovatio 21, il prezzo del petrolio si impennò sette mesi fa si impennarono dopo il viaggio fallito di Joe Biden a Ryadh. L’Arabia Saudita, come significato dal ministro delle Finanze del Regno Mohammed Al-Jadaan durante il World Economic Forum di Davos tre settimane fa, sta mollando il petrodollaro, scambiando ad esempio con la Cina barili contro yuan, e ha chiesto di entrare nel gruppo dei BRICS.

 

Aggiungiamo la rivelazione degli specifici investimenti del miliardario saudita principe Al Walid bin Talalal, tra gli uomini più ricchi del Regno (già azionista di Twitter, e socio di Berlusconi, tra le altre cose) che pochi giorni prima della guerra), ha investito poco prima dello scoppio dell’operazione militare speciale di Putin ben mezzo miliardo di dollari in aziende russe.

 

Un anno fa Renovatio 21 pubblicava un articolo illuminante dell’analista strategico William F. Engdahl intitolato «Biden ha perso l’Arabia Saudita»?

 

 

 

 

Continua a leggere

Ambiente

Fallimento delle rinnovabili: il Texas in blackout ancora una volta

Pubblicato

il

Da

Il Texas, Stato USA ricco di petrolio, è ancora una volta sottoposto ad un letale blackout invernale.

 

Al picco durante la tempesta di ghiaccio in Texas all’inizio di questa settimana, ci sarebbero state oltre 400.000 persone senza elettricità in tutto lo stato.

 

Bisogna considerare – cosa che il legislatore e l’amministratore occidentali non sembran voler fare – che turbine eoliche non funzionano durante le tempeste di ghiaccio, e che parimenti l’energia solare non funziona nella nebbia.

 

Il governatore texano Greg Abbott ha insistito durante la crisi, tuttavia, che la generazione di energia elettrica non sarebbe stata un problema. «Eventuali interruzioni sono dovute a problemi locali come alberi caduti e linee elettriche abbattute», ha affermato l’Abbott, sostenendo che la rete elettrica del Texas ha energia sufficiente.

 

«Potrebbe essere vero fino a quando non lo è» scrive EIRN.

 

Il canale televisivo locale KXAS TV, l’affiliata della NBC a Dallas-Fort Worth, in Texas, ha riportato il 30 gennaio sull’imminente tempesta di ghiaccio, che «gli esperti di rete che hanno parlato con NBC 5 hanno avvertito che il ghiaccio potrebbe avere un impatto sulle turbine eoliche che producono energia nel Texas occidentale e nel Si prevede che la regione del Texas Panhandle e le condizioni nuvolose limiteranno la produzione di energia solare».

 

Finora, il tempo è finito in modo più favorevole rispetto al periodo della tempesta invernale del febbraio 2021, quando milioni di persone sono rimaste senza energia elettrica, grazie all’inadeguata capacità di potenza di base, data la quota significativa di eolico e solare inaffidabili. Tuttavia, a partire da ieri mattina, 260.000 nello stato sono rimasti al buio e al freddo.

 

Come riportato da Renovatio 21, il blackout in Texas di due anni fa provocò morti mentre, la città di Tyler una volta conosciuta come la «Capitale delle rose d’America», vedeva temperature vicine ai -20° centigradi.

 

È difficile non puntare il dito sulle rinnovabili. (Difficile, anche, parlare di riscaldamento globale…)

 

«Nella tragedia invernale estrema in corso in Texas e in molte altre regioni degli Stati Uniti non preparate per il rigido clima invernale, un punto notevole è che gran parte delle vaste batterie dei mulini a vento in tutto lo Stato, dovrebbero generare il 25% dell’energia elettrica statale griglia, si sono congelate e sono in gran parte inutili» scrisse William F. Engdahl in quei giorni.

 

Interessante notare gli effetti economico-energetici di questa crisi invernale subita dal Texas due anni fa. Gli impianti di trattamento del gas in tutto il Texas schiusero mentre i liquidi si congelano all’interno dei tubi riducendo ulteriormente la potenza proprio mentre la domanda di combustibile per riscaldamento esplode. I prezzi del combustibile per riscaldamento in Oklahoma aumentarono del 4000% in due giorni. I prezzi all’ingrosso per la consegna in Texas venivano scambiati fino al prezzo folle di 9000 dollari per mega-wattora. Due giorni prima delle tempeste il prezzo era di 30 dollari – in un picco di domanda estivo, un prezzo di 100 dollari è considerato alto.

 

La riduzione delle forniture di gas dal Texas alle compagnie elettriche messicane aveva inoltre portato a blackout nel nord del Messico, con quasi 5 milioni di famiglie e imprese rimaste senza elettricità il 15 febbraio.

 

Come riportato da Renovatio 21, un blackout della rete elettrica texana si è avuto anche nell’estate 2022.

 

 

 

 

 

 

Immagine di Fredlyfish4 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Iran e Russia concordano su un sistema bancario separato fuori dallo SWIFT

Pubblicato

il

Da

L’Iran e la Russia hanno firmato un accordo di messaggistica finanziaria in base al quale le banche di questi due Paesi possono trasferire fondi tra loro al di fuori del sistema SWIFT controllato dalla finanza occidentale, dal quale entrambi sono in gran parte bloccati dalle sanzioni occidentali.

 

Il Memorandum of Understanding dell’accordo, che era in lavorazione da un anno, è stato firmato il 29 gennaio durante una cerimonia a Teheran, alla presenza di funzionari di entrambe le nazioni, riferisce la testata mediorientale Al-Monitor. Citando il sito web Tehran Bazaar, Al Monitor afferma che la banca iraniana Shahr e la banca russa VTB saranno coinvolte nel programma pilota iniziale.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’esclusione della Russia dal sistema interbancario SWIFT era ritenuta un anno una «bomba atomica finanziaria» talmente distruttiva che difficilmente sarebbe stata impiegata contro Mosca, tuttavia poco dopo ciò si è realizzato: ad esempio, è stata esclusa dallo SWIFT della più grande banca russa è divenuta realtà.

 

Tuttavia, le azioni di guerra economica contro il Cremlino non sembrano aver sortito l’effetto voluto: come ha sottolineato subito il consigliere presidenziale russo Maxim Oreshkin, ora «la Russia non è più ostaggio del sistema finanziario occidentale».

 

Il decoupling tra Mosca e l’Occidente ha fatto sì che ora molti altri Paesi (Algeria, Arabia Saudita, Argentina, etc.) si stiano orientando ad entrare nel gruppo BRICS, che prepara valute alternative al dollaro per il commercio internazionale.

 

India e Russia hanno lavorato su un meccanismo di scambio commerciale rupia-rublo. Anche lo Sri Lanka quattro mesi fa si è detto pronto ad aderire ad un sistema russo di pagamenti.

 

Procede quindi il processo di de-dollarizzazione innescatosi con le sanzioni anti-russe. Recentemente a Mosca si è cominciato a parlare di un rublo 3.0 basato sull’oro.

 

 

 

 

 

Immagine di Peruanec via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari