Connettiti con Renovato 21

Economia

La compagnia petrolifera saudita ARAMCO andrà in borsa per 50 miliardi

Pubblicato

il

Saudi ARAMCO, la compagnia petrolifera del Regno dei Saud negli ultimi anni aveva lasciato intendere chiaramente l’intenzione di quotarsi in borsa. Si sarebbe trattato della più grande IPO della storia, un’offerta pubblica di acquisto senza precendenti, che avrebbe creato una società per azioni colossale, con incredibile potere economico – e geopolitico.

 

Il processo avrebbe al contempo reso la famiglia reale saudita, capitanata dal leader de facto del Paese Mohammed bin Salman (quello che invita ad eventi di promozione l’ex presidente del Consiglio Renzi, il quale chiama MbS «sua altezza»), ancora più ricca di quanto già non lo sia.

 

L’assassinio del giornalista saudita del Washington Post Jamal Khashoggi, dove il principe MbS fu ritenuto coinvolto, ha messo in pausa alcune ambizioni saudite.

 

Le cose ora sembrano cambiate.

 

Lo scorso venerdì il Wall Street Journal ha riportato che la direzione di ARAMCO ha deciso di rilanciare i suoi piani per una quotazione estera in un momento in cui le borse globali  cercano disperatamente di recuperare tutti gli affari che hanno perso dalla Cina.

 

«Il management vuole vendere fino a 50 miliardi di dollari in azioni (circa il 2,5% della società) forse a Londra o Singapore, raccogliendo anche parte del denaro in un’offerta secondaria a Riyadh» scrive il WSJ.

 

ARAMCO è la più grande compagnia petrolifera al mondo, nonché una delle società di maggior valore. La quotazione in borsa per 50 miliardi sarebbe la più grande mai realizzata.

ARAMCO è la più grande compagnia petrolifera al mondo, nonché una delle società di maggior valore. La quotazione in borsa per 50 miliardi sarebbe la più grande mai realizzata

 

«La quotazione delle azioni sarebbe di gran lunga la più grande nella storia dei mercati dei capitali e potrebbe rivelarsi difficile da realizzare. La società ha stabilito il record precedente per la più grande offerta pubblica iniziale del mondo nel 2019 quando ha raccolto 29,4 miliardi di dollari al Tadawul, o la borsa valori saudita».

 

Tuttavia, «lo sforzo di vendita delle quote è ancora in fase di pianificazione e potrebbe ancora essere ritardato o modificato (…) Riyadh ha lanciato diversi piani nel corso degli anni volti a raccogliere fondi tramite Aramco, alcuni dei quali alla fine hanno vacillato o sono stati abbandonati»

 

ARAMCO è sorta negli anni Trenta come unione del Regno Saudita con la compagnia petrolifera californiana Standard Oil, ora Chevron. ARAMCO sta appunto per Arabian American Oil Company. L’importanza di questo legame è immensa per la storia dell’economia, della distribuzione energetica e della geopolitica mondiale, e spiega bene l’alleanza para-secolare tra la sedicente democrazia laica e la teocrazia wahabita della famiglia Saud.

 

Una partecipazione pari al 49% dell’attività dei gasdotti ARAMCO è stata venduta di recente ad un consorzio legato al colossale fondo USA BlackRock.

 

Secondo una vulgata diffusa, il giovane principe «amico» di Renzi, vorrebbe incassare più denaro possibile per diversificare le fonti energetiche e le attività economiche del Regno, all’interno di un quadro strategico chiamato Vision 2030 che sviluppa anche sanità, turismo, infrastrutture, etc.

«La quotazione delle azioni sarebbe di gran lunga la più grande nella storia dei mercati dei capitali e potrebbe rivelarsi difficile da realizzare»

 

Egli, secondo alcuni articoli, avrebbe altresì sul suo enorme  yacht il celeberrimo quadro di Leonardo da Vinci Salvator Mundi, che era stato aggiudicato per 450 milioni di dollari a un’asta di Christies nel 2017.

 

Il principe MbS anni fa ha lanciato l’idea di costruire, dal nulla del deserto arabo, NEOM, una città avveniristica abitata solo da VIP, abbienti ed androidi. L’urbe ultra-tecnologica nei progetti sarebbe costruita in forma di linea e interamente alimentata a energia solare e gestita da robot – una sorta di Dubai automatica, per la quale il principe ha fissato un budget di mezzo trilione di dollari.

 

Nel frattempo, la stampa si sta occupando ancora una volta dei rapporti economici tra l’ex premier toscano e i sauditi.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Segni di recessione negli USA

Pubblicato

il

Da

Nell’economia americana si moltiplicano i segnali di un’aggravarsi della recessione.

 

La Federal Reserve Bank di Atlanta sta ora seguendo una contrazione dell’economia del -1,0% nel secondo trimestre (sebbene non sia disposta a prevederlo, né lo è nessun economista bancario finora), dopo che la contrazione nel primo trimestre è stata finalmente rivista al ribasso a -1,6% dal Dipartimento del Commercio.

 

Il motivo della stima in calo della FED di Atlanta è lo stesso dei suoi comunicati nelle ultime sei settimane: un continuo calo delle spese per consumi delle famiglie e un rapido calo del ritmo degli investimenti di capitale delle imprese.

 

Un’indagine sugli Stati della costa atlantica riportata dal sito ZeroHedge ha riportato il 30 giugno  ha rilevato che quasi tutti gli intervistati hanno ridotto i consumi delle famiglie.

 

Più del 10% dei 600 intervistati ha eliminato tutti gli acquisti non essenziali e un altro 72% ha effettuato alcuni tagli specifici alle proprie spese di soggiorno.

 

Il rapporto della banca afferma: «mentre alcuni consumatori hanno ridotto alcune spese non essenziali, come cenare fuori e viaggi non necessari, altri hanno segnalato cambiamenti molto più drastici come saltare i pasti, conservare l’acqua ed eliminare la carne dalla loro dieta. Le persone stanno sentendo un’immensa pressione finanziaria in questo momento. Sfortunatamente, questo non sorprende dopo che il dipartimento del lavoro ha riferito all’inizio di questo mese che l’indice dei prezzi al consumo (CPI) degli Stati Uniti ha raggiunto il massimo degli ultimi 40 anni a maggio».

 

Si consideri quindi il contesto dei rapporti della Federal Reserve di marzo, aprile e maggio sull’aumento del debito delle carte di credito di 40-50 miliardi di dollariogni mese, o del 5% al ​​mese, una delle cose su cui il presidente Biden ha mentito sul suo discorso sull’inflazione lo scorso 16 giugno.

 

«In risposta a questi chiari segnali di recessione, i tassi di interesse del Tesoro USA a lungo termine hanno iniziato a scendere così rapidamente negli ultimi 10 giorni, che se la FED aumenta effettivamente il tasso dello 0,75% a luglio e dello 0,5% a settembre, il tasso sui fondi federali potrebbe essere superiore a quelli dei buoni del Tesoro a 5 o 10 anni, una situazione straordinaria» scrive EIRN.

 

«Quindi, sotto la guida dell’incompetenza delle politiche finanziarie di Wall Street, vedremo il ritorno di denaro facile dalla Fed e un’inflazione ancora più alta».

 

I media mainstream USA sta già da tempo preparando la popolazione al collasso economico. Memorabile l’articolo di Bloomberg di tre mesi fa che diceva alla popolazione di mangiare lenticchie e lasciare morire il proprio cane.

 

Nel frattempo, si sono fatti presenti segni terrificanti come la carenza del latte in polvere.

 

Continua a leggere

Economia

La Cina: le criptovalute sono il «più grande schema Ponzi della storia». Il Bitcoin scenderà a zero

Pubblicato

il

Da

L’edizione del 26 giugno del Quotidiano del Popolo, il quotidiano del Partito Comunista Cinese, ha pubblicato un articolo di due dirigenti della Blockchain-based Service Network (BSN), Shan Zhiguang e He Yifan.

 

I due esperti in cripto e hanno avvertito che l’attuale tracollo del mercato delle criptovalute dai 3 trilioni di dollari  valutazione di mercato dello scorso novembre a meno del 1 trilione di oggi, è solo l’inizio.

 

«Una volta che si verificano vendite allo scoperto dannose, nessun successore, fondi limitati o modifiche alle politiche normative che influiscono sulla fiducia dei partecipanti o sulla determinazione dei ritardatari, questo farà crollare istantaneamente questo ciclo apparentemente squisito e il valore sarà zero», affermano nello scritto del Renmin Ribao.

 

Gli autori definiscono le criptovalute «il più grande schema Ponzi nella storia umana», sostenuto da comunità che «stanno provando ogni mezzo per far andare avanti la frode».

 

«Il Bitcoin non è altro che una stringa di codici digitali, e i suoi rendimenti derivano principalmente dall’acquisto basso e dalla vendita alta», scriveva un articolo del 22 giugno sul cinese Economic Daily riportato dal quotidiano hongkonhese South China Morning Post,.

 

«In futuro, una volta che la fiducia degli investitori crollerà o quando i Paesi sovrani dichiareranno illegale il Bitcoin, tornerà al suo valore originale, che è assolutamente privo di valore».

 

Le autorità cinesi hanno anche appena pubblicato un rapporto che documenta l’uso delle criptovalute nel riciclaggio di denaro della droga, inclusa la spiegazione che «la circolazione dei capitali della droga è estesa dai trasferimenti bancari online alle valute virtuali e alle monete di gioco».

 

Gran parte dei media finanziari occidentali si sono sentiti obbligati a coprire l’avvertimento cinese del prossimo crollo delle criptovalute.

 

Forbes, ad esempio, ha intitolato il suo articolo sull’argomento «”Verso lo zero”: la Cina emette un avviso sui prezzi dei bitcoin shock in mezzo a un enorme crollo delle criptovalute da 2 trilioni di dollari».

 

La CNBC ha riferito il 27 giugno: «Il presidente del Salvador e la Banca d’Inghilterra predicono un futuro brillante per Bitcoin; la Cina afferma che il Bitcoin si sta dirigendo verso lo zero».

 

Il vice governatore della Banca d’Inghilterra Jon Cunliffe ha dichiarato a Bloomberg: «Qualunque cosa accadrà nei prossimi mesi alle risorse crittografiche, mi aspetto che la tecnologia crittografica e la finanza continuino. Ha la possibilità di enormi efficienze e cambiamenti nella struttura del mercato».

 

E il presidente salvadoregno Nayib Bukele, che l’anno scorso ha reso El Salvador il primo paese a rendere il Bitcoin a corso legale, ha twittato che le persone dovrebbero «smetterla di guardare il grafico e godersi la vita»”, perché «è fiducioso che i prezzi si riprenderanno».

 

Come riportato i Paesi BRICS sembrano negli ultimi mesi aver preso una piega totalmente contraria alle criptovalute.

 

La Russia, dopo ripetuti avvertimenti (forse anche nel vicino Kazakistan, Paese fino a ieri crypto-friendly) ha imbrigliato il Bitcoin.

 

Anche l’India, per tramite di un alto funzionario della Banca Centrale del Paese, aveva usato per le cripto le stesse parole dei cinesi: «schema Ponzi» che «minaccia la sovranità finanziaria del Paese»

 

Lo stesso Biden a inizio mandato aveva promesso che avrebbe attaccato il Bitcoin., e di fatto poco dopo il governo USA ha dichiarato illegali alcuni NFT. Tuttavia, il capo della CIA aveva ammesso che l’agenzia di spionaggio stava «lavorando» sulle criptovalute.

 

Il miliardario Venture Capitalist americano, noto per le sue teorie eterodosse e i suoi investimenti azzecatissimi (Facebook, PayPal, SpaceX, Palantir) un anno fa avvertiva che il Bitcoin «potrebbe essere un’arma finanziaria cinese contro gli USA». Tuttavia, egli stesso, emerse, aveva investito cifre enormi nella criptovaluta.

 

 

 

Continua a leggere

Economia

Putin firma una nuova legge che vieta l’uso delle risorse minerarie russe da parte degli stranieri

Pubblicato

il

Da

Il presidente russo Vladimir Putin ha appena firmato una nuova legge che vieta a tutti gli stranieri di utilizzare minerali e altre risorse trovate nel sottosuolo russo.

 

Questo è un decreto forte che garantisce efficacemente che le formidabili risorse naturali della Russia saranno interamente nelle mani pubbliche e private russe.

 

L’agenzia russa TASS ha riferito che «per continuare a lavorare in Russia, le società straniere dovranno creare entità legali nella Federazione Russa e trasferire loro i diritti di utilizzo dei lotti del sottosuolo. Le licenze valide per il diritto di utilizzo del sottosuolo detenute da stranieri saranno trasferite a entità russe o restituite al fondo del sottosuolo».

 

Agli stranieri è stata data una scadenza di 30 giorni.

 

La legge afferma inoltre che la compagnia delle ferrovie russe ha il diritto di «utilizzare i lotti del sottosuolo locale per estrarre minerali per la costruzione delle ferrovie Baikal-Amur e Transiberiana senza aste», secondo TASS.

 

Come riportato da Renovatio 21, al recente incontro BRICS (Brasile Russia Cina Sudafrica) Putin ha intavolato la discussione su valute per il commercio mondiale alternative al dollaro.

 

Il mese scorso, parlando delle sanzioni comminate dall’Europa alla Russia, il presidente della Federazione Russa parlò di un «autodafé economico» dei Paesi UE.

 

La Russia forse può fare a meno dell’economia europea. Ma l’Europa può fare a meno delle risorse russe?

 

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0), immagine tagliata.

Continua a leggere

Più popolari