La Cina utilizza l’intelligenza artificiale e il riconoscimento facciale per la sorveglianza degli uiguri

 

 

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.  Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

 

Secondo i documenti trapelati rivelati dal Washington Post, Huawei, il gigante cinese delle telecomunicazioni, ha contribuito a sviluppare un sistema di intelligenza artificiale per identificare gli uiguri, la sua minoranza turca oppressa nella provincia dello Xinjiang.

Huawei, il gigante cinese delle telecomunicazioni, ha contribuito a sviluppare un sistema di intelligenza artificiale per identificare gli uiguri, la sua minoranza turca oppressa nella provincia dello Xinjiang

 

Presumibilmente il sistema di riconoscimento facciale è programmato per inviare «allarmi uiguri» alla polizia quando gli uiguri vengono individuati dalle telecamere di sicurezza.

 

I documenti dicono che Huawei ha lavorato con una società chiamata Megvii nel 2018 per sviluppare un sistema di riconoscimento facciale che potesse determinare l’etnia di tutte le persone in una folla, con segnalazioni speciali per i volti uiguri.

 

Un portavoce di Huawei ha detto al WaPo che il documento era autentico, ma ha detto che si trattava «semplicemente di un test» di un prodotto che non è mai diventato una «applicazione del mondo reale».

Un sistema di riconoscimento facciale che potesse determinare l’etnia di tutte le persone in una folla, con segnalazioni speciali per i volti uiguri

 

Megvii è una delle otto società cinesi sanzionate dall’amministrazione Trump per coinvolgimento nella persecuzione cinese degli uiguri e di altre minoranze. Un’altra società nella lista nera, Hikvision, che è attualmente il più grande fornitore globale di apparecchiature di videosorveglianza, ha sviluppato un sistema di identificazione uigura.

 

Secondo CNet.com «La tecnologia di riconoscimento facciale solleva problemi di privacy a causa della sua capacità di tracciare e identificare le persone su larga scala. La polizia negli Stati Uniti lo ha utilizzato per rintracciare e identificare i manifestanti , nonostante il capo dei diritti umani delle Nazioni Unite chiedesse una moratoria contro la pratica».

 

Il ministero degli Esteri della Repubblica Popolare Cinese ha denunciato il rapporto come «calunnia». «L’uso legale del riconoscimento facciale in aree pubbliche in alcune parti della Cina serve a migliorare la gestione sociale, prevenire e attaccare efficacemente atti criminali», ha detto un portavoce in una dichiarazione alla CNBC.

 

Il ministero degli Esteri della Repubblica Popolare Cinese ha denunciato il rapporto come «calunnia»

«La Cina non va oltre i Paesi in America e in Europa. E le misure non prendono di mira nessun gruppo etnico particolare. Le misure rafforzano la sicurezza sociale, guadagnando così il sostegno di persone di tutti i gruppi etnici».

 

 

Michael Cook

Direttore di BioEdge

 

 

 

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.