Connettiti con Renovato 21

Epidemie

La casta degli stronzi

Pubblicato

il

 

 

Ci scusiamo per il titolo, ma non ha alternative.

 

SCENA 1 – Un signore entra in un ufficio postale. All’interno c’è un po’ di gente che attende il suo turno, tutti sono distanziati. D’improvviso, un signore che sta al di là del vetro antiproiettile urla a tutti di uscire, perché, secondo lui, ci sarebbe  un assembramento. La gente esce di corsa senza fiatare, e si mette in fila fuori, al gelo. Una signora si sente male.

 

SCENA 2 – Una signora si reca al conservatorio per l’iscrizione del figlio che non riesce a completare in via telematica. Chiede del segretario. Gli dicono che il segretario è in segreteria, ma non si può interagire con lui perché c’è il virus. Nemmeno con mascherina, nemmeno a distanza. Il segretario esiste solo in versione virtuale.  

 

Lo abbiamo capito tutti, ormai. Il coronavirus, sulle cui caratteristiche patologiche ancore si discute, reca con sé una certezza scientifica: ha reso le persone stronze

SCENA 3 – Un signore deve fare una visita con il medico militare per il porto d’armi. Decine di altre persone aspettano il loro turno. La fila si distende per tutto il corridoio, per due rampe di scale e un pezzo del marciapiede all’esterno. La segretaria dello studio ciclicamente esce strillando di stare lontani l’uno dall’altro e insultando chi secondo lei non rispetta le distanze. 

 

SCENA 4 – Una signora deve andare in questura. La fila si deve fare fuori al freddo, dietro il grande recinto di metallo, senza che qualcuno dica alla gente incolonnata da ore se sta facendo la cosa giusta. Ciclicamente, una poliziotta esce e urla a tutti di mettersi in fila correttamente, misurando i canonici due metri di distanza l’uno dall’altro. Una signora straniera in fila, congelata e stremata, si mette a piangere.

 

SCENA 5 – Un signore si presenta in banca, il luogo dove sono depositati i suoi risparmi da decine di anni. Le porte sono chiuse, sbarrate. Suonato il campanello, appare un impiegato che chiede al signore, da dietro alla porta, cosa voglia e le dice che non ci si può presentare senza preavvisi, bisogna prenotare sul sito nazionale della banca. Se è fortunato, forse un posto lo trova per la settimana successiva. Fatta la prenotazione, la settimana successiva l’impiegato, da dietro il vetro blindato, fa una sorta di terzo grado al signore con l’appuntamento che, una volta entrato, viene esortato a firmare elettronicamente un documento della privacy senza nemmeno leggerlo, per non prolungare la permanenza. Davanti alle proteste del signore, il bancario (che si scopre essere il direttore della filiale) perde le staffe. Il signore esce umiliato e infuriato.

Non si tratta solo della razza odiosa dei delatori, quelli che puntavano il dito verso i runner e i mostri della movida, e sui quali contava il Ministro della Salute per realizzare le proprie politiche di repressione

 

Potremmo andare avanti a lungo con episodi di questo tenore. Lo abbiamo capito tutti, ormai. Il coronavirus, sulle cui caratteristiche patologiche ancore si discute, reca con sé una certezza scientifica: ha reso le persone stronze.

 

Non si tratta solo della razza odiosa dei delatori, quelli che puntavano il dito verso i runner e i mostri della movida, e sui quali contava il Ministro della Salute per realizzare le proprie politiche di repressione. No, sulla scena si è materializzata una intera popolazione di malvagi che finora forse viveva nel sottosuolo. 

 

Ora, tutti i personaggi che abbiamo descritto qui sopra – tutti questi stronzi che oramai sbucano ovunque, come le cimici – hanno qualcosa in comune: lo stipendio a fine mese. 

 

Sulla scena si è materializzata una intera popolazione di malvagi che finora forse viveva nel sottosuolo

Non sono mai lavoratori autonomi, partite IVA, professionisti: anzi, costoro, che hanno perso più di metà del fatturato nell’anno trascorso e stanno continuando a sanguinare anche in questo 2021, devono spargere solo gentilezza, e sconti per i clienti superstiti. Quando si hanno poche energie, poi, sicuramente non si intraprende lo sforzo sovrumano di essere stronzi.

 

Quelli che si permettono ora di trattare la gente come capi di bestiame sono tutti individui garantiti ad aeternum dal sistema. Sistema pubblico o sistema privato, non cambia: le banche, le grandi aziende, altro non sono che altrettanti ministeri. Carrozzoni dove dirigenti e dipendenti non hanno più alcuna responsabilità, specie in questo momento, e vivono in inane impunità come da diritto di nascita – come una casta, appunto…

 

Tutti i personaggi che abbiamo descritto qui sopra – tutti questi stronzi che oramai sbucano ovunque, come le cimici – hanno qualcosa in comune: lo stipendio a fine mese

Ma c’è di più, ad alimentare l’attitudine a maltrattare i propri simili, oltre allo stipendio assicurato: l’abitudine al fancazzismo. Il virus ha reso parassiti molti lavoratori: dopo che si è saggiata la bellezza del lockdown con lo stipendio che arriva standosene a casa, costoro vivono la giornata di lavoro come un supplizio, e identificano gli avventori come i responsabili.

 

Una parte della popolazione, insomma, è diventata stronza e lavativa.

 

Finalmente è possibile parlare davvero di «casta»: non più nel senso di Gian Antonio Stella e di Grillo (cioè, l’élite che sbafa privilegi di Stato) ma nel senso più letterale, indologico, del termine. 

 

Una parte della popolazione, insomma, è diventata stronza e lavativa

Come esistono i bramini e gli kshatrya, i vaishya e gli shudra, i garantiti formano una classe psico-sociale a parte, distinta dalle altre, specialmente dai paria, i fuori-casta, gli intoccabili, che si procacciano di che vivere senza stipendio fisso, pagano le tasse e quindi si aspetterebbero che le cose funzionassero quasi come prima.

 

Ma la casta degli stronzi ha saldamente preso in mano le redini del Paese ed ha una sua chiara proiezione politica: commissari, ministri, parlamentari, interi partiti che a nulla hanno contribuito se non a peggiorare le cose (con affari dei quali, in alcuni casi, si sta occupando la magistratura), eppure la loro permanenza sulla poltrona, e il relativo compenso, garantiti dal dharma della burocrazia italiana, costituiscono una certezza inscalfibile. 

 

La casta degli stronzi ha saldamente preso in mano le redini del Paese ed ha una sua chiara proiezione politica: commissari, ministri, parlamentari, interi partiti che a nulla hanno contribuito se non a peggiorare le cose, eppure la loro permanenza sulla poltrona, e il relativo compenso, sono garantiti dal dharma della burocrazia italiana

C’è tuttavia anche una parte di privati che si è arricchita con la pandemia, come per esempio i procacciatori di mascherine e banchi a rotelle, di dispositivi medici e vaccini. Ebbene, questa genìa ora alleata con la casta degli stronzi e dei suoi rappresentanti, in realtà non sussiste come fenomeno a sé: a ben guardare si vede come nei traffici pandemici siano coinvolti figure legate al sottobosco politico e al demi-monde delle forniture pubbliche, che si ingrassano foraggiando la più grande alleata della casta degli stronzi, la Repubblica Popolare Cinese, senza la quale non ci sarebbero gli enormi margini da lucrare.

 

Ci spaventa, tuttavia, la forma di hybris più alta dei rappresentati della nuova casta al potere, l’impunità. La tracotante mancanza di una pur vaga idea di punizione per le malefatte compiute.

 

Pensiamoci. C’è un Paese ridotto a un cumulo di macerie fumanti, e senza bisogno di guerra: per decisione politica. Ci sono migliaia di vite perdute, milioni di vite compromesse: sempre, per decisioni politiche.

 

Nessuno sembra avvertire il peso di questa tragedia allo stato puro, in senso classico. Nessuno medita l’esilio come Edipo, tutti sono pronti a riciclarsi ancora, e poi ancora. Senza pudore e senza vergogna.

 

Ci spaventa, tuttavia, la forma di hybris più alta dei rappresentati della nuova casta al potere, l’impunità. Nessuno sembra avvertire il peso di questa tragedia, nessuno medita l’esilio come Edipo, tutti sono pronti a riciclarsi senza pudore e senza vergogna

Tutto questo non può durare.

 

Prima o poi la pagheranno. E la pagheranno cara.

 

 

Roberto Dal Bosco

Elisabetta Frezza

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Balle sui tamponi? Quanti lavoratori sono senza green pass?

Pubblicato

il

Da

 

Si potrebbe avere l’idea che stiano prendendo in giro. Si potrebbe pensare che, sul serio, non abbiano nulla sotto controllo. 

 

Secondo i dati della (piuttosto filogovernativa) Fondazione Gimbe ci sono in Italia 3,8 milioni di lavoratori senza vaccino.

 

Ma secondo i report del  Ministero della Salute pubblicati da Il Sole 24 Ore e da La Repubblica, da mercoledì 13 ottobre  a oggi ci sono stati circa 800.000 tamponi. Tra ieri e oggi 500.000.

 

Secondo i dati della (piuttosto filogovernativa) Fondazione Gimbe ci sono in Italia 3,8 milioni di lavoratori senza vaccino. Da mercoledì 13 ottobre  a oggi ci sono stati circa 800.000 tamponi. Tra ieri e oggi 500.000

Quindi – se la matematica non è un’opinione – oggi 15 ottobre, circa  3 milioni di lavoratori non vaccinati sono andati al lavoro senza green pass  o non sono andati: perché non si sono nemmeno tamponati.

 

Questo nella migliore delle ipotesi: assumendo cioè che in Italia da mercoledì 13 abbiano fatto tamponi solo i lavoratori. Altrimenti i numeri scendono ulteriormente.



Sappiamo inoltre dai giornali che il 23% dei lavoratori in più della norma oggi si è messo in malattia. Non è certo una sfortunata coincidenza, si potrebbe pensare.

 

A meno che non ci sbagliamo (nel caso, diteci dove sbagliamo) oggi l’80% dei lavoratori non vaccinati era senza green pass. Circa 3 milioni di persone.

Ricordatevelo quando al TG – inevitabilmente – vi diranno che fila tutto liscio.

 

Vi stanno prendendo in giro.

 

Si contraddicono con gli stessi numeri che pubblicano sulle prime pagine.

 

A meno che non ci sbagliamo (nel caso, diteci dove sbagliamo) oggi l’80% dei lavoratori non vaccinati era senza green pass. Circa 3 milioni di persone.





Continua a leggere

Epidemie

COVID-19: la morsa si stringe attorno al dottor Fauci

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Il 23 settembre 2021 The Intercept ha pubblicato una richiesta di sovvenzione, presentata nel 2018 da EcoHealth Alliance alla DARPA (Defence Advanced Research Projects Agency) (1), ove si legge che l’intento della società è creare in laboratorio un virus artificiale partendo dai coronavirus dei pipistrelli. (2)

 

L’ex consigliere economico del presidente Donald Trump, Peter Navarro, ha peraltro rivelato che EcoHealth Alliance è servita al dottor Anthony Fauci per dirottare denaro pubblico sul finanziamento di ricerche da svolgere nel laboratorio P4 di Wuhan perché illegali negli Stati Uniti.

 

Il direttore di EcoHealth Alliance, Peter Daszak, è il principale promotore della petizione, pubblicata da The Lancet (3), a sostegno del personale sanitario di Wuhan, ingiustamente accusato di essere responsabile dell’epidemia di COVID-19. Daszak è stato altresì membro della missione d’indagine dell’OMS a Wuhan.

 

Il 4 settembre 2021 Alex Jones (InfoWars) ha divulgato due estratti del video, diffuso a ottobre 2019 dalla rete pubblica statunitense CSPAN, di una tavola rotonda sulla creazione di un vaccino universale contro l’influenza (4).

 

Gli esperti vi discutono la necessità:

 

  • di modificare la procedura di autorizzazione dei vaccini contro l’influenza;
  • di cambiare modalità di produzione dei vaccini anti-inflluenzali, sostituendoli con sistemi a RNA messaggero


I partecipanti convengono sul fatto che l’industria farmaceutica non potrà fare il gran passo perché l’influenza non è malattia che faccia paura.

 

Durante la riunione il dottor Anthony Fauci dichiara, in sostanza, che per fare avanzare l’industria farmaceutica e l’umanità occorrerebbe uno choc, un’epidemia influenzale molto più mortale.

 

Anthony Fauci è dal 1984 direttore dell’Istituto Nazionale statunitense per le allergie e le malattie infettive (National Institute of Allergy and Infectious Diseases). È stato collaboratore del segretario alla Difesa Donald Rumsfeld, di cui nel 2004 ha appoggiato il progetto d’isolamento di persone sane.

 

È altresì membro di Alba Rossa (5), il gruppo che nel 2020, durante l’epidemia COVID, si è speso per l’applicazione del piano d’isolamento Rumsfeld.

 

È stato chiamato dal presidente Trump a dirigere la cellula di crisi COVID-19. Il presidente Joe Biden l’ha confermato nell’incarico.

 

 

NOTE

1) «Leaked Grant Proposal Details High-Risk Coronavirus Research», Sharon Lerner & Maia Hibbett, The Intercept, 23 settembre 2021.

5) «Il COVID-19 e l’Alba Rossa», di Thierry Meyssan, Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 28 aprile 2020.

 

 

Articolo ripubblicato su licenza Creative Commons CC BY-NC-ND

 

Fonte: «COVID-19: la morsa si stringe attorno al dottor Anthony Fauci», Traduzione Rachele Marmetti, Rete Voltaire, 8 ottobre 2021.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Epidemie

Ospedali negheranno i trapianti ai non vaccinati in «quasi tutte le situazioni»

Pubblicato

il

Da

 

 

Un sistema sanitario con sede in Colorado afferma che sta negando i trapianti di organi ai pazienti non vaccinati contro il coronavirus in «quasi tutte le situazioni», citando studi che mostrano che questi pazienti hanno molte più probabilità di morire se contraggono il COVID-19.  Lo riporta il Washington Post

Il deputato repubblicano dello stato del Colorado Tim Geitner ha dichiarato che sarebbe stato negato un trapianto di rene a una donna di Colorado Springs perché non vaccinata. Definendo la decisione «disgustosa» e discriminatoria, Geitner ha condiviso una lettera che  il paziente avrebbe ricevuto la scorsa settimana dal centro trapianti.

La lettera diceva che la donna sarebbe stata «inattivata» da una lista d’attesa per il trapianto di rene e aveva 30 giorni per iniziare la vaccinazione contro il coronavirus. Se si fosse rifiutata di essere vaccinata, diceva, sarebbe stata rimossa dalla lista d’attesa.

 

La lettera diceva che la donna sarebbe stata «inattivata» da una lista d’attesa per il trapianto di rene e aveva 30 giorni per iniziare la vaccinazione contro il coronavirus

La paziente in attesa di trapianto ha dichiarato a 9News che «è stata costretta a prendere una decisione che non mi sento a mio agio a prendere in questo momento per poter vivere». L’obbligo vaccinale, quindi, ha trovato un nuovo strumento di coercizione

 

«La politica illustra i costi crescenti di non essere vaccinati e si addentra in un territorio profondamente controverso: l’uso dello stato di immunizzazione per decidere chi riceve cure mediche limitate» scrive il WaPo. Bello l’aggettivo: controverso. Traduciamolo: non ancora completamente passato per la Finestra di Overton.

 

Renovatio 21 si oppone alla trapianto di organi, specie da persone ritenute «clinicamente morte» ma il cui cuore batte ancora, altrimenti non sarebbe possibile espiantarne gli organi: la «donazione», cioè la predazione, avviene solo a cuor battente, basandosi sulla artificiosa nozione di «morte cerebrale» i cui criteri cambiano da Paese a Paese e da un anno all’altro. Come abbiamo scritto, è il concetto di «morte cerebrale» a rendere possibile l’industria dei trapianti, un grande business per medici, ospedali e farmaceutiche che guadagnano clienti a vita di  farmaci come gli antirigetto.

 

Pare che si tratti in questo caso, di una donazione di rene da vivente, volontaria. È stato riportato infatti che la paziente e il suo donatore di reni stanno cercando altre opzioni fuori dallo Stato, poiché non hanno trovato un ospedale del Colorado che eseguirà la procedura prima di essere immunizzati.

 

La filiera della Necrocultura squarta e contamina, segrega e ricatta, in Europa oramai con la stessa mancanza di pudore che regna in Cina. Com’è possibile che il personale medico accetti questa mostruosità?

Non ci stupiamo di questa storia di ordinaria follia biomedica. Essa mette in luce diverse questioni:

 

1) L’instaurazione dell’utilitarismo – cioè il calcolo del piacere individuale – come filosofia che guida lo Stato e la Sanità, e quindi decide la vita e la morte delle persone. La qualità della vita ha perfino una formula, si tende a prediligere nelle cure quindi chi avrà più anni di piacere dinanzi rispetto a chi invece potrà vivere meno.

 

2) Il sistema di allocazione delle risorse mediche – il problema del triage che abbiamo visto in azioni con gli intubati durante la prima ondata pandemica – ora è utilizzabile come ricatto vaccinale.

 

3) il sistema grottesco della predazione degli organi, come riportato da Renovatio 21, non si è fatto scrupolo di espiantare e trapiantare organi di positivi al COVID: per quanto vi possa sembrare allucinante è così. Anzi, si parlava, qualche mese fa, di un boom di disponibilità di organi umani grazie ai morti di COVID. Ora però la faccenda si complica: a quanto è dato di capire potrebbe essere obbligato al vaccino anche il «donatore».

 

Ci rendiamo conto che stanno davvero rendendo accettabile l’idea che un non vaccinato merita di morire?

Qui subentra il paradosso ulteriore che abbiamo visto con il plasma iperimmune: colui che ha contratto il coronavirus ed è guarito può donare il sangue per la plasmaferesi, mentre chi è vaccinato ha dei limiti: egli, secondo le linee guida pubblicate dall’ECDC, deve attendere 48 ore dal vaccino, mentre se «ha sviluppato sintomi dopo la somministrazione del vaccino anti-SARS-CoV-2 può essere accettato alla donazione dopo almeno 7 giorni dalla completa risoluzione dei sintomi».

 

Non abbiamo dubbi che l’idea di escludere dalle cure i non vaccinati trova il favore in una larga parte della popolazione – gli stessi che paragonano i resistenti alla siringa come animali parassiti, subumani da gettare in campi da concentramento o da prendere a cannonate. Tutte cose che sono state davvero dette nel discorso pubblico.

 

La filiera della Necrocultura squarta e contamina, segrega e ricatta, in Europa oramai con la stessa mancanza di pudore che regna in Cina. Com’è possibile che il personale medico accetti questa mostruosità?

 

Ci rendiamo conto che stanno davvero rendendo accettabile l’idea che un non vaccinato merita di morire?

 

 

Continua a leggere

Più popolari