Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Israele, se ti vaccini ti danno un «passaporto verde» per tornare ad uscire

Pubblicato

il

 

 

 

Gli israeliani che fanno il vaccino COVID-19 riceveranno dei «passaporti verdi» che consentiranno loro di frequentare i locali e mangiare nei ristoranti.

 

Il ministero della Salute del Paese ha annunciato che i cittadini che si sottoporranno alla vaccinazione saranno ricompensati con «carte di libera circolazione» che consentiranno loro di aggirare le restrizioni del coronavirus.

I cittadini che si sottoporranno alla vaccinazione saranno ricompensati con «carte di libera circolazione» che consentiranno loro di aggirare le restrizioni del coronavirus

 

I passaporti verdi verranno rilasciati dopo che il cittadino avrà ricevuto la seconda dose del vaccino Pfizer che Israele prevede di iniziare a lanciare il 27 dicembre, con circa 60.000 persone che ogni giorno riceveranno l’iniezione.

 

Secondo un articolo di Ynet News, «I titolari dei passaporti potranno, tra le altre cose, partecipare a eventi pubblici e mangiare nei ristoranti, ha detto domenica a Channel 12 il direttore generale del ministero della Salute Chezy Levy».

 

«Inoltre, non sarà loro richiesto di entrare in quarantena obbligatoria dopo il contatto con un paziente confermato o dopo il ritorno da un «paese rosso» all’estero. Coloro che viaggiano non saranno inoltre tenuti a sostenere un test COVID-19 obbligatorio prima di lasciare il Paese».

«I titolari dei passaporti potranno, tra le altre cose, partecipare a eventi pubblici e mangiare nei ristoranti, ha detto domenica a Channel 12 il direttore generale del ministero della Salute Chezy Levy»

 

Come nota Summit News, la creazione del passaporto apre la questione di cosa accadrà a coloro che si rifiutano di prendere il vaccino e se sarà mai permesso loro di vivere di nuovo una vita normale.

 

I sondaggi mostrano che il 50-75% degli israeliani ha indicato che non assumerà il vaccino perché ritiene che sia stato affrettato, suggerendo che le minacce di rimuovere le libertà fondamentali potrebbero essere utilizzate per convincere più persone.

 

I funzionari militari stanno anche valutando se rendere obbligatoria la vaccinazione per i soldati delle  Forze di Difesa di Israele.

La creazione del passaporto apre la questione di cosa accadrà a coloro che si rifiutano di prendere il vaccino e se sarà mai permesso loro di vivere di nuovo una vita normale

 

«Se approvata, la decisione costituirà un precedente poiché né le vaccinazioni antinfluenzali né le donazioni di sangue sono obbligate da alcun comando militare ufficiale», riferisce YNet News.

 

Israele, come la Svezia e prima ancora la Gran Bretagna, all’inizio discuteva di un lockdown parziale concentrato solo sulle categorie a rischio. Ora invece lo Stato ebraico sembra essere scivolato verso l’opzione della clausura quasi totale, con robuste proteste di piazza contro le decisioni del premier Netanyahu.

 

Avendo il governo di Tel Aviv comprato quantità di dosi del vaccino Pfizer, i giornali israeliani sono stati fra i soli a dare la notizia delle cavie umane morte durante l’esperimento.

Il passaporto vaccinale è oramai discusso ovunque, dalla Danimarca alla Gran Bretagna, con l’Unione Europa che aveva cominciato a lavorarvici già anni fa.

 

Il passaporto vaccinale è oramai discusso ovunque, dalla Danimarca alla Gran Bretagna, con l’Unione Europa che aveva cominciato a lavorarvici già anni fa.

 

Le compagnie aeree, soprattutto, ne stanno accelerando l’adozione anche contro le leggi dei singoli Stati e perfino i boicottaggi di alcuni coraggiosi Tour Operator.

 

 

 

 

 

 

Immagine d’archivio

Continua a leggere

Epidemie

Il CDC: gli ucraini portano infezioni antibiotico-resistenti in Europa occidentale

Pubblicato

il

Da

Secondo un recente documento dei Centri statunitensi per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC), i soldati ucraini feriti e i civili in fuga stanno trasportando nuovi ceppi di batteri resistenti agli antibiotici nell’Europa occidentale. Anche prima dello scoppio del conflitto, gli scienziati avevano avvertito dell’incapacità dell’Ucraina di monitorare e limitare la diffusione di queste infezioni.

 

Il rapporto del CDC, pubblicato il mese scorso, rilevava che sei diverse infezioni resistenti agli antibiotici erano state trovate nel corpo di un soldato ucraino ferito in un ospedale militare in Germania. Il soldato ha riportato gravi ustioni nell’incendio di un veicolo ed è stato trasportato negli ospedali di Dnipropetrovsk e Kiev prima della sua evacuazione in Germania.

 

Ricercatori tedeschi hanno scoperto che alcune di queste infezioni erano state riscontrate nelle ferite degli ucraini che combattevano nelle regioni del Donbass dal 2014 e probabilmente si erano sviluppate negli ospedali ucraini.

 

«Di conseguenza, le reti sanitarie in Europa ora considerano il ricovero ospedaliero in Ucraina un fattore di rischio critico» per i cosiddetti organismi multiresistenti, avverte il documento.

 

Queste infezioni, che circolano in Ucraina da quasi un decennio, vengono trasportate anche nell’Europa occidentale da rifugiati civili, ha riferito lunedì il Financial Times, citando numerosi articoli scientifici.

 

Monitorare e affrontare le infezioni resistenti ai farmaci rappresenta una sfida anche per i sistemi sanitari più sviluppati, con il Financial Times che osserva che un «prestigioso ospedale di New York» prescrive antibiotici senza effettuare test sufficienti e non smaltisce le pillole inutilizzate – entrambi i fattori nella diffusione di questi organismi.

Sostieni Renovatio 21

Non tutti i governi hanno piani adeguati per rispondere alle epidemie di infezioni resistenti ai farmaci. Una recente analisi di 114 paesi ha valutato questi piani su una scala da 0 a 100, assegnando all’Ucraina un punteggio di 29, rispetto a 45 e 54 rispettivamente per le vicine Polonia e Russia.

 

L’analisi è stata condotta nel 2021 e il successivo conflitto ha probabilmente abbassato ulteriormente il punteggio dell’Ucraina, scrive RT.

 

Il Financial Times osserva che le diffuse ferite da combattimento, la prescrizione indiscriminata di antibiotici e i danni alle infrastrutture ospedaliere facilitano la diffusione della malattia.

 

Renovatio 21 ci tiene a ricordare, en passant, quando nel marzo 2022, allo scoppiare della guerra, il governo Draghi permise ai quasi 50 mila profughi ucraini allora giunti in Italia di circolare senza super green pass, che era invece inflitto a tutti i cittadini contribuenti italiani.

 

«Per i quasi 50 mila ucraini arrivati non c’è obbligo di super green pass» scriveva il quotidiano La Verità. «Abbiamo visto profughi alloggiati in hotel, che affermavano di non essere vaccinati e di non avere il super green pass».

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Epidemie

La CIA e Wuhan: una storia tutta da scrivere

Pubblicato

il

Da

La settimana scorsa al Congresso degli Stati Uniti è apparso un rapporto secondo cui il plenipotenziario pandemico dottor Anthony Fauci sarebbe stato introdotto di nascosto nel quartier generale della CIA «senza una registrazione di ingresso» dove avrebbe «partecipato all’analisi per» influenzare «l’indagine sul COVID-19 dell’Agenzia».   Affermazioni simili sono state fatte in passato da Andrew Huff, un ex scienziato di EcoHealth Alliance – la ONG che finanziava gli esperimenti genetici all’Istituto di Virologia di Wuhan – che ha parlato in passato presunti collegamenti della CIA con EcoHealth e con il COVID-19.   EcoHealth aveva ricevuto contratti redditizi per eseguire esperimenti sul COVID dei pipistrelli a Wuhan, in Cina, dopo che l’amministrazione Obama aveva vietato la ricerca sul guadagno di funzione nel 2014. Quattro mesi prima del divieto, l’ente sanitario nazionale americano (NIH) aveva effettivamente spostato questa ricerca su EcoHealth, guidata dal famigerato Peter Daszak.   La ricerca è stata protetta dalla supervisione del governo da parte del NIAID, l’ente di Fauci, il quale incalzato dalle domande del senatore Rand Paul ha negato davanti al Congresso USA di aver finanziato esperimenti di Guadagno di Funzione, tuttavia sembra proprio che gli esperimenti genetici sui coronavirus dei chirotteri fossero esattamente quello.   «Come virologo, personalmente penso che creare chimere di coronavirus di pipistrello legati alla SARS che si ritiene rappresentino un alto rischio per gli esseri umani comporti rischi inaccettabili», ha detto il virologo Jesse Bloom al sito di giornalismo investigativo The Intercept.   Dopo che il SARS-CoV-2 è scoppiato nella stessa città in cui Daszak stava finanziando manipolazioni il coronavirus da pipistrello, la (un tempo) prestigiosissima rivista scientifica The Lancet aveva pubblicato un documento firmato dallo stesso Daszak con oltre due dozzine di scienziati, in cui insisteva che il virus avrebbe potuto provenire solo da un evento di spillover naturale, probabilmente da un mercato di animali vivi e che gli scienziati «stanno uniti per condannare fermamente le teorie del complotto che suggeriscono che il COVID-19 non ha un’origine naturale». Solo più tardi Lancet avrebbe  notato gli evidentissimi conflitti di interessi di Daszak.

Sostieni Renovatio 21

In un thread su Twitter del gennaio 2022, Andrew Huff, che ha lavorato presso EcoHealth dal 2014 al 2016, scrive: «sapevo nel dicembre del 2019 che il COVID era probabilmente una fuga di dati di laboratorio».   Huff afferma che «non è solo che EcoHealth Alliance è un’organizzazione di copertura della CIA, ma i principali responsabili del COVID sono gli Stati Uniti d’America, non la Cina».     Sono accuse di gravità incalcolabile, tuttavia Huff lo aveva anche dichiarato a Fox Business a gennaio: «questa è stata in realtà un’operazione di Intelligence fallita. In realtà stavamo scambiando biotecnologie avanzate con la Cina per accedere e raccogliere informazioni sul loro laboratorio di armi biologiche. Credo. Non posso provarlo, ma un certo numero di agenzie lo sostengono. Ne parlo nel libro, incluso il dottor Peter Daszak che mi dice che aveva lavorato con la CIA».   Huff sulla questione ha infatti pubblicato un libro, The Truth about Wuhan («La verità su Wuhan»)   «Queste discussioni hanno portato a pubblicazioni che indicano che il dottor Peter Daszak, presidente di EcoHealth Alliance, stava lavorando con la CIA e che l’agente biologico comunemente noto come COVID-19 (SARS-CoV-2) era in fase di sviluppo presso EcoHealth Alliance da allora 2012 e altre prove suggeriscono che la SARS-CoV-2 sia iniziata prima del 2012» si legge nel libro di Huff.   «Lo sviluppo della SARS-CoV-2 ha coinvolto diversi eminenti scienziati e istituzioni accademiche statunitensi che hanno ricevuto finanziamenti da numerose agenzie governative federali e organizzazioni private non governative per completare il lavoro di guadagno funzionale su SARS-CoV-2».

Aiuta Renovatio 21

Huff ha anche pubblicato un documento ottenuto da Project Veritas e pubblicato nel gennaio 2022, presumibilmente scritto (e non smentito) dal maggiore Joseph Murphy (USMC), in cui si afferma che il «SARS-CoV-2 è un vaccino ricombinante per pipistrelli creato in America» ​​che è stato «creato da un programma EcoHealth Alliance presso il Wuhan Institute of Virology (WIV)».     Project Veritas scrive di aver «ottenuto un rapporto separato per l’ispettore generale del Dipartimento della Difesa scritto dal maggiore dei Marines degli Stati Uniti, Joseph Murphy, ex membro della DARPA».   «Il rapporto afferma che EcoHealth Alliance si è rivolta alla DARPA nel marzo 2018, cercando finanziamenti per condurre ricerche sul guadagno funzionale dei coronavirus trasmessi dai pipistrelli. La proposta, denominata Project Defuse, è stata respinta dalla DARPA per motivi di sicurezza e per l’idea che viola il guadagno di base della moratoria sulla ricerca funzionale».

Sostieni Renovatio 21

Secondo i documenti, il NIAD, sotto la direzione del dottor Fauci, ha portato avanti la ricerca a Wuhan, in Cina e in diversi siti negli Stati Uniti» continua Project Veritas   Huff ha anche fornito un rapporto al Congresso, sotto giuramento, in cui si afferma che 1. IlSARS-COV2 è stato creato nel laboratorio di Wuhan, in Cina; 2. Anthony Fauci ha finanziato la creazione della SARS-COV2 e ha mentito al Congresso riguardo al finanziamento del lavoro sul guadagno di funzione; 3. La comunità dell’intelligence statunitense era a conoscenza e sembrava essere stata coinvolta nel finanziamento di detto lavoro di Gain-of-Function; 4. Numerosi partner pubblici e privati ​​ben collegati sono stati coinvolti nel lavoro Gain-of-Function che ha portato alla creazione e al rilascio di SARS-COV2; 5. Anthony Fauci e altri si sono coordinati per nascondere il finanziamento del lavoro di guadagno di funzione che ha portato alla SARS-COV2.   EcoHealth ha confutato le affermazioni di Huff, scrivendo nel dicembre 2022 – quasi un anno dopo che Huff era diventato informatore – che le affermazioni sulla ricerca sul guadagno di funzione non sono vere, che la fuga dal laboratorio «non è vera», e che le sue affermazioni sulla «natura della collaborazione tra EcoHealth Alliance e l’Istituto di Virologia di Wuhan» sono analogamente «non vere».   Tuttavia, come nota Zerohedge, Ecohealth non pare confutare nello specifico le affermazioni di Huff sulla collaborazione con o per la CIA.   Come riportato da Renovatio 21, del ruolo della CIA nella gestione pandemica ha accennato in vari discorsi, compreso quello tenuto all’Arco della Pace di Milano, Robert F. Kennedy jr., che ha ricordato alle masse che i servizi americani abbiano fatto almeno 20 esercitazioni pandemiche negli anni 2000, e che la specialità della CIA non è la sanità pubblica, ma l’attuazione di colpi di Stato.   La CIA e Wuhan: una storia di cui piano piano stanno emergendo vari pezzi, e che qualcuno prima o poi potrebbe addirittura riuscire a scrivere in maniera completa.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
 
Continua a leggere

Epidemie

L’RNA virale può persistere per 2 anni dopo il COVID-19: studio

Pubblicato

il

Da

Un nuovo studio potrebbe spiegare perché alcune persone che contraggono il COVID-19 non tornano mai alla normalità e sperimentano invece nuove condizioni mediche come malattie cardiovascolari, disfunzioni della coagulazione, attivazione di virus latenti, diabete mellito o quello che è noto come «Long COVID» dopo l’infezione di  SARS-CoV-2. Lo riporta Epoch Times.

 

In un recente studio preliminare pubblicato su medRxiv, i ricercatori hanno condotto il primo studio di imaging con tomografia a emissione di positroni (PET) sull’attivazione delle cellule T in individui che in precedenza si erano ripresi da COVID-19 e hanno scoperto che l’infezione da SARS-CoV-2 può provocare un’attivazione persistente delle cellule T in una varietà di tessuti corporei per anni dopo i sintomi iniziali.

 

Anche nei casi clinicamente lievi di COVID-19, questo fenomeno potrebbe spiegare i cambiamenti sistemici osservati nel sistema immunitario e in quelli con sintomi COVID di lunga durata.

 

Va segnalato, ad ogni modo, la maggior parte dei partecipanti era stata vaccinata e lo studio non ha indagato il legame tra l’esistenza dell’RNA virale e la vaccinazione.

 

Per effettuare lo studio, i ricercatori hanno condotto scansioni PET di tutto il corpo di 24 partecipanti che erano stati precedentemente infettati da SARS-CoV-2 e guariti dall’infezione acuta in momenti che vanno da 27 a 910 giorni dopo l’insorgenza dei sintomi di COVID-19.

 

Una scansione PET è un test di imaging che utilizza un farmaco radioattivo chiamato tracciante per valutare la funzione metabolica o biochimica di tessuti e organi e può rivelare un’attività metabolica sia normale che anormale. Il tracciante viene solitamente iniettato nella mano o nella vena del braccio e si raccoglie in aree del corpo con livelli più elevati di attività metabolica o biochimica, che possono rivelare la sede della malattia.

Sostieni Renovatio 21

Utilizzando un nuovo agente radiofarmaceutico che rileva molecole specifiche associate a un tipo di globuli bianchi chiamati linfociti T, i ricercatori hanno scoperto che l’assorbimento del tracciante era significativamente più elevato nei partecipanti alla fase post-acuta di COVID-19 rispetto ai controlli pre-pandemia nel tronco cerebrale, nella colonna vertebrale midollo osseo, tessuto linfoide nasofaringeo e ilare, tessuti cardiopolmonari e parete intestinale.

 

Tra maschi e femmine, i partecipanti maschi tendevano ad avere un assorbimento maggiore nelle tonsille faringee, nella parete rettale e nel tessuto linfoide ilare rispetto ai partecipanti femmine.

 

I ricercatori hanno specificatamente identificato l’RNA cellulare del SARS-CoV-2 nei tessuti intestinali di tutti i partecipanti con sintomi da Long COVID che si erano sottoposti a biopsia in assenza di reinfenzione, con un range da 158 a 676 giorni dopo essersi inizialmente ammalati di COVID.

 

Ciò suggerisce che la persistenza del virus nel tessuto potrebbe essere associata a problemi immunologici a lungo termine.

 

Sebbene l’assorbimento del tracciante in alcuni tessuti sembrasse diminuire con il tempo, i livelli rimanevano comunque elevati rispetto al gruppo di controllo di volontari sani pre-pandemia.

 

«Questi dati estendono in modo significativo le osservazioni precedenti di una risposta immunitaria cellulare duratura e disfunzionale alla SARS-CoV-2 e suggeriscono che l’infezione da SARS-CoV-2 potrebbe portare a un nuovo stato stazionario immunologico negli anni successivi a COVID-19», scrivono i ricercatori.

 

I risultati hanno mostrato un «assorbimento leggermente più elevato» dell’agente nel midollo spinale, nei linfonodi ilari e nella parete del colon/retto nei soggetti con sintomi COVID prolungati.

 

Nei partecipanti con COVID lungo che hanno riportato cinque o più sintomi al momento dell’imaging, i ricercatori hanno osservato livelli più elevati di marcatori infiammatori, «comprese le proteine ​​coinvolte nelle risposte immunitarie, nella segnalazione delle chemochine, nelle risposte infiammatorie e nello sviluppo del sistema nervoso».

 

Rispetto sia ai controlli pre-pandemia che ai partecipanti che avevano avuto il COVID-19 e si erano completamente ripresi, le persone con Long COVID hanno mostrato una maggiore attivazione delle cellule T nel midollo spinale e nella parete intestinale.

I ricercatori attribuiscono i loro risultati all’infezione da SARS-CoV-2, sebbene tutti i partecipanti tranne uno avessero ricevuto almeno una vaccinazione COVID-19 prima dell’imaging PET.

 

Per ridurre al minimo l’impatto della vaccinazione sull’attivazione delle cellule T, l’imaging PET è stato eseguito a più di 60 giorni da qualsiasi dose di vaccino, ad eccezione di un partecipante che ha ricevuto una dose di vaccino di richiamo sei giorni prima dell’imaging. Sono stati esclusi gli altri che avevano fatto un vaccino COVID-19 entro quattro settimane dall’imaging, scrive Epoch Times.

 

I ricercatori hanno affermato che il loro studio presentava diversi altri limiti, tra cui dimensioni ridotte del campione, studi correlati limitati, varianti in evoluzione, lancio rapido e incoerente dei vaccini COVID-19, che hanno richiesto loro di modificare i protocolli di imaging, utilizzando individui pre-pandemici come controlli e l’estrema difficoltà di trovare persone che non fossero mai state infettate dal SARS-CoV-2.

Aiuta Renovatio 21

«In sintesi, i nostri risultati forniscono prove provocatorie dell’attivazione del sistema immunitario a lungo termine in diversi tessuti specifici in seguito all’infezione da SARS-CoV-2, compresi quelli che presentano sintomi COVID lunghi», concludono i ricercatori. «Abbiamo identificato che la persistenza del SARS-CoV-2 è un potenziale motore di questo stato immunitario attivato e mostriamo che l’RNA del SARS-CoV-2 può persistere nel tessuto intestinale per quasi 2 anni dopo l’infezione iniziale».

 

Come riportato da Renovatio 21, già un anno fa la stampa mainstream aveva cominciato ad ammettere che forse «i vaccini potrebbero non prevenire molti sintomi del Long COVID, come ha scritto il Washington Post.

 

Nella primavere 2022 il professor Harald Matthes dell’ospedale di Berlino Charité aveva dichiarato di aver registrato 40 volte più «effetti collaterali gravi» delle vaccinazioni contro il COVID -19 rispetto a quanto riconosciuto da fonti ufficiali tedesche.

 

Matthes aveva delle strutture che sarebbero chiamate a curare i pazienti con complicazioni vaccinali: «Abbiamo già diversi ambulatori speciali per il trattamento delle conseguenze a lungo termine della malattia COVID», spiega il prof. Matthes. «Molti quadri clinici noti da “Long COVID” corrispondono a quelli che si verificano come effetti collaterali della vaccinazione».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

Continua a leggere

Più popolari