Agenzia di viaggi britannica boicotta la politica di Qantas «Niente vaccino, niente volo»

 

 

 

Un’agenzia di viaggi britannica ha annunciato che boicotterà la compagnia aerea australiana Qantas per la sua politica «no vaccino, no volo», dicendo che i viaggiatori dovrebbero avere libertà di scelta.

 

La scorsa settimana, il CEO di Qantas Alan Joyce aveva annunciato che la compagnia aerea avrebbe implementato una politica che vietava a chiunque non avesse ricevuto il vaccino COVID-19 di utilizzare il proprio servizio.

 

«Stiamo cercando di modificare i nostri termini e condizioni per dire  ai viaggiatori internazionali che chiederemo alle persone di farsi vaccinare prima che possano salire sull’aereo», ha detto il CEO dell’aerolinea australiana Qantas

«Stiamo cercando di modificare i nostri termini e condizioni per dire  ai viaggiatori internazionali che chiederemo alle persone di farsi vaccinare prima che possano salire sull’aereo», ha detto.

 

Da allora questa politica è stata sostenuta dal primo ministro australiano Scott Morrison, che ha affermato che i passeggeri che non hanno preso il vaccino prima di entrare in Australia sarebbero stati soggetti a due settimane di quarantena.

 

Altre compagnie aeree come Korean Air hanno anche segnalato che richiederanno la vaccinazione, mentre l’industria in generale sembra muoversi verso un «Common Pass» digitale che conterrà i dettagli sullo stato della vaccinazione.

 

Tuttavia, il contraccolpo è già iniziato, con un agenzia di viaggio nel Regno Unito che ha annunciato un boicottaggio totale di Qantas sulla sua politica sui vaccini. Tradewinds Travel ha pubblicato una dichiarazione sul proprio sito web affermando che «l’autonomia del corpo per quanto riguarda l’intervento medico è una scelta personale e non qualcosa che le aziende devono imporre alle persone».

L’agenzia di viaggi Tradewinds Travel ha pubblicato una dichiarazione sul proprio sito web affermando che «l’autonomia del corpo per quanto riguarda l’intervento medico è una scelta personale e non qualcosa che le aziende devono imporre alle persone»

 

«Non siamo anti-vaccinazione ma siamo favorevoli alla scelta. C’è un’enorme differenza tra la coercizione e il fare una scelta libera», afferma la dichiarazione dell’agenzia di viaggio.

 

La compagnia ha anche notato come Qantas «voli in code share con Emirates» verso l’Estremo Oriente e che Emirates non ha annunciato che seguirà la stessa politica, sollevando la domanda: «Ci chiediamo se questo è stato discusso con Emirates prima del annuncio di Qantas?».

 

«Mai prima nella storia dell’aviazione è stato richiesto di sottoporsi a un’iniezione prima di salire a bordo di un aereo», aggiunge la dichiarazione di Tradewinds.

 

«Se l’Australia come nazione decide di non consentire l’ingresso a persone senza vaccinazione, ciò rientra nei loro diritti e le persone possono scegliere consapevolmente se desiderano visitare il Paese. Ma non spetta a una compagnia aerea imporre questo ai clienti».

«Mai prima nella storia dell’aviazione è stato richiesto di sottoporsi a un’iniezione prima di salire a bordo di un aereo»

 

L’azienda ha detto di aver ricevuto «molto sostegno» sulla sua posizione.

 

In uno sviluppo correlato, la grande compagnia aerea low-cost Ryanair ha segnalato che non richiederà ai passeggeri di vaccinarsi prima di consentire loro di viaggiare.