Connettiti con Renovato 21

Nucleare

Isole del Pacifico contro lo scarico in mare delle acque di Fukushima

Pubblicato

il

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di AsiaNews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il ministro della Pesca della Papua Nuova Guinea chiede una presa di posizione comune per fermare l’azione da tempo annunciata dal Giappone nella centrale dove avvenne l’incidente del 2011. «Sarebbe un danno ulteriore per noi già colpiti dagli effetti del cambiamento climatico».

 

 

Anche le isole dell’Oceania prendono posizione contro la decisione adottata dal governo giapponese di procedere nei prossimi mesi allo scarico in mare delle acque utilizzate per raffreddare la centrale di Fukushima dopo l’incidente al reattore avvenuto nel 2011.

 

Il ministro della Pesca e delle Risorse marine della Papua Nuova Guinea, Jelta Wong, ha chiesto ai leader dei 16 Paesi che fanno parte del Forum delle Isole del Pacifico (PIF) di prendere posizione insieme contro il piano di Tokyo.

 

«Le piccole isole del Pacifico e di tutto il mondo – scrive il ministro Wong nell’appello – stanno affrontando l’orrore e la devastazione provocati dai cambiamenti climatici causati dalle superpotenze industriali di tutto il mondo, e di fronte a tutto questo il governo giapponese ritiene opportuno mettere a rischio le vite e le nostre preziose risorse del Pacifico con questa azione sconsiderata».

 

Il PIF, organismo di cui fanno parte la maggior parte delle isole indipendenti del Pacifico meridionale, ha già istituito un gruppo di esperti scientifici per condurre una valutazione indipendente. Il gruppo ha chiesto la piena divulgazione dei dati e delle informazioni scientifiche per consentire una valutazione della sicurezza e dell’impatto sull’ambiente e sulla salute.

 

Anche la Cina e la Corea, che condividono i confini marittimi con il Giappone, hanno chiesto di fermare gli scarichi previsti nei prossimi mesi, chiedendo una maggiore consultazione con tutte le parti interessate. E la stessa industria ittica nazionale giapponese ha espresso preoccupazione, temendo un rischio di reputazione. Il governo Kishida ha però confermato l’intenzione di andare avanti, sostenendo che le analisi sulle acque accumulate in questi anni e che hanno ormai quasi riempito i serbatoi non presentano valori di radioattività che giustifichino allarmi.

 

«Chi possiede le barche che pescano nella nostra regione? A chi appartengono gli impianti di lavorazione a terra? – scrive ancora il ministro della Papua Nuova Guinea – Dobbiamo mettere in guardia il Giappone: se volete usare le nostre risorse, siete obbligati ad aiutarci a proteggerle. L’Oceano Pacifico non appartiene al Giappone, appartiene al Pacifico».

 

Il ministro Wong ha parlato intanto anche del progetto della Papua Nuova Guinea di creare un fondo di dotazione intergenerazionale per la pesca nella regione, per garantire il futuro delle economie del Pacifico, con entrate sufficienti e stabili dalla pesca.

 

La proposta è di coinvolgere i Paesi firmatari dell’Accordo di Nauru, un trattato regionale sulla sostenibilità della pesca del tonno che vede coinvolti Micronesia, Kiribati, Isole Marshall, Nauru, Palau, Papua New Guinea, Isole Salomone e Tuvalu con Tokelau. Obiettivo del fondo sarebbe «eliminare la dipendenza dei nostri Paesi dai donatori e dai cosiddetti partner».

 

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni

 

 

 

 

Immagine di IAEA Imagebank via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-SA 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Nucleare

La Cina esorta Washington a «ridurre il ruolo delle armi nucleari nella politica di sicurezza»

Pubblicato

il

Da

Il governo cinese ha risposto alle dichiarazioni di Pranay Vaddi, direttore senior per il controllo degli armamenti, disarmo e non proliferazione presso il Consiglio di sicurezza nazionale degli Stati Uniti, secondo cui Cina, Russia e Corea del Nord stavano espandendo i loro arsenali nucleari a un «ritmo vertiginoso» e ha mostrato «poco o nessun interesse per il controllo degli armamenti».

 

«In assenza di un cambiamento nella traiettoria dell’arsenale avversario, nei prossimi anni potremmo raggiungere un punto in cui sarà necessario un aumento rispetto agli attuali numeri dispiegati» aveva aggiunto il Vaddi.

 

Il quotidiano di Hong Kongo South China Morning Post ha riferito che «la Cina ha risposto dicendo all’agenzia di stampa statale russa TASS: “gli Stati Uniti devono riflettere sul proprio comportamento e impegnarsi a fare la cosa giusta”. Gli Stati Uniti dovrebbero ridurre il ruolo delle armi nucleari nelle politiche di sicurezza nazionale e collettiva e agire in modo responsabile per il benessere del mondo».

 

«Gli Stati Uniti possiedono l’arsenale nucleare più grande e avanzato del mondo. Anche così, si aggrappa a una politica nucleare di primo utilizzo, escogita strategie di deterrenza nucleare contro altri e ha investito molto nel potenziamento della sua triade nucleare».

 

Il SCMP ha anche citato Lu Xiang, ricercatore presso l’Accademia cinese delle scienze sociali, che ha commentato le osservazioni del Vaddi.

 

«Credo che il governo cinese lo considererà come un commento che aggiunge elementi negativi a un mondo già turbolento. Questo messaggio dagli Stati Uniti spingerà alcuni paesi a preparare alcune testate nucleari per il lancio, il che aumenterà il rischio a cui va incontro il mondo».

 

Come riportato da Renovatio 21, lo scorso ottobre il Pentagono aveva lamentato pubblicamente come la Repubblica Popolare Cinese stesse espandendo «rapidamente» il proprio arsenale nucleare.

Iscriviti al canale Telegram

Tre anni fa era emerso che la Cina aveva costruito 119 silos missilistici in un deserto vicino alla città di Yumen, nel nord-ovest della Cina. Tali siti contengono le stesse caratteristiche osservate in altre strutture di lancio in grado di lanciare missili balistici con testata nucleare.

 

A fine 2022 l’ammiraglio Charles Richard, il comandante uscente del Comando Strategico degli Stati Uniti, aveva lasciato trasparire la sua preoccupazione riguardo il fatto che l’attuale costrutto di deterrenza nucleare degli Stati Uniti possa non funzionare sia contro la Russia che contro la Cina, che descrive come potenze nucleari «quasi pari» con cui gli Stati Uniti sono in concorrenza.

 

A inizio 2023, in una lettera al Congresso datata 26 gennaio, il generale Anthony Cotton, nuovo comandante del Comando Strategico degli Stati Uniti, aveva scritto che «il numero di lanciatori di missili balistici intercontinentali fissi e mobili in Cina supera il numero di lanciatori di missili balistici intercontinentali negli Stati Uniti».

 

«La Cina si sta rapidamente avvicinando alla parità con gli Stati Uniti», aveva affermato in un’udienza il presidente del Comitato per i servizi armati della Camera, il rappresentante Mike Rogers, secondo il Wall Street Journal. «Il Partito Comunista Cinese sta rapidamente espandendo la sua capacità nucleare. Hanno raddoppiato il loro numero di testate in soli due anni. Avevamo stimato che ci vorrebbero dieci anni per farlo».

 

Come noto, la Cina disporrebbe di tecnologia ipersonica, realizzata peraltro con l’aiuto di imprese e scienziati statunitensi, mentre gli USA non sono ancora arrivati al punto di poter schierare armi ipersoniche, che sarebbero però già disponibili ad una schiera di Paesi tradizionalmente ostili a Washington come RussiaNord CoreaIran.

 

Come riportato da Renovatio 21, ha destato impressione la notizia di esperimenti genetici cinesi che inserendo un gene di tardigrado in un embrione umano di fatto aprono la via alla creazione di supersoldati OGM radioresistenti, in grado, cioè, di sopravvivere alle radiazioni, con vantaggio non indifferente in condizioni di guerra nucleare.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Cina ha appena definito gli USA come la «massima minaccia alla sicurezza nello spazio».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


Immagine di pubblico dominio CC0 via Flickr

Continua a leggere

Nucleare

Putin: la Russia «non brandisce» armi nucleari

Pubblicato

il

Da

Mosca non è mai stata la prima a ricorrere ad una retorica nucleare aggressiva, ha dichiarato venerdì il presidente Vladimir Putin in un panel di domande e risposte al Forum Economico Internazionale di San Pietroburgo (SPIEF). La dottrina nucleare della nazione consente l’uso delle armi atomiche solo in «casi eccezionali» e la situazione attuale non lo è, ha aggiunto. Lo riporta il sito governativo russo RT.   Alla domanda se la Russia debba «salire la scala dell’escalation nucleare più velocemente», Putin ha risposto che Mosca non ha mai avviato tale escalation.   La Russia «non ha mai detto» di essere «pronta a premere il pulsante rosso», ha affermato il presidente della Federazione Russa, aggiungendo che Mosca ha sempre invitato le altre nazioni a trattare tali questioni «seriamente», ma è stata invece accusata di usare la spada nucleare.   «Non brandiamo» le armi nucleari, ha dichiarato Putin.   La dottrina nucleare russa afferma chiaramente che le armi atomiche possono essere utilizzate solo in presenza di una «minaccia alla sovranità e all’integrità territoriale» del Paese, ha affermato il presidente. «Non credo che sia così adesso».   Ha avvertito, tuttavia, che modifiche alla dottrina «non sono escluse».

Iscriviti al canale Telegram

Il presidente ha espresso la speranza che «non si arrivi mai» ad uno scambio nucleare tra Mosca e l’Occidente. Ha detto che la Russia possiede un efficace sistema di allarme rapido e un vasto arsenale nucleare, comprese armi nucleari tattiche, che sono tre o quattro volte più potenti delle bombe sganciate dagli Stati Uniti su Hiroshima e Nagasaki.   L’UE non dispone di entrambi e solo gli Stati Uniti hanno capacità paragonabili, ha aggiunto.   Mosca «non ha motivo nemmeno di pensare» all’uso delle armi nucleari, secondo Putin. La Russia supera di gran lunga il suo nemico quando si tratta di carri armati e aviazione, ha detto il presidente. Anche la produzione di munizioni in Russia è aumentata di un multiplo di 20 a causa del conflitto in corso, ha aggiunto.   Putin ha poi invitato i funzionari russi a non «toccare» nemmeno il tema delle armi nucleari a meno che non sia assolutamente necessario.   Come riportato da Renovatio 21, la dottrina nucleare russa era stata ribadita più volte durante il corso del conflitto ucraino. Il Cremlino aveva dichiarato ad aprile 2022 che l’Ucraina stava sviluppando armi atomiche, mentre in Polonia, in quei giorni, si ipotizzava su di una fornitura a Kiev di bombe termonucleari. Il portavoce della presidenza russa Dmitrij Peskov a inizio conflitto aveva detto pubblicamente che l’operazione militare speciale di Mosca serviva ad impedire la guerra nucleare.   Sono avanzate a Mosca in questi mesi riflessioni sull’uso delle atomiche e sui cambi della dottrina nucleare come quelle del politologo, membro onorario del presidio del Consiglio Russo per la Politica Estera e di Difesa (SVOP) Sergej Karaganov, il quale ha più volte sollevato in diversi articoli la questione delle armi nucleari e ha suggerito alla Russia di prendere in considerazione la possibilità di effettuare, prima o poi, attacchi nucleari preventivi contro obiettivi in ​​Europa.   Putin poco prima dell’inizio delle ostilità, Putin aveva parlato di una «guerra nucleare in Europa senza vincitori».   L’attacco degli scorsi giorni con droni contro la base radar russa di Krasnodar per i missili nucleari intercontinentali, seguita da un attacco non dissimile a Orenburgo, va verso l’idea di un’escalation sempre più inevitabile.   Due anni fa l’ammiraglio Charles Richard, il comandante uscente del Comando Strategico degli Stati Uniti, in una conferenza aveva lasciato trasparire la sua preoccupazione riguardo il fatto che l’attuale costrutto di deterrenza nucleare degli Stati Uniti possa non funzionare sia contro la Russia che contro la Cina, che descrive come potenze nucleari «quasi pari» con cui gli Stati Uniti sono in concorrenza.   Un nuovo studio degli scienziati della Rutgers University pubblicato due mesi fa rivela che più di cinque miliardi di persone morirebbero di fame a seguito di uno scambio di armi atomiche tra USA e Russia.  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)
Continua a leggere

Nucleare

Senatore USA: «il rischio di guerra nucleare è il più alto in 40 anni». La Russia avverte, Trump parla di annientamento globale

Pubblicato

il

Da

Il senatore repubblicano dell’Ohio James David «JD» Vance ha avvertito del rischio imminente di uno scontro tra le superpotenze atomiche.

 

«Ho appena parlato con un amico di cui mi fido di quello che sta succedendo in Russia. Penso che il rischio di una guerra nucleare sia più alto ora che in qualsiasi momento della mia vita. Biden sta camminando sonnambulo verso la Terza Guerra Mondiale».

 

Vance, classe 1984 noto per il suo libro di memorie dell’America povera e profonda (Elegia americana, divenuto poi film di Hollywood), ha ripubblicato un tweet che includeva una parte di un articolo di Politico del 31 maggio, «‘La guerra li ha trovati”: la scommessa ucraina di Biden imposta un nuovo corso».

Sostieni Renovatio 21

«Nonostante i suoi migliori sforzi, il presidente Joe Biden ha semplicemente spinto gli Stati Uniti più in profondità nella lotta in Ucraina» è scritto nell’incipit dell’articolo. «Presto, l’Ucraina utilizzerà armi prodotte negli Stati Uniti per colpire la Russia – una potenza dotata di armi nucleari – con la benedizione del presidente degli Stati Uniti».

 

La foto principale di Biden salutato dalle truppe reca la didascalia: «La scelta del presidente Joe Biden di oltrepassare il limite con l’attacco all’interno del territorio russo probabilmente porterà a pressioni per andare oltre».

 

Vance in passato aveva notato come la situazione del rapporto tra USA e Ucraina fosse divenuta grottesca al punto da chiedere in una lettera al segretario di Stato Antony Blinken, al segretario alla Difesa Lloyd Austin e al direttore dell’Intelligence nazionale Avril Haines se il transessuale statunitense finito per fare il portavoce dell’esercito ucraino, Sarah Ashton-Cirillo, fosse a libro paga degli Stati Uniti.

 

Il senatore, critico della politica dell’amministrazione Biden verso Kiev, lo scorso dicembre aveva dichiarato che «nessuno crede che l’Ucraina possa ripristinare i confini del 1991».

 

Nel frattempo, il viceministro degli Esteri russo Sergej Rjabkov ha lanciato un caustico avvertimento al potere di Washington: «Vorrei mettere in guardia gli attori americani dagli errori di calcolo che possono portare a conseguenze fatali. Per qualche ragione non chiara sottovalutano la serietà della risposta che potrebbero dover affrontare».

 

I politici americani, ha detto il Rjabkov in un incontro con i giornalisti, devono «dedicare un po’ del loro tempo, che probabilmente sprecano giocando ai videogiochi, a giudicare dal loro approccio sventato alle questioni serie, riflettendo su ciò che ha appena detto il presidente russo Vladimir Putin».

 

Putin aveva risposto alla decisione del presidente americano Biden della scorsa settimana di consentire all’Ucraina di usare armi americane contro obiettivi all’interno della Russia, chiarendo che le strutture militari della nazione occidentale che effettua l’offensiva, sia in Ucraina che altrove, sarebbero diventate un obiettivo legittimo.

 

Il viceministro russo ha anche avvertito che la Russia potrebbe reagire in modo asimmetrico ad un attacco ucraino alla sua deterrenza nucleare, alludendo con probabilità ai molteplici attacchi al sistema radar di allarme nucleare rapido a lungo raggio della Russia.

Aiuta Renovatio 21

Ryabkov ha spiegato che Mosca riterrà responsabili gli Stati Uniti, poiché i funzionari di Washington «hanno dato a Kiev un permesso per qualsiasi crimine, qualsiasi azione, e non hanno fatto nulla per frenare provocazioni da parte dei loro clienti… Ma gli Stati Uniti non ottengono tutto questo gratuitamente e ne subiranno le conseguenze».

 

Sul tema della distruzione nucleare è intervenuto anche Trump, che in una densa intervista al programma TV Fox & Friends ha dichiarato che la guerra è una minaccia più immediata del cambiamento climatico di Biden.

 

Il recente discorso del presidente Joe Biden, in cui ha affermato che il riscaldamento globale rappresenta la «più grande minaccia esistenziale per il nostro Paese», è stato l’occasione per una risposta standard di Trump: «dicono che nei prossimi 400 anni il livello del mare aumenterà di un ottavo di pollice, il che significa che sostanzialmente abbiamo un po’ più di proprietà sulla spiaggia. Questa è la grande minaccia».

 

«Nel frattempo abbiamo questi maniaci con armi nucleari che possono fare danni di cui non vi parlerò nemmeno. Non c’è mai stato niente di simile, il potere delle armi oggi. Sarà l’annientamento. E questa è la tua vera minaccia. Apparentemente, anche se non ha specificato a quali particolari maniaci si riferisse, quel commento purtroppo lo pone ben al di sopra di ciò che è uscito sia dalle teste parlanti che da Washington».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Continua a leggere

Più popolari