Connettiti con Renovato 21

Internet

Il metaverso è già soggetto a tassazione

Pubblicato

il

 

Second Life, la piattaforma del mondo virtuale nata agli inizi degli anni 2000 sta introducendo l’imposta sulle vendite per la prima volta dalla sua immissione sul mercato, stabilendo quello che potrebbe essere un precedente per la tassazione all’interno del metaverso. Lo riporta Futurism.

 

Second Life fu nei primi anni 2000 una sorta di prova generale della virtualizzazione del mondo. Si trattava di un software che veniva caricato su perconal computer – qualcosa di molto distante dai visori di realtà virtuale senza fili prodotti da Facebook.

 

Su Second Life approdarono in moltissimi: anche Di Pietro e il suo partito, con la Casaleggio che gli aveva fatto il sito, aprirono su Second Life.

 

Recentemente il creatore di Second Life, Linden Lab, ha annunciato che «abbiamo fatto del nostro meglio per proteggere i nostri residenti da queste tasse il più a lungo possibile, ma non siamo più in grado di assorbirle».

 

Ciò significa che entro breve gli utenti dovranno pagare le tasse «sulle fatture ricorrenti, come abbonamenti premium e tasse fondiarie» associate all’acquisto di terreni virtuali destinati allo sviluppo.

 

In altre parole, gli utenti non solo dovranno pagare le tasse sulla proprietà delle loro case nel mondo reale, ma saranno tassati anche per quelle virtuali e le implicazioni per il resto degli aspiranti metaversi potrebbero essere immense.

 

Sebbene Second Life sia il primo metaverso a introdurre tasse ai suoi utenti, quasi certamente non sarà l’ultimo.

 

«Con una crescente attenzione su tecnologie simili che vanno da Second Life e Roblox a quelle abilitate alla realtà virtuale come Horizon Worlds di Facebook, la decisione di Linden Lab sarà probabilmente vista come un punto di svolta» scrive Futurism.

 

Anche prima dell’annuncio della società madre di Second Life, tuttavia, la blogosfera finanziaria era in fermento con spiegazioni sull’imminente tassazione del metaverso, delle criptovalute e persino degli NFT.

 

Mentre il metaverso rappresenta per molti un modo per spendere soldi online senza l’uso di una valuta tradizionale, il potenziale di enormi vendite nel mondo significava che prima o poi il fisco sarebbe venuto a bussare.

 

Il metavero di Second Life, prima che il fisco, aveva già cominciato ad essere invaso dall’altro livello della cosa pubblica, la politica.

 

Jean Marie Le Pen sbarcò con il suo partito sul mondo virtuale con un primo comizio, e dissero che vi furono, anche lì, disordini– un po’ come è successo alla presentazione della candidatura di Zemmour.

 

Tuttavia c’è anche un famoso caso italiano: Antonio Di Pietro, il cui sito era seguito dalla Casaleggio, comprò un’isola su Second Life e fece una conferenza stampa digitale.

 

 

Fino al 2010 Casaleggio si occupò dell’attività digitale di Di Pietro come il blog e appunto l’isola virtuale dell’Italia dei Valori, partito più o meno sparito come i tanti partiti biodegradabili dell’Italia del XXI secolo.

 

Casaleggio teorizzava la primazia del metaverso – che non si chiamava ancora così, sebbene era già stato scritto  il romanzo (distopico…) di Neal Stephenson da cui hanno tratto la parola – già molti anni fa, come visibile nel video «futurizzante» Prometeus – La Rivoluzione dei media, un’infografica che anticipava la più enigmatica e controversa Gaia – The Future of Politics, dove si immaginava un futuro prossimo (il 2020…) in cui «Dispositivi che replicano i cinque sensi sono ormai disponibili nei mondi virtuali. La realtà può essere replicata in Second Life. Chiunque ha un Agav (agente-avatar) che cerca informazioni, persone e luoghi nei Mondi Virtuali».

 

 

Come riportato da Renovatio 21, nel metaverso, inteso nelle sue varie declinazioni attuali (videogiochi, software di realtà virtuale, etc) vi sono già casi di terrorismo e allarmi per le possibili molestie pedofile.

 

Un’altra questione emersa, è quella del ferimento fisico degli utenti del metaverso.

 

La Microsoft di Bill Gates ha comprato la Blizzard, ditta che produce giochi ascrivibili al concetto di metaverso, per 67 miliardi di dollari.

 

 

 

Immagine di DexEuromat via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 3.0 Unported (CC BY-SA 3.0)

Continua a leggere

Economia

Società di criptovalute licenziano migliaia di lavoratori poco dopo pubblicità Super Bowl costosissime

Pubblicato

il

Da

I principali siti di scambio di criptovalute stanno ora licenziando migliaia di dipendenti a causa del secondo crollo delle cripto del 2022. Ciò avviene dopo aver lanciato spot estremamente costosi durante il Super Bowl. Lo riporta Futurism.

 

In dichiarazioni pubblicate sui siti web aziendali e su Twitter, i CEO di società come come Crypto.com e  Coinbase , che hanno entrambi acquistato spot pubblicitari costosissimi durante la finale del campionato di Football americano di quest’anno, hanno annunciato che stanno licenziando percentuali sostanziali della loro forza lavoro in mezzo a le precipitose flessioni delle criptovalute a maggio e giugno.

 

 

Gemini  e BlockFi, che non hanno acquistato pubblicità del Super Bowl ma hanno anche speso in modo aggressivo per corteggiare gli investitori o, hanno pure loro annunciato profonfi tagli al personale.

 

Il solo Coinbase, come  riporta Vice, licenziando 1.100 membri dello staff . Nella dichiarazione della sua azienda , il CEO di Coinbase Brian Armstrong ha ammesso che l’exchange è «cresciuto troppo in fretta» e «assunto in eccesso».

 

Cripto.com – che ha annunciato poco prima della crisi di questo fine settimana che stava licenziando il 5% della sua forza lavoro, per un totale di 260 persone – aveva prodotto uno spernacchiatissimo spot con Matt Damon.

 

 

I critici ridacchiano scrivendo che se qualcuno avesse acquistato 1000 dollari di Bitcoin perché convinto dallo spot di Matt Damon , oggi ne avrebbe indietro 375. «La fortuna aiuta gli audaci» dice la pubblicità. Si è visto.

 

Damon e altre celebrità che hanno recentemente scelto gli scambi di criptovalute sono rimaste in silenzio quando Bitcoin ha iniziato a crollare per la prima volta il mese scorso.

 

Qualcosa di simile si era visto anche con operazioni finanziarie come gli Initial Coin Offering (ICO) di qualche anno fa, così come recentissimamente per gli NFT, tutte sponsorizzate da celebrità di tutti i tipi (sportivi, attori, socialite, youtuber) per attrarre ovviamente investitori nella rete.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Animali

Castoro provoca un blackout massivo di internet in Canada

Pubblicato

il

Da

Un castoro avrebbe provocato  blackout di Internet nella Columbia Britannica settentrionale, in Canada, dopo aver masticato la base di un pioppo, riferisce CTV News.

 

L’albero rosicato dal roditore acquatico cadendo avrebbe danneggiato le linee elettriche e in fibra ottica, facendo precipitare alcuni clienti in un blackout e interrompendo molti altri da Internet.

 

Non si tratterebbe del primo castoro che mette a KO internet in Canada. Lo scorso aprile, quasi 1.000 clienti hanno perso il servizio per quasi un giorno intero dopo che un altro castoro ha masticato un diverso cavo in fibra ottica.

 

A quel tempo, un portavoce del provider di servizi Internet Telus definì l’incidente una «svolta bizzarra e unicamente canadese», riferisce la CBC .

 

Questa volta, le squadre di pulizia hanno scoperto segni di denti sul fondo dell’albero abbattuto, portandoli a credere che il colpevole potesse essere stato il castoro.

 

La società di servizi pubblici locali CityWest  sostiene di essere già al lavoro per una soluzione permanente per garantire che il castoro non sarà più in grado di buttare giù l’internet canadese: una seconda linea in fibra ottica sul fondo dell’oceano lungo la costa di Vancouver.

 

È possibile credere alla storia del blackout castorino.

 

Tuttavia, chi legge Renovatio 21 sa che il blackout sarà la prossima arma di sottomissione della popolazione, come un lockdown pandemico, possibilmente più efficace ancora nel bloccare la vita umana e nella manipolazione della volontà delle persone portate allo stremo.

 

Come riportato da Renovatio 21, avvisaglie di blackout si sono avute lo scorso in CinaTurchiaGiapponeKazakistanUzbekistanTaiwanKirghizistanSri LankaPakistan: la Gran Bretagna ha tosto annunciato blackout per il prossimo inverno., mentre sono previsti Blackout anche negli USA; Paesi UE come Austria, Germania Romania hanno cominciato a parlare a livello politico e in TV di blackout già lo scorso autunno.

 

In Italia di blackout ad inizio anno parlò un documento del Comitato Parlamentare per la Sicurezza della Repubblica (COPASIR), l’organo che controlla i servizi segreti italiani – sì, quello delle liste dei putiniani.

 

Ora, i signori del mondo prendano esempio: piazzino castori (russi, magari) dappertutto, e gli si dia la colpa, se necessario (prima, ovviamente, la colpa andrà data al consumatore, statene certi).

 

In Italia a disposizione c’è a disposizione un ambito serbatoio di questi possibili sabotatori brutti e pelosi: le nutrie. Creature infami a cui negli ultimi anni è stato consentito impunemente di invadere le nostre campagne.

 

Finalmente, la presenza delle nutrie potrebbe aver trovato un senso.

 

Attendiamo il blackout da nutria. Dopo il lockdown da virus, ci sta.

 

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Internet

India e Birmania, record di blocchi di internet in un anno

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Nel 2021 le connessioni sono state sospese o rallentate almeno 182 volte in tutto il mondo. L’Asia detiene i record per le interruzioni più lunghe – in Pakistan – e più frequenti – in India, in particolare nella ragione del Kashmir, e in Myanmar. I governi vogliono silenziare le opposizioni. Enormi le perdite economiche.

 

 

Nella regione dell’Asia-Pacifico ci sono stati 129 blocchi di internet in 7 Paesi l’anno scorso, 15 in più rispetto ai 114 del 2020 avvenuti in 5 Paesi. Al primo posto di questa inquietante classifica, compilata da un collettivo di organizzazioni della società civile chiamato #KeepItOn, si posiziona l’India, in netto distacco da tutte le altre nazioni del mondo con 106 blocchi di internet, di cui ben 85 nella regione contesa del Jammu e Kashmir.

 

Al secondo posto troviamo il Myanmar con 15 interruzioni di internet, poi l’Iran e il Sudan con 5 e a seguire una serie di Paesi dell’Africa e del Medio Oriente.

 

Ma l’Asia ha ottenuto anche un altro triste primato, quello del blocco più lungo: 2026 giorni (quasi quattro anni) nelle aree tribali di amministrazione federale (FATA) in Pakistan, seguito dai 593 giorni nello Stato Rakhine del Myanmar e dai 551 giorni nel Jammu e Kashmir tra il 2019 e il 2021 dopo la revoca dello statuto speciale della regione

 

Gli autori del rapporto ammettono che per quanto riguarda l’India i dati sono imparziali a causa della scarsa trasparenza del governo.

 

Le autorità locali hanno interrotto o rallentato l’accesso a internet, bloccato le piattaforme di comunicazione o interferito in altro modo con la condivisione di informazioni online durante periodi di alta tensione per reprimere il dissenso e mantenere il potere. Nel caso dell’India sono state indagate le discrepanze tra le ragioni addotte dal governo e le reali cause dei blocchi: per esempio, l’accesso alle reti è stato bloccato per questioni di «sicurezza nazionale» 80 volte, a detta del governo, quando in realtà si è trattato di instabilità politica.

 

Un paio di volte internet è saltato in occasione di feste nazionali, una volta per «la visita di funzionari», almeno quattro volte per impedire che gli studenti imbrogliassero agli esami, mentre in tutti gli altri casi si è trattato di soffocamento del dissenso o controllo delle informazioni condivise sui social (v. infografica).

 

 

La repressione in Myanmar è invece connessa al golpe militare del primo febbraio 2021 e all’attuale guerra civile: tra il 15 febbraio e il 28 aprile dell’anno scorso i militari golpisti hanno ridotto l’accesso a internet su base giornaliera quasi si trattasse di un coprifuoco.

 

Protetti dall’oscuramento dei dati, i soldati dell’esercito hanno potuto intensificare le violenze contro i civili, usando proiettili di gomma ma anche munizioni vere e gas lacrimogeni contro i manifestanti. Il 3 marzo, durante un blackout nazionale, almeno 38 manifestanti sono stati uccisi in quello che l’inviato dell’ONU in Myanmar aveva denunciato come «il giorno più sanguinoso dal colpo di Stato».

 

Nell’ex Birmania le connessioni vengono volutamente sospese per impedire che gli organi internazionali possano indagare sui crimini di guerra commessi dall’esercito: durante i blackout i militari hanno bruciate case, condotto attacchi aerei e sfollato migliaia di persone.

 

I soccorritori, per non arrivare in ritardo, si affidano a messaggeri umani per sapere quando e dove intervenire per curare i feriti. In questo modo organizzazioni come Witness Myanmar non riescono a documentare le violazioni dei diritti umani ed è quasi impossibile raccogliere prove per un processo giudiziario internazionale.

 

Questi dati non solo mettono in luce le pratiche repressive degli Stati dell’Asia, in particolare l’India, che pure è considerata la più grande democrazia del mondo; anche i danni economici sono enormi: nella regione del Kashmir il blackout delle telecomunicazioni è durato 18 mesi, poi è arrivata la pandemia e diverse attività hanno chiuso.

 

Molte persone rimaste senza lavoro hanno trovato occupazione nella cosidetta gig economy in qualità di rider, mentre le piccole attività indipendenti rimaste cercano di promuoversi attraverso i social, in particolare Instagram, per sopravvivere.

 

Ma i blocchi di internet hanno fatto perdere grossi guadagni: l’applicazione di consegna di cibo a domicilio Gatoes per esempio, perde 1.000 dollari al giorno quando le connessioni vengono interrotte, che salgono a 9mila dollari al giorno per tutto il settore della ristorazione del Kashmir.

 

Nel 2020 i blocchi di internet sono costati all’india 2,8 miliardi di dollari.

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari