Il laboratorio di Wuhan si lamenta di essere il «capro espiatorio» al centro di pericolose «teorie del complotto»

 

 

 

 

In un’intervista a NBC news della settimana scorsa, il direttore del laboratorio biologico di livello 4 Wang Yany e il vice direttore Yuan Zhiming hanno affermato che il laboratorio di Wuhan  è stato ingiustamente reso al centro di pericolose «teorie del complotto». Lo riporta Summit News.

 

«È un peccato che siamo stati presi di mira come capro espiatorio per l’origine del virus», ha detto il dottor Wang, aggiungendo che «qualsiasi persona si sentirebbe inevitabilmente molto arrabbiata o fraintesa essendo soggetta ad accuse ingiustificate o dannose mentre svolgeva ricerche e lavori correlati nella lotta contro il virus».

 

«È un peccato che siamo stati presi di mira come capro espiatorio per l’origine del virus«Non avevamo mai incontrato il nuovo coronavirus, non è possibile che sia fuoriuscito dal laboratorio»

«Ho ripetutamente sottolineato che è stato il 30 dicembre che siamo entrati in contatto con i campioni di polmonite simile alla SARS o polmonite di causa sconosciuta inviati dall’ospedale», sostiene Yuan.

 

«Non avevamo mai incontrato il nuovo coronavirus prima di allora, e senza questo virus, non è possibile che sia fuoriscito  dal laboratorio», ha affermato lo scienziato.

 

Tuttavia, in precedenza è emerso che il laboratorio aveva tenuto un campione di coronavirus che era del 96,2% uguale a COVID-19 per quasi un decennio. Ciò ha spinto a speculare sull’origine del virus.

 

Diversi importanti ricercatori e scienziati hanno anche notato che nel laboratorio, dato questo fatto, bisogna svolgere delle indagini

 

In precedenza è emerso che il laboratorio aveva tenuto un campione di coronavirus che era del 96,2% uguale a COVID-19 per quasi un decennio. Ciò ha spinto a speculare sull’origine del virus

Inoltre, rapporti precedenti hanno suggerito che l’Istituto abbia preso una spedizione di alcuni degli agenti patogeni più mortali del mondo poche settimane prima dello scoppio del coronavirus.

 

È anche noto che il laboratorio stava lavorando su agenti patogeni naturali e li stava mutando per diventare più contagiosi.

 

Figure dell’intelligence di tutto il mondo hanno anche chiesto che il laboratorio di Wuhan venga indagato, ricorda Summit News.

 

I virologi cinesi sono recentemente  fuggiti da Hong Kong  e hanno effettivamente  disertato in Occidente con prove contro il Partito Comunista Cinese riguardo al suo ruolo nella pandemia COVID-19.

 

È noto che il laboratorio stava lavorando su agenti patogeni naturali e li stava mutando per diventare più contagiosi.

L’OMS in precedenza si era lamentata di non essere stata «invitata» dalla Cina a indagare sull’epidemia ed è stata continuamente criticata per aver sostenutola versione del Partito Comunista Cinese.

 

Il mese scorso l’ OMS ha annunciato che non visiterà l’Istituto di virologia di Wuhan durante le sue indagini sulle origini del coronavirus, nonostante le prove delineate sopra.