Connettiti con Renovato 21

Cancro

Il Dottor Hamer è la vera eredità del principe Savoia

Pubblicato

il

È morto il principe Savoia, e tutti hanno voglia di parlarne.

 

Suppongo che alla base vi sia, sotto sotto, il solito equivoco ucronico: l’italiano pensa che, in un universo parallelo, il tizio poteva essere il re d’Italia. Si tratta, chiaramente, del medesimo brivido distopico alla base delle reiterate ed abbondanti comparsate TV dell’irsuto figlio Emanuele Filiberto: il pubblico italiano, guardandolo nei varietà e nei programmi qualsiasi, viene portato a sbirciare nel burrone della storia potenziale – e se… ma davvero, vorremmo che fosse re?

 

Il montaggio esistenziale che stampa e televisioni stanno facendo della vita del principe defunto non è lusinghiero, nemmeno per un minuto: l’eredità che lascia pare essere fatta solo di scandali, anche violenti, processi, accuse che poi finiscono nel niente – e anche questo, per molti giornalisti, è motivo per la polemica.

 

Ci dicono che la vita di Vittorio Emanuele lascia poco alla storia – anzi, per lo più i giornali hanno ricordato come, in fatto di eredità ci fosse quel contenzioso con lo Stato italiano per riavere i gioielli della Corona, stimati attorno a 300 milioni di euro.

 

In realtà, qualcosa di profondo, di davvero significativo, al Paese e al mondo l’aristocratico morto potrebbe averlo lasciato. Certo, non lo ha fatto volontariamente: quello di cui stiamo per parlare è un disegno non lineare, metafisico, qualcuno potrebbe perfino definire in termini spirituali. Perché questa è una storia per cui dal male, nasce altro.

Sostieni Renovatio 21

In questi giorni tutti hanno rivangato, e a ragione, la storia di Cavallo, con l’accento sulla o. Perché quella tragedia tenne banco sui giornali e rotocalchi per anni. Tuttavia, nessuno ha osato, se con cenni sbrigativi, parlare di quella che fu una oscura, grande ramificazione di quel mare di dolore: la teoria oncologica del dottor Hamer, una delle uniche alternative al pensiero unico biomedico sul cancro.

 

Per chi non conoscesse i fatti: il 17 luglio 1978, un gruppo di ragazzi della Roma bene (e non solo) sta facendo vacanza in Sardegna. Tra di essi, «pariolini» che avranno successo come l’attuale presidente del CONI Giovanni Malagò, o Nicky Pende, chirurgo cugino della giornalista Stella, ritenuto un playboy in grado di segnare colpacci come Stefania Sandrelli, all’epoca assai ambita (chiedere a Gino Paoli e a Tenco). Nel gruppo, anche tante ragazze di buona famiglia. Si tratta di una masnada di venti-trentenni ricchi e spensierati, che si mette in testa di fare una traversata e dirigersi a Cavallo, l’isola all’estremo Sud della Corsica.

 

Alcuni giovani del gruppo, prima di partire, vedono in piazza una bellissima fanciulla che di fatto conoscevano già da Roma: è Birgit Hamer, è in vacanza in Sardegna con la famiglia: il padre è un medico tedesco di nome Ryke Geerd Hamer, che si è trasferito nella capitale italiana in cerca di affari per i suoi brevetti chirurgici (come il «bisturi di Hamer»); la madre di Birgit, Ursula, è anche lei medico; poi ci sono gli altri tre fratelli: Ghunield, Berni e Dirk.

 

Dirk, 19 anni, è un ragazzo che frequenta la scuola tedesca di Roma e si impegna molto nell’atletica (si allena nei 400 con Pietro Mennea) e nella pittura. Birgit, Miss Germania 1976 che successivamente rappresentò il suo Paese d’origine a Miss Universo a Hong Kong, chiede al padre se può andare a fare quel giro in barca con quel gruppo di giovani belli e immersi nella Dolce Vita.

 

Il dottor Hamer dice che va bene, però deve portarsi dietro Dirk – e ci mancherebbe.

 

Sono tre barche, e da quanto si capisce si trattava di una trentina di persone. L’entusiasmo, la joie de vivre, trasuda anche solo a pensare una situazione del genere, estate, agio, gioventù.

 

L’isola di Cavallo, tuttavia, ha una particolarità: è una sorta di piccolo feudo di Vittorio Emanuele di Savoia, che vi ha una villa dalle strane architetture.

 

I ragazzi ancorano le barche proprio lì davanti, e scendono a terra, per andare al ristorante a riva, dove pare ci siano stati i primi contatti tra il gruppo e il reale esiliato. La torma è chiassona, il principe infastidito: alcuni testimoni dicono di averlo sentito urlare «italiani di merda vi ammazzo tutti», che non si capisce se pronunciata in serata o durante l’epilogo cruento della notte. Tuttavia, frase curiosa, anzi, molto significativa, detta da chi degli italiani vorrebbe essere il re.

 

Essendoci mare grosso, i giovani sono costretti a passare la notte lì. Alcuni dormono nella dinette (il salottino delle barche) dei cabinati, altri si piazzano sul ponte, altri ancora vanno a riva per dormire sulla spiaggia all’addiaccio. Qualcuno prende il gommone Zodiac sul pontile, che si apprenderà essere di Vittorio Emanuele.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

A notte fonda, quando tutti stanno dormendo, Vittorio Emanuele si sarebbe avvicinato alle barche all’ancora con un fucile che in seguito sarebbe stato definito «arma da guerra». Ne nasce una colluttazione con Pende, e parte un colpo che trapassa la barca e colpisce proprio Dirk, che era nel sonno, recidendogli l’arteria femorale.

 

Seguì il disastro. Dirk dovette aspettare quattro ore prima di ricevere cure, poi, in ospedale, per salvarlo gli amputeranno una gamba. Morirà dopo mesi di agonia, con Birgit e la famiglia al suo capezzale. I giornali raccontarono del dramma degli Hamer in tutti i modi.

 

La vicenda è raccontata nei dettagli da una docuserie Netflix piuttosto bella, Il principe. Alla regia c’è una ex giornalista del Fatto quotidiano, Beatrice Borromeo, che adesso si firma Beatrice Borromeo-Casiraghi, ma non è che se si scrivesse anche «principessa» qui ci offenderemmo, anzi; tuttavia capiamo che una principessa che fa un documentario che si chiama Il principe non suona benissimo.

 

La nobile giornalista-regista omette di mettere in chiaro una cosa: lei la storia la conosce bene, perché Birgit è un’amica intima di sua madre, che è Paola Marzotto, figlia della celeberrima Marta e fotografa sul set di Apocalypse Now. È proprio la signora Marzotto a raccontare, forse ancora con un filo di spremuta d’occhi, uno dei particolari più struggenti: al funerale di Dirk, prima che chiudano la bara, Birgit si sfila un anello che ha al dito e lo butta dentro. È l’incredibile sposalizio, onorato fino alla fine, tra la ragazza e la sete di giustizia per la morte del fratello.

 

Birgit Hamer combatterà 45 anni, e noi con lei ne vedremo di ogni: armi che scompaiono, confessioni che scompaiono, un processo parigino che una dozzina di anni dopo il fatto, assolverà il principe, e su tutto una cappa opaca, inscalfibile: facile ricordare che il Savoia fosse un iscritto alla P2, e che i suoi contatti volendo arrivavano ovunque.

 

È lui che vende gli elicotteri Agusta (quelli del marito della contessa Vacca, protagonista di altri misteri da rotocalco anni e anni dopo) allo scià di Persia, allora potentissimo, che di Vittorio Emanuele diverrà testimone alle nozze sposate in una chiesa di Teheran (lo scià non era cattolico: si poteva?) ed Emanuele Filiberto, nella sfilza dei nomi, ad un certo punto ci ha pure un «Reza». Secondo quanto ricostruito dai giornali, alcuni di quegli elicotteri potrebbero essere riemersi poi, armati di tutto punto, in Sud Africa, Paese allora sotto embargo, al quale quindi non si poteva vendere direttamente…

 

La rete che può attivarsi dietro al Savoia non è piccola: sempre considerando poi la parentela con gran parte dei casati regnanti in Europa, e il favore dei grembiulini, che perdura per la famiglia dai tempi del Risorgimento, che altro non è se non una rivoluzione massonica ed anticristiana fatta in Italia utilizzando la monarchia Savoia come prestanome.

 

«Politica, aristocrazia e massoneria si mobilitarono per depistare il processo. Fu una farsa. Vittorio Emanuele è stato assolto. Si parlò di una seconda pistola, inesistente invece» dice oggi Birgit.

 

La storia, per la vulgata dei media, potrebbe chiudersi qui, quindi.

Aiuta Renovatio 21

In realtà, ci sarebbe ben altro da raccontare sui giornali. Solo che, diciamo così, non si può. Ma si tratta di argomenti sui quali, pensano molte penne, è meglio tacere. Perché quello che può succederti, se tocchi determinate questioni – sulle quali, uno pensa, dovrebbe poter esserci libertà di dibattito – lo abbiamo visto in azione durante il COVID, ed è tremendo.

 

La tragedia di Dirk segnò la famiglia Hamer profondamente. Birgit farà la sua crociata, ma anche gli altri cinque ne saranno trasformati. Ursula, la madre, morirà di cancro al seno nel 1985. Il padre, il dottor Hamer, il tumore invece lo ebbe subito, appena dopo la morte del figlio. Un carcinoma al testicolo, che gli verrà asportato.

 

L’esperienza della morte di Dirk e il trauma conseguente del tumore scombineranno non solo la vita di Hamer, ma anche il suo pensiero medico. Davanti all’evidenza – il tumore che insorge a poca distanza dalla perdita del figlio – il medico comincia a sviluppare una teoria tutta sua, secondo cui le malattie, che chiama «conflitti biologici», vengono da traumi drammatici, che se non risolti non possono portare alla guarigione. L’ipotesi dello shock biologico viene da lui chiamata «Sindrome Dirk Hamer».

 

Hamer in seguito elaborerà quelle che chiama le «cinque leggi biologiche», ed elaborerà controverse idee sulla cura delle malattie (come l’ingestione di batteri, visti non come danno ma come vettori di guarigione), e in particolare sulle origini psicologiche dei tumori.

 

Il dottore, quindi, comincia a curare pazienti che rifiutano l’oncologia mainstream – ossia il dogma assoluto della chemioterapia. Ne segue una vita spericolata: radiato dall’ordine, denunciato, condannato, incarcerato, arrestato ancora, fuggiasco, latitante, estradato, fuggito ancora. Nel frattempo, visita persone in tutto il continente. I giornali europei dicono che si tratta di una «setta», lui registra il marchio «Nuova Medicina Germanica».

 

I tribunali lo accusano di esercizio illegale della professione medica. Le autorità impazziscono dietro ai casi di persone curate con il metodo Hamer, con accuse che fioccano contro i dottori suoi seguaci. Perché ci sono dei pazienti che muoiono – i quali magari ci sono anche nei Centri oncologici istituzionali, forse, ma lì, certo, c’è anche la chemio, che mica possiamo mettere in discussione. Anzi: quando il paziente chemioterapico muore, magari dopo essere passato per mesi di sostanze che lo hanno reso calvo e scheletrico, lì magari scatta pure il classico ringraziamento al «professor» nel necrologio nel giornale locale.

 

Hamer in Norvegia perché, non essendo un Paese UE, l’estradizione è più difficile. Ecco le accuse di antisemitismo: ci sono dichiarazioni sugli ebrei, e pure una lettera al settimo e ultimo rebbe degli Chabad-Lubavitcher, il rabbino Menachem Mendel Schneerson, e sostiene che gli ebrei lavorano per negare a tutti i ritrovamenti della Nuova Medicina Germanica ma poi di nascosto si curano con essa. Ovviamente siamo nello strampalato, nell’incredibile, tuttavia ricordiamo che, proprio i Lubavitcher, ci hanno mostrato che la storia dei tunnel sotto le sinagoghe forse non era una fantasia antisemita

 

Non basta: lo accusano di negare l’olocausto, e pure di negare lo sbarco sulla luna, e mettiamoci anche gli attentati dell’11 settembre, che non sarebbero terrorismo islamico. L’accusa di «incitamento all’odio razziale», articolo 130 del Codice Penale Tedesco, arriva. Di fatto, viene demonizzato come nessuno: neanche come Bin Laden, che in realtà si sapeva dove stesse, mentre per Hamer c’è il terrore dei gatekeeper della medicina cancrocentrica di non sapere se sta lavorando in qualche Paese europeo grazie al suo fedele network di medici, pazienti, fiancheggiatori…

 

Se andate su Wikipedia, troverete una sfilza di nomi di pazienti di Hamer morti, con relativi strascichi giudiziari. La dettagliosa cura messa nella pagina fa impressione, chi ha scritto questa voce deve essersi proprio sforzato.

Sostieni Renovatio 21

Tuttavia, manca qualcosa: ci chiediamo, è possibile che qualcuno sia guarito seguendo i dettami di Hamer? Ad oggi, non lo sappiamo. Abbiamo solo qualche eco aneddotico, tuttavia c’è da chiedersi come mai tutta questa gente decida di curarsi così – c’è per caso qualche storia di guarigione che non conosciamo? Ce lo chiediamo sul serio.

 

Quanti sono stati i pazienti di Hamer? Lui diceva che aveva visto più di 30 mila casi. Non abbiamo idea quale percentuale di questi sia morta atrocemente e quale possa potenzialmente essere invece guarita.

 

Nessun giornalista, neanche se ha dietro di sé la frenesia di inchiesta giudiziaria de Il Fatto, conoscenze famigliari e pure l’intero casato principesco monegasco, vuole toccare questo argomento: il dottor Hamer va liquidato come una nota a piè pagina della questione di Vittorio Emanuele a Cavallo. Egli è definito come «chiacchierato», o per alcuni direttamente «ciarlatano», o peggio.

 

È esattamente quello che accadde, dal 1997, al dottor Andrew Wakefield, che osò dire, in uno studio firmato con altri 12 scienziati, che forse era il caso di approfondire riguardo a possibili correlazioni tra il vaccino MPR e l’autismo. Vi sfido a trovare un articolo di giornale – destra, sinistra, quel che volete – che non apponga al suo nome l’aggettivo «screditato», «radiato», etc.

 

I nostri lettori sanno che i vaccini non si possono toccare. Per la chemio, pare di aver capito anche con la vicenda Di Bella, pure.

 

Di mezzo c’è un tema enorme, scritto a chiare lettere nella Costituzione (sì, lei) quella della libertà di cura, espressione che dopo il biennio pandemico può far sorridere. Si tratta però della vita di tante persone, che in barba ai diktat biomedici, decidono di curarsi secondo le proprie convinzioni. Di loro, lo sappiamo, non vorrà parlare nessuno, delle loro vite non ci sarà traccia nelle cronache.

 

Tuttavia, noi crediamo che una Nazione non sia è fatta di beghe fra ricchi, gossip e rotocalchi: una Nazione, ente che deriverebbe dal termine nascere, è fatta della carne e della sofferenza dei suoi membri. Di questo, valutando ora la triste storia dei Savoia, avevamo voglia di scrivere.

 

C’è tutta una storia da compilare, quindi, una storia che riguarda tanti italiani, tedeschi, francesi, austriaci, spagnoli, norvegesi – una storia che si è originata dalla fucilata del re mancato in quella notte d’estate del 1978.

 

Il dottor Hamer e l’oceano di persone sofferenti che gli hanno chiesto aiuto costituiscono la vera eredità del principe Savoia.

 

È un disegno intrigante, tragico, pazzesco, mistico, fatale. Qualsiasi cosa dobbiamo, per legge, pensarne.

 

Roberto Dal Bosco

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine screenshot da YouTube

Cancro

Vescovo Eleganti: i vaccini anti-COVID hanno portato al turbocancro e ad un eccesso di decessi e ad altri «effetti collaterali dannosi»

Pubblicato

il

Da

Il vescovo svizzero Marian Eleganti ha affermato che l’adozione delle restrizioni anti-COVID da parte della gerarchia cattolica è stata una «dichiarazione di bancarotta della fede» e ha lamentato il fatto che i vaccini anti-COVID hanno causato «molti effetti collaterali dannosi», tra cui «turbo cancro», decessi eccessivi e nascite premature. Lo riporta LifeSiteNews, che ha intervistato il prelato elvetico.   Nel corso di una conversazione in tedesco filmata con il giornalista di LifeSite Andreas Wailzer, è stato chiesto al vescovo Eleganti cosa pensasse del sostegno dei vescovi austriaci all’obbligo generale di vaccinazione anti-COVID del Paese.   «Per me, quella è stata chiaramente una caduta in disgrazia», ​​ha detto l’ex vescovo di Coira.

Iscriviti al canale Telegram

Il monsignore ha affermato che il «consenso informato» e la decisione autonoma sul proprio corpo sono stati il ​​«dogma di base» dell’etica medica negli ultimi decenni e ha osservato che la Congregazione (ora Dicastero) per la Dottrina della Fede sotto la guida del cardinale Luis Ladaria aveva dichiarato che non devono essere forzate le iniezioni di COVID.   «Tuttavia, il papa ha imposto [l’obbligo] a tutti i dipendenti del Vaticano in quanto capo di Stato. Altrimenti, avrebbero perso il lavoro o ne avrebbero ricevuto un altro», ha affermato il vescovo Eleganti. «Quindi, per me, è stata chiaramente un’ingiustizia».   «Ora sappiamo, e questo sta venendo alla luce sempre di più in tutto il mondo, che semplicemente non possiamo ignorare il fatto che queste misure non erano basate su prove, che le vaccinazioni non garantivano questa protezione contro la trasmissione, che non c’è stata alcuna “pandemia dei non vaccinati”».   «Oggi abbiamo fenomeni di turbo-cancro; abbiamo un eccesso di mortalità da quando sono stati introdotti i programmi di vaccinazione in tutti i paesi. Abbiamo un calo delle nascite dovuto a parti prematuri e così via».   «Si sono verificate così tante ingiustizie e ci sono stati così tanti effetti collaterali dannosi», ha continuato. «Oggi abbiamo fenomeni di turbo-cancro; abbiamo una mortalità eccessiva da quando sono stati introdotti i programmi di vaccinazione in tutti i paesi. Abbiamo un calo delle nascite dovuto a parti prematuri e così via».   «Ci sono molti parametri che puntano nella stessa direzione, che molto è stato fatto in modo sbagliato. Le maschere non erano basate su prove, e così via. Anche questo era noto, e queste erano decisioni politiche».   Il vescovo svizzero ha anche criticato il ruolo dell’ONU e dell’OMS globaliste nel privare le nazioni della sovranità e agire «come un governo mondiale».   «L’OMS è finanziata anche da fondazioni private come Bill Gates e altre», ha detto il vescovo Eleganti. «E queste istituzioni non sono legittimate democraticamente, e sono anche alla mercé dei potenti dell’alta finanza».   «Ed è qui che bisogna essere critici, e le nazioni non devono rinunciare alla propria sovranità in modo che così poche persone nell’ombra decidano all’improvviso per il mondo intero come un governo mondiale e impongano a tutti i paesi qualcosa che rimane altamente controverso, anche in futuro».

Aiuta Renovatio 21

Il vescovo ha ribadito che la Chiesa «non ha svolto un buon ruolo» durante la crisi del COVID, affermando, che i vescovi e gli altri leader della Chiesa hanno dimostrato la loro mancanza di fede nel soprannaturale chiudendo le celebrazioni pubbliche della Pasqua e le sorgenti curative di Lourdes, rimuovendo l’acqua santa dalle chiese e trattando l’Eucaristia come «una cosa contaminata».   «Per me, questa è una dichiarazione di bancarotta della fede», ha accusato il vescovo Eleganti.   «Come è scritto nel Salmo 90: “Mille cadranno al tuo fianco e diecimila alla tua destra; ma a te [il male] non s’accosterà», ha affermato. il vescovo «E così anche quando la peste infuria di giorno e di notte».   «È anche abbastanza chiaro, un sacramentale [acqua santa] che uso per mettermi sotto la protezione di Dio… Non posso mantenere un atteggiamento di totale incredulità allo stesso tempo… [credere] che non mi aiuti affatto, ma al contrario potrebbe persino danneggiarmi».   Il vescovo Eleganti ha sottolineato che i cattolici «non possono fare affidamento su strategie secolari» spesso assurde, ma devono ricorrere alla preghiera, per poi dire che anche le persone al di fuori della Chiesa cattolica «in qualche modo hanno ritenuto» che la risposta della gerarchia ecclesiastica al COVID «fosse una resa della fede, come se Dio non esistesse».   Come riportato da Renovatio 21, il vescovo Eleganti tre mesi fa aveva reagito dopo l’ennesimo attacco di Bergoglio ai non vaccinati.   «Ora il Papa continua: su quali basi, infatti? – far sentire in colpa i cattolici che non hanno preso il vaccino anti-COVID e che, in numero crescente, non pensano di farlo in futuro» aveva scritto Eleganti. «Questo perché i suoi numerosi effetti collaterali sono ormai ben noti. Ricercatori in Giappone, Malesia e Filippine hanno recentemente chiesto la sospensione a livello mondiale di queste vaccinazioni sperimentali con mRNA, per citare solo uno dei tanti esempi. Sebbene i critici delle misure, i cosiddetti idioti (COVID), avessero ragione – le prove stanno aumentando in tutto il mondo, dando a questi vaccini un verdetto negativo – il Papa ne rimane convinto e critica i loro oppositori».   «E il Papa? È stato il primo a violare le libertà civili dei suoi dipendenti nel suo stesso Stato e ordinò la chiusura delle chiese. Fa male dirlo. E faceva male vederlo. L’estetizzazione e l’orchestrazione del suo isolamento senza il popolo di Dio e i cardinali in Piazza San Pietro nella Pasqua 2020, la prima “non-Pasqua”, la Basilica di San Pietro inaccessibile al pubblico, le acquasantiere vuote in tutto il mondo, non sono state manifestazioni della fede della Chiesa per me».   Come riportato da Renovatio 21 monsignor Eleganti aveva attaccato Fiducia supplicans e le benedizioni gay all’uscita del documento.   Il monsignore elvetico poche settimane fa aveva inoltre notato che il nuovo documento vaticano Dignitas Infinita contraddice la dottrina della Chiesa sul tema della guerra e della pena di morte.  

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
    Immagine screenshot da YouTube
Continua a leggere

Cancro

La proteina spike porta a «cinque meccanismi di danno» nel corpo umano

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

Affrontando l’aumento dei tumori turbo, dei disturbi autoimmuni, delle condizioni cardiovascolari e dei problemi riproduttivi nelle persone che hanno ricevuto vaccini contro il COVID-19, l’educatrice clinica Dott.ssa Margaret Christensen si è unita a «The Defender In-Depth» questa settimana per discuterne le cause e le possibili soluzioni.

 

Affrontando l’aumento dei tumori turbo, dei disturbi autoimmuni, delle condizioni cardiovascolari e dei problemi riproduttivi nelle persone che hanno ricevuto vaccini COVID-19, l’educatrice clinica dottoressa Margaret Christensen , co-fondatrice della Carpathia Collaborative , si è unita a «The Defender In-Depth» questa settimana per discuterne le cause e le possibili soluzioni.

 

Christensen ha affermato che la ragione di molte di queste condizioni di salute nei vaccinati si riduce a disturbi ormonali causati dagli ingredienti dei vaccini COVID-19 – comprese le proteine ​​​​spike e le nanoparticelle lipidiche – che possono avere effetti ad ampio raggio su più organi e sistemi all’interno. il corpo umano.

 

Christensen ha parlato dei modi per aiutare a ripristinare l’equilibrio ormonale. Ha anche discusso di un summit online, «Hormonal Havoc: The COVID Fallout and How to Fix It» («disastro ormonale: le conseguenze del COVID e come ripararle»), che sta co-organizzando. Il vertice online si svolgerà dal 17 al 23 giugno.

Iscriviti al canale Telegram

Lo squilibrio ormonale ha prodotto condizioni «molto bizzarre»

Christensen ha detto che gli ormoni – «estrogeni, progesterone, testosterone, cortisolo, insulina, ormone tiroideo, e poi possiamo parlare anche dei nostri neurotrasmettitori» – aiutano a regolare il nostro umore e la nostra concentrazione.

 

«Comprendere che sono tutti imparentati tra loro e interagiscono tra loro è davvero di fondamentale importanza», ha detto Christensen. «Non solo interagiscono tra loro… l’equilibrio ormonale è fondamentale per la salute dell’intestino, per i nostri percorsi di disintossicazione del fegato e per ciò che possiamo fare per questi».

 

Christensen ha affermato che il cervello, in particolare l’ipotalamo e l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), «la parte del nostro cervello che regola tutto… deve funzionare anch’essa correttamente».

 

Questi sistemi dipendono dall’equilibrio ormonale, ha detto Christensen, sottolineando che «le cose che abbiamo visto sono state davvero molto bizzarre» a causa degli squilibri causati dai vaccini COVID-19.

 

«Donne con tutti i tipi di sanguinamento anomalo, che creano cisti ovariche, che hanno episodi di sanguinamento massicci e molto pesanti fino al punto dell’isterectomia – con una delle mie clienti dai suoi fibromi uterini. Abbiamo visto enormi quantità di infertilità. Abbiamo avuto tre morti fetali nella nostra pratica», ha detto Christensen.

 

«E poi il sanguinamento postmenopausale è stato semplicemente bizzarro. Ho un certo numero di clienti, almeno da 10 a 15, che erano carine e stabili… e hanno appena iniziato a sanguinare spontaneamente dopo la menopausa, tra cui due donne ottantenni» ha aggiunto.

 

I sintomi hanno a che fare con l’infiammazione del rivestimento dell’utero e delle ovaie che vengono stimolate a produrre estrogeni extra, ha detto Christensen.

 

Anche gli uomini ne sono colpiti. Christensen ha notato di aver notato «livelli di testosterone incredibilmente bassi, cambiamenti significativi nella morfologia dello sperma… problemi di libido e depressione».

 

Ha anche osservato «enormi quantità di problemi autoimmuni» e «cambiamenti nella salute mentale» che «sono stati assolutamente orrendi per tutte le fasce d’età», in particolare adolescenti e giovani adulti, che hanno sperimentato «cambiamenti neurodegenerativi, grave confusione mentale, demenza a rapida insorgenza».

Iscriviti al canale Telegram

La proteina Spike «crea enormi quantità di disregolazione nel sistema immunitario»

Per Christensen, una delle cause principali dello squilibrio ormonale è la proteina Spike, insieme ad altri ingredienti presenti nelle iniezioni di COVID-19.

 

«Sappiamo che la proteina Spike sta creando enormi quantità di disregolazione nel sistema immunitario», ha affermato. Questo può eliminare gli ormoni e causare una disregolazione del sistema immunitario, sopprimendo la parte del sistema immunitario che «insegue i cattivi», ha detto.

 

«Quello che stiamo ricevendo è questo segnale di costante infiammazione, costante paura e ansia… che si alimenta nel cervello che sta cercando di regolare i nostri ormoni».

 

Ciò può avere effetti a cascata in tutto il corpo perché «tutto è connesso» e «non possiamo trattare nulla in modo isolato», ha detto Christensen. Questi effetti iniziano nell’ipotalamo.

 

«L’ipotalamo regola tutti i segnali che arrivano alla ghiandola pituitaria, che arrivano alla tiroide, alle ghiandole surrenali, alle ovaie, ai testicoli e tutto il resto. Quindi, se questo è infiammato e interrotto, è problematico», ha detto.

 

Christensen ha affermato che la connessione intestino-cervello è un fattore importante in questo processo:

 

«Tutto ciò che accade nel tratto gastrointestinale viene alimentato attraverso il nervo vago, questo lungo nervo del nostro corpo che collega il nostro cervello, il nostro cuore, i nostri polmoni e il nostro intestino».

 

«Ma se hai un tratto gastrointestinale disregolato, batteri, infiammazioni, cattiva alimentazione e picchi di proteine, sta inviando un segnale al nervo vago, all’asse HPA e all’ipotalamo, che fa anche parte di qualcosa chiamato sistema limbico, il tuo cervello rettile. Quindi, ancora una volta, ricevi segnali interrotti provenienti dal nervo vago».

 

Ciò ha contribuito all’aumento di condizioni meno comuni prima dell’introduzione dei vaccini COVID-19. «È stato solo dopo l’uscita della proteina Spike che abbiamo visto tutta la miocardite e la pericardite e, ancora, quell’infiammazione».

 

«Quello che sappiamo è che questa infiammazione causata dalla proteina Spike nel cuore… crea una piccola cicatrice».

 

«Così, mesi o un paio d’anni dopo, all’improvviso hai una scarica di adrenalina perché ti svegli la mattina o perché stai per uscire a correre e boom, quella è l’adrenalina, che è il tuo ormone di lotta o fuga, [e] sta innescando un’aritmia e un battito cardiaco irregolare».

 

Di conseguenza, «stiamo assistendo ad alcune di queste morti improvvise, morte cardiaca improvvisa, frequenze cardiache molto bizzarre», ha detto Christensen.

Sostieni Renovatio 21

La proteina spike «influenza direttamente le ovaie e i testicoli», ha aggiunto Christensen. «Sappiamo che a causa di queste nanoparticelle lipidiche che teoricamente avrebbero dovuto rimanere solo nel braccio [ma che si trovano] in tutti i tessuti adiposi intorno al corpo, nel nostro cervello, nel nostro cuore, nei nostri testicoli e nelle ovaie, creando enormi infiammazioni e interrompendo i segnali provenienti da quello e anche dalle ghiandole surrenali».

 

Christensen ha spiegato che i vaccini avrebbero dovuto indurre il corpo a produrre proteine ​​​​spike all’interno delle cellule del corpo, per innescare una risposta immunitaria. Ma ciò che in realtà sta accadendo è «la produzione persistente della proteina spike nel tempo», che porta a molteplici tipi di infiammazione cronica.

 

L’infiammazione è uno dei «cinque meccanismi di danno provocati dalla proteina spike», ha detto Christensen. Gli altri sono «infezioni persistenti, disregolazione autoimmune, disbiosi intestinale – batteri malsani – e poi disfunzione mitocondriale».

 

Christensen ha definito i mitocondri la «centrale elettrica della cellula» che «genera energia». Ha notato che gli organi che contengono più mitocondri sono quelli che «sono sempre attivi e non si spengono [e] richiedono molta energia», compresi il cervello e il cuore.

 

Di conseguenza, «stiamo assistendo alla soppressione, semplicemente a una massiccia disregolazione del sistema immunitario, alla soppressione del sistema immunitario innato che insegue virus, batteri e cellule tumorali, quindi quella parte del sistema immunitario viene soppressa».

 

Uno degli esiti sempre più comuni, ha detto, sono i tumori turbo. «Stiamo assistendo a una formazione anomala di cancro e a un’insorgenza molto rapida di tumori… persone che si ammalano di cancro cervicale allo stadio 4 o linfomi allo stadio 4», ha detto.

 

«Il nostro corpo ha meccanismi di guarigione sorprendenti e potenti»

Christensen ha affermato che mentre la medicina tradizionale, le agenzie sanitarie governative e i media hanno «agito molto in stile “niente da vedere qui” per tanto tempo”, ora stiamo “iniziando a vedere alcune crepe nella diga” perché ce ne sono troppe, molti corpi e troppi medici che sono rimasti danneggiati».

 

Il vertice «Hormonal Havoc» consentirà al pubblico di ascoltare diverse dozzine di esperti che descrivono «cosa stiamo vedendo e quali sono i meccanismi dietro ad esso, e solo alcune semplici cose che possiamo fare per cambiarlo» ha detto, Christensen.

 

Christensen ha suggerito alle persone di lavorare con «qualcuno esperto nella medicina dell’intero sistema», sull’uso di ivermectina e idrossiclorochina per le loro proprietà che «aiutano a reprimere tutte quelle citochine e quelle produzioni di anticorpi», cambiamenti nello stile di vita – inclusi «cibo pulito, aria pulita, acqua pulita e una mente chiara» – e costruzione di comunità.

 

«Quello che dobbiamo sapere è che il nostro corpo ha meccanismi di guarigione sorprendenti e potenti… Queste sono le cose che possiamo fare».

 

Michael Nevradakis

Ph.D.

 

© 13 giugno 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21


 

Continua a leggere

Cancro

I vaccini COVID possono disturbare il sistema endocrino e innescare una cascata di problemi di salute cronici

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.   In un’intervista con The Defender, la dottoressa Margaret Christensen ha affermato che le proteine ​​​​spike e le nanoparticelle lipidiche nei vaccini COVID-19, insieme alla salute già precaria di molti americani, «incidono gravemente sulla capacità del nostro sistema immunitario di autoregolarsi correttamente».   I vaccini contro il COVID-19 interrompono il sistema ormonale e una serie di condizioni ad esso associate, secondo la dottoressa Margaret Christensen, co-fondatrice del Carpathia Collaborative e membro della facoltà dell’Institute for Functional Medicine.   In un’intervista con The Defender, Christensen ha collegato alcuni degli eventi avversi e dei problemi di salute cronici sperimentati da coloro che hanno ricevuto i vaccini COVID-19 con le interruzioni ormonali causate dai loro ingredienti.   Christensen ha detto a The Defender di aver osservato questi effetti nei suoi pazienti.   «Per me, sono stati gli squilibri ormonali ad attirare davvero la mia attenzione», ha detto, citando le donne in postmenopausa che improvvisamente «hanno iniziato a sanguinare dal nulla» e le donne con «cicli molto irregolari, con cisti ovariche, dolore pelvico, problemi di infertilità e aborti spontanei».   «Ciò che mi ha davvero disturbato è che ci sono state tre morti fetali nel nostro studio» ha aggiunto Christensen. «C’è stata una morte fetale a 35 settimane, una a 37 settimane e una ragazza che ha avuto un distacco di placenta durante il parto. Non l’ho mai avuto prima».   Christensen ha affermato che il contenuto delle iniezioni di COVID-19, comprese le proteine ​​​​spike e le nanoparticelle lipidiche , insieme alla già precaria salute di molti americani – obesità, resistenza all’insulina ed esposizione a sostanze chimiche nell’aria, nel cibo e nell’acqua – «hanno un impatto grave sul nostro sistema immunitario”. la capacità del sistema di autoregolarsi correttamente».   Christensen ha delineato questi fattori nel suo rapporto «Hormonal Havoc: The Covid Fallout and How to Fix It» («Caos ormonale: le conseguenze del COVID e come aggiustarle), per il quale ha intervistato oltre 60 medici specializzati in un’ampia gamma di condizioni di salute.   Il rapporto sarà anche oggetto di un prossimo vertice online a cui parteciperanno diverse dozzine di esperti medici e sanitari. Tra i partecipanti figurano il dottor David Brownstein, il dottor Peter McCullough, la dottoressa Michelle Perro, il dottor James Thorp, Stephanie Seneff, Ph.D. e Zen Honeycutt, direttore esecutivo di Moms Across America.

Iscriviti al canale Telegram

I vaccini innescano «disfunzioni del sistema immunitario» e squilibri ormonali

Christensen ha affermato che la proteina spike nei vaccini COVID-19 ha molteplici mezzi per causare lesioni.   «Se si comprendono i meccanismi delle proteine ​​​​spike… e si capisce che abbiamo un’alterazione dei mitocondri, una disregolazione del sistema immunitario e infezioni persistenti o ricorrenti di altro tipo, allora si può capire perché vedremmo così tante diverse aree patologiche manifestarsi», ha detto.   Christensen ha affermato che i mitocondri «alimentano tutto» nel corpo, con alti livelli riscontrati nelle ovaie, nei testicoli, nel cervello e nel cuore. «I mitocondri sono la centrale elettrica delle nostre cellule e si trovano in quantità elevate in quegli organi, che richiedono molta energia».   Il danno ai mitocondri «innesca la disfunzione del sistema immunitario», ha affermato, portando a una bassa produzione di energia, che ha collegato a eventi avversi spesso subiti dai destinatari del vaccino COVID-19.   «Se non produci energia nel tuo cervello, il cervello si annebbia. Se non produci energia adeguata nel cuore, inizierai ad avere aritmie e il muscolo cardiaco non funzionerà correttamente. Quando si danneggiano i mitocondri nelle ovaie e nei testicoli, ciò avrà un impatto sulla produzione di ovuli e spermatozoi».   Le proteine ​​​​spike possono portare a «sintomi di tipo neurodegenerativo», inclusa la sindrome da tachicardia ortostatica posturale o POTS, ha detto. La tossicità delle proteine ​​Spike e il conseguente danno mitocondriale possono anche innescare malattie autoimmuni, ha detto Christensen.   «La proteina Spike sta innescando la produzione di enormi quantità di anticorpi e citochine, e alcuni di questi anticorpi sono anticorpi contro noi stessi e anche anticorpi che sono coinvolti nel non consentire alle cellule tumorali di tenersi sotto controllo», ha detto.   «Stiamo trovando proteine ​​​​spike nei testicoli e nelle ovaie. Non solo riceviamo segnali interrotti dall’ipotalamo alle ovaie e ai testicoli, ma stiamo anche ricevendo colpi infiammatori diretti dalla proteina Spike stessa, che viene trovata a causa delle nanoparticelle lipidiche nelle ovaie dei testicoli, che innescano l’infiammazione», ha aggiunto Christensen.   «E così, stiamo interrompendo il normale metabolismo e l’escrezione degli ormoni. Quindi, si ottiene il ricircolo di vecchi ormoni, sbilanciando tutto», ha aggiunto Christensen.   Secondo Christensen, anche altre forme di contaminazione del vaccino hanno avuto un ruolo nel causare effetti avversi sulla salute, inclusi tumori aggressivi.   «Ci sono molte sequenze insolite nel vaccino che sappiamo non si trovano in natura. Questi includono un segmento SV40, che sappiamo essere coinvolto nei tumori e nelle escrescenze cancerose».   Di conseguenza, Christensen ha detto:   «Stiamo assistendo alla soppressione del sistema immunitario e all’iperattivazione di una parte diversa del sistema immunitario, alla soppressione di quello innato e all’iperattivazione di quello adattivo. Quindi… stiamo assistendo a una rapida crescita dell’insorgenza di tumori al quarto stadio senza alcun sintomo precedente».   «Sappiamo anche che ci sono altri insoliti segmenti immunosoppressori all’interno della proteina spike che stanno disregolando in modo significativo il nostro sistema immunitario. Stanno sopprimendo la parte del sistema immunitario chiamata “innata”, che insegue virus, batteri, parassiti e cellule tumorali nel nostro corpo».   Secondo Christensen, anche la composizione stessa del virus COVID-19 è responsabile di alcuni effetti negativi sulla salute.   «Sappiamo che il COVID non era una normale polmonite virale», ha detto. «Era una vasculite. Si trattava di un’infiammazione, in particolare dei vasi sanguigni molto piccoli, e il trattamento di quell’infiammazione è ciò che ha aiutato a guarire le persone».   «L’infiammazione nei vasi sanguigni ha causato la formazione di molti coaguli e micro coaguli. I microcoaguli si riuniscono e formano dei coaguli molto grandi. E questi coaguli hanno anche un’architettura molto insolita. Non sono i normali coaguli di sangue che vediamo. Stiamo osservando moltissimi microcoaguli, molto simili alla tossicità delle muffe» ha aggiunto.   Christensen, che ha 23 anni di esperienza nella diagnosi e nel trattamento delle esposizioni a muffe tossiche, ha affermato che portano alla soppressione del «sistema immunitario innato».   «Non puoi dare la caccia alle cellule tumorali, non puoi dare la caccia ai virus e ai batteri che sono nel tuo corpo, quindi ottieni infezioni ricorrenti e quindi infiammi eccessivamente il sistema immunitario adattativo».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

I vaccini possono causare una costante modalità di «lotta o fuga»

Christensen ha affermato che la tossicità del vaccino prende di mira l’asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), che secondo lei «controlla l’intero sistema ormonale nel corpo».   «L’ipotalamo è il centro regolatore principale del cervello, che riceve input da tutto il resto del corpo» e quindi invia segnali alla ghiandola pituitaria per produrre ormoni che guidano varie funzioni, dall’ovulazione al rapporto sessuale, ha detto.   «Se siamo in condizioni di stress cronico o cronicamente infiammati o [abbiamo un] microbioma intestinale cronicamente compromesso… allora stiamo inviando segnali al nostro cervello che dicono: “Sono ansioso”. “Sono angosciato, non riesco a dormire. Sono molto confuso”. L’ipotalamo invia segnali contrastanti al resto del corpo e quindi possiamo osservare un’interruzione dei normali cicli ormonali».   Ciò può stimolare la produzione eccessiva di adrenalina, portando a uno «stato cronico» in cui «sei costantemente in modalità lotta o fuga», ha detto Christensen. Di conseguenza, si verifica un’interruzione ormonale e «non puoi guarire».   Anche le proteine ​​spike e la contaminazione da vaccino possono avere un impatto sulla salute gastrointestinale, ha affermato Christensen.   «Sappiamo che il COVID e la proteina Spike hanno danneggiato gran parte del microbioma intestinale, eliminando i batteri che dovrebbero essere utili e [causando] una crescita eccessiva di alcuni batteri cattivi che finiscono per rimettere in circolo alcuni di questi ormoni usati e creando enormi squilibri e livelli elevati, ad esempio, di estrogeni. Chiamiamo questa dominanza degli estrogeni», ha detto.   Ciò porta a quantità eccessive di estrogeni, che possono far «crescere il rivestimento dell’utero», portando a «gravi problemi di sanguinamento, crescita di fibromi uterini… perdita dell’intero rivestimento dell’utero, persino sanguinamento postmenopausale», ha aggiunto Christensen.  

Le proteine ​​spike causano «danni e infiammazioni nel cervello stesso»

Le conseguenze sulla salute mentale dei vaccini contro il COVID-19, dei lockdown e di altre restrizioni legate alla pandemia hanno attirato meno attenzione, ha affermato Christensen, anche se «la connessione con la salute mentale è multifattoriale».   Secondo Christensen, le restrizioni legate al COVID «hanno messo tutta la nostra popolazione in uno stato di “lotta o fuga per mesi e mesi”. Ciò, insieme all’”uso della vergogna e del senso di colpa per le persone che non si adeguavano”, ha contribuito “gravemente all’ansia e alla depressione”».   Ansia e depressione innescano altri effetti nel cervello umano, ha detto Christensen. «Quindi si ha di nuovo l’impatto sulle ghiandole surrenali, sull’asse HPA e sul cervello in costante sovraccarico, costante neuroinfiammazione, [essendo] costantemente confuso. Ciò contribuirà all’ansia, alla depressione, all’insonnia, ai comportamenti OCD [disturbo ossessivo-compulsivo] e agli attacchi di panico».   Da ciò consegue la disfunzione del sistema limbico, in cui «il nostro sistema limbico ha preso il sopravvento in una sorta di meccanismo di sopravvivenza», ha detto Christensen, sottolineando che ciò ha contribuito a contribuire a «un massiccio aumento del suicidio e dell’impotenza e della disperazione».   Christensen ha affermato che i vaccini contribuiscono anche al dumping di istamina nel cervello. L’istamina è una sostanza chimica rilasciata dal sistema immunitario. «Ora stai distruggendo i neurotrasmettitori e stai rilasciando tutti i tipi di istamina. E l’istamina è ciò che è coinvolto in molti comportamenti psicotici, nella schizofrenia e nella semplice vecchia ansia, insonnia ed emicrania».   La lesione cerebrale è un altro risultato dei vaccini COVID-19, ha affermato Christensen.   «Stiamo assistendo a danni e infiammazioni nel cervello stesso causati dalla proteina spike e dalla disfunzione mitocondriale, dagli anticorpi autoimmuni ora prodotti contro varie parti del cervello», ha detto. «Molte persone hanno avuto una neuropatia periferica : sensazioni nervose molto gravi e dolorose nelle mani e nei piedi o in altre aree del corpo».

Sostieni Renovatio 21

«Non abbiamo idea di cosa accadrà dopo»

Christensen ha avvertito che nei prossimi anni vedremo un numero crescente di persone sviluppare patologie croniche e lesioni a causa dei vaccini COVID-19.   «Abbiamo avuto 5 miliardi di persone che hanno ricevuto questa iniezione sperimentale di mRNA», ha detto. «Abbiamo avuto un numero enorme di eventi avversi, ma quasi il 15% delle persone ha avuto eventi avversi significativi, abbastanza gravi da essere ricoverati in ospedale. Questa è stata solo la conseguenza immediata. Ora stiamo vedendo le ricadute un paio di anni dopo».   «Non abbiamo idea di cosa accadrà dopo», ha detto Christensen.   Christensen ha affermato che molti medici, funzionari della sanità pubblica e media mainstream stanno nascondendo l’aumento delle condizioni croniche e degli infortuni, attribuendoli invece al «Long COVID» e ad altri fattori.   «I media mainstream e la medicina sono stati, involontariamente o volontariamente, complici nell’imporre questa narrazione “sicuro ed efficace”» ha detto Christensen. «È molto difficile adesso per loro dire “mea culpa, ho sbagliato”… È meglio dire “oh, sì, è normale”».   Christensen ha detto che le persone hanno una forte capacità di guarigione a cui possono attingere.   «Dobbiamo semplicemente unire i punti: cibo pulito, acqua pulita, aria pulita e una mente pulita. Il nostro corpo ha incredibili capacità di guarigione, capacità di guarigione intrinseche e dobbiamo solo capire come possiamo supportarle», ha detto.   Anche la costruzione di una comunità può aiutare nel processo di guarigione, ha affermato Christensen.   «Abbiamo bisogno di riunirci nella comunità e parlare tra noi di cosa sta succedendo e di cosa è successo, perché la guarigione avviene quando raccontiamo le nostre storie e quando lavoriamo insieme. C’è sempre speranza per la salute e la guarigione».   Michael Nevradakis Ph.D.   © 10 giugno 2024, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.   Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.  
Continua a leggere

Più popolari