Connettiti con Renovato 21

Spazio

Gli scienziati cinesi tramano la distruzione dei satelliti di Elon Musk

Pubblicato

il

Ricercatori cinesi, tra cui molti associati all’industria della Difesa del Paese, stanno studiando modi per disabilitare o addirittura distruggere i satelliti Starlink di SpaceX se mai si rivelassero una minaccia per la sicurezza nazionale, riporta il quotidiano di Hong Kong South China Morning Post.

 

Ciò mostra come, in ispecie dopo i fatti ucraini dove i satelliti muskiani hanno aiutato Kiev ai danni di Mosca, la comunità militare cinese veda sempre più l’infrastruttura orbitale di SpaceX come un potenziale avversario.

 

Un nuovo documento di ricerca pubblicato sulla rivista cinese Modern Defense Technology, sottoposta a revisione paritaria, espone le raccomandazioni dei ricercatori, secondo il quotidiano.

 

«Una combinazione di metodi soft e hard dovrebbe essere adottata per far sì che alcuni satelliti Starlink perdano le loro funzioni e distruggano il sistema operativo della costellazione», si legge nel documento, come citato dal giornale di Hong Kong.

 

Elon Musk è un uomo molto popolare in Cina, e Tesla ha  investito moltissimo nel Paese, costruendo una fabbrica (una «Gigafactory») a Shanghai (ora piagata dal lockdowno) e attirandosi le ire del mondo per l’apertura di una concessionaria in Xinjiang, provincia dove la Cina è accusata di crimini contro la popolazione uigura autoctona.

 

Tuttavia, come scrive Futurism, l’impresa spaziale di Elon Musk SpaceX ha dimostrato di essere meno popolare in Cina, con due satelliti che si sono avvicinati pericolosamente alla nuovissima stazione spaziale cinese l’anno scorso.

 

SpaceX ha anche stretti legami con il Pentagono e ha portato in orbita diverse missioni top secret per conto delle forze armate statunitensi.

 

Secondo i ricercatori cinesi, i propulsori ionici di Starlink potrebbero fornire energia sufficiente per passare all’offensiva e buttare fuori dall’orbita i bersagli cinesi.

 

Ecco perché, sostengono, la Cina ha bisogno di sviluppare tecnologie in grado di intercettare ciascuno dei segnali di questi satelliti.

 

Musk, da parte sua, sembra consapevole del potenziale di attacchi militari al suo sciame di satelliti.

 

«Spero che non dobbiamo metterlo alla prova, ma penso che possiamo lanciare satelliti più velocemente di quanto possano lanciare missili anti-satelliti», ha detto parlando della Russia durante un’intervista a Insider all’inizio di quest’anno.

 

La questione è chiaramente nella mente dei ricercatori militari cinesi.

 

«La costellazione di Starlink costituisce un sistema decentralizzato», si legge nel documento. «Il confronto non riguarda i singoli satelliti, ma l’intero sistema. Ciò richiede alcune misure a basso costo e ad alta efficienza».

 

Il Paese sta già lavorando su diverse tecnologie anti-satellite, inclusi laser e jammer delle comunicazioni.

 

Tuttavia, non è chiaro quanto siano rappresentativi questi piani dei maggiori sforzi militari della Cina.

 

La ricerca dimostra che gli sforzi di SpaceX per costruire una rete globale di satelliti sta creando nemici tra le varie potenze mondiali, che vedono giustamente i satelliti di Musk come un possibile attacco alla loro sovranità.

 

Come scritto varie volte da Renovatio 21, quello dello spazio è un tema di estrema importanza, perché riguarda in tutto e per tutto la sovranità: nessun Paese può dirsi completamente sovrano senza accesso allo spazio, vuoi per la possibilità di altre Paesi di spiare tramite satelliti, vuoi per la geopolitica – e l’economia – che si stanno ora costruendo fuori dall’atmosfera terrestre.

 

 

 

 

Continua a leggere

Spazio

Gli astronomi confermano per la prima volta la presenza di acqua sulla superficie degli asteroidi

Pubblicato

il

Da

Per la prima volta, i ricercatori hanno scoperto che le superfici degli asteroidi possono contenere molecole d’acqua, secondo un recente studio pubblicato sul Planetary Science Journal.

 

Gli astronomi hanno osservato due asteroidi, Iris e Massalia, a circa 223,1 milioni di miglia dal sole, rilevando molecole d’acqua. La scoperta dà credito all’idea che gli asteroidi potrebbero aver portato l’acqua sulla Terra in un lontano passato, quando il giovane pianeta era bombardato dallo spazio.

 

Il team di studio ha raccolto dati utilizzando un telescopio in volo sull’Osservatorio Stratosferico per l’Astronomia a Infrarossi (SOFIA), ora dismesso, dotato di una fotocamera a infrarossi per oggetti deboli.

 

La decisione di esplorare gli asteroidi utilizzando SOFIA è stata ispirata dalla precedente rilevazione di acqua sulla luna da parte del telescopio, ha detto ai notiziari la dottoressa Anicia Arredondo, ricercatrice capo del Southwest Research Institute di San Antonio.

 

Mentre uno dei coautori della ricerca, la dottoressa Maggie McAdam dell’Ames Research Center della NASA, aveva precedentemente trovato tracce di liquido congelato sugli asteroidi utilizzando un diverso telescopio. Ma non era chiaro se la sostanza fosse acqua o un altro composto.

 

Secondo Arredondo, la quantità di acqua scoperta equivale a una piccola bottiglia in ogni metro cubo di terreno, simile a quella trovata da SOFIA in uno dei più grandi crateri lunari nel 2020.

 

«Quando il sistema solare si stava formando, materiali diversi si formarono in base alla loro distanza dal Sole perché il materiale (più lontano) dal Sole si raffreddava più velocemente (rispetto al) materiale più vicino al Sole… Ecco perché i pianeti interni come la Terra e Marte sono fatti di la roccia e i pianeti esterni come Nettuno e Urano sono fatti di ghiaccio e gas», ha detto ai media la Arrendondo.

 

«Lo studio degli asteroidi, resti della formazione planetaria, fa luce sulla loro evoluzione e composizione, offrendo approfondimenti sulla distribuzione dei materiali nello spazio e sul potenziale trasporto di acqua verso altri pianeti che potrebbero sostenere la vita» scrive Sputnik.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



 

 

Continua a leggere

Intelligence

La storia delle armi atomiche russe nello spazio è propaganda per aumentare i fondi USA a Kiev?

Pubblicato

il

Da

La comunità dell’Intelligence statunitense ritiene che la Russia stia sviluppando un’arma anti-satellite spaziale, ma non esiste alcuna minaccia immediata, ha detto giovedì ai giornalisti un alto funzionario della Casa Bianca.   La possibile esistenza di tale tecnologia è stata sollevata mercoledì da Mike Turner, presidente della House Intelligence Committee, che ha chiesto una rapida desecretazione per consentire ai legislatori statunitensi, all’amministrazione Biden e agli alleati americani di «discutere apertamente le azioni per rispondere a questa minaccia».   Il Turner, va notato, non menzionava la Russia, tuttavia fonti hanno riferito ai giornali statunitensi che si stava riferendo a una sorta di ordigno nucleare russo destinato a colpire i satelliti spaziali. Il portavoce del Cremlino Demetrio Peskov ha detto che la Casa Bianca sta «cercando, con le buone o con le cattive, di spingere il Congresso a votare un disegno di legge per approvare i finanziamenti» per l’Ucraina, che è stata bloccata alla Camera.

Sostieni Renovatio 21

«È chiaro che la Casa Bianca sta cercando (…) di spingere il Congresso a votare un disegno di legge per approvare i finanziamenti» per l’Ucraina ha dichiarato il portavoce russo. «Vedremo quali trucchi utilizzerà la Casa Bianca».   Il consigliere per le comunicazioni per la sicurezza nazionale della Casa Bianca, John Kirby, ha definito il suggerimento di Peskov «una sciocchezza», insistendo sul fatto che la preoccupazione di Washington era genuina. Biden «ha diretto una serie di azioni iniziali», inclusi briefing per i leader del Congresso, impegno diplomatico diretto con la Russia e contatti con altre nazioni. Kirby ha espresso rammarico per il fatto che Turner non abbia seguito il protocollo per declassare la classificazione delle informazioni.   La Russia ha sviluppato capacità anti-satellite per anni, ha affermato. Le nuove informazioni raccolte in queste settimane avrebbero quindi consentito alla comunità dell’intelligence statunitense di «valutare con un maggiore senso di fiducia esattamente come la Russia continua a perseguirla», ha aggiunto. ABC News ha affermato che, sebbene il sistema non sarebbe utilizzato per attaccare obiettivi sulla Terra, i funzionari statunitensi lo considerano ancora «molto preoccupante e molto sensibile».   Secondo Kirby non è previsto un effettivo dispiegamento a breve. Se la Russia facesse ciò che gli Stati Uniti credono di voler fare, violerebbe il Trattato sullo Spazio Extra-atmosferico (Outer Space Treaty, o OST), ha affermato l’ammiraglio. Il trattato vieta lo spiegamento di armi di distruzione di massa nello spazio e ne richiede l’esplorazione pacifica in quanto «provincia dell’intera umanità».

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

Sia la Russia che gli Stati Uniti sono firmatari dell’OST. Mosca sostiene da anni che il maggiore utilizzo dello spazio da parte del Pentagono per scopi militari viola lo spirito dell’accordo del 1967, quando si tentava di allentare le tensioni della Guerra Fredda e della concomitante corsa allo spazio. Da allora hanno aderito al trattato più di 100 paesi.   Kirby ha rifiutato di dichiarare se il presunto ordigno russo debba essere «un’arma nucleare, un’arma a propulsione nucleare o un’arma con capacità nucleare», come descritto in uno dei rapporti.   Alcuni commentatori negli Stati Uniti hanno suggerito che la mossa di Turner fosse intesa a rafforzare la sua spinta a riautorizzare la Sezione 702 del Foreign Intelligence Surveillance Act (FISA). Consente al governo degli Stati Uniti di raccogliere le comunicazioni digitali degli stranieri e funge da tempo da scappatoia per spiare i cittadini americani. La controversa autorità scadrà ad aprile in assenza di un’azione da parte del Congresso.   Come riportato da Renovatio 21, lo scorso anno il generale B. Chance Saltzman, capo delle operazioni spaziali per la US Space Force ha dichiarato che la Russia starebbe usando armi spaziali nel conflitto in Ucraina.   Come riportato da Renovatio 21, i russi starebbero costruendo armi anti-satellite (ASAT) basate sul laser per distruggere i satelliti spia statunitensi, mentre , la Cina ha studiato modi per disabilitare o distruggere i satelliti di Musk, considerati a questo punto un fattore geopolitico determinante.   A inizio 2022, a poche settimane dallo scoppio della guerra ucraina, la NATO aveva pubblicato un documento ufficiale – NATO’s overarching Space Policy («Politica spaziale globale NATO») che introduce la dottrina spaziale del Patto Atlantico: le minacce spaziali devono essere incluse nell’articolo 5, la celeberrima clausola di mutua difesa della NATO che impegna a dare una risposta collettiva nel caso un singolo Paese venga attaccato. In precedenza, la NATO aveva già avviato un centro spaziale, parte del comando aereo di Ramstein, in Germania.

Aiuta Renovatio 21

La Russia aveva risposto duramente definendo il documento «unilaterale ed incendiario». «Possiamo vedere dove si sta effettivamente dirigendo il mondo spaziale occidentale. Si sta dirigendo verso la guerra», aveva detto al canale televisivo Rossiya 24 in un’intervista l’allora direttore dell’agenzia russa spaziale Roskosmos Dmitrij Rogozin la scorsa estate.   Una guerra spaziale, va ricordato, potrebbe impedire all’umanità l’accesso allo spazio per secoli o millenni, a causa dei detriti e della conseguente sindrome di Kessler. Tuttavia, pare che gli eserciti si stiano davvero preparando alla guerra orbitale.   Come riportato da Renovatio 21Russia e Cina negli ultimi mesi hanno intensificato gli sforzi di integrazione dei loro sistemi di navigazione satellitare alternativi al GPS. Anche l’India cerca di uscire dal cono dei satelliti occidentali, arrivando a esplicitare la volontà di piazzare il suo sistema di navigazione, il NavIC, negli iPhone.   Ad ogni modo, un incidente nucleare spaziale già ha coinvolto la Russia e il Nord America in passato.   Nel 1978, l’incidente del satellite sovietico Kosmos 954 sul suolo canadese ha generato l’unica richiesta presentata in conformità con la a Convenzione sulla responsabilità internazionale per i danni causati da oggetti spaziali (chiamato generalmente Space Liability Convention), un trattato del 1972 che amplia le norme sulla responsabilità create nel Trattato sullo spazio extraatmosferico.   Il satellite russo di osservazione era equipaggiato con un reattore nucleare e, durante il suo rientro nell’atmosfera, disperse detriti radioattivi sulla parte settentrionale del Canada; alcuni di questi detriti radioattivi sono precipitati nel Great Slave Lake, vicino a Fort Resolution, nei Territori del Nord-Ovest. Il governo di Ottawa ha avviato un’operazione di bonifica a lungo termine denominata Operazione Morning Light, il cui costo è stato valutato in 6 milioni di dollari canadesi.   Si dice che l’Unione Sovietica alla fine rimborsò solo 3 milioni a titolo di compensazione.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21
       
Continua a leggere

Spazio

L’ESA condivide una foto dettagliata del «Labirinto della notte» di Marte

Pubblicato

il

Da

Su Marte esiste una regione conosciuta come Noctis Labyrinthus o «labirinto della notte». Si trova sul bordo occidentale di un sistema di canyon denominato Valles Marineris, secondo l’Agenzia Spaziale Europea (ESA).

 

Nell’autunno del 2023, l’ESA aveva introdotto per la prima volta un filmato sorvolante del labirinto utilizzando i dati del Mars Express che orbita attorno a Marte dal dicembre del 2003. Gli stessi dati sono stati utilizzati per creare un’immagine ampia e dettagliata del labirinto che hanno pubblicato la scorsa settimana.

 

Il «labirinto della notte» di Marte si presenta come irto di enormi frane, vaste dune di sabbia portate dal vento e canyon che si intersecano che misurano fino a 30 chilometri di larghezza e 6 chilometri di profondità.

Secondo l’ESA, l’intera area è lunga circa 1.190 chilometri e si trova tra il centro vulcanico di Tharsis e il bordo occidentale di Calles Marineris.

 

Sembra che il vulcanismo nella regione di Tharsis abbia eroso casualmente grandi porzioni di terreno, sebbene il terreno originale possa essere visto sulle cime degli altipiani. E nel labirinto ci sono anche tracce di sali idrati e minerali argillosi, che dimostrano che un tempo era presente acqua, dice l’ESA.

 

Mars Express fornisce immagini del Pianeta Rosso da quasi 20 anni. E ha fornito prove ai ricercatori che Marte un tempo aveva le condizioni ambientali appropriate per sostenere la vita.

Iscriviti alla Newslettera di Renovatio 21

SOSTIENI RENOVATIO 21



Immagine di pubblico dominio CC0 via Wikimedia

Continua a leggere

Più popolari