Connettiti con Renovato 21

Reazioni avverse

Fra quanto le società sportive cominceranno a mentire sui vaccini agli atleti?

Pubblicato

il

 

 

Questo sito ha riportato, sin da prima delle Olimpiadi edochiane (modo prezioso per dire «di Tokyo»), i casi di carriere sportive improvvisamente schiantate dopo l’avvenuta vaccinazione COVID.

 

Qualcuno, in Francia e in Belgio, aveva cominciato a parlarne con franchezza. Ricordate?

 

«C’è stato un periodo in cui i suoi test erano ottimi, allo stesso livello di prima e poi è stato vaccinato, non lo abbiamo più riconosciuto» disse al quotidiano sportivo L’Equipe l’allenatore del velocista francese, già  bronzo nei 200 ai Giochi di Rio,  Christophe Lemaître. L’atleta non volò a Tokyo.

 

Poi fu il turno di Jacques Borlée, allenatore dell’atletica belga, a dare l’allarme: «abbiamo grossi problemi con la vaccinazione. Sul primo vaccino, per dieci giorni, c’è una perdita di potenza tra il 10 e il 20% e per la seconda dose, c’è anche una perdita di potenza più lunga, parliamo di 21 giorni. È una grande difficoltà rispetto agli atleti. E vediamo davvero una perdita di potenza in tutti gli atleti che sono stati vaccinati».

 

«Non eravamo affatto stati informati che un calo delle prestazioni ha accompagnato il processo di vaccinazione». Ora lo sono.

 

Qualora vi fosse una correlazione tra le miocarditi che stanno subendo gli sportivi e la sierizzazione mRNA – con quel possibile effetto collaterale riconosciuto dall’AIFA – le società sportive si troverebbero di fronte ad un rischio esistenziale. Una minaccia, prima che biologica e umana, economica.

Qualcuno, forse, aveva fiutato il pericolo. Lo sprinter giamaicano Yohan Blake disse che avrebbe preferito saltare l’Olimpiade piuttosto che farsi vaccinare. Facile che sia stata una scelta etica personale – Blake è stato uno Djokovic ante litteram – tuttavia non possiamo dire che abbia fatto qualcosa che andava contro la sua carriera.

 

Poi arrivò la stagione del calcio, uno degli sport più cardio-intensivi sulla faccia della Terra. Lì cominciarono gli strani collassi dei giocatori in campo e fuori, un pattern drammatico che non dà cenno di esaurimento. Il Berliner Zeitung fece una lista dei giocatori crollati durante le partite, senza in alcun modo parlare di correlazione con la vaccinazione, e quell’eventuale problema di conseguente miocardite che è riconosciuto anche dall’AIFA.

 

Sono collassati giocatori agli Europei, nelle grandi squadre, nei campionati minori, in Nordafrica, in Asia, in America Latina, in Inghilterra, in Canada. – in continuazione, ovunque. Alcuni sono morti: e il 2021 è riportato essere l’anno con più calciatori morti sul campo di gioco.

 

È uno stillicidio ancora in corso.

 

 

Ogni club investe decine di migliaia, centinaia di migliaia, milioni di euro su di un giocatore. Per comprarlo, per pagargli lo stipendio, per allenarlo, prepararlo, rubarlo. I corpi degli atleti – e quindi il loro muscolo fondamentale, il cuore – sono i macchinari di produzione delle squadre sportive.

In Italia si registrò la miocardite di Pedro Obiang, centrocampista del Sassuolo. «Nei suoi tracciati anomalie che prima non c’erano», scrisse il quotidiano La Verità dopo aver sentito varie medici e professionisti coinvolti nel caso. Tuttavia, disse il direttore sanitario della squadra, «nessuno può dire se sia una miocardite da COVID-19 e neanche se sia da vaccino. Le interpretazioni, valutazioni, le ricerche sull’eziologia lasciano il tempo che trovano. Nessuno può darci la risposta».

 

Non dimentichiamo poi la storia della pallavolista veneta Francesca Marcon, che sviluppò una pericardite dopo il vaccino, devastando la sua stagione sportiva. Lo scrisse su Instagram, chiedendo: «non esiste una forma di “risarcimento” per chi subisce danni a livello di salute dopo aver fatto il vaccino?». Alla bella schiacciatrice arrivò la sgridata del membro del CTS Abrignani – quello che la terza dose «protegge fino a 5-10 anni» – perché, raccontando la verità del suo cuore e della sua carriera, la campionessa stava fornendo argomenti ai no vax. Un gentile invito a guardare il dito, non la luna – tutti.

 

«Non so se vi può interessare, ma io ho avuto e ho tuttora una pericardite post vaccino… Chi paga il prezzo di tutto?» diceva la Marcon.

 

Questo è esattamente il punto che vogliamo sollevare.

 

Qualora vi fosse una correlazione tra le miocarditi che stanno subendo gli sportivi e la sierizzazione mRNA – con quel possibile effetto collaterale riconosciuto dall’AIFA – le società sportive si troverebbero di fronte ad un rischio esistenziale. Una minaccia, prima che biologica e umana, economica.

 

Può una squadra rischiare di perdere un investimento – perché questo è un atleta professionista – per colpa di un farmaco per una malattia che si rivela grave in un numero di giovani relativamente esiguo?

Ogni club investe decine di migliaia, centinaia di migliaia, milioni di euro su di un giocatore. Per comprarlo, per pagargli lo stipendio, per allenarlo, prepararlo, rubarlo. I corpi degli atleti – e quindi il loro muscolo fondamentale, il cuore – sono i macchinari di produzione delle squadre sportive.

 

Ora, ci chiediamo quali siano le voci nel sottomondo dello sport, visto che oramai le miocarditi sono diventate tema per video satirici e meme sui social.

 

Può una squadra rischiare di perdere un investimento – perché questo è un atleta professionista – per colpa di un farmaco per una malattia che si rivela grave in un numero di giovani relativamente esiguo?

 

È chiaro che esporsi ad un pericolo del genere, per amore di patria e di Big Pharma, è una scelta non indifferente: ripetiamo, soprattutto da un punto di vista economico.

 

Che qualche atleta abbia cominciato a pensare a bassa voce che il vaccino potrebbe ingenerare una malattia in grado di distruggergli la stagione, o la carriera – o peggio? Questa prospettiva, è discussa tra calciatori, sprinter, ciclisti, fondisti?

Certo, se un atleta si vuole vaccinare, si vaccina. Tuttavia, ci chiediamo, al di là di questa spirale del silenzio che avvolge anche questo fenomeno, quali siano le voci tra atleti. Che qualcuno abbia cominciato a pensare a bassa voce che il vaccino potrebbe ingenerare una malattia in grado di distruggergli la stagione, o la carriera – o peggio? Questa prospettiva, è discussa tra calciatori, sprinter, ciclisti, fondisti?

 

C’è qualcuno che, senza darlo a vedere, si è impressionato per una storia come quello del campione di mountain bike Kyle Warner?

 

Insomma, quanto cospirazionisti sono divenuti gli spogliatoi?

 

Se dirigenti e atleti fossero andati in paranoia, non è impossibile che molti potrebbero cominciare a ritenere che l’unica via per non rischiare sia… l’inganno. Trovare un medico compiacente, che finge di sierizzare lo sportivo e poi invece butta diretto il flacone di mRNA sintetico in fogna – oppure, a favor di video-selfie o telecamera, inietta una bella dose di soluzione fisiologica, come, nella mente dei complottisti, avviene per le vaccinazioni pubbliche di quelli importanti, chessò, Joe Biden.

 

Non è uno scenario impossibile: sappiamo che nella storia più di qualche società, più di qualche atleta, sia ricorso al doping. La questione non è dissimile, anzi è specchiata in modo chirale: invece che prendere un farmaco e far finta di non averlo preso, qui devi non prendere un farmaco e far finta di averlo preso. Prima siringhe che devi nascondere, oggi siringhe che devi mostrare pubblicamente. Non è questo grande sforzo inedito, insomma.

 

Succederà così? Non sappiamo.

 

Se dirigenti e atleti fossero andati in paranoia, non è impossibile che molti potrebbero cominciare a ritenere che l’unica via per non rischiare sia… l’inganno

Quello che è certo è che il vaccino per molti sportivi è inevitabile. Sappiamo che il super green pass dovrebbe essere in arrivo per tutti le discipline di squadra, dalla Serie A di calcio giù fino ai dilettanti. E mica solo i calciatori: a fine dicembre l’ineffabile onorevole già spadaccina Valentina Vezzali disse che non escludeva per i tifosi che volessero andare allo stadio il tampone, includendo anche i vaccinati.

 

Tuttavia mondo del tifo – che, come ribadiamo da quasi un lustro, è una delle ultime lucide oasi di umanità rimaste – potrebbe già essere pronto a leggi di discriminazione che tengono lontane le persone dalla loro squadra del cuore.

 

A settembre gli Ultras del Torino fecero sapere che avrebbero disertato la Curva nel derby contro la Juventus: «non intendiamo accettare le forti restrizioni che snaturano il nostro essere ultras e che porterebbero ulteriori multe e diffide insensate. Per questo rientreremo nella nostra curva solo quando sarà possibile per tutti tornare a viverla con calore». Era una solidarietà portata ai non-greenpassati che non abbiamo visto in nessun altro gruppo umano (colleghi di lavoro, compagni di scuola, etc.)

 

Che volete che sia: una sorta di Daspo biotico, l’apartheid del tifo. Un tifoso che rifiuta la siringa genica può guardare la partita su DAZN – se funziona.

 

Trovare un medico compiacente, che finge di sierizzare lo sportivo e poi invece butta diretto il flacone di mRNA sintetico in fogna – oppure, a favor di video-selfie o telecamera, inietta una bella dose di soluzione fisiologica, come, nella mente dei complottisti, avviene per le vaccinazioni pubbliche di quelli importanti, chessò, Joe Biden

Il calciatore, invece, non ha questo lusso: deve essere in campo, deve dare il meglio di sé, deve correre, deve far battere il cuore fino a che non scoppia.

 

Purtuttavia, come riportato da Renovatio 21, abbiamo cominciato a vedere anche immagini di tifosi che crollano a terra. Non solo i giocatori in campo, ora anche gli spettatori sugli spalti. Tutti colpiti da questi misteriosi malori.

 

 

Del resto ci rendiamo conto che quello di cui parliamo non è così fondamentale, anzi usiamo pure l’espressione governativa, non è «essenziale».

 

Perché, bugia più bugia meno, non cambierà niente nell’era della menzogna che stiamo vivendo.

 

 

Roberto Dal Bosco

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Essere genitori

Bambino morto di miocardite, riconoscimento CDC: ma l’autorizzazione per la terza dose 5-11 anni va avanti

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Un bambino di età compresa tra 5 e 11 anni è morto dopo aver ricevuto la sua prima dose del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19, secondo il CDC [l’ente USA per il controllo delle epidemie, ndt].

 

Tuttavia, il comitato consultivo sui vaccini del CDC e il suo direttore, la dottoressa Rochelle Walensky, hanno firmato una terza dose per la giovane fascia di età nonostante fossero a conoscenza della morte del ragazzo.

 

Il dottor Tom Shimabukuro, un membro del team di sicurezza del vaccino dell’agenzia, ha detto durante una riunione virtuale tenuta dal comitato consultivo per l’immunizzazione e le pratiche (ACIP) un giovane maschio è morto 13 giorni dopo aver ricevuto la sua prima dose del vaccino COVID della Pfizer.

 

Il ragazzo ha avuto la febbre 12 giorni dopo la sua prima dose.

 

Il giorno dopo, ha avvertito dolore addominale e vomito. È morto lo stesso giorno.

 

Le prove hanno mostrato che il ragazzo soffriva di un’infiammazione cardiaca nota come miocardite.

 

«Questo paziente ha avuto un decorso clinico rapido. Dal momento in cui hanno iniziato a provare il dolore addominale, il giorno 13 dopo la dose uno, fino al momento in cui sono stati portati nel [dipartimento di emergenza] e successivamente sono morti è stato nell’ordine di un paio d’ore», ha detto Shimabukuro.

 

«L’evidenza istopatologica di miocardite era presente all’autopsia e questa è stata considerata essere la causa della morte», ha aggiunto.

 

La morte è stata segnalata al VAERS e verificata dal CDC attraverso un’intervista con l’operatore sanitario.

 

I test condotti sul ragazzo dal ramo di patologia delle malattie infettive del CDC «non hanno trovato prove di infezione virale al momento della morte», ha detto Shimabukuro.

 

L’ACIP non ha posto domande o discusso della morte, ma ha invece stabilito che i benefici del vaccino COVID di Pfizer superano i rischi.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 27 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Reazioni avverse

Reumatologo: il 40% dei 3.000 pazienti vaccinati ha riportato danni da vaccino

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il dottor Robert Jackson, un reumatologo che pratica da 35 anni, ha affermato che il 40% dei pazienti vaccinati nel suo studio ha riportato una lesione da vaccino e il 5% è ancora ferito.

 

Jackson ha più di 5.000 pazienti, circa 3.000 dei quali hanno ricevuto un vaccino contro il COVID-19.

 

Jackson ha detto di aver avuto 12 pazienti morti in seguito all’iniezione, mentre normalmente vede uno o due decessi nella sua base di pazienti all’anno.

 

Circa il 5% dei suoi pazienti ha sviluppato una nuova condizione che li rende suscettibili alla coagulazione del sangue.

 

Le osservazioni di Jackson sono coerenti con uno studio pubblicato sul BMJ che ha valutato la sicurezza dei vaccini contro SARS-CoV-2 nelle persone con malattia reumatica e muscoloscheletrica infiammatoria/autoimmune dal registro riportato dai medici EULAR Coronavirus Vaccine (COVAX).

 

Lo studio ha mostrato che il 37% di 5.121 partecipanti ha avuto eventi avversi e il 4,4% dei pazienti ha avuto una riacutizzazione della malattia dopo la vaccinazione.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 13 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Continua a leggere

Big Pharma

La FDA limita l’uso del vaccino J&J per un raro disturbo della coagulazione del sangue

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

Giovedì la FDA ha imposto limiti rigorosi all’uso del vaccino COVID-19 Johnson & Johnson (J&J) , citando il rischio di una condizione di coagulazione del sangue che l’agenzia ha descritto come «rara e potenzialmente pericolosa per la vita».

 

In una dichiarazione giovedì, la FDA ha affermato che il rischio che i destinatari del vaccino sviluppino trombosi con sindrome da trombocitopenia (TTS) dopo aver ricevuto il vaccino «garantisce la limitazione dell’uso autorizzato del vaccino».

 

L’agenzia ha descritto la TTS come «una sindrome di coaguli di sangue rari e potenzialmente pericolosi per la vita in combinazione con bassi livelli di piastrine nel sangue con insorgenza di sintomi circa una o due settimane dopo la somministrazione del vaccino Janssen [J&J] COVID-19».

 

Peter Marks, MD, Ph.D., direttore del Center for Biologics Evaluation and Research della FDA, ha affermato che limitare l’uso autorizzato del vaccino Janssen «dimostra la solidità dei nostri sistemi di sorveglianza della sicurezza e il nostro impegno nel garantire che la scienza e i dati guidino il nostro decisioni».

 

Tuttavia, Brian Hooker, Ph.D., PE, Chief Scientific Officer di Children’s Health Defense e professore di biologia alla Simpson University, avrebbe una visione diversa della notizia.

 

«Sembra che la FDA renda omaggio al fatto che la proteina spike può causare la coagulazione e alle diffuse segnalazioni di coagulazione, punendo Janssen, che è diventato il “capro espiatorio” dei produttori di vaccini COVID-19 durante la pandemia», ha detto Hooker.

 

La decisione arriva circa cinque mesi dopo che il CDC ha raccomandato i vaccini mRNA Moderna e Pfizer rispetto a J&J per le dosi di richiamo.

 

Nell’aprile 2021, le agenzie sanitarie federali hanno sospeso la distribuzione del vaccino di J&J per indagare sui casi segnalati di disturbi della coagulazione del sangue che si verificano in coloro che hanno ricevuto l’iniezione. Ma le autorità di regolamentazione hanno revocato la pausa 10 giorni dopo e hanno aggiunto un avviso alle istruzioni per il suo utilizzo.

 

 

Megan Redshaw

 

 

 

© 6 maggio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari