Connettiti con Renovato 21

Salute

Qatar, calciatore collassa in campo

Pubblicato

il

Ousmane Coulibaly, giocatore della nazionale del Mali in forze alla squadra del campionato del Qatar Al-Wakra, è collassato sul campo durante una partita lo scorso sabato sera.

 

Nel video si vede l’atleta steso a terra all’interno dello spazio della porta in preda alle convulsioni.

 

 

La Qatar Stars League (QSL) ha rilasciato un comunicato  in cui afferma che Coulibaly ha subito un infarto e sta ricevendo cure mediche.

 

«Durante la partita della QNB Stars League della stagione 2021-2022 tra Al Rayyan e Al Wakrah allo stadio Al Gharafa sabato, il giocatore di Al Wakrah Ousmane Coulibaly ha subito un infarto che ha richiesto l’intervento del personale medico e dell’ambulanza presente nella sede. Si può notare che il giocatore sta attualmente ricevendo le cure mediche e le attenzioni necessarie», ha affermato QSL.

 

«La Qatar Stars League augura al giocatore una pronta guarigione e vorremmo ringraziare lo staff medico di entrambe le squadre, i paramedici e i medici per i loro grandi sforzi durante tali eventi».

 

La partita contro l’Al Rayyan è stata sospesa. Secondo la dichiarazione della squadra, le sue condizioni sarebbero stabili.

 

Coulibaly, 32 anni, ha giocato in diverse squadre in Grecia (tra cui il Panathinaikos) e in Francia. Viene da una famiglia di atleti: suo fratello è Abdarhmane Coulibaly, kickboxer professionista, pluricampione di Francia e campione del mondo.

 

 

 

Immagine screenshot da Youtube

Salute

Raccattapalle all’Australian Open collassa in campo

Pubblicato

il

Da

Una raccattapalle dell’Australian Open – il torneo dove avrebbe dovuto giocare il numero 1 del tennis mondiale Novak Djovokic, deportato dal Paese per il suo status vaccinale – è crollata in campo durante un match.

 

La giovane stava servendo da recuperatrice di palle sul campo 17 del Melbourne Park lo scorso lunedì.

 

In un punto cruciale del tie-break del primo set della vittoria dello spagnuolo Pedro Martinez per 7-6 3-6 6-4 6-2  sull’argentino Federico Delbonis, la giovane è caduta a terra.

 

 

I giocatori si sono precipitati in suo aiuto.

 

Delbonis ha notato la ragazza crollata sul campo di gioco ed è corso verso di lei per soccorrerla; Martinez si è unito a lui mentre chiedevano ulteriore assistenza medica. Sono intervenuti anche funzionari del torneo. Il gruppo ha fatto sedere la ragazza.

 

Le motivazioni del collasso della giovane non sono ancora chiare, e noi non abbiamo supposizioni da fare. Tuttavia i giornali parlano dell’alta temperatura registrata a Melbourne.

 

La quale, come noto, è una città «calda» anche su altri fronti.

 

 

 

 

Continua a leggere

Salute

Decessi in eccesso tra i 18-49 anni aumentati del 40% negli USA: dati CDC

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

 

I dati sui certificati di morte dei Centers for Disease Control and Prevention mostrano che i decessi in eccesso sono aumentati di oltre il 40% tra gli americani di età compresa tra i 18 ei 49 anni durante un periodo di 12 mesi terminato nell’ottobre del 2021 e che il COVID ha causato solo il 42% circa di quei decessi.

 

 

I dati sui certificati di morte dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) mostrano che i decessi in eccesso sono aumentati di oltre il 40% tra gli americani di età compresa tra 18 e 49 anni durante un periodo di 12 mesi terminato nell’ottobre del 2021 e che il COVID ha causato solo il 42% circa di quelle morti.

 

I decessi in eccesso sono definiti come la differenza tra il numero di decessi osservati durante un intervallo di tempo specifico e il numero previsto di decessi durante quello stesso periodo.

 

Anche i dati a livello statale per lo stesso periodo di 12 mesi mostrano aumenti. Ad esempio, in Nevada, il numero di decessi in eccesso raggiungeva il 65%, con il COVID che rappresentava solo il 36%.

 

Il Distretto di Columbia ha registrato un aumento ancora maggiore rispetto al Nevada – 72% – con il COVID che non è stato un fattore in nessuno dei decessi.

 

I dati sui certificati di morte del CDC mostrano che i decessi in eccesso sono aumentati di oltre il 40% tra gli americani di età compresa tra i 18 ei 49 anni durante un periodo di 12 mesi

L’aumento delle morti in eccesso è stato più evidente nel Midwest e negli stati occidentali e meridionali, mentre gli stati che hanno registrato gli aumenti più bassi provenivano principalmente dal nord-est.

 

Sul lato basso, il New Hampshire è stato l’unico stato a non vedere alcun aumento dei decessi in eccesso per la fascia di età dai 18 ai 49 anni, né ha registrato decessi COVID in quel gruppo.

 

Altri stati di fascia alta includono:

 

  • Texas: aumento del 61%, 58% attribuito a COVID
  • Arizona: 57%, 37%
  • Tennessee: 57%, 33%
  • California: 55%, 42%
  • Nuovo Messico: 52%, 33%
  • Florida: 51%, 48%
  • Louisiana: 51%, 32%

 

Gli stati che hanno segnalato un numero inferiore di decessi in eccesso sono stati:

 

  • Delaware: aumento del 10%, 0% attribuito al COVID
  • Massachusetts: 13%, 24%
  • Maryland: 16%, 42%
  • Connecticut: 17%, 23%
  • Hawaii: 17%, 45%
  • New Jersey: 17%, 58%

 

Secondo Epoch Times, che ha indagato e riportato i dati del CDC:

 

«I dati del CDC sulle cause esatte di quei decessi in eccesso non sono ancora disponibili per il 2021, a parte quelli che coinvolgono COVID, polmonite e influenza. Ci sono stati quasi 6.000 decessi per polmonite in eccesso che non hanno coinvolto COVID-19 nella fascia di età 18-49 nei 12 mesi terminati nell’ottobre 2021».

 

Il COVID ha causato solo il 42% circa di quei decessi

«L’influenza è stata coinvolta solo in 50 decessi in questa fascia di età, rispetto ai 550 dello stesso periodo pre-pandemia. Il conteggio dei decessi per influenza non ha escluso quelli che hanno coinvolto anche COVID o polmonite, ha osservato il CDC».

 

I dati del CDC mostrano anche un aumento del 27% dei decessi in eccesso nella fascia di età compresa tra 50 e 84 anni e del 12% per quelli di età pari o superiore a 85 anni.

 

Questi dati sono in linea con i dati assicurativi dell’Indiana , rivelati il ​​mese scorso da Scott Davison, CEO della compagnia assicurativa OneAmerica con sede a Indianapolis .

 

Durante una conferenza stampa online, Davison ha affermato che c’è stato un aumento del 40% del tasso di mortalità tra le persone in età lavorativa tra i 18 ei 64 anni in Indiana. Ha anche affermato che il COVID non è stata la principale causa di quelle morti.

 

Davison ha affermato di aver visto l’aumento dei tassi di mortalità a partire dal terzo trimestre dello scorso anno, proseguendo nel quarto trimestre. Ha detto che era «il più alto… che abbiamo visto nella storia di questo business», e ha aggiunto che una «catastrofe su 200 anni sarebbe un aumento del 10% rispetto alle morti in eccesso pre-pandemia» in quella fascia di età.

 

 

Alcuni stati stanno indagando, mentre i funzionari sanitari federali rimangono in silenzio

Quando Epoch Times ha dato seguito alla sua indagine iniziale, diversi stati hanno confermato i dati e hanno affermato che stanno indagando.

 

Chris Van Deusen, capo delle relazioni con i media per il Dipartimento dei servizi sanitari statali del Texas, ha inviato un’e-mail a Epoch Times che il suo dipartimento stava «esaminando i dati» e «vi contatterò».

 

Jeremy Redfern, portavoce del Dipartimento della salute della Florida, ha risposto: «ato esaminando la questione per vedere se esiste una sorta di correlazione/causa».

 

Un funzionario del Nevada ha detto all’Epoch Times che i dati sono stati inviati «per la revisione».

 

Un funzionario dell’Arizona ha risposto ma non ha voluto commentare perché i dati «non erano ancora finalizzati» e un funzionario della DC ha affermato di non avere esperti adeguati per analizzare i dati.

 

L’Epoch Times ha chiesto un commento al governo federale, ma a partire dal rapporto del 18 gennaio non è stata fornita alcuna risposta. Il giornale riportava:

 

«Epoch Times ha chiesto ripetutamente sia alla Casa Bianca che al CDC in merito a qualsiasi passo stessero adottando per esaminare la questione. Devono ancora rispondere».

 

 

Cosa c’è dietro l’aumento delle morti in eccesso?

I rapporti sulle morti in eccesso hanno generato diverse teorie su ciò che sta guidando l’aumento.

 

Epoch Times ha suggerito che le overdose di droga siano almeno in parte responsabili degli aumenti. Oltre ai dati del certificato di morte, il quotidiano ha esaminato le stime di overdose del CDC che hanno mostrato che durante il periodo di 12 mesi terminato a giugno 2021, i decessi per overdose sono aumentati da circa 72.000 a oltre 101.000.

 

Un’altra teoria è che i vaccini COVID abbiano avuto un ruolo nell’aumento, che ha il sostegno di persone su entrambi i lati del dibattito sui vaccini.

 

Davison dell’Indiana ha suggerito che i non vaccinati fossero in parte da incolpare, dicendo che il settore assicurativo stava «iniziando a prendere di mira e ad aggiungere carichi premium ai datori di lavoro che hanno sede in contee che hanno un basso tasso di vaccinazione».

 

Davison ha riconosciuto, tuttavia, che l’aumento delle morti in eccesso nel terzo e quarto trimestre dello scorso anno è seguito ben dopo l’inizio del programma di vaccinazione di massa dell’Indiana.

 

Secondo WFYI, un’affiliata di NPR a Indianapolis, Davison ha anche affermato:

 

«La sfida che abbiamo è che l’84% delle nostre persone è vaccinato e abbiamo sentito forte e chiaro dai nostri dipendenti vaccinati che non vogliono far parte del lavoro in un ambiente di ufficio aperto con dipendenti non vaccinati. E alcuni di loro hanno chiarito molto, molto chiaramente che se cerchiamo di avvicinarli a persone non vaccinate, considereranno il posto di lavoro non sicuro».

 

Steve Kirsch, direttore esecutivo della Vaccine Safety Research Foundation , non è d’accordo, e ha scritto:

 

«Quindi, le compagnie assicurative avevano un presupposto sbagliato e stanno incolpando la parte sbagliata, forse perché non avevano i dati per vedere cosa c’era veramente dietro il problema o non volevano sfidare la narrativa e mettersi nei guai. Potrebbe essere una combinazione dei due motivi».

 

 Il dottor Robert Malone ha affermato che il vaccino dovrebbe essere considerato la potenziale causa, aggiungendo:

 

«Se questo è vero, allora i vaccini genetici promossi in modo così aggressivo hanno fallito e la chiara campagna federale per prevenire il trattamento precoce con farmaci salvavita ha contribuito a una massiccia ed evitabile perdita di vite umane».

 

 

Seth Hancock

 

 

© 20 gennaio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Farmaci

4 ragioni per cui prescrivono l’azitromicina

Pubblicato

il

Da

 

Giornali e telegiornali hanno gridato al pericolo pubblico: starebbero esaurendosi, dicono, le scorte di azitromicina, un comune antibiotico, la cui versione più conosciuta è peraltro prodotta da Pfizer.

 

La carenza di azitromicina sarebbe dovuta, stringi stringi, ai no vax: ossia, a tutti coloro che, non fidandosi del sofisticato protocollo Speranza (tachipirina e vigile attesa), ai primi sintomi si rivolgono a medici che operano in «scienza e coscienza», prescrivendo quindi qualche farmaco.

 

In breve, chi prescrive l’azitromicina, e chi la assume, è possibilmente un dissidente pandemico, cioè un no-vax, in quanto è chiaro che non segue la narrativa ufficiale e il suo ricettario.

 

«Non possiamo essere certi, nemmeno a fronte di un tampone positivo, che il nostro paziente abbia un virus e non un batterio, o non li abbia entrambi»

I media mainstream in questi giorni hanno detto di tutto contro questa pericolosa «mania» dell’azitromicina: che la si toglie a chi ne ha davvero bisogno (dove l’avevamo già sentita questa?), che è inutile e non segue la scienza, che creerà un superbatterio antibiotico-resistente che ci ucciderà tutti.

 

C’era da aspettarselo: come sostiene qualcuno, nel 2020 fu attaccata dall’establishment l’idrossiclorochina, nel 2021 l’ivermectina, il 2022 sarà l’anno della guerra contro l’azitromicina?

 

Chi ha avuto il COVID lo ha potuto toccare con mano: la stragrande maggioranza dei medici non prescrive antibiotici nemmeno durante le polmoniti da COVID. Messo alle strette, qualcuno si trincera dietro un «ma il COVID è un virus, non un batterio», oppure dicendo che «non esiste una linea guida sull’uso degli antibiotici per il COVID».

 

La dottoressa Silvana De Mari sul quotidiano La Verità ha elencato quattro ragioni per cui, a suo dire, un medico dovrebbe, se lo ritiene, prescrivere l’azitromicina.

 

«Il primo ad ipotizzare la terapia a base di vitamine D, K, , zinco, antiinfiammatorio non steroideo (aspirina o ibuprofene), idrossiclorochina, azitromicina, cortisone e eparina, è stato il virologo Didier Raoult dell’Istituto ospedaliero universitario Mediterranée Infection di Marsiglia, che ha spiegato come il trattamento precoce dei pazienti affetti da COVID-19 con almeno 3 giorni di idrossiclorochina e l’azitromicina determinano un miglioramento molto più netto di tutti gli altri trattamenti» ricorda la dottoressa De Mari.

 

«Se una persona, soprattutto una persona non giovane, si presenta con febbre e sintomi respiratori, nel 70% dei casi si tratta di una patologia batterica»

«Queste affermazioni sono state confermate dal professor Cavanna nel marzo 2020 e ulteriormente confermate dalle migliaia di medici che hanno applicato questo protocollo».

 

«Per quale motivo diamo un antibiotico in una malattia virale? Per quattro motivi, ognuno dei quali da solo giustificherebbe l’uso del farmaco».

 

1) «Non possiamo essere certi, nemmeno a fronte di un tampone positivo, che il nostro paziente abbia un virus e non un batterio, o non li abbia entrambi. Se una persona, soprattutto una persona non giovane, si presenta con febbre e sintomi respiratori, nel 70% dei casi si tratta di una patologia batterica (…) quel numero, 70%, è troppo alto perché un medico abbia il comportamento assolutamente non responsabile di non prescrivere un antibiotico. Sono un medico. Mi assumo la responsabilità fino all’ultima sillaba di quello che affermo».

 

«Non prescrivere immediatamente un antibiotico in una persona anziana che presenta febbre e sintomi respiratori importanti è irresponsabile, ed è una delle cause del disastro sanitario COVID».

 

«Molte polmoniti interstiziali durante la cosiddetta pandemia sono risultate causate da micoplasmi o da altri patogeni. Non dare antibiotico in una polmonite interstiziale, perché si è convinti che si tratti di una patologia virale e puramente virale, è un errore di una gravità imperdonabile, un errore che molti pazienti possono pagare molto caro» sostiene la dottoressa.

 

«Le infezioni virali nell’80% dei casi si complicano con infezioni batteriche. La SARS 2 COVID 19 si complica con facilità con una infezione di micoplasmi, microrganismi per i quali l’azitromicina è un farmaco ottimale»

2) «Le infezioni virali nell’80% dei casi si complicano con infezioni batteriche. La SARS 2 COVID 19 si complica con facilità con una infezione di micoplasmi, microrganismi per i quali l’azitromicina è un farmaco ottimale».

 

3) «La SARS COVID 19 è una malattia che causa danno attraverso una tempesta infiammatoria, una cascata di citochine. Per combatterla occorrono antiinfiammatori e l’antiinfiammatorio più efficace è il cortisone. Il cortisone però può deprimere il sistema immunitario, favorendo la sovrainfezione batterica, dove il paziente non sia protetto da antibiotico».

 

4) «I macrolidi hanno una certa azione antivirale, e già era stata sfruttata nella cura dei virus Ebola e Zika. L’azitromicina migliore la produzione dell’interferone I, che ha azione antivirale. In una prima fase della malattia i macrolidi intralciano l’ingresso del virus interferendo con il ganglioside GM. Il virus entra nelle cellule o attraverso i recettori per l’enzima di conversione dell’angiotensina (ACE2) oppure attraverso il ganglioside GM1» spiega la De Mari.

 

«Il cortisone però può deprimere il sistema immunitario, favorendo la sovrainfezione batterica, dove il paziente non sia protetto da antibiotico»

Gli argomenti per l’uso degli antibiotici, anche in questa pandemia virale, parrebbero quindi esserci. Gli studiosi che lo sostengono – compreso il professor Raoult, riconosciuto come uno dei maggiori virologi viventi – pure.

 

Vorremmo quindi sapere quando ministri, CTS, magistrati, virologi catodici parlano di «evidenze scientifiche» contro l’uso degli antibiotici a quali studi si riferiscano, sperando che si vada al di là della storia che il COVID è dato da un virus e quindi gli antibiotici non servono.

 

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari