Connettiti con Renovato 21

Vaccini

Dati inglesi: muoiono più i vaccinati a doppia dose che i non vaccinati

Pubblicato

il

 

Se leggiamo i dati sanitari del Governo dell’Inghilterra ci accorgiamo di una cosa agghiacciante, di cui daremo dimostrazione di seguito coi numeri alla mano.

 

Se  – dopo avere fatto la prima e/o la seconda dose – non vi siete fatti la terza dose,  avete un tasso di mortalità più alto rispetto a chi non si è mai vaccinato. Che strano vaccino.

 

Per vederlo faremo un piccolo esercizio di insiemistica sulla base dei dati inglesi, presi da un sito del governo britannico.

 

Per una volta proveremo a guardarci indietro, fingendo di essere  tri-vaccinati: non vogliamo infatti semplicemente vedere  soltanto se la tripla vaccinazione appena eseguita abbassi la mortalità rispetto ai non vaccinati, bensì vogliamo anche vedere quanto ci distanziamo dai bi-vaccinati e mono-vaccinati.

 

E scopriamo che – sulla base dei dati inglesi –sarebbe meglio non essersi mai vaccinati piuttosto che rimanere mono-vaccinati o bi-vaccinati dopo qualche mese dall’inoculazione: infatti l’effetto diventa negativo.

In genere la narrativa fa giocare i numeri sui  tri-vaccinati contro i mai-vaccinati. Ma cosa succede se facciamo giocare i tri-vaccinati anche coi soggetti  semi-vaccinati?

 

In altre parole: in genere la narrativa fa giocare i numeri sui  tri-vaccinati contro i mai-vaccinati. Ma cosa succede se facciamo giocare i tri-vaccinati anche coi soggetti  semi-vaccinati?

 

Vediamo le percentuali di stati vaccinali in Inghilterra.

 

 

Per fare questo gioco dobbiamo vedere la differenza di percentuale tra le 4 diverse categorie di cittadini. Prenderemo quelli tra i 40 e i 50 anni. Pertanto ricaviamo la differenza percentuale tra ogni livello vaccinale e quello inferiore.

 

Otteniamo:

 

Tri-dose : 67%-58%   

Bi-dose: 80% – 75% – differenza del  14%

Mono-dose : 84%-77% – differenza del  3%

Non vaccinati: 16%-23% 

 

Per far capire meglio la dimostrazione con un’immagine, riportiamo lo stato vaccinale con degli insiemi.

 

Ci scusiamo per la qualità grafica del nostro disegno, ma fa parte della dimostrazione stessa: per confutare la versione dei fatti vaccinali fornita dalla autorità sanitarie occidentali, vi basta fare due calcoli mentre siete in bagno.

 

 



È insiemistica di base: una persona vaccinata con 3 dosi avrà fatto anche la prima e la seconda dose.

 

Mentre una persona con 2 dosi avrà fatto anche la prima dose, ma non la terza etc.Sono differenze complementari.

 

Dunque dobbiamo ragionare sulle differenze complementari (4 colori) tra  gli insiemi e calcolare le percentuali differenziali a partire dalla percentuali cumulative dichiarate dei report inglesi sopra.

 

Una volta calcolate le percentuali differenziali andremo sui dati dei decessi e vedremo quanti morti esprime ciascuna differenza complementare.

 

Prendiamo dalla tabella inglese il numero dei decessi nella fascia che stiamo osservando 40-50 anni.


 

Uniamo le percentuali differenziali con il numero di morti per ciascuna fascia vaccinale.

 

 

Eccoci alla conclusione.

 

Rispetto ad un soggetto 40-50enne vaccinato fresco di terza dose, abbiamo che un soggetto non vaccinato ha una mortalità 3,48 volte superiore. E, fin qui, è quello che ci ripetono i media tutti i giorni.

 

Ma guardate la condizione dei 40-50enni che si sono fermati alla prima o alla seconda dose e non hanno fatto il booster: hanno una mortalità 5,68 e 6,63 superiore rispetto a un soggetto aggiornato con la terza dose. Ben più alta di un soggetto che non si è mai vaccinato.

 Il tasso di mortalità per un vaccinato non aggiornato col booster diventa quasi il doppio di un soggetto mai vaccinato

 

 Il tasso di mortalità per un vaccinato non aggiornato col booster diventa quasi il doppio di un soggetto mai vaccinato.

 

Trattandosi di matematica di base, rimane da capire come possano non accorgersene le autorità sanitarie occidentali.

 

Ma forse se ne sono accorte ed è per quello che vi hanno imposto di vaccinarvi con la terza dose in fretta e furia a fine dicembre 2021. Naturalmente non avrebbero potuto dirvi che le dosi intermedie dopo qualche mese avevano peggiorato la situazione di partenza.



Eh, sì, perché – da quello che si vede – dopo un certo numero di mesi  dalla vaccinazione lo stato immunitario peggiora e diventa negativo: cioè sarebbe stato meglio non vaccinarsi.

 

A quel punto vi impongono di fare la dose booster.

 

Nel presente articolo lo abbiamo visto rispetto ai decessi.  Ma lo avevamo già dimostrato rispetto alla contagiosità: i vaccinati diventano nell’arco di poche settimane molto più contagiosi dei non vaccinati.

Perché si verifica questo strano fenomeno? È un fenomeno di immunodeficienza acquisita a seguito della vaccinazione?



Una domanda: quello che vediamo essere accaduto tra le terza dose e le precedenti, accadrà tra pochi mesi anche con la terza dose e sarete quindi spinti a fare anche la quarta, la quinta, etc.?

 

E soprattutto – inaudita domanda da vero scienziato – perché si verifica questo strano fenomeno? È un fenomeno di immunodeficienza acquisita a seguito della vaccinazione?

 

Non lo sappiamo. Non lo sa nessuno. Perché questi vaccini – giova ripeterlo – sono sperimentali.

 

E di certo non lo scopriremo mai finché si continuerà a nascondere l’esistenza del  fenomeno.

 

 

Gian Battista Airaghi

 

 









 

Big Pharma

Commenti «fuorvianti» del CEO Pfizer sulle iniezioni di COVID per i bambini: lo dice un ente di controllo britannico

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Il CEO di Pfizer Albert Bourla, Ph.D., avrebbe fatto commenti «fuorvianti» e «non qualificati» promuovendo l’uso di vaccini a mRNA COVID-19 per i bambini piccoli durante un’intervista alla BBC, dice un ente di controllo del Regno Unito.

 

 

Il CEO di Pfizer Albert Bourla, Ph.D., avrebbe fatto commenti «fuorvianti» e «non qualificati» promuovendo l’uso di vaccini a mRNA COVID-19 per i bambini piccoli durante un’intervista alla BBC, ha scoperto un ente di controllo del Regno Unito.

 

La Prescription Medicines Code of Practice Authority (PMCPA), un organismo indipendente di autoregolamentazione istituito dall’Associazione dell’industria farmaceutica britannica (ABPI), ha riscontrato che Bourla avrebbe violato diverse regole nel suo Code of Practice per la pubblicità.

 

L’associazione di controllo dell’industria farmaceutica britannica UsForThem ha presentato la denuncia al PMCPA.

 

In un post di Substack dopo la sentenza, UsForThem ha accusato l’editore medico della BBC, Fergus Walsh, di aver condotto l’intervista «come una chiacchierata amichevole davanti al fuoco», dando a Bourla «un’opportunità promozionale gratuita che il denaro non può comprare» permettendogli di promuovere l’adozione del vaccino, in particolare tra i bambini piccoli per i quali il vaccino non era stato nemmeno autorizzato.

 

In qualità di emittente del servizio pubblico nazionale del Regno Unito, la BBC dovrebbe seguire rigide linee guida in materia di pubblicità commerciale o posizionamento di prodotti, che UsForThem ha affermato che l’intervista a Bourla non è riuscita a seguire.

 

La BBC ha pubblicato l’intervista con Bourla nel dicembre 2021 sul suo sito web, sulla sua app di notizie e nel programma BBC News at One, come videointervista e articolo di accompagnamento, «Pfizer boss: Annual COVID jabs for years to come» [«Il boss di Pfizer: vaccini COVID annuali per gli anni a venire»].

 

L’intervista sarebbe andata in onda due giorni dopo che il governo del Regno Unito ha annunciato di aver accettato di acquistare 54 milioni di dosi in più di vaccini a mRNA da Pfizer-BioNTech e altri 60 milioni da Moderna.

 

Il PMCPA potrebbe multare Bourla solo per i costi amministrativi. Non ha l’autorità per imporre altre sanzioni.

 

La BBC è il membro fondatore della Trusted News Initiative (TNI). Il mese scorso Children’s Health Defense ha citato in giudizio la BBC e altri tre membri di TNI, sostenendo di aver collaborato con diverse aziende Big Tech per «censurare collettivamente le notizie online», compresi gli articoli sul COVID-19 che non erano allineati con le narrazioni ufficiali su tali questioni.

 

 

Bourla: vaccinare i bambini piccoli «sarebbe un’ottima idea»

Nell’intervista alla BBC, Bourla ha affermato che spetta alle agenzie di regolamentazione determinare se approvare e distribuire i vaccini ai bambini sotto gli 11 anni, ma ha pensato che «immunizzare quella fascia di età nel Regno Unito e in Europa sarebbe un’ottima idea», secondo al case report PMCPA pubblicato la scorsa settimana.

 

A quel tempo, nessun vaccino COVID-19 era stato approvato dall’Agenzia di regolamentazione dei medicinali e dei prodotti sanitari del Regno Unito (MHRA) per i bambini sotto i 12 anni, quindi il panel ha ritenuto che i commenti di Bourla violassero il codice.

 

Citando possibili interruzioni nella scuola e il potenziale per il lungo COVID, Bourla aveva anche affermato: «Quindi, non avevo dubbi che i vantaggi fossero completamente a favore di farlo [vaccinare i bambini contro COVID-19]».

 

«Credo che sia una buona idea» aveva aggiunto.

 

Il panel ha scoperto che queste forti dichiarazioni di opinione potrebbero indurre il pubblico a dedurre che non c’era bisogno di preoccuparsi dei potenziali effetti collaterali o che i benefici della vaccinazione superano i rischi, che non erano stati determinati dalle autorità sanitarie.

 

L’11 dicembre 2021, UsForThem ha presentato la sua denuncia al PMCPA citando la natura promozionale dei rapporti della BBC e il mancato rispetto da parte di Bourla delle norme del Regno Unito che disciplinano la promozione dei medicinali.

 

Dopo che il PMCPA ha stabilito che le dichiarazioni di Bourla violavano una serie di regole nel codice di condotta dell’ABPI, Pfizer ha presentato ricorso, includendo che le sue dichiarazioni erano di «natura forte e non qualificata».

 

L’ente di controllo ha anche affermato che le dichiarazioni implicavano che «non c’era bisogno di preoccuparsi dei potenziali effetti collaterali della vaccinazione nei bambini sani di età compresa tra 5 e 11 anni» e che l’implicazione era «fuorviante e incapace di essere comprovata».

 

La commissione di appello ha confermato cinque conteggi di violazione di tre codici ABPI che richiedono che informazioni e affermazioni «siano accurate, equilibrate, suscettibili di fondamento, non sollevino speranze infondate di successo del trattamento e non siano fuorvianti rispetto alla sicurezza del prodotto», riporta Epoch Times.

 

Il PMCPA ha pubblicato la sua sentenza definitiva il 27 gennaio, più di un anno dopo la presentazione della denuncia iniziale.

 

Durante quel periodo, nel febbraio 2022, il comitato congiunto per la vaccinazione e l’immunizzazione del Regno Unito ha stabilito che ai bambini di età compresa tra 5 e 11 anni poteva essere offerto il vaccino, ma il comitato ha affermato che la raccomandazione era «non urgente».

 

UsForThem ha celebrato su Twitter:

 

 

Né Pfizer né Bourla hanno commentato pubblicamente la sentenza.

 

The Epoch Times ha riferito che in una dichiarazione del novembre 2022 sul caso, un portavoce di Pfizer ha affermato che la società era «impegnata ai massimi livelli di integrità in qualsiasi interazione con il pubblico».

 

A partire dal 12 febbraio, il Regno Unito non consiglierà più i booster COVID-19 per le persone sane di età inferiore ai 50 anni e interromperà la distribuzione gratuita della serie primaria a due colpi, ha riferito The Defender.

 

 

Brenda Baletti

Ph.D.

 

 

 

 

© 3 febbraio 2023, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

Immagine di World Economic Forum via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-NonCommercial-ShareAlike 2.0 Generic (CC BY-NC-SA 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Vaccini

Vaccino, i grandi profitti per Pfizer rallentano – ma Bill Gates ha venduto in anticipo, realizzando enormi cifre

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Martedì Pfizer ha annunciato profitti per il 2022 di 31,4 miliardi dollari su vendite record di 100,3 miliardi. Le vendite del suo vaccino COVID-19 e Paxlovid, usato per trattare il COVID-19, hanno totalizzato 56 miliardi di dollari, più della metà delle entrate annuali del produttore di vaccini.

 

Tuttavia, la società ha avvertito gli investitori di aspettarsi che le vendite di questi due prodotti crolleranno fino al 58% nel 2023, a soli 21,5 miliardi di dollari circa, 3 miliardi di dollari in meno rispetto alle proiezioni di Wall Street. Pfizer ha previsto entrate totali per il 2023 di soli 67-71 miliardi di dollari.

 

La notizia ha fatto seguito a una serie di sviluppi che hanno messo in discussione i vaccini COVID-19, inclusi i commenti della scorsa settimana del miliardario e investitore di vaccini Bill Gates, che ha criticato l’efficacia e la durata dei vaccini durante un discorso al Lowy Institute australiano.

 

 

Il giornalista investigativo Jordan Schachtel martedì ha rivelato l’entità del profitto di Gates dai suoi investimenti nel partner di Pfizer BioNTech. La Bill & Melinda Gates Foundation ha fatto 15 volte il suo investimento iniziale quando la fondazione ha venduto le sue azioni BioNTech al culmine del loro valore nel 2021.

 

Le azioni Pfizer sono scese del 15% a gennaio.

 

Pfizer e Moderna hanno affermato che probabilmente quadruplicheranno il prezzo dei loro vaccini COVID-19 tra 110 e 130 dollari per dose quando il governo degli Stati Uniti smetterà di pagare per i vaccini entro la fine dell’anno.

 

 

Bill Gates ha raccolto enormi profitti dalla vendita «impeccabilmente programmata» delle azioni Pfizer

Schachtel ha esaminato i documenti della Securities and Exchange Commission (SEC) e ha scoperto che la Gates Foundation ha ridotto le sue partecipazioni in BioNTech dell’86% – da 1.038.674 a 148.674 azioni – nel terzo trimestre del 2021, il trimestre con le migliori prestazioni di BioNTech.

 

La fondazione aveva acquistato le azioni a settembre 2019, pochi mesi prima dell’annuncio della pandemia, a un prezzo di offerta pre-pubblica di 18,10 dollari per azione.

 

Quando la fondazione ha venduto le azioni – a un prezzo medio di vendita di 300 dollari per azione – ha intascato un profitto di circa 260 milioni dollari, ovvero più di 15 volte il suo investimento originale.

 

Schachtel ha affermato che 242 milioni di quel profitto non sono tassati perché il denaro è stato investito attraverso la fondazione.

 

La Fondazione Gates ha venduto altri 2 milioni di azioni prima del terzo trimestre del 2021 e successivamente ha venduto 1,4 milioni di azioni di CureVac, una società di mRNA con sede in Germania, guadagnando altri 50 milioni di dollari, ha scoperto Schachtel.

 

«Bill Gates si è assicurato centinaia di milioni di dollari di profitti dall’investimento impeccabilmente tempestivo della sua fondazione in BioNTech – il partner Pfizer per le sue iniezioni di mRNA COVID – prima di invertire drasticamente la rotta e procedere a mettere apertamente in dubbio l’intera tecnologia dell’mRNA», ha scritto Schachtel.

 

Dopo aver scaricato le sue scorte, nel novembre 2021, Gates ha detto: «abbiamo bisogno di un nuovo modo di fare i vaccini» perché i vaccini non hanno fermato la trasmissione, nonostante tutte le sue precedenti affermazioni contrarie.

 

Parlando al Lowy Institute, Gates ha dichiarato:

 

«Dobbiamo anche risolvere i tre problemi dei vaccini [COVID-19]. Gli attuali vaccini non bloccano l’infezione. Non sono ampi, quindi quando emergono nuove varianti perdi la protezione e hanno una durata molto breve, in particolare nelle persone che contano, che sono gli anziani».

 

Con quei commenti, «Gates ha amplificato la sua dubbia retorica sull’mRNA, continuando a prendere le distanze dalla tecnologia un tempo pubblicizzata che ha usato per assicurarsi centinaia di milioni di dollari di profitti pandemici», ha detto Schachtel.

 

 

Altre domande ruotano attorno ai vaccini COVID

Oltre l’85% della popolazione degli Stati Uniti non è stato potenziato, nonostante la massiccia spinta mediatica sponsorizzata dal governo, suggerendo che le persone non stanno credendo alla narrativa che i booster sono necessari, sicuri ed efficaci, ha affermato Russell Brand.

 

Il Regno Unito ha annunciato mercoledì scorso che non consiglierà più i booster COVID-19 per le persone sane sotto i 50 anni e interromperà la distribuzione gratuita della serie primaria a due colpi.

 

La Danimarca ha concluso le sue campagne di vaccinazione universale COVID-19 per individui sani nel febbraio 2022.

 

Il mese scorso la Food and Drug Administration degli Stati Uniti ha dichiarato che sta valutando la possibilità di modificare il programma di vaccinazione, raccomandando agli adulti di essere potenziati solo una volta all’anno per «rimanere protetti» contro COVID-19.

 

E l’amministrazione Biden ha annunciato che l’11 maggio metterà fine alle emergenze sanitarie nazionali e pubbliche COVID-19, che porranno fine a test, vaccinazioni e cure sponsorizzati dal governo.

 

Diversi medici di spicco hanno anche sollevato pubblicamente preoccupazioni sugli effetti avversi dei vaccini.

 

Il cardiologo britannico Dr. Aseem Malhotra ha recentemente «dato la verità» alla BBC durante un’apparizione dal vivo dicendo agli spettatori che i vaccini mRNA COVID-19 rappresentano un rischio cardiovascolare.

 

Questo fine settimana anche un certo numero di operatori sanitari e medici si sono recati su Twitter, giurando di non prendere più vaccini senza studi controllati randomizzati.

 

Vinay Prasad, MD, MPH, ha dichiarato che non effettuerà ulteriori iniezioni fino a quando i dati della sperimentazione clinica non saranno disponibili. «Ho preso almeno una dose contro la mia volontà», ha detto Prasad. «Era immorale e scientificamente fallito».

 

I partecipanti degni di nota alla campagna includono anche il Dr. Todd Lee, un esperto di malattie infettive presso la McGill University, il dottor Mark Silverberg, Ph.D., che ha fondato il Toronto Immune and Digestive Health Institute, Dott.ssa Tracy Høeg, Ph.D., un’epidemiologa dell’Università della California, San Francisco e Kevin Bass, MS, uno studente di medicina il cui editoriale su Newsweek Monday ha chiamato in causa la comunità scientifica per il suo ruolo nel perpetuare una falsa narrativa sul COVID-19.

 

Nella tarda serata di domenica, Retsef Levi, Ph.D., del Massachusetts Institute of Technology, ha pubblicato un video su Twitter chiedendo la fine della vaccinazione con mRNA COVID-19, ha riferito The Defender.

 

Levi ha affermato che i vaccini non sono riusciti a fornire l’efficacia promessa e che, sulla base della sua analisi dei rischi, i vaccini «causano livelli di danno senza precedenti, inclusa la morte di giovani e bambini».

 

 

Nel frattempo, i funzionari Pfizer devono affrontare un potenziale divieto da parte del Parlamento Europeo a causa della mancanza di trasparenza dell’azienda in merito agli accordi di acquisto del vaccino COVID-19 durante la pandemia.

 

 

Pfizer in un «anno di transizione», afferma il CEO

Il CEO di Pfizer Albert Bourla ha dichiarato nel comunicato stampa sugli utili che il 2023 sarebbe stato un «anno di transizione” per i prodotti COVID-19 di Pfizer, prima di tornare probabilmente alla crescita nel 2024.

 

«Il nostro obiettivo è sempre quello che verrà dopo. Mentre ci rivolgiamo al 2023, prevediamo di stabilire ancora una volta i record, con potenzialmente il maggior numero di lanci di nuovi prodotti e indicazioni che abbiamo mai avuto in un periodo di tempo così breve» ha dichiarato Bourla.

 

Reuters ha riferito martedì che Pfizer perderà anche le protezioni dei brevetti per alcuni farmaci di grande vendita dopo il 2025.

 

Per compensare la perdita di entrate, il produttore di vaccini si è rivolto alle acquisizioni, spendendo circa 25 miliardi di dollari per acquistare Biohaven Pharmaceutical, Arena Pharmaceuticals e Global Blood Therapeutics.

 

L’azienda ha anche lanciato cinque nuovi prodotti lo scorso anno e spera di introdurne altri 14 nel prossimo anno e mezzo, tra cui un vaccino per il virus respiratorio sinciziale e un vaccino contro l’influenza a mRNA.

 

Pfizer prevede che il tasso di vaccinazione aumenterà nuovamente dopo il 2023, ha riferito Fierce Pharma, supponendo che venga sviluppata una vaccinazione combinata COVID-19/influenza .

 

Durante una riunione della scorsa settimana del comitato consultivo sui vaccini della FDA, l’agenzia ha affermato che stava indagando se il segnale di sicurezza dell’ictus identificato dalla FDA, associato ai vaccini bivalenti, potesse essere correlato alla co-somministrazione dei vaccini antinfluenzali e COVID-19.

 

 

Brenda Baletti

Ph.D.

 

 

 

© 2 febbraio 2023, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Pensiero

Vaccino COVID e obiezione di coscienza

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo testo dell’avvocato Maria Cecilia Peritore. Le opinioni degli scritti pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21. Dell’avvocato Peritore Renovatio 21 aveva già pubblicato le «Considerazioni sull’utilizzo di linee cellulari provenienti da bambini abortiti allo stadio fetale».

 

 

 

1. PREMESSA

 Che la coscienza possa obiettare qualcosa al cospetto di una legge ingiusta, è storia antica (ben chiara a Sofocle, nella sua Antigone); che, tuttavia, solo in epoca molto recente ha trovato un concreto sviluppo concettuale e, di riflesso, giuridico. 

 

   Si dice infatti: dura lex sed lex, e con ciò non si allude tanto alla «durezza» di conseguenze previste per legge e percepite come giuste, quanto piuttosto ad una norma difficile da digerire, a conseguenze che la coscienza non accetta. Perché, appunto, la norma non è da tutti condivisa nel suo sostrato etico.  

 

La legge è il terreno sul quale si incontrano, o si scontrano, ovvero dialetticamente si rapportano, persona, società civile e Stato: la persona con la sua coscienza individuale e le sue motivazioni etiche, religiose, esistenziali; la società civile, con i convincimenti di liceità/illiceità diffusi in un certo tempo e in un certo luogo; lo Stato, con le sue prerogative/incombenze di ordine pubblico. Dalla tensione tra queste componenti scaturiscono norme alle quali si deve tributare obbedienza e, a certe condizioni, si può consentire disobbedienza.

 

La necessità di porre in equilibrio normatività, convinzioni socialmente condivise e libertà di coscienza delle minoranze si pone in maniera a volte addirittura drammatica nei settori della vita dell’uomo che diritto ed etica si trovano a condividere. Ad esempio la questione della coscienza viene fuori prepotentemente quando è «questione di vita o di morte»: aborto, eutanasia, uso delle armi, ecc.. 

 

L’interrogativo che pongo è se, in relazione ai vaccini anti SARS-CoV-2, sia ammissibile una obiezione di coscienza, e se essa debba essere necessariamente riconosciuta con legge per essere azionata.   

 

 

2.L’art. 32 della Costituzione e i vaccini obbligatori in Italia; la disobbedienza civile

Secondo l’art. 32 della Costituzione «Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana». 

 

Nella mens della Costituente il principio di riserva di legge era il «ferro dietro la porta» dell’ordine democratico: se le leggi le fa il Parlamento e il Parlamento è eletto dal popolo, nessun governo potrà imporre leggi non accettate dal popolo (salvo le ipotesi residuali della decretazione d’urgenza), trasformando la democrazia in tirannide. Ed in ogni caso, ancor più inviolabile della riserva di legge, vi è il principio costituzionale del rispetto della persona umana. 

 

La materia dei vaccini obbligatori in Italia è stata affrontata di recente, prima della cd. pandemia, dalla Legge 119/2017, che ha stabilito l’obbligatorietà di alcuni vaccini per la popolazione tra 0 e 16 anni. Conseguenze previste della mancata vaccinazione: mancata ammissione agli asili nido e alle scuole materne fino a 6 anni. Dopo i 6 anni il minore non vaccinato viene ammesso a scuola, i genitori devono dare comunicazione della scelta e possono essere colpiti da sanzione amministrativa da 100 a 500 euro. Il pagamento della sanzione estingue l’obbligo. 

 

Pur essendo un’obbligatorietà sanzionata in modo lieve, la Corte Costituzionale ha a suo tempo stabilito i tre punti fermi affinché l’obbligo vaccinale possa essere ritenuto conforme ai principi costituzionali: 

 

1) il vaccinato non deve essere danneggiato dal trattamento;

 

2) il vantaggio per la collettività deve essere certo;

 

3) deve essere previsto un equo indennizzo per gli eventi avversi.  

 

Dunque, in riferimento ai vaccini per la popolazione scolastica, soppesando le restrizioni e le sanzioni imposte agli obiettori e i requisiti per la legittimità dell’obbligo, pare sia stata e sia concretamente consentita la disobbedienza civile, intesa come scelta dissidente operata da una minoranza per ragioni anche non di coscienza (ad es., salute individuale, etc.).  

 

È interessante osservare come in quel caso il pagamento della sanzione (ma, in verità, non trovo notizia dell’avvio di alcun procedimento sanzionatorio: sic!) estingua l’obbligo vaccinale. 

 

Appare evidente, e a mio giudizio suscettibile di verifica costituzionale, la disparità di trattamento tra chi è contro i vaccini «scolastici» e chi è contro il vaccino anti-SARS-CoV-2: mentre i primi sono sanzionati soltanto con l’impedimento alla frequenza dei bimbi negli asili nido e, successivamente, con il pagamento di una modesta sanzione pecuniaria che estingue l’obbligo, i secondi sono stati impediti nell’attività lavorativa e, pur pagando la sanzione, non estinguono l’obbligo. 

 

La concreta possibilità di agire secondo il proprio personale convincimento, pur subendo qualche disagio, non viene riconosciuta a chi è contro il vaccino anti SARS–Co-2, nonostante la malattia in questione sia, per gravità e diffusività, certamente meno grave rispetto a malattie come la poliomielite, la difterite, etc.

 

Quindi, già in relazione alla possibilità di praticare la disobbedienza civile (bacino più ampio dell’obiezione di coscienza, caratterizzata da motivazioni etico-religiose), si evidenzia una disparità di trattamento a mio avviso illegittima.  

 

 

3. Obiezione di coscienza: definizione e riconoscimenti di legge in Italia

L’obiezione di coscienza (la parola «obiezione» deriva dal latino obicĕre: contrapposizione, rifiuto) si definisce come il rifiuto di obbedienza ad una legge o ad un comando dell’autorità perché considerato in contrasto con i principi e le convinzioni personali, di carattere etico – religioso, radicati nella propria coscienza individuale.

 

L’obiezione di coscienza in Italia coincide in origine con l’opposizione, e conseguente renitenza, alla leva obbligatoria; dopo molti processi e molte condanne, grazie soprattutto all’opera di 2 sacerdoti cattolici, don Ernesto Balducci e don Lorenzo Milani, e del Sindaco di Firenze Giorgio La Pira, fu riconosciuta con l. 772/72.

 

Il diritto all’obiezione fu poi riconosciuto ai sanitari dalla legge sull’aborto, la 194/78; successivamente, con l. 413/93 fu riconosciuto in relazione alla sperimentazione sugli animali; infine, con l. 40/2004 in relazione alla procreazione medicalmente assistita.  

 

 

4. La libertà di coscienza come valore costituzionale: gli artt. 2, 13, 19 e 21

L’obiezione di coscienza, pur non espressamente prevista dalla Costituzione, è un diritto costituzionalmente tutelato.

 

Ciò si desume dall’art 2 Cost., che attribuisce alla libertà di coscienza il rango di diritto inviolabile; dall’art 19 Cost. in tema di libertà religiosa, intesa come specificazione della libertà di coscienza; dall’art. 13 Cost. in tema di libertà personale, ivi ricomprendendosi anche la libertà morale; dall’art. 21 Cost. in tema di libertà di pensiero e di espressione in quanto manifestazioni della personalità umana.

 

 

5. Il diritto all’obiezione: secundum legem, praeter legem o contra legem?

Ma in che modo il diritto all’obiezione di coscienza può essere reso effettivo, operativo?    

 

La domanda che si pone è se l’obiezione di coscienza debba necessariamente essere riconosciuta caso per caso dalla legge (sono i casi sopra riportati), ovvero se possa essere riconosciuta, quale diritto costituzionalmente garantito, a prescindere dalla esistenza di una norma positiva o addirittura contro di essa. In effetti, oltre alle quattro ipotesi codificate (aborto, servizio militare, ecc.), sono individuabili alcune ipotesi di estensione interpretativa della normativa (ad es., il farmacista per la vendita della pillola abortiva). E sono poi configurabili ipotesi di obiezione del tutto nuove, dipendenti dalle nuove possibilità offerte dalla biomedicina (ad es., utero in affitto). 

 

L’obiezione di coscienza rispetto al vaccino obbligatorio anti SARS–Cov–2 dovuta a motivazioni etico-religiose pro vita potrebbe essere una nuova ipotesi non prevista dalla legge.

 

 

6. La soluzione: il diritto di obiettare

Secondo autorevoli giuristi (Mantovani), ancorare l’effettività dell’obiezione di coscienza alla previsione legislativa di specifiche ipotesi non suscettibili di estensione analogica rappresenta un vulnus alla Costituzione, che appunto prevede, agli articoli sopra riportati, il diritto alla libertà di coscienza come diritto della persona, generale, effettivo ed immediatamente azionabile. 

 

Considerare la necessità di una espressa previsione di legge caso per caso significa configurare l’obiezione di coscienza in termini di eccezione, ossia di beneficio concesso al singolo in via eccezionale rispetto ad una generale previsione di obbedienza alla legge; convincimento errato, poiché l’obiezione non è la concessione speciale fatta dallo Stato ad una minoranza, ma una diversa regolamentazione motivata dalle qualità soggettive della persona dell’obiettore, ossia, da una particolare qualità della sua coscienza. 

 

Aderire alla tesi più restrittiva, peraltro, comporterebbe indubbie iniquità applicative: la storia dell’obiezione di coscienza è costellata di condanne subite da tanti a causa della formale violazione di leggi per le quali solo dopo molti anni fu consentita l’obiezione: pensiamo alla questione della renitenza alla leva, risolta con legge dopo circa un secolo di condanne e battaglie.

 

Tra l’altro, nuove acquisizioni scientifiche in materia di biomedicina sono e saranno all’origine di situazioni nuove, che impongono al singolo scelte rilevanti dal punto di vista etico –religioso: penso all’utero in affitto, all’eutanasia, etc.

 

È quindi da ritenere preferibile la configurazione di un diritto generale all’obiezione di coscienza non tipizzato in ipotesi specifiche normativamente previste quale numerus clausus, ma ancorato a presupposti e requisiti costitutivi, regolato nel suo concreto esercizio, limitato per non entrare in conflitto con altri principi di rango costituzionale.

 

Ciò consentirebbe la tutela della libertà di coscienza in tutte le ipotesi anche non specificamente previste dalla legge, purché ne ricorrano i requisiti generali di ammissibilità, requisiti che consentono di evitare l’eccessiva soggettivizzazione. 

 

 

7. Requisiti 

I requisiti per il riconoscimento di legittimità della condotta di obiezione potrebbero essere:

 

1)l’esistenza di un conflitto tra due interessi costituzionalmente garantiti; 

 

2) l’esistenza di motivazioni etico – religiose e non meramente utilitaristiche espresse con pubblica evidenza e in tempo antecedente ai fatti;

 

3) la salvaguardia del principio di bilanciamento tra interessi contrapposti.  

 

In questo modo verrebbe ad essere salvaguardata l’effettività della libertà di coscienza nei casi in cui essa «vive» il conflitto con maggiore drammaticità, mentre le posizioni non radicate nella coscienza morale come espressione di diritti indisponibili ma dovute ad un mero giudizio di valore /disvalore/ utilità sarebbero ricondotte nell’alveo della disobbedienza civile.

 

 

8. L’utilizzo di cellule provenienti da aborti volontari nei vaccini: una possibile obiezione? 

È ormai notorio che nello sviluppo, nella produzione ovvero nella sperimentazione (test) di molti vaccini, e segnatamente di quelli contro il COVID-19 siano utilizzate linee cellulari ricavate da materiale biologico proveniente da organi o tessuti prelevati da bambini abortiti volontariamente.

 

La questione della liceità morale dell’utilizzo di tali farmaci da parte degli utenti finali e la verifica della loro «compatibilità» con la condanna dell’aborto espressa costantemente dalla Chiesa Cattolica è stata affrontata dalle Istituzioni Pontificie (Pontificia Accademia per la Vita e Congregazione per la Dottrina della Fede) fin dal 2005, e da ultimo con la Nota sulla moralità dell’uso di alcuni vaccini anti-COVID-19 del 21 dicembre 2020. Tale documento «assolve» pienamente la coscienza del cattolico a tal proposito, sulla scorta di una considerazione del carattere «remoto» della cooperazione compiuta con la condotta di utilizzo del farmaco rispetto al male rappresentato dall’aborto; del resto è nota la posizione assunta dal Vaticano in ordine alla campagna vaccinale.

 

Ma non poche voci di Vescovi si sono levate proponendo una diversa impostazione della questione morale, che per molti cattolici resta irrisolta ovvero risolta in modo difforme dal documento vaticano, ovvero con il radicale rifiuto di farmaci che prevedano l’impiego, in qualsiasi fase, di linee cellulari fetali.        

 

Senza voler approfondire qui questo specifico aspetto, e rinviando per chi vuole al mio articolo del 7 luglio 2021 pubblicato sul sito di Renovatio 21, le ragioni poste a fondamento del rifiuto della inoculazione di tali farmaci da parte di molti cristiani appaiono serie e profondamente radicate nella coscienza morale.

 

Infatti non persuade la considerazione, propria dell’Istituzione vaticana, secondo la quale l’utilizzo di linee cellulari preparate a partire da tessuti prelevati mediante dissezione di bambini abortiti non rappresenta in sé una condotta di partecipazione al male in quanto si tratterebbe di cooperazione remota, materiale e passiva.

 

Non persuade perché, quand’anche non vi fosse collegamento causale tra la condotta  di chi pratica l’aborto e la condotta di chi si giova del prodotto abortivo, sarebbe pur sempre ravvisabile, da parte di quest’ultimo soggetto, un atto di appropriazione e di vantaggio tratto dal frutto dell’illecito che non appare né occasionale né irrilevante. In diritto sono ben note varie forme di partecipazione illecita al reato altrui, che non si atteggia solo come concorso ma che può anche consistere in favoreggiamento o concorso di cause indipendenti.

 

È dunque ben possibile che un cristiano avverta come inaccettabile per sé l’utilizzo di preparati che in qualsiasi modo, anche remoto, presuppongano e si giovino di una pratica moralmente illecita come l’aborto.    

 

Pertanto a mio giudizio è certamente possibile sollevare obiezione di coscienza rispetto all’obbligo vaccinale in questione, a ciò non ostando la posizione assunta dalla Congregazione e ben potendo il singolo credente dichiarare la propria adesione ad un diverso convincimento, peraltro condiviso da molti prelati (vescovi austriaci firmatari di un documento, Mons. Schneider, Mons. Viganò, etc.) e da molte associazioni pro vita.  

 

Ricorrerebbero i requisiti sopra menzionati: il conflitto tra l’interesse alla salute pubblica e il rispetto della ferma condanna dell’aborto quale espressione della coscienza individuale; la serietà della motivazione del dissenso, radicato nella coscienza etico –religiosa di chi assume il carattere indisponibile e non negoziabile del diritto alla vita fin dallo stadio iniziale; (ove ricorra) la pubblica e anteatta evidenza dell’opposizione; il bilanciamento degli interessi, non essendo ragionevole ritenere, soprattutto alla luce delle recenti evidenze in materia di efficacia dei vaccini, che il mantenimento di una piccola frangia di popolazione non vaccinata possa incidere significativamente sulla salute pubblica.

 

 

9. De jure condendo: tante obiezioni o un solo diritto all’obiezione ?

Consideriamo il multiculturalismo e l’esistenza di contrapposte convinzioni etico-religiose; le acquisizioni scientifiche che pongono sempre nuovi interrogativi in materia di bioetica; l’esperienza storica delle ipotesi «codificate» di obiezione di coscienza; concluderemo che, senza la generale previsione di un diritto all’obiezione, ci sarà sempre qualcuno soggetto a sacrificare o la propria coscienza e libertà ovvero il proprio denaro, lavoro, etc.

 

Poi i movimenti di opinione (ammesso che il futuro ancora li possa contemplare) opereranno per introdurre nuove ipotesi di obiezione di coscienza; ma frattanto chi avrà pagato, avrà pagato. Basti ricordare che la battaglia per l’obiezione di coscienza al servizio militare è durata circa un secolo, e non so quante condanne per renitenza alla leva.

 

Al contrario, il riconoscimento di un diritto all’obiezione di coscienza in generale, già previsto dalla Costituzione, prudentemente regolamentato, ancorato a presupposti generali e non relegato in espresse eccezionali previsioni, consentirebbe il rispetto delle opinioni di minoranze dissenzienti e la convivenza civile, e contrasterebbe efficacemente derive autoritarie e radicalizzazioni altrimenti inevitabili.

 

 

Avv. Maria Cecilia Peritore 

 

 

 

Licata, 27 dicembre 2022

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

Continua a leggere

Più popolari