Connettiti con Renovato 21

Spirito

Caso Casalgrande Alto, lettera dei fedeli cattolici tradizionali alla diocesi

Pubblicato

il

In questi giorni la stampa parla di Casalgrande Alto, un piccolo comune in provincia Reggio Emilia, perché una comunità di fedeli cattolici ha deciso di resistere alla  diocesi reggiana.

 

Da meno di un anno, due sacerdoti hanno deciso di radicarsi nell’altura di un piccolo monte per creare una comunità di cattolici ancorati alla tradizione immortale della Chiesa.

 

In poco tempo, la presenza di numerosi fedeli provenienti per la maggior parte da quegli ambienti parrocchiali – ormai invivibili sotto ogni aspetto – è aumentata a dismisura.

 

Ciò ha messo in allerta la Diocesi di Reggio-Emilia e Guastalla, che ha iniziato ad inviare messaggi pubblici per mettere all’angolo i due sacerdoti, «colpevoli» di celebrare la Messa in latino e di non credere a tutto ciò che stato decantato dal mainstream sulla pseudo-pandemia.

 

«Oltranzisti», «no-mask», «no-vax», «anti-papisti», e ora, addirittura, anche «scismatici»: sono solo alcune delle etichette affibbiate loro.

 

Con un recente comunicato, infatti, i due sacerdoti hanno deciso di rispondere alla Curia reggiana, comunicando la loro adesione all’opera della cosiddetta «Resistenza», a cui fa capo Mons. Richard N. Williamson, vescovo britannico consacrato ad Êcone nel 1988 da Mons. Marcel Lefebvre.

 

Questa pubblica dichiarazione ha spinto la Diocesi a rispondere subito gridando allo «scisma», richiamo piuttosto assurdo, e minacciando sanzioni canoniche.

 

Alcuni dei fedeli che frequentano la Messa a Casalgrande Alto, hanno deciso di rispondere alla Diocesi riemettendo in discussione ciò per cui la stessa Diocesi aveva messo in guardia con un esplicito comunicato del giugno scorso

 

Renovatio 21 pubblica la loro lettera.

 

 

 

In qualità di fedeli cattolici prima di tutto, e quindi senza alcun tipo di etichetta, ci sentiamo in dovere, dopo essere stati chiamati in causa già più volte, di entrare nel merito della questione sollevata dalla Curia Vescovile il 13 giugno scorso, a proposito dei cosiddetti «incontri in contesti privati in cui vengono replicati e guidati da don Claudio Crescimanno e don Andrea Maccabiani».

 

In quanto fedeli che frequentano e presenziano a questi c.d. incontri, che altro non sono che Riti Liturgici di Santa Romana Chiesa — oltre ai momenti formativi —  ci preme precisare alcune questioni poste dal comunicato della Curia.

 

Non prima, però, di alcune altrettante doverose premesse:

 

1. Ci rallegra vedere sì tanto zelo per l’applicazione delle norme da parte della Curia reggiana; Curia che, storicamente e specialmente nei recenti anni passati, ha mostrato tuttavia il contrario, bypassando il tema della dottrina cattolica sull‘omosessualità attraverso la sintesi dell’ambiguità.

 

2. Nel suddetto comunicato, vi è scritto giustamente che «i compiti di un Vescovo comportano cura continua, allontanando per quanto possibile pericoli e minacce». Ebbene, ci chiediamo se questa premura valga veramente per tutto certi che, ad esempio, il Vescovo appena entrato — il quale certo non può avere responsabilità dirette per ciò che è successo prima del suo arrivo in Diocesi — non mancherà di togliere le chiese cattoliche agli scismatici ortodossi, o non esiterà a condannare la veglia contro la cosiddetta «omotransfobia» svoltasi il 6 giugno scorso proprio a Reggio Emilia, nella parrocchia di San Bartolomeo, in ottemperanza a ciò che venne iniziato nel 2018 in Regina Pacis. Una vera e propria veglia ideologica a stampo LGBT, avente come titolo «Dove c’è lo Spirito del Signore c’è libertà», laddove la «libertà» ben sappiamo come venga intesa in questi contesti. Vogliamo inoltre auspicare che il Vescovo non mancherà di ribadire a tutti i fedeli della Diocesi l’esistenza dei Novissimi, trasmettendo l’integrità della Fede cattolica in ogni sua forma.

 

3. Un discreto numero di fedeli che frequentano la Santa Messa dai suddetti sacerdoti — a dire il vero la maggior parte — , viene da un lunghissimo percorso in parrocchia: il livello di saturazione (e vedremo dopo il perché), è arrivato ad un punto tale da rendere impossibile la permanenza nelle comunità parrocchiali, anzitutto per un vero e proprio rischio legato alla Fede. Il numero di fedeli che si staccano dalle parrocchie per ricercare luoghi o comunità in cui è custodito il senso del sacro, non potrà che continuare ad aumentare — e noi lo osserviamo di domenica in domenica.

 

Venendo ora agli specifici punti in cui i fedeli cattolici vengono messi in guardia dalla frequentazione degli «incontri» (la celebrazione della Santa Messa, gli annessi Riti Liturgici della Santa Chiesa e alcuni momenti formativi ed aggregativi), presieduti da don Crescimanno e don Maccabiani, osserviamo quanto segue:

 

1. Il Missale Romanum ante-riforma non è mai stato e mai potrà essere abolito da nessuna autorità ecclesiastica, per quanto nella fattispecie questo si sia tentato di fare. Esso è deposito della tradizione bimillenaria della Santa Chiesa Cattolica, e in quanto tale non ha bisogno di alcuna autorizzazione per essere celebrato. Trattasi della Messa di sempre, della Messa degli Apostoli, della Messa del Concilio di Trento per opporsi all’eresia protestante, oggi tanto corteggiata dalle gerarchie cattoliche. Il Missale Romanum ante-riforma è dunque la cosa più conforme alla tradizione della Chiesa Cattolica, nella sua ritualità cristocentrica e non antropocentrica, come lo è invece nel Messale riformato (esso sì, non conforme alla tradizione cattolica).

 

2. Per quanto concerne le confessioni, quanto scritto nella nota vescovile sarebbe totalmente corretto se la Chiesa Cattolica non versasse in uno «stato di necessità grave generale». Nella Chiesa persiste da oltre cinquant’anni una crisi conclamata: ogni ambiente della vita cattolica è divenuto problematico: dalla professione esterna e completa della fede senza ambiguità, passando per la liturgia, la vita sacramentale, la vita di preghiera, l’insegnamento della fede tanto nel catechismo quanto nella formazione dei sacerdoti, l’insegnamento morale conforme alla dottrina in tutti i suoi aspetti. Potremmo dire che oggi, per un cattolico è  quasi impossibile continuare a vivere da cattolico nelle strutture ordinarie della Chiesa (questo ovviamente non inficiando l’indefettibilità della Santa Chiesa). A motivo di questo, anche le confessioni, come è esplicitamente concesso dai canoni (c. 882; nc. 976), possono essere amministrate da ogni sacerdote il quale può lecitamente e validamente assolvere il fedele in punto di morte, cioè nell’estrema necessità. E, quest’estrema necessità del singolo, è appunto equiparata alla grave necessità comune in cui i fedeli cattolici versano oggi.

 

Il fedele, infatti, oggi, non ha più le garanzie necessarie di essere confessato, istruito, guidato e assolto secondo la morale che ha sempre contraddistinto la prassi cattolica, con particolare riferimento al senso del peccato, al dramma del peccato mortale, alla conoscenza di ciò che è peccato, alla necessità della grazia per essere perdonati e salvarsi. Questa grave situazione di necessità generale comporta a confidare e anzi ad esser certi che la Chiesa, per mezzo del Signore Gesù Cristo, offre i suoi mezzi straordinari ai sacerdoti che, resistendo a questo imperante sfacelo, amministrano i santi sacramenti secondo la tradizione di sempre e quindi nella piena adesione al depositum fidei.

 

Dal canto nostro, non possiamo che essere solidali appoggiando chi resiste alla dilagante protestantizzazione della Chiesa, abusata da una visione totalmente deforme e contraria alla Fede cattolica, ricolma di ambiguità e di modernismo, ovvero «la sintesi di tutte le eresie» (Pascendi).

 

Il professore di dogmatica alla facoltà protestante di Strasburgo, M. Siegeval, nel 1969 scrisse al vescovo della città una lettera nella quale constatava che «niente nella messa adesso rinnovata può veramente disturbare il cristiano evangelico».

 

Ebbene, come cattolici non ci è lecito frequentare un rito che offende Dio per esaltare l’uomo, facendo nostro e invitando tutti i sacerdoti di buona volontà a far proprio quell’accorato e coraggioso appello che il padre domenicano Roger-Thomas Calmel, grande teologo, fece nell’aprile del 1972 quando i protestanti di Taizé adotteranno le preghiere eucaristiche della nuova messa per i loro riti eretici:

 

«Che i sacerdoti cattolici rinuncino una volta per tutte a portare i travestimenti preparati da superiori traditori per far piacere a dei predicatori eretici. Che rifiutino di celebrare la messa con il Novus Ordo poiché questo Novus Ordo, con il suo smantellamento calcolato di formulari e di riti è diventato ciò che era destinato a divenire: un libro liturgico all’uso di ufficianti eretici che non credono alla messa e che non sono sacerdoti».

 

In conclusione, a motivo di quanto fin qui puntualizzato, la Curia Vescovile voglia definitivamente comprendere come sia impossibile, per noi, rinunciare al deposito della tradizione cattolica nella sua dottrina, nella sua liturgia, nella sua morale ed in tutto quello splendore spirituale e finanche materiale che oggi è stato smantellato e distrutto per abbracciare lo scientismo mondano e le logiche massonico-umanitarie che caratterizzano il pensiero moderno comune.

 

Non è una questione personale, ma una questione di retta coscienza: se obbedire agli uomini comporta anche solo una minima disobbedienza a Dio, la scelta da fare è una sola: obbedire a Dio, piuttosto che agli uomini.

 

Va da sé che, qualunque provvedimento di natura canonica verrà preso, per la crisi e lo stato di necessità grave in cui versa la Santa Chiesa, sarà da considerarsi invalido a tutti gli effetti.

 

 

I fedeli cattolici

 

Daniele Desiderio, 27/05/1987, ARCETO
Vera Tagliavini, 24/10/1974, MODENA
Gian Luca Gatti, 02/04/198, SASSUOLO
Rosaria Gualerzi, 12/06/1952, CAVRIAGO
Maria Mancino, 08/08/1952, REGGIO EMILIA
Monica Madini, 24/11/1982, CASINA
Cristiano Lugli, 10/11/1992, CASINA
Maria Angela Boni, 06/02/1956, MONTECCHIO EMILIA
Laura Spaggiari, 16/08/1963, CAVRIAGO
Maria Denise Sighinolfi, 09/06/1953, CASTELLARANO
Marta Brambilla, 04/08/1955, CAVRIAGO
Ciro Mauriello, 11/09/1992, FABBRICO (RE)
Matteo Maselli, 14/05/1983, FORMIGINE
Ester Venturelli, 22/09/1992 FORMIGINE
Giovanni Maselli, 27/04/1944 FORMIGINE
Gabriella Cavani, 16/10/1950 FORMIGINE
Alessandro Corsini, 11/05/1987, REGGIO EMILIA
Federica De Gregorio, 13/08/1987, REGGIO EMILIA
Continua a leggere

Spirito

Non credono più al demonio

Pubblicato

il

Da

Molti sacerdoti e vescovi non credono più al demonio, che ovviamente è il miglior camuffamento possibile per quest’ultimo.

 

Se non esiste, perché combatterlo? Perché guardarsi da esso?

 

E infine, c’è un inferno? Perché l’inferno è il luogo dove gli angeli ribelli furono gettati dopo il loro peccato, e dove i dannati sono puniti per l’eternità.

 

Come si vede, una serie di verità, alcune delle quali sono dogmi, vengono sconvolte o respinte dal rifiuto di credere nell’esistenza degli angeli caduti, coloro che rifiutarono di obbedire a Dio e che la Sacra Scrittura chiama demoni.

 

Il demonio si manifesta in modo ordinario e quotidiano con le tentazioni a cui spinge le anime per far commettere peccati.

 

Certamente, la nostra stessa concupiscenza, disordinata dal peccato originale, è anche una fonte importante delle nostre tentazioni e dei nostri peccati. Così come il mondo, cioè gli uomini cattivi, che fanno l’opera del male e del diavolo quaggiù.

 

Ma il demone si manifesta anche in modo straordinario, molto più raro, con attacchi fisici contro gli uomini. Queste manifestazioni possono assumere diverse forme: esterne, attaccandosi agli oggetti intorno a noi, chiamate infestazioni; interno, ma attaccando la nostra psiche in modo minore, chiamato ossessione; interiore, ma molto più profondo: per uno speciale permesso di Dio, il demonio può agire direttamente sulle nostre membra, senza però poter occupare il cuore del nostro cuore, ne è la possessione.

 

Nostro Signore Gesù Cristo ha affidato alla sua Chiesa il potere di combattere contro queste tre modalità di azione del demonio. Questo potere è dato dall’esorcistato, e ogni sacerdote lo possiede.

 

Ma la disciplina della Chiesa ha ristretto l’esercizio di questo potere ad alcuni sacerdoti, generalmente uno per diocesi, che si vede affidato il compito di lottare contro il demonio in queste straordinarie manifestazioni.

 

Questo per motivi di cautela, oltre che per esperienza.

 

 

Il vescovo Bonnemain abolisce l’incarico di esorcista nella sua diocesi

Il vescovo di Coira, mons. Joseph Bonnemain, che ha una formazione medica, non intende nominare un nuovo esorcista a Coira.

 

L’ex esorcista della diocesi è morto nel febbraio 2020 all’età di 76 anni. La sua attività lo aveva fatto conoscere oltre i confini della diocesi. Nel 2008 ha partecipato a un dibattito sull’esorcismo nel programma Club della televisione svizzera di lingua tedesca.

 

Il vescovo di Coira è convinto «che non sia necessario voler trovare cause misteriose» per i presunti casi di possessione demoniaca. Per questo non intende nominare un nuovo esorcista per la sua diocesi.

 

«Siamo tutti esseri umani che portano dentro di sé punti di forza e di debolezza», ha osservato sul canale radiofonico regionale SRF Ostschweiz. «Chiunque si trovi ad affrontare situazioni sociali, professionali o sanitarie difficili può farsi curare», ha aggiunto. «Esistono soluzioni classiche per questo: mediche, psicologiche, psicoterapeutiche».

 

 

Certo, non si dovrebbe «vedere il demone ovunque», ma rifiutare anche solo l’idea di possessione o ossessione demoniaca equivale a negare, puramente e semplicemente, l’esistenza del demonio.

 

Con questo, i fedeli della diocesi di Coira hanno un buon pastore che spiega loro che non c’è nulla da temere, poiché il nemico delle loro anime non esiste.

 

È il trionfo di Satana.

 

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

Immagine di GustavoMPD via DeviantArt pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 3.0 Unported (CC BY 3.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Spirito

Australia, entrata in vigore di una legge contro il segreto confessionale

Pubblicato

il

Da

La legge si applica all’Australia occidentale, il più grande degli stati australiani. Entrata in vigore il 1° novembre 2022, obbliga i ministri del culto a denunciare tutti i casi di abusi sui minori, compresi quelli per i quali le informazioni sarebbero state ottenute nell’ambito del sacramento della penitenza.

 

Questi cambiamenti fanno parte delle nuove leggi introdotte dal governo di Mark McGowan, attualmente Premier dell’Australia occidentale. Tuttavia, questa legge era stata votata nel 2021.

 

La legge precisa che i sacerdoti saranno ritenuti colpevoli se non avranno segnalato il fatto che l’informazione è stata loro rivelata durante l’amministrazione del Sacramento della Penitenza.

 

L’omissione di tale segnalazione è un reato in questo Stato australiano – come in molti paesi del mondo – punibile con una pena massima di 6.000 dollari.

 

 

Una restrizione crescente

Mons. Timothy Costelloe, arcivescovo di Perth, ha difeso il segreto confessionale come essenziale per la fede cattolica prima di un’inchiesta parlamentare dell’Australia occidentale.

 

Riconoscendo la «storia spaventosa» degli abusi sessuali nella Chiesa cattolica, l’arcivescovo ha affermato di comprendere perché le persone fossero sconvolte dalla sua insistenza nel mantenere il principio dell’assoluta riservatezza del sacramento come praticato nella Chiesa cattolica.

 

«Ma, ha spiegato, i peccati non si confessano al sacerdote, ma a Dio. (…) Il sacerdote quindi non ha né il diritto né l’autorità di rivelare nulla di ciò che accade in questo incontro intimo con Dio. (…) Rendere illegale il libero esercizio di un aspetto essenziale della fede cattolica mi sembra qualcosa che le moderne società laiche hanno sempre inteso essere al di là dei limiti della loro autorità».

 

Il ministro per la protezione dell’infanzia Simone McGurk ha affermato che il Governo è impegnato ad attuare le raccomandazioni della Royal Commission in Institutional Responses to Child Sexual Abuse, pubblicate nel 2017.

 

Ma i parlamentari hanno deliberatamente ignorato una raccomandazione della commissione legislativa permanente dello Stato, risalente a settembre 2020, che chiedeva di escludere la confessione sacramentale dall’ambito di applicazione della legge sulla denuncia degli abusi commessi sui minori.

 

 

Altri Stati interessati

L’Australia occidentale non è il primo stato australiano a emanare tale legislazione.

 

È il 5° Stato australiano – su sei nel Paese – ad aver lanciato l’offensiva contro il segreto della confessione sacramentale dopo Victoria, Tasmania, South Australia, Australian Capital Territory, e nel settembre 2020 infine lo Stato del Queensland.

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

 

Immagine di Emilio Labrador via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Spirito

Polonia, i giovani di fronte alla sfida della secolarizzazione

Pubblicato

il

Da

Fulmine a cielo sereno sulle rive della Vistola: il futuro della cattolicissima Polonia si oscura con la pubblicazione delle ultime statistiche relative alla pratica religiosa dei giovani e alla frequenza delle lezioni di religione nelle scuole. La gerarchia cattolica non esita più a parlare di «devastante declino».

 

 

In Polonia, le lezioni di religione, cioè l’insegnamento della dottrina cristiana, con libri di testo e insegnanti scelti dalla gerarchia cattolica, sono parte integrante del sistema di istruzione pubblica.

 

Dal 2019 l’Ufficio per l’Istruzione di Varsavia, filiale del Ministero della Pubblica Istruzione, ha iniziato a raccogliere i dati relativi alla partecipazione a queste classi di catechismo: a quel tempo, è emerso che il 78% degli studenti delle scuole primarie e il 44% degli studenti delle scuole secondarie frequentavano queste classi. Nel 2021, le cifre sono scese rispettivamente al 72% e al 33%.

 

Ma nel 2022 il 67% degli studenti delle scuole primarie e il 29% delle secondarie hanno frequentato il catechismo. Un calo ancora maggiore se guardiamo al flusso tecnico e al flusso commerciale, dove solo il 23% degli studenti frequenta ancora le lezioni di dottrina: erano il doppio solo un anno fa…

 

Se la società polacca ha teso fino ad oggi a secolarizzarsi lentamente ma inesorabilmente, questo ritmo è andato accelerando da diversi anni, ben orchestrato dagli oppositori della Chiesa che hanno visto nei casi di abusi commessi da chierici, e nel rifiuto delle riforme progressiste, un vera manna dal cielo.

 

In un’intervista al quotidiano Gazeta Wyborcza, padre Rafal Kowalski, portavoce della Curia episcopale di Wroclaw, la terza città del Paese, ammette che l’immagine pubblica della Chiesa si è notevolmente deteriorata: «la Chiesa ora è vista come un’intollerante istituzione, legata al potere politico, danneggiata dagli scandali».

 

E il sacerdote ha aggiunto: «dopo la decisione della Corte costituzionale [di introdurre nel marmo della legge fondamentale del Paese, il divieto quasi totale dell’aborto], siamo stati sommersi da un’ondata di uscite dalla Chiesa e diserzioni dalle lezioni di catechismo a scuola».

 

Inoltre, poco dopo la decisione degli alti magistrati, un sondaggio ha rivelato che solo il 9% dei giovani polacchi ha un’opinione positiva della Chiesa cattolica.

 

Per mons. Grzegorz Rys, arcivescovo di Lodz, non è più tempo di girarci intorno: «siamo di fronte a un’ondata di apostasia che si fa sempre più estesa», riconosce il presule.

 

Ci si può consolare dicendo che gli adulti sono ancora largamente legati al cattolicesimo, e che la maggioranza dei bambini piccoli, spinti dai genitori, segue ancora il catechismo: il 42% dei polacchi adulti afferma così di praticare la fede ogni domenica andando in chiesa.

 

Anche se è degno di nota il fatto che le grandi città abbiano ormai una proporzione crescente di non praticanti…

 

Ma i presuli polacchi hanno capito che si tratta di una mascherata: il primate di Polonia, monsignor Wojciech Polak, ha lucidamente ammesso il «devastante declino» della pratica religiosa tra i giovani, che non fa ben sperare per il futuro della Chiesa nel Paese.

 

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

 

Immagine di Klearchos Kapoutsis via Flickr pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari