Connettiti con Renovato 21

Essere genitori

I social media favoriscono i tic nei bambini

Pubblicato

il

 

 

Da Tiktok ai tic.

 

La testata americana di tecnologia Motherboard riporta che un numero crescente di utenti di TikTok – principalmente ragazze e giovani donne – sembra aver sviluppato durante la pandemia tic simili a quelli caratterizzati dalla sindrome di Tourette.

 

La sindrome di Tourette è un disturbo neurologico caratterizzato da tic multipli ripetuti associato spesso al disturbo ossessivo compulsivo.

 

«È un’epidemia all’interno della pandemia»

In assenza di altre spiegazioni, gli esperti stanno sostenendo che l’origine di questa epidemia di malattia neurologica può essere lo stress dell’isolamento durante la pandemia di COVID-19.

 

Gli esperti tuttavia hanno ipotizzato un altro fattore scatenante: la sovraesposizione a video nei social media che dimostrano eventi avversi nei giovanissimi

 

«Può sembrare inverosimile che gli adolescenti sviluppino tic solo guardando video online, ma gli scienziati lo stanno prendendo molto sul serio» scrive Futurism: una ricerca pubblicata sulla rivista Movement Disorders il mese scorso mostra un’esplosione internazionale di casi di tic nervosi tra le ragazze di età compresa tra 12 e 25 durante la pandemia.

 

Ciò evidenzia un’importante distinzione tra la sindrome di Tourette e ciò che stanno vivendo gli utenti di TikTok.

 

Molti dei bambini che hanno segnalato questi nuovi tic hanno anche riferito di aver avuto disturbi d’ansia o dell’umore

La sindrome di Tourette tende a colpire le persone in età più giovane, si inclina maggiormente verso i ragazzi e causa tic meno estremi. Inoltre, molti dei bambini che hanno segnalato questi nuovi tic hanno anche riferito di aver avuto disturbi d’ansia o dell’umore.

 

A causa di queste differenze, gli scienziati hanno coniato il termine «functional tic-like behaviors» («comportamenti funzionali simili a tic») per descrivere la rapida insorgenza di nuovi sintomi. Questa differenza, hanno detto gli esperti a Motherboard, non rende i sintomi meno reali.

 

«Non possono fermarsi, e ne siamo assolutamente testimoni», ha detto a Motherboard il neurologo dell’Università di Calgary Davide Martino. «Alcuni dei pazienti e delle famiglie con cui parliamo sono disperati; abbiamo bisogno di compassione e impegno per cercare di aiutarli».

 

«È un’epidemia all’interno della pandemia», sostiene  Martino.

 

Come scrive il sito dell’ISS, la sindrome di Tourette i «tic motori, come scatti improvvisi della testa, possono spesso risultare dolorosi. Inoltre, nei bambini così come negli adulti, potrebbero nascere problemi conseguenti alla malattia come, ad esempio, l’isolamento sociale, stati di imbarazzo e una ridotta autostima».

 

Secondo alcuni studi, nel 10% delle persone afflitte dalla sindrome di Tourette si produce il sintomo della coprolalia, che è l’espressione involontaria da parte del soggetto di parolacce, volgarità, frasi inopportune, discorsi-tabù.

 

Continua a leggere

Epidemie

La pandemia ha rovinato la salute mentale dei bambini. Che non hanno dove andare

Pubblicato

il

Da

 

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense.

 

 

Gli esperti medici di tutto il Paese affermano che la salute mentale dei bambini si è deteriorata durante la pandemia, con un gran numero di bambini che hanno occupato i letti nei pronto soccorso a causa della carenza di collocamenti, fornitori e risorse per combattere la crisi.

 

 

Dall’inizio della pandemia, gli ospedali pediatrici in tutto il paese hanno registrato un aumento «astronomico» del numero di bambini che necessitano di assistenza per la salute mentale.

 

A peggiorare le cose, gli ospedali che hanno faticato a soddisfare la domanda di servizi di salute mentale prima della pandemia ora si trovano a che fare con ancora meno risorse, come letti, fornitori, terapisti e consulenze, grazie al COVID.

 

La salute mentale tra i giovani si è deteriorata durante la pandemia quando i lockdown hanno aumentato i conflitti familiari e le scuole chiuse hanno lasciato i bambini isolati dalle attività e dai loro coetanei.

 

Una media di cinque bambini alla settimana sono stati ammessi all’ospedale universitario della scuola di medicina presso la East Carolina University di Greenville, nella Carolina del Nord, per overdose di paracetamolo, oppiacei, antidepressivi e Ritalin

Secondo il Washington Post, dal giugno dello scorso anno alla tarda primavera 2021, una media di cinque bambini alla settimana sono stati ammessi all’ospedale universitario della scuola di medicina presso la East Carolina University di Greenville, nella Carolina del Nord, per overdose di paracetamolo, oppiacei, antidepressivi e Ritalin.

 

Normalmente, l’ospedale vede solo cinque bambini al mese.

 

A maggio, l’ospedale pediatrico del Colorado ha dichiarato lo «stato di emergenza» poiché i bambini trattati per l’ansia sono raddoppiati, il numero di casi di depressione è triplicato e l’abuso di sostanze e i disturbi alimentari sono aumentati rispetto ai livelli pre-pandemia.

 

«Non abbiamo mai visto nulla di simile a questa rapida crescita nei bambini che presentano problemi di salute mentale e la gravità di tali problemi», ha affermato Jenna Glover, direttrice della formazione psicologica presso il Children’s Hospital Colorado. «Non l’ho mai visto in tutta la mia carriera».

 

Altri ospedali hanno registrato aumenti ancora maggiori. A gennaio, il Wolfson Children’s Hospital di Jacksonville, in Florida, ha registrato un aumento del 300% del numero di ricoveri di emergenza sanitaria comportamentale da aprile 2020.

 

A maggio, l’ospedale pediatrico del Colorado ha dichiarato lo «stato di emergenza» poiché i bambini trattati per l’ansia sono raddoppiati, il numero di casi di depressione è triplicato e l’abuso di sostanze e i disturbi alimentari sono aumentati rispetto ai livelli pre-pandemia.

Da gennaio ad aprile 2021, le visite del dipartimento di emergenza sanitaria comportamentale sono aumentate del 72% rispetto allo stesso periodo di due anni fa, ha affermato l’ospedale.

 

Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie hanno riscontrato che le visite al pronto soccorso per sospetti tentativi di suicidio durante febbraio e marzo del 2021 erano superiori di oltre il 50% per le ragazze adolescenti rispetto al 2019 e di oltre il 4% per i ragazzi.

 

«Nell’ultimo anno, c’è stata una valanga di bambini e adolescenti fortemente depressi e ansiosi», ha detto la psichiatra infantile di San Francisco Michelle Guchereau. È «straziante» e «sconvolgente» dover voltare le spalle ad alcuni, ha detto.

 

Da aprile a ottobre 2020, gli ospedali statunitensi hanno registrato un aumento del 31% dei ragazzi dai 12 ai 17 anni in cerca di aiuto per la loro salute mentale e un aumento del 24% per i ragazzi dai 5 agli 11 anni.

«Non abbiamo mai visto nulla di simile a questa rapida crescita nei bambini che presentano problemi di salute mentale e la gravità di tali problemi»

 

Nel marzo di quest’anno, il Seattle Children’s Hospital ha riferito di aver visitato uno o due pazienti ogni notte per tentato suicidio. L’ospedale ha ospitato i bambini nel pronto soccorso perché non c’erano letti disponibili in psichiatria pediatrica.

 

Un rapporto dello stato del Massachusetts ha mostrato che il 39% dei pazienti pediatrici che si sono presentati al pronto soccorso per problemi di salute mentale nel 2020 ha occupato i letti del pronto soccorso a causa dell’indisponibilità di letti in pediatria.

 

Durante la pandemia, l’Ann & Robert H. Lurie Children’s Hospital di Chicago ha raggiunto quello che la dottoressa Jennifer Hoffmann, medico di medicina d’urgenza, ha definito un «punto di crisi». Ci sono state così tante visite al pronto soccorso legate alla salute mentale che ha attivato una risposta solitamente riservata alla gestione dei disastri.

 

«Consente il coordinamento al più alto livello di leadership per affrontare la crisi della salute mentale tra i bambini», ha affermato Hoffmann.

 

L’ospedale di Hoffmann doveva anche collocare i bambini nel pronto soccorso o ricoverarli in letti medici, dove a volte aspettavano giorni prima che fosse disponibile un letto in degenza psichiatrica.

Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie hanno riscontrato che le visite al pronto soccorso per sospetti tentativi di suicidio durante febbraio e marzo del 2021 erano superiori di oltre il 50% per le ragazze adolescenti rispetto al 2019 e di oltre il 4% per i ragazzi.

 

Il Dr. John Walkup, presidente del Pritzker Department of Psychiatry and Behavioral Health presso l’ospedale, ha affermato che la pandemia ha esacerbato i problemi di accesso preesistenti.

 

«Negli Stati Uniti non abbiamo mai avuto un sistema di salute mentale adeguato per i bambini – mai – quindi prendi un sistema inadeguato per cominciare, e poi all’improvviso, metti i bambini che sono a rischio elevato… in una condizione molto difficile. E ora hai una crisi degli accessi», ha detto Walkup.

 

Molti dei bambini dell’ospedale di Walkup curati al pronto soccorso avevano un problema di salute mentale che non è mai stato diagnosticato o che è stato trattato in modo inadeguato prima della pandemia. Ora, quando cercano aiuto, non possono ottenere un appuntamento regolare con un terapeuta. Anche prima della pandemia, gli studi hanno dimostrato che a volte possono volerci mesi per ottenere un primo appuntamento.

Nel marzo di quest’anno, il Seattle Children’s Hospital ha riferito di aver visitato uno o due pazienti ogni notte per tentato suicidio. L’ospedale ha ospitato i bambini nel pronto soccorso perché non c’erano letti disponibili in psichiatria pediatrica.

 

«Quei ragazzi, quando togli la scuola, il sostegno familiare, il sostegno al reddito, il sostegno alimentare, il sostegno alla casa o perdono un parente, quei bambini diventano davvero sintomatici in grande stile», ha detto Walkup.

 

Zach Zaslow, direttore senior degli affari governativi presso il Children’s Hospital Colorado, ha affermato che il suo ospedale finisce per accogliere i bambini nel pronto soccorso o nell’unità di degenza, non perché sia il meglio per i bambini, ma perché «non c’è letteralmente nessun altro posto dove andare».

 

«A volte vengono trasferiti in strutture residenziali fuori dallo stato per ricevere le cure di cui hanno bisogno, il che divide le famiglie», ha raccontato Zaslow. «E può essere traumatizzante anche per i bambini».

 

 

Il Regno Unito sta vivendo una crisi simile

Il Regno Unito sta vivendo una simile crisi di salute mentale pediatrica, con un terzo dei letti ospedalieri di emergenza in alcune parti dell’Inghilterra ora occupati da bambini vulnerabili che non hanno bisogno di cure mediche urgenti ma non hanno nessun altro posto dove andare, affermano gli specialisti.

 

I medici affermano di sentirsi come costose «babysitter» per i bambini vulnerabili, molti dei quali sono in cura ma le permanenze si sono dovute interrompere a causa del loro comportamento violento e autolesionista.

 

Un rapporto dello stato del Massachusetts ha mostrato che il 39% dei pazienti pediatrici che si sono presentati al pronto soccorso per problemi di salute mentale nel 2020 ha occupato i letti del pronto soccorso a causa dell’indisponibilità di letti in pediatria.

Altri presentano gravi disturbi dello sviluppo neurologico o dell’alimentazione e necessitano di cure specialistiche non disponibili nei normali reparti pediatrici, dove rimangono «bloccati», a volte per mesi.

 

La polizia è sempre più coinvolta nell’aiutare a trattenere i bambini, o a riportarli indietro quando scappano, e i pediatri si occupano di bambini vulnerabili che non sono malati fisicamente ma hanno mostrato comportamenti così difficili da non poter essere accuditi in altri luoghi.

 

 

Più di due terzi delle contee degli Stati Uniti non hanno psichiatri

Secondo il Washington Post, il problema e i suoi effetti sono complessi.

 

Un articolo sull’Academic Pediatrics Journal ha esaminato gli ostacoli alla gestione dei problemi psicosociali dal 2004 al 2013, e ha scoperto che anche prima della pandemia i pediatri erano sopraffatti dalla cura dei bambini con problemi di salute mentale.

 

Gli psicologi hanno segnalato un aumento del 30% della domanda di servizi per i bambini sotto i 13 anni e un aumento del 16% per gli adolescenti. In un ospedale del Michigan, i ricoveri di adolescenti con disturbi alimentari sono più che raddoppiati durante la pandemia.

 

I medici affermano di sentirsi come costose «babysitter» per i bambini vulnerabili, molti dei quali sono in cura ma le permanenze si sono dovute interrompere a causa del loro comportamento violento e autolesionista

A partire dal 9 settembre, secondo i dati federali, più di 124 milioni di americani vivono in «aree con carenza professionale» per la salute mentale e il paese ha bisogno di almeno 6.500 professionisti in più per colmare le lacune.

 

Attualmente, negli Stati Uniti ci sono in media solo 9,75 psichiatri infantili ogni 100.000 bambini di età inferiore ai 19 anni. Lo scarso accesso a psichiatri infantili e adolescenziali è stato a lungo una preoccupazione sollevata da pediatri e famiglie. L’American Academy of Child and Adolescent Psychiatry ha affermato che abbiamo bisogno di più di quattro volte il numero attualmente disponibile.

 

I tempi di attesa per i nuovi appuntamenti possono essere di molti mesi e alle famiglie potrebbe essere richiesto di pagare di tasca propria o di percorrere lunghe distanze poiché gli psichiatri si trovano nelle grandi città. Più di due terzi delle contee degli Stati Uniti non hanno nemmeno uno psichiatra.

 

Altri presentano gravi disturbi dello sviluppo neurologico o dell’alimentazione e necessitano di cure specialistiche non disponibili nei normali reparti pediatrici, dove rimangono «bloccati», a volte per mesi.

Secondo il Guardian, le strutture che forniscono servizi di salute mentale per i bambini sono state sistematicamente indebolite e sottofinanziate dai successivi governi locali e nazionali, anche se i risultati positivi portano a una riduzione della domanda di servizi per adulti, che potrebbe far risparmiare notevoli spese al servizio sanitario nazionale del Regno Unito.

 

Coloro che hanno il potere di rivedere ed espandere il sistema di salute mentale semplicemente non lo stanno facendo.

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 9 settembre 2021, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

Vaccino mRNA ai bambini dai 5 anni, la FDA dà semaforo verde

Pubblicato

il

Da

 

 

 

Il vaccino  Pfizer-BioNTech sembra pronto a diventare disponibile per i bambini dai 5 agli 11 anni in poche settimane, dopo che una revisione dell’ente regolatorio-farmaceutico americano Food and Drug Administration (FDA) «ha rilevato che i benefici del vaccino superano i rischi nella maggior parte degli scenari». Lo riporta il Washington Post.

La revisione ha rilevato che per quattro scenari che sono stati valutati, «i benefici della serie primaria del vaccino Pfizer-BioNTech COVID-19 a 2 dosi superano chiaramente i rischi». Qualche rischio per i nostri figli, pare di capire, quindi ci sarebbe. A fronte di quale beneficio non è dato di sapere, visto che il numero di bambini che si ammalano gravemente di COVID è una percentuale infinitesimale.

 

Tuttavia, viene ammesso che uno dei quattro scenari non sarebbe vantaggioso per la salute dei piccini: in uno scenario, «quando il virus sarebbe ai suoi livelli più bassi, potrebbero esserci più ricoveri legati a un raro effetto collaterale cardiaco associato al vaccino rispetto al numero di ricoveri impediti da COVID-19, la malattia causata dal virus».

 

In uno scenario analizzato dalla FDA, «quando il virus sarebbe ai suoi livelli più bassi, potrebbero esserci più ricoveri legati a un raro effetto collaterale cardiaco associato al vaccino rispetto al numero di ricoveri impediti da COVID-19, la malattia causata dal virus»: parlano della miocardite?

Avete letto bene: raro effetto collaterale cardiaco. Parlano per caso della miocardite che sta mietendo vittime tra i ragazzi sotto i trenta anni, al punto che la Svezia ha ulteriormente bandito il vaccino concorrente (ma sempre basato sulla tecnologia mRNA) Moderna?

 

Sì, proprio quella. Su bambini che neanche vanno alle elementari. Perché, anche in questo, caso, si ha certezza che l’equazione rischio beneficio vada a favore del vaccino. E non potrebbe che essere così.

 

«I casi di miocardite correlata al vaccino tendono a risolversi in pochi giorni, a differenza delle infezioni da COVID-19, che possono portare alla morte».

«L’estensione dell’ammissibilità al vaccino ai bambini di età inferiore ai 12 anni è stato uno degli obiettivi principali dei funzionari della sanità pubblica ed è atteso con impazienza da molti pediatri e famiglie»

 

La revisione rappresenta la prima valutazione indipendente dei dati dell’azienda e arriva prima di un incontro cruciale la prossima settimana in cui sono previsti esperti esterni per discutere e votare se il vaccino debba essere autorizzato negli USA.

 

«L’estensione dell’ammissibilità al vaccino ai bambini di età inferiore ai 12 anni è stato uno degli obiettivi principali dei funzionari della sanità pubblica ed è atteso con impazienza da molti pediatri e famiglie» scrive il WaPo.

 

Perché, essendo una questione precipuamente politica, il vaccino è richiesto dai politici, con effetti regolatori sulla società immensi: è pensabile che alcuni Stati (quelli governati dai democratici) imporranno il vaccino ai bambini per poter accedere alla scuola.

Quello che dicono gli studi, tuttavia, è ininfluente rispetto a quello che farà la politica, americana e internazionale – Italia compresa

 

Quello che dicono gli studi, tuttavia, è ininfluente rispetto a quello che farà la politica, americana e internazionale – Italia compresa.

 

Lo abbiamo visto nel caso della terza dose: gli organi di controllo del FDA e del CDC hanno votato contro, Biden ha dato il via lo stesso, sottoponendosi lui stesso ad una iniezione in una scenografia finta creata alla Casa Bianca.

 

In Italia va peggio: gli appelli alle terze dosi sono partiti prima ancora che vi fosse un consenso politico e scientifico stabilito in USA.

 

In Italia va peggio: gli appelli alle terze dosi sono partiti prima ancora che vi fosse un consenso politico e scientifico stabilito in USA.

La realtà, lo sappiamo bene, è ora un accessorio della politica: questa può servirsene, o può dimenticarsene completamente, così come si dimentica degli elettori.

 

Di mezzo adesso però ci stanno mettendo i bambini, ammettendo pure il rischio della miocardite.

 

Il terreno è ben preparato anche in Italia.

L’oncologo Locatelli, membro del direttorato tecnocrate CTS, lo aveva dichiarato 2 mesi fa: «in autunno vaccino anche ai bambini… io ritengo che sia necessario vaccinare anche i più piccoli».

 

L’oncologo Locatelli, membro del direttorato tecnocrate CTS, lo aveva dichiarato 2 mesi fa: «in autunno vaccino anche ai bambini… io ritengo che sia necessario vaccinare anche i più piccoli».

 

«Vaccinando i bambini eviteremo focolai anche nelle scuole elementari e dunque il ricorso alla didattica a distanza. Limiteremo la circolazione del virus e la possibilità che contagino genitori e nonni. Sia la società pediatrica italiana, sia quella americana sono favorevoli alla vaccinazione dei bambini» aveva detto Locatelli.

 

Ricordiamo le parole del dottor Vladimir Zelenko: l’obbligo vaccinale per i bimbi è «un crimine contro l’umanità». Noi genitori davvero glielo lasceremo perpetrare?

Ma su quali studi si basava questo parere favorevole? Su quali certezze?

 

Non lo sappiamo, tuttavia ricordiamo le parole del dottor Vladimir Zelenko: l’obbligo vaccinale per i bimbi è «un crimine contro l’umanità».

 

Noi genitori davvero glielo lasceremo perpetrare?

 

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

I bambini sono effettivamente immuni al COVID-19: ecco le prove

Pubblicato

il

Da

 

 

Esistono prove biologiche e molecolari che i bambini sono effettivamente immuni al COVID e possono essere considerati già vaccinati. Lo sostiene il dottor Paul Elias Alexander in un articolo pubblicato su Lifesitenews.

 

«Le iniezioni di [vaccino] COVID non offrono ai bambini alcuna opportunità di beneficio e solo potenziali opportunità di danno.» 

 

«I bambini non devono essere vaccinati con questi vaccini COVID; la questione chiave è che i vaccini non sono necessari. Nessun funzionario della sanità pubblica ha ancora argomentato spiegando perché i bambini devono ricevere questi vaccini. Inoltre, gli sviluppatori non hanno seguito i vaccini per un periodo di tempo adeguato, e questo è molto preoccupante perché quindi non sappiamo cosa riserverà il futuro ai destinatari».

 

«I bambini non hanno bisogno del vaccino COVID; può potenzialmente ucciderli»

«Non abbiamo idea di come questi vaccini si comporteranno a lungo termine nei bambini e potrebbero danneggiare gravemente i nostri bambini o addirittura ucciderli. I bambini hanno una protezione naturale in quanto non hanno le basi molecolari e biologiche che hanno gli adulti per essere infettati da questo virus e ammalarsi gravemente».

 

Il medico canadese sostiene di dover avvertire l’ente regolatore americano FDA «che se approvano questo vaccino per i bambini, corriamo il rischio di uccidere migliaia di bambini americani (e bambini del mondo), danneggiandoli con miocardite e altre gravi condizioni di cui sono stati risparmiati finora dal loro naturale protezione».

 

«Il vaccino e la proteina spike entrano in circolo e possono avere conseguenze devastanti sul sistema vascolare dei nostri bambini. Possono causare coaguli, sanguinamento/emorragia, etc».

 

«Non c’è alcun motivo medico, e supplico la FDA di fermarsi».

 

In particolare, il dottore formula a chiare lettere l’orrore utilitarista per cui la minoranza dei bambini andrebbe sacrificata per proteggere gli adulti, per i quali, peraltro, esistono effocaco cure precoci (che, ricordiamo, se riconosciute, toglierebbero ogni alibi all’emergenza e all’obbligo vaccinale).

 

«Le iniezioni di [vaccino] COVID non offrono ai bambini alcuna opportunità di beneficio e solo potenziali opportunità di danno.» 

«I bambini non sono fatti per proteggere gli adulti e non abbiamo bisogno dell’immunità dei bambini per porre fine alla pandemia. Abbiamo un trattamento precoce» dice il medico.

 

Sì, dobbiamo raddoppiare e triplicare adeguatamente la protezione dei nostri anziani e ad alto rischio e offrire un trattamento precoce, ma non dobbiamo ignorare l’immunità naturale già costruita nella società e l’immunità che i bambini già possiedono.

 

Tornano alla mente alcune catastrofi vaccinali, di cui Renovatio 21 ha dato puntualemente conto. Ad esempio, la strage nelle Filippine scatenata dal vaccino contro la dengue ..

 

«Il disastro più recente ai bambini del vaccino dengvaxia  per la febbre dengue fornisce cautela. I bambini ne sono stati gravemente danneggiati» .

 

Il dottor Alexander ricorda che tasso di mortalità per infezione stimato (IFR) è vicino allo  zero per bambini e ragazzi.

 

«I dati più aggiornati  dall’American Academy of Pediatrics ha mostrato che “I bambini sono stati lo 0,00% -0,19% di tutti i decessi per COVID-19 e 10 stati [USA] hanno riportato zero decessi infantili. Nelle segnalazioni degli stati, lo 0,00%-0,03% di tutti i casi di COVID-19 infantili ha provocato la morte».

«I bambini non sono fatti per proteggere gli adulti e non abbiamo bisogno dell’immunità dei bambini per porre fine alla pandemia. Abbiamo un trattamento precoce»

 

I bambini, ripete il dottore, vanno considerati come già immunizzati.

 

«In effetti, la loro immunità è migliore di quella degli adulti vaccinati con queste iniezioni sub-ottimali (…) Abbiamo una forte ricerca di Patel  e Bunyavanich (ricerca sul recettore ACE 2), Loske (che mostra che l’immunità innata antivirale preattivata [compartimento mucoso] nelle vie aeree superiori dei bambini), Yang (i bambini  hanno cellule memoria B che possono legarsi alla SARS- CoV-2, che indica il potente ruolo dell’esposizione nella prima [precedente] infanzia ai comuni coronavirus del raffreddore),  Weisberg e Farber et al. le cellule T dei bambini … hanno una migliore capacità di rispondere ai nuovi virus) e  Galow  (che mostra che i bambini non diffondono il COVID-19 ad altri bambini, mentre sono gli adulti che diffondono il COVID-19 ai bambini).» 

 

Per quanto riguarda la dinamica epidemiologica, il medico cita uno studio sulle Alpi francesi.

 

«Hanno seguito un bambino infetto che ha visitato tre diverse scuole e ha interagito con altri bambini, insegnanti e vari altri adulti. Gli autori non hanno riportato alcun caso di trasmissione secondaria nonostante le strette interazioni. Questi dati sono disponibili per il CDC e altri esperti di salute da oltre un anno».

 

Su «quasi 2 milioni di scolari che sono stati seguiti in Svezia, senza obbligo di mascherina, è stato riferito che ci sono stati zero decessi per COVID e solo pochi casi di trasmissione e ospedalizzazione minima» 

 

«Anche in questo caso, i bambini hanno una protezione ACE 2 naturale e non dobbiamo aggirarla entrando nei loro deltoidi e quindi nei loro flussi sanguigni. Finora sono stati risparmiati dalle morti che si sono verificate negli adulti a causa dei vaccini, ed è a causa di questa protezione naturale e delle ragioni molecolari che ho delineato sopra. Lasciali in pace».

 

In conclusione: «i bambini non hanno bisogno del vaccino COVID; può potenzialmente ucciderli».

 

«Il CDC e il NIH e gli sviluppatori di vaccini stanno ingannando la Nazione e non hanno svolto la ricerca adeguata. Questo è altamente avventato e pericoloso. Il dottor Anthony Fauci deve fermare questa follia, questa follia, questa spinta implacabile che deve iniettare a tutti i bambini. Fino ad oggi non può spiegare perché. È sempre stato illogico, irrazionale, insensato e senza alcun merito scientifico (…) I genitori devono alzarsi in piedi e respingere questa follia di Fauci, Collins, Walensky e degli esperti medici televisivi spericolati e capziosi».

 

Vengono rammentati altri disastri vaccinali di cui è puntellata la storia, ma che sono convenientemente dimenticati:

 

« È doveroso ricordare l’aumento  dell’incidenza della narcolessia  nei bambini nei paesi scandinavi a seguito del  vaccino influenzale H1N1 adiuvato ASO3  utilizzato per la pandemia del 2009 (programma di vaccinazione influenzale Pandemrix ) (….) vengono in mente anche i danni causati dal vaccino contro la  dengue nei bambini nelle Filippine. Sanofi Pasteur ha  sospeso i vaccini nel 2017 a causa del rischio molto pericoloso di sindrome da perdita di plasma simile all’Ebola».

«I bambini sono effettivamente immuni da COVID e possono essere considerati già completamente vaccinati secondo la spiegazione biologica e molecolare di cui sopra»

 

Eventi come «il  vaccino antipolio contaminato con bambini malati e paralizzati a morte nel 1955 negli Stati Uniti sono degni di essere esaminati in questo contesto».

 

«Il danno che può derivare da un rapido dispiegamento della vaccinazione di massa per i bambini non si è dimostrato sicuro in tutti i casi. Forse vale la pena notare questo commento del Dr. Efrat Schurr: “Nel 1977, ad esempio, una tripla vaccinazione (contro la difterite, la  pertosse  e il tetano) da un lotto difettoso ha lasciato diversi bambini ciechi, sordi e disabili per sempre».

 

Quindi, per riassumere:

 

«I bambini sono effettivamente immuni da COVID e possono essere considerati già completamente vaccinati secondo la spiegazione biologica e molecolare di cui sopra».

 

Qualcuno che lo può spiegare al governo italiano, e a tutto il seguito di boiardi virologici, poliziotti pandemici, volonterosi carnefici del COVID, c’è?

Continua a leggere

Più popolari