Anche Pfizer inizia a testare il vaccino sui bambini piccoli

 

 

 

Pfizer ha iniziato a testare il suo vaccino COVID-19 nei bambini di età inferiore ai 12 anni. Le prime partecipanti allo studio, una coppia di gemelle di 9 anni, sono state vaccinate mercoledì scorso alla Duke University nel North Carolina.

 

Le prime partecipanti allo studio, una coppia di gemelle di 9 anni, sono state vaccinate mercoledì scorso

I risultati della sperimentazione sono attesi nella seconda metà dell’anno e la grande farmaceutica spera di vaccinare i bambini più piccoli all’inizio del prossimo anno, ha affermato una  portavoce dell’azienda farmaceutica.

 

Come riportato da Renovatio 21, anche Moderna sta iniziando una sperimentazione del suo vaccino nei bambini dai sei mesi ai 12 anni di età. Entrambe le società hanno testato i loro vaccini su bambini di età pari o superiore a 12 anni e si aspettano questi risultati nelle prossime settimane.

 

AstraZeneca il mese scorso ha iniziato a testare il suo vaccino nei bambini di età pari o superiore a sei mesi e Johnson & Johnson ha dichiarato che prevede di estendere le prove del suo vaccino ai bambini piccoli dopo aver valutato le sue prestazioni nei bambini più grandi.

La grande farmaceutica spera di vaccinare i bambini più piccoli all’inizio del prossimo anno

 

«Un passo significativo nel contrastare la pandemia» scrive trionfale il New York Times, in un articolo che è uno spasso.

 

«Si stima che l’80% della popolazione possa aver bisogno di essere vaccinato affinché gli Stati Uniti raggiungano l’immunità di gregge»  scrive il NYT usando la nuova bizzarra cifra lanciata ora dal complesso sanitario-politico-farmaceutico per la herd immunity.

 

Tuttavia, c’è una trappola da considerare: «i bambini sotto i 18 anni rappresentano circa il 23% della popolazione negli Stati Uniti, quindi anche se la stragrande maggioranza degli adulti opta per i vaccini l’immunità di gregge potrebbe essere difficile da ottenere senza che i bambini vengano vaccinati».

 

In pratica, o si vaccina il 100% dei bimbi, o si rischia di vanificare lo sforzo collettivo

In pratica, o si vaccina il 100% dei bimbi, o si rischia di vanificare lo sforzo collettivo, con la logica per cui i vaccinati rischiano sempre e comunque se qualcuno non è vaccinato. (Fate pace con il cervello: non cerchiamo di comprendere questa cosa da anni).

 

Pfizer aveva inizialmente detto che avrebbe aspettato i dati dei bambini più grandi prima di iniziare le prove del suo vaccino nei bambini sotto i 12 anni.

 

Gli scienziati testeranno tre dosi del vaccino Pfizer – 10, 20 e 30 microgrammi – in 144 bambini. Ciascuna dose sarà valutata prima nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni, poi nei bambini di età compresa tra 2 e 4 anni e infine nel gruppo più giovane, da sei mesi a 2 anni.

 

Dopo aver determinato la dose più efficace, l’azienda testerà il vaccino su 4.500 bambini. Circa due terzi dei partecipanti saranno selezionati in modo casuale per ricevere due dosi a 21 giorni di distanza; i restanti riceveranno due colpi di placebo di soluzione salina. I ricercatori valuteranno la risposta immunitaria dei bambini nel sangue prelevato sette giorni dopo la seconda dose.

 

Gli scienziati testeranno tre dosi del vaccino Pfizer – 10, 20 e 30 microgrammi – in 144 bambini. Ciascuna dose sarà valutata prima nei bambini di età compresa tra 5 e 11 anni, poi nei bambini di età compresa tra 2 e 4 anni e infine nel gruppo più giovane, da sei mesi a 2 anni

Sul primo quotidiano mondiale va in onda poi la propaganda psicagogica sui padri e sulle madri: «genitori trarranno beneficio dal sapere esattamente quanto siano sicuri ed efficaci i vaccini nei bambini» scrivono dell’esperimento. Certo, trarranno beneficio dal sapere come sia andato l’esperimento per cui il loro pargolo ha fatto da cavia: non fa una grinza. Magari perfino il bambino sopravvive!

 

Anche perché, il babau è sotto il letto: «Non sappiamo quali saranno gli effetti a lungo termine dell’infezione da COVID», quindi non fidatevi se vedete vostro figlio stare bene (magari anche dopo un tampone positivo) e nemmeno fidatevi di chi dice che i piccoli sono praticamente immuni – ma no, teneteli a casa da scuola, tanto per cominciare, e impedite loro di giocare con gli amici.

 

E tranquilli sull’esperimento, è per il bene del consorzio umano, in quanto «altri vaccini hanno contribuito a controllare molte orribili malattie infantili che possono causare complicazioni a lungo termine», come il COVID, pardon, no, scusate, non abbiamo dati a lungo termine sul COVID, e nemmeno sul vaccino a dire il vero.

 

La parte più comica, dove il NYT plaude alla palese violazione del Codice di Norimberga e dei diritti del bambino, è anche la più violenta ed intollerabile.

 

Il quotidiano infatti ci tiene a ricordare ai genitori che «i bambini spesso reagiscono più fortemente ai vaccini rispetto agli adulti e in particolare i neonati ei bambini piccoli possono sperimentare febbre alta. È probabile che eventuali effetti collaterali compaiano subito dopo l’iniezione, entro la prima settimana e certamente entro le prime settimane, hanno detto gli esperti».

Il babau è sotto il letto: «Non sappiamo quali saranno gli effetti a lungo termine dell’infezione da COVID»

 

Tranquilli, febbre alta nei bambini appena nati e effetti paradossi dopo l’iniezione e nel mese successivo, lo assicurano gli esperti, quindi c’è da fidarsi – e farlo lo stesso anche se si è tentati di fuggire a gambe levate portando in spalla la prole.

 

Il dubbio riguardo il Codice di Norimberga, ad una certa, raggiunge il giornale progressista: «alcuni vaccini vengono testati solo sugli animali prima di essere valutati sui bambini e devono essere monitorati attentamente per gli effetti collaterali». Alcuni, chiaro: nel magico mondo delle menzogne, è perfettamente normale dire che i farmaci non si testano sugli animali.

 

Anche qui però stati tranquilli, perché hanno tirato fuori una pediatra di rango, la dottoressa Maldonado, a dirci parole rassicuranti:

 

«Stavolta è un po’  diverso, perché abbiamo già avuto esperienza con decine di milioni di persone con questi vaccini», insomma di cavie umane ne abbiamo già avute, e continuiamo ad averne, anche se sono tutte adulte: ma sono tanti, anzi, come il famoso giornalista italiano, fanno follie per divenire parte dell’esperimento.

 

Giuriamo che non ci è ancora chiarissimo come l’umanità possa essere regredita a questo stato bestiale

«Quindi ora c’è un più alto grado di fiducia nel somministrare questo vaccino ai bambini».

 

Giuriamo che non ci è ancora chiarissimo come l’umanità possa essere regredita a questo stato bestiale.