Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Linee cellulari da feti abortiti, testimonianza alla Casa Bianca

Pubblicato

il

 

 

Renovatio 21 pubblica questa testimonianza pubblicata sul sito della Casa Bianca.

 

 

Testimonianza di Kathleen M. Schmainda, PhD.

Professoressa di Radiologia e Biofisica

Vicepresidente della Ricerca, Dipartimento di Radiologia

Facoltà di Medicina del Wisconsin*

Commissione per l’energia e il commercio

Commissione d’inchiesta sulla vita infantile

«Bioetica e tessuto fetale»

2 marzo 2016

 

Illustre Presidente e onorevoli membri del comitato,

 

Grazie per avermi concesso l’opportunità di portare la mia testimonianza in difesa della vita dei bambini e in particolare in opposizione alla ricerca che utilizza tessuto fetale derivato da aborti indotti.

 

Sono fermamente contraria alla ricerca che utilizzi tessuto fetale o embrionale umano derivante da aborti indotti o procedure come la fecondazione in vitro (IVF). Sono costretta a creare consapevolezza tra la comunità e i miei colleghi sul motivo per cui l’uso di tale tessuto non è etico e non è necessario

La mia formazione di base è nelle discipline dell’ingegneria e della medicina, ricevendo un dottorato di ricerca in ingegneria medica rilasciato congiuntamente dall’Università di Harvard e dal Massachusetts Institute of Technology. Attualmente sono professoressa di radiologia e biofisica, in qualità di vicepresidente della ricerca in radiologia presso il Medical College of Wisconsin. Ho preso parte alla ricerca medica per quasi 25 anni. Ho fatto parte di comitati di revisione delle sovvenzioni per i National Institutes of Health (NIH) per oltre 15 anni, incluso un mandato di quattro anni nella sezione di studio di Terapie dello Sviluppo. Faccio parte di comitati consultivi nazionali per le sperimentazioni cliniche e ho fondato due start-up. Prima di tutto, sono una moglie e una madre.

 

Sono fermamente contraria alla ricerca che utilizzi tessuto fetale o embrionale umano derivante da aborti indotti o procedure come la fecondazione in vitro (IVF). Sono costretta a creare consapevolezza tra la comunità e i miei colleghi sul motivo per cui l’uso di tale tessuto non è etico e non è necessario.

 

Vorrei iniziare definendo i termini. I termini embrione, feto, neonato o infante si riferiscono ciascuno a diverse fasi del continuum del bambino in via di sviluppo. Quando le cellule vengono estratte durante le prime fasi, si tratta in genere di cellule staminali embrionali umane (HESC), ottenute dalla distruzione dell’embrione umano. Quando parlo di ricerca sui tessuti fetali mi riferisco a cellule, tessuti o organi prelevati da un feto abortito. Sebbene questo sia il fulcro della mia testimonianza, le mie argomentazioni si applicano al continuum del bambino in via di sviluppo.

Quando le cellule vengono estratte durante le prime fasi, si tratta in genere di cellule staminali embrionali umane (HESC), ottenute dalla distruzione dell’embrione umano. Quando parlo di ricerca sui tessuti fetali mi riferisco a cellule, tessuti o organi prelevati da un feto abortito

 

I fautori della ricerca che utilizza il tessuto fetale fanno diverse affermazioni. La prima affermazione è che senza il tessuto fetale molti dei trattamenti salvavita che abbiamo oggi non sarebbero stati possibili.

 

In secondo luogo, sostengono che senza un accesso continuo al tessuto fetale, stiamo ostacolando la scoperta di nuove terapie.

 

E terzo, affermano che «sono già in atto adeguate linee guida etiche» per evitare il collegamento tra l’aborto e la ricerca sui tessuti fetali. Parlerò di ciascuna di queste affermazioni.

 

In primo luogo, è necessario chiarire che non esistono trattamenti medici attuali che abbiano richiesto l’utilizzo di tessuti fetali per la loro scoperta o sviluppo. Mentre il vaccino antipolio, spesso citato, è stato sviluppato utilizzando cellule di tessuto fetale, gli sviluppatori hanno successivamente testimoniato che gli studi iniziali avevano avuto successo anche utilizzando cellule non di origine fetale. Sebbene la maggior parte dei vaccini offra oggi alternative etiche, non tutti sono disponibili negli Stati Uniti e alcuni, come quello per la varicella e l’epatite A, attualmente non hanno alternative etiche (1). Eppure non c’è mai stata una ragione scientifica che richiedesse linee cellulari fetali per lo sviluppo dei vaccini.

 

Non c’è mai stata una ragione scientifica che richiedesse linee cellulari fetali per lo sviluppo dei vaccini.

La testimonianza data alla FDA (US Food and Drug Administration (FDA), Center for Biologics Evaluation and Research) datata 16 maggio 2001, sottolinea questo punto. Lo sviluppatore di due linee cellulari fetali comuni –HEK 293 (rene embrionale umano) e Per C6 (retina isolata da un feto) – ha affermato che la sua motivazione per sviluppare queste linee cellulari da feti abortiti era semplicemente quella di vedere «se si poteva fare» rispetto a quanto già fatto con le cellule animali. Da allora, l’uso di queste linee cellulari è diventato molto diffuso e i produttori non hanno alcuna motivazione per investire il tempo o il denaro necessari per produrre sostituti etici.

 

A causa della mancanza di trasparenza, gli scienziati possono inconsapevolmente radicarsi nell’uso di queste linee cellulari. Ad esempio, la linea cellulare HEK 293 viene spesso offerta come parte di un kit standard disponibile presso aziende di biotecnologia ed etichettata con vari nomi. Solo su specifica richiesta vengono fornite alternative. Questa mancanza di trasparenza è devastante per gli scienziati che hanno obiezioni etiche all’uso di questo tessuto ed equivale a una coercizione morale.

 

In secondo luogo, confuto l’affermazione secondo cui senza un accesso continuo al tessuto fetale, la scoperta di nuove terapie sarebbe bloccata. Ci sono prove schiaccianti che indicano il contrario. Ad esempio, l’insulina per il diabete è prodotta nei batteri (2). Le cellule dell’ovaio di criceto cinese (CHO) sono state utilizzate per lo sviluppo di Erceptina per il cancro al seno (3) e TPA per infarto e ictus. Esistono più di 70 trattamenti di successo sviluppati utilizzando fonti di cellule staminali adulte (4).

Lo sviluppatore di due linee cellulari fetali comuni –HEK 293 (rene embrionale umano) e Per C6 (retina isolata da un feto) – ha affermato che la sua motivazione per sviluppare queste linee cellulari da feti abortiti era semplicemente quella di vedere «se si poteva fare» rispetto a quanto già fatto con le cellule animali

 

Ad oggi sono stati eseguiti oltre 1 milione di trapianti di midollo osseo, che sono essenzialmente trapianti di cellule staminali adulte (5).

 

Alcuni continuano a sostenere che le cellule fetali rappresentino inequivocabilmente l’opzione migliore, perché si dividono rapidamente e si adattano facilmente a nuovi ambienti. Ma fonti alternative di tessuti e cellule sono disponibili per la ricerca senza questioni etiche e stanno dimostrando una maggiore versatilità di quanto si pensasse inizialmente (6). Esempi includono cellule staminali da midollo osseo, sangue circolante (7), cordone ombelicale (8) e liquido amniotico (9), nonché cellule staminali pluripotenti indotte (iPSC) e persino cellule staminali neurali da cadavere (10). Le cellule staminali adulte sono già state utilizzate per lo sviluppo di nuovi trattamenti, sono state dimostrate da studi clinici e hanno portato alla formazione di nuove società (11) che hanno immesso con successo sul mercato trattamenti che sono normalmente benefici per i pazienti di oggi. Non esiste ancora un uso medico praticabile per le cellule staminali embrionali.

 

Eppure l’argomento continua che mantenere aperta questa strada di ricerca potrebbe un giorno offrire l’unica speranza per un bambino con una malattia devastante o una persona con lesioni del midollo spinale. Nel 1997,  il New York Times ha riportato del primo trapianto della nazione di tessuto fetale in una persona con lesioni al midollo spinale (12). Lo studio ha richiesto da cinque a otto midolli spinali fetali per ciascun ricevente adulto, ma non ha mostrato alcun beneficio terapeutico significativo (13, 14). Sono seguiti molti altri studi, nessuno dei quali ha mostrato benefici terapeutici significativi, ma ognuno continuava a rivendicare grandi promesse. Questa promessa senza beneficio continua oggi a costo di molte vite umane.

Nel 1997,  il New York Times ha riportato del primo trapianto della nazione di tessuto fetale in una persona con lesioni al midollo spinale. Lo studio ha richiesto da cinque a otto midolli spinali fetali per ciascun ricevente adulto, ma non ha mostrato alcun beneficio terapeutico significativo

 

Quindi permettetemi di affrontare questa asserzione da un’altra prospettiva. Considerate la possibilità che venga scoperto un trattamento utilizzando trapianti di tessuto fetale che sia l’unica opzione per una determinata malattia.

 

Considerate una malattia come il Parkinson, che colpisce fino a 1 milione di persone solo negli Stati Uniti. Sulla base di uno studio clinico in Svezia, sono necessarie cellule di almeno 3-4 feti per trattare ogni paziente col Parkinson (15, 16). Quindi, dovrebbero essere abortiti 4 milioni di bambini  per curare questa malattia, per non parlare del numero necessario per curare i pazienti in tutto il mondo.

 

Riuscite a immaginare l’entità della domanda di feti per curare un’altra malattia come l’Alzheimer, che colpisce 44 milioni di persone in tutto il mondo? Vogliamo davvero un mondo in cui i più vulnerabili, quelli senza voce, siano soggetti ai capricci, ai desideri e ai bisogni percepiti degli altri? Avremo creato la raccolta industrializzata di bambini non nati, un crimine contro la razza umana.

 

Considerate una malattia come il Parkinson, che colpisce fino a 1 milione di persone solo negli Stati Uniti. Sulla base di uno studio clinico in Svezia, sono necessarie cellule di almeno 3-4 feti per trattare ogni paziente col Parkinson. Quindi, dovrebbero essere abortiti 4 milioni di bambini  per curare questa malattia, per non parlare del numero necessario per curare i pazienti in tutto il mondo

In terzo luogo, le ripetute assicurazioni che «sono in atto adeguate linee guida etiche» per evitare il collegamento tra l’aborto e la successiva ricerca sono del tutto inadeguate.

 

Acquistando prodotti di tessuto fetale, il ricercatore non è lontano dall’atto dell’aborto. Come recentemente descritto sulla rivista Nature (17), un ricercatore continua a pagare $ 830 per ogni campione di fegato fetale, un acquisto che deve fare ripetutamente. Alcuni anni fa, prima della recente copertura mediatica, era abbastanza facile andare sul sito web di un’azienda di biotecnologie e mettere quasi tutte le parti del corpo di un feto in un «carrello della spesa» e concludere l’acquisto. Quindi indipendentemente dal fatto che un ricercatore sia accanto al letto di chi decide di abortire o utilizzi una linea cellulare fetale creata decenni prima, acquistando questi prodotti di tessuto fetale gli scienziati stanno contribuendo a creare un mercato che guida il complesso dell’industria aborto-biotecnologia (18).

 

Inoltre, le esigenze della ricerca incidono direttamente sull’approvvigionamento di tessuto fetale. I tempi di raccolta del tessuto fetale, così come le procedure utilizzate per interrompere la gravidanza, sono fondamentali per ottenere tessuti di qualità ricercata e al giusto stadio di sviluppo fetale in base alle esigenze scientifiche. Ciò solleva importanti dubbi sul fatto che la salute della madre abbia la giusta priorità.

 

In sintesi, suggerisco di considerare quanto segue:

Acquistando prodotti di tessuto fetale, il ricercatore non è lontano dall’atto dell’aborto. Come recentemente descritto sulla rivista Nature (17), un ricercatore continua a pagare $ 830 per ogni campione di fegato fetale, un acquisto che deve fare ripetutamente

 

1) Proibire la ricerca che utilizza tessuto fetale da aborti indotti, ma fornire il supporto e le risorse necessarie per aiutare gli scienziati o le aziende biofarmaceutiche a effettuare transizioni verso fonti di tessuto etiche.

 

2) Sostenere la creazione e il continuo successo di istituzioni che adottano ricerche che utilizzano solo fonti etiche di tessuto. Mi vengono in mente istituzioni come il Midwest Stem Cell Therapy Center. Durante i miei anni come revisore delle sovvenzioni per il NIH, sono stata continuamente ispirata dalla brillantezza e dall’innovazione dei miei colleghi scienziati. L’applicazione di questo genio nel contesto delle vie di ricerca etiche dovrebbe essere incoraggiata ed è sicuro che porterà a scoperte sorprendenti che si riveleranno le migliori per la società.

 

3) Ordinare la trasparenza nell’etichettatura di tutti i materiali scientifici, farmaci e prodotti cosmetici per quanto riguarda la provenienza del materiale utilizzato per lo sviluppo o la produzione. Questo farà aumentare la consapevolezza e proteggerà i diritti di coscienza per scienziati, pazienti e consumatori che non vogliono essere corrotti da tali pratiche.

 

Infine, concludo con ciò che è essenziale. Ogni vita umana è sacra, ha una dignità fondamentale che non dipende dal suo stadio di sviluppo o dalle sue capacità. Questo valore appartiene a tutti indistintamente dal primo momento dell’esistenza.

Ogni vita umana è sacra, ha una dignità fondamentale che non dipende dal suo stadio di sviluppo o dalle sue capacità. Questo valore appartiene a tutti indistintamente dal primo momento dell’esistenza

 

Ogni vita umana è unica e irripetibile, creata dal nostro amorevole Dio a sua immagine e somiglianza. Niente, nessuna persona, nessun argomento e nemmeno una scoperta scientifica o una cura, può sminuire il fatto che utilizzare embrioni o feti umani come oggetti o mezzi di sperimentazione costituisce un assalto alla loro dignità di esseri umani, che hanno diritto allo stesso rispetto dovuto a ogni persona (19).

 

Rispettosamente,

 

Kathleen M. Schmainda PhD

 

 

 

Bibliografia

1) Vaccines using aborted fetal cell lines. Children of God for Life November 2015; disponibile su: https://cogforlife.org/wp-content/uploads/vaccineListOrigFormat.pdf.

 

2) Agrawal, V. and M. Bal, Strategies for Rapid Production of Therapeutic Proteins in Mammalian Cells. BioProcessTechnical, 2012. 10(4): p. 32-48.

 

3) Li, F., et al., Cell culture processes for monoclonal antibody production. MAbs, 2010. 2(5): p. 466-79.

 

4) Stem Cell Research Facts. 2016; disponibile su: http://www.stemcellresearchfacts.org/treatment-list/.

 

5) Gratwohl, A., et al., One million haemopoietic stem-cell transplants: a retrospective observational study. Lancet Haematol, 2015. 2(3): p. e91-e100.

 

6) Halleux, C., et al., Multi-lineage potential of human mesenchymal stem cells following clonal expansion. J Musculoskelet Neuronal Interact, 2001. 2(1): p. 71-6.

 

7) Boston Childrens Hospital Adult Stem Cells 101: Where do we get adult stem cells? 2016; disponibile su: http://stemcell.childrenshospital.org/about-stem-cells/adult-somaticstem-cells-101/where-do-we-get-adult-stem-cells/.

 

8) Pineault, N. and A. Abu-Khader, Advances in umbilical cord blood stem cell expansion and clinical translation. Exp Hematol, 2015. 43(7): p. 498-513.

 

9) Rosner, M., K. Schipany, and M. Hengstschlager, The decision on the “optimal” human pluripotent stem cell. Stem Cells Transl Med, 2014. 3(5): p. 553-9.

10) Hodgetts, S.I., et al., Long live the stem cell: the use of stem cells isolated from post mortem tissues for translational strategies. Int J Biochem Cell Biol, 2014. 56: p. 74-81.

 

11) Genzyme and Osiris Partner to Develop and Commercialize First-In-Class Adult Stem Cell Products. 2008; disponibile su: http://investor.osiris.com/releasedetail.cfm?releaseid=345147.

12) Leary, W.E., Fetal Tissue Injected into Injured Spinal Cord, in The New York Times. 12 luglio 1997, The New York Times Company: New York.

13) Thompson, F.J., et al., Neurophysiological assessment of the feasibility and safety of neural tissue transplantation in patients with syringomyelia. J Neurotrauma, 2001. 18(9): p. 931-45.

14) Wirth, E.D., 3rd, et al., Feasibility and safety of neural tissue transplantation in patients with syringomyelia. J Neurotrauma, 2001. 18(9): p. 911-29.

15) Kolata, F., Fetal Tissue Seems to Aid Parkinson Patient, in The New York Times. 2 febbraio 1990.

16) Lindvall, O., et al., Neural transplantation in Parkinson’s disease: the Swedish experience.Prog Brain Res, 1990. 82: p. 729-34.

17) Wadman, M., The truth about fetal tissue research. Nature, 2015. 528(7581): p. 178-81.

 

18) Wong, A., The ethics of HEK 293. Natl Cathol Bioeth Q, 2006. 6(3): p. 473-95.

19) Giovanni Paolo II, The Gospel of Life: Evangelium Vitae. 1995: Pauline Books and Media. 176.

 

 

*Le opinioni espresse sono mie e non rappresentano le opinioni ufficiali del Medical College of Wisconsin.

 

 

 

Traduzione di Alessandra Boni

Continua a leggere

Bioetica

I laureati in medicina e i loro giuramenti

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge.

 

 

Un’indagine sui giuramenti prestati da studenti di medicina negli Stati Uniti e in Canada nel 2014 e nel 2015 suggerisce che i medici stanno iniziando la loro carriera con nozioni vaghe, confuse e incoerenti di etica medica.

 

In un articolo su The New Bioethics, tre medici hanno analizzato i giuramenti di 150 di tutte le 153 scuole mediche statunitensi e canadesi e li hanno confrontati con i giuramenti prestati nel 2000.

 

La maggior parte (54,7%) di essi sono varianti dell’antico giuramento di Ippocrate, anche se un numero crescente (14,9%) chiede solo giuramenti scritti dagli stessi studenti.

 

Nel 1989 nessuna scuola di medicina chiedeva un giuramento scritto dagli studenti.

 

Ci sono stati alcuni cambiamenti interessanti negli ultimi 15 anni:

 

  • I giuramenti a una divinità sono diminuiti dal 17,7% al 7,7%, ma i giuramenti a se stessi sono aumentati a oltre il 40%.

 

  • Resta invariato l’impegno al rispetto del diritto positivo (34,0% delle scuole) ma calano vertiginosamente le promesse di aderire alle «leggi dell’umanità», dal 39,7% al 16,7% delle scuole.

 

  • Gli impegni ad astenersi da comportamenti sessuali scorretti con i pazienti e le loro famiglie erano bassi nel 2000 e in realtà sono scesi al 2%.

 

  • I divieti di omicidio intenzionale sono diminuiti drasticamente e sono recitati solo nel 2% delle scuole, anche se la percentuale in cui gli studenti promettono di rispettare il valore della vita umana rimane invariata al 30,7%.

 

  • I divieti di aborto sono quasi inesistenti all’1,3%.

 

  • L’impegno a sottoporre la propria coscienza alle regole dei governi e delle istituzioni o la preferenza del paziente sono stati inclusi dal 24,7% delle scuole. Ma una percentuale altrettanto ampia si è impegnata a obbedire sempre alla propria coscienza (28,7%) ea praticare secondo giudizio il 35,3%.

 

Le incoerenze e le differenze nei giuramenti indicano maggiori divisioni e incertezze nella cultura occidentale, affermano gli autori.

 

«Forse non dovrebbe sorprendere che il discorso bioetico sia dominato da dibattiti controversi che ruotano essenzialmente attorno alla domanda: “Che cosa il medico pretende di fare e non fare per il suo paziente?” È abbastanza chiaro dal nostro studio che i giuramenti moderni non rispondono in modo coerente o coerente a questa domanda. Un quadro morale comune per la medicina rischia di scomparire».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine di Wellcome images via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0)

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Stati Uniti: le farmacie possono distribuire pillole abortive

Pubblicato

il

Da

 

 

Ciò avviene dopo una modifica apportata dalla Food and Drug Administration (FDA), responsabile della commercializzazione dei farmaci. Le pillole abortive sono ora soggette a nuove regole che estenderanno la loro distribuzione ai farmacisti.

 

 

Il prodotto in questione è il mifepristone, o RU-486, che il defunto professor Jérôme Lejeune descrisse giustamente come un «pesticida antiumano». Questa pillola abortiva provoca la morte del feto; è combinato con misoprostolo che espelle il bambino morto 24-48 ore dopo.

 

Ricordiamo che l’uso omicida della RU-486 si deve al professor Etienne-Emile Baulieu che, nel 1982, la presentò come alternativa all’aborto per aspirazione. Il professor Baulieu è stato appena elevato alla dignità di Gran Croce nell’ordine della Legion d’Onore, il 1° gennaio.

 

 

Un cambiamento nelle regole della FDA

Un articolo pubblicato sul sito del National Catholic Register il 6 gennaio riporta che «la Food and Drug Administration degli Stati Uniti il ​​3 gennaio ha annunciato che consentirà a qualsiasi paziente con una prescrizione di ottenere il mifepristone dalla sua farmacia al dettaglio locale se è adeguatamente certificato per dispensare il farmaco. La precedente politica della FDA consentiva solo a medici certificati, cliniche e alcune farmacie per corrispondenza di dispensare il mifepristone».

 

Le pillole abortive saranno quindi molto più ampiamente disponibili. In effetti, CVS e Walgreens, le due principali catene di drugstore della Nazione, hanno annunciato l’intenzione di riempire le prescrizioni per il mifepristone.

 

Steven H. Aden, consigliere generale di Americans United for Life, ha affermato che la decisione è «l’ennesima di una lunga serie di azioni intraprese dall’amministrazione Biden che mettono le donne a grave rischio, nella sua corsa precipitosa a spingere i farmaci abortivi sul pubblico americano».

 

Spiega il suo punto:

 

«Nonostante la lunga approvazione da parte della FDA dell’aborto chimico come farmaco limitato, con solenni avvertimenti sul suo uso e restrizioni sulla sua distribuzione a causa del ruolo che svolge nel causare pericolose emorragie, infezioni e gravidanze ectopiche mancate, questa amministrazione sembra non fermarsi davanti a nulla per abbattere le regole che avevano contribuito a proteggere le donne da questo farmaco».

 

«A partire dal 2020, le pillole abortive ora rappresentano più della metà degli aborti negli Stati Uniti… Sebbene la FDA autorizzi l’uso del farmaco solo fino alle 10 settimane di gravidanza, molte cliniche e fornitori offrono il farmaco fino a 12 o 13 settimane, secondo il New York Times». CVS Pharmacy e Walgreens hanno ciascuno 9.000 punti vendita negli Stati Uniti.

 

«Abbiamo in programma di richiedere la certificazione per dispensare il mifepristone ove legalmente consentito», ha dichiarato a CNA Amy Thibault, direttore principale per le comunicazioni esterne presso CVS Pharmacy. C’è da chiedersi se i dipendenti della farmacia con obiezioni religiose o morali all’aborto potranno evitare di prendere parte alla prescrizione del farmaco abortivo.

 

«Abbiamo politiche in atto per garantire che a nessun paziente venga mai negato l’accesso ai farmaci prescritti da un medico sulla base delle convinzioni religiose o morali individuali di un farmacista», ha affermato la signora Thibault. Tuttavia, il gruppo ha annunciato che in caso di obiezione di coscienza, se notificata in anticipo, prenderà altre disposizioni.

 

Un portavoce di Walgreens ha affermato che la società intendeva far certificare le proprie farmacie per la distribuzione del farmaco, ma non ha affrontato specificamente la questione dei dipendenti con obiezioni all’aborto.

 

 

Reazioni dei gruppi per la vita

Marjorie Dannenfelser, presidente di SBA Pro-Life America, un gruppo anti-aborto, ha chiesto un’azione politica per contrastare i cambiamenti normativi.

 

«I legislatori statali e il Congresso devono ergersi a baluardo contro l’estremismo pro-aborto dell’amministrazione Biden», ha detto Dannenfelser al Wall Street Journal. «Speriamo di vedere la FDA fare il suo lavoro per proteggere la vita delle donne e porre fine agli aborti chimici».

 

Una modifica del dicembre 2021 ha revocato definitivamente l’obbligo per i pazienti di ottenere il mifepristone durante gli appuntamenti di persona con un medico. Questa modifica ha consentito di prescrivere pillole abortive tramite telemedicina e di compilare prescrizioni per posta.

 

La Catholic Medical Association ha criticato le modifiche alle regole in una dichiarazione del 3 gennaio.

 

«Come operatori sanitari, esperti di etica medica e difensori dei pazienti, desideriamo denunciare con forza queste violazioni dei diritti delle donne al consenso informato e alla qualità delle cure», ha affermato il gruppo. «La politica non ha posto nella cura delle donne».

 

Il gruppo ha osservato che le disposizioni non richiedono che il medico prescrittore si trovi nello stesso stato del paziente. Ha obiettato che non è richiesta alcuna valutazione fisica di persona per documentare le settimane di gestazione o la posizione del feto. La mancanza di un esame di persona aiuta potenzialmente coloro che userebbero la droga per nascondere lo stupro di un minore.

 

«La FDA ammette che esiste un potenziale di sanguinamento eccessivo e che ci sono stati 28 decessi associati all’uso di questo farmaco», ha continuato la dichiarazione della Catholic Medical Association.

 

Infine, «non è necessario alcun esame fisico di follow-up per valutare un aborto incompleto e i conseguenti rischi di sanguinamento continuato, prodotti del concepimento trattenuti che richiedono la rimozione chirurgica o infezioni, che possono portare alla sterilità e, in casi estremi, anche alla morte».

 

 

 

 

 

 

Articolo previamente apparso su FSSPX.news.

 

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

La vera storia del Comitato Nazionale di Bioetica – terza parte

Pubblicato

il

Da

Dopo la prima parte, pubblicata lo scorso 9 novembre, e la seconda parte, pubblicata lo scorso 26 novembre, Renovatio 21 continua il progetto di tracciare l’evoluzione della bioetica italiana e della sua principale istituzione governativa – il Comitato Nazionale di Bioetica (CNB) – con questa terza intervista al professor Luca Marini, docente di diritto internazionale alla Sapienza di Roma, che del CNB fu membro dal 1996 al 2014 e ebbe anche il ruolo vicepresidente.

 

 

 

Professor Marini, nella nostra intervista conclusiva sulla storia della bioetica italiana passiamo a esaminare i contenuti del dibattito bioetico, che taluni nel tempo hanno giudicato particolarmente poveri, nonostante gli oltre trent’anni di vita del CNB.

Difficile dare completamente torto a chi muove questa critica, anche perché è sotto gli occhi di tutti che il dibattito bioetico, in Italia, si è avvitato principalmente sui temi di inizio-vita e di fine-vita. E lo ha fatto seguendo supinamente, e non anticipando, i fatti. Per circa dieci anni, dal 1997 al 2007, non si è parlato altro che di embrione; dal 2007 fino alla chiusura de facto del dibattito stesso, di testamento biologico. Molto ci sarebbe da dire su queste scelte, e su queste date.

 

Diciamolo, allora.

Dal punto di vista dei contenuti, va appena ricordato che si è trattato di argomenti altamente politicizzati e chiaramente divisivi. Anticipando di gran lunga l’affaire COVID, il dibattito bioetico ha alimentato confronti e divisioni fondate su basi culturali, ideologiche, dogmatiche o addirittura confessionali ben al di là, e al di fuori, delle evidenze scientifiche. Per i temi di inizio-vita è apparsa subito chiara la contrapposizione tra i cattolici difensori della vita umana fin dal suo concepimento e i laici fautori della libertà di ricerca a ogni costo, anche a discapito della vita dell’embrione; per i temi di fine-vita, questi due schieramenti si sono battuti, rispettivamente, per la dignità del morente e per l’autodeterminazione del paziente. Peccato che tutte queste belle formule, concepite esclusivamente nell’ottica della loro spendibilità politica, celassero biechi interessi economici che né i cattolici né i laici hanno mai messo in evidenza: e che soprattutto non hanno efficacemente contrastato.

E quali sarebbero questi interessi economici celati dalla politicizzazione della bioetica?

Per l’inizio-vita, le evidenti implicazioni tecnologiche e commerciali, anzitutto sul fronte farmacologico, di eventuali progressi scientifici derivanti dalla ricerca sulle cellule staminali embrionali; per il fine-vita, i costi dell’assistenza ai malati terminali e la possibilità di utilizzare i soggetti cerebralmente morti quali serbatoio di organi a fini di trapianto, obiettivo quest’ultimo molto più difficile da realizzare se il criterio di accertamento della morte dipendesse ancora dalla dimensione cardio-respiratoria. Sorvolo, infine, sulle ricadute economiche collegate e conseguenti allo sviluppo di carriere personali o di filiere di potere scientifico, accademico, comunicativo, mediatico e culturale sui temi in questione.

E per quanto riguarda la successione di date di cui parlava poco fa?

Semplicissimo. Nel 2007 venne approvato il VII Programma Quadro di ricerca scientifica dell’Unione Europea che, per la prima volta, finanziò le ricerche che utilizzavano cellule staminali isolate o stoccate prima di una certa data, con ciò cristallizzando le posizioni di monopolio non solo scientifico degli Stati che avevano avviato per tempo quel tipo di ricerche e facendo calare il sipario sul dibattito in difesa della vita embrionale, nonché sulle ragioni propugnate dai cattolici. Non è un caso, quindi, che solo a partire dal 2007 si sia cominciato a discutere di fine-vita, anche se il dibattito bioetico aveva ormai le ore contate: complice la crisi economica, si sarebbe estinto di lì a breve.

In effetti, una volta si parlava spesso del CNB su giornali e in TV. Oggi pare che sia sparito… è perché oramai la Bioetica ora dà solo e sempre semafori verdi su qualsiasi questione?

Se fa riferimento al CNB, non mi pronuncio; se fa riferimento al dibattito bioetico in generale, come darle torto? Solo per fare un esempio recente, pensi alla vicenda COVID: non un solo bioeticista, di qualsivoglia colore politico od orientamento cultural-religioso, si è alzato in piedi per denunciare la violazione sistematica dei principi di precauzione e di consenso informato che è stata perpetrata durante la cosiddetta campagna vaccinale.

Per chiudere col CNB, come vede la sua nuova composizione, approvata in questi giorni?

Non la conosco. Ho solo letto che il nuovo presidente è un rappresentante del mondo della medicina, scelta che sicuramente dovrebbe far riflettere in un momento, come quello attuale, in cui molti auspicano invece la «demedicalizzazione» della società e la profonda revisione del concetto stesso di progresso tecno-scientifico, allo scopo di assicurare senza infingimenti il primato dell’uomo sulla scienza e la società e non viceversa.

Ma allora, secondo lei, cosa si deve fare in Italia per tornare ad avere una guida morale su temi bioetici, che oggi più che mai – pensiamo ai vaccini, al Green Pass, ora alla pretesa emergenza climatica – condizionano le vite dei cittadini?

Questa domanda non deve rivolgerla a me, ma ai cittadini che continuano a tollerare che in tutti i campi, a ogni livello, esistano macroscopici conflitti di interesse. Penso ovviamente alle responsabilità storiche che politica e media si sono accollate con la vicenda COVID, ma anche al mondo scientifico e accademico, che continua a essere presentato e percepito come un mondo di studiosi ispirati dal lume della scienza e che, invece, come sa chiunque vi lavori, è uno snodo cruciale tra lobby scientifiche, tecnologiche, industriali, commerciali, comunicative e istituzionali. Fintantoché questa situazione non cambierà, quale spazio vuole che residui per l’etica e la bioetica?

 

 

 

 

Vedi anche

La vera storia del Comitato Nazionale di Bioetica – prima parte

La vera storia del Comitato Nazionale di Bioetica – seconda parte

Continua a leggere

Più popolari