Connettiti con Renovato 21

Sanità

Vaccini COVID ai bambini, il CDC ha utilizzato dati errati per giustificare l’autorizzazione

Pubblicato

il

Un funzionario del CDC ha utilizzato i dati di uno studio preliminare errato che ha esagerato il rischio di morte per i bambini per COVID-19 nelle sue presentazioni ai consulenti CDC e FDA che erano responsabili della raccomandazione dei vaccini Pfizer e Moderna per neonati e bambini piccoli.

 

Lo studio, pubblicato per la prima volta il 25 maggio sul server della pubblicazione preliminare di medRxiv, è stato scritto da un gruppo di ricercatori britannici.

 

Il 28 giugno, gli autori hanno pubblicato una versione rivista dello studio, dopo che i critici hanno messo in dubbio alcuni dei loro risultati originali.

 

«È davvero inquietante che dati così poveri siano entrati nelle riunioni per discutere di COVID infantile e che mi ci siano voluti meno di pochi minuti per trovare un difetto grave (e poi ne ho trovati molti di più mentre guardavo più in profondità)», ha detto Kelley K , che è stata la prima a sottolineare alcuni dei difetti dello studio sul suo sito Web COVID-Georgia.com.

 

Dopo aver appreso dell’analisi di Kelley, The Defender ha esaminato la prestampa originale, ha confermato le scoperte di Kelley e ha scoperto ulteriori difetti nella prestampa originale e anche nella versione rivista del 28 giugno.

 

 

Megan Redshaw

 

 

© 29 luglio 2022, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Vaiolo delle scimmie, l’OMS raccomanda ai maschi gay di limitare i partner sessuali

Pubblicato

il

Da

In una mossa piuttosto sorprendente, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha raccomandato che gli uomini gay e bisessuali riducano il numero di partner sessuali per ridurre la diffusione del vaiolo delle scimmie.

 

Tale comunicazione arriva dopo che l’esperto di vaiolo delle scimmie dell’OMS, Rosamund Lewis, ha notato che gli uomini che fanno sesso con gli uomini sono il gruppo con il più alto rischio di infezione in questo momento.

 

Secondo la Lewis, circa il 99% dei casi riguarda uomini, mentre il 95% di questi sono uomini che hanno rapporti sessuali con uomini.

 

«Per gli uomini che fanno sesso con uomini, questo include, per il momento, la riduzione del numero di partner sessuali, la riconsiderazione del sesso con nuovi partner e lo scambio di dettagli di contatto con eventuali nuovi partner per consentire il follow-up, se necessario», ha affermato il capo dell’OMS Tedros Adhanom Ghebreyesus.

 

Ai gay quindi è chiesta la continenza e l’identificazione dei partner sessuali per consentire il tracciamento. Chi ha presente certe dinamiche del mondo omosessuale, a questo punto potrebbe sorridere.

 

Il Tedros ha aggiunto che è fondamentale che le autorità sanitarie pubbliche comunichino con la comunità gay al fine di ridurre la trasmissione del virus.

 

L’etiope al vertice della Sanità Mondiale poi non ha perso occasione per invocare, anche questa volta, la censura, invitando i colossi dei social media a contrastare le «informazioni dannose» sull’epidemia.

 

«Lo stigma e la discriminazione possono essere pericolosi come qualsiasi virus e possono alimentare l’epidemia . Come abbiamo visto con la disinformazione di COVID-19, e queste informazioni possono diffondersi rapidamente online» ha affermato seccamente.

 

Come riportato da Renovatio 21, Tedros ha dichiarato ufficialmente l’emergenza epidemica, portando l’allarme per il vaiolo delle scimmie appena un gradino sotto il livello di pandemia. L’etiope lo avrebbe fatto bypassando la sua stessa commissione di valutazione.

 

Il dottor Peter McCullough, eroe di coloro che criticano l’approccio globale al COVID, ha sintetizzato i dati di uno studio sul vaiolo delle scimmie pubblicato sul prestigioso New England Journal of Medicine.

 

 

«Il 98% gay/bisessuale; il 41% ha simultaneamente l’HIV; il 95% trasmissione per attività sessuale; il 13% ricoverato per lesioni dermo/anogenitali; nessun decesso. La risposta del governo: l’acquisto/distribuzione indiscriminata di massa del prodotto orthopox non replicante JYNNEOS? Ma per favore!» ha scritto il dottor McCullough, criticando l’ennesima contraddittoria politica vaccinale del governo USA.

 

Come riportato da Renovatio 21, vari focolai sono stati collegati agli eventi del mese del cosiddetto «orgoglio gay», dalla parata di Los Angeles ad una feste alle Canarie da cui sarebbero provenuti i primi casi europei.

 

La preminenza di casi negli uomini gay era stata  dichiarata anche da un’indagine dell’Agenzia sanitaria britannica che rilevava che 151 casi su 152 esaminati (il 99%) riguardavano uomini che «si identificano come gay». Questo dato aveva sollevato grandi polemiche, anche in Italia.

 

La prima proposta concreta dell’OMS è stata, tuttavia, cambiare il nome alla malattia, vedendovi un rischio di razzismo.

 

Come riportato da Renovatio 21, il vaiolo delle scimmie fu protagonista di una profetica simulazione partecipata dall’OMS e dalla Fondazione Gates nel 2021. La ONG per il controllo delle armi di distruzioni di massa NITI, fondata dall’ex ministro della Difesa USA William Perry, mise in scena una situazione in cui il virus del vaiolo delle scimmie è stato progettato da bioterroristi per resistere ai vaccini

 

Lo stesso Gates, mesi prima dello scoppio dei casi, aveva iniziato a parlare di vaiolo, collegandolo al rischio di bioterrorismo. Da notare come alcune fiale contenenti un tipo di vaiolo, pensato eradicato, furono ritrovate misteriosamente abbandonate in un frigo di laboratori americani.

 

Renovatio 21 4 anni fa riportava la notizia della bizzarra approvazione da parte dell’ente regolatorio farmaceutico americano FDA riguardo ad un farmaco antivaiolo, dove si citò sempre questa questione del bioterrorismo.

 

Di bioterrorismo, e in particolare di bioterrorismo a base di vaiolo l’anno scorso attaccò a parlare il primo finanziatore dell’OMS, William Henry Gates III, che vuole istituire i Germ Games, vere e proprie Olimpiadi della «prevenzione pandemica» atte al suo programma di controllo totale del rischio pandemico.

 

Mettere insieme i tasselli, ad un certo punto, può diventare un’operazione difficile da resistere.

 

 

 

 

 

 

Immagine di Ben Taverner via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 2.0 Generic (CC BY 2.0)

 

 

 

 

Continua a leggere

Essere genitori

I giudici inglesi condannano alla morte in ospedale un altro bambino

Pubblicato

il

Da

La Corte di appello di Londra si è espressa contro il ricorso dei genitori del 12enne comatoso Archie Battersbee, dando così ragione ai medici del Royal London Hospital che intendono «staccare la spina» e quindi abbandonare il piccolo alla morte in ospedale.

 

Poco prima della sentenza, il padre di Archie ha avuto un attacco cardiaco. Ora si trova in gravi condizioni. Gli avvocati avevano quindi chiesto un rinvio causa malore. Non è stato concesso neanche quello. Tuttavia, è stato concesso di rinviare la fine della ventilazione artificiale affinché la coppia possa rivolgersi alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo (CEDU).

 

Era stata l’équipe medica che vuole abbandonare il bambino alla morte a chiedere ai giudici se fosse giusto proseguire le cure al bambino, visto che loro, i medici, credono che il bambino sia senza speranza di guarire.

 

Si è trattato di una sentenza secondo grado: in primo grado i giudici britannici avevano detto interrompere tutte le cure che tengono vivo il bambino, come la ventilazione artificiale. Il principio giuridico tirato in ballo è quello per cui la tutela del minore prevale sulla volontà dei genitori: e tutelare il bambino qui significa ucciderlo. Il problema è che oramai pochi considerano questa un patente, pericolosa contraddizione.

 

C’è poi la questione spirituale. I genitori di Archie sono ritenuti spinti dal loro sentimento religioso, che li ha fatti opporre da sempre al concetto del «fine vita» moderno. Ai giudici non basta: e su questo erano stati chiarissimi già con Charlie Gard.

 

Archie, bambino dell’Essex, era stato trovato impiccato nella sua stanza ad aprile. Secondo alcuni, si sarebbe potuto trattare di una sfida via internet, tuttavia la tragedia fu classificata come «incidente domestico».

 

Signore e signori, ci risiamo. Ecco la giustizia inglese che condanna a morte un bambino perché morire è nel suo «best interest». La morte come miglior interesse di un bimbo. Siamo arrivati qui.

 

Dopo Charlie e Alfie, non poteva mancare Archie. Perché non si tratta di casi isolati: si tratta della meccanica stessa della società britannica.

 

Si tratta, come ripetuto spesso da Renovatio 21, della filosofia utilitarista (che, ricordiamo, nasce proprio a Londra…) divenuta sistema operativo fondamentale della società, che determina, per legge, la vita e la morte delle persone – cioè, l’uccisioni di innocenti qualora deboli o incapaci di trarre piacere dalla vita, un impeto sterminatore che abbiamo visto in Germania con Hitler, dove le vite dei bambini come Archie, Charlie, Alfie venivano definite lebensunwerten leben, «vita indegna di essere vissuta».

 

Almeno, i nazisti procedevano all’assassinio di massa con teschi e svastiche, gli inglesi invece hanno giudici in parrucca.

 

 

 

 

Continua a leggere

Big Pharma

Tossicologia contro virologia: il Rockefeller Institute e la frode criminale della polio

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di William F. Engdahl. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

 

Uno dei risultati del presunto nuovo virus SARS COVID emerso pubblicamente nel 2019 è che la specializzazione medica in virologia è stata elevata a una statura quasi divina nei media. Pochi comprendono le origini della virologia e la sua elevazione a un ruolo di primo piano nella pratica medica odierna. Per questo dobbiamo guardare alle origini e alla politica del primo istituto di ricerca medica d’America, il Rockefeller Institute for Medical Research, oggi Rockefeller University, e al loro lavoro su quello che sostenevano fosse un virus della poliomielite.

 

 

Nel 1907 un’epidemia di malattia a New York City diede al direttore del Rockefeller Institute, Simon Flexner, MD, un’occasione d’oro per rivendicare la scoperta di un «virus» invisibile causato da quella che fu arbitrariamente chiamata poliomielite. La parola poliomielite significa semplicemente infiammazione della sostanza grigia del midollo spinale.

 

Quell’anno c’erano circa 2.500 newyorkesi, per lo più bambini, designati con una qualche forma di poliomielite, inclusa la paralisi e persino la morte.

 

 

La frode di Flexner

L’aspetto più sorprendente dell’intera saga della poliomielite negli Stati Uniti durante la prima metà del 20° secolo è stato il fatto che ogni fase chiave dell’attività era controllata da persone legate a quella che divenne la cabala medica dei Rockefeller.

 

Questa frode è iniziata con le affermazioni del direttore del Rockefeller Institute, Simon Flexner, secondo cui lui e il suo collega, Paul A. Lewis, avevano «isolato» un agente patogeno, invisibile agli occhi, più piccolo persino dei batteri, che secondo loro ha causato la paralisi malattia in una serie di focolai negli Stati Uniti. Come sono arrivati ​​a questa idea?

 

In un articolo pubblicato nel 1909 sul Journal of American Medical Association, Flexner affermò che lui e Lewis avevano isolato il virus della poliomielite responsabile. Riferiva che avevano «fatto passare» con successo la poliomielite attraverso diverse scimmie, da scimmia a scimmia. Iniziarono iniettando nel cervello delle scimmie il tessuto malato del midollo spinale umano di un ragazzo morto, presumibilmente a causa del virus. Dopo che una scimmia si era ammalata, una sospensione del suo tessuto malato del midollo spinale fu iniettata nel cervello di altre scimmie che si ammalarono anche loro.

 

Proclamarono che i medici del Rockefeller Institute avevano quindi dimostrato la causalità del virus della poliomielite per la misteriosa malattia. Non avevano fatto niente del genere. Flexner e Lewis avevano persino ammesso che: «Non siamo riusciti a scoprire i batteri, né nei preparati per film né nelle colture, che potrebbero spiegare la malattia; e poiché nella nostra lunga serie di propagazioni del virus nelle scimmie nessun animale ha mostrato, nelle lesioni, i cocchi descritti da alcuni ricercatori precedenti, e non eravamo riusciti a ottenere alcun batterio del genere dal materiale umano da noi studiato, ci siamo sentiti che potrebbero essere esclusi dalla considerazione».

 

Quello che poi fecero fu fare una bizzarra supposizione, un atto di fede, non un’affermazione scientifica. Presero la loro ipotesi di un agente esogeno virale e la resero realtà, senza alcuna prova. Essi affermarono:

 

«Quindi, …l’agente infettante della poliomielite epidemica appartiene alla classe dei virus minuti e filtrabili che finora non sono stati dimostrati con certezza al microscopio». Quindi?

 

Simon Flexner aveva semplicemente affermato che «deve» essere un virus della poliomielite che uccide le scimmie, perché non riuscivano a trovare altra spiegazione.

 

Infatti non aveva cercato un’altra fonte di malattie. Questo non era isolamento scientifico. Era una speculazione selvaggia: «non è stato finora dimostrato con certezza al microscopio».

 

Lo ammisero in un follow-up del 18 dicembre 1909 su JAMA, intitolato «La natura del virus della poliomelite epidemica».

 

Il cosiddetto “virus” che stavano iniettando nelle scimmie non era affatto puro. Conteneva anche una quantità indeterminata di contaminanti.

 

Comprendeva «midollo spinale, cervello, materia fecale purificati, persino le mosche erano state macinate e iniettate nelle scimmie per indurre la paralisi». Fino a quando Jonas Salk non ottenne l’approvazione dal governo degli Stati Uniti nell’aprile 1955 per un vaccino contro la poliomielite, non era stata dimostrata alcuna prova scientifica dell’esistenza di un virus che causava la poliomielite, o paralisi infantile come era comunemente noto.

 

Questo è il caso fino ad oggi. Tutto il mondo medico ha creduto alla parola di Flexner che «deve» essere un virus.

 

 

Rockefeller Institute, Flexner e l’American Medical Association

Il Rockefeller Institute è stato fondato dalla fortuna della Standard Oil di John D. Rockefeller nel 1901, per essere il primo istituto biomedico d’America. È stato modellato sull’Istituto Pasteur francese (1888) e sull’Istituto tedesco Robert Koch (1891).

 

l suo primo direttore, Simon Flexner, ha svolto un ruolo fondamentale e criminale nell’evoluzione di quella che è diventata una pratica medica americana approvata. L’obiettivo dei Rockefeller era controllare completamente la pratica medica americana e trasformarla in uno strumento, almeno inizialmente, per la promozione di farmaci approvati dagli interessi dei Rockefeller. A quel punto stavano cercando di monopolizzare i farmaci prodotti dalla loro raffinazione del petrolio, come avevano fatto con il petrolio.

 

Mentre il capo del Rockefeller Institute, Simon Flexner, pubblicava i suoi studi inconcludenti ma molto acclamati sulla poliomielite, fece in modo che suo fratello, Abraham Flexner, un insegnante di scuola senza background medico, dirigesse uno studio congiunto dell’American Medical Association (AMA), il Rockefeller General Education Board e la Carnegie Foundation fondata dall’amico intimo di Rockefeller, Andrew Carnegie.

 

Lo studio del 1910 era intitolato The Flexner Report e il suo scopo apparente era quello di indagare sulla qualità di tutte le scuole di medicina statunitensi. L’esito della relazione era, tuttavia, predeterminato. I legami tra il ben dotato Rockefeller Institute e l’AMA passarono attraverso il capo corrotto dell’AMA, George H. Simmons.

 

Simmons è stato anche editore dell’influente Journal of the American Medical Association, una pubblicazione consegnata a circa 80.000 medici in tutta l’America. Secondo quanto riferito, esercitava il potere assoluto sull’associazione dei medici. Ha controllato l’aumento delle entrate pubblicitarie per le aziende farmaceutiche per promuovere i loro farmaci ai medici AMA nella sua rivista, un’attività altamente redditizia.

 

È stato una parte fondamentale del colpo di Stato medico dei Rockefeller che doveva ridefinire completamente la pratica medica accettabile dal trattamento riparativo o preventivo all’uso di farmaci spesso mortali e costosi interventi chirurgici.

 

Come capo dell’AMA Simmons si rese conto che la concorrenza di una proliferazione di scuole di medicina, tra cui chiropratica, osteopatia, omeopatia e medicina naturale allora riconosciute, stava riducendo le entrate dei suoi medici AMA, poiché il numero di scuole di medicina era aumentato da circa 90 nel 1880 a oltre 150 nel 1903.

 

Abraham Flexner, ex preside di una scuola privata, visitò varie scuole di medicina degli Stati Uniti nel 1909 e raccomandò di chiudere completamente la metà delle 165 scuole di medicina, come quelle che definì «al di sotto degli standard». Ciò ridusse la concorrenza di altri approcci alla guarigione delle malattie.

 

Presero di mira spietatamente le scuole di medicina naturopatica allora diffuse, quelle di chiropratica, gli osteopati e le scuole allopatiche indipendenti non disposte ad aderire al regime AMA.

 

Quindi i soldi dei Rockefeller sono andati alle scuole selezionate a condizione che i professori fossero controllati dal Rockefeller Institute e il curriculum si concentrasse su farmaci e chirurgia come trattamento, non prevenzione, né nutrizione, né tossicologia come possibili cause e soluzioni. Dovettero accettare la teoria della malattia dai germi di Pasteur, che rivendica il riduzionismo di un germe per una malattia.

 

I media controllati dai Rockefeller hanno lanciato una caccia alle streghe coordinata contro tutte le forme di medicina alternativa, rimedi erboristici, vitamine naturali e chiropratica, tutto ciò che non è controllato dai farmaci brevettati dai Rockefeller.

 

Nel 1919 il Rockefeller General Education Board e la Rockefeller Foundation avevano pagato più di 5.000.000 di dollari alla Johns Hopkins, Yale e alla Washington University nelle scuole di medicina di St. Louis.

 

Nel 1919 John D. Rockefeller concesse altri 20.000.000 di dollari in titoli «per il progresso dell’educazione medica negli Stati Uniti». Sarebbe paragonabile a circa 340 milioni di dollari oggi, una somma enorme.

 

In breve, gli interessi finanziari dei Rockefeller avevano dirottato l’istruzione medica e la ricerca medica americane negli anni ’20.

 

 

Creazione della virologia

Questa acquisizione medica, sostenuta dall’organizzazione di medici più influenti, l’AMA, e dal suo capo corrotto, Simmons, ha permesso a Simon Flexner di creare letteralmente la virologia moderna secondo le regole di Rockefeller.

 

Il controverso Thomas Milton Rivers, in qualità di direttore del laboratorio di virologia del Rockefeller Institute, stabilì la virologia come un campo indipendente, separato dalla batteriologia, negli anni ’20. Si resero conto che potevano manipolare molto più facilmente quando potevano rivendicare agenti patogeni mortali che erano germi o «virus» invisibili. Ironia della sorte, virus viene dal latino per veleno.

 

La virologia, una frode medica riduzionista, era una creazione della cabala medica dei Rockefeller. Quel fatto molto importante è sepolto negli annali della medicina oggi. Malattie come il vaiolo o il morbillo o la poliomielite sono state dichiarate causate da agenti patogeni invisibili chiamati virus specifici.

 

Se gli scienziati potevano «isolare» il virus invisibile, in teoria potrebbero trovare vaccini per proteggere le persone dai danni. Quindi la loro teoria è passata. Fu un enorme vantaggio per il cartello Rockefeller delle aziende farmaceutiche, che all’epoca includeva prodotti per la casa americani che promuovevano falsamente farmaci senza prove di effetto, come la preparazione H per le emorroidi o l’Advil per alleviare il dolore; Sterling Drug, che ha rilevato le attività statunitensi tra cui l’aspirina della tedesca Bayer AG dopo la prima guerra mondiale; Winthrop chimica; American Cyanamid e la sua controllata Lederle Laboratories; Squibb e Monsanto.

 

Presto i ricercatori di virus del Rockefeller Institute, oltre a rivendicare la scoperta del virus della poliomielite, affermarono di aver scoperto i virus che causavano il vaiolo, la parotite, il morbillo e la febbre gialla.

 

Poi hanno annunciato la «scoperta» di vaccini preventivi per polmonite e febbre gialla. Tutte queste «scoperte» annunciate dall’Istituto si sono rivelate false. Con il controllo della ricerca nella nuova area della virologia, il Rockefeller Institute, in collusione con Simmons all’AMA e il suo altrettanto corrotto successore, Morris Fishbein, potrebbe promuovere nuovi vaccini brevettati o «rimedi» farmacologici nell’influente rivista AMA che andò a ogni medico membro in America.

 

Le compagnie farmaceutiche che si rifiutavano di pagare per gli annunci sul giornale AMA sono state censurate dall’AMA.

 

 

Controllo della ricerca sulla poliomielite

Simon Flexner e l’altamente influente Rockefeller Institute riuscirono nel 1911 a far entrare i sintomi che venivano chiamati poliomielite nella legge sulla salute pubblica degli Stati Uniti come «malattia contagiosa e infettiva causata da un virus nell’aria».

 

Eppure anche loro hanno ammesso di non aver dimostrato come la malattia entri nel corpo degli esseri umani. Come fece notare un medico esperto in una rivista medica nel 1911, «La nostra attuale conoscenza dei possibili metodi di contagio si basa quasi interamente sul lavoro svolto in questa città al Rockefeller Institute».

 

Nel 1951 il dottor Ralph Scobey, un critico della corsa dei Rockefeller al giudizio sul contagio della poliomielite, osservò: «Questo ovviamente faceva affidamento sugli esperimenti sugli animali piuttosto che sulle indagini cliniche».

 

Scobey sottolineò anche la mancanza di prove che la poliomielite fosse contagiosa: «i bambini colpiti dalla malattia sono stati tenuti nei reparti ospedalieri generali e che nessuno degli altri detenuti dei reparti dell’ospedale è stato colpito dalla malattia». L’atteggiamento generale di allora si riassumeva nel 1911: «Ci sembra, nonostante la mancanza di prove assolute, che il migliore interesse della comunità sarebbe preservato dal nostro riguardo alla malattia da un punto di vista contagioso».(sic).

 

Avendo i sintomi della poliomielite classificati come una malattia altamente contagiosa causata da un virus invisibile, presunto esogeno o esterno, il Rockefeller Institute e l’AMA sono stati in grado di interrompere qualsiasi ricerca seria per spiegazioni alternative come l’esposizione a pesticidi chimici o altre tossine, per spiegare le epidemie stagionali di malattie e paralisi, persino la morte, soprattutto nei bambini molto piccoli.

 

Ciò avrebbe avuto conseguenze fatali che durano fino ai giorni nostri.

 

 

Arriva il  DDT

Nella sua dichiarazione del 1952 alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti che indagava sui possibili pericoli delle sostanze chimiche nei prodotti alimentari, il dottor Ralph R. Scobey, osservò:

 

«Per quasi mezzo secolo le indagini sulla poliomielite sono state dirette verso un presunto virus esogeno che entra nel corpo umano per causare la malattia. Il modo in cui viene ora enunciata la Legge sulla Sanità Pubblica, impone solo questo tipo di indagine. Non sono stati invece effettuati studi approfonditi per determinare se il cosiddetto virus della poliomielite sia o meno una sostanza chimica autoctona che non entra affatto nel corpo umano, ma semplicemente risulta da uno o più fattori esogeni, poiché esempio, un veleno alimentare»

 

Le tossine come causa non sono state studiate, nonostante le enormi prove.

 

Durante gli anni ’30 con la depressione economica e poi la guerra, furono notati pochi nuovi importanti focolai di poliomielite. Tuttavia, subito dopo la fine della seconda guerra mondiale, in particolare, il dramma della poliomielite esplose in dimensioni.

 

A partire dal 1945, ogni estate a sempre più bambini in tutta l’America veniva diagnosticata la poliomielite e ricoverati in ospedale. Meno dell’1% dei casi è stato effettivamente testato tramite esami del sangue o delle urine. Circa il 99% è stato diagnosticato semplicemente per la presenza di sintomi come dolore acuto alle estremità, febbre, mal di stomaco, diarrea.

 

Nel 1938, con il sostegno della presunta vittima della poliomielite, Franklin D. Roosevelt, fu fondata la National Foundation for Infantile Paralysis (March of Dimes) per sollecitare donazioni esenti da tasse per finanziare la ricerca sulla poliomielite.

 

Un medico e ricercatore tedesco, il dottor Henry Kumm, arrivò negli Stati Uniti e si unì al Rockefeller Institute nel 1928 dove rimase fino a quando, nel 1951, entrò a far parte della National Foundation come Direttore della ricerca sulla polio. Kumm fu raggiunto presso la National Foundation da un altro veterano chiave del Rockefeller Institute, il cosiddetto «padre della virologia», Thomas M. Rivers, che ha presieduto il comitato consultivo per la ricerca sui vaccini della fondazione che ha supervisionato la ricerca di Jonas Salk. Queste due figure chiave del Rockefeller Institute controllavano così i fondi per la ricerca sulla poliomielite, compreso lo sviluppo di un vaccino.

 

Durante la seconda guerra mondiale, mentre era ancora al Rockefeller Institute, Henry Kumm è stato consulente dell’esercito americano dove ha supervisionato gli studi sul campo in Italia. Lì Kumm ha diretto studi sul campo per l’uso del DDT contro il tifo e le zanzare malariche nelle paludi vicino a Roma e Napoli.

 

Il DDT era stato brevettato come insetticida dalla società farmaceutica svizzera Geigy e dalla sua filiale statunitense nel 1940 e autorizzato per la prima volta per l’uso sui soldati dell’esercito americano nel 1943 come disinfettante generale contro pidocchi, zanzare e molti altri insetti. Fino alla fine della guerra, quasi tutta la produzione di DDT negli Stati Uniti andava alle forze armate. Nel 1945 le aziende chimiche cercavano con impazienza nuovi mercati. Li trovarono.

 

All’inizio del 1944, i giornali statunitensi riportarono trionfalmente che il tifo, «la temuta piaga che ha seguito la scia di ogni grande guerra della storia», non era più una minaccia per le truppe americane e i loro alleati grazie alla nuova «uccisione dei pidocchi» dell’esercito in polvere, il DDT.

 

In un esperimento a Napoli, i soldati americani impolverarono più di un milione di italiani con il DDT sciolto con cherosene (!), uccidendo i pidocchi che diffondono il tifo

 

Henry Kumm del Rockefeller Institute e l’esercito degli Stati Uniti sapevano che, come disse un ricercatore, «il DDT era un veleno, ma era abbastanza sicuro per la guerra». Qualsiasi persona danneggiata dal DDT sarebbe una vittima accettata del combattimento.

 

Il governo degli Stati Uniti aveva «limitato» un rapporto sugli insetticidi pubblicato dall’Office of Scientific Research and Development nel 1944 che metteva in guardia contro gli effetti tossici cumulativi del DDT nell’uomo e negli animali.

 

Il dottor Morris Biskind osservava in un articolo del 1949: «Poiché il DDT è un veleno cumulativo, è inevitabile che si verifichi un’intossicazione su larga scala della popolazione americana».

 

Nel 1944, Smith e Stohlman del National Institutes of Health, dopo un ampio studio sulla tossicità cumulativa del DDT, sottolineavano: «La tossicità del DDT combinata con la sua azione cumulativa e l’assorbibilità dalla pelle pone un chiaro pericolo per la salute sul suo uso». I loro avvertimenti sono stati ignorati dagli alti funzionari.

 

Invece, dopo il 1945, in tutta l’America il DDT fu promosso come il nuovo miracoloso pesticida «sicuro», proprio come il Roundup della Monsanto con glifosato tre decenni dopo.

 

Si diceva che il DDT fosse innocuo per l’uomo. Ma nessuno nel governo stava seriamente testando scientificamente tale affermazione. Un anno dopo, nel 1945, alla fine della guerra, i giornali statunitensi elogiarono il nuovo DDT come una sostanza «magica», un «miracolo». Time definì il DDT «una delle grandi scoperte scientifiche della Seconda Guerra Mondiale».

 

Nonostante gli avvertimenti isolati di effetti collaterali non testati, che si trattava di una sostanza chimica tossica persistente che si accumula facilmente nella catena alimentare, il governo degli Stati Uniti ha approvato il DDT per uso generale nel 1945.

 

La Food and Drug Administration (FDA), controllata da Rockefeller-AMA -interessi farmaceutici, stabilì come «sicuro» un contenuto di DDT fino a 7 parti per milione negli alimenti, sebbene nessuno lo avesse dimostrato.

 

Le aziende chimiche del DDT hanno alimentato la stampa con foto e aneddoti. I giornali hanno riportato con entusiasmo come la nuova sostanza chimica miracolosa, il DDT, fosse testata negli Stati Uniti contro le zanzare nel sud ritenute portatrici della malaria, oltre a «preservare i vigneti dell’Arizona, i frutteti del West Virginia, i campi di patate dell’Oregon, i campi di grano dell’Illinois e i caseifici dell’Iowa». Il DDT era ovunque negli Stati Uniti alla fine degli anni ’40.

 

Il governo degli Stati Uniti ha affermato che il DDT, a differenza dell’arsenico e di altri insetticidi usati prima della guerra, era innocuo per gli esseri umani, anche per i bambini, e poteva essere usato liberamente.

 

A partire dal 1945 città come Chicago hanno spruzzato spiagge pubbliche, parchi, piscine. Le casalinghe hanno acquistato erogatori DDT spray per la casa per spruzzare la cucina e soprattutto le stanze dei bambini, anche i loro materassi.

 

gli agricoltori è stato detto di spruzzare i loro raccolti e i loro animali, in particolare le mucche da latte, con il DDT. Nell’America del dopoguerra il DDT veniva promosso, soprattutto dalle compagnie farmaceutiche Rockefeller come American Home Products con il suo spray DDT aerosol Black Flag e Monsanto. Dal 1945 al 1952 la produzione statunitense di DDT aumentò di dieci volte.

 

Poiché presunti casi di poliomielite sono letteralmente esplosi negli Stati Uniti dopo il 1945, la teoria è stata avanzata, senza prove, che la paralizzante malattia della poliomielite fosse trasmessa non da pesticidi tossici come il DDT, ma da zanzare o mosche agli esseri umani, in particolare bambini piccoli o bambini.

 

Il messaggio era che il DDT può proteggere in sicurezza la tua famiglia dalla paralizzante poliomielite. I casi di poliomielite elencati ufficialmente passarono da circa 25.000 nel 1943 prima dell’uso civile statunitense del DDT, a oltre 280.000 casi nel 1952 al picco, più di un aumento di dieci volte.

 

Nell’ottobre 1945 il DDT, che era stato utilizzato dall’esercito degli Stati Uniti sotto la supervisione dell’Henry Kumm del Rockefeller Institute, come notato, fu autorizzato dal governo degli Stati Uniti per l’uso generale come insetticida contro zanzare e mosche.

 

Gli scienziati dissenzienti che avvertivano degli effetti tossici del DDT negli esseri umani e negli animali sono stati messi a tacere. Alle famiglie fu detto che il DDT poteva salvare i loro figli dalla temuta poliomielite uccidendo i temuti insetti.

 

Il Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti ha consigliato agli allevatori di lavare le loro vacche da latte con una soluzione di DDT per combattere zanzare e mosche. I campi di grano sono stati irrorati in aereo con DDT così come i frutteti. Tuttavia era incredibilmente persistente e il suo effetto tossico su piante e verdure era tale che non poteva essere lavato via. Anno dopo anno, dal 1945 al 1952, la quantità di DDT spruzzato negli Stati Uniti è aumentata. In particolare, così anche il numero di casi umani di poliomielite.

 

 

La peggiore epidemia di poliomielite

All’inizio degli anni ’50 il Congresso degli Stati Uniti e gli agricoltori prestarono sempre maggiore attenzione ai possibili pericoli di un uso così pesante di pesticidi, non solo il DDT, ma anche l’ancora più tossico BHC (esacloruro di benzene).

 

Nel 1951 Morton Biskind, un medico che aveva curato con successo diverse centinaia di pazienti con avvelenamento da DDT, testimoniò alla Camera dei rappresentanti degli Stati Uniti sul possibile legame della poliomielite paralitica con le tossine, in particolare DDT e BHC.

 

Notò che

 

«L’introduzione ad uso generalizzato incontrollato da parte del pubblico dell’insetticida “DDT” (clorofenotano) e la serie di sostanze ancor più mortali che ne sono seguite, non ha precedenti nella storia. Senza dubbio, nessun’altra sostanza conosciuta dall’uomo si è mai sviluppata prima così rapidamente e si è diffusa indiscriminatamente su una porzione così ampia della terra in un tempo così breve. Ciò è tanto più sorprendente in quanto, al momento del rilascio del DDT per uso pubblico, nella letteratura medica era già disponibile una grande quantità di dati che mostravano che questo agente era estremamente tossico per molte specie diverse di animali, che veniva accumulato cumulativamente nel grasso corporeo e che è apparso nel latte. In questo momento erano stati segnalati anche alcuni casi di avvelenamento da DDT negli esseri umani. Queste osservazioni sono state quasi completamente ignorate o male interpretato.».

 

Biskind inoltre testimoniò al Congresso alla fine del 1950:

 

«All’inizio dell’anno scorso ho pubblicato una serie di osservazioni sull’avvelenamento da DDT nell’uomo. Dal momento che poco dopo l’ultima guerra era stato osservato da medici in tutto il paese un gran numero di casi in cui si verificava un gruppo di sintomi, la cui caratteristica più evidente era la gastroenterite, sintomi nervosi persistenti ricorrenti ed estrema debolezza muscolare».

 

Descrisse diversi esempi di casi di pazienti i cui sintomi gravi, inclusa la paralisi, sono scomparsi quando l’esposizione al DDT e alle tossine correlate fu  eliminata:

 

«La mia esperienza originale su più di 200 casi che ho riportato all’inizio dell’anno scorso è stata considerevolmente estesa. Le mie successive osservazioni non solo hanno confermato l’opinione che il DDT sia responsabile di una grande quantità di disabilità umana altrimenti inspiegabile ».

 

Fu anche notato il fatto che i casi di poliomielite erano sempre più frequenti nei mesi estivi, quando l’irrorazione di DDT contro gli insetti era massima.

 

Gli agenti del Rockefeller Institute e l’AMA, tramite i loro agenti nel governo degli Stati Uniti, hanno creato l’emergenza sanitaria statunitense del 1946-1952 chiamata polio. Lo hanno fatto promuovendo consapevolmente il DDT altamente tossico come un modo sicuro per controllare i mitici diffusori di insetti della temuta malattia.

 

La loro campagna di propaganda convinse la popolazione americana che il DDT era la chiave per fermare la diffusione della poliomielite.

 

 

La poliomielite diminuisce improvvisamente

Sotto la guida dei due medici del Rockefeller Institute, Henry Kumm e Thomas Rivers, la National Foundation for Infantile Paralysis (NFIP) respinse critici come Biskind e Scobey.

 

Il trattamento correttivo naturale, come l’uso di vitamina C per via endovenosa per la paralisi infantile, è stato respinto a priori come «ciarlataneria”».

 

Nell’aprile 1953, il principale consulente DDT del Rockefeller Institute, il dottor Henry Kumm, divenne direttore della ricerca sulla polio per NFIP. Finanziò la ricerca sul vaccino contro la poliomielite di Jonas Salk.

 

Un coraggioso medico della Carolina del Nord, il dottor Fred R. Klenner, che aveva anche studiato chimica e fisiologia, ebbe l’idea di usare grandi dosi di acido ascorbico per via endovenosa, la vitamina C, nell’ipotesi che i suoi pazienti fossero vittime di avvelenamento da tossine e che la vitamina C era una potente disintossicazione. Ciò avvenne ben prima della ricerca del Premio Nobel del dottor Linus Pauling sulla vitamina C.

 

Klenner ebbe un notevole successo in pochi giorni per più di 200 pazienti nelle epidemie estive dal 1949 al 1951.

 

Il Rockefeller Institute e l’AMA non avevano alcun interesse per le prospettive correttive. Loro e la National Foundation for Infantile Paralysis, controllata dai Rockefeller, stavano solo finanziando lo sviluppo del vaccino contro la poliomielite, sulla base dell’affermazione non provata di Flexner secondo cui la polio era un virus contagioso, non il risultato di un veleno ambientale.

 

Poi, a partire dal 1951-1952, quando i casi di poliomielite erano ai massimi storici, iniziò ad apparire qualcosa di inaspettato. Il numero di casi diagnosticati come poliomielite negli Stati Uniti ha iniziato a diminuire. Il calo delle vittime della poliomielitefu drammatico, anno dopo anno fino al 1955, ben prima che la National Foundation e il vaccino antipolio di Jonas Salk fossero approvati per l’uso pubblico e fossero diffusi.

 

Circa un anno prima dell’improvviso calo dei casi di poliomielite, gli allevatori, le cui vacche da latte stavano subendo gravi effetti del DDT, furono consigliati dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti di ridurre l’uso del DDT.

 

La crescente preoccupazione dell’opinione pubblica su quanto fosse sicuro il DDT per gli esseri umani, comprese le udienze pubblicizzate al Senato degli Stati Uniti su DDT e polio nel 1951, portò anche a un calo significativo dell’esposizione al DDT nel 1955, anche se il DDT non fu ufficialmente bandito negli Stati Uniti fino al 1972.

 

I cosiddetti casi di «polio» diminuirono di circa due terzi nel periodo 1952-1956, in un notevole parallelo con il declino dell’uso del DDT.

 

Fu molto tempo dopo quel declino, alla fine del 1955 e nel 1956, che il vaccino antipolio Salk sviluppato da Rockefeller fu somministrato per la prima volta a grandi popolazioni.

 

Salk e l’AMA hanno dato tutto il merito al vaccino. I decessi e la paralisi a seguito del vaccino Salk sono stati oscurati. Il governo ha modificato la definizione di poliomielite per ridurre ulteriormente i casi ufficiali.

 

Contemporaneamente, sono aumentati notevolmente casi di malattie simili alla poliomielite del nervo del midollo spinale – paralisi flaccida acuta, sindrome da stanchezza cronica, encefalite, meningite, sindrome di Guillain-Barré, sclerosi muscolare.

 

 

Perché importa

Oltre un secolo fa l’uomo più ricco del mondo, il barone del petrolio John D. Rockefeller, e la sua cerchia di consulenti si accinsero a riorganizzare completamente il modo in cui la medicina veniva praticata negli Stati Uniti e nel resto del mondo.

 

Il ruolo del Rockefeller Institute e figure come Simon Flexner hanno letteralmente supervisionato l’invenzione di una colossale frode medica intorno alle affermazioni secondo cui un germe estraneo contagioso invisibile, il virus della poliomielite, causava una paralisi acuta e persino la morte nei giovani.

 

Hanno bandito politicamente qualsiasi tentativo di collegare la malattia all’avvelenamento da tossine, sia da DDT che da pesticidi arsenico o persino avvelenamento da vaccini contaminati. Il loro progetto criminale includeva una stretta collaborazione con la leadership dell’AMA e il controllo dell’industria farmaceutica emergente, nonché dell’educazione medica.

 

Lo stesso gruppo Rockefeller finanziò l’eugenetica nazista presso il Kaiser Wilhelm Institutes in Germania negli anni ’30 e l’American Eugenics Society. Negli anni ’70 finanziarono la creazione di semi OGM brevettati che furono tutti sviluppati dal gruppo di società di pesticidi chimici Rockefeller: Monsanto, DuPont, Dow.

 

Oggi questo controllo della salute pubblica e del complesso medico-industriale è esercitato dal sostenitore dell’eugenetica protetto di David Rockefeller, Bill Gates, autoproclamato zar dell’OMS e dei vaccini mondiali.

 

Il dottor Tony Fauci, capo del NIAID, detta gli obblighi dei vaccini senza prove. La frode dietro lo scandalo del virus della poliomielite dopo la seconda guerra mondiale è stata perfezionata con l’uso di modelli informatici e altri stratagemmi oggi, per far avanzare un presunto virus mortale dopo l’altro, dal COVID-19 al vaiolo delle scimmie all’HIV.

 

Come con la poliomielite, nessuno di questi è stato scientificamente isolato e ha dimostrato di causare le malattie dichiarate. Nessuno.

 

Oggi la stessa fondazione esentasse Rockefeller, fingendosi un ente di beneficenza filantropico, è al centro della tirannia medica globale dietro il COVID-19 e l’agenda eugenetica del Great Reset del World Economic Forum Great Reset.

 

Il loro modello di virus della poliomielite li ha aiutati a creare questa tirannia medica distopica.

 

Ci viene detto: «fidati nella scienza».

 

 

William F. Engdahl

 

 

 

F. William Engdahl è consulente e docente di rischio strategico, ha conseguito una laurea in politica presso la Princeton University ed è un autore di best seller sulle tematiche del petrolio e della geopolitica. È autore, fra gli altri titoli, di Seeds of Destruction: The Hidden Agenda of Genetic Manipulation («Semi della distruzione, l’agenda nascosta della manipolazione genetica»), consultabile anche sul sito globalresearch.ca.

 

 

Questo articolo, tradotto e pubblicato da Renovatio 21 con il consenso dell’autore, è stato pubblicato in esclusiva per la rivista online New Eastern Outlook e ripubblicato secondo le specifiche richieste.

 

 

Renovatio 21 offre la traduzione di questo articolo per dare una informazione a 360º.  Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

PER APPROFONDIRE

Presentiamo in affiliazione Amazon alcuni libri del professor Engdahl


 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari