Connettiti con Renovato 21

Bioetica

Chip cerebrali, «venderanno i vostri pensieri al miglior offerente»

Pubblicato

il

 

 

 

Come riportato da Renovatio 21, la società di impianti neurali di Elon Musk, Neuralink, ha recentemente pubblicato il video di un primate a cui è stata impiantata nel cervello una tecnologia di connessione animale-macchina. Nel video, il macaco, di nome Pager, gioca al videogioco Pong utilizzando semplicemente la propria mente – senza joystick o altre forme di controllo che non sia un chip collegato al sistema nervoso centrale.

 

La pubblica dimostrazione ha segnalato la crescente importanza di Neuralink nella sfera pubblica e ha sollevato importanti domande sulla privacy, la proprietà dei dati e l’etica biomedica.

 

«Senza una regolamentazione adeguata, i tuoi pensieri più intimi e i tuoi dati biometrici potrebbero essere venduti al miglior offerente»

«Anche se sono entusiasta delle applicazioni terapeutiche dei chip cerebrali per chi ha problemi di movimento e memoria, mi preoccupa l’uso diffuso dei chip cerebrali in futuro», ha detto all’ Observer la psicologa cognitiva Susan Schneider.

 

Schneider, direttrice del Center for the Future Mind della Florida Atlantic University, ha criticato per anni le ambizioni di Elon Musk per Neuralink. Nel 2019, la psicologa ha dichiarato che fondere la mente umana con l’Intelligenza artificiale, come Musk ha detto che vuole che faccia l’impianto neurale, sarebbe simile al suicidio.

 

«Senza una regolamentazione adeguata, i tuoi pensieri più intimi e i tuoi dati biometrici potrebbero essere venduti al miglior offerente», ha aggiunto Schneider nella sua ultima intervista.

 

Non ci sono barriere legali che impediscono a un’azienda come Neuralink di raccogliere e vendere dati cognitivi attraverso un impianto neurale consumer, come una versione più invasiva di come Facebook monetizza i tuoi dati

I dati neurologici raccolti come parte di un esperimento o trattamento medico sono protetti da normative come HIPAA. Ma non ci sono barriere legali che impediscono a un’azienda come Neuralink di raccogliere e vendere dati cognitivi attraverso un impianto neurale consumer, come una versione più invasiva di come Facebook monetizza i tuoi dati.

 

Come scrive Futurism, «mentre un impianto neurale in grado di farlo è ancora lontano nel futuro, il fatto che la tecnologia possa superare le normative intese a proteggere il pubblico è allarmante».

 

Continua a leggere

Bioetica

Programma di aborti forzati condotto dall’esercito nigeriano

Pubblicato

il

Da

L’esercito nigeriano avrebbe condotto un orribile programma di aborto forzato usando «l’inganno e la forza fisica» per porre fine alla vita dei neonati di donne incinte e ragazze in custodia dei militari, secondo uno sconvolgente reportage dell’agenzia Reuters.

 

Secondo l’articolo di giornalismo investigativo del 7 dicembre basato su testimonianze, documenti militari e registri ospedalieri, membri dell’esercito nigeriano sarebbero responsabili di aborti commessi su 10.000 o più ragazze e donne dai 12 anni in su. In alcuni casi la gestazione arrivava agli otto mesi. Non è chiaro tuttavia quanti degli aborti siano stati forzati.

 

Reuters afferma di avere resoconti di prima mano di 33 ragazze e donne che hanno raccontato come i loro bambini prematuri sono stati uccisi mentre erano sotto la custodia dell’esercito nigeriano, spesso dopo essere fuggite dalla violenza dei ribelli. In tutti i 33 casi tranne uno, le donne dichiarano che i loro bambini sono stati uccisi contro la loro volontà.

 

Secondo quanto riferito, il presunto «programma di aborto segreto, sistematico e illegale» ha avuto luogo dal 2013 o prima. Le madri che hanno reagito sono state «picchiate, tenute sotto tiro o drogate per obbedire», secondo i resoconti dei testimoni.

 

Le donne che hanno parlato con Reuters hanno detto che i soldati hanno dato loro iniezioni e pillole che secondo loro avrebbero curato malattie o altre condizioni ma che in realtà hanno causato aborti.

 

Secondo quanto riferito, i farmaci usati dai soldati includevano misoprostolo, mifepristone e ossitocina. Secondo quanto riferito, alcune donne hanno anche subito aborti chirurgici. Tra le donne che hanno subito aborti, alcune sarebbero morte.

 

«Se mi avessero lasciato con il bambino, lo avrei voluto», ha detto una delle donne, Bintu Ibrahim, spiegando che sebbene il suo bambino fosse stato concepito durante uno stupro, «quel bambino non aveva fatto nulla di male». La donna ha raccontato che sapeva che il suo bambino non ancora nato era stato ucciso quando ha avuto sanguinamento e dolore dopo che i soldati nigeriani «le hanno fatto due iniezioni senza il suo consenso». Quando lei e altre donne trattate in modo simile hanno implorato risposte, secondo quanto riferito, i militari «hanno minacciato di ucciderle».

 

Come Ibrahim, molte delle donne i cui bambini sono stati uccisi erano rimaste incinte dopo brutali aggressioni sessuali e matrimoni forzati con militanti affiliati ai terroristi islamici di Boko Haram.

 

Secondo quanto scriva l’agenzia, il programma di aborto forzato sarebbe stato sostenuto da visioni di tipo eugenetico: gli operatori sanitari nigeriani che hanno dichiarato a Reuters che il programma era un modo per «sanificare la società» eliminando la prole degli insorti. Tuttavia, alcuni dei soldati coinvolti nella realizzazione del programma avrebbero espresso rimorso per aver praticato gli aborti.

 

L’articolo ammette di non essere in grado di determinare se il numero di aborti superasse i 10.000 o a quante ragazze e donne fosse stata offerta una scelta, nonché di non essere parimenti «in grado di stabilire chi ha creato il programma di aborto o determinare chi nell’esercito o nel governo lo ha gestito».

 

I capi dell’esercito nigeriano negano le accuse. Funzionari nigeriani hanno accusato i giornalisti di fabbricare le informazioni per screditare la lotta del paese da 13 anni contro i militanti islamici.

 

In Nigeria l’aborto, se non per salvare la vita della madre, è un crimine punibile con 14 anni di carcere e una possibile multa per tutte le parti coinvolte, compresa la madre. L’aborto forzato potrebbe portare un colpevole in prigione a vita nel nord dominato dai musulmani, luogo dove si suppone abbia luogo il programma di aborto forzato dei militari.

 

Il portavoce del Dipartimento di Stato americano, Ned Price, ha dichiarato mercoledì che l’agenzia sta cercando di ottenere maggiori informazioni sul rapporto di Reuters.

 

Come noto, la Nigeria subì il ricatto dell’amministrazione Obama riguardo le leggi LGBT, con gli americani a dire che non avrebbero dato ai militari di Lagos le immagini satellitari per stanare Boko Haram qualora non avessero implementato nel Paese il leggi che avrebbero legalizzato l’omosessualità e la contraccezione.

 

Come riportato da Renovatio 21, la Nigeria, che ha appena messo un tetto al contante e si prepara a forzare sulla popolazione una valuta elettronica, è teatro di continui rapimenti, assassinii, devastazioni e stragi di cristiani, anche sacerdoti e suore, al punto che alcuni missionari ritengono il Paese sull’orlo del collasso.

 

In settimana il presidente nigeriano Muhammadu Buhari aveva denunciato l’arrivo tra le mani dei terroristi di armi occidentali destinate all’Ucraina.

 

A inizio anno il Parlamento nigeriano aveva chiesto lo stato di emergenza per il numero oramai incontenibile di sacrifici umani praticati sul territorio.

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Medicina che «afferma il genere»: a che servono comunque le prove?

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

In un altro articolo sulla questione transgender, sul blog dell’Hastings Center, tre accademici della NYU Grossman School of Medicine (tra cui il noto Art Caplan) sostengono che «l’assenza di prove non è assenza di efficacia».

 

Essi notano che lì le prove per la medicina affermativa di genere sono molto deboli:

 

«Pertanto, oltre a mancare di rigore metodologico, i dati disponibili non sono rappresentativi della popolazione. In altre parole, ci sono nella migliore delle ipotesi dati limitati e di scarsa qualità da cui trarre conclusioni da revisioni sistematiche».

 

È vero, riconoscono, non ci sono stati studi controllati randomizzati nella cura del genere pediatrico. Ma sarebbero immorali in ogni caso. «È stato dimostrato che le politiche e la legislazione che limitano o vietano l’accesso alle cure che affermano il genere hanno conseguenze pericolose per la vita. Pertanto, potrebbe essere moralmente discutibile consentire a un gruppo di accedere alla soppressione della pubertà e a un altro gruppo solo di cure psicologiche».

 

Sì, potrebbero esserci dei danni, come l’infertilità o la perdita di massa ossea. Ma «le sfide di un genitore di un bambino disforico [sono] l’intervento medico ora o il suicidio dopo?»

 

Concludono: «Sebbene le prove siano molto desiderabili, potrebbe non essere possibile creare gli studi che le genererebbero senza danneggiare coloro che dovrebbero trarne beneficio».

 

In breve, si può fare a meno delle prove quando l’unico fatto che sappiamo, il fatto cruciale, è che i bambini si suicideranno a meno che non ricevano un trattamento che affermi il genere.

 

Ma dove sono le prove per questo?

 

Secondo la Society for Evidence Based Gender Medicine, i giovani che si identificano trans hanno un rischio leggermente elevato di suicidio, ma questo potrebbe anche essere attribuibile alla depressione o all’autismo.

 

La questione del suicidio riaffiora ripetutamente nei discorsi sull’identificazione trans dei bambini. Se questa è la questione chiave di volta, merita di essere studiata a fondo.

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

Immagine di MissLunaRose12 via Wikimedia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution-ShareAlike 4.0 International (CC BY-SA 4.0); immagine modificata

 

 

 

Continua a leggere

Bioetica

Attivista down sconvolta dalla sentenza eugenetica del tribunale inglese

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo di Bioedge. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

La Corte d’Appello del Regno Unito ha respinto un ricorso legale presentato da una donna con sindrome di Down contro una disposizione dell’Abortion Act che consente l’aborto dei nascituri con disabilità.

 

Heidi Crowter, una donna di 27 anni che ha la sindrome di Down, si è unita a Maire Lee-Wilson, il cui figlio Aidan ha la sindrome di Down, per combattere un emendamento del 1990 che consente l’aborto fino al momento della nascita se «c’è un rischio sostanziale che se il bambino nascesse soffrirebbe di anomalie fisiche o mentali tali da essere gravemente handicappato».

 

La signora Crowter ha dichiarato in un tweet che «quando la mamma mi ha parlato della discriminazione contro i bambini come me nel grembo materno, mi sono sentito come se mi fosse stato piantato un coltello nel cuore. Mi ha fatto sentire meno apprezzato delle altre persone».

 

 

I ricorrenti hanno sostenuto che l’articolo 8 della Convenzione europea dei diritti dell’uomo conferisce il diritto al rispetto del «senso di identità e dei sentimenti di autostima e fiducia in se stessi» delle persone con gravi disabilità.

 

Una legge che consente l’aborto di un feto gravemente disabile interferisce con tale diritto perché trasmette il messaggio che la vita dei nati con una grave disabilità ha un valore minore.

 

Lord Justice Underhill ha spiegato il ragionamento della corte:

 

«Devo sottolineare che questa Corte, come la [Alta] Corte, si occupa solo di una questione di diritto. La questione se, e in caso affermativo in quali circostanze, dovrebbe essere lecito abortire un feto vitale sulla base del fatto che nascerà o potrebbe nascere con una grave disabilità è di grande delicatezza e difficoltà. Ma è una questione che spetta al Parlamento, e non ai tribunali, decidere. L’unica domanda per noi è se il modo in cui è stato deciso nel 1990 implichi una violazione dei diritti della Convenzione dei ricorrenti in quanto persone nate con tale disabilità. Per le ragioni addotte non credo che sia così».

 

Clare Murphy, del British Pregnancy Advisory Service, ha applaudito il verdetto, affermando che la causa intentata da Heidi Crowter è stata un attacco ai diritti delle donne incinte.

 

«Non c’è contraddizione tra una società che sostiene i diritti delle persone disabili e una che consente alle donne di prendere decisioni difficili in situazioni strazianti», ha detto alla BBC.

 

«In caso di successo, questo caso avrebbe potuto avere implicazioni di vasta portata. I ricorrenti hanno sostenuto in tribunale che i feti dovrebbero avere diritti umani – questo non è mai stato deciso dalla legge e andrebbe contro molti anni di precedenti legali nel Regno Unito».

 

 

Michael Cook

 

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

 

 

 

Immagine da Twitter

 

 

 

 

Continua a leggere

Più popolari