Connettiti con Renovato 21

Epidemie

Nuovi campi di concentramento COVID in Australia

Pubblicato

il

Lo Stato del Queensland, Australia, ha orgogliosamente tagliato il nastro di un nuovo campo di quarantena COVID per viaggiatori non vaccinati

 

La struttura, appena aperta, entro aprile accoglierà fino a 1.000 internati. Essa dispone già 500 posti letto e altri 500 dovrebbero essere pronti entro pochi mesi. Si trova appena fuori dalla città di Toowoomba, a circa un’ora di auto da Brisbane, la capitale dello Stato.

 

Il lager ha il rassicurante, orwelliano nome di  «Queensland Regional Accommodation Centre» o «Wellcamp».

 

Nel sito governativo del progetto, è possibile vedere un filmato di presentazione con musichetta allegra.

 

 

Questo ulteriore campo di concentramento pandemico australiano non è più un progetto: è già attivo.

 

Un primo piccolo gruppo di viaggiatori internazionali non vaccinati, che conta meno di 10 persone, è stato portato in autobus da un hotel di quarantena a Brisbane al campo sabato dopo essere arrivato in aereo dalla vicina Nuova Zelanda, secondo ABC News Australia .

 

È bene sottolineare che allo stato attuale solo i viaggiatori non vaccinati verranno inviati al campo, poiché non ci sono più requisiti di quarantena per i viaggiatori completamente vaccinati. I viaggiatori completamente vaccinati devono solo mostrare la prova di un test antigenico rapido negativo effettuato entro 24 ore dall’arrivo nel Paese.

 

In pratica, si tratta precisamente di un lager per non vaccinati.

 

L’Australia è uno dei primi Paesi al mondo ad aver costruito e utilizzato i cosiddetti campi di quarantena (e starebbe continuando a costruirne) e Wellcamp è il secondo ad aver fatto notizia.

 

Sono note le vicende, tra video allucinanti e fughe di ragazzi, del campo di concentramento COVID presente nello Stato dei Territori del Nord, Howard Springs. In questo campo vengono sequestrati anche le persone venute a contatto con un positivo, anche vaccinati.

 

L’Australia segna la via, il mondo sta seguendo. Campi del genere sarebbero in costruzione in varie parti del mondo, dagli USA (dove l’idea è presente in documenti ufficiali dell’ente di controllo epidemico CDC) alla Germania al Canada alla Nuova Zelanda.

 

Uno sconvolgente sondaggio effettuato negli Stati Uniti questo mese ha rilevato che metà degli elettori del Partito Democratico americano vorrebbe i lager per i non vaccinati.

 

L’idea di costruire campi di concentramento COVID è oramai così digerita («overtonizzata», vorremmo dire) che un giornale scozzese un mese fa ha chiesto ai suoi lettori se secondo loro l’esempio australiano sia da seguire anche da loro.

 

 

 

 

Epidemie

La ONG che operava al laboratorio di Wuhan ha appena ricevuto 3 milioni di dollari dal ministero della Difesa USA

Pubblicato

il

Da

Poche settimane fa il Dipartimento della Difesa (DoD) ha assegnato una sovvenzione di 3 milioni di dollari a EcoHealth Alliance, l’ONG con sede a New York che è stata utilizzata per incanalare milioni del contribuente statunitense verso l’Istituto di Virologia di Wuhan, dove si lavorava per rendere più contagiosi e trasmissibili per gli esseri umani i coronavirus dei pipistrelli utilizzando tecniche di manipolazione genetica Gain of Function. Lo riporta il sito americano Just The News.

 

 

La sovvenzione è stata assegnata come parte di un programma del ministero della Difesa americano relativo al contrasto alle armi di distruzione di massa, come notato dal celebre virologo dell’Università Rutgers Richard H. Ebright.

 

 

Quest’ultima sovvenzione del DoD è ufficialmente pensata per «ridurre la minaccia di spillover virale dalla fauna selvatica nelle Filippine».

 

Nel 2014, l’amministrazione Obama ha temporaneamente sospeso i finanziamenti federali per la ricerca sul guadagno di funzione nella manipolazione del COVID dei pipistrelli per renderli più trasmissibili agli esseri umani. Quattro mesi prima di tale decisione, il NIH (l’ente sanitario pubblico USA) ha effettivamente spostato questa ricerca dall’Istituto di Virologia di Wuhan a EcoHealth Alliance, l’ONG scientifica guidata dall’inglese di origini ucraine Peter Daszak.

 

In particolare, L’Istituto di Virologia di Wuhano «ha partecipato apertamente alla ricerca sul guadagno di funzione in collaborazione con università e istituzioni statunitensi» per anni sotto la guida del Dr. Shi Zhengli, detta «Batwoman», il Washington Post.

 

Una volta scoppiata l’epidemia di SARS-CoV-2 nella stessa città in cui gli esperimenti sino-americani stavano manipolando il coronavirus del chirottero, la prestigiosa rivista scientifica The Lancet aveva pubblicato una tirata di Daszak firmata da oltre due dozzine di scienziati, che insisteva sul fatto che il virus potesse provenire solo da uno spillover tra specie, quindi fosse un evento naturale, e che quindi provenisse probabilmente dal locale mercato degli animali vivi, e che gli scienziati  dovevano «unirsi per condannare fermamente le teorie del complotto che suggeriscono che il COVID-19 non ha un’origine naturale».

 

Solo in seguito Lancet avrebbe notato i conflitti di interesse di Daszak.

 

Nel frattempo, come abbiamo notato alla fine dell’anno scorso, un rapporto provvisorio del Comitato del Senato USA per l’educazione sanitaria, il lavoro e le pensioni del 27 ottobre 2022 intitolato «An Analysis of the Origins of the COVID-19 Pandemic» concludeva che le origini di Covid erano più probabilmente basate su un laboratorio come parte di un «incidente correlato alla ricerca». Il virus quindi non aveva origine zoonotica, cioè non proveniva dalla fauna.

 

Il rapporto è stato il risultato di uno «sforzo di supervisione del Comitato bipartisan per la salute, l’istruzione, il lavoro e le pensioni (HELP) sulle origini della SARS-CoV-2». Forniva una lunga analisi che passa in rassegna «informazioni open source disponibili al pubblico per esaminare le due teorie prevalenti sull’origine del virus SARS-CoV-2».

 

Tra le altre conclusioni, il rapporto osservava: «prove sostanziali suggeriscono che la pandemia di COVID-19 sia stata il risultato di un incidente correlato alla ricerca associato a un laboratorio a Wuhan, in Cina», afferma il rapporto.

 

In una sezione intitolata «Problemi con l’ipotesi zoonotica naturale», il rapporto affermava:

 

«Sulla base del precedente e della genomica, lo scenario più probabile per un’origine zoonotica della pandemia di COVID-19 è che SARS-CoV-2 abbia attraversato la barriera delle specie da un ospite intermedio all’uomo. Tuttavia, le prove disponibili sono anche coerenti, forse di più, con uno spillover diretto da pipistrello a umano. Entrambi gli scenari rimangono plausibili e, in assenza di ulteriori informazioni, dovrebbero essere considerati ipotesi ugualmente valide».

 

«Tuttavia, quasi tre anni dopo l’inizio della pandemia di COVID-19, mancano prove critiche che dimostrerebbero che l’emergenza di SARS-CoV-2 e la conseguente pandemia di COVID-19 sono state causate da uno spillover zoonotico naturale».

 

«Tali lacune includono l’incapacità di identificare il serbatoio dell’ospite originale, l’incapacità di identificare una specie ospite intermedia candidata e la mancanza di prove sierologiche o epidemiologiche che mostrino la trasmissione dagli animali all’uomo, tra le altre descritte in questo rapporto», afferma il rapporto.

 

«A causa di queste lacune probatorie, è difficile trattare la teoria dello spillover zoonotico naturale come la presunta origine della pandemia di COVID-19».

 

Quindi, nella conclusione del rapporto, afferma:

 

«Sulla base dell’analisi delle informazioni pubblicamente disponibili, sembra ragionevole concludere che la pandemia di COVID-19 sia stata, molto probabilmente, il risultato di un incidente correlato alla ricerca. Nuove informazioni, rese pubblicamente disponibili e verificabili in modo indipendente, potrebbero modificare questa valutazione. Tuttavia, l’ipotesi di un’origine zoonotica naturale non merita più il beneficio del dubbio, né la presunzione di esattezza».

 

Il rapporto è stato firmato dal senatore Richard Burr della Commissione del Senato degli Stati Uniti per la salute, l’istruzione, il lavoro e le pensioni.

 

Come riportato da Renovatio 21, il capo di EcoHealth Alliance Peter Daszak fu bizzarramente anche nel team di ricerca dell’OMS che visitò la Cina nel 2020 allo scopo di capire di più sulle origini del coronavirus. Alla squadra internazionale fu permesso di entrare in territorio cinese solo dopo un lungo braccio di ferro sui nomi dei ricercatori: il nome di Daszak, con immane conflitto di interesse alle spalle, parrebbe essere stato gradito alla Cina. Il team visitò anche l’Istituto di Virologia di Wuhano, dove il Daszakko aveva già lavorato con la dottoressa Batwoman, ma stette circa tre ore, e basta.

 

Mesi dopo il capo degli investigatori OMS ammise sostanzialmente che la Cina aveva ordinato cosa scrivere nel rapporto.

 

È emerso in seguito che i programmi di manipolazione genetica dei patogeni di Wuhan avevano chiesto milioni di dollari anche alla DARPA, ente di ricerca e Sviluppo del Pentagono, che declinò la richiesta.

 

Sulla possibilità che il virus possa essere un’arma biologica facente parte di un’ampia storia di armamento biologico della Repubblica Popolare Cinese, vi sono varie opinioni, anche piuttosto estreme.

 

Come ha avuto da dire recentemente Elon Musk riguardo al caso di Fauci, la tecnologia Gain of Function «dovrebbe essere chiamata ricerca sulle armi biologiche, poiché la sua funzione è la morte».

 

 

Continua a leggere

Epidemie

Esenzioni per la mascherina, 2 anni di carcere a dottoressa tedesca

Pubblicato

il

Da

Una dottoressa di Berlino, in Germania, è stata condannata a due anni di carcere per aver firmato illegalmente oltre 4.000 esenzioni per le mascherine durante la pandemia di COVID-19. Lo riporta Summit News.

 

Oltre alla pena detentiva, un tribunale regionale nella città di Weinheim (land del Baden-Württemberg) ha inflitto al medico un divieto di lavoro di tre anni e una multa di 28.000 euro, l’importo che ha ricevuto per il rilascio dei certificati. La sua assistente d’ufficio è stata multata per 2.700 euro.

 

Secondo il tribunale, la dottoressa è stata condannata per «rilascio di certificati sanitari errati» a persone in tutta la Germania, la maggior parte delle quali non aveva mai incontrato o esaminato.

 

«Il processo ricorda più una vendita di certificati che una procedura medica», ha affermato la corte in una dichiarazione, aggiungendo che non è stata incolpata per aver fornito certificati ai suoi pazienti esistenti.

 

Secondo ABC News, «durante il processo l’imputato aveva sostenuto che indossare mascherine fosse dannoso per la salute delle persone. L’avvocato del medico intende impugnare il verdetto, ha riferito l’emittente pubblica SWR».

 

Decine di sostenitori della dottoressa si sono riuniti davanti al tribunale di Weinheim, a nord di Heidelberg, per protestare contro il verdetto e le restrizioni pandemiche imposte in Germania.

 

La Germania ha terminato l’anno scorso l’obbligo di mascherina negli ambienti interni, sebbene esso sia ancora in vigore sui treni a lunga percorrenza, negli studi medici, negli ospedali, nelle case di cura e in alcuni trasporti pubblici regionali.

 

La Germania nel biennio pandemico è stata uno dei teatri della repressione più feroce contro chi protestava contro le restrizioni pandemiche.

 

Dopo le brutalità di Berlino dell’estate 2020, le violenze della repressione si sono riaffacciate anche alle manifestazioni in tutto il 2021 e nei primi mesi del 2022.

 

La violenza fu tale che del caso si interessò il relatore ONU per la tortura, Nils Melzer. «Le autorità considerano il proprio popolo come un nemico» commentò mestamente l’esperto in abusi politici.

 

La Polizei germanica produsse scene di repressione notevoli anche fuori dalle manifestazioni, con arresti di anziane signore senza mascherina e raid in casa di dottori dissidenti, come nel caso del dottor Andreas Noack, deceduto poi a fine 2021 scatenando spirali di teorie del complotto fortunatamente neutralizzate dai fact-checkers.

 

E non parliamo solo di azioni di repressione fisica: indimenticabile è stata la scena del poliziotto che dice al manifestante «Sie haben jegliche Menschlichkeit verloren», cioè «Lei ha perso ogni umanità».

 

Come riportato da Renovatio 21, il giornale tedesco Die Welt ha rivelato, citando fonti interne al potere berlinese, che il governo era seriamente preoccupato per la quantità di persone, tutte determinatissime, che si vedevano alle manifestazioni.

 

Mentre Berlino prepara hub di riscaldamento per sfollati interni privi di termosifoni funzionanti causa costo del gas, cinque mesi fa è emerso che il governo tedesco si apprestava a criminalizzare proteste anti-inflazione non ancora avvenute.

 

 

 

Continua a leggere

Epidemie

I vaccini COVID potrebbero alimentare nuove varianti: editoriale del Wall Street Journal

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 traduce questo articolo per gentile concessione di Children’s Health Defense. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

 

L’autore di un editoriale pubblicato questa settimana sul Wall Street Journal ha suggerito che i vaccini COVID-19 potrebbero alimentare nuove varianti, una teoria ipotizzata già nell’agosto 2021 dal vaccinologo Geert Vanden Bossche.

 

 

 

Mentre scienziati e media mainstream hanno lanciato l’allarme questa settimana su una nuova variante COVID-19 che si sta diffondendo nel nord-est, l’autore di un editoriale sul Wall Street Journal (WSJ) ha suggerito che i vaccini COVID-19 potrebbero alimentare nuove varianti.

 

Nel suo pezzo di opinione del 1° gennaio, Allysia Finley – un membro del comitato editoriale del WSJ – ha citato una nuova ricerca che suggerisce che il virus sembra evolversi in modi che «sfuggono all’immunità».

 

La Finley ha anche indicato una ricerca che mostra che le persone che hanno fatto i richiami COVID-19 sono più suscettibili alle infezioni rispetto alle persone che hanno ricevuto la serie primaria ma non sono state potenziate.

 

Nel frattempo, i funzionari della sanità pubblica e gli scienziati continuano a chiedere la vaccinazione di massa globale contro il COVID-19.

 

Da quando la variante COVID-19 Omicron è emersa nel novembre 2021, i suoi discendenti sono stati predominanti. L’ultima variante di Omicron, XBB.1.5, si è evoluta dalla variante XBB, a sua volta una fusione di due sottovarianti di Omicron, trovata in almeno 70 paesi.

 

Non ci sono prove che l’XBB sia più letale di altre sottovarianti di Omicron, ma diversi studi recenti hanno indicato che è più trasmissibile ed elude la protezione offerta dai vaccini esistenti e dai trattamenti con anticorpi monoclonali.

 

XBB.1.5 ha una mutazione chiave nota come F486P , che secondo il Bloom Lab, è legata alla fuga dell’immunità perché cambia la parte del virus presa di mira dagli anticorpi della vaccinazione o dell’infezione precedente. Il ceppo precedente XBB aveva la stessa capacità di eludere gli anticorpi.

 

La nuova mutazione in XBB.1.5 consente inoltre al virus di legarsi più strettamente alle cellule umane attraverso il recettore ACE2, le porte che il virus utilizza per entrare nelle cellule umane, rendendolo più trasmissibile.

 

La sottovariante XBB.1.5, rilevata per la prima volta a New York e nel Connecticut alla fine di ottobre, sembra essersi sviluppata negli Stati Uniti.

 

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) hanno stimato che XBB.1.5 è quasi raddoppiato in proporzione alle altre varianti ogni settimana a dicembre. Ora rappresenta circa il 40% delle nuove infezioni da COVID-19 negli Stati Uniti e il 75% delle nuove infezioni nel nord-est secondo il COVID Data Tracker del CDC.

 

 

Il WSJ chiede: i vaccini stanno alimentando nuove varianti COVID?

Nel suo editoriale, Finley ha delineato diversi studi recenti su come il virus COVID -19 si evolve per eludere l’immunità, portandola a chiedersi se i vaccini siano responsabili dell’evoluzione di nuove varianti.

 

Finley ha citato uno studio pubblicato su Nature a dicembre che mostra che l’evoluzione di Omicron ha portato alla comparsa rapida e simultanea di molte varianti che sono più trasmissibili e hanno maggiori probabilità rispetto alle precedenti sottovarianti di eludere gli anticorpi prodotti dai vaccini e dai trattamenti con anticorpi monoclonali.

 

Lo studio ha ipotizzato che l’ imprinting immunitario – che si verifica quando l’esposizione iniziale a un vaccino o a un virus limita la futura risposta immunitaria di una persona contro le varianti di quel virus – potrebbe guidare l’evoluzione virale.

 

I primi vaccini COVID-19 hanno focalizzato la risposta del sistema immunitario sulla proteina spike ancestrale. I vaccini bivalenti che prendono di mira le proteine ​​​​spike ancestrale e Omicron BA.5 spingono il sistema immunitario a produrre anticorpi che prendono di mira le regioni virali che i due ceppi hanno in comune.

 

Secondo lo studio, le nuove sottovarianti XBB si sono evolute per eludere gli anticorpi indotti dai vaccini originali e bivalenti e dalle infezioni rivoluzionarie. I ricercatori hanno concluso che «l’attuale immunità di gregge e i richiami del vaccino BA.5 potrebbero non prevenire in modo efficiente l’infezione delle varianti convergenti di Omicron».

 

Finley ha anche citato uno studio pubblicato il mese scorso sul New England Journal of Medicine che ha anche fornito prove di vulnerabilità da imprinting immunitario. I ricercatori hanno studiato le risposte anticorpali neutralizzanti contro le varianti di Omicron, incluso l’XBB, tra le persone con booster monovalenti e bivalenti.

 

Gli anticorpi neutralizzanti tra tutti i soggetti della ricerca erano i più bassi rispetto alla sottovariante XBB. Gli anticorpi neutralizzanti di coloro che avevano ricevuto il booster bivalente mostravano una certa neutralizzazione contro le sottovarianti Omicron, ma erano 26 volte più alti contro la variante ancestrale originale rispetto a XBB e 4 volte più alti contro XBB rispetto a BA.5 Variante Omicron.

 

Un altro studio di prossima pubblicazione su Cell ha rilevato che le recenti sottovarianti BQ e XBB hanno dimostrato una capacità notevolmente aumentata di eludere gli anticorpi neutralizzanti, anche tra i destinatari del vaccino bivalente e le persone immunizzate che hanno avuto un’importante infezione da Omicron.

 

Lo studio ha anche scoperto che queste nuove sottovarianti sono resistenti al trattamento con anticorpi monoclonali.

 

 

Il WSJ non è il primo a suggerire che i vaccini potrebbero alimentare nuove varianti

Nell’agosto 2021, quando l’esperto di vaccini Geert Vanden Bossche, DMV, Ph.D., virologo indipendente ed esperto di vaccini, ha avvertito che i vaccini potrebbero portare a nuove varianti virali più infettive che diventano sempre più dominanti, è stato attaccato e accusato di diffondere disinformazione.

 

Nel suo articolo ampiamente diffuso , Vanden Bossche ha sostenuto che la vaccinazione di massa universale provocherebbe la propagazione dominante di mutanti di fuga altamente infettivi e neutralizzanti e gli anticorpi neutralizzanti acquisiti naturalmente – o vaccinali – non offrirebbe più alcuna protezione agli individui immunizzati.

 

 

«Ogni ulteriore aumento dei tassi di copertura vaccinale contribuirà ulteriormente a forzare il virus a resistere alla neutralizzazione degli Abs specifici per S [anticorpi]. L’aumento dell’infettività virale, combinato con l’evasione dall’immunità antivirale, si tradurrà inevitabilmente in un ulteriore tributo alla salute umana e alle vite umane» ha scritto Vanden Bossche.

 

L’ipotesi di Vanden Bossche da allora è stata parzialmente supportata da studi come quelli citati dal WSJ e da altre ricerche pubblicate nel 2021 su Scientific Reports, suggerendo che le persone vaccinate potrebbero svolgere un ruolo chiave nell’aiutare le varianti di SARS-CoV-2 a evolversi in quelle che eludono l’esistente Vaccini contro il COVID-19.

 

In un’intervista dell’anno scorso con Robert F. Kennedy, Jr., su «RFK Jr. The Defender Podcast», il Vanden Bossche ha dichiarato:

 

«Se non riesci a fermare l’infezione del virus e la trasmissione del virus, tutto ciò che farai è fornire varianti in grado di superare questa pressione immunitaria: darai loro un vantaggio competitivo. E mentre la trasmissione continua, queste varianti si arricchiranno solo nella popolazione, fino al punto in cui diventeranno dominanti».

 

Kennedy, presidente della Children’s Health Defense e capo consulente legale, ha risposto: «Quello che stiamo facendo è creare un serbatoio che produce costantemente quelle che chiamiamo varianti di fuga. In altre parole, varianti progettate sotto pressione evolutiva. Vengono allevati in modo selettivo per sfuggire agli impatti del vaccino e ognuno ora diventerà dominante nella popolazione».

 

Nonostante questo pericolo, Vanden Bossche si è detto cautamente ottimista poiché vede l’immunità naturale avere successo contro i nuovi ceppi virali, nonostante l’inefficacia dei vaccini.

 

«La popolazione sta ora riguadagnando la funzionalità del suo sistema immunitario innato, che sappiamo essere protettivo contro il coronavirus», ha affermato.

 

 

Nuovi studi suggeriscono che vaccinati e potenziati possono essere più suscettibili alle infezioni

Diversi nuovi studi indicano anche che le persone che sono state vaccinate e potenziate potrebbero avere maggiori probabilità di essere infettate da COVID-19 rispetto alle loro controparti non vaccinate.

 

Uno studio preliminare della Cleveland Clinic , citato anche nell’editoriale del WSJ, ha studiato circa 50.000 operatori sanitari nel sistema sanitario della Cleveland Clinic per valutare l’efficacia dei booster bivalenti.

 

Lo studio ha rilevato che i booster bivalenti offrivano una protezione moderata (30%) contro le infezioni mentre la variante BA.5 si stava diffondendo.

 

Ha anche scoperto che i lavoratori che hanno ricevuto più dosi di vaccini avevano un rischio maggiore di ammalarsi: quelli che hanno ricevuto tre dosi avevano una probabilità 3,4 volte maggiore di essere infettati rispetto ai non vaccinati e quelli che hanno ricevuto due dosi avevano una probabilità 2,6 volte maggiore di essere infettati.

 

«Questo non è l’unico studio a trovare una possibile associazione con più dosi di vaccino precedenti e un rischio più elevato di COVID-19», hanno osservato gli autori, citando altri studi con risultati simili.

 

 

«Abbiamo ancora molto da imparare sulla protezione dalla vaccinazione COVID-19 e, oltre all’efficacia di un vaccino, è importante esaminare se più dosi di vaccino somministrate nel tempo potrebbero non avere l’effetto benefico che si presume generalmente».

 

L’ex giornalista del New York Times Alex Berenson ha riferito di un altro studio pubblicato il 14 dicembre 2022 sull’American Journal of Public Health che ha confrontato le persone vaccinate con quelle che erano state precedentemente infettate nel 2021 e all’inizio del 2022.

 

Utilizzando un database dello stato dell’Indiana, gli autori hanno scoperto che le persone che erano state vaccinate contro il COVID-19 avevano più del doppio delle probabilità di essere infettate rispetto a quelle che avevano avuto una precedente infezione da COVID-19. I ricercatori hanno scoperto che circa 1 persona vaccinata su 15 era infetta, rispetto a 1 persona su 33 che aveva avuto una precedente infezione.

 

«I risultati dello studio sono peggiori di quanto sembrino a prima vista, perché i ricercatori hanno iniziato a contare 30 giorni dopo che un destinatario del vaccino ha ricevuto la prima dose», ha scritto Berenson, «escludendo così il periodo immediatamente successivo alla prima dose in cui molte persone appena vaccinate si infettano».

 

Un’indagine di Epoch Times ha rivelato che in molti Stati, le persone negli Stati Uniti che hanno ricevuto i richiami di COVID-19 hanno maggiori probabilità di essere infettate, ricevere cure ospedaliere e morire rispetto a quelle che hanno ricevuto solo una serie primaria.

 

Epoch Times ha esaminato i dati pubblicamente disponibili e le richieste di registri pubblici dal 2022 per 19 stati. Il principale limite dello studio, ha riconosciuto Epoch Times, era che i dati non erano stati aggiustati per l’età e altre variabili importanti, il che poteva influenzare i risultati.

 

Nonostante questa limitazione, «è inattaccabile che una frazione molto ampia di [persone] altamente vaccinate sia tra coloro che vengono ricoverati in ospedale o muoiono», ha detto a Epoch Times il dottor Robert Malone, pioniere ed esperto di vaccini e terapie a mRNA e DNA.

 

«Quindi, come minimo, l’efficacia nel prevenire il ricovero in ospedale o la morte non sembra essere allineata con la posizione politica ufficiale».

 

 

È improbabile che la variante XBB.1.5 provochi una nuova ondata di infezioni

Nonostante la crescita proporzionale di XBB.1.5, gli esperti affermano che qualsiasi aumento complessivo dei casi di COVID-19 potrebbe essere attribuibile solo alle fluttuazioni stagionali e rimane incerto, o improbabile, che XBB.1.5 guiderà una nuova ondata.

 

Se la nuova sottovariante «porterà a un aumento del numero assoluto di casi non è ancora certo», ha ammonito Jesse Bloom , Ph.D., biologo evoluzionista presso il Fred Hutchinson Cancer Center, in un thread su Twitter che spiega la nuova variante.

 

«In generale i coronavirus umani (e altri virus respiratori) aumentano in inverno», ha aggiunto.

 

Andrew Pekosz, professore alla Johns Hopkins Bloomberg School of Public Health che studia la replicazione virale, ha dichiarato alla CNN: «La maggior parte dei funzionari della sanità pubblica si sarebbe aspettata un aumento dei casi di COVID-19, anche prima che sapessimo dell’XBB.1.5».

 

«Quindi se gli aumenti dei casi di Covid che si stanno verificando durante le vacanze si verificano a causa delle interazioni sociali che le persone hanno avuto o se sono specificamente correlati a XBB.1.5 è ancora qualcosa che non è chiaro. Entrambe queste cose stanno probabilmente contribuendo», ha aggiunto.

 

Ravi Gupta, professore di microbiologia clinica presso l’Università di Cambridge, ha dichiarato al Guardian: «[XBB.1.5] potrebbe determinare un aumento dei casi, ma non sono convinto che ciò causerà necessariamente un’ondata esplosiva di infezioni».

 

«Non credo che ci sia motivo di farsi prendere dal panico», ha aggiunto Gupta. «La cosa principale di cui ci preoccupiamo è la gravità della malattia e non ci sono prove che sia più grave».

 

 

Lo Staff di The Defender

 

 

 

© 4 gennaio 2023, Children’s Health Defense, Inc. Questo articolo è riprodotto e distribuito con il permesso di Children’s Health Defense, Inc. Vuoi saperne di più dalla Difesa della salute dei bambini? Iscriviti per ricevere gratuitamente notizie e aggiornamenti da Robert F. Kennedy, Jr. e la Difesa della salute dei bambini. La tua donazione ci aiuterà a supportare gli sforzi di CHD.

 

 

Renovatio 21 offre questa traduzione per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

 

 

Continua a leggere

Più popolari