Connettiti con Renovato 21

Geopolitica

Numeri del suicidio energetico UE

Pubblicato

il

Il presidente russo Putin ha recentemente definito la politica energetica europea come «suicida». La definizione putiniana, come spesso accade, è piuttosto accurata.

 

Per comprenderlo, è sufficiente guardare a come stanno reagendo i governi UE ai recenti tagli alle forniture del colosso del gas russo Gazprom, fino a ieri stabile e credibile fornitore dell’energia del Vecchio Continente.

 

I due Paesi più colpiti dai tagli del gas sono Germania e Italia, che importano rispettivamente 42,6 e 29,2 milioni di metri cubi.

 

Gazprom ha ridotto del 60% i flussi di gas attraverso il Nord Stream 1 verso la Germania e del 50% i flussi verso l’Italia.

 

La narrativa comune di Berlino e Roma è che i tagli non stanno mettendo in pericolo l’approvvigionamento energetico nazionale, perché attualmente le forniture stanno superando la domanda; ovviamente, le forniture ridotte ora stanno impedendo un rifornimento di scorte, compromettendo così l’approvvigionamento nazionale il prossimo inverno – stagione in preparazione della quale il governo polacco ha chiesto ai suoi cittadini di andare in giro per i boschi a raccoglier legna.

 

Secondo un’analisi del gruppo globale di ricerca e consulenza Wood Mackenzie, citatoaquesta settimana da Bloomberg, se le forniture attraverso il Nord Stream 1 si fermassero completamente, l’UE rischia di rimanere senza riserve per il periodo di picco della domanda a metà del prossimo inverno.

 

Tuttavia, bisogna prendere atto che non si tratta solo del prossimo inverno: la narrativa governativa per cui tutto va bene non regge più.

 

È il caso dei blackout a Milano e Torino.

 

Nonostante la retorica contraria dell’UE, le nazioni dell’UE, fornendo armi al governo ucraino, divengono automaticamente cobelligeranti, ossia nemiche della Russia.

 

Lo stesso primo ministro italiano Mario Draghi lo ha ammesso nelle sue osservazioni a Kiev il 16 giugno. «Siamo qui per aiutare l’Ucraina nella guerra», ha dichiarato l’ex capo BCE. Non stupisce, quindi, che ora si possa aver qualche problema con il fornitore russo.

 

Di fatto, l’ostinazione di Draghi e compagnia non è diversa da quella, ogni giorno più suicida, di Zelens’kyj, che non accetta di negoziare sulla pelle della Nazione, dei cittadini, delle famiglie, del futuro di milioni di esseri umani.

 

Al contrario, Roma e Berlino, come seguendo un copione comune (scritto a Bruxelles? a Washington? A Langley? A Davos?), stanno pianificando tagli energetici alle imprese e ulteriori riduzioni della libertà per le famiglie.

 

Secondo un documento interno di cinque pagine del ministero dell’Economia tedesco, pubblicato da Deutsche Presse-Agentur, il governo tedesco prevede i seguenti passaggi:

 

1) un credito di 15 miliardi di euro dalla banca statale Kreditanstalt für Wiederaufbau al Trading Hub Europe per acquistare gas a prezzi attuali costosi esclusivamente per il rifornimento delle scorte;

 

2) una compensazione per le aziende che tagliano la produzione per risparmiare gas che va a rifornire le scorte;

 

3) la riattivazione di tutte le centrali a carbone.

 

Non si sa cosa possa accadere in merito alle tre centrali nucleari tedesche rimaste in funzione dopo il passaggio del governo tedesco dal nucleare, la cui chiusura è prevista per la fine di quest’anno.

 

Come riportato da Renovatio 21, Berlino, contro la volontà delle sue aziende, sta tagliando le importazioni dalla Russia non solo per il gas ma anche per il carbone.

 

Il taglio del costo benzina voluto dal governo tedesco in questi giorni si è rivelato totalmente inutile a causa dell’aumento del prezzo del petrolio.

 

In Italia il ministro della Transizione Verde Roberto Cingolani sta preparando misure simili:

 

1) tagli ai produttori, inizialmente su «invito» del provider nazionale Snam;

 

2) pieno utilizzo delle sei centrali a carbone disponibili;

 

3) abbassamento di 1-2°C della temperatura per il riscaldamento di abitazioni e uffici pubblici, con prescrizioni per le fasce orarie in cui è possibile accendere il riscaldamento;

 

4) riduzione dell’illuminazione pubblica dei centri abitati e delle strade.

 

Inoltre, potrebbero essere contemplate misure simili a quelle introdotte durante lo shock petrolifero del 1973, ad esempio domeniche senz’auto, etc.

 

Come riportato da Renovatio 21, in Germania sono gli stessi membri del governo a insistere su possibili disordini sociali nel prossimo autunno ed inverno, che, secondo il ricercatore tedesco Andreas Zick, potrebbero essere «enormi».

 

In pratica, si potrebbe preparare un collasso sistemico nei due più Paesi più popolosi e industrializzati della UE – con un contagio verso la Francia, pur messa meglio in fatto di energia grazie al nucleare – più che possibile, e lo ammettono gli stessi ministri francesi.

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

La Polonia proclama che il Mar Baltico sarà un lago della NATO

Pubblicato

il

Da

A Varsavia, il primo ministro Mateusz Morawiecki ha parlato dei risultati del vertice della NATO a Madrid, ha riferito l’agenzia di stampa polacca PAP.

 

«In primo luogo, c’è un aumento significativo della presenza di truppe statunitensi in Polonia con il posizionamento del comando principale del V Corpo dell’esercito americano», ha affermato.

 

Il Morawiecki ha aggiunto che, al momento, ci sarebbero circa 10.000 soldati statunitensi di stanza in Polonia. Come noto, le esercitazioni NATO nel Paese si sono ripetute anche ultimamente.

 

«E in secondo luogo, c’è l’invito a Finlandia e Svezia ad aderire all’Alleanza», ha detto il premier di Varsavia, elogiando lo sforzo diplomatico della Polonia per convincere la Turchia a porre fine alla sua opposizione.

 

«Questa è una decisione storica in quanto il Mar Baltico diventerà, di fatto, un mare interno della NATO», ha dichiarato il polacco, dichiarando che l’adesione finlandese e svedese alla NATO  «aumenterà anche il potenziale militare dell’Alleanza in quanto paesi tecnologicamente avanzati per i quali la difesa è un fattore importante”».

 

«Trasformare il Mar Baltico in “un mare interno della NATO”, come la strategia geopolitica britannica di circondare la Germania con nemici alleatisi contro di essa prima del 1914, sembra più probabile che crei le condizioni per la guerra piuttosto che essere il “deterrente” che i partigiani della NATO immagina che sia» commenta EIRN.

 

Bizzarri polacchi: con ogni probabilità, otterranno da questa guerra territori anticamente ascrivibili alla Polonia: Leopoli, Ternopili, Rivne… Eppure, la russofobia dei vertici non cala nemmeno per un secondo.

 

Come riportato da Renovatio 21, l’eurodeputato ed ex ministro degli Esteri di Varsavia Radoslav Sikorski ha dichiarato recentemente «l’Occidente ha il diritto di dare all’Ucraina testate nucleari in modo che possa proteggere la sua indipendenza». Sikorski, ricordiamo, nel 2014 in teoria trattava per la UE a Kiev… Sì, siamo messi così, e lo siamo da anni e anni.

 

Ricordiamo inoltre la notevole combo bigusto di Morawiecki sul britannico Telegraph, quando ha scritto che il presidente russo Putin è peggio di Hitler e Stalin.

 

Un militare polacco ha fatto poi sapere di desiderare la conquista di Kaliningrad, l’énclave russa sul Baltico. Questo malgrado Kaliningrad non sia mai stata polacca, ma al massimo tedesca: è la Koenigsberg di Immanuel Kant, come noto lettura preferita del Battaglione Azov, che magari Varsavia vuol far villeggiare laggiù.

 

Come non rammentare, infine, la grande saggezza primitiva del governo polacco, che ha chiesto i suoi cittadini di andare a raccogliere i rami secchi nei boschi per scaldarsi questo inverno: tutto per far un dispetto a Putin, ovviamente.

 

Come era quella storia del tizio che si evira per fare un dispetto alla moglie?

 

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Lavrov e la barzelletta della NATO «alleanza difensiva»

Pubblicato

il

Da

Il ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov, durante un evento con gli studenti dell’Università statale bielorussa, ha ridicolizzato le affermazioni della NATO secondo cui si tratta di un’alleanza strettamente difensiva.

 

Nel suo discorso di apertura agli studenti, che sono pubblicati sul sito web del Ministero degli Esteri, ha detto loro:

 

«Recentemente, un funzionario della Casa Bianca ha affermato ancora una volta che né la Russia né nessun altro, del resto, dovrebbe essere preoccupato per la NATO perché è solo un’organizzazione difensiva. Questo è ridicolo. Gli adulti dovrebbero vergognarsi di dire sciocchezze come questa».

 

«All’epoca del Trattato di Varsavia, era chiaro da chi si stava difendendo la NATO. Lo stesso valeva per l’organizzazione del Trattato di Varsavia, che si difendeva dalla NATO. Una linea netta è stata tracciata tra questi due blocchi militari e politici. Né il Trattato di Varsavia né l’Unione Sovietica esistono più, ma l’espansione verso est della NATO è già avvenuta cinque volte» ha dichiarato il ministro russo.

 

«Se in tutto questo periodo recente, come credono e dicono, erano un’organizzazione difensiva, da chi si difendevano? Se avanzi, ti espandi in nuovi territori, dispieghi lì le tue forze armate e le tue infrastrutture militari, questa non è difesa, è il contrario».

 

Si tratta di un’ulteriore attacca al concetto della NATO in poche ore: a denunciare duramente la strategia del Patto Atlantico era stato poco prima a Pechino il portavoce del ministero degli Esteri cinese Zhao Lijian.

 

Come oramai noto, il Lavrov di questi tempi non le manda a dire. Una settimana fa ha detto che gli «anglosassoni» non permetteranno all’Ucraina di negoziare la pace.

 

Il ministro aveva altresì fatto esternazioni contro l’isteria europea verso una sua visita in Serbia., subito dopo di aver accusato la Francia e l’Europa di «neocolonialismo» in Africa e accusato l’Occidente di «pirateria di Stato».

 

Lavrov ha avuto modo di spiegare il suo attuale pensiero geopolitico, secondo cui l’Operazione Z serve a porre fine al dominio totale USA, fungendo da argine contro la cosiddetta dottrina Brzezinski, dichiarando che le sanzioni riguardano l’Ordine mondiale e non l’Ucraina. Il ministro, decano della diplomazia mondiale, si è chiesto pubblicamente tre mesi fa se, tra sanzioni e principio di de-dollarizzazione mondiale, i diplomatici americani hanno perso la testa.

 

A inizio conflitto, Lavrov non aveva nascosto che una Terza Guerra Mondiale potrebbe essere «nucleare» e altamente «distruttiva».

 

In Italia Lavrov è da ricordare per le immortali parole nei confronti del ministro degli Esteri di Roma Luigi Di Maio.

 

«La diplomazia è stata inventata solo per risolvere situazioni di conflitto e alleviare la tensione, e non per viaggi vuoti in giro per i Paesi ad assaggiare piatti esotici ai ricevimenti di gala».

 

Come noto, il ragazzo di Pomigliano d’Arco attualmente alla Farnesina non la prese bene, arrivando ad insultare in diretta TV il presidente russo.

 

 

 

 

 

Immagine di President of Russia pubblicata su licenza Creative Commons Attribution 4.0 International (CC BY 4.0), immagine tagliata.

 

 

 

Continua a leggere

Geopolitica

Mar Cinese meridionale: scontro verbale tra Taipei e Manila sull’atollo di Itu Aba

Pubblicato

il

Da

Renovatio 21 pubblica questo articolo su gentile concessione di Asianews. Le opinioni degli articoli pubblicati non coincidono necessariamente con quelle di Renovatio 21.

 

 

Posizionato nelle isole Spratly, è rivendicato da entrambi i Paesi. La scintilla è stata un’esercitazione militare di Taipei al largo dell’affioramento, che è controllato dalla Guardia costiera taiwanese. Tra gli Stati della regione, non è solo la Cina ad aver occupato territori contesi.

 

 

Taiwan e Manila si scontrano verbalmente riguardo alla sovranità sull’atollo di Itu Aba, parte dell’arcipelago delle Spratly, nel Mar Cinese meridionale, teatro di dispute territoriali tra diversi Stati della regione e che la Cina rivendica per quasi il 90%.

 

Oggi il ministero taiwanese degli Esteri ha dichiarato che le forze navali nazionali hanno il diritto di compiere esercitazioni al largo dell’isola, che il governo di Taipei chiama Taiping e considera come propria. Ieri Manila aveva espresso «forti obiezioni» a quelle che ha definito manovre militari «illegali» nel territorio filippino di Ligaw Island.

 

L’isolotto è conteso dalle due parti, ma è sotto controllo di Taipei, che vi ha stanziato una guarnigione della Guardia costiera.

 

Taiwan amministra anche l’isola di Pratas (o Dongsha), nella parte settentrionale del Mar Cinese meridionale. Diversi esperti ipotizzano che l’invasione cinese di Taiwan potrebbe essere preceduta da un’operazione militare per conquistare Pratas.

 

Di solito le Filippine si scontrano con la Cina sui diritti sovrani nel Mar Cinese meridionale. Manila, insieme a Vietnam, Brunei, Malaysia, Taiwan e in parte l’Indonesia, si oppone alle pretese territoriali di Pechino.

 

Ciò non ha impedito al gigante asiatico di militarizzare alcune isole e banchi coralliferi del Mar Cinese meridionale. Per contenere l’espansione della Cina, le navi da guerra degli Stati Uniti compiono regolari pattugliamenti nei pressi di questi avamposti militari.

 

Secondo i dati dell’Asia Maritime Transparency Initiative, i cinesi hanno 27 avamposti nella regione: 20 nelle isole Paracel e 7 nelle Spratly. Pechino controlla anche la secca di Scarborough, motivo di continue tensioni con le Filippine.

 

Non è solo la Cina a occupare però aree contese nel Mar Cinese meridionale.

 

Oltre ai due territori sotto controllo di Taiwan, la Malaysia si è impossessata di cinque affioramenti nelle Spratly.

 

Nello stesso arcipelago le Filippine occupano nove atolli. Il Vietnam vanta invece tra 49 e 51 avamposti sparsi in 27 isolette.

 

 

 

Invitiamo i lettori di Renovatio 21 a sostenere con una donazione AsiaNews e le sue campagne.

 

 

 

Renovatio 21 offre questo articolo per dare una informazione a 360º. Ricordiamo che non tutto ciò che viene pubblicato sul sito di Renovatio 21 corrisponde alle nostre posizioni.

Continua a leggere

Più popolari